B

B B
B(e)àt(e), agg. Beato
B(e)cch(e)rìn(e), s.m. Bicchierino
B(e)cch(e)rùcc(e), s.m. Bicchieruccio
B(e)cchìer(e), s.m. Bicchiere
B(e)f(e)còn(e), s.m. Bofficione, persona   vistosamente grassa e tarda
B(e)f(e)còn(e), s.m.  e   m(e)f(e)còn(e), s.m. Pancione,   ciccione,  trippone, grassone. –   (Probabile derivazione dal lat. Medioevale ‘baffa’  prosciutto, lardo – Vedere anche la voce :   ‘Bafùrt’ introverso)
B(e)ff(e)ttòn(e), s.m. Mostaccione,   sganascione, colpo al viso, schiaffone dato con villania, violenza e   materialità. – (Dal fr.: ‘buffe’ schiaffo, guanciata. – Dallo sp.’bufetòn’ )
B(e)ff(e)ttòn(e), s.m. Schiaffone,   mostaccione, sganascione. – (Dal fr.: ‘buffe’ schiaffo, guanciata. – Dallo   sp.’bufetòn’ )
B(e)ffètta, s.f. Tavolino, di solito   usato per mangiare. –  (fr.’Buffet’ nel   significato antico di sgabello, tavolino)
B(e)hàt(e), agg. arc. e Beàt(e), agg. e Beato, felice, lieto,   contento. – Beato te = “Abbijàta tè”
B'(e)lanzìn(e), s.m. e V(e)lanzìn(e), s.m. Bilancino, l’animale   da tiro di rinforzo, fuori delle stanghe del carro, attaccato tramite tirelle   ad un bilancino.  – Stù   mùl(e) mìtt(e)l(e) à b'(e)lanzìn(e) = questo mulo mettilo a bilancino per   tirare come rinforzo. 2. Bilancino, termine usato   per indicare una traversa di legno per attaccare le tirelle di un animale di   rinforzo fuori dalle stanghe di un carro. 3. Bilancino, piccola bilancia
B(e)lanzìn(e), s.m. o V(e)lanzìn(e), s.m. Bilancino, piccola   bilancia. 2. Bilancino, termine usato per indicare una traversa di legno per   attaccare le tirelle di un animale di rinforzo fuori dalle stanghe di un   carro. 3. L’animale da tiro così attaccato.
B(e)lè, ùt(e) e V(e)lè, ùt(e) Volere, aver bisogno,   desiderare – Tu v(e)lìss(e) e Ìj(e) v(e)rrìja, tùtt(e) e ddùi(e)   v(e)rrìemm(e), tù n’n pùoi(e) e Ìj(e) n’n pòzz(e), e tùtt(e) e ddùi(e) n'(e)   stàm(e). V(e)rrìss(e) e v(e)rrìja, mà n’n s'(e) pòt(e)!… Mmà! = Tu vorresti   ed io vorrei, tutti e due vorremmo, tu non puoi ed io non posso, ed entrambi   stiamo senza far niente. Vorresti e vorrei, ma non si può!… Mah!
B(e)llèzza, s.f. Bellezza
B(e)llòcc(e), agg. Belloccio
B(e)mb(e)cègghia, s.f. Bombetta, piccola   bomba
B(e)n(e)f(e)cià, àt(e) Beneficiare
B(e)n(e)fìcij(e), s.m. Beneficio
B(e)n(e)r(e)ziòn(e), s.f. Benedizione
B(e)n(e)rì, b(e)n(e)rìtt(e) o b(e)n(e)r(e)ciùt(e) e   B(e)n(e)rìc(e), rìtt(e) b(e)n(e)rìtt(e) o b(e)n(e)r(e)ciùt(e) Benedire
B(e)n(e)rìca! inter. e D’ t'(e) b(e)n(e)rìca! Loc. Benedica! Dio ti   benedica. Formula  di affettuoso   augurio, di cultura contadina, pronunziata contro il malocchio alla persona   alla quale tale augurio è rivolto.
B(e)n(e)rìtt(e), agg. Benedetto
B(e)n(e)v(e)lènza, s.f. Benevolenza
B'(e)n(e)v(e)lènza, s.f. Benevolenza
B(e)narìegghj(i), agg. Discretamente,   abbastanza bene
B(e)nàta, agg. Benevolo, bonaccione,   stupido, insulso. Termine usato nell’espressione: ‘A’abb(e)nàta‘ = Essere bonaccione, insulso
B(e)nì, b(e)nùt(e) e V(e)nì, ùt(e) Arrivare, venire,   giungere
B'(e)ntà, s.f. e B'(e)ndà, s.f. Bontà
B(e)nv(e)nùt(e), s.m. Benvenuto
B(e)rbànd(e), s.m. Birbante
B(e)rè, vìst(e) e V(e)rè, vìst(e) Vedere – A’ r'(e) b(e)rè, rìss(e) lù c(e)càt(e)! = A vederci, disse il   cieco! (Col significato: E’ inutile che me lo   dici, non ci credo, sono come il cieco!)
B(e)rè, vìst(e) o bìst(e) e Vèr(e), vìst(e) o v(e)rùt(e) Guardare, vedere,   adocchiare. – A’ r'(e) b(e)rè! rìss(e) lù c(e)càt(e)! = Al vederlo! Disse il   cieco! (risposta ironica al proprio interlocutore avente il significato: ‘ti   crederò come quando il cieco sarà sicuro di aver visto con i propri occhi!’)
B(e)rlòcch(e), s.m. Monile, gioiello,   ornamento prezioso (Fr.: ‘breloque‘ ciondolo)
B(e)rròcc(e), s.m. Carrozza a due ruote.   (Dal latino Birotulum = 2 ruote)
B(e)rz(e)chìegghj(i), s.m. Grassottello,   cicciottello
B(e)rz(e)còn(e), s.m. Buzzone, trippone,   grassone, persona panciuta. – Anche “V(e)ss(e)còn(e)” 
B(e)rzètta, s.f. e Borzètta, s.f. Borsetta, piccola ‘bòrza‘ borza
B(e)s(e)gnùs(e), agg. Bisognoso
B(e)sc(e)còtt(e) r'(e) pàn(e) Biscotto, ottenuto   infornando una lunga forma di pane, larga poco più di una decina di cm. per   un breve tempo, quindi tale forma di pane si taglia in spesse fette, nel   senso trasversale, ottenendo così dei grossi biscotti che riinfornati   terminano così la loro cottura.. Una volta raffreddati hanno una consistenza   molto dura, si conservano, all’asciutto, anche qualche mese. Si racconta che   già gli antichi romani li consumavano, per praticità, durante le campagne di   guerra.
B(e)sc(e)còtt(e), s.m. Biscotto, dolce. 2.   Di pane = “B(e)sc(e)còtt(e) r'(e) pàn(e)
B(e)scìja, s.f. Bugia – Pl: ‘b(e)scìj(e)
B(e)scijàrd(e), s.m. Bugiardo
B(e)stiòn(e), s.m. Bestione
B(e)sùogn(e), s.m. e Abb(e)sùogn(e), s.m. Necessità, bisogno,   occorrenza
B(e)tìrr(e), s.m. Burrino, piccola   provola o caciocavallo ripiena di burro
B(e)tt(e)gliòn(e), s.m. Bottiglione
B(e)ttìglia, s.f. Bottiglia
B(e)ttigliègghia, s.f. Bottiglietta
B(e)ttìgliègghia, s.f. Bottiglietta
B(e)ttòn(e), s.m. Bottone. Piccolo: “F(i)rmègghia”, s.f.
B(e)v(e)ròn(e), s.m. Beverone
B(e)zzèffa, loc. avv. Bizzeffe, (solo nella   locuzione ‘à b(e)zzèffa‘ = a   bizeffe = in grande quantità dall’ar.: ‘bizzaf‘ o ‘bizzef‘   )
Babb(e)lònia, s.f. e Babbilònia, s.f. Babilonia,   confusione, disordine, strepito
Babbalòn(e), agg, e Babbalùscia, agg. Babbaleo, babbeo,   fanfarone, stupido, sempliciotto che parla molto (Dalla base ‘bab(b) –   dell’italiano babbeo e allocco – derivante forse dall’arabo ‘ ala bab allah’   ‘alla grazia di Dio = sotto la porta di Dio. (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo –   UTET-2005, alla voce ‘babalùcco’))
Babbalùscia, s.m.. e Babbalòn(e), s.m. e Babbasòn(e), s.m. Stupido, babbeo,   sciocco, fanfarone, babbeo, sempliciotto che parla molto (Lat. Volg. ‘babbaeus’, ‘babbius’)
Babbasòn(e), s.m. e Babbalùscia, s.m.. e Babbalòn(e), s.m. Sciocco, stupido,   fanfarone, babbeo, sempliciotto che parla molto (Lat. Volg. ‘babbaeus’, ‘babbius’)
Babbèh(e), s.m. Babbeo, sciocco
Baccalà, s.m. e Baccalàj(i), s.m. Baccalà, merluzzo   adeguatamente preparato, seccato e salato nei paesi scandinavi e smerciato   soprattutto in quelli mediterranei. 2. Parte dorsale delle bretelle del   costume femminile antico delle calitrane avente forma simile a quella del   baccalà. – (Dal: Diz. del dialetto calitrano, di Giulio Acocella)
Bacch(e)ttòn(e), agg. e (i)Ng(e)nalòn(e), agg. Persona alta e   snella, longilineo
Baculià, àt(e), e Zuculià, àt(e) e Zuculà, àt(e) Traballare, detto di   oggetto alquanto instabile e traballante. (Baculià: dal basso lat. ‘àncla’   strumento per attingere l’acqua a movimento di altalena, da cui il Fr.:   ‘basculer’) – Ù pèr(e) ràa sèggia, baculèia! = Il piede della sedia è   instabile! 2. Scuotere, agitare, spostare. Vedere anche ‘Tuculà’ e ‘Tuculià’
Bàfa, s.f. Bava, soffio di   vento. – Vento afoso, calura, vampata di calore, ducesi:  = “ bbàfa r'(e) lù   càll(e)”. – (Dal port. ‘bafa’ – vedere anche ‘vàva’ bava)
Bàff(e), s.m. e M(e)stàzz(e), s.m. Baffo, mustaccio,   mustacchio
Baffùt(e), agg. Baffuto
Bafùrt(e), agg. Introverso,   misantropo, amante della solitudine. (Probabile derivazione da una base   onomatopeica ‘baff’ che indica qualcosa di gonfio, pingue, quindi trasformata   dal lat. Medioevale ‘bafer’  glossato   ‘grossus’ indicando ad es. nel calabrese: ‘bàfaru’ persona pingue e   rilassata; ad Augusta: ‘bbafali’ come sm. e agg.: fesso, minchione; e così
altri termini dalla stessa origi, nel meridione, hanno assunto diversi   significati) -(Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – Voci: ‘bàfaru’ e   ‘bàfe’ pag. 58))
Bagàscia, s.f. e Bahàscia, s.f. Bagàscia, sgualdrina   sciatta e volgare ( Arabo: ‘Bagasch’ serva di casa > Fr.: ‘vajàssa’ serva   ma in senso dispregiativo: meretrice)
Baggianàta, s.f. Baggianata, fesseria,   sciochezza
Bàgn(e), s.m. e Cèss(e), s.m. Bagno, cesso, latrina
Bagnà, àt(e) e Vagnà, àt(e) Bagnare, e anche   lavare: E’ia sci_ùt(e) a bagnà r(e) pècur(e) (i)ndà nù stagnòn(e) = è andato   a lavare le pecore in uno stagnone;  –   Arcaico, usato anche: “Vagnà”
Bagnà, àt(e) e Vagnà, àt(e) arc. Bagnare, termine   arcaico; E’ia csiùt(e) à vagnà r(e) pècur(e) (i)ndà nù stagnòn(e) = E’ andato   a bagnare le pecore in uno stagnone
Bagnaròla, s.f. Bagnarola, tinozza
Bagnàt(e), agg. Bagnato,   ammollato,  umido, imbevuto, intriso.
Bahàglj(i), s.m. Bagaglio
Bàit(e), s.m. Affare truffaldino,   impresa fortunata, colpo. (Dall’ingl.: ‘bait’ truffa)
Bàj(e), agg. Baio, designazione   del cavallo con mantello scuro rossastro, con estremità e crini neri.
Balb(e)ttà, àt(e), e F(e)rf(e)glià, àt(e) e Farf(e)cà, àt(e),   àt(e) e Farf(e)chijà, àt(e) Balbettare,   farfugliare, barbugliare
Baldacchìn(e), s.m. Baldacchino, pulpito
Balè, ùt(e) e Valè, ùt(e) Valere, avere   capacità, valersi, servirsi
Balìcia, s.f. arc. e Valiggia, s.f. Valigia. (Dallo sp.:   ‘balija”)
Bàll(e), s.m. Ballo
Bàll(e), s.m. e Abbàll(e), s.f. Danza, ballo
Bàlla, s.f. Balla
Ballatùr(e), s.m. Ballatoio
Bamb(e)nìegghj(i), s.m. e Bammìn(e), s.m. Bambino Gesù. 2.   Bambinello
Bàmbola, s.f. Bambola, anche:   “Pùpa” arc.
Bammìn(e), s.m. e Bamb(e)nìegghj(i), s.m. Bambino. 2. Bambino   Gesù.
Banàna, s.f. Banana, frutto del   ‘Banano’
Banàrma, s.f. e Bonàn(e)ma, s.f. Buonànima, bonànima,   defunto degno di rispetto e di ricordo affettuoso
Bànca, s.f. e Bànga, s.f. Banca – 2. Banca   cavallina, gioco per bambini. Il gioco si svolge nel modo seguente: i bambini   si dividono in due squadre o gruppi, estratti a sorte; quelli del primo   gruppo (per un massimo di 4) devono stare in fila, proni, ognuno con le mani   sulle natiche di chi lo precede, mentre il primo della fila le appoggia sulle   ginocchia di un bambino scelto come “mamma”, seduto, di fronte, con   le gambe accostate. Il primo dei bambini dell’altro gruppo, situatisi, nel   frattempo, sul retro di quelli piegati, con un forte slancio deve saltare e   mettersi a cavallo del primo di quelli proni, cioè su quello più distante che   appoggia le mani sulla ‘mamma’; il secondo deve saltare di seguito e così   tutti gli altri, con l’obbligo di non aggrapparsi a chi li sorregge. Più sono   i giocatori e più è difficile saltare lontano per far posto a quelli del   propria squadra. Quelli di sotto si agitano per far cadere gli altri di sopra   ma se qualcuno di essi non ce la fa a sostenere gli avversari e cede, a causa   loro si deve ripetere  il gioco;   intanto lo stesso capita ai ragazzi a cavalcioni: se qualcuno è sistemato a   malo modo sulla groppa degli avversari e cade, si ripete, lo stesso, il   gioco, però quelli di sopra andranno sotto e viceversa.
Bancarègghia, s.f. e Bangarègghia, s.f. e Bangarella, s.f. e   Bancarella, s.b. Bancarella
Bancarìell(e), s.m. e Bangarìell(e), s.m. Deschetto del   calzolaio, bischetto
Bànch(e), s.m. e Bàngh(e), s.m. Banco. 2. Ammasso,   termine riferito, in campo agricolo, all’ammasso di covoni – Nù bàch(e) r'(e) hrègn(e) = Un banco di covoni
Bànch(e), s.m. e Mèta, s.f. Meta, bica, ammasso   molto grande di covoni di grano od avena, o di paglia, di fieno, ecc. di   forma parallelepipeda
Bànch(e). s.m. Banco
Banchètt(e), s.m. e Banghètt(e), s.m. Banchetto, deschetto
Banchìsta, s.m. e Banghìsta, s.m. e Banchista
Bancòn(e) s.m. e Bangòn(e) s.m. Bancone
Bànda, s.f. Banda
Bandìera, s.f. e Bannèra, s.f. arc. Bandiera
Bandìsta, s.f. Bandista
Bangarìell(e), s.m. e Bancarìell(e), s.m. Bischetto del   calzolaio, deschetto
Bangarioègghj(i), s.m. Tavolinetto,   deschetto
Banghìer(e), s.m. Banchiere
Bànn(e), s.m. Bando, banno,   proclama. (Dal b. lat. ‘bannum’ editto) – Bandire = “M'(e)nà, Ù   bànn(e)”
Bànn(e), s.m. Bando, annunzio   diffuso verbalmente da un banditore
Bann(e)tòr(e), s.m. Banditore
Bànn(e)tòr(e), s.m. Banditore, persona   che una volta,annunciava proclami di interesse pubblico alla popolazione
Bànna, s.f. arc. e Vànna, s.f. Parte, lato, banda   (Gotico ‘Bandwa’) – Quigghiu sàcch(e) mìtt(e)l(e) à   quègghia bànna = Quel sacco mettilo da quella parte
Bannèra, s.f. arc. e Bandìera, s.f. Bandiera
Banòm(e), s.m. e Bonòm(e), s.m. Buonuomo
Bàr(e), s.m. Bar, caffè
Bàra, s.f. Bada. Nella locuz.   “T(e)né à bàra”   =  tenere a bada
Bàraònda, s.f. Baraonda
Barbabbìetola, s.f. Barbabietola
Barbacàn(e), s.m. Pietra, grossa pietra   da costruzione. (Dal termine  in   italiano: ‘Barbacane’, Qualsiasi opera muraria di rinforzo a costruzioni   militari ed anche altri elementi protettivi (speroni, muraglie), dando   significato alle pietre che li costituivano)
Barbatèlla, s.f. Talea o margotta di   vite che ha emesso le radici.
Barbìer(e), s.m. e Var'(e)vìer(e), s.m. arc. Barbiere
Barbìer(e), s.m. e Var'(e)vìer(e), s.m. arc. Barbiere
Bàrca, s.f. Barca
Barcòn(e), s.m. Balcone. – (Dal pers.   ‘bala-chanech’ stanza sull’alto della casa a scopo di guardia). 2. Barcone
Barcòn(e), s.m. Barcone. 2. Balcone
Barcullà, àt(e) Barcollare
Bardàsc(e)ch(e), s.m. Giovicello,   adolescente, giovane, ragazzo (Da bardassa, bardasso arc. Monello,   ragazzaccio – (dall’ar.: ‘bardag’ schiavo – fr.: ‘bardache’)  – Femm.: ‘Bardàsc(e)ca’
Bàrij(e), s.m. Bario
Bàrra, s.f. Barra. Termine usato   solo nella locuzione ‘A bàrra‘   = Colmo fino all’orlo del recipente, come sullo stesso fosse passata una   barra. Normalmente si usa: ‘Vàrra
Barràcca, s.f. Baracca, banchetto da   fiera
Barrìsta, s.m. Barista
Bàs(e), s.f. Base
Basà, àt(e) e Abbasà, àt(e) Basare, fondare,   stabilire su una base. – Abbàsal(e) bùon(e) lù   tav(e)lìn(e) s(e)nò trabbàlla. 2. Basare,   ponderare
Bàsch(e), s.m. Basco, berretto, in   genere indicante quello dei tipi usati da deerminati corpi militari. 2. Basco   usato molto fino alla fine del XX sec. nei nostri paesi, detto anche ‘Cupp(e)lin(e)‘ in genere di panno   colore blu scuro, tondo senza visiera con in cima un pippolino della stessa   stoffa.
Bascùglia, s.f. e Bàscula, s.f. Basculla o bascula,   bilancia , per pesare grandi pesi, dell’ordine di qualche quintale. –   (‘Bàscuglia’ dal fr.: ‘bascule’ e ‘Bàscula’: dallo sp.: ‘bascula’, bilancia)   – La “Pesa pubblica” per pesare autocarri chiamasi: “Bìlich(e)“)
Bàscula, s.f. e Bascùglia, s.f. Bascula o basculla,   bilancia , per pesare grandi pesi, dell’ordine di qualche quintale. –  (‘Bàscula’ dallo sp.: ‘bascula’ e   ‘Bascùglia’: dal fr.: ‘bascule’, bilancia) – La “Pesa pubblica” per   pesare autocarri chiamasi: “Bìlich(e)”) – La “Pesa   pubblica” per pesare autocarri chiamasi: “Bìlich(e)
Bast(e)nàca, s.f. Pastinaca, erba delle   Ombrellifere, simile alla carota di colore bianco giallastro
Bast(e)nàta, s.f. Bastonata, legnata,   mazzata. – Anche: “Parucculàta
Bast(e)nàta, s.f. Bastonata, mazzata
Bast(e)natùra, s.f. Bastonatura,   pestaggio
Bàsta! e Vàsta! e Abbàsta!, e Avàsta!, inter.ni Basta!, è   sufficiente!. (Imperativo dei verbi: ‘Avastà‘e ‘Abbastà‘   = Bastare)
Bastà, àt(e) e Vàstà, àt(e) Bastare, usato anche:   Abbastà; – Avàsta e sòvra =   Abbasta e supera = più che abbondante
Bastòn(e), s.m. Bastone. Bastone a   forma di clava: “Paròccula
Batòsta, s.f. e S(e)ll(e)trìna, s.f. Batosta, percossa.
Bàtt(e), ùt(e) e Vàtt(e), vattùt(e) Colpire, battere,   colpire ripetutamente con le mani o con altro arnese. 2. Trebbiare   graminacee, legumi ecc. mediante battitura
Batt(e)lamièra, s.m. arc. Carrozziere,   riparatore della carrozzeria, dei sedili, delle rifiniture di automobili,   motocicli e sim.
Batt(e)zzà, àt(e) Battezzare
Battèsim(e), s.m. Battesimo
Battèzz(e), s.m. Battesimo
Battilamìera, s.m. e Carr(e)zzìer(e), s.m. Riparatore di   automobili
Battòcchj(i), s.m. e Vattòcchj(i), s.m. Battaglio della   campana, batocchio,
Bàv(e)r(e), s.m. Bavero
Bav(e)scià, àt(e) e Vav(e)scià, àt(e) Sbavare, emettere   bava
Bavàglj(i), s.m. Bavaglio
Bavètta, s.f. Bavaglino per bambini   (Fr.: ‘bavette’)
Bàvùglia, s.f. e Vavùglia, s,f. Bavetta, piccola bava   – (vedere: ‘vàva’)
Bazzicà, àt(e) Bazzicare, tornare   frequentemente in un luogo
Bàzzica, s.f. Bazzica, gioco di   carte ma in particolare il termine viene comunemente usato per indicare un   tipo di gioco del biliardo (Dallo sp.: ‘baza’ guadagno o dall’ebr.: ‘baz’   preda)
Bb(e)s(e)nìss(e), s.m. Affare, faccenda,   arricchimento (Dall’inglese: Business)
Bb(e)s(e)nìss(e), s.m. Arricchimento,   faccenda, affare (Dall’inglese: Business)
Bb(e)sc(e)hàtt(e)l(e), s.m. e Bbuscihàtt(e)l(e), s.m. Bugigattolo,   ripostiglio, sgabuzzino
Bbaùl(e), s.m. Baule
Bbavùglia, s.f. e vavùglia, s.f. e vavìglia, s.f. Sbavatura, filo di   saliva dalla bocca
Bbèbberò, s.m. Biberon
Bbèll(e), agg. Bello
Bbèll(e)_v(e)rè, s.m. Addobbo, ornamento,   esposizione, per bellezza
Bbèll(e)_v(i)rè, s.m. Ornamento,  addobbo, esposizione, per bellezza
Bbonasèra, s.f. Buonasera
Bbòtta, s.f. Allusione, illazione,   insinuazione. Tùtt(e) capèrn(e) cà la bbòtta èra à p'(e)   hìggh(i)! = Tutti capirono che l’insinuazione era indirizzata a lui!  (alla lettera: à per   lui!). 2. Botta, colpo, percossa
Bbòtta, s.f. Botta, colpo,   percossa – Hàv(e) avùt(e) nà bbòtta (i)ngàp(e) = Ha avuto   una botta in testa. – S’è avùta nà bbòtta R'(e) càll(e)! = Si è avuto un   colpo di caldo! 2. Allusione 3. Dose, quantità
Bbùon(e), avv. e agg. Bene, felicemente. – Stàtt(e) bbùon(e)! = Stammi bene! 2.   Buono, mite, conveniente, idoneo; femm.: “Bbòna”   con il significato di   ‘buona’ ma anche di   ‘bella, ben fatta’.
Bbuscihàtt(e)l(e), s.m. e Bb(e)sc(e)hàtt(e)l(e), s.m. Bugigattolo,   ripostiglio, sgabuzzino
Beàt(e), agg. e B(e)hàt(e), agg.. Lieto, Beato, felice,   contento. – Beato te = “Abbiàta tè
Bebbè, s.m. Bebè, bambino  – (dal fr. bébé, e questo dall’ingl. baby)   –  Capelli alla ‘bebè’, taglio dei   capelli maschili molto corto alla fronte e quelli femminili, molto corto alla   nuca, detto anche «alla maschietta»
Bebberò, s.m e Bibberò, s.m. Biberon, poppatoio.   (Fr.:: ‘biberon’)
Bèc(e), s.m. Beige agg. (fr.)   Colore della lana naturale
Bècch(e), s.m. Pizzo, pizzetto
Befàna, s.f. e Bifania, s.f. Befana 2. Epifania
Bèh, inter. e (i)Nbè, inter. Bè, beh, ebbene, bene   (in frasi di tono interogativo o concessivo)
Bèlg(e), s.m. Belgio
Bèll(e) zambìtt(e), s.m. Bèll(e) zambìtt(e),   (dial.) – Ballo etnico particolare, precisamente: ‘Bèll(e) zambìtt(e)’,   ‘tramandato chissà da quale epoca e da quale provenienza, nel nostro piccolo   paese. Si tratta di una sorta di gioco di origine sicuramente tribale in   quanto vi partecipano soli maschi, che seguono le regole dettate da un   conducente, in un misto di balli e giochi di abilità.
Bèn(e), s.m. e avv. Bene
Bènc(e), int(e) e Vènc(e), ìnt(e) e Vèng(e), ìnt(e) Intendere, capire – N'(e)n r(e) dài(e) à bènc(e) = Non la da ad intendere, fa   finta di non capire. 2. Vincere, prevalere,   spuntarla – Hàv(e) vìnt(e) tùtt(e) = Ha vinto   tutto 
Benestànd(e), agg. Benestante
Bènn(e), ùt(e) e Vènn(e), ùt(e) Vendere
Bèstia, s.f. Bestia
Bett(e)lèmm(e), s. f. Betlemme
Bèv(e), ùt(e) e Vèv(e), ùt(e) Bere, bevere . Nel   coniugare il verbo, “Bevuto” si dice sia “B(e)vùt(e)” che   “Bìpp(i)t(e)” – Nel linguaggio dei bambini il bere si dice   “(i)Mbùmba”
Bevànda, s.f. Bevanda – Nel   linguaggio dei bambini il bere si dice “(i)Mbùmba” – A’ vùoi(e) à (i)mbùmba? =   Vuoi la bevanda?
Biàma, s.f. Biada
Biàt(e), agg. arc Beato, lieto felice.   – Da cui lìespressione: “Abbiàta tè!” = Beato te!
Bibberò, s.m. e Bebberò, s.m Biberon, poppatoio
Bìca, s.f. e Càcchj(i), s.m. Pene, membro virile   (termini usati per essere meno scurrili) -Bica: forse dal germ. ‘Bicke’   punta, che per similitudine si dice di cose fatte a punta: ‘becco’ cornuto –   Sp.: ‘Bico’ e ‘Pico’ cornuto. – M’ài(e) rùtt(e) à   bìca!  oppure   anche: M’èia rùtt(e) ù càcchj(i)! = Mi hai rotto   il c.! (pene)
Biciclètta, s.f. e B(e)c(e)clètta, arc. s.f. Bicicletta –   Diminutivi: ‘B(e)c(e)cl(e)ttèlla’, ‘B(e)c(e)cl(e)ttègghia’
Bidè, s.m. Bidetto, bidet,   piccolo vaso su cui uno si siede per lavarsi le parti intime. (Dal.: fr.:   ‘bidet’: da una radice celta ‘bid’ col senso di piccolo)
Bidèll(e), s.m. Bidello
Bidòn(e), s.m. Bidone, inteso come   recipiente cilindrico metallico o in materia plastica. (Fr.: ‘bidon’)
Bìend(e), s.m. e Vìent(e), s.m. e Vìend(e), s.m. Vento, aria, brezza.   – (Il termine ‘bìend’ si usa solo come agg. o avv.: –   O’sc(e) chiòv(e) à bìend(e) = oggi piove ( del   tipo) ventoso.
Bìerne, s.m. e vìerne, s.m. Inverno; A’ bìern(e) = “A inverno” cioè:   al tempo d’inverno – (i)Ndì vìern(e) = In   inverno; 
Bifanìa, s.f. e Befàna, s.f. Epifania. 2. Befana
Bìlich(e), s.m. Pesa pubblica, per   pesare autocarri con il loro carico e calcolare, togliendo la tara, il peso   trasportato, mediante un ponte a bilico (da cui prende il nome dialettale).   2. Bilico (reg.), utoarticolato (detto anche informalmente bilico in alcune   regioni d’Italia come Friuli, Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte, Lombardia e   Campania) è uno dei tipi di convoglio stradale più comuni; simile   all’autotreno, ne differisce soprattutto per il fatto che l’autoarticolato è   composto da un trattore stradale, cioè un veicolo provvisto di cabina ma non   di vano di carico, dove al posto di quest’ultimo vi è una ralla sulla quale   appoggia (e viene fissato) una parte del semirimorchio.-  (Da: Wikipedia)
Bìnda, s.f. Binda, grosso   martinetto, macchina azionata a mano per sollevare grossi carichi come un   camion, una trebbia, ecc. (Dal ted.: ‘winde, ant. ‘vinta’ girare, torcere ed   estens. alzare per via d’organi)
Bìrr(e), s.m. Tappo a corona,   capsula di latta per bottiglie di vetro a forma di dischetto metallico (Nome   derivante dai primi tappi del genere che apparsero sulle bottiglie di birra)   – Nell’uso dei tappi come gioco che ne facevano i bambini quelli di marca   straniera, chiamati ‘Màrca‘,   valevano di più di un ‘bìrr(e)’ comune, nazionale.
Bìrra, s.f. Birra – Pl.: ‘bìrr(e)
Birròcc(e), s.m. Barroccio, calesse,   veicolo a due ruote, titato da bestie da soma, per trasporto più spesso di   roba che di persone. ([lat. ‘birotium, comp. di bi- «due» e rota «ruota»)
Bisìsch(e), s.m. Moneta del Regno   d’Italia da 5c con l’effigie del re e sul retro quella di una spiga di grano
Bismùt(e), s.m. Bismuto
Bivij(e), s.m. Bivio
Blè, agg. e blù, agg. Blu – Dal fr.   (‘bleu’)
Blùsa, s.f. Blusa, camiciotto,   mantello. (Fr.: ‘blouse’)
Boccàcc(e), s.m. Vaso cilindrico, di   materiale vario, con coperchio, usato come contenitore di cibi a lunga   conservazione
Boccàcc(e), s.m. Vaso, in vetro,   ceramica od altro materiale
Boccàl(e), s.m. Boccale, vaso,   portafiori.  (Dal lat.: ‘boucalis-is’   vaso)
Boccètta, s.f. Boccetta, flacone
Boccètta, s.f. Flacone, boccetta
Bocchìn(e), s.m. Bocchino
Bòccol(e), s.m. Boccolo
Bògghj(i), ùt(e) e Vògghj(i), ùt(e) Bollire, ribollire,   gorgogliare. – (Da bollire, da bolla (il levarsi delle bolle), con la   classica trasformazione, nel nostro dialetto, delle ‘elle’ in ‘ghj’ e della   ‘b’ iniziale in ‘v’)
Bollàt(e), agg. e Bullàt(e), arc. Bollato,   contrassegnato con un bollo, timbrato; in partic., carta b., o da bollo,   foglio di carta su cui è impresso il bollo dello stato – Femm.: ‘Bollàta‘ e ‘Bullàta’
Bollètta, s.f. e Bullètta, s.f. arc. Cedola, bolletta,   polizza – Essere senza soldi = ‘(i)nbullètta‘ – Èia, r(e)màst(e) (i)nbullètta =   È rimasto in bolletta. – (Scherzosamente, essere   squattrinati, al verde. Era chiamata “bolletta” la polizza del   Monte di Pietà, cioè la ricevuta dell’oggetto dato in pegno contro il   prestito di una piccola somma.
Bollìt(e), s.m. e agg. Lesso, bollito
Bombardìn(e), s.m. Bombardino, strumento   musicale a fiato
Bòmma, s.f. Bomba
Bòna, agg. Buona, utile. 2.   Bella, donna benfatta
Bòna, agg. Bella, donna   benfatta. 2. Buona, utile
Bonafèd(e), s.f. Buonafede
Bonafèmm(e)na, s.f. Buona donna, donna   leggera, di animo buono
Bonamàmma, s.f. Mamma scaltra, furba.   (Eufemismo per indicare al contrario una donna scaltra) – E’   nù fìglj(i) r'(e) bòna màmma! = E’ (un dritto!) figlio di una madre scaltra!
Bonàn(e)ma, s.f. e Banàrma, s.f. Bonànima, buonànima,   defunto  (detto con senso d’affettuosa   e rispettosa memoria)
Bonanòtt(e), s.f. e formula saluto Buonanòtte
Bonasèra, s.f. Buonasera, formula di   saluto
Bonàzza, agg. e B(e)nàzza, agg.. e Bonàccia, agg. e B(e)nàccia,   agg.. Prospera, donna di   aspetto sano e di forme sode e ben svilippate, donna formosa, maggiorata   fisica
Bongiòrn(e), s.m.  e   Buongiòrn(e), s.m. Buongiorno, formula   di saluto
Bonòm(e), s.m. e Banòm(e), s.m. Buonuomo
Bonpès(e), agg. e Bonbès(e), agg. Buon peso, pesato in   eccesso
Bontìemb(e), agg. Bel tempo
Bontìemb(e), s.m. e Bondìemb(e), s.m. Buontempo
Bòo, int. Bah, forse, chissà.   Esclamazione di meraviglia, di spregio, di rassegnazione
Bòr(e), s.m. Boro
Bòrd(e), s.m. Bordo, orlo, angolo   (Fr,: ‘bord’)
Bordò, agg. Bordò, colore (Dal   fr.’bordeaux’)
Borotàlch(e), s.m. Borotalco
Bòrza, s.f. e Vòrsa, s. f. Borsa, sacca,   valigia, borsetta
Bòss(e), s.m. Dirigente, capo,   padrone. 2. Papà, padre
Bòss(e), s.m. Papà, padre. 2. Capo,   padrone, dirigente
Bòssa, s.f. Padrone, padre,   dirigente
Bòta, s.f. e Vòta, s.f. Volta. Nà vòta (i)ngèra nù criatùr(e) chi s'(e) chiamàva   “Vùngulìcchj(i)” = Una volta c’era un bambino che si chiamava   “Vùngulìcchj(i)”. – Quàcche bòta = Qualche volta; – A’ bòt(e) = A   volte; – A’ bòt(e)_ A’ bòt(e) = Di volta in volta
Bòtta à mùr(e), s.f. Botta, petardo che   esplode nell’impatto una volta lanciato contro un muro. E’ confezionato con   polvere da sparo mischiata a sassolini.
Bòtta, s.f. Botta, percossa,   colpo
Bottacatàscia, s.f. Lucciola, nome comune   di varî insetti coleotteri della famiglia dei lampiridi, caratteristici per   l’emissione, attraverso organi che emettono luce situati nella parte   posteriore dell’addome. – (Il termine dialettale ci giunge sicuramente dal   campano o dal pugliese: ‘catacatàscia‘ di cui, a sua volta, la seconda parte:’catàscia’, proviene:   dal gr.: ‘askíon’ oscurità (alfa privativa, “skia”, ombre), perché, in   effetti, l’oscurità non ha ombre, ‘katáskion’ quindi significa luce. Invece   la prima parte: ‘cata‘,   proviene sempre dal gr.: ‘katà’ giù, dando così ad entrambi le parti di   ‘catacatàscia’, il significato di: luce che scende giu, come spirito luminoso   , come augurio apportatore di fortuna.    Il termine catacatàscia, acquisito male, è stato inteso prima come:   vottacatascia (da’v(e)ttà’ vieni giù) e infine trasformatosi in   ‘bottacatascia’) – Botta catàscia scìnn(e)   abbàsc(e), ràmm(e)  là chiàv(e) r'(e)   là càscia, sì là chiùr(e), ìi(e) t(e) sc(e)càsc(e) = Vieni giù lucciola   (luce) dammi la chiave della cassa (aprimi la mente, illuminami), se non lo   fai (chiudi la mente), io ti distruggo (sorta di minaccia) – (Da   ALTERVISTA:    rocchino.altervista.org/sito43/page030.htm‎)
Bottacùl(e), s.m. Ballo o gioco   consistente nel darsi colpetti con i fianchi
Bottacùl(e), s.m. Batticulo. (reg.) Una   figura di alcuni balli di fine ottocento e dei primi del novecento, come   ‘quadriglia’, ‘tarantella’ ecc. Consiste, come la parola stessa lascia   intendere, nello scontrarsi, a coppia, dandosi secchi colpi a vicenda, con la   parte laterale delle natiche, a comando del direttore del ballo, in accordo   col  ritmo sincopato della musica.
Bottarìa, s.f. Scarica di botti di   fuochi d’artificio. – (Dall’it.: botta, botto, scoppio, col suff. ‘rìa’ per   intendere una successione di colpi)
Br(e)atìer(e), s.m. Brigadiere
Br(e)cc(e)lìn(e), s.m. e Vr(e)cc(e)lìn(e), s.m. Pietrisco minuto,   dim. di ‘brèccia‘; nella   classificazione degli aggregati lapidei, aggregato costituito di elementi a   spigoli vivi, di dimensioni comprese tra 10 e 2 mm.
Br(e)cc(e)lìn(e), s.m. e Vr(e)cc(e)lìn(e), s.m. Brecciolino, moniglio
Br(e)ccòn(e, sm. Briccone
Br(e)hànt(e), s.m. e Br(e)hànd(e), s.m. Brigante
Br(e)hògn(e), f. pl. Vergogne: per: le   parti del corpo che per pudicizia si tengono coperte
Br(e)rùs(e), agg. Brodoso
Br(e)v(e)ròr(e), s.m. Brividio, freddo
Bracciàl(e), s.m. Bracciale
Braccialètt(e), s.m. Braccialetto
Bracciànd(e), s.m. Bracciante
Brànda, s.f. Branda, termine   indicante in genere quella comunemente usata nelle abitazioni, in ferro
Brèccia, s.f. Breccia, sinon. di   pietrisco e, regionalmente, di ghiaia. Nella classificazione degli aggregati   lapidei, si dà il nome di b. a un aggregato costituito di elementi a spigoli   vivi, di dimensioni comprese tra 71 e 25 mm. – Breccia, pietrisco minuto: ‘Br(e)cc(e)lìn(e)
Brèccia, s.f. e Vrèccia, s.f. Breccia, ciottoli,   sassi spezzati.
Briènt(e), s.m. e Briènd(e), s.m. Bidente, strumento   agricolo a forma di zappa, con due denti.
Brìll(e), agg Brillo, alticcio
Brillànd(e), s.m. e agg. Brillante
Briòscia, s.f. Brioche. (Dal fr.   ‘Briòš’ der. del normanno ‘brier’ «impastare») (anche adattato in ital. in   brioscia). Dei tanti tipi, la più comune in Italia è quella a mezzaluna,   chiamata anche cornetto: ‘Cornètt(e)’)
Brìsc(e)cula, s.f. Briscola, gioco   italiano che si fa con un mazzo di quaranta carte, fra due o quattro   giocatori; all’inizio del gioco si estrae una carta dichiarata «briscola», il   cui seme prende le altre carte anche se di maggior valore; negli altri casi,   la presa è fatta dalla carta più alta dello stesso seme, o dalla prima messa   in tavola in ciascuna mano, se non è superata da altra dello stesso seme
Bronghìt(e), s.f. e Brunghìta, s.f. Bronchite
Bròr(e), s.m. Brodo 2. Sugo,   condimento
Bròr(e), s.m. Sugo, condimento,   intingolo, termine usato a volte impropriamente. 2. Bròdo
Brunghìta, s.f. e Bronghìt(e), s.f. Bronchite
Brùnz(e), s.m. e Abbrùnz, s.m. Bronzo
Brùsc'(e)ca, s.f. Brusca, spazzola per   il governo e la pulizia dei cavalli e dei muli
Brùsc'(e)n(e), s.m. Brusco o pungitopo   (Lat.: Ruscus aculeatus).
Brùtt(e), agg Brutto. Persona   brutta, deforme = “Brùtt(o) fàtt” – Bruttino = “Br(e)tt(e)lìeggh(i)”
Brùtt(e), agg. Brutto
Brùtt(e)_fàtt(e), agg. Deforme, brutto   fisicamente, malfatto
Bùa, s.f. Bua, dolore,   malattia, male. Termine usato nel linguaggio infantile, usato anche da chi   parla a bambini)
Buàtt(e), s.m. Barattolo grosso, per   conserve, vernici, unguenti, ecc. – (Dal fr. Boîte: leggi: buatt.)
Buàtta, s.f. Grossa scatola di   latta (anche di legno, di cartone) od anche grosso barattolo per conserve,   vernici, unguenti, ecc. – (Dal fr. Boîte: leggi: buatt.)
Bucà, àt(e) Bucare
Bucà, àt(e) Bucare, pertugiare   (arc.) = P(e)rt(e)sà
Bucatìn(e), s.m. Bucatino, pasta lunga   poco più grossa di uno spaghetto, bucata
Buchè, s.m. Bouquet, mazzolino di   fiori, spec. quello delle spose. (Fr.: ”bouquet ( leggi bukè) mazzolini). 2.   L’aroma del vino invecchiato
Buchè, s.m. Bouquet, l’aroma del   vino invecchiato. 2. Bouquet, mazzolino di fiori, spec. quello delle spose. –   (Fr.: ”bouquet ( leggi bukè) mazzolini)
Bùff(e), agg. Buffo
Bùlgar(e), agg. e s.m. Bulgaro, agg. e s.m.
Bulgarìa, s.f. Bulgaria
Bùll(e), s.m. Bullo, fanfarone,   gradasso, guascone, millantatore
Bullàt(e), agg. e Bollàt(e), arc. Timbrato, bollato,   contrassegnato con un bollo; in partic., carta b., o da bollo, foglio di   carta su cui è impresso il bollo dello stato – Femm.: ‘Bollàta‘ e ‘Bullàta’
Bullètta, s.f. e Bollètta, s.f. Bolletta, polizza,   cedola – Essere senza soldi = ‘(i)nbullètta’ – Èia, r(e)màst(e) (i)nbullètta   = È rimasto in bolletta. – (Scherzosamente, essere squattrinati, al verde.   Era chiamata “bolletta” la polizza del Monte di Pietà, cioè la   ricevuta dell’oggetto dato in pegno contro il prestito di una piccola somma
Bullètta, s.m. Bolletta, cedola,   ricevuta, bulletta (arc.)
Bullòn(e), s.m. Bullone
Bùon(e), agg. e avv. Buono, mite,   conveniente, idoneo, bene; femm.: “Bòna” con il significato di ‘buona’ ed anche di ‘bella, ben fatta’. 2.   Bene, felicemente
Bùon(e), s.m. Buono, polizza,   ricevuta, scontrino
Buongiòrn(e), s.m.  e   Bongiòrn(e), s.m. Buongiorno, formula   di saluto
Buongiòrn(e), s.m. e agg. e Bongiòrn(e), s.m. e agg. Buongiorno
Buonòm(e), s.m. Buonuomo
Burdèll(e), s.m. Bordello
Bùrr(e), s.m. Burro. Anche “B(u)tìrr(o)” = Burrino
Burràccia, s.f. e Borràccia, s.f. Borraccia
Bùrs(e), s.m. e Vùrz(e), s.m. e Vùrs(e), s.m. arc. Tasca, borsa, sacca,   , borsello, in genere per riporre valori – (vedere’Vùrs’)
Bussà, àt(e) Bussare
Bùssola, s.m. Bussola, strumento   che comunque orientato indica sempre il nord magnetico. 2. Infisso, porta, in   genere indicante quelle interne
Bùst(e), s.m. Busto
Bùsta, s.f. Busta. 2. Sacchetto   di plastica, di carta, ecc.
Bùsta, s.f. Sacchetto di   plastica, di carta, ecc.. 2. Busta
Bustìna, s.f. Bustina