A

(i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
A A
À bàrra, agg. Riempito fino all’orlo di un recipiente, non oltre, livellato con una barra – (Vedere: “Vàrra” o “bàrra”)
À cùrm(e), agg. Riempito oltre il colmo, a (forma di) cumulo, a (forma di) cumulo ‘Cùrm(e)’; Lù sicchiètt(e) m(e) lù ìnghj(i) accùrm(e), r(e) hràn(e) = il secchio me lo riempi al colmo (oltre il bordo), di grano – Vedere anche “Cùrm(e)”
A la sciòla a la sciòla, loc. avv. Lemme lemme, con calma, piano piano, senza impegno – Da: ‘scialà’, dissipare a proprio godimento – dal. Lat.: ‘exhalare’, spiegare al vento, gettare all’aria, fare sfoggio di qualsiasi cosa, quindi darsi bel tempo da trascorrere) – L’imbiehàt(e) s'(e) la pìglian(e) a la sciòla a la sciòla – Gli impiegati se la prendono con calma
À màn(e) Drìtta, loc. Destra – Pìglia à màn(e) drìtta = Piglia a  destra
À signòra r'(e) r'(e) r(e)stòcc(e). s.f. Mantide, insetto dei Mantoidei, tradotto alla lettera: ” La signora delle stoppie”. (erroneamente considerato un grillo)
À tùtt(e)!, locuz. Salute! a voi tutti!
À, art. La – (Dal. Portogh. ‘a’ = la)  –  A’ hagghìna èia mòrta = La gallina è morta – Pl.: ‘r'(e)’ – Pàssal(e) r'(e) sègg(e)! = Passagli le sedie!
À, pref. A, ad – prefisso che indica avvicinamento, progresso – Sìm(e) sciùt(e) à Roma = Siamo andati a Roma – Al: “A’u”, o “A’lu” – alla: “a’ là”; – ” àa” – ai e agli: “a’ lì”; – alle: “a’ r(e)”
A, s.f. A, lettera dell’alfabeto
À_pp'(e), prep. e  P'(e), prep. Per – Stìa (i)ngazzàt(e) a’_pp'(e) lì p(e)nzìer(e9 chì t(e)nìa = Stava arrabbiato per i pensieri che aveva.
aa
Aà pàrt(e), loc. sost. Mezzadria, (alla lett.: ‘alla parte’) Sistema di conduzione e tipo di contratto agrario fra il mezzadro, (‘parzij(e)nàl(e)’) conducente del fondo,  e il proprietario per la coltivazione del fondo al fine di dividere a metà, o in quote leggermente diverse, i prodotti e gli utili derivanti dal podere stesso. La mezzadria è vietata dal 1964
Aà pecorìna, loc. avv. Carpone. Alla lettera: “a pecorone”, al modo dei pecoroni o delle pecore, carponi, a quattro zampe. 2. fig. a. Persona inetta e vile, che segue senza una volontà propria le direttive altrui
Aà s(e)bìna, loc. avv. Supinamente. Alla lettera: “alla supina”, di persona, che sta disteso, appoggiato sulla schiena. 2. fig. a. Persona inetta e vile, che segue senza una volontà propria le direttive altruiCarponi
Aà_mbrèssa, avv. Velocemente, lestamente, rapidamente – ( Dalla rad. it.: ‘ pressa’ fretta. – Fr.: ‘empressement’)
Àabbùon(e), avv. loc. Veramente, vero, reale.  – (Letteralmente: Al vero!) – A’a bbuòn(e)! N’n zò stàt(e) Ìj(e)! = Veramente! Non sono stato io!
Aah! Inter. Arrì! Voce di incitamento alle bestie per farle partire. – “Iiì”!, oppure “Iiìsc(i)”!, per farle fermare
Àammèrsa, agg A rovescio. – Vìr(e) cà là cammìsa t'(e) l’èia pòsta a l’Ammèrsa = Vedi che la camicia te la sei messa a rovescio
ÀÀppèra, agg. e Àlà-ppèra, agg. Appiedato, appiedata (a piedi) – E’ arr(e)vàt(e) a’appèra = E’ arrivato a piedi
Abb(e)c(e)nà, àt(e) e Avv(e)c(e)nà, àt(e) Avvicinare
Abb'(e)f(e)càrs(e), àt(e), arc. e Abb(e)ss(e)càrs(e), àt(e) Gonfiarsi, abbuffarsi, enfiarsi, ingrossarsi, ingozzarsi – (Dal lat.: ‘bufo’ rospo – it.: ‘buffo’, ‘bufo’) – Fr.: ‘BUFFIER’ mangiare, gonfiarsi il ventre)
Abb(e)f(e)càt(e), agg. e s.m. Gonfio, tronfio, abbuffato, grasso. Anche: “Abb(e)ttàt(e)” – (Dal lat.: ‘bufo’ rospo – it.: ‘buffo’, ‘bufo’) – Fr.: ‘BUFFIER’ mangiare, gonfiarsi il ventre)
Abb(e)ffà, àt(e) e Abb(e)fa, àt(e) Abbuffare, ingozzare, scorpacciare, (fam.) strafogare, (fam.) sbafare – (Dal lat.: ‘bufo’ rospo – it.: ‘buffo’, ‘bufo’) – Fr.: ‘BUFFIER’ mangiare, gonfiarsi il ventre)
Abb(e)ffàrs(e), àt(e) Abbuffarsi
Abb(e)ffàta, s.f. Abbuffata, ingozzata, scorpacciata, (fam.) strafogata, (fam.) sbafata – (Dal lat.: ‘bufo’ rospo – it.: ‘buffo’, ‘bufo’) – Fr.: ‘BUFFIER’ mangiare, gonfiarsi il ventre) – M’àgg(i) fàtt(e) n’abb(e)ffàta r'(e) c(e)ràs(e) = Mi sono abbuffato di ciliegie
Àbb(e)l(e), agg. Abile, idoneo, capace
Àbb(e)l(e), àt(e) Abile
Abb(e)l(e)tà, s.f. Abilità
Abb(e)l(e)zzà, àt(e) Abbozzare, in embriologia vegetale: piccolo rigonfiamento sulla pianta che preannunzia l’uscita del germoglio
Abb(e)l(e)zzà, àt(e) Germogliare, termine in genere usato in agricoltura. Genericamente indicante un rigonfiamento a forma di bozza, bernoccolo, vedi “Vùozz(e)”.
Abb(e)là, àt(e) Volare – (Dal lat. ‘volare’ cul suff. ‘ab’ da, dopo (allontanamento).) – Abb(e)làva cùm nù v(e)lètt(e) = Volava leggero come un falco
Abb(e)lì(e), ùt(e) Abolire
Abb(e)ll(e)mènd(e), s.m. Abbellimento
Abb(e)llì, ùt(e) e Abb(e)llìsc(e), abb(e)llùt(e) Abbellire
Abb(e)nà, àt(e) Abbonare, detrarre, defalcare,condonare, scontare (parte del debito)
Abb(e)nàrs(e), àt(e) Abbonarsi, associarsi (a un giornale, a un teatro, ecc)
Abb(e)nàta, agg. Bonaccione. sciocco, sempliciotto, tonto – Tradotto alla lettera: “A'(lla)_b(e)nata” (Alla buona) – Chè bbò fa, quìgghj(i) èia n'(e) pòch(e) a’ l’abb(e)nàta = Cosa ci vuoi fare, quello è un po’ sciocco
Abb(e)ndà, àt(e) Abbondare
Abb(e)ndà, àt(e), arc. Calmarsi, riposarsi, affezionarsi, adattaarsi, (Deverbale del lat. ‘adventare’ giungere, arrivare: sperare nell’a. di un periodo di pace, di adattamento)
Abb(e)ndànt(e), agg. Abbondante
Abb(e)ndànza, s.f. e V(e)nnànzia, s.f. Copia, abbondanza, profusione, iosa, dovizia
Abb(e)nghià, àt(e) e Abb(e)ttà, àt(e) Abbuffare, gonfiare, saziare, S’è  a’bb(e)ttàt(e) r(e) sc(e)càt(e)l(e) = si è gonfiato le scatole – Sò giùt(e) à mangià, m'(e) sò abb(e)ttàt(e) = Sono andato a mangiare, mi sono riempito. 2. Gonfiare, dilatare, ingrossare
Abb(e)nghiàrs(e), àt(e) Rimpinzarsi, ingozzarsi, riempirsi di cibo
Abb(e)nnà, àt(e) Abbondare
Abb(e)nnà, àt(e) arc. e Abbondà, àt(e) Abbondare
Abb(e)nnànt(e) Abbondante
Abb(e)ntà, àt(e) Fermarsi, riposarsi, ambientarsi, trovare pace – arrivare, appressarsi. –  (Dal lat. adventare = avvicinarsi, appressarsi, raggiungere). 2. Avventarsi.
Abb(e)ntà, àt(e) e Avv(e)ntà, àt(e) Avventarsi, lù càn(e) s’abb(e)ntà a la fàccia = il cane si avventò alla faccia 2. Fermarsi, riposarsi, ambientarsi
Abb(e)r(e)bblià, àt(e) Farfugliare, parlare poco chiaro, improvvisare
Abb(e)rè, ùt(e) Avvedersi
Abb(e)rtì, ùt(e) Abortire. – Termine sinonimo riferito agli animali e scherzosamente anche alle donne (arcaico): ‘Frascj(i)à’
Abb(e)rzaccàrs(e), àt(e) Rimpinzarsi, riempirsi di cibo. (Divenire a forma di borsa = “Bòrza” – Arabo: ‘Buzaqq’ = pancione).  Anche: “Abb(e)ttà”, “Apparà”. 2. Ingrassare
Abb(e)s(e)gnà, àt(e) Bisognare, avere bisogno
Abb(e)s(e)gnà, àt(e) Abbisognare, avere bisogno
Abb(e)sà, àt(e) Abusare
Abb(e)sc’kà, àt(e) Prendere, ottenere, buscare , ricevere, procurarsi qualcosa, guadagnare; (Dallo Sp.: ‘buscar’ cercare (fortuna).) – S’hav(e) abb(e)sc’kàt(e) lù criatùr(e) = Ha avuto un bambino. 2. Buscare delle botte, prendere legnate. –  G(e)sèpp(e) hàv(e) abb(e)sc’kàt(e)  rà Cànij(e) = Giuseppe le ha buscate (le botte) da Canio
Abb(e)sc’kà, àt(e) Buscare delle botte, prendere legnate. –  G(e)sèpp(e) hàv(e) abb(e)sc’kàt(e)  rà Cànij(e) = Giuseppe le ha buscate (le botte) da Canio. 2. Prendere, ottenere, buscare , ricevere, procurarsi qualcosa, guadagnare; (Dallo Sp.: ‘buscar’ cercare (fortuna).) – S’hav(e) abb(e)sc’kàt(e) lù criatùr(e) = Ha avuto un bambino.
A’bb(e)ss(e)cà, àt(e) e Abb'(e)f(e)cà, àt(e), arc. Enfiare, gonfiare, dilatare, ingrossare, tumefarsi
Abb(e)ss(e)càrs(e), àt(e) Enfiarsi, abbuffarsi, rimpinzarsi, riempirsi di cibo. (Divenire a forma di vescica: “Abb(e)ss(e)cà” da ‘V(e)ssìca’ vescica). 2. Ingrassare
A’bb(e)sùogn(e) e B(e)sùogn(e), s.m. Necessità, bisogno, occorrenza
Abb(e)sùogn(e), s.m. e B(e)sùogn(e), s.m. Bisogno, necessità, occorrenza
Àbb(e)t(e), s.m. Abito
Abb(e)tà, àt(e) Avvitare, arc. 2. Abitare
Abb(e)tà, àt(e) Abitare
Abb(e)tà, àt(e), arc. Abitare, 2. Avvitare, arc.
Abb(e)taziòn(e), s.f. Abitazione
Abb(e)tìn(e), s.m. Scapolare, consistente in un piccolo sacchetto di stoffa con delle preghiere od effigi sacre da portare addosso, appeso al collo, sotto le vesti. Prende il nome dallo scapolare che usano i frati come segno distintivo  di appartenenza ad un terz’ordine, composto da due piccoli rettangoli di stoffa, sempre appesi al collo, sotto gli indumenti, a contatto con la carne.
Abb(e)tt(e)nà, àt(e) Abbottonare, fermare,  fissare, allacciare; S’è app(e)ntàt(e) là giacchètta = S’è abbottonato la giacca
Abb(e)tt(e)natùra, s.f. Abbottonatura
Abb(e)ttà, àt(e) Gonfiare, dilatare, ingrossare.  (Da: ‘botte’ > prendere forma di botte). 2. Rimpinzare, riempire di cibo. – Anche: “Abb(e)rzaccà”, “Apparà”
Abb(e)ttà, àt(e) e Abb(e)nghià, àt(e) Abbuffare, gonfiare, saziare, rimpinzarsi. – S’è  a’bb(e)ttàt(e) r(e) sc(e)càt(e)l(e) = si è gonfiato le scatole – Sò giùt(e) à mangià, m'(e) sò abb(e)ttàt(e) = Sono andato a mangiare, mi sono riempito. 2. Gonfiare, abbottare
Abb(e)ttamìend(e), s.m. Gonfiamento
Abb(e)ttamìend(e), s.m. Gonfiamento.  2. Rottura di scatole
Abb(e)ttàt(e), agg. e s.m. Gonfio, abbuffato, riempito. Anche: “Abb(e)f(e)càt(e)”
Abb(e)ttàta, s.f. Pappata, abbuffata, mangiata – M’àgg(i) fàtt(o) n’abb(i)ttàta r'(e) fìch(e) = Mi sono abbuffato di fichi
Abb(e)tuà, àt(e) Abituare
Abb(e)tuàt(e), agg. Abituato
Abb(e)tudd(e)na, s.f. e Abb(e)tudd(e)n(e), s.f. Abitudine
Abb(e)v(e)rà, àt(e) Abbeverare, far bere, dissetare, soprattutto bestie: i cavalli, i buoi, le pecore, ecc –  (lat. ‘abbĭbĕrare’, der. di bĭbĕre «bere»)
Abb(e)v(e)ratùr(e), s.m. Abbeveratoio, artificiale o fonte d’acqua naturale – Vedere anche: “Haut(e)”
Abb(e)vì, ùt(e) e Abb(e)vìsc(e), ùt(e) e R(e)s(e)sc(e)tà, àt(e) Rinascere, risuscitare, ridestarsi – (etimo di ‘abb(e)vì’: dall’it. ‘avvivare’ rendere vivo, fornire di vita, dal lat.:  ‘re-viviscere’ avvivarsi, rinascere)
Abb(e)vì, ùt(e) e Abb(e)vìsc(e), ùt(e) e R'(e)s(e)sc(e)tà, àt(e) Resuscitare, ridestarsi, rinascere – (Lat.: ‘adviviscere’)
Abb(e)vìsc(e), ùt(e) e R'(e)s(e)sc(e)tà, àt(e) e Abb(e)vì, ùt(e) Ridestarsi, avvivare, resuscitare, rinascere (Lat.: ‘Viviscere, avvivarsi, rivivere)
Abb(e)zzià, àt(e) e Avv(e)zzià, àt(e) Avviziare (forma lett.ria), viziare. (Lat. ‘ad vitium dare’
= indurre qualcuno al vizio)
Abbacchiàrs(e), àt(e) Abbacchiarsi, avvilirsi, indebolirsi, demoralizzarsi
Abbacchiàrs(e), àt(e) Indebolirsi, demoralizzarsi, avvilirsi
Abbàgghj(i), avv. Abbasso, giù, parte inferiore, a valle; – Detto: Abbàggh(i) e r’Ammònd(e) = Su e gù ed anche per: avanti e dietro.  -.Vedere: ‘Ammònd(e)’
Abbàgghj(i), prep. e avv. Abbasso, di sotto, iu, a valle, in fondo; Molto in fondo: Abbàgghj(i)_Abbàgghj(i)
Abbaglià, àt(e) Abbagliare
Abbàglj(i), s.m. Abbaglio
Abbagnà, àt(e) e Ammignà, àt(e) e Amm(e)gghià, àt(e) Bagnare, innaffiare, inumidire, ammollare e ammolliare (arc). – (Dal lat. ‘mollis’ molle preceduto dalla part. ‘ad’ come ‘alleviare’ alleggerire, deriva da ‘lèvis’ lieve, molle)
Abbal(e)rà, àt(e) Avvalorare
Abbalancà. àt(e) e Abbalangà. àt(e) Franare, smottare, il cedere del terreno
Abbalè, ùt(e) Avvalere, valere, considerare, avvalersi  – Mò chì vài(e) à là scòla fàtt(e) abbalè! = Adesso che vai a scuola fatti valere!
Abbalè, ùt(e) e Abbalìsc(e), ùt(e) e Abbalì, ùt(e) Spossare, Infiacchirsi, sfinire – E’ v(e)nùt(e) rà (i)ndì Curtìn(e), èia arr(e)vàt(e) abbalùt(e)! = E’ venuto dal territorio di Cortino (torrente), è arrivato sfinito!
Abbalì, ùt(e) e Abbalè, ùt(e) e Abbalìsc(e), ùt(e) Sfinire, infiacchire, spossare – E’ v(e)nùt(e) rà (i)ndì Curtìn(e), èia arr(e)vàt(e) abbalùt(e)! = E’ venuto da  Cortino (torrente), è arrivato sfinito!
Abbalìsc(e), ùt(e) e Abbalì, ùt(e) e Abbalè, ùt(e) Infiacchirsi, sfinire, spossare – E’ v(e)nùt(e) rà (i)ndì Curtìn(e), èia arr(e)vàt(e) abbalùt(e)! = E’ venuto da  Cortino (torrente), è arrivato sfinito!
Abbàll(e), s.f.  e Bàll(e), s.m. Ballo, danza
Abballà, at(e) Ballare
Abballàta, s.f. Ballata
Abballatègghia, s.f. Ballatina
Abballatùr(e), s.m. Ballatoio, pianerottolo
Abbalurà, àt(e)  Avval(e)rà, àt(e) Convalidare, Avvalorare, confermare, appoggiare
Abbambà, àt(e) e Abbampà, àt(e) Infiammarsi, avvampare, divampare
Abbambalìsc(e), ùt(e) Imbambolare
Abbampà, àt(e) e Abbambà, àt(e) Avvampare
Abband(e)nà, àt(e) Abbandonare
Abbandòn(e), s.m. Abbandono
Abbantaggià, àt(e) Avvantaggiare
Abbantaggià, àt(e) e Avvandaggià, àt(e) Avvantaggiare
Abbarà, àt(e) Badare, abbadare, arc. – Abbàra a tì stìss(e) = bada a te stesso
Abbarruquà, àt(e) arc. Rassegnarsi, sopportare, chinare il capo, acconsentire, zittire.  2. Abborracciare, arrocchiare, far qualcosa male, in fretta e senza attenzione, raffazzonare, confondere (Diz. Etim. UTET)
Abbarruquà, àt(e) arc. Abborracciare, raffazzonare, far qualcosa male, in fretta e senza attenzione (Voce collegata a ‘baruccabà’ confusione baraonda, di area aretina, e romanesca dall’ebraico barùkk(e) ‘babba’ ‘benedetto cului che viene’ comune nelle parlate giudeo-italiane – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-200- pag. 3 – voce: abbarrucà) )
Abbasà, àt(e) e Basà, àt(e) Basare, ponderare – Quèss(e) chì m’ài rìtte, (i)ngìmma à chè r’abbàs(e)? = Questo che mi hai riferito, su cosa lo basi?  2. Basare, fondare, stabilire su una base
Abbasàt(e), agg. Posato, assennato, attempato, equilibrato, una persona seria che sa il fatto suo
Abbasc(e)nàt(e), agg Abbacchiato, abbattuto, depresso, fisicamente o moralmente (Da abbacchiare, battere col ‘bacchio’ dal lat. ‘baculus’ bastone)
Abbascià, àt(e) e Vascià, àt(e) e Avascià, àt(e) Abbassare, calare, diminuire – (Dal Portogh. ‘abaixar’ pronuncia: abaisciàr)
Abbàscia, avv. Abbasso. – Abbàscia li Napulitàn(i)! = Abbasso i Napoletani!
Abbascjùrr(e), s.m. Abatjour, lume, lampada da tavolo. (Dal fr. ‘abbat-jour’ = paralume)
Abbàsta!, e Avàsta!, e Bàsta! e Vàsta!  escl.ni Basta!, è sufficiente!. (Imperativo dei verbi: ‘Avastà’e ‘Abbastà’ = Bastare)
Abbastà, àt(e) e Avastà, àt(e) e Bastà, àt(e) Bastare.  –   Abbàsta e sòvra = abbasta e supera = più che abbondante
Abbastànd(e), agg. Bastante
Abbàtt(e), ùt(e) Abbattere, demolire, atterrare 2. Abbattersi, avvilirsi
Abbatt(e)mìend(e), s.m Abbattimento
Abbàtt(e)s(e), abbattut(e) Avvilirsi, abbattersi
Abbauzà, àt(e) Tralci<lavoro del rialzare i. Lavoro consistente nel rialzare i tralci cadenti delle viti, per legarli ai pali di sostegno
Abbeccè, s.m. Abbiccì
Abbecceddàrij(o), s.m. Abbeccedario, sillabario
Abbecceddàrij(o), s.m. Sillabario, Abbecedario. 2 Vocabolario
Abbellimènd(e), s.m. Abbellimento
Abbènd(e), s.m. arc. Calma, riposo, affezione, adattamento, (Deverbale del lat. ‘adventare’ giungere, arrivare: sperare nell’a. di un periodo di pace, di adattamento)
Abbèt(e), s.m. Abete
Abbià, àt(e) Avviare
Abbiccì, s.m. Abbiccì
Abbìend(e), s.m. Calma,pace, quiete, riposo. (Gr.: (Abàcheo = stare quieto) – N'(e)n  tròva abbìend(e) = Non trova quiete
Abbijàta tè!, loc. Beato te! che tu sia beato!  Espressione di un complimento.
Abbijàta, s.f. Rincorsa. Pìglia l’abbijàta e zòmba! – Prendi la rincorsa e salta! 2. Avvio, inizio
Abbijàta, s.f. Avvio, inizio; Pìglia l’abbijàta = Piglia l’avvio (della strada, o altro) = Avviati – 2. Rincorsa
Abbìss(e), s.m. Abisso
Abbistà, àt(e) e Avvistà, àt(e) Avvistare
Àbbit(e), s.m. Abito, vestito
Abbità, àt(e) Avvitare, arcaico; 2.  Abitare
Abbità, àt(e);  ma più comunemente “Stà(re) r(e) càsa” = Stare di casa Abitare. 2. Avvitare.
Abbitànd(e), s.m. Abitante
Abbitaziòn(e), s.f. Abitazione
Abbitaziòn(e), s.m. Abitazione
Abbolì, ìt(e) Abolire
Abbonà, àt(e) Abbonare
Abbonamènd(e), s.m. Abbonamento
Abbondànd(e), agg. Abbondante
Abbordà, àt(e) Abbordare
Abbòrt, s.m. Aborto
Abbr(e)bb(e)lià, àt(e) Farfugliare, nel senso di parlare poco chiaro, confondere, rendere incomprensibile – (Etimo: vedere ‘ Babbalòn(e)’)- Chè m'(e) vò abbr(e)bblià cù ss'(e) chiàcchiar(e) cosa mi vuoi far capire con codeste parole
Abbr(e)ciacchià, àt(e) Bruciacchiare. Bruciare = “Vr(e)scià”
Abbr(e)hà, àt(e) Dissodare, lavorare, rompere un terreno incolto per prepararlo alla coltura.  – (Dall’ant. Alto ted. ‘brachon’ dissodare)
Abbr(e)sc(e)cà, àt(e) Screpolare, riferito per lo più alle screpolature delle labbra – M’èia abbr'(e)sc(e)càt(e) lù mùss(e) = Mi si è screpolato il muso (Le labbra). 2. Bruscare (Reg.), abbrustolire leggermente, come ad esempio il pane, ottenendo il ‘Bruschetto’
Abbr(e)sc(e)cà, àt(e) Bruscare (Reg.), abbrustolire leggermente, come ad esempio il pane, ottenendo il ‘Bruschetto’ . 2. Screpolare, riferito per lo più alle screpolature delle labbra
Abbr(e)sc(e)cà, àt(e) Screpolare, verbo riferito per lo più alle screpolature delle labbra – M’èia abbr'(e)sc(e)càt(e) lù mùss(e) = Mi si è screpolato il muso (Le labbra). 2. Abbrustolire. (Anche: ‘Abbr(e)st(e)lì’) Il pane abbrustolito dicesi: “Crùsc(e)k(o)”.
Abbr(e)scjà, àt(e) arc. e Vr(e)scjà, àt(e) Bruciare – Abbruciacchiare = “Abbr(e)ciacchià”
Abbr(e)st(e)latùr(e), s.m. e Abbr(e)st(e)liatùr(e), s.m. Tostino, casseruola per abbrustolire. – Casseruola per abbrustolire caffè, orzo, ecc. chiusa in cima ma provvista di un piccolo coperchio per immettere ed estrarreil prodotto da tostare, provvista di una manovella centrale da girare continuamente per smuovere e non far bruciare  la roba da abbrustolire.
Abbr(e)st(e)lì, ùt(e) Abbrustolire,  bruscare (Reg.), come ad esempio il pane, ottenendo il pane abbrustolito: “Crùsc(e)ch(e)” Bruschetto – Per abbrustolire l’orzo si usa l”Abbr(e)st(e)liatùr(e)” 2. Arrostire, abbrustolire (reg.), bruscare – Anche: ‘Att(e)rrà’ Tostare.
Abbr(e)st(e)lì, ùt(e) Arrostire, abbrustolire (reg.), bruscare. Anche: ‘Arròst(e)’. 2. Bruscare (Reg.), abbrustolire leggermente, come ad esempio il pane, ottenendo il pane abbrustolito: “Crùsc(e)ch(e)” Bruschetto – Per abbrustolire l’orzo si usa l”Abbr(e)st(e)liatùr(e)”
Abbr(e)st(e)lì, ùt(e) Abbrustolire
Abbr(e)st(e)lì, ùt(e) e Abbr(e)sc(e)cà, àt(e) Abbrustolire.  Il pane abbrustolito dicesi: “Crùsc(e)ch(e)”. 2. Screpolare, verbo riferito per lo più alle screpolature delle labbra – M’èia abbr'(e)sc(e)càt(e) lù mùss(e) = Mi si è screpolato il muso (Le labbra)
Abbr(e)st(e)lùta Abbrustolita
Abbr(e)vià, àt(e) Abbreviare
Abbracalà, àt(e) Cascare, afflosciare, abbassare, lpendere, assare, arc. (Significato sondensato del letterale: ‘a brache calate’) – Lu casàzz(e) s’èia abbracalàt(e) rà nù làt(e) = La meta del grano si è afflosciata da un lato.
Abbracalàt(e) Afflosciato, lasso, cascato, pendente
Abbramà, àt(e) arc. Bramare, desiderare intensamente, esternare le proprie ragioni ardentemente – (Dallo Sp.: ‘bramar’ gridare ruggire, dalla radice gotica ‘braman’ ruggire)
Abbrancà, àt(e) e Abbrangà, àt(e) Abbrancare, arraffare, afferrare
Abbrancà, àt(e) e Abbrangà, àt(e) Abbrancare, arraffare
Abbrangulà, àt(e) e Abbrangulià, àt(e) Brancolare
Abbràzz(e), s.m. Abbraccio  – (Sp.: ‘brazo’ braccio)
Abbrazzà, àt(e) Abbracciare – (Sp.: ‘abrazar’ abbracciare)
Abbrìl(e), s.m. Aprile
Abbrùnz(e), s.m. Bronzo
Abbrùnz(e), s.m. e Brùnz(e), s.m. Bronzo
Abbucquà, àt(e) Abboccare, rimboccare, rabboccare, nel significato di empiere ad es. un vaso sino alla bocca. 2. Addolcire, rendere gradevole (del vino)
Abbucquamìend(e), s.m. Abboccamento, accordo univoco con più persone
Abbucquàrs(e), àt(e) Abboccarsi, accordarsi, cedere, venire a patti. 2. Incontrarsi con qualcuno in via privata, per discutere.
Abbucquàt(e), agg. Abboccato, di vino tendente al dolce
Abbucquatùra, s.f. Abboccatura, la quantità di liquido o di granaglia che serve per rabboccare fino all’orlo un recipente. 2. L’espediente di rendere dolce il vino
Abbùon(e), s.m. Abbuono, defalco, sconto
Abbùort(e), s.m. Aborto
Abbùs(e), s.m. Abuso
Abbùsc(e)ch(e), s.m. Provento, guadagno,  fruizione, ricavo. – 2. Bastonata, legnata,  – (Dal deverbale di:  ‘Abb(e)sc’kà’ buscare, ricavare)
Abbùscj(i)ch(e), s.m. Provento, guadagno, regalia
Àc(e)n(e), s.m. Acino, seme, chicco, briciola. Lat. ‘acinus’ – I semini interni all’acino d’uva: ” Ac(e)nìegghj(i)”
Ac(e)nègghia, s.f. Seme del Ricino (Albero delle Euforbiacee). Termine noto al pl.: ‘ac(e)nègghj(i)’ per indicare quelle che il contadino immette a volte, in alcuni dei propri fichi ancora da cogliere, nel proprio campo, (attraverso l’opercolo inferiore), allo scopo di provocare una diarrea agli eventuali ladri di frutta, avendo tali semi proprietà purgative.
Ac(e)nìegghj(i), s.m. Vinacciolo, semino dell’uva che si trova nell’acino. _ Quando si raccolgono dopo la spremidura dell’va formano la Vinaccia = “V(e)nàzza”
Ac(e)nùt(e), agg. Pregno, pieno, stracolmo, zeppo
Àc(e)t(e), agg. a Ànc(e)t(e), agg. Acido. – Inacidire= ‘Fà r'(e) r’anc(e)t(e)’
Ac(e)t(e)lèna, s.f. Acetilene, gas usato per lo più per ” Lampada ad ecetilene”, prodotto con il carburo di calcio “Carbùt(e)” ed acqua.
Ac(e)tà, àt(e) (arc.) e Agg(e)tà, àt(e) Agitare, rimescolare, turbare. –  N'(e)mm(e) fà ac(e)tà lù sàngh(e)! =  Non mi far rimescolare il sangue = Non turbarmi!
Ac(e)tà, àt(e) (arc.) e Agg(e)tà, àt(e) Rimescolare, agitare, turbare. –  N'(e)mm(e) fà ac(e)tà lù sàngh(e)! =  Non mi far rimescolare il sangue = Non turbarmi!
Àcc(e), s.m. Sedano, appio, (lat.: ‘apium’ – Ar.: ‘al aque’ = sedano.)
Acc(e)gliàt(e), agg. Accigliato, pensieroso, risentito
Acc(e)m(e)ntà, àt(e) e Acc(e)m(e)ndà, àt(e) Molestare, infastidire, cimentare  qualcuno, provocarlo, spingerlo ad atti inconsulti, a reazioni violente
Acc(e)m(e)ntà, àt(e) e Acc(e)m(e)ndà, àt(e) Cimentare qualcuno, provocarlo, spingerlo ad atti inconsulti, a reazioni violente, infastidire, molestare
Acc(e)mbà, àt(e) Paralizzare per irrigidimento degli arti.  – (Da ‘cioncare’ mozzare, troncare; riferito a persona: paralizzare, restare sciancato, restare storpio) – Stàtt(e) fèrm(e), acciòmba llòch(e)! = Stai fermo immobilizzati lì!  – Restare paralitico = Restare “Ciùmb(e)”
Acc(e)mentatòr(e), s.m. e Acc(e)mendatòr(e), s.m. Molestatore, provocatore (Da: cimentare qualcuno, provocare)
Acc(e)ngulà, àt(e) Assottigliare>L’. L’assottigliare, con le mani, una massa plastica ridecendola in forma oblunga
Acc(e)p(e)gghià, àt(e) e Acciap(e)gghià, àt(e) Accapigliàre, litigare.  2. Abborracciare, fare qualcosa alla peggio
Acc(e)p(e)gghià, àt(e) e Acciap(e)gghià, àt(e) Accapigliàre, litigare, baruffare
Acc(e)pì, ìt(e) e acc(e)pìsc(e), ùt(e) Fermarsi, immobilizzarsi (Verbo usato in genere come indicativo e come imperativo) – Acc(e)pìsc(e) llòch(e)! = Stati fermo lì!
Acc(e)pìsc(e), ùt(e) e Acc(e)pì, ìt(e) Immobilizzarsi, fermarsi (Verbo usato in genere come indicativo e come imperativo) – N(e)sciùn(e) vòl(e) acc(e)pìsc(e), so tùtt(e) aggitàt(e) = Nessuno vuol star fermo, sono tutti agitati
Acc(e)pp(e)nìsc(e), ùt(e) Striminzire, attrappire, contrarsi, anchilosare, paralizzare per irrigidimento degli arti – Anche: ‘Acc(e)mbà)
Acc(e)pp(e)nìsc(e), ùt(e) Anchilosare, paralizzare per irrigidimento degli arti, striminzire, attrappire, contrarsi – Anche: ‘Acc(e)mbà)
Acc(e)pp(e)nùt(e), agg. Paralizzato, anchilosato
Acc(e)prèut(e), s.m. Arciprete
Acc(e)r(e)tòria, s. f. Eccidio, strage
Acc(e)r(e)tòrija, s.f. Carneficina, strage, massacro, gran numero di uccisioni – Pl.:  ‘Accìr(e)tòrij(e)’
Acc(e)rà, àt(e) o ‘Fa là cèra, fatt(e) la c. Accerito<Mostrare di essere. Mostrare con il volto, con lo sguardo infuriato, irato. – Mà, quigghiu uagliòn(e) m’hàv(e) fàtt(e) là cèra! = Mamma, quel ragazzo mi ha guardato irato, accerito. – L’hàgg(e) affr(e)ndàt(e) p'(e) bìa e l’hagg(e) acc(e)ràt(e) brùtt(e). Hàv(e) abbasciàt(e) l’ùocch(i)! = L’ho affrontato per strada e gli ho fatto un’occiataccia. Ha abbassato lo sguardo!
Acc(e)rchià, àt(e) Accerchiare
Acc(e)rtà, àt(e) Accertare, appurare, constatare
Acc(e)ssìv(e), agg. e Accessìv(e), agg. Eccessivo
Acc(e)ttà, àt(e) Accettare
Acc(e)ttàta, s.f. Accettata, colpo di accetta
Acc(e)ttùgghj(i), s.m. Scure piccola, diminutivo di ‘Accètta’
Acc(e)vìsc(e) ùt(e) e Acc(e)vì, ùt(e) Accivire, quietare, tranquillizzare, calmarsi.  – ( Da ‘cevo’ cibo, e dallo sp.: ‘cevo’ – cibarsi in senso figurato di conforto, di incoraggiameno, di promessa. “Ma qui m’attendi, e lo spirito lasso Conforta e ciba di speranza buona (Dante)”. – Aspètta, acc(e)vìsc(e) ghiò, ròpp(e) t(e) ràch(e) rètta! = Aspètta, quietati lì, ti darò retta dopo!
Àcca, s.f. Acca. Nome della lettera H, e del segno che la rappresenta. Con uso fig., nulla, niente, nelle espressioni non saperne, non capire, non valere un’a. e sim. – N’n capìsc(e) n’àcca! =  non capisce un’acca. – (il significato nasce dal fatto che la lettera h in italiano non ha suono proprio)
Accàima, s.m. Persona cattiva, prepotente, da non fidarsi. –  (Probabile origine del termine dal basso lat.: ‘Ac at iumara’ come una fiumana, quindi: impetuoso – Quìgghj(i) è n’accàima! = Quello è un prepotemte
Accal(e)ràrs(e), àt(e) Accalorarsi, accaldarsi
Accambà, àt(e) e Accampà, àt(e) Accampare
Accampà, àt(e) e Accambà, àt(e) Accampare
Accampamènt(e), s.m. e Accambamènd(e), s.m. Accampamento
Accanìrs(e), ùt(e) Accanìrsi
Accannà, àt(e) Legna>accatastare. Accatastare la legna per essere poi misurata a ‘canne’ (vedere: ‘cànna’ unità di misura della legna)
Accannaccà, àt(e) Accollare, accollacciare, accollarsi, adornarsi di una collana
Accant(e)nà, àt(e) Accantonare, spostare, mettere da parte, appartarsi (Arr(e)pà)
Accàp(e), loc. avv. Accapo, verso l’inizio
Accap(e)zzà, àt(e) Legare una bestia (Con la “Capèzza) – A’ ciùccia accapèzzala à quìggh(i) àlber(e) = L’asina legala a quell’albero. 2. Raccapezzarsi, concludere, venirne a capo, capire, ragionare. – Quìgghj(i) n'(e)nn’accapèzza chiù = Quello non ragiona più.
Accap(e)zzà, àt(e) Raccapezzarsi, concludere, venirne a capo, capire, ragionare. – Quìgghj(i) n'(e)nn’accapèzza chiù = Quello non ragiona più – 2. Legare una bestia (Con la “Capèzza”)
Accaparrà, àt(e) Accaparrare
Accaparratòr(e), s.m. Accaparratore
Accapiglià, àt(e) Accapigliare
Accapp(e)ttà, àt(e) Incapottare, ammantare, ricoprire di vesti. Anche: ‘(i)Ngapp(e)ttà’. 2.  Capotare, rovesciarsi di un mezzo di locomozione
Accappànt(e), s.m. Sbafatore, auto invitato
Accappottà, àt(e) e Accapp(e)ttà, àt(e) arc. Accappottare, capotare, rovesciarsi di un mezzo di locomozione. 2. Incapottare, ammantare, ricoprire di vesti
Accar(e)zzà, àt(e) Accarezzare
Accar(e)zzà, àt(e) Carezzare, adulare.
Accarè, ut(e) Accadere, succedere, ricapitare. 2. Addire, confarsi, figurare, calzare
Accàrè, ut(e) Addire, confarsi, figurare, calzare. (Dal verbo ‘cadere’, cascare (bene), donare) – Quìgghiu cappìegghj(i) nn'(e) l’accàr(e) pròbbia! = Quel cappello non gli casca  proprio. 2. Accadere
Accarrà, àt(e); Travolgere, sbaragliare, investire,  buttare sotto
Accart(e)ccià, àt(e) Accartocciare
Accarte)ccià, àt(e) Accartocciare, avvolgere
Accasà, àt(e) Accasare, collocare in matrimonio, mettere su famiglia
Accasazzà, àt(e) Abbicare, accatastare, ammucchiare, (non com.) coacervare, [di covoni di grano, di paglia e sim.]. Accatastare i covoni per formare il “Casàzz(e)” = ‘Bica’ o ‘Meta’ – (Da ‘casazz(e)’ bica, mucchio > ammassare covoni, per formare una bica, catasta di covoni di grano )
Accasiòn(e), s.f. Occasione, opportunità, convenienza, circostanza
Accasiòn(e), s.f. e Occasiòn(e), s.f. Occasione, opportunità, buon affare
Accat(e)zzà, àt(e) Accatastare, ammucchiare legna in forma di carbonaia (vedere: ‘Catùozz(e)’). Per estens., porre ordinatamente oggetti uno sull’altro: impilare, accatastare, ammassare
Accatarràrs(e) Accatarrarsi, infreddarsi
Accatastà, àt(e) Accatastare, ammucchiare, ammassare, impilare. 2.  Registrare al catasto beni immobiliari
Accatt(e)và, àt(e) e Accatt(e)vìsc(e), ùt(e) Accattivare
Accàtt(o), s.m. Acquisto
Accattà, àt(e) Comprare, accattare, acquistare, procacciare. –  (Dall’ital.: ‘Cattare’ arc. e dal lat. ‘Ad captare’ – Gr.: gr. ‘ktaomai’ procurarsi).  2. Comprare un bambino
Accauzà, àt(e) Rincalzare, detto dell’operazione di rincalzo del terreno intorno alle piantine. Sìm(e) sciùt(e) à accauzà r'(e) gran(i)rìnij(e) = Siamo andati a rincalzare il (le pante di) granoturco
Accavagghià, àt(e) Accavallare, arcaico; 2. Accavallà
Accavallà, àt(e) Accavallare, anche Accavagghià, più arcaico
Accellènza, s. f. Eccellenza, eminenza
Accellènza, s.f. Eccelenza
Accellerà, àt(e) Acelerare
Accendìn(e), s.m. Accendino, accendisigari, accendigas
Accènt(e), s.m. e Accènd(e), s.m. Accento
Accèra, avv. Fronte_guardare di; Di fronte; Vedere “Cèra” – S’èra pùost(e) Accèra à sòl(e)  = S’era messo con la faccia verso il sole = Di rimpetto al sole; Li rùi hagghiùcc(i) s’Acc(e)ràvan(e) = I due galletti si scrutavano uno di fronte all’altro
Accertamènd(e), s.m. e Accertamènt(e), s.m. Accertamento
Accèss(e), s.m. Ascesso
Accètta, s.f. Accetta, scure. (Dal fr: ‘Hascette’ piccola ascia) – Piccola scure: ‘Acc(e)ttùgghj(i)’
Acceziòn(e), s.f. Eccezione
Acchià, àt(e) Cercare, ricercare. – Mà mò chè bbài acchiànn(e)? = Adesso cosa vai cercando? 2. Trovare, rinvenire, scoprire, cogliere – (Da: ‘aucchià’ adocchiare, scoprire, rinvenire qualcosa che balza agli occhi).
Acchià, àt(e) e tr(e)và, àt(e) Trovare, rinvenire, scoprire, cogliere. –  (Da: ‘aucchià’ adocchiare, scoprire, rinvenire qualcosa che balza agli occhi). – A’gg(e) acchiàt(e) n’aur(e)cchj'(i)n(e) p'(e) tèrra = Ho trovato un orecchino per terra. 2. Cercare, ricercare
Acchiàl(e), s.m. Occhiale
Acchianà, àt(e) Montare, salire, ascendere 2. Appianare, spianare.  (da Lat.:  ‘adplanare ‘ giungere al piano di sopra)
Acchianà, àt(e) Appianare, spianare.  2. Salire, montare, ascendere.  (da Lat.:  ‘adplanare ‘ giungere al piano di sopra)
Acchianàta, s.f. e Acchianatòra, s.f. e (i)Nghianàta, s.f. Ascesa, salita, erta, costa, scalata
Acchianatòra, s.f. e Acchianàta, s.f. Erta, costa, scalata, ascesa, salita
Acchianatùr(e), s.m. Salitoio, naturale o artificiale anche per montare sulle cavalcature
Acchiarì, ùt(e) e Chiarì, ùt(e) Illimpidire, schiarire, divenire limpido, chiarire
Acchiàrs(e) lù zìt(e) / a. là zìta e Fidanzàrs(e), àt(e) Fidanzarsi
Acchièll(e), s.m. e Occhièll(e), s.m. e Acchiètt(e), s.m. arc. Occhiello, asola
Acchiètt(e), s.m. arc. e Occhièll(e), s.m. Occhiello, asola
Acchiètta, s.f. arc. Coppietta, coppia. –  (Dim. Di ‘Cocchia’ coppia, col significato anche di: compagnia)
Acchìtt(e), s.m. Stato, situazione, momento – Ìì(e), à prìm(e) acchìtt(e) n'(e)n (i)ng'(e) facìett(e) càs(e) = Io in un primo momento non ci feci caso. 2.Attrezzatura, corredo, bagaglio, tutto quello che occorre acquisire ed approntare prima di realizzare qualcosa. 3. Acchito, la messa in posizione della palla da biliardo, a propra volontà, prima di iniziare la partita; La vestizione del mietitore con gli attrezzi adeguati, quali un cappello per il sole, grembiule per riparare le ginocchia, le ‘Cannègghie’ per non ferirsi le mani, ecc. 4. Disposizione, preparazione, addobbo
Acchìtt(e), s.m. Acchito, la messa in posizione della palla da biliardo, a propra volontà, prima di iniziare la partita; La vestizione del mietitore con gli attrezzi adeguati, quali un cappello per il sole, grembiule per riparare le ginocchia, le ‘Cannègghie’ per non ferirsi le mani, ecc. 2. Stato, situazione, momento. 3.Attrezzatura, corredo, bagaglio, tutto quello che occorre acquisire ed approntare prima di realizzare qualcosa. 4. Disposizione, preparazione, addobbo
Acchittà, àt(e) e acchittàrs(e) àt(e) Corredare, attrezzarsi, procurarsi il necessario e tutto quanto occorre prima di accingersi a realizzare qualcosa. 2. Acchitàre o acchitarsi, posizionare la palla da biliardo, a propria volontà, prima di giocare; vestire il mietitore con gli attrezzi adeguati,  quali un cappello per ripararsi dal sole, il grembiule per riparare le ginocchia, le ‘Cannègghie’ per non ferirsi le mani, ecc. 3. Disporre, preparare
Acchittà, àt(e) e acchittàrs(e) àt(e) Disporre, preparare. 2 Corredare, attrezzarsi, procurarsi il necessario e tutto quanto occorre prima di accingersi a realizzare qualcosa. 3. Acchitàre o acchitarsi, posizionare la palla da biliardo, a propria volontà, prima di giocare; vestire il mietitore con gli attrezzi adeguati,  quali un cappello per ripararsi dal sole, il grembiule per riparare le ginocchia, le ‘Cannègghie’ per non ferirsi le mani, ecc.
Acciabbattà, àt(e) Acciabattare, abborracciare, fare qualcosa alla peggio
Acciabbattà, àt(e) e Arr(e)nzà, àt(e) Acciabattare, arronzare, lavorare in fretta e alla peggio, abborracciare, raffazzonare
Acciaccà, àt(e) Acciaccare, ammaccare
Acciaccàglia, s.f. Bargiglio, singola appendice carnosa del gallo. Plurale: “Acciaccàgl(i)”.
Acciàcch(e), s.m. Acciacco
Acciaccùoglj(i), s.m. Cianfrusaglia, bazzecola, bigiotteria, orecchino, pendente. Plurale: “Acciaccùoglj(i)”. (Sp. ‘chocallos’: pendenti di oro)
Acciaffà, àt(e) Afferrare, aggranfiare, prendere, rubare – (Da: addentare, prendere con la bocca, dall’antico italico: ‘ceffare’, da: ‘ceffa’, come usa fare il cane ed altre bestie  – (ETYMOLOGICUM SICULUM di JOSEPH VINCI – Ex Regia Typographia FRANCISCI GAIPA – MESSANAE MDCCLIX, alla voce: “acciaffari”- Anche in: PARNASO ITALIANO vol. II – Venezia 1819 TIPOGRAFIA ANDREOLA pag. 328 1^ terzina: …Scoccoveggiato: è egli sempre in casa; Si misse lima sorda, che le ceffa. Nella relativa nota a fondo pagina, si precisa: Le ceffa = le ruba.)
Acciam(e)rriàt(e), s.m. Raffreddato, ammalato di cimurro (“Ciamùorrij(e)”).
Acciam(e)rsà, àt(e) Ammorsare, stringere,  serrare, comprimere
Acciamb(e)ttà, àt(e) Rimestare, mischiare, rimestolare, ridurre a poltiglia (Ciambòtta)
Acciapigghià, àt(e) Baruffare, accapigliare, litigare concitatamente. – Anche: ‘Acc(e)p(e)gghià’
Acciàppa, s.f. Punto metallico, graffa, per suturare una ferita, per cucire insieme dei fogli, ecc.
Acciappètta, s.f. Gancetto metallico, graffa metallica per unire, bottoncino metallico (maschio e femmina) ad uso sartoriale, per abbottonare. – (Da: ‘chiappare’ dal lat. ‘capŭlare’, der. di capŭlus «cappio» lo stesso e più pop. che acchiappare; quindi afferrare) – Ù mìer(e)ch(e) aàv(e) pùost(e) trè acciappètt(e) (i)ngimma à na còssa = Il medico gli ha messo tre graffe metalliche di sutura sulla coscia. 2. Scarabocchio, appunti scritti alla meglio, firma illegibile.
Acciappètta, s.f. Scarabocchio, appunti scritti alla meglio, firma illegibile. – Fàmm(e) ròi acciappètt(e) (i)ngìmma à stà càrta, accussì tèngh(e) nà càrta scrìtta = Fammi un appunto su questo pezzo di carta, così mi resta un documento scritto.  2. Gancetto metallico, graffa metallica per tenere unito, bottoncino metallico (maschio e femmina) ad uso sartoriale, per abbottonare.
Acciavattà, àt(e) Acciabattare. Fare le cose alla peggio, in fretta e male, come viene viene, in modo trascurato e grossolano
Accidènt(e), s.m. Accidente, grave malore
Accìess(e) mij(e)!, loc. O Gesù mio! – esclamazione di dolore o di meraviglia. (Da: ah ‘Gìes(e)’ mij(e)! = ah Gesù mio!)
Acciocchè, avv. Affinchè
Accìr(e), ìs(e) Uccidere, annoiare, affaticarsi, distruggere – s’accìr(e) r(e) fatìa = si distrugge dalla fatica
Accìs(e), agg. Ucciso. 2. Stanco, sfinito
Accìs(e), agg. e Stàngh(e), agg. e Stàngh(e), agg. Sfinito, stanco – Sin: ‘Accìs(e)’ (ucciso) – (Dal lat. ‘accisus’ = consumato,
ucciso)
Acclìss(e), s.m. e Ecclìss(e), s.m. Eclisse
Accòglj(e), accùov(e)t(e) e Còglj(e), cùov(e)t(e) Accogliere, ricevere (bene o male) fare accoglienza. 2. Cogliere, raccogliere.
Accòrg(e)s(e), accòrt(e)s(e) Accorgersi, avvedersi, rendersi conto, scoprire
Accòrr(e), accùrs(e)/accùors(e) Bisognare. 2. Occorrere. 3. Accorrere
Accòrr(e), accùrs(e)/accùors(e) Accorrere, spostarsi velocemente verso qualcuno. 2. Occorrere. 3. Bisognare
Accòrr(e), accùrs(e)/accùors(e) Occorrere.  Chè t’accòrr(e)? = cosa ti occorre?. 2. Accorrere
Accort(e), agg. e Accùort(e), agg. Accorto, sagace, avveduto, attento
Accòv(e)ta, s.f. Raccolta
Accr(e)r(e)tà, àt(e) Accreditare
Accramà, àt(e) Acclamare, nel senso di dimostrare amicizia, avere caro
Accravaccà, àt(e) Accavalcare
Accrèsc(e), ùt(e) Accrescere, aumentare
Accrianzàt(e) Accreanzato
Accucc(e)lià, àt(e) Coccolare, carezzare
Accucchià lì pìer(e), àt(e) li p. Morire, (ricorda come le gambe vengono sistemate nella bara)
Accucchià, àt(e) Raccogliere, raggranellare, accozzare, (da cui prende il nostro termine dialettale) rimediare, ottenere con fatica e alla meglio
Accucchià, àt(e) Accoppiare, mettere insieme, riunire, mettere insieme un discorso con difficoltà, unire in matrimonio, racimolare (Da Lat. ‘ad copulare’ congiungere). – Pà fèsta rà Marònna hàmm(e) accucchiàt(e) già cingh(e)mìla èur(e) = Per la festa della Madonna abbiamo messo insieme già cinquemila euro . 2. Rappresentare,  ragionare, concludere
Accucchià, àt(e) Rappresentare, concludere, ragionare – (Dal concetto dell’accoppiare le idee- Chè m’accùocchj(i)? = Cosa vuoi concludere? (Da Lat. ‘ad copulare’ congiungere, deriv. da  ‘copulam’ legame). 2. Accoppiare, mettere insieme, riunire, racimolare
Accucchià, àt(e) e Cunnètt(e) cunn(e)ttùt(e) Accoppiare, appaiare, riunire, connettere, mettere insieme. – Tù hàia cunnètt(e) st'(e) quàtt(e) tàv(e)lègghj(i) e fài à curnìc(e) = tu devi connettere queste quattro tavolette e costruisci la cornice. 2. Accozzare, infilzare, mettere insieme un pensiero – (Ìi accocchj(i), tu accùocchj(i,) ìgghj(i) accòcchia, ecc.) – (Dal lat, ‘ad-copulare’) – (Pasc(e)càl(e) n’n’accòcchia chiù = Pasquale non connette più)
Accucchiàt(e), agg. e (i)Ncòppia, agg. In coppia, accoppiato
Accucchiàt(e), agg. e (i)Ncòppia, agg. Coppia>In. In coppia
Accucchiàta, s.f. Accoppiata
Accucciàrs(e), àt(e) Accucciarsi, rannicchiarsi
Accucciàt(e), agg.  e  Cuccio, agg. Accucciato, coricata, floscio, giacente, piegato, basso, floscio. – U’ càn(e), sapènn(e) cà avìa fàtt(e) nà còsa brùtta, s'(e) r(e)t(e)rà cù r’aurècchj(i) cùcc(e)! = Il cane, sapendo di aver fatto una brutta cosa, rientrò con le orecchie basse.
Accucculàrs(e), àt(e) e (i)Nguculàrs(e), àt(e) e (i)nguculiàrs(e); àt(e) Accosciarsi, accoccolarsi, accucciarsi. Piegarsi sulle ginocchia quasi sedendosi sui calcagni, accosciarsi – Anche “(i)Ngulà”
Accucculiàrs(e), àt(e) Accovacciarsi, accoccolarsi, accucciarsi
Accugliènza, s.f. Accoglienza
Accuità, àt(e) e Cuità, àt(e) Calmare, acquietare, rappacificare – Ù criatùr(e) n’n(e) chiàng(e) chiù, s’èia accuitàt(e) = Il bambino non piange più, s’è acquietato. –  (Dal lat. tardo quietare o quietari, der. di quietus «quieto», porre in quiete, calmare)
Accuità, àt(e) e Cuità, àt(e) Rappacificare, quietare, calmare – Pasc(e)càl(e) s’èia cui(e)tàt(e) cù là miglièr(e) = Pasquale si è rappacificato con la moglie. – (Dal lat. tardo quietare o quietari, der. di quietus «quieto». – Sp.: ‘cuidar’ aver cura, proteggere)
Acculazzà, àt(e) e (i)Ngulazzà, àt(e) Approssimare, accostare un veicolo a qualcosa, con la parte retrostante (Vedi: “Culàzza”)
Acculazzà, àt(e) e (i)Ngulazzà, àt(e) e Acculazzà, àt(e) Accostare, approssimare un veicolo a qualcosa, con la parte retrostante (Vedi: “Culàzza”)
Accullà, àt(e), agg. Accollare, mettere sul collo, prendere sopra di se un lavoro, una responsabilità
Accullà, àte e Accannà, àt(e). Accollacciàre, accollàre
Accullàt(e), agg. e Accannàt(e), agg. Accollacciato, accollato
Accullì, avv. Cosà, in altro modo di ‘accussì’ così
Accumbagnà, àt(e) e Accumpagnà, àt(e) Accompagnare
Accumm(e)nì, ùt(e) Acconsentire, concordare, accettare, convenire, addirsi – (da ‘cumm(e)nì’, convenire, riunirsi)
Accumm(e)nìsc(e), ùt(e) Convenire, partecipare. – (da ‘cumm(e)nì’ convenire, riunirsi)
Accumm(e)nzà, àt(e), àt(e) Incominciare, cominciare, iniziare, intraprendere
Accumm(e)tà, àt(e) Accomodarsi, mettersi, a sedere, a gradire qualcosa, ecc.  2. Accomodare, aggiustare, sistemare, risolvere (arc.) – A’ pràt(e)ca èia stata accumm(e)tàta – La pratica è stata accomodata, è andata a buon fine.
Accumm(e)tà, àt(e) Accomodare, aggiustare, sistemare, risolvere (arc.) – A’ pràt(e)ca èia stata accumm(e)tàta – La pratica è stata accomodata, è andata a buon fine. 2. Accomodarsi, mettersi, a sedere, a gradire qualcosa, ecc..
Accumpagnà, àt(e) e Accumbagnà, àt(e) Accompagnare
Accumpagnamènt(o), s.m. Accompagnamento, riferito spesso alle persone che accompagnano il feretro ad un funerale
Accuncià, àt(e) Acconciare, accomodare, abbellire
Accùnd(e), s.m. e Accùnt(e), s.m. Avventori, clientela – ( Lat.: ‘ Accognitus’ – Tèn(e) parècch(i) accùnt = ha molti clienti 2. Acconto, liquidazione in conto 3. Da conto, tener conto
Accùnd(e), s.m. e Accùnt(e), s.m. In conto, in considerazione. 2. Avventori, clientela  3. Acconto, liquidazione in conto 3.
Accund(e)né, accund(e)nùt(e) Desiderare >Farsi. Farsi desiderare, farsi volere, farsi pregare, farsi importante, mostrarsi con sufficienza, avere presunzione – S'(e) crèr(e) chì sa chì è, s'(e) fàc(e) pùre accund(e)né = Crede di essere chissà chi, si fa pure pregare
Accundandà, àt(e) e Accundantà, àt(e) Accontentare
Accunn(e)scènn(e), ùt(e) Accondisendere
Accunsènt(e), ùt(e) Acconsentire
Accùnt(e), s.m. e Accùnd(e), s.m. Acconto, liquidazione in conto – Tù, prìma, ràll(e) n’accùnt(e) = Tu, prima, dagli un acconto. 2. Clientela, avventori. 3. Da conto, tener conto.
Accunt(e)nè, Pregare,
Accunt(e)né, ùt(e) Sussiegoso, comportamento rigido ed altezzoso, s(i) fàc(e) accunt(i)né = si fa pregare mostrandosi sussiegoso, rigido.
Accuntandà, àt(e) e Cuntandà, àt(e) Accontentare, soddisfare, contendare
Accuntantà, àt(e) Accontentare
Accuntantàrs(e), àt(e) e Accuntandàrs(e), àt(e) Accontentarsi
Accunz(e)ndì, ùt(e) e Accunzènd(e), ùt(e) Acconsentire
Accunzà, àt(e) arc. Assumere, occupare, impiegare, sistemare. mandare il figlio a lavorare come pastore – 2. Aggiustare, sistemare, riparare. – (Dalla base lat. ‘concinno, às’  acconciare, aggiustare, sistemare. Esattamente da: ‘ad – concinnare’ > ‘accunzà’ col significato di sistemarsi dal punto di vista lavorativo)
Accùonc(e), agg. e accùong(e), agg. e accùonz(e), agg. Acconcio, ordinato, grazioso, garbato, a modo –  Accùonc(e)_Accùonc(e) = Piano piano, con bei modi.
Accùord(e), s.m. Accordo
Accùort(e), agg. e Accòrt(e), agg. Accorto, sagace, avveduto
Accùov(e)t(e), agg. Accolto, radunato, riunito insieme
Accupà, àt(e) arc. e Occupà, àt(e) Occupare, invadere, tenere un posto
Accupàrs(e), àt(e) arc. e Occupàrs(e), àt(e) Applicarsi, occuparsi, interessarsi, accudire, mimpiegarsi
Accupp(e)lià, àt(e) Colmare, riempire oltre l’orlo. Vedi anche “Accurmà”
Accupp(e)liàt(e), agg. Colmo, traboccante, colmato a forma di cumulo – (Da ‘còpp(e)la’ berretto, fatto a forma di c.)
Accuppà, àt(e) Accoppare, uccidere
Accuppià, àt(e) Accoppiare, abbinare, appaiare
Accuppiàt(e), agg. Accucchiàt(e), agg. Coppia>In. In coppia
Accurcià, àt(e) Accorciare, scorciare, ridurre la lunghezza, in genere di vestiti – anche ad es: l’atto di rimboccarsi le maniche
Accurcià, àt(e) Rimboccare le maniche di vesti, di pantaloni, accorciare, ridurre
Accurciatòra, s.f. Scorciatoia
Accurdà, àt(e) Accordare, concedere, concordare, accordare alla meglio uno strumento musicale. 2. Regalare qualcosina in genere ai bambini – hàv(e) accurdàt(e) lù criatùr(o) = ha dato un regalino al bambino
Accurdà, àt(e) Regalare qualcosina in genere ai bambini – hàv(e) accurdàt(e) lù criatùr(o) = ha dato un regalino al bambino. 2. Accordare, concedere, concordare, accordare alla meglio uno strumento musicale
Accurì, ìt(e) Accudire
Accurmà, àt(e) Colmare, riempire oltre l’orlo del recipiente – Vedi Accurmatòra
Accurmatòra, s.f. Colmatura, oltre il bordo di un recipiente. Parte di materiale che serve per colmare un recipiente oltre il suo bordo (a forma di cumulo);  vedi ‘Accurmà’
Accurrènt(e) Occorrente
Accurrènza, s.f. Occorrenza
Accurrènza, s.f. e Occorrènza, s.f. Occorrenza
Accùrt(e)<M'(e)nàrs(e). M'(e)nàrs(e) accùrt(e), m(e)nàt(e) accùrt(e) Scorciatoia<Prendere la.
Accurtà, àt(e) Accortare, accorciare, ridurre la lunghezza. (Sp.: ‘Encurtar’)
Accurtatòra, s.f. Scorciatoia, la via che fa “Accurtà” = Accorciare
Accurtènza, s.f. Diligenza, vigilanza, attenzione
Accurtèzza, s.f. Accortezza
Accurtigghià, àt(e) Accoltellare
Accuscjàrs(e), àt(e) e Cuscjàrs(e), àt(e) Accosciarsi, accoccolarsi, accucciarsi. Piegarsi sulle ginocchia quasi sedendosi sui calcagni, accosciarsi. – Anche “(i)Ngulàrs(e)”
Accussì, avv. e cong. e Cussì, avv. e cong. Così. Variante di cussì, dal lat.: ‘eccum sic’ ecco
così (contratto).
Accùst(e)màt(e) Educato, costumato, di buoni costumi
Accustà, àt(e) Accostare, avvicinare, abbinare
Accuvà, àt(e) Accovare  arc., nascondere, nascondersi. – (Da: ‘covo’ a sua volta da ‘covare’ > coprire > nascondere)
Accuvàrs(e), àt(e) Nascondersi, accovarsi, arc.
Accuvatùr(e), s.m. Nascondiglio, 2. Nascondino, gioco del nascondino. – (Da: da ‘covo’ a sua volta da ‘covare’, coprire, essere coperto)
Accuvatùr(e), s.m. Nascondino, gioco del nascondino. 2. Nascondiglio. – (Da: da ‘covo’ a sua volta da ‘covare’, coprire, essere coperto)
Àch(e), s.m. Ago (Dalla radice indoeuropea ‘Ak’ aguzzo – dal lat. Acus)
Àch(e), s.m. Ago (Dal lat.: ‘acus’)
Acìerb(e), agg. e “N'(e)nnèia fàtt” agg. Immaturo, acerbo, aspro.  Oppure: “Non è fatto (maturo)”
Acìt(e), s.m. Aceto
Acìzz(e), agg. Inacidito, acidulo, acido –  R(e) mìer(e) èra r(e)v(e)ntàt(e) acìzz(e) il vino era inacidito
Acqua cìtta, s.f. e Acquàra, s.f. Guazza, rugiada, brina
Àcqua lùc(e)da, s.f. Liquido prespermatico trasparente (Secreto ex libidine)
Àcqua r'(e)…+ . . .; s.f. Decotto, tisana, infuso (Acqua di . . .+ . . .) –  Pìgliat(e) n'(e) pòch(e) r’acqua r'(e) màlv(e) = Prendi un po’ di tisana di malva
Àcqua, s.f. Acqua
Acquaglià, àt(e) Rimpinzare, saziare (da: riempirsi “Ù  quàgl(i)” sinonimo di stomaco)
Acquagliàrsi, àt(e) Saziarsi, godere; – S’acquagiàva r(e) r(i)sàt(e) = Si sbellicava dalle risate, si saziava dal ridere
Acquaiùol(e), s.m. Acquaiolo, colui che porta l’acqua, per lavoro
Acqualòtta, s.f. arc. Acqua di fiume o sorgente ove si usava lavare i panni
Acquanèv(e), s.f. Nevischio misto ad acqua piovana. Primi fiocchi che si formano durante una pioggia
Acquàra, s.f. e Acqua cìtta, s.f. Rugiada, guazza, brina
Acquasàla, s.f. Zuppa di pane ottenuta versandoci sopra acqua salata bollente, condita con olio fritto, aglio e peperoncino. Volendo arricchirla si aggiunge un uovo, cotto nella stessa acqua.
Acquasànda, s.f. Acquasanta
Acquasandìera, s.f. Acquasantiera,recipiente destinato a contenere l’acqua santa
Acquattàrs(e), àt(e) e Agguattà, àt(e) Acquattarsi, accovacciarsi, metteresi quatto. – Quatto quatto = (“Uàtt(e) uàtt(e)”)
Acquavìta, s.f. Acquavite, liquore
Acquìst(e) Acquisto
Adattà, àt(e) e Arattà, àt(e) arc. Adattare, confarsi
Add(e)bb(e)lì, ùt(e) Indebolire
Add(e)bb(e)tà, àt(e) Addebitare
Add(e)bbià, àt(e) Anestetizzare, narcotizzare, anestetizzare con oppio (Dall’ italiano alloppiare)
Add(e)l(e)rà, àt(e) Addolorare
Add(e)l(e)ràta, s.f. Addolorata
Add(e)lcì, add(e)lciùt e Addòlc(e), add(e)lciùt Dolcificare, addolcire
Add(e)lcì, ùt(e) Addolcire
Add(e)mà, àt(e) arc. e App(e)ccià, àt(e) Incendiare, accendere, appiccare. – (Add(e)mà: dall’it. arc.: allumare = illuminare.  Giovanni Campulu, “Libru de lu dialagu de sanctu Gregoriu”, anni 1302-37: et in killa hura mideme le lampe de la ecclesia, le quali eranu ammortati, foru allumate…) – Usato anche: ‘App(e)zz(e)cà’ Arc.
Add(e)mm(e)rà, àt(e) Tardare, indugiare, attendere,  ritardare il fare qualcosa (Dal Lat. ‘demorari’ indugiare, trattenersi, più il pref. ‘ad’); Mà ffàtt(e) add(e)mm(e)rà n’òra = Mi ha fatto stare fermo un’ora – Tàta n’n  add(e)mòra mài quànn(e) m’aspètta e ìj(e) fàzz(e) tàrd(e) = Papà non mi attende mai quando mi attende ed io faccio tardi
Add(e)mmànn(e), s.m. Richiesta, in genere di fidanzamento, di ordine finanziario, ecc.
Add(e)mmannà, àt(e) Domandare, chiedere
Add(e)nàrs(e), àt(e) Accorgersi, avvedersi, rendersi conto, scoprire, dare un’occhiata, indagare. – (Dal lat.  ‘ad-noscere’ venire a conoscenza, da cui ‘adnotatus’ che per metatesi può essersi modificato in ‘adonato’ e quindi nel nostro ‘add(e)nàt(e)’.
Và t’addòna chè stànn(e) facènn(e) = Vai a renderti conto cosa stanno facendo. -2. Atto sessuale.  Termine usato anche per alludere all’atto sessuale: “S’è add(e)nàta cu lù marìt(e)” = Ha avuto un rapporto sessuale con il marito
Add(e)nàrs(e), àt(e) Atto sessuale. Termine usato anche per alludere all’atto sessuale: “S’è add(e)nàta cù lù marìt(e)” = Ha avuto un rapporto sessuale con il marito. 2 Accorgersi, avvedersi, rendersi conto, dare un’occhiata, indagare
Add(e)nàta, s.f. Visita, ispezione, sopralluogo, capatina, salto
Add(e)rà, àt(e) Odorare, sentire odore, profumare, mandare odore
Add(e)rmì, ùt(e) e Addòrm(e), ùt(e) e Add(e)rmìsc(e), ùt(e) Addormire, addormentare, assopirsi, prender sonno, insonnolirsi
Add(e)rmìsc(e), ùt(e) e Add(e)rmì, ùt(e) e Addòrm(e), ùt(e) Addormentare, addormire, assopirsi, prender sonno, insonnolirsi – (Lat.: ‘addormiscere’)
Add(e)rmùt(e), agg. Addormentato, pigro, inattivo, indolente
Add(e)v(e)nà, àt(e) e Ndovinà, àt(e) Predire, indovinare, prevedere, azzeccare
Àdda = Ha da Deve, deve succedere, accadrà. (Alla lettera: ha da (fare qualcosa); Crài àdda chiòv(e) = Domani pioverà
Addèsa, avv. Pressappoco, quasi, per adesso, per il momento, per ora (fino al momento presente o fino a che le circostanze non mutano – (Dai vari significati di ‘adesso’).)
Addìj(e), s.m. e  inter. Addio, separazione, 2. Saluto affettuoso
Addòbbia, s.f. Anestetico, farmaco producente anestesia (Da alloppio, variante arc. e reg. di oppio)
Addòlc(e), add(e)lciùt e Add(e)lcì, add(e)lciùt Addolcire, dolcificare
Addòr(e), s.m. Odore (Lat. ‘Audor’)
Addoraziòn(e), s.f. Adorazione
Addòrm(e), ùt(e) e Add(e)rmì, ùt(e) e Add(e)rmìsc(e), ùt(e) Assopirsi, prender sonno, insonnolirsi, addormentare, addormire – (Lat.: ‘addormiscere’)
Addr(e)zzà, àt(e) Raddrizzare, raddrizzarsi, rimetter dritto, raddrizzarsi, aggiustare, correggere
Addr(e)zzà, àt(e) Drizzare, raddrizzare; Addrìzza ssù fìerr(e) f(e)làt(e)! = Raddrizza codesto fil di ferro! Addrìzza r’aurècchj(i)! = Drizza le orecchie! – Addr(e)zzà ghÌòss(e)  = Raddrizzare le ossa = Bastonare
Addùc(e), ùtt(e) Addurre (lat. Adduco, is), condurre, portare con se, arrecare, produrre, trasportare a noi ;  (lat.: Adduco, is)  – Addùc(e)’n (e) = Porta a noi (Sì vài fòr(e) addùc(e)n(e) quàcche m(e)lègghia = Se vai in campagna portaci qualche mela); oppure “Porta noi” (Addùc(e)n(e) cù tìch(e)= Portaci con te.
Adducà, àt(e) ?? Educare
Addulurà, àt(e) Addolorare
Aèreh(e), s.m. e Apparècchj(i), s.m. arc. Velivolo, aereo, aeroplano
Aèreh(e), s.m. e Apparècchj(i), s.m. arc. Velivolo, aereo, aeroplano
Aff(e)bb(e)ià, àt(e) Affibiare
Aff(e)là, àt(e) Affilare, mettere in fila. 2. Assottigliare. 3. Arrotare, dare il filo alle lame
Aff(e)là, àt(e) Arrotare, dare il filo alle lame 2. Assottigliare. 3. Affilare, mettere in fila
Aff(e)là, àt(e) Assottigliare. 2. Arrotare, dare il filo alle lame. 3. Affilare, mettere in fila
Aff(e)latùr(e), s.m. Affilatoio, attrezzo manuale a forma di bastoncino per affilare lame di coltelli falci, ecc.
Aff(e)mm(e)cà, àt(e) Affumicare
Aff(e)nà, àt(e) Affinare, assottigliare
Aff(e)nnà, àt(e) Affondare, sprofondare, infossare
Aff(e)nnà, àt(e) Affondare
Aff(e)nnà, àt(e) Affondare
Aff(e)quà, àt(e) e Mètt(e) à fòqua, m(e)ttùt(e) a.f. Strozzare, mettere la strozza (fòqua)
Aff(e)rà, àt(e) Affidare
Aff(e)rrà, àt(e) Afferrare, abbrancare, aggranfiare
Aff(e)rrà, àt(e) Afferrare – Anche ‘Rà a’rmàn(e)’
Aff(e)ssà, àt(e) Affossare
Aff(e)ttà, àt(e) Affettare, anche: ‘F(e)gghià’ arc.  2. Affittare, fittare. 3. Vedere, intravedere, fissare
Aff(e)ttà, àt(e) Affittare, fittare. – (Dal class. lat.: ‘fixus’  fermato, fitto (prezzo fermato). 2. Vedere, intravedere, fissare. 3. Affettare
Aff(e)ttà, àt(e) Vedere, intravedere. – (Da:  ‘fìtta’ fisso, che non si sposta + il verbale ‘à’ are, per: fissare, vedere) – E’ia tropp(e) lundàn(e), n'(e)n s’affìtta nìend(e) = E’ troppo lontano non si vede nulla. 2. Fittare, affittare. 3. Affettare
Aff(e)ttuàrij(e), s.m. Affittuario
Aff(e)zz(e)inà, àt(e) Affezionare,
Affàbb(e)l(e) Affabile
Affabbèt(e), s.m. arc. e Alfabbèt(e), s.m. Alfabeto
Affaccià, àt(e) Affacciare, sporgere
Affamà. àt(e) Affamare
Affannà, àt(e) e Affannàrs(e), àt(e) Affannare, affaticarsi molto
Affannùs(e), agg. Affannoso
Affat(e)cà, àt(e) e Affat(e)hà, àt(e) Affaticare – S’èia tròpp(e) affàt(e)càt(e)  = Si è troppo affaticato
Affat(e)hàt(e), agg. Affaticato, stanco
Affàtt(e), avv. Affatto, assolutamente. 2. Abituato, assuefatto
Affàtt(e), avv. Abituato, assuefatto (Arcaico). 2. Affatto
Affaunià, àt(e) Accalorarsi, accaldarsi stancarsi, sudare
Affènn(e), s.f. Offendre
Affètt(e), s.m. e Effètt(e), s.m. Effetto, risultato, conseguenza. 2. Affetto, affezione, attaccamento
Affètt(o), s.m. Affetto, affezione, attaccamento 2. Effetto, risultato, conseguenza
Affettivamènt(e), avv. e Affettivamènd(e), avv. Effettivamente, veramente
Affiatamend(e), s.m. Affiatamento, l’affiatare, l’affiatarsi
Affiatamènd(e), s.m. Affiaramento, intesa
Affiatàrs(e), àt(e) Affiatàrsi, familiarizzare, accordarsi (con alcuno)
Affiatàrs(e), àt(e) Affiatare. Fare che due o più persone s’intendano fra loro. Più comune l’intr. Pron. Affiatarsi, acquistare familiarità, accordo, fusione
Affìn(e), prep. Fino, fino a … – Arrìva affìn(e) à l’O’fat(e) = Arriva fino all’Ofanto – Affìn(e) à chì ròrm(e) nnù lù scunzà = Fino a che dorme, non lo disturbare
Affìtt(e), s.m. Affìtto, fitto
Affìtt(e), s.m. Fitto, affitto
Afflìgg(e), afflìtt(e) Affliggere
Afflìgg(e), ìtt(e) Affligere
Affòrza, avv. Forzatamente, obbligatamente, di necessità
Affr(e)ndà, àt(e) e Affr(e)ntà, àt(e) Affrontare, far fronte. – locuz.  2, incontrare, trovare, convegno, appuntamento (Anche: ‘(i)Ncundrà’) – La loc. ‘ Scìrs(e) affr(e)ntà’ è sinonimo di convegno amoroso. – (Dal lat.: ‘adfrontare’ incontrare)
Affr(e)ntà, àt(e) e Affr(e)ndà, àt(e) Incontrare, trovare, convegno, appuntamento (Anche: ‘(i)Ncundrà’). – La loc. ‘ Scìrs(e) affr(e)ntà’ è sinonimo di convegno amoroso.  2. Affrontare, far fronte
Affr(e)ttàrs(e), àt(e) Affrettarsi, spicciarsi. Usato anche: “Taccunià” = Camminare spedito, (Da alzare velocemente i tacchi)
Affrahà, àt(e) Arrochire, rendere la voce roca. – (Dal lat. parlato ‘fragare’ rompere, far rumore, tratto da ‘fragor’ rumore) – M’èia affrahàta là vòc(e) = Mi si è arrochita la voce
Affrahàt(e), agg. Rauco, rotto, raffreddato – (Dal lat. parlato ‘fragare’ rompere, far rumore, tratto da ‘fragor’ rumore) – Tèn(e) à vòc(e) affrahàta = Ha la voce rotta
Affrancà, àt(e) Affrancare
Affratànd(e), avv. . e Fratànd(e), avv. Frattanto, nel medesimo tempo. anche: (A’ ù tìemb(e) stèss(e))
Affratànd(e), avv. e Fratànd(e), avv. Frattanto
Affratànt(e), avv. e Fratànt(e), avv. Frattanto
Affrònt(e), avv. e Affrònd(e), avv. Di fronte, di rimpetto  2. Affronto, offesa, provocazione
Affrònt(e), s.m. Affronto, offesa, provocazione. 2. Di fronte
Affuquà, àt(e) Strangolare con le mani, affogare, strozzare, o solamente soffocare.  2. Arraffare, far sparire. 3. Divorare. 4 Restare soffocato per non poter mandare giù il cibo ingoliato. – (Dall’etimo di “affogare” dalla rad. Lat.: ‘faux’ acc.: ‘faucem’ far morire chiudendo le fauci)
Affuquà, àt(e) Arraffare, far sparire. 2. Strangolare con le mani, affogare, strozzare, o solamente soffocare.. 3. Divorare. 4 Restare soffocato per non poter mandare giù il cibo ingoliato
Àfij(e), s.m. Parapetto, su dirupi o dislivelli in genere (L’origine germanica del termine ‘Gaifus’ che in più parti d’italia aveva il significato di balcone, soppalco, da cui potersi affacciare – Germanismi Editi. . .di Giovanna Princi Braccini – oppure dall’arabo: ‘hafr’ fosso, scavo, incisione)
Àgg(e), s.m. Agio
Agg(e)ndà, àt(e) e Agg(e)ntà, àt(e) Aggiuntare, riunire
Agg(e)ndùra, s.f. e G(e)ndùra, s.f. Aggiuntatura, unione, giuntura
Agg(e)rà, àt(e) Girare – anche: ‘Agg(e)rà’. 2. Giurare
Agg(e)rà, àt(e) e G(e)rà, àt(e) Girare, anche: ‘G(e)rà’, àt(e) e ‘V(e)tà’ = Voltare, girare. 2. Rivoltare le granaglie sparse su di una coperta per asciugarle al sole, strisciando i piedi, facendo su e giù, per tutta l’estensione, con righe parallele.
Agg(e)ramìent(e) r'(e) càp(e) e R(e)tamìent(e) r'(e) càp(e), s.m. Capogiro
Agg(e)stà, àt(e) Aggiustare, riparare, sistemare, accomodare
Agg(e)stà, àt(e) Sistemare, mettere in ordine, aggiustare, riparare, accomodare
Agg'(e)stàt(e), agg. Aggiustato, accomodato, riparato
Agg(e)tà, àt(e) Agitare – Anche: ‘(i)Ndrangulià’  2. Agitarsi. Anche: ‘Ammu(h)unà’
Agg(e)tà, àt(e) e Ac(e)tà, àt(e) (arc.) Agitare, rimescolare, turbare. –  Agg(e)tèia (i)ndà ssù callarùcc(e)! =  Rimescola in codesto paiolo!
Agg(e)tà, àt(e) e Agg(e)tàrs(e), àt(e) Agitare, agitarsi. Anche: “Ammu(h)unà”
Agg(e)và, àt(e) Giovare, aiutare, piacere – (Dal lat. ‘ adiuvare’ e dall’nt. Italiano ‘aggiovare’)
Agg(e)và, àt(e) e G(e)và, àt(e) Agevolare, giovare, aiutare, servire
Aggarbà, àt(e) Aggarbare, garbeggiare, adattare. Anche Garbare, andare a garbo
Aggarbàt(e) Aggarbato
Agghiazzà, àt(e) Addiacciare, (mettersi nel giaciglio ‘Iàzz(e)’  agghiaccio), sistemarsi in un giaciglio, mettersi a giacere, rinchiudere gli animali all’addiaccio o ‘agghiàccio’ arc.
Agghj’rr(e)ch(e), s.m. Vertigine dei capelli sulla sommità della nuca (cocuzzolo). Il punto in cui i capelli sono disposi radialmente a forma di vortice. (Da: Chierica > dialetto: A chìreca > Agghìrr(e)ch(e) = Piccola chierica)
Aggì, aggiùt(e) Agire
Aggìett(e), s.m. Competenza, perizia, destrezza, abilità. –   (dal lat ‘adiectus  ‘aggetto’ >  ‘ad-jectare’ aggettare, gittare, scagliare, lanciare, porre, fondare.  Termini, questi,  indicanti chi possiede l’abilità di fare bene qualcosa con perizia)
Aggiònda, s.f. e Scjònta, s.f. e Aggiùnda, s.f. Aggiunta,  ciò che si aggiunge, aumento, sovrappiù. – Anche: ‘scjònda’. 2. Giuntura
Aggiòng(e), ùt(e) e Aggiùng(e), ùt(e) Aggiungere, unire, accrescere, addizionare – Anche: “Aunì”
Aggiòng(e), ùt(e) e Aggiùng(e), ùt(e) Addizionare, aggiungere, unire – Anche: “Aunì”
Aggìr(e), s.m. Aggiramento, giro
Aggità, àt(e) Agitare
Aggiùng(e) aggiùnt(e) e R(e)fònn(e), r(e)f(e)nnùt(e) Aggiungere, rabboccare. 2. Rifondere, rimborsare, risarcire
Aggiùnta, s.f. e Scjònda, s.f. e Aggiònda, s.f. Aggiunta, sovrappiù, aumento. 2. Giuntura
Aggr(e)fà, àt(e) Rizzare, metter ritto, drizzare. – (Probabile etimo dal gr.: “grypós”che ha il naso ricurvo”, come il viso del maiale o del cinghiale b(grugno) che sono rivolti verso l’alto + il pref. verb. ‘ad’)
Aggr(e)nghiàrs(e), àt(e) Contrarsi, restringersi, raggrinzarsi, ridursi. – Ù pallòn(e), siccòme s'(e) n’èra assùta l’ària, s’èra tùtt(e) aggr(e)nghiàt(e) = Il pallone, siccome aveva perso l’aria, si era tutto contratto.
Aggr(e)nzà, à(e) Aggrinzare, Increspare, aggrinzire
Aggr(e)ppà, àt(e) Groppa<Spostare la.  Lu mùl(e) fàll(e) aggr(e)ppà vìers(e) lù mùr(e)! = Il mulo fallo spostare con la groppa verso il muro! – L’ordine ad un animale di spostarsi con la groppa (“Hròppa”): “Aggrò!” = Aggròppati! (Dandogli nel contempo un colpetto sulla stessa)
Aggragghià, àt(e) Cucinare alla meglio, improvvisare velocemente, con poche cose, raggranellate, a disposizione. – (Da ‘aggregare’ – Lat.: ‘ ad gregare’ = unire). – Stanòtt(e), quànn(e) m'(e) so r(e)tràt(e), t(e)nìa nà fàma! M'(e) so aggragghiàt(e) rùi(e) maccarùn(e) = Questa notte quando sono rientrato (a casa) avevo una fame! Mi son preparato, alla buona, due (un po’) di maccheroni. 2. Raggranellare, mettere insieme
Aggragghià, àt(e) Raggranellare, mettere insieme – (Da ‘aggregare’ – Lat.: ‘ ad gregare’ = unire) – Anche: ‘Aggraià’. 2. Cucinare alla meglio, improvvisare velocemente, con poche cose, raggranellate, alla meglio.
Aggraià, àt(e) Aggregare, unire, aggiungere, associare – (Sinonimo di ‘Aggragghià’) –  – (Da ‘aggregare’ – Lat.: ‘ ad gregare’ = unire – Cù nùj(i) s’eia aggraiàt(e) pùr(e) Giggìn(e) – Con noi si è aggregato pure Giggino
Aggrancà, àt(e) e Aggrangà, àt(e) Aggranchire, aggrancare,  intirizzire per il freddo, rattrappire
Aggrangà, àt(e) e Aggrancare, aggranchire, Intirizzire per il freddo, rattrappire, aggranchire
Aggranghià, àt(e) Ingranchire, rattrappire
Aggranghià, àt(e) e Aggrancà, àt(e) Aggranchiare, aggrancare, aggranchire, rattrappire, irrigidire, aggranchire  – da ‘gronchio’  rattrappito, intirizzito, spec. per il freddo
Aggravà, àt(e) Aggfravare
Aggrazzià, àt(e) Aggraziare
Aggrazziàt(e) Aggraziato
Aggrumàr(e), àt(e) e Aggrumìrs(e), ìt(e) Aggrumare, aggrumire, condensare, formare grumo – Ù sàngh(e) s’èra tùtt(e) aggrumìt(e) = il sangue si era tutto aggrumato
Agguài(i), s.m. Abbaio, l’abbaiare
Agguaià, àt(e) Abbaiare – (Dall’ it.: guaiolare, guaire, a sua volta voce onomatopeica formata da ‘guaì’ ‘guaì’  che è il suono che emette il cane quando ha ricevuto una percossa.
Agguaiamìend(e), s.m. Abbaiamento, un abbaiare continuo
Agguaiàta, s.f. Abbaiata, un’abbaiata  prolungata
Agguantà, àt(e) e Agguandà, àt(e) Agguantare, afferrare, acchiappare con forza: a. uno per un braccio, per il collo
Agguattà, àt(e) e Acquattàrs(e), àt(e) Acquattarsi v. rifl. (der. di ‘quatto’). – Rannicchiarsi dietro un riparo o in luogo seminascosto per non farsi scorgere, accovacciarsi, metteresi quatto. – Quatto quatto = (“Uàtt(e) uàtt(e)”)
Agguattàrs(e), àt(e) Acquattarsi
Aggubbàrs(e), àt(e) Aggobbire, diventare gobbo, incurvare
Aggubbàt(e), agg. Ingobbito
Agl(i)mèna, avv. (Termine scherz.) e Almèna, avv. Se non altro, almeno
Aglìer(e), s.m. Ghiro, piccolo roditore dei Gliridi – Ròrm(e) cùm(e) n’aglìer(e) = dorme come un ghiro
Àglj(e), s.m. Aglio
Aglj(i)mm(e)rà, àt(e) Raggomitolare – (Da ‘gliùomm(e)r(e)’ gomitolo con il pref. verb. ‘a’)
Àhr(e), agg. Agro, acido, acerebo, aspro
Ahrèst(e), agg. Agresto, acerbo, aspro, non maturo
Ahrìgn(e), agg. Acre, aspro, agro, acido, acerbo
Ahròr(e),s.m. Agrore, sapore o odore acre, aspro, pungente
Ahunìa, s.f. Agonia
Ahùrij(e), s.m. Augurio
Ahùst(e), s.m. Agosto
Ai – Agli A’ lì – A’ l’
Aìer(e), avv. e Ìer(e), avv. Ìeri. (Sp.: ‘Ayer’ ) –  (Lat.: ‘heri’) – Ier l’altro (Due giorni prima) = “L’àtu iùorn(e)” e “R(e)tèrza”. –  Tre giorni prima: “R'(e)stèrza”
Aimèna! inter. Almeno!
Àin(e), s.m. Agnello – (Lat.: ‘agnus’) – Diminutivo: ‘Ain(e)cìegghj(i)’ – (Lat. Parlato ‘annicellu(m) capra di un anno > pecora di un anno)
Ain(e)cìegghj(i), s.m. Agnellino
Ain(e)scjà, àt(e) Estro della pecora, ‘desiderare il montone’ (Dal lat. ‘Agnus’ agnello + suffisso latino ‘èscià’ (dal lat. ‘idiare)
Ainarùl(e)(, s.m. Agnellaio, chi macella agnelli o capretti o ne vende la carne
Aità, àt(e) Aiutare. – (Dal lat.: ”adjutare’ aiutare) – M'(e) vìen(e) aità à tr(e)bbià? = Mi vieni aiutare a trebbiare? – 2. (‘Aitàrs(e)’, Sbrigarsi, affrettarsi) – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 _ alla voce ‘àida’ pag. 16)
Aitàrs(e), àt(e) e Aità, àt(e) Sbrigarsi, affrettaresi, fare presto. (Dalla voce slava ‘hajde’ orsù, di origine turca. – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 _ alla voce ‘àida’ pag. 16)) –   Aiùtat(e) à  f(e)rnì –  = Sbrigati a finire – Assàmm(e) m'(e) scj aità = E’ ora che mi sbrighi. 2. (‘Aità’: Aiutare) – (Dal lat.: ”adjutare’ aiutare)
Aiùola, s.f. Aiuola
Aiùt(e), s.m. Aiuto
Aiùt(e), s.m. Aiuto, soccorso, assistenza.   2. Aiutante,  chi aiuta altri nell’esercizio delle sue mansioni: avere bisogno di un a.; servirsi di un a., o di una a., per l’esecuzione di un lavoro
Alà, àt(e) e Alià, àt(e) Sbadigliare, fiatare, respirare a bocca aperta – Anche: “Hal(e)zzà” –  (Dal lat.: ‘halare’)
Àlà-ppèra, agg. e Àa-ppèra, agg. Appiedato, appiedata (a piedi) – S'(e) nè giùt(e) à l’àppèra = Se n’è andato a piedi
Albanès(e), agg. e s.m. Albanese
Albanìa, s.f. Albania
Àlber(o), s.m. Albero
Albèrgh(e), s.m. Albergo
Àlbitr(o), s.m. Arbitro
Alèrta, avv. m. e f. Eretto, alzato, erto, in piedi. (Dallo sp. ‘alertar’ = stare ritto, in piedi, porre qualcosa in senso verticale)
Alfabbèt(e), s.m. e Affabbèt(e), s.m. arc. Alfabeto
Algerìa, s.f. Algeria
Algerìn(e), agg. e s.m. Algerino
Alì_cia, s.f. Alice, acciuga
Alià, àt(e) e Alà, àt(e) Respirare, sbadigliare, fiatare a bocca aperta. – Anche: “Hal(e)zzà”. –  (Dal lat.: ‘halare’)
Alìcia, s.f. Alice, acciuga, sardina, sardella
All(e)ccà, àt(e) Leccare  (da una voce di origine germ ‘lekkon’ leccare)
All(e)ccàta, s.f. Leccata. L’atto del leccare, atto o manifestazione di adulazione servile. 2. Spalmata, mano di colore, velo, pochissimo
Àll(e)ccàta, s.f. Spalmata, mano di colore, velo, pochissimo. 2. Leccata. L’atto del leccare, atto o manifestazione di adulazione servile
All(e)ccatùra, agg. Pellicola, velo, pochissimo, spalmata di colore. 2. Leccatura. L’atto singolo o prolungato del leccare
All(e)ccatùra, s.f. Leccatura. L’atto singolo o prolungato del leccare. 2. Pellicola, velo, pochissimo, spalmata di colore
All(e)gg(e)rì, ùt(e) Alleggerire, scaricare, sgravare
All(e)gg(e)rì, ùt(e) Digerire, assimilare. Fig.: tollerare, sopportare, mandar giù.  – (Da: Alleggerire, rendere leggero lo stomaco)
All(e)ggià, àt(e) Alloggiare
All(e)ggìer(e), s.m. e agg. Fuggiasco, vagabondo, irreperibile, andato via di casa. Detto anche di persona che non stà mai a casa, che vive di espedienti furbastri. – E’ia n’àll(e)ggìer(e)! = E’ un furbàstro! – (Dal tardo lat. : ‘alleviare’, alleggiare, alleggerire, alleviare, essere leggero, essere libero)
All(e)h(e)rèzza, s.f. Allegrezza
All(e)hà, àt(e)arc.   e Allegà, àt(e) Allegare, unire, accludere
All(e)mà, àt(e) e L(e)mà, àt(e) Limare
All(e)ndà, àt(e) e All(e)ntà, àt(e) Rilasciare, tirare, sganciare. –  Hàv(e) all(e)ntàt(e) nà cròsc(e)ca = Ha sganciato un peto – Ù bullòn(e) s’èia all(e)ndàt(e) = Il bullone si è allentato.(Usato anche ‘Allascà’). – All(e)ndà nà mappìna = Tirare una sberla.  2. Allentare, rilassare, allascare
All(e)ndàt(e), agg. Allentato, lasco
All(e)ntà, àt(e) e All(e)ndà, àt(e) Allentare, rilassare, allascare –  Ù bullòn(e) s’èia all(e)ndàt(e) = Il bullone si è allentato. 2. Rilasciare, sganciare.
All(e)ppàrs(e), àt(e) Ammuffirsi, formarsi di mucillagine, di patina vischiosa affiorante su liquidi o superfici umide ‘lìpp(e)’.  2. Impastarsi, invischiarsi,  della lingua in genere patinosa, sporca.
All(e)ppàrs(e), àt(e) Impastarsi, invischiarsi,  della lingua in genere patinosa, sporca. (coperta di ‘lìpp(e)’). Anche: ‘(i)Nbastà là lènga’  2. Ammuffirsi, formarsi di mucillagine, di patina vischiosa affiorante su liquidi o superfici umide ‘lìpp(e)’
All(e)scià ù pìl(e), àt(e) ù pil(e) – Alla lettera: ‘lisciare il pelo’ Malmenare, pestare, bastonare,
All(e)scià, àt(e) Lisciare, levigare, piallare, spianare 2. Carezzare, Adulare
All(e)stàrs(e), àt(e) Allertare, stare allerta, sul chi vive. prepararsi, allestirsi
All(e)stì, ùt(e) Allestire, congegnare, mettere insieme
All(e)vrìer(e), s.m. Levriere, razza di cane da corsa
All’, prep. art. Al’
Allaccanì, ùt(e) e Allaccanìsc(e), allaccanùt(e) Allampanare, deperire, dimagrire, stancarsi (Da: lat. parlato ‘laccanare’, per lachanizare (Augusto) dal greco ‘lachanízō’ avvizzisco)
Allaccanìsc(e), allaccanùt(e) e Allaccanì, ùt(e) Allampanare, dimagrire. 2. Indebolire, stancarsi, spossarsi
Allaccanùt(e) Stanco, spossato. 2. Allampanato, persona molto magra, segaligno
Allaccanùt(e) Segaligno, allampanato, persona molto magra
Allahà, àt(e) Allagare
Allambà, àt(e) e Allampà, àt(e) Divorare, trangugiare, acchiappare per se (dal gr. ‘anankë’ necessitè (di mangiare), da una variante ‘ langa’ (calabrese) proviene: ‘allancà(re)’ al nostro ‘allampà’) – S’àv(e) allambàt(e) tùtt(e) = Ha trangugiato tutto
Allambàt(e), agg. e Allampàt(e), agg. Ingordo, avido, famelico, bramoso, voglioso. – (Da: ‘lamb(e’) lampo, veloce come un lampo
Allampà, àt(e) e Allambà, àt(e) Divorare, trangugiare, acchiappare per se (dal gr. ‘anankë’ necessità (di mangiare), da una variante ‘ langa’ (calabrese) proviene: ‘allancà(re)’ fino al nostro ‘allampà’)
Allangà, àt(e) arc. Avere fame (dal gr. ‘anankë’ necessità (di mangiare), da una variante ‘ langa’ (calabrese) proviene: il nostro ‘cialanga’ nonchè il verbo ‘allangà’).
Allappà, àt(e) Trangugiare, divorare, acchiappare per se. 2. Allappare, effetto sulla bocca di secchezza, di asciutteza  prodotta in genere da sostanze acide o di sapore aspro.
Allappà, àt(e) Allappare, effetto sulla bocca di secchezza, di asciutteza  prodotta in genere da sostanze acide o di sapore aspro. – (Dall’it. ‘lappare’ detto perlopiù di animali, bere rumorosamente succhiando cose liquide con la lingua – dal lat.: ‘lambere’ = Gr.: ‘làp – tein’ lambire –  M’àgg(e) mangiàt(e) nù cutùgn(e) chì n'(e)n èra fàtt(e), tèngh(e) tutt'(e) à vòcqua all(e)ppàta = Ho mangiato una cotogna acerba, tengo tutta la bocca allappata. 2. Divorare, trangugiare, acchiappare, raccogliere per se
Allàr(e)hà, àt(e) Allargare
Allarmàrs(e), àt(e) Allarmarsi
Allascà, àt(e) e Allasc(e)cà, àt(e) Allentare, rilasciare, sganciare, allascare, diminuire la tensione; Sì t'(e) fàc(e) càll(e) allàscat(e) à giacchètta = Se hai caldo allentati la giacca – Hàv(e) allasc(e)càt(e) nà cròsc(e)ca = Ha sganciato un peto
Allàsch(e), agg. Rado, distanziato, diradato (tr. alla lettera: ‘a modo lasco’)
Allàsch(e), s.m. Lasco, largo, fenditura, piccolo spazio
Allattà, àt(e) Allattare
Allazzà, àt(e) Allacciare, stringere, anche sferrare, scagliare – (Dallo sp.: ‘lazo’ laccio) – A’v(e) allazzàt(e) nà scurrèggia! = Ha scagliato (fuori) una scoreggia!
Alle, prep. art. A’ r'(e) – M'(e) so auzàt(e) à r'(e) cìngh(e) = Mi sono alzato alle cinque
Alleàrs(e), àt(e) Allearsi
Alleàt(e), s.m. Alleato
Allegat(e), s.m. e Allehàt(e), s.m. arc. Annesso, unito, allegato
Allèh(e)r(e), agg. Allegro
Alleh(e)ramènt(e) Allegramente
Allenamènt(e), s.m. e Allenamènd(e), s.m. Allenamento
Allenatòr(e), s.m. Allenatore
Allineà, àt(e) Allineare
Allòcch(e), s.m. Uccello rapace dell’ordine strigiformi (Strix aluco), barbagianni, gufo (facciòmm(e)n(e). 2. Allocco, sciocco, tonto
Allògg(e), s.m. Alloggio
Allùcqu(e), s.m. Strillo, grido
Allucquà, àt(e) Gridare, strillare, urlare – (Dal lat,:  ‘adloquor’  parlare a più persone, arringare, da cui l’italiano ‘allocuzione’. Dal lat. ‘alucus’ allocco (barbagianni) da cui deriva ‘ululare’ e lo stesso ‘urlare’, nonché: ‘ulula’ = gufo)
Alluè, agg. Vero, certo, sicuro (Da ‘ ” A’ lù vèr(e)” >  ‘Alluè’)
Alluggià, àt(e) Alloggiare
Allumàrs(e), àt(e) Ubriacarsi, termine folcloristico;  Anche “(i)Nbriacàrs(e)” – “Allusc(e)càrs(e)”
Allumìnij(e), s.m. Alluminio
Allundanà, àt(e) e Alluntanà, àt(e) Allontanare
Allunguà, àt(e) Allungare
Allunguàta, s.f. Allungatura, la parte aggiunta per allungare, appendice
Alluntanà, àt(e) e Allundanà, àt(e) Allontanare
Allùongh(e), s.m. Lungo, a lungo, per lungo tempo
Allupà , àt(e)  arc. Allupare,  essere famelico
Allupàt(e), agg. Allupato, affamato, famelico, bramoso, ed anche eccitato sessualmente.
Allurdà, àt(e) Lordare, insudiciare
Allurdà, àt(e) Lordare
Allusc(e)cà, àt(e) arc. e Aucchià, àt(e) Adocchiare, vedere, osservare, distinguere, individuare. – (Da: ‘alluciare’ guardare attentamente)
Allusc(i)cà, àt(e) Vedere, scrutare, distinguere. (arcaico)
Allusc(i)càrs(e), àt(e) Ubriacarsi, termine folcloristico;  Anche “(i)Mbriacàrs(e)” – “Allumàrs(e)”
Almèna, avv. e Aglj(e)mèna, avv. (Termine scherz.) Almeno, se non altro
Almètt(e), s.m. Elmetto
Altrettànd(e), avv. Altrettanto
Am(e)cìzzia, s.f. e Am(e)cìzzia, s.f. arc. Amicizia
Amà, àt(e) Amare
Amàbb(e)l(e), agg. Amabile
Amàr(e), agg. Amaro, aspro, piccante. – (Rendere amaro: ‘annàmmarì, ùt(e)’ amaricare, ato)
Amàr(e), agg. Piccante, amaro, aspro. – (Rendere amaro: ‘annàmmarì, ùt(e)’ amaricare, ato)
Amar(e)scjà, àt(e) Amaricare, aver sapore amaro
Amaròr(e), s.m. Amarore, sapore amaro 2. Scontento, amarezza
Amarùogn(e)l(e), agg. e Amarùost(e)ch(e), agg. Amarognolo, amariccio
Amarùost(e)ch(e), agg. e Amarùogn(e)l(e), agg. Amariccio, amarognolo
Àmb(e), s.m. Ambo, combinazione di due numeri nel gioco tella tombola o del lotto
Àmb(e)l(e), agg. Lieve, leggero,  delicato
Ambìent(e), s.m. e Ambìend(e), s.m. Ambiente
Ambientà, àt(e) e Ambiendà, àt(e) Ambientare
Ambulànd(e), agg. Ambulante
Amèna! Inter. Via, suvvia, tira avanti, non credere, non fermarti a pensare.  Esclamazione di incoraggiamento. (Dal tardo lat. ‘ minare’ spingere) – Amèna, n'(e)n ù stà à sènd(e)! = Tira avanti, non ascoltarlo!
Amèna! Inter. Orsù!, via!, avanti! – (Da ‘mèna!’ avanti ed il pref. ‘a’, per «affrettarsi ad andare» – letteralmente: ‘tira avanti! Adesso!’)
Amènn(e)la, s.f. e Mènn(e)la, s.f. Mandorla e anche Mandorlo – (Amygdalus communis)
Amèr(e)ca, s.f. e Mèr(e)ca, s.f. arc. America
Amìch(e), s.m. Amico
Amichèvol(e), agg. Amichevole
Amicìzzia, s.f. Amicizia
Amm(e)ccià, àt(e) Zittire, tacere,essere mortificato, essere avvilito -(Nel napoletano ha il significato di tacere. Si usa prevalentemente nella forma imperativa: ‘ammùccia!’ stai zitto!)
Amm(e)ccià, àt(e) arc. Incastrare, calettare, unire,
Amm(e)fà, àt(e) Ammollare, imbibire, imbevere, riempire recipienti di legno per renderli stagni. Anche riempirsi lo stomaco di liquidi, quali vino, ecc. (amm(e)fàrs(e).)
Amm(e)ffì, ùt(e) Ammuffire
Amm(e)gghià, àt(e) e Ammigghià, àt(e) e Abbagnà, àt(e). Bagnare, innaffiare, inumidire, adacquare, ammollare e ammolliare (arc), rendere molle immergendo in un liquido. – (Dal lat. ‘mollis’ molle preceduto dalla part. ‘ad’ come ‘alleviare’ alleggerire, deriva da ‘lèvis’ lieve, rendere molle)
Amm(e)gghiàt(e), agg Ammollato, bagnato, umido, imbevuto, intriso. (Dall’it. ‘mùogghj(i)’ mollo)
Amm(e)gnà, àt(e) e Amm(e)gghià, àt(e) e Abbagnà, àt(e). Bagnare, innaffiare, inumidire, adacquare, , ammollare e ammolliare (arc)
Amm(e)là, àt(e) Molare, affilare
Amm(e)llà, àt(e) e Ammollà, àt(e) Ammollare, affibbiare, appioppare. – Quànd(e) ù rài, tànd(e) tammòlla = Quanto gli dai, tanto ti ammolla  (ti rende)
Amm(e)n(e)zzà, àt(e) e Sm(e)n(e)zzà, àt(e) Sminuzzare, sbriciolare, spezzettare
Amm(e)nazzà, àt(e) Spronare, menare, istigare, incitare. 2. Minacciare. (Dallo sp. ‘Amanazar’)
Amm(e)nazzà, àt(e) Minacciare. (Dallo sp. Amanacer) 2. Spronare, menare, istigare, incitare
Amm(e)nd(e)cchià, àt(e) Ammonticchiare
Amm(e)nd(e)zzà, àt(e) Ammonticchiare, ammucchiare, accatastare
Amm(e)nt(e)cchià, àt(e) e Amm(e)nd(e)cchià, àt(e) e Ammucchiare, ammonticchiare
Amm(e)nt(e)zzà, àt(e) e Amm'(e)nd(e)zzà, àt(e) Ammonticchiare, ammucchiare
Amm(e)ntà, àt(e) e Amm(e)ndà, àt(e) Inventare, immaginare, fingere
Amm(e)pà, àt(e) e Amm(e)pì, ùt(e) Ammutolire, tacere, perdere la parola. – (Da ‘Mùp(e)’ muto)
Amm(e)pì, ùt(e) e Amm(e)pà, àt(e) Tacere, ammutolire, perdere la parola. – (Da ‘Mùp(e)’ muto)
Amm(e)r(e)càn(e), agg. e M(e)r(e)càn, agg. Americano, statunitense
Amm(e)rà, àt(e) Ammirare
Amm(e)rà, àt(e) e Mm(e)rà, àt(e) Specchiarsi – Ammìrat(e), n'(e)n  ù vìr(e) ù spècchj(i)! = Specchiatì, non vedi lo specchio!
Amm(e)rbà, àt(e) Ammorbare, impuzzire, infettare
Amm(e)rbàt(e), agg. Infetto, puzzolente, ammorbato
Amm(e)rsà, àt(e) Ammorsare, stringere
Amm(e)rtì, ùt(e) Ammortire
Amm(e)rzà, àt(e) Mozzare – (Dal fr.: ‘emousser’)
Amm(e)s(e)rì, ùt(e) Immiserire, depauperare, trascinare in uno stato di povertà materiale
Amm(e)scà, àt(e) Imbizzarrire, diventare irrequieto, scappare via. (detto di animali)
Amm(e)scià, àt(e) Ammosciare, ammollire, ammorbidire, afflosciare. – (Da: ‘mucidu(m) tediare, annoiare)
Amm(e)ssà, àt(e) Ammusire, tenere il muso, imbronciarsi
Amm(e)ssà, àt(e) Imbronciarsi, ammusire, tenere il muso
Amm(e)zzà, àt(e) e Amm(e)zz(e)ià, àt(e) Ammezzare, dimezzare
Amm(e)zzà, àt(e) e M(e)zz(e)jà, àt(e) Smezzare, ammezzare, dimezzare
Ammacardìa, inter. e mahardìa, inter. Magari, volesse Iddio, vivaddio -Beato Dio che lo voglia! – (Dal gr. ‘màcaros = beato’) -Ammacardìa v(e)ngèss(e) à schedìna rù totocàlc(e) = Magari vincessi la schedina del totocalcio
Ammaccà, àt(e) Ammaccare, pestare, opprimere.  In senso figurato ‘opprimere’ si usa nell’espress.: ‘chè m’ammàcch(e)?’ = Mi stai opprimend, cosa mi stai dicendo?
Ammacchià, àt(e) Occultare, nascondere, far sparire (Da: macchia, porzione di bosco isolata) – Tù l’ammàcchj(i) e n'(e)n ù fài tr(e)và = Tu lo nascondi e non lo fai ritrovare
Ammacchiàrs(e), àt(e) Nascondersi, sottrarsi alla vista, coprirsi d’ombra, . – (Da: macchia, porzione di bosco isolata). – A’ vòrpa s’èia ammacchiàta (i)ndà quègghia spìna = La volpe si è nascosta all’ombra di qull’albero di spine. 2. Trasgredire, celare, coprire, occultare.  3. Macchia<Darsi alla. Darsi alla macchia , non farsi trovare.
Ammacchiàrs(e), àt(e) Macchia<Darsi alla. Darsi alla macchia , non farsi trovare. – (Da: macchia, porzione di bosco isolata).  2. Adombrarsi, coprirsi d’ombra, nascondersi. 3. Trasgredire, celare, coprire, occultare.
Ammacchiàrs(e), àt(e) Trasgredire, celare, coprire, occultare. – Giuànn(e) n'(e)nnà pahàt(e) àa tassa rà televisiòn(e), s’èia ammacchiàt(e) = Giovanni non ha pagato la tassa sul televisore, l’ha tenuto celato. 2. Adombrarsi, coprirsi d’ombra, nascondersi.  3. Macchia<Darsi alla. Darsi alla macchia , non farsi trovare.
Ammagliuquà, àt(e) Biascicare, masticare lungamente, masticare lentamente. – (Dal gr.: ‘malakòs’ molle e quindi dagli it.: ‘mallo’ e ‘molle’, con il prefisso verbale ‘am’, conferendo loro il significato di ‘rendere molle’, sollo, sciolto, non duro)
Ammàglj(i), s.m. Spavento, paura. – (Da. Gr.: ‘malakos’ onde ‘malakia’ malattia, malore. e dall’Ital.:  ‘malo’ dal lat.: ‘malus’) – Anche ‘Spavìent(e)’ – M’ài(e) fàtt(e) piglià n’ammàglj(e)! = M’hai fatto prendre un malore, uno spavento!
Ammaharà, àt(e) Ammaliare, incantare, azione esercitata dal Mago: vedi Màh(o)
Ammahardìa! Inter. Magari, volesse Iddio, vivaddio! – Beato Dio che lo voglia! – (Dal gr. ‘màcaros = beato’) – Ammahardìa v(e)ngèss(e) à schedìna rù totocàlc(e) = Magari vincessi la schedina del totocalcio
Ammaistrà, àt(e) Ammaestrare
Ammalahurì, ùt(e) Infermiccio<Diventare; Ammalorare (Neologismo pop.); Malandare, diventare malaticcio – Detto di piante : Intristire – Dal lat. ‘ad malum ire’ = andare verso il male: ammalarsi)
Ammalàrs(e), àt(e) o ‘Carè malat(e), carùt(e) m.’ Ammalarsi
Ammalaurùt(e), agg. Malaticcio, spossato, ammalorato (neologismo popolare), intristito (detto di piante) – (p.p. di ‘ammalahurì’
Ammamm(e)glià, àt(e) Mormorare fra i denti, – Chè m’ammammùoglj(i) mò!? = Cosa mi mormori, adesso!?
Amman(e)chià, àt(e) Colludere, mettersi d’acordo con qualcuno ai danni di terzi
Ammancà, àt(e) e Ammangà, àt(e) Ammancare
Ammànch(e), s.m. Ammanco
Ammanzà, àt(e) Ammansire, rendere mansueto
Ammanzùt(e), agg. Ammansito, manso, reso mansueto, reso docile
Ammàppa, inter. e Ammàppa(e)t(e), inter. Accipicchia, ammazza, ammappa (o ammàppelo, ammàppete) interiez. [var. eufem. della 2a pers. sing. dell’imperat. di ammazzare], roman., pop. – Lo stesso che ammazza.
Ammàr(e)càrs(e), àt(e) arc. Rammaricarsi, dolersi. Anche: “Rammàr(e)càrs(e)” (Dal latino amaricare, rendere amaro)
Ammàra tè! loc. e Màra tè! loc. Misero tè, povero tè, triste tè, amaro tè. – (Màra tè! = Povero te! a valore ammonitivo)
Ammàra tè! loc. e Màra tè! loc. Povero tè, misero tè, triste tè, amaro tè. – (Màra tè! = Povero te! a valore ammonitivo)
Ammaròre, s.m. e Ammàra, s.f. Amarezza, dispiacere, – (Il termine ‘ammara’ è Usato solo nell’espressione:Ammàra tè! = Amarezza a te!, povero te!
Ammarrà, àt(e) Occludere, ostruire, intasare; anche figurato. – ( Dal ital. ‘marra’ zappa con ferro largo e piatto, per spianare o ammucchare, in questo caso, il terreno, a formare gli argini per ostruire i canali d’acqua, in agricoltura) – A’avìenn(e) ammarràt(e) l’ùocchj(i) = Gli avevano occluso l’occhio = Gli avevano fatto un occhio livido. – (Fr,: ‘Amarrer’)
Ammas(e)nà, àt(e) Rinchiudere dei volatili nel pollaio – Và à ammas(e)nà r(e) gagghìn(e) = Vai a rinchiudere le galline nel pollaio
Ammas(e)nàrs(e), àt(e). Appollaiarsi, ritornare nel pollaio (Fr: ‘A la maison’ = a casa)
Ammàsnàtùr(e), s.m. e  Mmàsòna s.f. Pollaio. Locale provvisto di pioli, travicelli orizzontali sollevati da terra, per far adagiare i volatili, per dormire di notte. (Dal francese ‘Maison’ = Casa + il suffisso: ‘tùr’ toio, cioè: casa destinata ad accogliere i volatili). – Appollaiare = “A’mmàs(e)nà”
Ammàss(e), s.m. Ammasso. 2. Raccolta di prodotti agricoli, volontaria o imposta per legge, in un deposito,nonchè il deposito stesso. Hàv(e) p(r)rtàt(e) r'(e) gràn(e) a’ l’ammàss(e) = Ha portato il grano all’ammasso (predisposto in un apposito deposito)
Ammassà, àt(e) Ammassare, impilare, ammonticchiare
Ammatt(e)glià, àt(e) inviluppare, ingrovigliare, compattare un miscuglio. 2. Accartocciare, incartocciare, riunire in fascio – (Da: ‘mattùoglj(i)’ inviluppo, mannello)
Ammatt(e)lià, àt(e) Affastellare, riunire, legare in fastelli cereali, fiori, ecc. 2. Avvolgere, ammucchiare,  alla peggio
Ammattà, àt(e), arc. Ammassare, –  Anche abbassare far scomparire
Ammaulià, àt(e) Manipolare impastare dolcemente con le mani, maneggiare con delicatezza per ammorbidire o dare forma. – (Dall’it.: ‘mola’ macina da mulino, dal verbo lat.: ‘ ‘mòlere’ > dal gr.: ”myllein’ macinare, e quindi, con il superfluo prefisso ‘a’, il nostro impastare). 2. Imbrogliare, frodare col parlare affettatamente dolce. (Sp.: ‘maulero’ ingannatore)
Ammaulià, àt(e) Ingannare, imbrogliare, frodare col parlare affettatamente dolce. (Sp.: ‘maulero’ ingannatore, con il sicuro signifcato di manipolare lentamente la persona da raggirare). 2. Manipolare impastare dolcemente con le mani, maneggiare con delicatezza per ammorbidire o dare forma.
Ammazz(e)pì, ìt(e) Ammansire, debilitare, deprimere, Intontire, stordire. –  (Dallo stesso etimo dell’agg. ‘Ammàzz(e)pìt(e)’ ammansito)
Ammazz(e)pì, ùt(e) Sfinire, logorare, stremare, affaticare, stancare e ammansire. –  (Dallo stesso etimo dell’agg. ‘Ammàzz(e)pìt(e)’ ammansito)
Ammàzz(e)pìt(e), agg. Ammansito, Intontito, stordito, indebolito, debilitato, ammalato. (Dal nostro: ‘ammanzùt(e) ammansito, da ‘mànz(e)’ mansueto manso, con il prefisso verb.: ‘Amm’, dando prima Ammanzùt(e) e quindi ‘Ammazz(e)pùt(e)’ e Ammazz(e)pìt(e))
Ammazz(e)pùt(e) Stremato, sfinito, logorato, affaticato, stanco.
Ammàzza, inter. Ammazza, accipicchia – (lo stesso che: ‘Ammàppa’
Ammenn(e), formula liturgica Amen, così sia, certo, in verità
Ammènt(e), avv e Ammènd(e), avv Mentre, nel mentre, durante, per tutto il tempo, intanto che. – Anche: “Ammìent(e)”
Ammèrsa, agg. arc. e Invèrs(e), agg. Inverso, contrario, opposto. – Dicesi anche: “Nnànz(e)_Nn'(e)rèt(e)”. – A rovescio = “A’ ammèrsa”
Ammìent(e), prep. e Ammìend(e), prep. Durante, mentre, nel mentre, per tutto il tempo, intanto che. – (Letterale: ‘al mentre’ = nel mentre) – Anche: “Ammènt(e) e Ammènd(e)”
Ammigghià, àt(e) e Amm(e)gghià, àt(e) e Abbagnà, àt(e). Innaffiare, adacquare,  bagnare, inumidire, ammollare e ammolliare (arc)
Ammolafùorf(e)c(e), s.m. e Arrotìn(e), s.m. Arrotino, chi fa il mestiere d’arrotare coltelli, forbici, ecc…
Ammollà, àt(e) e Amm(e)llà, àt(e) Ammollare, mollare, affibbiare, appioppare. – A’àv(e) ammollàt(e) nù v(e)ndàglj(i)! = Gli ha mollato uno schiaffo!
Ammònd(e), prep. e avv. Su, sopra, dalla parte superiore, in alto. lett. “a monte” – Và ammònd(e) à piglià r'(e) scàrp(e) = Vai su a prendere le scarpe. – Molto in alto: ” Ammònd(e)_Ammònd(e)”
Ammucciàrs(e), àt(e) Accovacciarsi, nascondersi,  essere: malinconico, mogio, abbattuto. (Ital.: ‘ mucciare’ nascondersi – Dall’antico francese: ‘Muchier’ nascondere)
Ammucciàt(e), agg. Malinconico, mogio, abbattuto
Ammucquà, àt(e) inclinare, piegare, chinare. – (Dallo sp. ‘abucar’)
Ammucquà, àt(e) Abboccare, imboccare. – (Da ‘vòcqua”  bocca) – Figliò, ammòcqua ù criatùr(e)! = Ragazza, imbocca il bambino! – 2. Inclinare, disporre l’orlo di un tino, di una brocca, ecc. per agevolare lentamente il bere, o comunque il travaso di un liquido.
Ammucquà, àt(e) Inclinare, piegare,  l’orlo di un tino, di una brocca, ecc. per agevolare lentamente il bere, o comunque il travaso di un liquido. – (Il terine nasce per analogia al gesto che si compie nell’inclinare il cucchiaio per imboccare) – Ammòcqua ù varrìl(e) accussì l’àcqua èss(e) chiàn(e) chiàn(e) = Inclina il barile così l’acqua fuoriesca piano piano. – 2. Abboccare, imboccare
Ammuhuìna, s.f. Ammoina, (reg.) confusione, baccano,scompiglio, tumulto, chiasso, baldoria, darsi da fare disordinatamente e senza frutto. (Dal verbo Sp.: ‘Amohinar’ immalinconire, rattristare, disgustare)
Ammuhunàrs(e), àt(e) e Ammuhuniàrs(e), àt(e) Affannarsi, annaspare, agitarsi, scalmanarsi, trafelare, darsi da fare più del bisogno. ( Dallo sp. ‘amohinar ‘annoiare, intristire’)
Ammuhuniàrs(e), àt(e) e Ammuhunàrs(e), àt(e) Agitarsi, affannarsi, annaspare, scalmanarsi, trafelare, darsi da fare più del bisogno. ( Dallo sp. ‘amohinar ‘annoiare, intristire’)
Amòr(e), s.f. Amore. 2. More, plurale di ‘amòra’ mora
Amòra, s.f. Mora, frutto selvatico del rovo. – (dal port: “Amora”) – (dal lat. Mora) – Pl.: ‘amòr(e)’
Àn(e)c(e), s.m. Anice, pianta e liquore
Àn(e)ma, s.f. Anima
Analfabbèta, s.m. e Nàlfabbèta, s.f. arc. Analfabeta
Ananàss(e), s.m. Ananasso, pianta delle Bromeliacee il cui frutto viene detto ache ‘Ananas’
Ànat(e) Soppalco, palco (lat. Anabathrum). 2. Palco dei muratori, ponteggio
Ànat(e), s.m. Palco sollevato da terra dei muratori, ponteggio. 2. Soppalco, palco (lat.’Anabathrum’ tribune – Dal lat. ‘tribunal’ rialzo o palco)
Anbasciatòr(e), s.m. e (i)Nbasciatòr(e), s.m. arc. Ambasciatore
Anch(e), cong. e Angh(e), cong. Anche
Ancòn(e), s.m. e Angòn(e), s.m. Ramo, grosso, di albero (Lat.: ‘ancon’ e gr. ‘ ankon’ gomito, angolo, canto, ramo che fa angolo col tronco)
Ancòra, avv. e Angòra, avv. Ancora, nuovamente, continuamente
Ancòra, avv. e Angòra, avv. Ancora
And(e)c(e)pà, àt(e) Anticipare
Ànda, s.f. Anta, imposta, sportello
Andènna, s.f. Antenna
Andiquàt(e), agg. e Antiquàt(e), agg. Antiquàto
Àng(e)l(e), s.m. Angelo. – Angioletto: ‘Ang(e)lìcchj(i)’
Ànga, s.f. Fianco, anca
Ànga, s.f. e Ùffa, s.f. Fianco, anca
Anghià, àt(e) Tumefare, dilatare, gonfiare, inturgidire, congestionare – (Dallo Sp.: ‘henchir’ empiere, infondere, riempire; dal Gr.: Enkein’ riempire; vedere  il calitrano ‘Ènghj(i)’ che per scambio della lettera ‘e’ iniziale con la ‘a’ diventa Anghià con il significato di empiere, riempire, gonfiare)
Anghiàt(e), agg. Gonfio, tumefatto, dilatato, congestionato, inturgidito
Àngol(e), s.m. Angolo
Àngol(e), s.m. e Àngul(e), s.m. Arc. Angolo
Angòn(e), s.m. e Ancòn(e), s.m. Ramo, grosso,  di albero
Àngora, s.f. Ancora
Anguìlla, s.f. Anguilla. La femmina di maggiori dimensioni si chiama “Capitòn(e)” s.m. = Capitone
Àngul(e), s.m. Angolo
Àngul(e), s.m. Arc. e Àngol(e), s.m. Angolo
Anìegghj(i), s.m. Anello – (Pl”.: “Anìeggh(i)”, m. ed anche “Anèggh(i)”, f. – 2. L’ anello in ferro infisso sui muri per legare gli animali = Cat(e)nìegg(i)”
Animàl(e) Animale. Animale di circa un anno = Annicchiòn(e)
Anisètta, s. f. Anisètta (Fr, ‘Anisette’)
Ànn(e), s.m. Anno. L’anno scorso: ‘Mafal’ànn(e)’ (Lett. adesso fa un anno) – Quest’anno: ‘Auànn(e)’ – L’anno prossimo: ‘Auànn(e) chì vèn(e)’ (Lett. quest’anno che verrà)
Ànn(e), s.m. Anno; quest’anno = Auànn(e) – l’anno scorso = Mafal’ànn(e) (Adesso fa un anno) – Animale di circa un anno = Annicchiòn(e)
Ann(e)cià, àt(e) Unirsi carnale dei canidi<L’. L’accoppiarsi dei canidi. Il maschio continua la copula dopo essere rimasto unito, con il suo pene, nonostante che, con una contorsione abbia dato le spalle alla femmina, per parecchio tempo dopo l’avvenuta eiaculazione, per la caratteristca peculiare che il pene è gonfio come una noce. Vedasi anche: “(i)Ngazzigghiàrs(e)” – (Da ‘nòc(e)’, noce, con il pref. ‘An’  ed il suff. verbale ‘à’ àre = ‘restare incastrato come una noce nel proprio guscio’)
Ann(e)ciàt(e), p.p. Accoppiato, l’incatenamento avvenuto nella copula dei canidi. Vedere: “Ann(e)cià”. Vedasi anche: “(i)Ngazzigghiàt(e)”
Ann(e)glià, àt(e) e Anniglià, àt(e) Annebbiare, offuscare
Ann(e)ià, àt(e) Annoiare
Ann(e)nzià, àt(e) Annunciare
Ann(e)rì, ut(o) Annerire
Ann(e)rr(e)càrs(e), àt(e) e Nn(e)rr(e)càrs(e), àt(e) Strozzarsi di cibo che non consente una facile declutizione o soffocarsi di altre cose  – S'(e) sò tùtt(e) ann(e)rr(e)càt(e) cù quìgghj(i) cutùgn(e) = Si sono tutti strozzati con quelle cotogne
Ann(e)rr(e)càrs(e), àt(e) e Nn(e)rr(e)càrs(e), àt(e) Soffocarsi, strozzarsi di cibo che non consente una facile declutizione o di altre cose. – chèla s’èia ann’rr(e)càta = Michela si è strozzata
Ann(e)tà, àt(e) Annotare
Ann(e)ttà, àt(e) Nettare, pulire (Vedere: “Pl'(e)zzà”)
Ann(e)ttà, àt(e) Nettare, pulire
Ann'(e)v(e)là, àt(e) Annuvolare
Ann(e)v(e)là. àt(e) Annuvolare
Ann(e)v(e)làt(e), agg. e N(e)v(e)lùs(e), agg. e nuv(e)lùs(e) agg. Annuvolato, nuvoloso
Ann(e)và, àt(e) Nevare,
Ann(e)vàta, s.f. Innevata
Annacquà, àt(e) Guastare, contaminare, andare a male. L’ùov(e) èia annacquàt(e) = L’uovo è andato a male. 2. Annacquare, diluito con acqua
Annacquà, àt(e) Annacquare, diluire con acqua. 2. Guastare, contaminare
Annacquà, àt(e) Annacquare (o innacquare). Diluire un liquido (per lo più vino o latte) mescolandovi acqua.
Annacquàt(e), agg. Annacquato, andato a male, adulterato – St’ùov(e) èia annacquàt(e) = quest’uovo è andato a male
Annalbaggìrs(e), ùt(e) e Nnabbalgìrs(e), ut(e) Invaghirsi, innamorarsi, incantarsi, esaltarsi
Annàmmarì, arùt(e) e Annàmmarìsc(e), arùt(e) e Nnammarì, ùt(e) Amaro > rendere. Rendere amaro, amaricare
Annas(e)là, àt(e) e Annas(e)lià, àt(e) Ascoltare, origliare (Dal tardo lat. ‘ausulare’, origliare, attraverso l’osco ‘ ausis’ per ‘auris’ orecchio)
Annasà, àt(e) e Annascà, àt(e) Annusare, fiutare. “Sentire”col naso (Nàsca)
Annascà, àt(e) e Annasà, àt(e) Fiutare, annusare. “Sentire”col naso (Nàsca)
Annàta, s.f. Annata
Annauzàrs(e), àt(e) Partirsene, andarsene via, scomparire, scappare via. – (Dall’ant. ‘nnauzà’ alzare con il pref. ‘a’ = ad, per:  significando: alzarsi per andare via)
Annauzàrs(e), àt(e) e Nàuzàrs(e), àt(e) Andarsene via, sparire, scapparsenee via – (Dall’ant. ‘nnauzà’ alzare con il pref. ‘a’ = ad, per:  significando: alzarsi per andare via)
Annècchia, s.f. Vitella di circa un anno di vita. Vedere al maschile “Annicchiòn(e)”
Annià, àt(e) Annoiare
Annicchiòn(e), s.m. e Ann(e)cchiòn(e), s.m. Quadrupede di allevamento di un anno; dal lat. Anniculu(m), di un anno di età – Vedere al femminile “Annècchia” – Di due anni dicesi: ‘Uèfar(e)’
Anniglià, àt(e) e Ann(e)glià, àt(e) Offuscare, annebbiare
Anniversàrij(i), s.m. Anniversario
Annor(e), s.m. e Nnòr(e), s.m. Venerazione, onore, gloria, dignità, buona fama.  – Mìtt(e) n’offèrta a nnòr(e) r(e) Crìst(o) = Metti un’offerta in onore, a venerazione, di Cristo
Annòrij(e) inviso
Annùrch(e), s.f. Annurca (term. dal dial. merid.). Varietà di mela da tavola, di medio pregio, con buccia rossa violacea, polpa bianca brillante, succosa, dolce-acidula. Lo stesso nome indica anche l’albero che la produce. – (Il nome Annurca è comunemente considerato derivare da Mala Orcula in quanto prodotta intorno all’Orco ovvero al Lago d’Averno, nell’area di Pozzuoli[senza fonte]. Nel tempo la mela sarebbe stata detta prima “anorcola” e poi “annorcola”. La prima testimonianza scritta del nome “Annurca” risale solo al 1876 nel “Manuale di Arboricoltura” di Giuseppe Antonio Pasquale.[1]. Tuttavia, pare molto più verosimile la derivazione dal latino “indulcare”[senza fonte][2] che farebbe riferimento alla suddetta tipica modalità di maturazione. (Wikipedia) – Esisteva già al tempo degli antichi romani nell’area tra napoli, pompei, ecc.)
Antìc(e)p(e), s.m. e Andìc(e)p(e), s.m. Anticipo
Antìch(e), agg. e Andìch(e), agg. Antico
Antìl(e), s.m. e Andìl(e), s.m. Stipite, spalla della porta
Ànz(e), avv. Anzi
Ànz(e)crèr(e), Ànz(e)ch(e)rrùt(e) arc. Sapere>non. Non sapere.
Ànz(e)mà, àt(e) Ansimare
Anziàn(e), agg. Anziano
Anzicchè, cong. Anziché, invece di…
Anzitùtt(e), avv. e (i)Nnànzitùtt(e), avv. Anzi tutto, per prima cosa, prima di tutto
Anziùs(o), agg. Anzioso
Àp(e)l(e), agg. Molle, detto del guscio dell’uovo. E’ la caratteristica dell’uovo concepito senza la rigidità del guscio, lo racchiude infatti la sola membrana esterna. (Dal greco ‘hapalòs’, molle, soffice) – A’ hagghìna hàv(e) fàtt(e) n’ùov(e) àp(e)l(e) = la gallina a fatto un uovo molle, senza guscio
Àp(e)l(e), agg. Molle (Gr.: apalòs)
Apìert(e), agg. Aperto
App(e)cà, àt(e) Impiccare, appiccare
App(e)cà, àt(e) Appiccare, impiccare
App(e)cc(e)cùs(e), agg. e App(e)zz(e)cùs(e), agg. Appiccicoso
App(e)cchè avv. e P(e)cchè, avv. e cong. Perché – Vedere anche: “Eccò”
App(e)ccià, àt(e) e Add(e)mà, àt(e) arc. Appiccare, accendere, incendiare. – (App(e)ccià: dal lat.: ‘ad’ a, e ‘picis’ di pece (gen. di ‘pix’ = pece) = appiccicare, appiccare)
App(e)cciafùoch(e) Rissoso, agitatore, facinoroso, fazioso
App(e)cquèss(e), cong. Perciò, Epperciò. – (Grafia unita: letter.: ‘è per questo’, per tale motivo)
App(e)cundrìrs(e), ùt(e) Impigrirsi, intorpidirsi, deprimersi
App(e)cundrìrs(e), ùt(e) Deprimersi, impigrirsi, intorpidirsi
App(e)là, àt(e) e (i)Np(e)là, àt(e) Impilare, disporre a pila, accatastare. – 2. App(e)là vuol dire anche Otturare (Lat. parlato ‘appilare’  turare, chiudere)
App(e)là, àt(e) e (i)Np(e)là, àt(e) Disporre a pila, accatastare, impilare, , sovrapporre più cose uguali in modo da formare una pila – Mò, tùtt(e) stì matùn(e) r’app(e)làt(e) tùtt(e), à f(e)rmà nà catàsta = Adesso, tùtti questi mattoni li impilate tutti,  a formare una catasta.
App(e)ndà, àt(e) Allacciare, abbottonare, fermare fissare, allacciare; – S’è app(e)ntàt(e) à scàrpa = Ha allacciato la scarpa – S’è app(e)ntàt(e) là giacchètta = S’è abbottonato la giacca
App(e)ndà, àt(e) e App(e)ntà, àt(e) Segnare, iscrivere; Hàv(e) app(e)ntàt(e) lù figl(i) a là scòla = Ha iscritto il figlio a scuola 2. Abbottonare, appuntare, fermare, fissare, allacciare
App(e)ntà, àt(e) Iscrivere, segnare. 2. Abbottonare, fermare fissare, allacciare; – S’è app(e)ntàt(e) r(e) scàrp(e) = S’è allacciato le scarpe.
App(e)ntà, àt(e) e App(e)ndà, àt(e) Abbottonare, appuntare, fermare fissare, allacciare; – S’è app(e)ntàt(e) r(e) scàrp(e) = S’è allacciato le scarpe. – Pròva quàcch(e) còsa, t’appùond(e) ù stòmmach(e) = Assaggia qualcosa, fai uno spuntino – 2. Segnare, iscrivere; – Hàv(e) app(e)ntàt(e) lù figlj(i) a là scòla = Ha iscritto il figlio a scuola
App(e)ntà, àt(e) e App(e)ndà, àt(e) Appuntare, fissare, fermare, abbottonare, allacciare – 2. Segnare, iscrivere; Hàv(e) app(e)ntàt(e) lù figl(i) a là scòla = Ha iscritto il figlio a scuola
App(e)rà, àt(e) Appurare. Ù scanagliài p'(e) app(e)rà la v'(e)r(i)tà = Lo interpellai per appurare la verità
App(e)ranà, àt(e) Affastellare il fieno, la paglia. L’atto di costruire il pagliaio “pèrana” vedi: “Pèrana” od anche la “Mèta”
Àpp(e)s(e), s.m. Lapis, matita. – (Da: ‘lapis’ pietra – Termine con cui fu dapprima (sec. 16°) chiamata la sanguigna ‘lapis aematitis’)
Àpp(e)s(e), s.m. Matita, lapis
App(e)s(e)là, àt(e) Appisolare
App(e)s(e)lià, àt(e) Poggiare, appendersi, posarsi; S’èran(e) App(e)s(e)liàt(e) cù r(e) màn(e) à nù ràm(e) r(e) la fìca = S’erano appesi con le mani ad un ramo del fico.
App(e)santì, ùt(e) e App(e)sadì, ùt(e) Appesantire
App(e)scjà, àt(e) Appoggiare, posare,
App(e)scjàrs(e), àt(e) Appisolarsi, stendersi a letto per riposare. 2. Appoggiarsi
App(e)scjatùr(e), s.m. Ripiano, mensola, sporgenza naturale su cui poter appoggiare qualcosa
App(e)stà, àt(e) Ammorbare, appestare 2. Appostare
App(e)stà, àt(e) Appostare
App(e)stà, àt(e) Appostare 2. Appestare
App(e)stàt(e), agg. Appestato
App(e)tìt(e), s.m. e P(e)tìt(e), s.m. arc. Appetito; L’app(e)tìt(e) vèn(e) mangiànn(o) = L’appetito viene mangiando
Àpp(e)uzà, àt(e) Appuntire. Anche: “App(i)zzà”
App'(e)uzà, àt(e) arc. e App(e)zzà, àt(e) Appuntire, fare la punta. –  (Dall’ ant. Ted. ‘pizzi’ = mod.: “spitz”, punta;  otteniamo: a – pizzare = a -puntare = appuntire, fare la punta – Lat.; ‘adpiccare’)
App(e)zz(e)cà, àt(e) Accendere, incendiare
App(e)zz(e)cà, àt(e) Appiccare, accendere (Arc.), 2. Appiccicare. 3. Litigare, attaccare briga
App(e)zz(e)cà, àt(e) Litigare, attaccare briga, bisticciare, altercare. 2. Appiccicare 3. Accendere, appiccare. (Arc.).
App(e)zz(e)cà, àt(e) arc. Appiccicare 2. Accendere, appiccare. (Arc.). 3. Litigare, attaccare briga, bisticciare, altercare
App(e)zz(e)cùs, agg. Appiccicoso. – Vedere anche. ‘App(e)cc(e)cùs’. 2. Attaccabrighe, Importuno, molesto, insistente
App(e)zz(e)cùs, agg.e s.m. Molesto, insistente, importuno. 2.  Appiccicoso,
App(e)zz(e)l(e)ndì, ùt(e) Appuzzare, appuzzolentire
App(e)zz(e)ndì, ùt(e) Impoverire, divenire pezzente
App'(e)zz(e)ndì, ùt(e) Appezzentire
App(e)zzà lù cùl(e), àt(e) lu c. (volg.) Appuntire il culo, termine volgare sinonimo di “morire” –  App(e)zzà lu cùl(e) = lett.: “Appuntire il culo” = Morire
App(e)zzà, àt(e) Appuntire, fare a punta, aguzzare drizzare, rizzare, aguzzare  – Appìzza r’àurècchj(i)! = Drìzza le orecchie! (stài accorto) – Appìzza l’ùocch(i)! = aguzza la vista! (guardati bene)
Appàc(e)f'(e)cà, àt(e) Appacificarsi, calmarsi, stare in pace con se stessi.
Appacià, àt(e) Conciliare, appaciare, pacificare, fare la pace. Anche: “Fa pàc(e)”
Appacià, àt(e) Appaciare, conciliare, pacificare, fare la pace. Anche: “Fa pàc(e)”
Appàggh(i)ttà, àt(e) Appallottolare, fare una Pallina = “Pagg”hiòtta” s.f. di “Pagghiùott(e)” = Palloncino – Nà pagghiòtta r'(e) nèv(e) = Una palla di neve – Palla, arc. = “Pàgghia”
Appagliaràt(e), agg. inbacuccato, coperto alla buona per freddo o per malessere, allettato in un giaciglio, obbligato a letto per indisposizione, appisolato , intristito. (Da ‘pagliàr(e)’ per la forme del pagliaio, a forma conica, rivestito di paglia, per la similitudine di chi si imbacucca, con la testa o tutta la persona avvolta con indumenti e le spalle contratte)
Appaltà, àt(e) e Appaldà, àt(e) arc. Appaltare
Appaltatòr(e) s.m. e Appaldatòr(e) s.m. arc. Appaltatore
Appannà, àt(e) Appannare, offuscare. 2. Socchiudere, oscurare, offuscare, chiudendo più o meno gli scuri
Appannà, àt(e) Sochiudere, oscurare un infisso, chiudendo più o meno gli scuri. 2. Appannare, offuscare
Appap(e)cchià, àt(e) Dire fandonie, bugie, falsità. – (Da: ‘Papòcchia’ bugia, falsità). – Mà tù, mò, chè m'(e) v(e)lìss(e) appap(e)cchià? = Ma tu, adesso, cosa mi vorresti esprimere con queste fandonie?
Appapagnà, àt(e) Pestare, percuotere, ammaccare, tumefare. – (Da: ‘papàgn(e)’ o  ‘papàgna’ pugno, botta, in quanto fa addormentare come il ‘papagnùolo’). – M’hànn(e) appapagnàt(e) n’ùocchj(i)! = Mi hanno pestato un occhio!
Appapagnàrs(e), àt(e) Appisolarsi, sonnecchiare, stordirsi. – (Da ‘papagno’ = ‘papavero’, col pref. verb. ‘ap’, per: ‘addormentare’, addormentarsi)
Appar(e)cchià, àt(e) e Apparicchià, àt(e) Apparecchiare, preparare, allestire – Hài appar(e)cchiàt(e) à tàv(e)la? = Hai apparecchiato la tavola? 2. Setacciare (preparare) la farina per panificare
Appar(e)cchià, àt(e) e Apparicchià, àt(e) Setacciare (preparare) la farina per panificare. 2. Apparecchiare, preparare, allestire
Appar(e)glià, àt(e) Apparigliare, v.tr. [ io apparìglio ecc.; aus. avere] 1 ( non com.) appaiare, mettere a pari, accostare. 2. accoppiare al tiro animali simili, spec. cavalli
Appar(e)ntà, àt(e) e Appar(e)ndà, àt(e) Apparentare, in senso scherzoso, vedi anche:  “Arrazzà”
Appar(e)ntàrs(e), àt(e) e appar(e)ndàrs(e), àt(e) Apparentarsi
Apparà, àt(e) Addobbare, ornare con parato, preparare. – Appàra à tàv(e)la! = Apparecchia la tavola! 2. Livellare, pareggiare, spianare
Apparà, àt(e) Livellare, pareggiare  2. Apparare, preparare, addobbare, ornare con parato 3. Rimpinzarsi, saziarsi
Apparà, àt(e) Apparare, preparare, addobbare, ornare con parato 2. Rimpinzarsi, saziarsi. 3. Livellare, pareggiare;
Apparà, àt(e) Rimpinzarsi, far saziare – E’ia sciùt(e) à ù ristorànd(e), s’èia apparàt(e) (r’e ghièff(e)l(e))= E’ andato al ristorante, si è rimpinzato. (ha livellato le grinze dello stomaco). 2. Livellare, pareggiare  3. Apparare, preparare, addobbare, ornare con parato
Apparaglià, àt(e) Apparigliare, abbinare, accoppiare, appaiare
Apparàta, s.f. Apparato, parato, ornamento, addobbo, luminaria; l’insieme di ciò che serve all’addobbo solenne di un luogo per feste o spettacoli
Apparècchj(i), s.m. Apparecchio, strumento. 2. Aeroplano
Apparècchj(i), s.m. Aeroplano. 2. Apparecchio.
Apparì, appàrs(e) o apparùt(e) Apparire
Apparicchià, àt(e) e Appar(e)cchià, àt(e) Apparecchiare, ma anche Setacciare (Preparare) la farina per panificare – Hài apparicchiàt(e) p(e) (i)mbastà? = Hai setacciato per impastare (la pasta del pane)?
Appart(e)né, ùt(e) Appartenere
Appartamènt(e), s.m. e Appartamènd(e), s.m. Apparatamento
Appass(e)là, àt(e) e Appassì, ùt(e) Appassire, disseccarsi, inaridire
Appass(e)làt(e) agg. e Appassùt(e), agg. Appassito, avvizzito
Appassì, ùt(e) e Appass(e)là, àt(e) Appassire
Appassij(e)nà, àt(e) e Appassiùnà, àt(e) Appassionare, entusiasmare. 2. Passionare, sottoporre a patimento
Appassij(e)nà, àt(e) e Appassiùnà, àt(e) Passionare, sottoporre a patimento 2. Appassionare, entusiasmare
Appassùt(e), agg.  e Appass(e)làt(e) agg. Appassito, avvizzito
Appattà, àt(e) Discutere, questionare, litigare, bisticciare
Appènn(e), ùt(e) ed anche ‘appìs(e)’ Appendere, sospendere, impiccare. Nn'(e) l’ài app(e)nnùt(e) bùon(e)! = Non l’hai appeso bene! – L’ài appìs(e) lù càs(e)cavàgghj(i)? – Lo hai appeso il caciocavallo?
Appianà, àt(e) e Apparà, àt(e) e Acchianà, àt(e) arc. Appianare, spianare, livellare
Appiaquàrs(e), àt(e) Calmarsi, appacificarsi, placarsi. – Ù criatùr(e) s’èia appiaquàt(e), n'(e)n chiàng(e) chiù = Il bambino si è calmato, non piange più. – (Dal lat.: ‘ ad placare)
Appicciafùoch(e), s.m. Istigatore, sobillatore
Appioppà, èt(e) Appioppare, rifilare, affibiare
Appìs(e), agg. e (i)Mbìs(e), agg. arc Appeso, sospeso, pendente
Appìzz(e)calìt(e), s.m. e f. Attaccalite
Appizza_àpp(e)s'(e) s.m. Temperamatite. Tradotto alla lettera: “Appuntisce_matita”
Appizzaàpp(e)s(e), s.m. Temperalàpis, temperino per matite
Appòn(e), app(e)nnùt(e) o appùost(e) e Appòrr(e), app(e)nnùt(e) o appùost(e) Opporre
Appòsta, avv. Apposta, con intenzione, di proposito
Appr(e)f(e)ttà, àt(e) Approfittare
Appr(e)fittatòr(e) Approfittatore
Appr(e)ss(e)mà, àt(e) Approssimare, avvicinare
Appr(e)ss(e)màzione, s.f. Appossimazione
Appr(e)zzà lì pànn(e), àt(e) lì p. Apprezzare, stimare, gradire i panni, nonchè la dote tutta. Cerimonia consistente nell’invitare vicini di casa, amici e parenti a gradire la dote della sposa prima di sposarsi.
Appr(e)zzà, àt(e) Apprezzare, stimare, gradire
Appr(e)zzìer(e), s.m. Curiosone, ficcanaso, apprezzatore
Apprìess(e)>Scj(e), scjùt(e) a. Seguire. Andare appresso. Anche: “Sèuì, ìt(e)”
Apprìesse, avv. Appresso, dopo
Approssimativamènt(e), avv. e Approssimativamènd(e), avv. Approssimativamente
Apprùn(e), pron. Indef. Ciascheduno>A. A ciascheduno, ad ognuno.  (Letteralmente: “a per uno” = a per ognuno
Appùnd(e), avv. e Appùnt(e), avv. Appunto, precisamente
Appundàt(e), s.m. Appuntato
Appungulà, àt(e) e Appungulià, àt(e) Appuntare. Fermare con la punta di un oggetto, per lo più con uno spillo e sim.: a. un nastro al cappello; anche, unire con pochi punti di cucito: a. i panni del bucato. 2.  In detto volgare, traslato, anche mettere un pungolo o membro nell’ano (termine volgare e triviale)
Appuntamènt(e), s.m. e Appundamènd(e), s.m. Appuntamento
Aprì, apìert(e) Aprire
Àr(e), pref. Ad, prefisso che indica avvicinamento – sìm(e) sciùt(e) àr’arà = siamo andati ad arare
Arà, àt(e) Arare – Hàmm(e) aràt(e) à abbrìl(e) = Abbiamo arato ad aprile  – E’ia sciùt(e) ar’arà (o a’arà) m'(e)màn(e) = E’ andato ad arare stamattina
Àrab(e), agg. e s.m. Arabo
Aràbbia, s.f. Arabia
Arànc(e), s.m. e Purtuàll(e), s.m. e C(e)tràngula, s.f. arc. Arancio, alberello delle Rutacee ed anche Arancia, frutto – (Gr.: ‘Portokàlos’ ‘p(e)rtuàll(e)’.)
Arànc(e)t(e), agg. e Aràng(e)t(e), agg. Rancido. Sàp(e) r’arang(e)t(e)! = Sa di rancido – Vedere anche: “Rànc(e)”
Aràng(e), s.m. e P(e)rtuàll(e), s.m. e C(e)tràngula, s.f. arc. Arancia
Arangiòn(e), agg. Arancione
Aràtt(e), agg. Adatto
Arattà, àt(e) arc. e Adattà, àt(e) Confarsi, Adattare
Àrb(e)r(e), s.m.arc. e Àrbitr(e), s.m. e Àrb(i)tr(e), s.m. Arbitro; Ognùn(e) è A’rb(e)r(e) r'(e) hìgghj(i) stìss(e) = Ognuno è arbitro di se stesso
Àrbitr(e), s.m. e Àrb(i)tr(e), s.m. e  Àrb(e)r(e), s.m.arc. Arbitro – L’àrbitr(e) n'(e)nn’avìa vìsta à puniziòn(e) = L’arbitro non l’aveva vista la punizione
Arcàng(e)l(e), s.m. Arcangelo
Arcèra, s.f. Beccaccia – (Da: ‘becco’ e dal lat.: ‘acies’ punta: ‘dal becco a punta’) – (Da: “Le origini della lingua italiana”  – del sig.re Egidio Menagio (francese di origine italiana) – in Genova 1685, appresso Giovani Antonio Chouet (fr.) – per L’Accademia della Crusca)
Àrch(e), s.m. Arco
Architètt(e), s. m. Architetto
Arcìer(e), agg. Scaltro, sagace, furbo, dritto, disinvolto, senza scrupoli
Arcobbalèn(e), s.m. Arcobaleno
Àrd(e),  àrs(e) Ardere, bruciare
Ardènt, agg. Ardente
Àrea, s.f. Area
Arèd(e), s.m. e Arèt(e), s.m. Erede
Arèf(e)c(e), s.m. e Orèf(e)c(e), s.m. Orefice
Areoplàn(e), s.m. Aeroplano
Arèsta, s.m. Stacanovista, gran lavoratore – Pl.: ‘arèst(e)’ – Sìm(e) rùi(e) arèst(e), òsc(e) hàmm(e) iangh(e)sciàt(e) tùtta à càsa! = siamo due gran lavoratori, oggi abbiamo tinteggiato tutta la casa!
Arèt(e)ch(e), agg. Eretico
Argendìn(e), agg. e s.m. Argentino
Argentà, àt(e) e Argendà, àt(e) Argentare
Argentàt(e), agg. e Argendàt(e), agg. Argentato
Argentina, s.f. e Argendina, s.f. Argentina
Argìent(e), s.m.e Argìend(e), s.m. e Argènd(e), s.m. Argento
Argilla, s.f. Argilla, creta
Arià, àt(e) e Arij(e)scjà, àt(e) Aerare, arieggiare,  ventilare
Arià, àt(e) e Arijscjà, àt(e) Aerare, arieggare, dare aria
Ària, s.f. Aia, terreno adiacente la casa colonica utilizzato per praticare le lavorazioni agricole.  – Dal lat. ‘area’ piazza, area). 2. Aria
Ària, s.f. Aria. Per aria = “A’ l’ària”o   “P(e) lària”- Mènal(e) à l’aria = tiralo per aria. 2. Aia, terreno adiacente la casa colonica.
Ariètta, s.f. Venticello, brezza
Arij(e)scjà, àt(e) e Arià, àt(e) Arieggiare, ventilare, aerare
Arijscjà, àt(e) e Arià, àt(e) Arieggiare, aerare, dare aria
Ariùs(e), agg. Arioso, arieggiato. 2. Disinvolto, bizzarro, borioso
Armà, àt(e) Armare
Armàdij(e), s.m. Armadio – vedere anche: ‘stìp(e)’
Arnès(e), s.m. Arnese
Aròc(e), agg. e s.m. Dolce –  Dolcissimo: “Aròc(e)_aròc(e)”
Arpòn(e), s.m. Falco, poiana, ecc. – uccello rapace in genere – (dal Greco “harpage” = uncino > artiglio; oppure dallìit.: “arpagone” > “àrp-e” = uccello da rapina, falco nibbio) – Arpòn(e) màngia hagghìn(e) = Falco mangia galline
Arr(e)bbà, at(e) Rubare. Anche: “Fr(e)cà” = fregare, volg.
Arr(e)bbamìent(e), s.m. e Arr(e)bbamìend(e), s.m. Ruberia, latricinio
Arr(e)c(e)ttà, àt(e) e r(e)c(e)ttà, àt(e) Rassettare, ordinare, sistemare, mettersi al riparo. (Dal lat. ‘recipere’ accogliere, ricoverare, con il prefisso ‘ad’: ad-receptare cioè di dare a qualcuno o a qualcosa la propria sistemazione, il proprio assetto).
2. Castigare, punire fisicamente, sistemare qualcuno per le feste, ammazzare
Arr(e)cchì, arr(e)ccùt(e) Arricchire, diventar ricco
Arr(e)cchì, ùt(e) Arricchire. Anche: “(i)Ngrannì” (ingrandire)
Arr(e)ccià, àt(e) Arricciare
Arr(e)ccùt(e), agg. Arricchito
Arr(e)chìepp(e), s.m. Frinzello, cucitura disunita e grinzosa (che sfrangia); anche cicatrice rugosa, antiestetica)
Arr(e)chj(i)pp(e)là, àt(e) e Arr(e)chj(i)pp(e)lià, àt(e) e Arr(e)chj(i)ppà, àt(e) Raggrinzare, aggrinzire, corrugarsi, rappigliare, sgualcire (Lat. Parlato ‘repiclare’ per il classico ‘replicare’ piegare – DEI S.V. ‘arripicchiare’; REWS; Bigalke 1980)
Arr(e)chj(i)pp(e)liàt(e), agg. e Arr(e)chj(i)pp(e)làt(e), agg. Arr(e)chj(i)ppàt(e) Aggrinzito, raggrinzito, corrugato, sgualcito
Arr(e)chj(i)ppà, àt(e) e Arr(e)chj(i)pp(e)là, àt(e) e Arr(e)chj(i)pp(e)lià, àt(e) Sgualcire, aggrinzire, raggrinzare, corrugarsi
Arr(e)chj(i)ppàt(e), agg. e Arr(e)chj(i)pp(e)làt(e), agg. e Arr(e)chj(i)pp(e)liàt(e), agg. Sgualcito, corrugato, aggrinzito, raggrinzito (Lat. Parlato ‘repiclare’ per il classico ‘replicare’ piegare – DEI S.V. ‘arripicchiare’; REWS; Bigalke 1980)
Arr(e)curdà, àt(e) e R(e)curdà, àt(e) Ricordare
Arr(e)f(e)nà, àt(e) e R(e)f(e)nà, àt(e) Purificare, sedimentare, raffinare  – Ghj(i)’ùoglj(i)  mìtt(e)r(e) à r(e)f(e)nà = L’olio mettilo a sedimentare (per poi purificarlo)
Arr(e)gliatòra, s.f. Nevato, accumulatosi nelle rientranze del terreno per via del vento
Arr(e)nà, àt(e) Radunare, adunare, raccogliere, raccattare (Dal lat. ‘adunare’, (ad-unare) raccogliere in uno, raccogliere più cose)
Arr(e)nc(e)glià, àt(e) e Arr(e)ng(e)glià, àt(e) Arroncigliare, ritorcere una cosa in se stesso a mo’ di ronciglio, ingarbugliare, attorcigliare, intricare.  (dall’italiano arcaico: ‘arroncigliare’)
Arr(e)ng(e)glià, àt(e) Arronciliare, ritorcere a mo’ di ronciglio,  roncigliare, attorcigliare. – S'(e) r’àv(e) arr(e)ngigliàt(e) bbùon(e) lì bbàff(e)! = Se li ha attorcigliati bene i baffi! 2. Pigliar col ‘ronciglio’, gancio. – E Graffiacan, che li era più di contra, li arruncigliò le ’mpegolate chiome (Dante) – (Voc. Treccani)
Arr(e)nghià, àt(e) e Arringhià, àt(e) Rattrappire, provocare la contrazione di uno o più arti, e più in generale delle membra del corpo, e, con la conseguente diminuzione della funzionalità nervosa e muscolare, la difficoltà o l’impossibilità temporanea di distenderli. 2. Aggomitolarsi, rannicchiarsi su se stesso.  (Origine del termine: dal lat. parlato: ‘runculare’ roncolare, connesso con ‘runca’ ronca, con il significato di accorciare)
Arr(e)nghj(i)tà, àt(e) Colmare, rabboccare, riempire fino alla bocca o fino all’orlo, in partic. bottiglie o fiaschi, soprattutto quando vengano riempiti di nuovo dopo essere stati in parte vuotati – (Dal nostro: ‘ènghj(i)’ rempire, col prefisso’arr’ ad, ed il suffisso verbale ‘tà’ are = rirmpire fini a: (all’orlo).)
Arr(e)ngiglià, àt(e) Arruncigliare (arc.) arroncigliare, afferrare col ronciglio, un gancio: E Graffiacan, che li era più di contra, li arruncigliò le ’mpegolate chiome (Dante). – (Voc. Treccani).  2. Ritorcere a mo’ di ronciglio, torcere, avvolgere: arroncigliarsi i baffi
Arr(e)nnùs(e), agg. Arrendevole
Arr(e)nzà, àt(e) e Acciabbattà, àt(e) Arronżare, region.  Fare un lavoro male e in fretta,  arrocchiare, abborracciare, acciabattare,  lavorare in fretta e alla peggio, acciabattare, raffazzonare. – (Dallo sp. ‘roncear’ e specificatamente dal dial. Catalano ‘arronçar’ preparare male, finire male)
Arr(e)nzòn(e), s.m. Arronzone, raffazzonatore /raf:ats:ona’tore/ s. m. [der. di raffazzonare] (f. -trice). – [chi raffazzona, soprattutto nel campo letterario, artistico e sim.] ≈ (non com.) abborraccione, (non com.) acciarpone, (region.) arronzone, (non com.) garbuglione, (region.) pecione, rabberciatore.
Arr(e)p(e)cchià, àt(e) Rabberciare, rinfrinzellare, raffazzonare, riparare, raccomodare alla bell’e meglio. (Dal lat: aere ‘pleo’, repleo, riempire con il bronzo, surrogare)
Arr(e)p(e)cchj(i)lià, àt(e) Aggrinzare, aggrinzire
Arr(e)p(e)zzà, àt(e) Rappezzare, rattoppare, rabberciare, ricucire
Arr(e)pà, àt(e) Spostare qualcosa in un angolo, in un cantone, su di un lato, mettere da parte, accantonare, appartarsi – (Dal lat. ‘arripare’, der. di ripa, propr. «giungere a riva» da cui scaturisce, nel nostro dialetto, il termine: ‘Rìpa’ rupe)
Arr(e)s(e)là, àt(e) e r(e)s(e)là, àt(e) e r(e)s(e)lià, àt(e) Rosolare, arrostire
Arr(e)s(e)rià, àt(e) Aggiustare, rassettare, sistemare: Arr(e)sìriat(e) lì capìggh(i) = Sistemati i capelli – 2. “Raccogliere la rimanenza, il sopravanzo”  nel fare pulizia” (nel raccattare, pulire, rassettare, ecc.)
Arr(e)s(e)rià, àt(e) Raccogliere la rimanenza, il sopravanzo  nel fare pulizia” (nel raccattare, pulire, rassettare, ecc.) – (Dal lat.: ‘residuum’ residuo, col pref. verb. ‘ad’) –  Arr(e)sìriat(e) lù piàtt(e)!= Mangia tutto quello che resta nel piatto!  – 2.  Aggiustare, rassettare, sistemare
Arr(e)s(e)riàt(e), agg. Rassettato, sistemato, raccolto, curato- Tèn(e) ì capìgghj(i) arr(e)s(e)riàt(e) = Ha i capelli curati, in ordine
Arr(e)sìrij(e), s.m. Residuo, rimanenza, sopravanzo, posatura, fondiglio. – (Dal lat.: ‘residuum’ residuo)
Arr(e)sìrij(e), s.m. Rimanenza, resto, avanzo, residuo, rimasuglio. – (Dal lat.: ‘residuum’ residuo)
Arr(e)spà, àt(e) Abbozzare, subire, pazientare. (da ‘rùosp(e)’: gonfiarsi come un rospo tenendosi tutto dentro)
Arr(e)ssà, àt(e) Arrossare, arrossire, ma più sovente si usa: Fà rùss(e)” = “fare rosso”;
Arr(e)ssùt(e), agg. Arrossito, diventato rosso in viso
Arr(e)stà, àt(e) Arrestare
Arr(e)tà, àt(e) Arrotare, affilare mediante una mola. 2.  Roteare, girare, volteggiare. 3. Travolgere con un veicolo a ruote, mettere sotto le ruote.
Arr(e)tà, àt(e) Roteare, girare, volteggiare.  R(e) mòsch(e) arr(e)tàvan(e) (i)ngìmma a nù pìezz(e) r(e) càrna sciùta à màl(e) = Le mosche roteavano su un pezzo di carne andata a male. Anche: Arrotare, affilare mediante una mola. 2. Travolgere con un veicolo a ruore, mettere sotto le ruote. 2. Arrotare, affilare mediante una mola
Arr(e)tà, àt(e) Travolgere con un veicolo a ruore, mettere sotto le ruote. 2. Arrotare, affilare mediante una mola. 3. Roteare, girare, volteggiare
Arr(e)tanà, àt(e) Imbrigliare uno dietro l’altro<Più animali. (Dal latino Retinere = trattenere)  Li trè mùl(i) r’avìa tùtt(i) arr(e)tanàt(e) = I tre muli li aveva tutti legati uno appresso all’altro – (Redine, briglia = “Rètana”)
Arr(e)v(e)rèrc(e), arc.e Arrivedèrc(e). – formule di saluto Arrivederci
Arr(e)và, àt(e) Arrivare, venire, giungere, capitare, raggiungere. – S’è abbiàt(e) prìma, mà ìj(i) aàgg(e) arr(e)vàt(e) = Si è avviato prima, ma io l’ho raggiunto (arrivato a lui, alla meta)
Arr(e)zz(e)nì, ùt(e) e Arr(e)zz(e)nìsc(e), arr(e)zz(e)nùt(e)) Arruginire
Arr(e)zz(e)nùt(e), agg. e Arr(e)zzùt(e) Arruginito, rugginoso
Arr(e)zzà, àt(e) Rizzare, drizzare 2. Arricciare
Arr(e)zzà, àt(e) Arricciare  2. Rizzare, drizzare
Arr(e)zzà, àt(e) Rizzare, drizzare, mettere dritto
Arrabbattàrs(e), àt(e) Arrabattarsi, darsi da fare, affaccendarsi
Arrabbià, àt(e) Arrabbiare, divenire idrofobo, soffrire – Arràbbia quà! = Stai qua a soffrire!
Arrabbiàrs(e), àt(e) Arrabbiarsi, andare in collera. Anche: “(i)Ngazzàrs(e)”
Arracà, àt(e) arc. Portare, trasportare cose pesanti, camminare con fatica – condurre, portare con se, (Termine simile all’it.: arrancare, dalla stessa radice ‘ranco’ storpio, storpio- dall’ant. Ted.: ‘ranck’ storto, curvo (sotto il peso).)
Arraccià, àt(e) Mantecare,  Arraccià  r(e) làrd(e): Mantecare il lardo – (Dal tardo lat. parlato ‘ Acia’ per il classico ‘Acies’, punta, taglio – ‘Acciatus’ era un grande ed affilato coltello. – Ant. fr. ‘hacier’ tritare, sminuzzare)
Arraccialàrd(e), s.m. e Arracciatùr(e), s.m. Battitoio in legno per battere il lardo – (Lat,: ‘Ad lacerare’ tagliare ‘laridum’  lardo. (Tavola per lavorare la pasta: vedere: “Hràmm(e)la”- Il mobile per impastarla “(i)Mbastapàn(e)”)
Arracciatùr(e), s.m. e Arraccialàrd(e), s.m. Battitoio in legno per battere il lardo – (Tavola per lavorare la pasta: vedere: “Hràmm(i)la”- Il mobile per impastarla “(i)Mbastapàn(e)”)
Arracquà, àt(e) Adacquare, innaffiare. – (Dal la.: ‘adaquàre’ dare acqua a qualche cosa)
Arracquà, àt(e) Annaffiare, adacquare, irrigare
Arraffà, àt(e) Arraffare, abbrancare. (Da ‘ruffa’ dall’ant. Ted. ‘roufan’  strappare, arraffare)
Arraffòn(e), s.m. Arraffone, rapace, persona avida
Arragg(e)nà, àt(e) e Arrasc(e)nà, àt(e) Conversare, ragionare, chiacchierare
Arrahanà, àt(e) Cottura di pietanza aromatizzata con l’uso di mollica di pane e origano o ‘regamo’ da cui deriva il verbo.
Arrahattà, àt(e) arc. Litigare, bisticciare, termine arcaico. ( Dal nap. ‘Arragattà’, inarcarsi come i gatti, specialmente quando litigano) – Anche:”L(e)t(e)hà” e “Sciarrà”
Arrancà, àt(e) Arrancare, affaticarsi, affannarsi
Arrangià, àt(e) Arrangiare
Arrangiàt(e), agg. Accomodato, adattato alla meglio
Arranzà, àt(e) Affacciare, sporgere (Da: ‘adantiare’> ‘ad + ante’ in avanti)
Arranzàrs(e), àt(e) Affacciarsi, sporgersi
Arrapà, àt(e) Eccitarsi sessualmente, desiderare, consumarsi dalla voglia (da rapa, che in ambito gergale ha assunto il significato di membro virile)
Arrapàt(e), agg. Lussurioso, cupido, eccitato, concupiscente.
Arrapàt(e), agg. Eccitato, cupido, lussurioso, concupiscente.
Arrapatura, s.f. Foia, fregola, libidine, stato di eccitazione
Arrasà, àt(e) e Rasà, àt(e) Rasare, radere, levigare, lisciare, strusciare, strofinare, rasare,. – (Dal Gr.: ‘rasso’ urtare, intoppare)
Arrasc(e)nà, àt(e) e Arragg(e)nà, àt(e) Ragionare, chiacchierare, conversare
Arràss(e), Lontano, distante, spostato, separato
Arrassà, àt(e) arc. Allontanare, mettere discosto, mettere da parte. – (Dall’arabo: ‘arasa’ essere sparato. – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005)
Arrav(e)glià, àt(e) Ravvolgere, aggrovigliare, accozzare, raccogliere, in maniera disordinata
Arraviglià, àt(e) Avvolgere, avvoltare, avviluppare, accartocciare
Arraviglià, àt(e) Avvolgere, avviluppare, volgere intorno, accartocciare
Arravùogli(e), s.m. Aggroviglio, accozzaglia
Arrazzà, àt(e) e Arrazzàrs(e), àt(e) Apparentare, stringere parentela, apparentarsi  (da ‘razza’ termine impropriamente usato in senso lato, scherzoso)
Arrènn(e), ùt(e) Arrendere
Arrèt(e), avv. Nuovamente, di nuovo, ancora, ancora una volta, di nuovo, un’altra volta. (Dal fr. antico: ‘Arriere’  > ‘arreri’, diventando poi, come calco semantico, nel nostro dialetto del meridione: ‘arreto’. – Dal Lat. ‘ad retro’, indietro nel tempo: come al tempo passato)
Arrigliatòra, s.f. Neve ammucchiata dal vento che in genere si verifica negli avvallamenti del terreno. (Probabile attinenza al Toscano: ‘Rigliatura’, ‘Regliatura’, ‘Reglia’ (Fossa piena d’acqua) (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – Pag. 361)
Arringhià, àt(e) e Arr(e)nghià, àt(e) Aggomitolarsi, rannicchiarsi su se stesso.  (Origine del termine: dal lat. parlato: ‘runculare’ roncolare, connesso con ‘runca’ ronca, con il significato di accorciare). 2. Rattrappire, ritirarsi, provocare la contrazione di uno o più arti, e più in generale delle membra del corpo, e, con la conseguente diminuzione della funzionalità nervosa e muscolare, la difficoltà o l’impossibilità temporanea di distenderli
Arrìv(e), s.m. Arrivo
Arrivedèrc(e), e Arr(e)v(e)rèrc(e), arc. – formule di saluto Arrivederci
Arròr(e), s.m. Errore, (arcaico) – Anche: “Erròr(e)”
Arròst(e), ùt(e) e Abbr(e)st(e)lì, ùt(e) Arrostire, abbrustolire (reg.), bruscare
Arrotìn(e), s.m. e Ammòlafùorb(e)c(e), s.m. Arrotino
Arrotìn(e), s.m. e Ammòlafùorb(e)c(e), s.m. Arrotino
Arru_uìna, s.f. e Arru_uìna, s.f. Disastro, rovina, danneggiamento
Arru_uìna, s.f. e Ru_uìna, s.f. Rovina, disastro, ruina
Arruffà, àt(e) Arruffare.  (Da ‘ruffa’ dall’ant. Ted. ‘roufan’  strappare, arraffare)
Arruhunà, àt(e) Rovinare, danneggiare, guastare, sciupare
Arrùobb(e), s.m. Furto, rubamento, ruberia continua
Arrùst(e), s.m. Arrosto
Arrùunà, àt(e) Rovinare, andare in rovina
Àrs(e), agg. Arso, disseccato, arido
Àrsa, s.f. Acciarino, ferretto che si infila alle due estremità dell’assale per assicurare le ruote del carro – (lat. ‘axiculus’ piccolo perno (pugliese: ‘arsicule”)
Arsènich(e), s.m. Arsenico
Arsùra, s.f. Arsura, afa. 2. Sete, aridità della bocca
Àrt(e), s.f. Arte, mestiere
Artìcul(e), s.m. Articolo, parte, pezzo. 2. Personaggio, persona discutibile, criticabile – Chì quìgghj(i)? E’ n’artìcul(e)! = Chi quello? E’ un personaggio!
Artìcul(e), s.m. Personaggio, persona discutibile, criticabile – Chì quìgghj(i)? E’ n’artìcul(e)! = Chi quello? E’ un personaggio! 2. Articolo, parte, pezzo. 2.
Artiggiàn(e), s.m. Artigiano
Artìst(e), s.m. Artista
Aruquà, àt(e) arc. e Educà, àt(e) Educare
Arz(e)ntùs, agg. Arzente, ardente, più che altro col significato di acidulo
Arzanès(e), s.m. Armigero, persona agguerrita, forzuta, atletica – (Arzinche = tenaglia appuntita: dal significato arc.di ‘mascelle’) – Dialetto potentino ‘arza’ = mascella
Asattòr(e), s.m. Esattore, in genere di imposta, vedere: Habbèlla
Àsc(e)ca, s.f. Scheggia, pezzetto – Ràmm(e) n’àsc(e)ca r'(e) f'(e)rmàgg(e) = Dàmmi un pezzetto di formaggio – (Dal gr.: ‘askla’ scheggia – lat. parlato ‘Ascla’ >Ascula = Scheggia. 2. Scheggia di legno, assicella
Àsc(e)ca, s.f. Scheggia di legno, assicella. 2. Scheggia, pezzetto – Ràmm(e) n’àsc(e)ca r'(e) f'(e)rmàgg(e) = Dàmmi un pezzetto di formaggio – Dal lat. parlato ‘Ascla’ >Ascula = Scheggia
Àsc(e)m(e), agg. Azzimo, non lievitato (Gr. ‘Aziyos’ senza lievito)
Àsc(e)p(e)ta, inter. e Càsc(e)p(e)ta, inter. Caspita, caspiterina
Ascègghia, s.f. Ala, ascella. –  Ascella, la parte che sta sotto l’attaccatura del braccio (comunemente chiamata ‘Cattìglia’)
Ascenziòn(e), s.f. Ascensione. 2. Ascensione, il ritorno di Gesù Cristo in cielo, si festeggia 40 giorni dopo la Pasqua
Ascenzòr(e), s.m. Ascensore
Ascèss(e), s.m. Ascesso
Àscia, s.f. Ascia, attrezzo da taglio usato in carpenteria per sgrossare e lavorare il legname, costituito in genere da un robusto manico di legno al quale è fissata una lama leggermente ricurva con il taglio perpendicolare all’asse del manico (a foggia di zappa)
Asìgg(e), as(e)ggiùt(e) Esigere, incassare
Àsp(e)r(e), agg. Aspro
Asp(e)ttà, àt(e) Aspettare
Aspètt(e), s.m. Aspetto
Àss(e), s.m. Asso. 2. Asse, assale, sala (asse di un veicolo non a motore)
Àss(e), s.m. Asse, assale, sala (asse di un veicolo non a motore) 2. Asso
Àss(e), s.m. Asso
Ass(e)ccà, àt(e) Essiccare, asciugare, mettere a stagionare. 2. Prosciugare, svuotare, esaurire
Ass(e)ccà, àt(e) Prosciugare, svuotare, esaurire. 2. Essiccare, asciugare, mettere a stagionare
Ass(e)cundà, àt(e) Assecondare
Ass(e)curà, àt(e) Assicurare
Ass(e)cutà, àt(e) Assecondare, secondare, favorire,  stare dietro, seguire, aiutare. – (Dal lat. parlato ‘secutare’, seguire, nel senso di andare d’accordo, da ‘secutus’ part. pass. di ‘sequi’ da ‘secutus’. – Quìggh(i) s'(e) scòrda sèmb(e) r'(e) fàrt(e) lù s(e)rvìzij(e), tù l’èia s(e)cutà! = Quello dimentica sempre di farti il favore, tu lo devi sollecitare!
Ass(e)gg(e)ttà, àt(e) Assoggettare, sottomettere
Ass(e)làt(e), agg. Assolato
Ass(e)mm(e)glià, àt(e) e Rass(e)m(e)glià, àt(e) Assomigliare, somigliare, rassomigliare
Ass(e)mmìglià, àt(e) Assomigliare
Ass'(e)nc(e)rà, àt(e) e S(e)ng(e)rà, àt(e) Schiarire (del tempo), spiovere, smettere di piovere – Huàrda mmèzza à là vìa sì èia s(e)ng(e)ràt(e)
Ass(e)ndà, àt(e) e Ass(e)ntà, àt(e) Assestare, sferrare, posare, metter giú (Sp.: ‘Asentar’ posare).  2. Assentarsi
Ass(e)ndàt(e), agg. e Ass(e)ntàt(e), agg. Assestato, messo al suo posto, fermo, inamovibile. 2.fig. di persona: assennato, giudizioso, cauto – Dicesi anche: ‘Ass(e)ntàt(e)’
Ass(e)ng(e)rà, àt(e) Rasserenare, schiarire, in genere riferito al tempo
Ass(e)nnà, àt(e) Assonnare
Ass(e)ntà, àt(e) Assemblare, stringere insieme, connettere – Assèntar(e) bùon(e) stì bullùn(e)! = Stringili bene questi bulloni! 2. Assestare, Infliggere, dare, far sentire
Ass(e)ntà, àt(e) Assestare, Infliggere, dare, far sentire – Haàgg(e) ass(e)ntàt(e) nù pùnij(e) = Gli ho assestasto un pugno 2.  Assemblare, stringere insieme, connettere
Ass(e)ntà, àt(e) e Asse(e)ndà, àt(e) Assentarsi. Chì s’èia ass(e)ndàt(e) òsc(e)? = Chi si è assentato oggi? 2. Assestare, sferrare, posare, metter giú.
Ass(e)ppà, àt(e) e Assuquà, àt(e) Asciugare, rasciugare, assorbire un liquido, asciugare. (Da: ‘Sùppa’ zuppa preceduto dal pref. ‘A’  privativo (non zuppa) – Vedere anche l’etim. di: “Assuquà”
Ass(e)prà, àt(e) Staccare dal lavoro – Dal lat.ex ‘Operari’, (staccare) dal ‘lavorare’)
Ass(e)qua, àt(e) Asciugare. – (Lat.: ‘ex’ da, fuori) e ‘succus’ o ‘sucus’,  asciugare)
Ass'(e)r(e)nàrs(e), àt(e)s(e) Rasserenarsi
Ass(e)stà, àt(e) Assestare, cogliere in un punto dove si è mirato, ad esempio una martellata sul chiodo
Ass(e)stènza, s.f. Assistenza
Ass(e)tt(e)glià, àt(e) Assottigliare
Ass(e)ttà, àt(e) Sedere, assettare, accomodarsi, rassettarsi.  – (Dal lat. volg. ‘assettare’, per ‘sedere’ = sistemarsi, adattarsi- Vedere etimo di ‘rassettare’)
Ass(e)zzà, àt(e) Assettare, pareggiare, uguagliare, compensare  da associare, appaiare, accomunare. – (Da: “sùozz(e)”, uguale > dal lat. ‘socius’ compagno, nel senso di essere alla pari,  unire, con il pref.verb. ‘ad’)
Ass(e)zzà, àt(e) Pareggiare, assettare, uguagliare, compensare. – (Da: “sùozz(e)”, uguale > dal lat. ‘socius’ compagno, nel senso di essere alla pari,  unire, con il pref.verb. ‘ad’)
Ass(e)zzàt(e), agg. Pareggiato, reso pari. – (Vedere: ‘ass(e)zzà’ pareggiare)
Assà, àt(e) e lassà, àt(e) Lasciare, lassare (arc.) – ‘A’ssalu scij(e)’ = Lascialo stare – ‘Assàmm(e) acchianà ammònd(e)’ = Lasciate(mi) salir sù.
Assacrèr(e)s(e), assach(e)rrùt(e)s(e) Capacitarsi, convincersi, persuadersi
Assài(e), avv. e agg. Assai, molto
Assal(e)nià, àt(e) Ansimare, respirare con difficoltà, avere il fiatone dall’ant.(Dal lat. ‘anxiare’ travagliare, all’ant. It.: ‘ansiare’, giunto fino a noi come: ansaliniare e quindi: ‘assal(e)nià(re)’.)
Assàl(e)nià, àt(e) Ansimare, ansare, respirare affannosamente, boccheggiare – (Dall’ it.:  ansiare, in disuso, a sua volta dal lat.: ‘anxiare’ travagliare, a sua volta da ‘ànxia’ femm. di ‘ànxius’ affannoso. L”ansiare’ stravolto fino a noi, nei probabili ‘ansilimiare’ e ‘assalinia(re)’)
Assalì, ìt(e) Assalire
Assalùt(e), agg. Assoluto
Assalutamènt(e), avv. e Assalutamènd(e), avv. Assolutamente, affatto
Assanghià, at(e) Sgonfiare, togliere la tumescenza, restringere, assottigliare, ridurre, ritirarsi, decongestionare
Assanghiatùra, s.f. Detumescenza
Assanguàt(e), agg. Esangue, senza sangue, detto di chi ne ha perduto molto. – (ant.: ‘essangu’, dal lat. exsanguis, comp. di ex- e sanguis «sangue»)
Assap(e)rà, àt(e) Assaporare, assaggiare, degustare
Assàp(e)rà, àt(e) Assaporare
Assaquàrs(e)la, àt(e) Dileguarsi, andare via, defilarsi – (Dall’etimo di ‘dileguare’:  dal prov. ‘deslegar’ da un supposto verbo di barbara latinità: ‘dis-liquare’ o  ‘de-liquare’ del class. Lat. ‘de-liquere’ liquefarsi)
Assaquatùr(e), s.m. e agg. Uccelletto, specificatamente all’epoca del suo abbandono dal nido ( Vedere: “Assaquà”). 2. Come agg.: Fuggiasco, fuggevole
Asse(e)ndàrs(e), àt(e) Assentarsi
Assecònda, prep. Seconda<A. A seconda. Seguire o seguitare alla seconda; Regolarsi a seconda.
Assènd(e), agg. e Assèndte), agg. Assente
Assèndte), agg. e Assènd(e), agg. Assente
Assènn(e) cà, Loc. cong. causale Essendo; Assènn(e) ca òsc(i) assòpr(e) tàrd(i). . . = Essendo che oggi stacco tardi dal lavoro. . .
Assènz(e), s.m. Assenso
Assenziàl(e), agg.arc. e Essenziàl(e), agg. Essenziale
Assessòr(e), s.m. Assessore
Assì Pàcc(e), assùt(e) p. Impazzire
Assì pàcc(e), ssùt(e) p. Impazzire
Assì, ùt(e) Uscire, andar fuori, venir fuori, colare, sprigionarsi
Assicurà, àt(e) Assicurare
Assicuraziòn(e), s.f. Assicurazione
Assignà, àt(e) Assegnare, dare, affidare
Assìp(e)t(e), agg. e Sciapìt(e), agg.  (i)Nzìp(e)t(e), agg Sciapìto (arc), Insipido, scipito, sciàpido, senza sapore
Assìrs(e)n(e), ùt(e) Uscirsene, venirsene fuori
Assìst(e), ass(e)stùt(e) Assistere
Assògli(i), assùov(e)t(e) ed assigliùt(e) Sciogliere, slegare, disfare, slacciare, liberare. – (Dal lat.: ‘solvere’ sciogliere) – Anche: “Sp(e)ndà”
Assolutamènt(e), avv. e Assolutamènd(e), avv. Assolutamente
Assolv(e), ass(e)lvùt(e) Assolvere
Assùglia, s. f. Lesina, attrezzo da calzolaio, consistente in una lunga punta in ferro, un po’ ricurva, ed un manico in legno. (Dal lat. ‘sùbula’ lesina, con la tipica mutazione di ‘bul’ in ‘gli’, come ad es. ‘nèglia’ da ‘nebula’ > ‘nebla’ = nebbia, ecc.)
Assùnta, s.f. e Assùnda, s.f. Assunta
Assunziòn(e), s.f. Assunzione. 2. Assunzione di Maria Vergine. Si festeggia il 15 Agosto
Assùov(e)t(e), agg Slegato, sciolto
Assuquà, àt(e) e Ass(e)ppà, àt(e) Asciugare, rasciugare, assorbire un liquido, asciugare. (Dal lat.: ‘ex-sucare’ asciugare) – Vedere anche l’etim. di: “Ass(e)ppà”
Assuquà, àt(e) e Ass(e)ppà, àt(e) Asciugare, vedere anche: “Ass(e)ppà” (Lat.: ‘exsucare’ prosciugare)
Assùta, s.f. Uscita
Assùtt(e), agg. Asciutto
Àsta, s.f. Asta, verga  –  (“R'(e) gàst_ àst” = Le aste che il maestro fa eseguire ai bambini le prime volte per imparare a scrivere)
Astigliàr(e), s.m. Greppia, rastrelliera (di stalla) che si pone, un po’ sollevata’ sulla mangiatoia di una stalla per sistemarvi il fieno da cui un quadrupede possa, un po’ alla volta, mangiarne un boccone.  2. Scaffale in legno, inteso quello con ripiano graticciato in legno, di arredo, in un negozio o in un magazzino – (Della stessa origine del termine ‘Stìglj(i)’)
Astigliàr(e), s.m. Scaffale in legno, inteso quello con ripiano graticciato in legno, di arredo, in un negozio o in un magazzino – (Della stessa origine del termine ‘Stìglj(i)’). 2.  Greppia, rastrelliera (di stalla) che si pone, un po’ sollevata’ sulla mangiatoia di una stalla per sistemarvi il fieno da cui un quadrupede possa, un po’ alla volta, mangiarne un boccone.  – (Della stessa origine del termine ‘Stìglj(i)’).
Astùzia, s.f. e Stùzia, s.f. arc. Furberia, astuzia, scaltrezza
Atèrn(e), agg. Eterno
Att(e)llà, àt(e) Attillare, vestire con cura
Att(e)nè, ùt(e) Ottenere
Att(e)nèrs(e), ùt(e) Attenersi
Att(e)nnà, àt(e) Tondeggiare, arrotondare, tondare
Att(e)rà, àt(e) Attirare, attrarre
Att(e)rrà, àt(e) Atterrare, gettare a terra, rovinare, distruggere. 2. Tostare, abbrustolire. – (Dal lat.: torrere’)
Att(e)rràt(e), agg. Tostato, abbrustolito.  – (Dal lat.: torrere’)
Att(e)zzà, àt(e) Attizzare, ravvivare la fiamma disponendo e accomodando i tizzi ( ì ‘t(e)zzùn(e)’) in modo che brucino meglio; per lo più nella frase a. il fuoco
Attaccà, àt(e) Attaccare.   2. Legare. Attàcca lu ciùcc(e) a lu cat(e)nìegghj(i) = Lega l’asino all’anello di ferro infisso al muro”
Attaccà, àt(e) Legare. Attàcca lu ciùcc(e) a lu cat(e)nìeggh(i) = Lega l’asino all’anello di ferro infisso al muro”. 2. Attaccare
Attaccànd(e), agg. e s.m. Attaccante
Attaccànt(e), agg. e s.m. e Attaccànd(e), agg. e s.m. Attaccante
Attaccapànn(e) Appendiabiti
Attaccatùr(e), s.m. Legaccio, collante, adesivo, attacco
Attaccatùra, s.f. e  Attaccatòra, s.f. Attaccatura, legatura, legame
Attàcch(e), s.m. Attacco
Attàn(e), s.m. Padre; (Dal germanico ‘attane’, forma dell’accusativo di ‘atta’ padre) – Tuo padre = ‘Attàn(e)ta’
Attandà, àt(e) e Attantà, àt(e) Toccare, palpare, tastare. (Dal lat.: ‘temptare’ toccare, tentare e dal lat. parlato ‘tastare’)
Attandùn(e), avv. Tentone, tastoni – Tànd(e) chì èra nòtt(e) camm(e)nàva a’ attandùn(e) = Era talmente buio che camminava a tentoni
Attappà, àt(e) Otturare, tappare, turare
Attaragghià, àt(e) Sodomizzare. (da ‘Taràggh(i)’)
Attènd(e), s.m. Attendi, comando impartito ai soldati
Attèng(e), ìnt(e) Attingere, spillare il vino dalla botte; in particolare col significato di: Svinare, togliere il vino dai tini dopo la fermentazione. 2. Sbronzarsi, l’atto di bere del vino. (per trasposizione di significato)
Attèng(e), ìnt(e) Sbronzarsi, l’atto di bere del vino. (per trasposizione di significato). 2. Attingere
Attès(e) cà, loc. congiuntiva Atteso che, equivale a poiché, dato che
Attìent(e), agg. e Attìend(e), agg. Attento
Attillàt(e), agg. Attillato, aderente, che disegna le forme
Attòn(e), s.m. arc.  e Ottòn(e), s.m. Ottone – Stù màsc(e)ch(e) èia r’attòn(e) – Questa serratura è di ottone
Attòr(e), s.m. Attore
Attòrc(e), attùort(e) Attorcere, torcere, avvolgere
Attràss(e), s.m. Arretrato, arretrato da pagare, da consegnare, morosità, – (Sp.: ‘atraso’ ritardo) Mà p- ‘(e)rtàt(e) nù tùmm(e)l(e) r'(e) hràn(e) r’attràss(e); mafalànn(e) n'(e)n m'(e) r'(e) pòtt(e) rà = Mi ha portato un tomolo di grano di arretrato; l’anno scorso non me lo potè dare (Sp.: ‘Atraso, atrasar’ ritardo, indugiare)
Attrassà, àt(e) Ritardare, indugiare, un pagamento, masserizie da consegnare, ecc.; (Sp. ‘atrasar’ ritardare, indugiare, farsi indietro, impaurirsi)
Attucquà, àt(e) e Tucquà, àt(e) Spettare, toccare di diritto, essere dovuto. – (Dal prov.: ‘toquar’)
Attùorn(e), avv. Attorno, intorno. – ‘In giro’, torno torno, dicesi: “Tùorn_Tùorn”  oppure: “Attùorn(e)_Attùorn(e)” – “Attùorn(e) llòch(e)” = Costì, nei d’ intorni. – Attorniare, fare la corte a qualcuno = “Rà attùorn(e)”
Àtu iùorn(e), s.m. e R(e)tèrza, s.m. Ier l’altro, l’altro giorno
Auànn(e), avv. Quest’anno. – (Dal lat. ‘hac-anno’, qui nell’anno) – L’anno venturo = ‘Auànn(e) chì vèn(e)’ (l’anno che verrà)
Auc(e)gghiùzz(e) Uccelletto, uccellino
Auc'(e)rt(e)lòn(e) Lucertolone, lacertone, ramarro
Auc'(e)rt(e)lòn(e) Ramarro, lucertolone, lacertone
Aucchià, àt(e) e Allusc(e)cà, àt(e) arc. Adocchiare, vedere, osservare, distinguere, individuare
Aucchiàta, s.f. Occhiata
Aucèrt(e)la, s.f. e Aucèrta, s.f. arc. Lucertola – (Lat: ‘lacerta’)
Aucìeggh(i) Uccello, volatile. (Da: augello arc.). Uccellino: “Auc(e)gghiùzz(e)”, s.m.) – Vedere anche: “Assaquatùr(e)” riferito al periodo che l’uccellino abbandona il nido.
Aucìegghj(i) Uccello – (Dal tardo lat. ‘aucellus’ da avicellus, doppio dim. di ‘ avis’ uccello) – Dim.: ‘Uccellino: ‘auc(e)gghiùzz(e)’
Auglià, àt(e) e Uglià, àt(e) Lubrificare, oliare, l’atto di lubrificare, di ungere, di condire con olio
Augliàrs(e), àt(e) Ubriacarsi. – (Dal lat.: ‘ad oleare’ oleare: ironicamente oliare la gola per “funzionare meglio” per sentirsi meglio, dentro, psicologicamente). 2. Cadere, rovinare. 3. Oliare, l’atto di ungere, di lubrificare, di condire con olio
Augliàrs(e), àt(e) Cadere, rovinare, scivolare, sguisciare. – (Da: ‘auglià’ oliare per intendere metaforicamente: ‘lo scivolare’ il cadere).  – S’è augliàt(e) (i)ndèrra! =  E’ scivolato per terra! 2. Ubriacarsi, anche: “(i)Mbriacà”
Augnà, àt(e) Carpire. augnare, adugnare, ghermire, afferrare.   2. Amoreggiare, avere un rapporto intimo con qualcuno. – (Dall’it. ‘adugnare’ afferrare qualcuno, dominare, possedere carnalmente)
Augnà, àt(e) Amoreggiare, eccitarsi, avere un rapporto intimo con qualcuno. (Probabile origine dal lat. ‘Agnus’ agnello + suffisso latino ‘èscià’ (dal lat. ‘idiare) col significato di ‘desiderare il montone (da parte della pecora). – Vedere anche “Ain(e)scià”  = che in calabrese si usa ‘agnare’, ‘auniare’ ecc. che hanno il significato di desiderar. 2 Augnare, adugnare, carpire
Augurà, àt(e) e Auurà, àt(e) Augurare, auspicare, desiderare
Aulèc(e)na, s.f. e Aulèsc(e)na, s.f. Susina, prugna ulcina, pianta e frutto (Lat. parlato ‘aulicinus’ specie di pruno – Pruna ulicina – è una prugna con la polpa meno densa, con più liquido) – Prugna = ‘Prùma’
Auliva, s.f. Olivo, ulivo, ed anche oliva, uliva
Aum(e)ntà, àt(e) e Aum(e)ndà, àt(e) Aumentare, accrescere. – Usato anche: “(i)Ngasà” specialmente nella frase: (i)Ngàsa là ddòs(e)! = Aumenta la dose!
Aumènta, s.f. arc. e Aumènda, s.f. arc. e Mènta, s.f. e Mènda, s.f. Menta, della famiglia labiate
Aunèst(e), agg. Onesto
Aunì, ùt(e) Riunire, unire, aggiungere – Anche: “Aggiòng(e)”
Aunì, ùt(e) Unire, riunire, aggiungere – Vedi “Aggiòng(e)”
Aunìa, s.f. Agonia
Aunìrs(e) ùt(e) e Unìrs(e), ùt(e) Unirsi, riunirsi, accoppiarsi
Aur(e)cchiùn(e), pl. m. Orecchioni, termine popolare riferita alla malattia della Parotite.
Aur(e)cchj'(i)n(e), s.f. Orecchino. Anche: ‘Acciaccùoglj(i)’
Aur(e)scjà, àt(e) Aerare, ventilare,  – Cù quìgghiu càll(e,) (i)ndà là càmmara, s'(e) stìa bbùon(e), s'(e) aur(e)scjàva = Con quel caldo, nella stanza, si stava bene, si era areati
Aurà, àt(e) Augurare
Aurècchia r'(e) prèut(e) s.f. Pasta<Tipo di. Tipo di pasta alimentare a forma di orecchio
Aurècchia, s.f. Orecchio ed orecchia. 2. Risvolto, piegatura di un folglio di carta
Aurènzia, s.f. e Aurènza, s.f. Udienza, audienza, il dare ascolto, dare attenzione. – (Dal lat.: ‘audientia’)
Aùrij(e), s.m. Augurio – pl.: ‘Aùrij(e)’
Àurscià, , àt(e) Picchiare, dare orza (corda in termini marinaresco). – (L’orza, nelle navi a vela latina è il cavo fissato alla trozza (o carro) dell’antenna per portare la vela sopravvento. Caricare l’o., locuz. ant., tesare con forza il cavo; fig., riempire soverchiamente, contendere, percuotere)
Aus(e)mà, àt(e) Fiutare, annusare, braccare, sentire, esaminare (Gr.: ‘Osmao’ io fiuto) – Ù càn(e) hàv(e)= aus(e)màt(e) quàcche còsa = Il cane ha annusato qualcosa (Da: usare l’Ùs(e)m(e) = fiuto)
Aus(e)màrs(e), àt(e) Stimarsi – (Da: ‘us(e)m(e)’ fiuto > dal gr: ‘osmao’ io fiuto, nel senso fig.: come aver fiuto per i fatti altrui, scambiarsi gli interessi, le opinioni)
Ausà, àt(e) e Usà, àt(e) Usare
Ausànza, s.f. Usanza
Ausàt(e), agg. e Usàt(e), agg. Usato
Aùst(e), s.m. Agosto
Austà, àt(e) e Hustà, àt(e) Assaporare, gustare
Austìgn(e), agg. Agostano, di agosto. – (Da: ‘Aùst(e)’ agosto) –  Pr(i)mmaròl(e) austègn(e) = Pomodori agostani
Ausura, s.. Arc. e Usùra, s.f. Stròzzo (pop.), usura, strozzinaggio
Àut(e) pron. e Àtu  pron. Altro, persona o cosa diversa – L’àtu iùorn(e)m = L’altro giorno – Prìma (i)ngèra ùn(e), mò (i)ng(e)nnè n’àut(e) = Prima c’era uno, adesso ce né un altro
Àut(e), agg. e Ìrt(e), agg. Elevato,  alto, prominente. agg. – Molto alto = “A’ut(e)_a’ut(e)” – Femm.: ‘èrta’ e ‘àuta’
Àut(e), agg. e pron. Altro. diverso, differente – N'(e)n tèngh(e) àut(e) = Non tengo altro; – Ùn(e) a mì e n’àut(e) a tì = Uno a me e un altro a te; Si usa anche contratto: ‘A’tÙ – N’àtu iùorn(e) = Un altro giorno – L’àti iùorn(e) = Gli altri giorni – Altra forma: ‘Iàt(e)’: Iàt cà mò = Altro che adesso.figlio. – Al femm.: “A’uta”   – N’àta fìglia = Un’altra figlia – e  ‘A’t(e)’ – Rammìnn(e) n’àt(e) ttànd(e) = (letteralm.: dammene un altro tanto = dammene ancora tanto – Vèngh(e) n’àta vòta = Vengo un’altra volta
Àut(e), s.m. Trogolo, conca, vassoio. In particolare mangiatoia in legno o in pietra per il maiale.  – (Da: lat.: ‘gabàta-ae’, scodella. ‘gavàtae’ (in Marziale) – sp.: ‘cassettone’ – Ital.: ” gavetta
Àuta, s.f. Altra; Un’altra = N’àuta – Le altre = GhÌA’ut(e)
Autàra, s.f. Altare
Autèzza, s.f. Altezza
Autìma, s.f. Altura, rilievo, altopiano. Località di campagna situate più prominenti dal punto di vista altimetrico. – Termine contr. ‘Vasciàgna’ territori in zone basse.
Autobbùss(e), s.m. Autobus, autocorriera
Autobùs(e), s.m. e Postàl(e), s.m. arc. Autobus, Autocorriera, utilizzata a volte anche per il trasporto della posta
Autotrèn(e), s.m. Autotreno
Autùnn(e), s.m. Autunno
Autunnàl(e), agg. Autunnale
Auurà, àt(e) e Augurà, àt(e) Auspicare, augurare, desiderare
Auzà, àt(e) Alzare, sollevare. (Dal  gr. ‘izo’ = sedersi, preceduto
da a priv. = non sedersi, stare in piedi)
Av(e)tà, àt(e) Evitare
Avallà, àt(e) Avallare, garantire
Avànd(e), avv. e Avànt(e), avv. Avanti – Andiàm(e) avànd(e)! = Andiamo avanti, proseguiamo! – Tira avànti! (col significato: va tutto bene, vai avanti, coraggio) = ‘Mèna mò!
Avànd’hora, agg. Presto, poco fa (Lat.: ‘ante horam’)
Avànt(e), avv. e Avànd(e), avv. Avanti – Andiàm(e) avànd(e)! = Andiamo avanti, proseguiamo!
Avantà, àt(e) e Avandà, àt(e) Vantare, lodare, glorificare
Avantascjòtta, s. m. e agg. Millantatore, persona che si vanta in genere senza alcun fondamento. ( Da: ‘sciòtta’: vantarsi di cose da nulla come l’acqua di cottura della pasta)
Avànz(e), s.m. Avanzo, rimanenza
Avanzà, àt(e) Avanzare
Avaramènte, avv. e Varamènt(e), avv. e Varamènd(e), avv. e Davvero, veramente,  propriamente
Avascià, àt(e) e Abbascià, àt(e) e Vascià, àt(e) Abbassare, calare, diminuire
Avastà, àt(e) e Abbastà, àt(e) Bastare, usato anche Abbastà; – Avàsta e sòvra = Abbasta e supera, è cioè molto abbondante
Avastà, àt(e) o Abbastà, àt(e) Bastare, usato anche “Avastà, àt(e)”  –   Avàsta e avànza = ‘abbasta’ ed avanza = basta ed avanza
Avè còr(e), ùt(e) c. Disinvolto < Essere. Essere: spontaneo, disinibito. (letterale: ‘avere coraggio’) – (Dall’ant. signif. del termine: ‘coraggio = cuore) – N’n bòl(e) scj(i), n’n hàv(e) còr(e) = Non vuole andare, non ha coraggio
Avè, ùt(e) Avere, pr.: Àgg(e), ài, àv(e), avìm(e), avìt(e) ànn(e); pass. rem: Avìett(e), avìst(e), èbb(e), avèmm(e), avìst(e)v(e), èbb(e)n(e); fut.: àggia avè, àia avè, àdda(e) avè, avìm(e) avè, avìt(e) avè, ànna avè; cond.: avarrìa avè, ecc.; pres. cong. àggia, ecc.; imp.: àggia, ecc – Àggia tànta f(e)rtùna! = Abbi o abbia, tanta fortuna!  – P’ù scanzà m’avìett(e)  m(e)nà (i)ndà à cunètta! = Per scansarlo dovetti buttarmi nella cunetta!
Avemmarìa, s.f. Avemmaria, avemaria, preghiera
Avòrij(i), s.m. e agg. Avorio
Avv(e)c(e)nà, àt(e) e Abb(e)c(e)nà, àt(e) Avvicinare
Avv(e)l(e)mènd(e), s.m. Avvilimento
Avv(e)l(e)mìend(e), s.m. Avvilimento
Avv(e)lè, avv(e)lìrs(e)  e Avv(e)lì, ùt(e) Sgomentare, avvilire, umiliare
Avv(e)lì, ùt(e) e Avv(e)lè, avv(e)lìrs(e) Avvilire, sgomentare, umiliare
Avv(e)n(e)mènd(e), s.m. Avvenimento
Avv(e)nazzàrs(e), àt(e) Avvinazzarsi, ubriacarsi
Avv(e)nazzàrs(e), àt(e) e (i)Nd(e)scj(e)càrs(e), àt(e) e Pigliàrs(e) nà pègghia, pigliàt(e) nà p. Sborniarsi, ubriacarsi, sbronzarsi
Avv(e)nazzàt(e), agg. Ubriaco,  essere alticcio
Avv(e)ntà, àt(e) e Avv(e)ndà, àt(e) Avventare, scagliare
Avv(e)rtì, ùt(e) Avvertire, anche Avvèrt(e)
Avv(e)stà, àt(e) Avvistare. Cominciare a vedere, riconoscere di lontano. (Dal catal. ‘avistar’)
Avv(e)stà, àt(e) e Abb(e)stà, àt(e) Avvistare
Avval(e)rà, àt(e) e Abbalurà, àt(e) Avvalorare, confermare, appoggiare, convalidare
Avvampà, àt(e) e Avvambà, àt(e) Avvampare, divampare, infiammarsi
Avvèrt(e), Avv(e)rtùt(e) Avvertire, anche “Avv(e)rtì”
Avvità, àt(e), Avv(i)tà, àt(e), e Abbità, àto. arc. Avvitare.
Avvòlg(e), ut(e) Avvolgere
Avvuquàt(e), s.m. Avvocato
Azz(e)ccà, àt(e) Azzeccare, cogliere, indovinare, colpire nel punto giusto. 2. Avvicinare, accostare, mettere vicino
Azz(e)ccà, àt(e) Avvicinare, accostare, mettere vicino.  (Da ‘zecca’ per similitudine a quest’acaro che si aggrappa all’animale che infesta, succhiandogli il sangue)
Azz(e)ccùs(e), agg. Appiccicoso, detto di persona molto opprimente, insistente, che tocca continuamente. – (Da: ‘azz(e)ccà’)
Azz(e)mà, àt(e) Azzimare, adornare, abbellire
Azz(e)màt(e), agg. Azzimato, attillato, vestito con gran cura e ricercatezza
Azz(e)ppà, àt(e) Azzoppare, storpiare
Àzz_aff(e)là, agg. Mettere alla prova, dare un arduo compito (Forse da: “Affilare: “aff(e)là”  l’acciaio: “azzàr(e)” per fare una spada, una freccia.
Azzangà, àt(e) Infangare, immelmare, sporcarsi di fango. – (Da ‘zànga’)
Azzàr(e), s.m. Acciaio, acciaro ant.
Azzàrd(e), s.m. Azzardo
Azzardà, àt(e) Azzardare, arrischiare
Azzigghià, àt(e) Viticci<Rialzare i. Rialzare i viticci (Crapiùol(e)) nella vigna, per favorirne l’avviticchiamento
Azzòt(e), s.m. Azoto
Azzùopp(e), s.m. Zoppicatura, caduta che ha provocato zoppia
Azzùrr(e), agg. Azzurro