T/U/V/Z

(i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
T T
T(e), pron. pers. Ti
T(e)bbètt(e), s.m. Persona  insincera, ipocrita, persona non   schietta,  paragonata ad un tubetto, un   oggetto qualunque, proprio per la sua vaghezza. – Mò arrìva, t(e)bbètt(e)! =   Adesso arriva l’ipocrita!Tubetto. 2. Tubetto
T(e)bbètt(e), s-m Tubetto. 2.   Persona  insincera, ipocrita, persona   non schietta,  paragonata ad un   tubetto, un oggetto qualunque, proprio per la sua vaghezza. – Mò arrìva, t(e)bbètt(e)! = Adesso arriva l’ipocrita!
T(e)culià, àt(e) arc. e T(e)culà, àt(e) Traballare,   vacillare, tentennare non essere fermo –    (T(e)culià: Dalla stessa origine di ‘cut(e)là’ cullare – Dal Lat.:   ‘excutere’ etimologia: ‘ex_quatere’ scuotere, far vibrare) – A’ ù criatùr(e) ù t(e)culiàva lù rènd(e) = Al bambino gli   traballava un dente – Anche: ‘Zuculà’ e ‘Zuculià’ e ‘T(e)culà’
T(e)dd(e)cà, àt(e) e T(e)gghj(i)cà, àt(e) e Fà Chìt(e)_Chìt(e),   fàtt(e) chìt(e)_chìt(e) Vellicare,   solleticare, fare solletico. (Lat. Parlato: ‘titillicare’, a sua volta da   ‘titillare’ solleticare)
T(e)gghj(i)cà, àt(e) e T(e)dd(e)cà, àt(e) e Fà Chìt(e)_Chìt(e),   fàtt(e) chìt(e)_chìt(e) Solleticare,   vellicare, fare solletico. (Lat. Parlato: ‘titillicare’, a sua volta da   ‘titillare’ solleticare)
T(e)gnòla, s.f. Tignola
T(e)gnùs(e), agg. Tignoso, avaro,   spilorcio
T(e)gnùs(e), s.m. Tignoso
T(e)hàna, s,f, arc. Contenitore in legno,   con base in pelle, simile ad una casseruola, usato nelle case coloniche per   riporvi  delle suppellettili,   vestiario, ecc.
T(e)làr(e), s.m. Telaio, (ant. telaro)   dispositivo mediante il quale si esegue la tessitura, dotato perciò di organi   adatti all’intreccio di più filati per formare un tessuto.  Il più semplice è il telaio a mano formato   da un ordito e da una trama, provvisto della navètta. ( Dal lat. mediev.   ‘telarium’). 2. Telaio, (inquadratura rettangolare) od anche, ad es. il   telaio di un autoveicolo.
T(e)m(e)rùs(e), agg. Timoroso
T(e)mb(e)stùol(e) Tappo, chiusura
T(e)mbàcc(e), s.m. Tempaccio, maltempo
T(e)mbàgn(e), s.m. e T(e)mpagn(e), s.m. Tramezzo, muro   divisorio realizzato con vari materiali quali legno, muratura, ecc. – Anche:   ‘T(e)mpagnatùra’. 2.  Asse. Tavola che veniva portata in testa   dalle donne per portare il pane al forno. 3. Tavola piana formata da assi ed   anche da doghe in legno leggermente curve, come quelle della botte.
T(e)mbàgn(e), s.m. e T(e)mpagn(e), s.m. Asse. Tavola che   veniva portata in testa dalle donne per portare il pane al forno. 2. Tavola   piana formata da assi ed anche da doghe in legno leggermente curve, come   quelle della botte. 3. Tramezzo, di materiale qualsiasi, di legno o muratura,   usato ad esempio come divisorio
T(e)mbràta, s.f. e Pastòn(e), s.m. Pastone, miscuglio di   crusca ed acqua e vari ingredienti, per l’alimentazione animale, in modo   particolare ai suini
T(e)mòn(e), s.m. Timone.  Stanga anteriore del carro, che quando è   tirato dai buoi, è legata al giogo: vedi “Sciùv(e)”
T(e)mp(e)stà, s.f. e T(e)mb(e)stà, s.f. Tempestare, battere,   picchiare furiosamente
T(e)mp(e)stùol(e), s.m. e T(e)mb(e)stùol(e), s.m. Turacciolo, turo,   tappo, torsolo, stoppaccio, tappo improprio realizzato con qualsiasi   materiale
T(e)mpàgn(e), s.m. e T(e)mbàgn(e), s.m. Asse, tavola in legno   di un sol pezzo o formato da più tavole. 1. Tavola  piana da pane che veniva portata in testa   dalle donne per portare il pane al forno. 3. Ciascuno dei due fondi della   botte od  anche quelle bombate della   botte, di un tino, ecc.  4. Tompagno,   tramezzo, di materiale qualsiasi, di legno o muratura, usato ad esempio come   divisorio di locali abitativi. – ( (Lat,: ‘Tympanum’ Timpano) – gr.   ‘tìmpanon’.
T(e)mpagnatùra, s.f. e T(e)mbàgn(e), s.m. Muro divisorio,   tramezzo,  realizzato con vari   materiali quali legno, muratura, ecc.
T(e)mpèsta, s.f. e T(e)mbèsta, s.f. Tempesta
T(e)mprà, àt(e) e T(e)mbrà, àt(e) Temprare, temperare –   Stù fìerr(e) ròpp(e) chì èia fàtt(e) rùss(e) (i)ndà r'(e)   fùoche l’hàia t(e)mprà m(e)ttènn(e)l(e) (i)ndà l’àcqua = Questo fetto una   volta diventato rovente lo devi temprare immergendolo in acqua
T(e)n(e)mènt(e), s.m. Tenimento,   appartenenza, possesso
T(e)nàglia, s.f. Tenaglia
T(e)né  (i)ncanzòna, espr. Differire, rinviare,   temporeggiare, guadagnar tempo
T(e)nè nà cànna, t(e)nùt(e) nà c. Essere vorace,  insaziabile, ghiotto. – (Da: ‘cànna’ gola)
T(e)nè, ùt(e) Tenere, possedere,   avere. – (L’imperat: ‘tìen(e)’   o ‘tè’ = tieni)
T(e)nègghia, s.f. Tino, tina, (reg.)   grosso mastello che viene usato a contenere l’uva per la prima spremitura   (quando avveniva pestandola) e quindi anche per la fermentazione della   vinaccia (‘v(e)nàzza’)
T(e)nènd(e) Generàl(e), s.m. Tenente Generale
T(e)nènd(e), s.m. Tenente
T(e)nìeggh(i), s.m. Tino, riferito   prevalentemente a quelli usati, una volta,    per trasportare prodotti agricoli o materie prime per le costruzioni,   sugli animali da soma, assicurandoli uno per lato, al basto (“Vàrda”)
T(e)ntatòr(e), s.m. e T(e)ndatòr(e), s.m. Tentatore, diavolo:   “Riàv(e)l(e)”
T(e)ntòr(e), s. m. e T(e)ndòr(e), s. m. Tintore, chi tinge
T(e)r(e)tèra, s.f. Tiritera, discorso   che noiosamente insiste sullo stesso argomento, filastrocca monotona. 2. Via   vai di persone
T(e)r(e)tèra, s.f. Andirivieni, sequela,   catena,  successione – So giùt(e) a’ Ù   Cumùn(e) (i)ngèra nu sàcc(o) r'(e) gènt(e), nà t(e)r(e)tèra r'(e)   cr(i)stiàn(e)! = Sono andato al comune c’era un sacco di gente, un andirvieni   di persone!. – Anche ‘Tìra_tìra’.  2.   Tiritera, sequela di parole
T(e)r(e)tèra, s.f. Andirivieni, sequela,   catena,  successione – So giùt(e) a’ Ù   Cumùn(e) (i)ngèra nu sàcc(o) r'(e) gènt(e), nà t(e)r(e)tèra r'(e)   cr(i)stiàn(e)! = Sono andato al comune c’era un sacco di gente, un andirvieni   di persone!. – Anche ‘Tìra_tìra’.  2.   Tiritera, sequela di parole
T(e)r(e)tèra, s.f. Tiritera, sproloquio,   chiacchierata (noiosa)
T(e)rà, àt(e) Tirare
T(e)rà, àt(e) Tirare
T(e)rànt(e), s.m. e Tirànd(e), s.m. Tirante
T(e)rbìtt(e), s.m. Vino, o bevanda   alcolica in genere. – (Da: ‘ turbitto’ (dall’arabo turbidh, una ombrellifera   usata come purgante) ed in seguito dal ‘turbitto’ minerale, precipitato   giallo di solfato basico mercurico, usato in passato, anche come purgante,  paragonandolo agli effetti dell’alcol   quando si beve troppo) – T'(e) piàc(e) lù t'(e)rbìtt(e)!   – Ti piace bere! (In genere riferito agli   alcolici)
T(e)rc(e)nià, àt(e) e Tòrc(e), tùort(e) e T(e)rc(e)nà,   àt(e) Contorcere, torcere   deformare. 2. Strizzare, torcere per estrarre un succo o liberare da un   liquido – Mò chi hài lavàt(e) là t(e)vàglia   t(e)rc(e)nèiala e mìtt(e)la à assuquà! = Adesso che hai lavato l’ascugamano,   strizzalo e mettilo ad asciugare!
T(e)rchià, àt(e) Torchiare, termine,   in genere, riferito alle vinacce, da cui si ricava ‘ lù str(e)ng(e)tùr(e)’ – Usato anche: ‘Strèng(e)’
T(e)rm(e)nà, àt(e) Terminare
T(e)rm(e)ntà, àt(e) e T(e)rm(e)ndà, àt(e) Tormentare
T(e)rnà, àt(r) Tornare,   ritornare
T(e)rnès(e), s.m. Tornese, antica   moneta in uso nel reame di Napoli
T(e)rp(e)gghià, àt(e) Ammazzare, fare   fuori. 2. Stuprare, bastonare. – (Forse da ‘trìppa’ pancia, col
T(e)rp(e)gghià, àt(e) Stuprare, bastonare.   2. Ammazzare, fare fuori. – (Forse da ‘trippa’ pancia, con il suff. verb.   ‘gghià(re)’ per: ‘bucare il ventre)
T(e)rramòt(e), s.m. Terremoto
T(e)rsìegghj(i), s.m. e T(e)rsìgghj(i), s.m. Trozzo, torsello,   panno strizzato,  attorcigliato   strettamente con le mani. 2. Lungo Involto di panni sporchi che le donne   portavano a lavare al fiume Ofanto – (Dal dim. di ‘tòrsa’ corda, (attorcigliata) – da ‘torcere’, ‘avvolgere’.)
T(e)rsìgghj(i), s.m. e T(e)rsìegghj(i), s.m. Involto (allungato)   di panni sporchi che le donne portavano a lavare al fiume Ofanto – 2. Trozzo,   torsello, panno strizzato,    attorcigliato strettamente con le mani. (Dal dim. di ‘tòrsa’ corda, (attorcigliata) – da   ‘torcere’, ‘avvolgere’.)
T(e)rsìgghj(i), s.m. e T(e)rsìegghj(i), s.m. Torsello,   trozzo,  panno strizzato,  attorcigliato strettamente con le mani –   (Dal dim. di ‘tòrsa’ corda,   (attorcigliata) – Da: ‘torcere’.)
T(e)rzètt(e), s.m. Terzetto
T(e)ss(e)cùs(e), agg. Tossico, velenoso,   pernicioso. 2. Morbosa eccitazione, opprimente, deprimente
T'(e)ss(e)cùs(e), agg. Angosciato, oppresso.   M’è’ia custàt(e) càr(e) e t(e)ss(e)cùs(e) – Mi è costato caro e causato   angoscia. 2. Tossico, velenoso, pernicioso.
T(e)ss(e)tòr(e), s.m. Tessitore
T(e)ss(e)trìc(e), s.m. Tessitrice
T(e)ssì, ùt(e) e T(e)ssià, àt(e) Tossire
T(e)ssùt(e), s.m. Tessuto
T(e)st(e)m(e)nià, àt(e) Testimoniare
T(e)st(e)mònij(e), s.m. Testimonio
T(e)st(e)mònij(e)_r'(e)_Gèova, s.m. Testimonio di Geova
T(e)vàglia, s.f. Asciugamano. – Dallo   Sp. ‘toalla’,  2. Tovaglia, più   conosciuta come “S(e)nàl(e)”
T(e)vàglia, s.f. Tovaglia, più   conosciuta come “S(e)nàl(e)”. (Dal provenz. ‘toalha’, che a sua volta è dal franco   *thwahlja] – 2. Asciugamano
T(e)zz(e)là, àt(e) Bussare, battere alla   porta. – (Dallo stesso etimo di ‘Tezza’ cozzare, con il suff. dim.: ‘là(re).)
T(e)zz(e)lià, àt(e) Battere   ripetutalente, martellare velocemente, tamburare. – Ù   t(e)zz(e)liàvan(e) lì rìend(e), rà lù frìdd(e)! = Batteva i denti, dal   freddo! – (Dallo stesso etimo di ‘Tezza’ cozzare,   con il suff. dim.: ‘lià(re) per: ripetutamente.)
T(e)zzà, àt(e) e Cuzzà, àt(e) Scontrare, cozzare,   urtare, sbattere, collidere – (Dallo sp.: ‘tozar’ cozzare, urtare con   violenza, cozzare di montone. Dal raro termine lat.: ‘tuditare’ formato sul   tema del class. ‘tundere’ battere, come si evince anche nell’etimo di   ‘stuzzicare’che nasce dalla stessa radice ‘tundere’ battere colpire, ma nel   senso figurato)
T(e)zzàta, s.f. Urtata, cozzata,   urto.- (Part. Pass. Del verbo: ‘T(e)zzà)
T(e)zzòn(e), s.m. Tizzone (Lat.   ‘Titio’)
Tà, agg. Poss. Tuo ed anche Tua; si   trova sempre legata al nome posposta ad esso: Tuo fratello: Frat_ta; – Tua madre = Màmmata. 2. Papà<Espressione per   chiamare. Espressione per chiamare  il   proprio padre. Tà,   (i)ndòv(e) hàmma sci(j) mò? = Papà, dove dobbiamo andare adesso?
Tà, s.m. Papà<Espressione   per chiamare. Forma tronca di “Tàta” = Papà –  Tà, (i)ndòv(e) hàmma scj(j) mò? = Papà,   dove dobbiamo andare adesso?  2. Tuo ed   anche Tua; si trova sempre legata al nome, posposta ad esso: Tuo fratello:   Frat_ta; – Tua madre = Màmma_ta.
Tabb(e)llòn(e), s.m. Tabellone
Tàbba, agg. e Tabbaccòn(e), agg. Tabaccone, fam.- Che,   chi non fa che tabaccare, fiutare tabacco, usato nel nostro dialetto per lo   più per definire una persona pigra, inattiva, poltrona, trasandata,   trascurata
Tabbaccàr(e), s.m. Tabaccaio
Tabbàcch(e), s.m. Tabacco
Tabbacchèra, s.f. Tabacchiera
Tabbacchìn(e), s.m. Tabaccheria
Tabbèlla, s.f. Tabella
Taccàgn(e), agg. Taccagno, avaro
Tàccar(e), s.m. Tronchetto in legno,   bacchetta, assicella – S’è sp(e)zzàt(e) ù tàccar(e) ràa sèggia = Si è   spezzata l’assicella della sedia(una delle quattro di rinforzo fra due gambe   contigue della sedia) –  (Da: ‘tàcca’   incisione, intentendo col termine anche la parte che si toglie, che si   scalfisce, come l’ant. it:    ‘tàcchia’   truciolo,  quindi col significato di scheggia,   assicella – Sp.: ‘tacha’ chiodo e dal nostro dialetto: ‘tàccia’ bulletta)
Taccaràta, s.f. Bacchettata,   bastonata
Taccariàta, s.f. Bastonatura
Taccaròn(e), s.m. Persona alta,   spilungone. 2. Persona tonta, stupida
Taccaròn(e), s.m. Persona tonta,   stupida. 2. Persona alta, spilungone
Tàcch(e), s.m. Tacco
Tacchètt(e), s.m. Tacchetto
Tàccia, s.f. Puntina, bulletta,   brocca, a protezione delle suole delle scarpe – Piantare una puntina: “(i)Ndaccià”  o “(i)Ndacci_jà”
Tàccia, s.f. Bulletta, puntina,   brocca, chiodo delle scarpe a protezione delle suole. (Sp.: ‘tacha’ chiodo,   fr.: (at)’tache’ Piantare una puntina: “(i)Ndaccijà” – Dallo stesso etimo di ‘ Taccar(e)’ tronchetto)
Tàccula, s.f. Legno<Scheggia di.   Scheggia di legno che si spicca nel tagliarlo con l’ascia. 2. Pezzo di   corteccia d’albero. – (Dal sic. ‘tacculu’ da: ‘taccuni’ a sua volta all’ebr.   ‘tacun’ suola, con il suff.  ‘lu’ è   divenuto: suola pestata, trita, induruta – Da: Etimolgycum Siculum di Joseph   Vinci – Messanae -1759 – Ex Regia Typographia Francisci Gaipa)
Tàccula, s.f. Corteccia>Pezzo   di. Pezzo di corteccia d’albero. 2. Scheggia di legno che si spicca nel   tagliarlo con l’ascia. – (Dal sic. ‘tacculu’ da: ‘taccuni’ a sua volta   all’ebr. ‘tacun’ suola, con il suff.    ‘lu’ è divenuto: suola pestata, trita, induruta – Da: Etimolgycum   Siculum di Joseph Vinci – Messanae -1759 – Ex Regia Typographia Francisci   Gaipa)
Taccunià, àt(e) Camminare   spedito,  affrettarsi, staccheggiare   (dalla similitudine con l’alzare velocemente i tacchi)
Tafanàr(e), s.m. Tafanàrio, nido dei   ‘tavàn(e)’ tafani (insetti). Il gergo dialettale meridionale identifica con   tale termine il deretano degli animali da soma quando questi venivano punti   proprio su quell’organo durante i viaggi in luoghi in genere ombreggiati, e   scherzosamente anche quello umano. Anche    “Tavanàr(e)” – Sembra derivi da “Antifonario”, il libro   dell’Ufficio, più che altro per la sua mole…(diz. Etim. Utet)
Tàgghj(i), s. e pl. m. Fiore di zucca – (dal   gr. ‘Tallos’ germoglio, dall’it. ‘tallo’). – (I fiori vengono raccolti quando   si raccolgono i frutti della zucca (Ch(e)còzza) ancora immatura: i zucchini   ‘Cucuzzìegghj(i)’) – Al pl.: ‘Tàgghj(i)’
Taglià, àt(e) Tagliare
Tagliafìerr(e), s.f. Tranciatrice,   attrezzo o macchina per tagliare barre, lamiere e sim. mediante l’azione di   due lame che si chiudono a forbice
Tagliafùorb(e)c(e), s.f. Forbicina,   forfecchia, insetto dei Dermatteri. Vive sotto la corteggia degli alberi, con   corpo allungato e con l’addome provvisto di due pinze, le quali non sono   organi di difesa ma servono per l’accoppiamento.
Tagliafùorf(e)c(e), s.f., s.f. Forfeccia, insetto   dei Dermàtteri (Forficula auricolaria) caratteristica di avere alla fine del   suo corpo allungato due pinze a forma di forbicina
Tagliatèll(e), s.f. pl Tagliatelle, dette   anche fettuccine
Tagliòla, s.f. Tagliola, trappola (a   scatto)
Taglj(e)zzà, àt(e) Tagliuzzare
Tàglj(i), s.m. Taglio
Tàl(e), agg. e pron. Tale
Talèfon(e), s.m. arc e Telèfon(e), s.m. Telefono
Talèhraf(e), s.m. e Telègraf(e), s.m. Telegrafo
Taliàn(e), agg. arc. e Italiàn(e), agg. Italiano – Lingua   italiana (s.m.)
Talùorn(e), s.m. arc. Lamento, lamentela,   seccatura, persona seccante. (Origine del termine che va indirizzato a   persona seccante,  ripetitiva, che si   può riprendere con : > ‘là tornì!    (con le parole)>  latorno   >  talorno (Diz. Etim. Manlio   Cortelazzo – UTET-2005 alla voce ‘taluorno’)
Tamaccià, àt(e) Ammaccare,   acciaccare, deformare, schiacciare, pestare, sfibrare, (Sp.: ‘machar’,   ‘machucar’ ammaccare – ‘macho’ martello da fabbro)
Tamàrr(e), agg. Rozzo, zotico,   grossolano, stupido. (Dall’Ar.: ‘Tammàr’ mercante di datteri)
Tambùrr(e), s.m. Tamburo
Tambùrr(e), s.m. Tamburo
Tan(e)mènd(e), ùt(e) Guardare, osservare –   (Alla lettera: tenere la mente là > osservare bene, tenere l’attenzione da quella parte >   guardare)
Tanbùrr(e), s.m. Tamburo
Tànd ca tànd (locuz.) Se tanto mi dà  tanto (Espressione da cui ne consegue una   logica: tutto si spiega!)
Tànd(e) e tànt(e) agg. pron. avv. Tanto – (il pl. e   femm.: ‘tànda’)
Tànfa, s.f. e tamba, s.f. Tanfo, puzzo
Tànica, s.f. Tanica
Tànn(e), avv. Allora, in quel   tempo. – (Dal lat.: ‘ante annum’, l’altr’anno, trasformatosi ‘t’anno’ allora;   preso certamente dal  Fr.: ‘antan’)
Tànt(e) e tànd(e) agg. pron. avv. Tanto
Tantaziòn(e), s.f. Tentazione,   istigazione del diavolo
Tanùbbij(i), s.m. Danubio, il fiume   dell’Europa centro-orientale. Con 2.860 km è il secondo corso d’acqua più   lungo del continente (dopo il Volga) – Termine usato quasi esclusivamente   nella frase: mèna cùm(e) nù tanùbbij(i) =    scorre come il Danubio! (parlando di un fluire impetuoso di un   liquido, di corso d’acqua, od altro)
Taràgghj(i), s.m. Tarallo, dolce   meridionale del tipo biscotto, a forma di grosso anello. Su quelli consumati   per la Pascqua si arricchivano adornandoli con un uovo sodo.
Tarantèlla, s.f. e Tarandèlla, s.f. Tarantella
Taratùf(e)l(e), s.m. Tartufo, tubero,   quale la patata, barbabietola, acc. (Termine sicuramente importato da altre   culture in quanto nell’agro di Calitri non si conosce il Tartufo). 2.   Impacciata>Persona, Persona impacciata, imbambolata, la cui figura viene   associata ad un tubero, più che ad un tartufo.
Taratùf(e)l(e), s.m. Impacciata>Persona.   Persona impacciata, imbambolata, la cui figura viene associata ad un tubero,   più che ad un tartufo.(Termine sicuramente importato da altre culture in   quanto nell’agro di Calitri non si conosce il Tartufo). – E’ia   r(e)màst(e) cùm(e) nù taratùf(e)l(e)! = E’ rimasto impietrito come un tubero! 2. Tartufo, tubero, quale la patata, barbabietola, acc.
Tàrd(e), avv. Tardi
Tarèngula, s.f. Nottola, nottolino   che girando intorno ad un perno, assicura la chiusura di sportelli, battenti   di porte e finestre, ecc.
Tàrl(e), s.m. Tarlo.
Tarlà, àt(e) e Carlà, àt(e) arc. Tarlare. (Lat.   ‘Carius’ e ‘caries’ Carie) –  A’   tràv(e) èra tùtta tarlàta = la trave era tutta tarlàta
Taròzz(e)la, s.f. Carrucola. (Dal greco   antico “τροχιλία” = carrucola). 2. Raganella, Vedere: “R(e)tègghia”. (Lat.: ‘   trochlea’). 3. Escremento, caccola
Taròzz(e)la, s.f. Càccola, cacherello   rinsecchito, trattenuto dal pelo o dalla lanuggine di un mammifero. Forse da   “Tarozzo”, gradino di legno delle scale a corda, in quanto   “pezzo” trattenuto. 2. Carrucola, 3. Raganella.
Tàrp(e), s.m. Talpa, mammifero dei   Talpidi
Tartaglià àt(e) e Zahaglià, àt(e) e Cacaglià, àt(e) Tartagliare,   balbettare.
Tàrtar(e), s.m. Tartaro, morchia,   luridume – Imbrattarsi di tartaro = ‘(i)Ntartarì’
Tascappàn(e), s.m. Tascapane
Tascègghia, s.f. o Stascègghia, s.f. Tavoletta di legno,   scarto di carpenteria
Tàss(e), s.m. Argilla molto   compatta, che si distingue, anche, da una colorazione azzurrognola
Tàss(e), s.m. Tasso, mammifero dei   mustelidi del genere ‘meles meles’ – Detto anche: ‘M(e)lògna”
Tassà, àt(e) Tassare
Tàssa, s.f. Tassa, imposta,   contributo. 2. Lombata, pezzo – Nà tàssa r'(e) làrd(e) = Una lombata di lardo   (termine in genere riferito a quella del maiale)
Tàssa, s.f. Lombata, pezzo – Nà   tàssa r'(e) làrd(e) = Una lombata di lardo (termine in genere riferito a   quella del maiale). 2. Tassa, imposta
Tastà, àt(e) e Tastià, àt(e) Tastare, andare a   tasto
Tàta, s.m. Papà, babbo. (Lat.:   ‘Tata’) – Espressione tronca, per chiamare il papà: “Tà”. 2. Nonno + nome del nonno  = Tàta… + (Nome   del nonno) – “Tàta_Chèl(e)”   = Nonno Michele
Tàta… + (Nome del Nonno), s.m. Nonno +  nome del nonno = Tàta + (Nome del nonno) –   “Tàta_Chèl(e)” = Nonno Michele.  2. Papà, babbo.   – Espressione tronca, per chiamare il papà:   “Tà”.
Tatamàglj(i), s.m. Titimalo, titimaglio.   Erba detta volg. ‘titimalo’ o ‘titimaglio’ ecc. – Erba “mitica” nel   nostro paese, nota per la proprietà che avrebbe di far ingrossare il membro   virile, ma solo perchè ha proprietà irritanti. E’ la Euforbia calenzuola   (Euphorbia helioscopia – Dal gr.: greco (helios = sole e skopein = guardare   perché questa pianta, come osservato già dal filosofo romano Plinio, rivolge   le proprie infiorescenze sempre verso il sole – In un testo del XIV secolo   attribuito a Rinaldo da Villanova si trova l’Euphorbia helioscopia, indicata   come rimedio per il mal di denti, riporto il testo originale: “Experimentu a   duluri di denti e di gengivi cui si lava la bucca una fiata lu mesi cum lu   vinu dundi siamu cocti radicati di titimallu non avi mai duluri di denti et sana lu duluri”.)
Tàur(e), s.m. Tauro, toro
Tàv(e)la, s.f. Tavola. Tavolone =   “Tàv(e)lòn(e)”
Tav(e)làta, s.f. e (i)Ntav(e)làta, s.f. Tavolata
Tav(e)lègghia, s.f. Tavoletta, anche:   “Staièlla”,    “Stasc(e)ègghia” e “Tasc(e)ègghia” (Sp.:   ‘Tablilla’)
Tav(e)lègghj(i), pl, f. Cervello<Tavolette   del. Tavolette del cervello. E’ sinonimo di cervello. (Dal motto popolare   “uomo di poche tavole” detto di chi ha poca dottrina, dato che   l’originale ‘tabula’ latina era anche sinonimo di scritto, di libro di conti,   tavola testamentaria, e quindi del sapere in generale. – Quìgghj(i)   èia fr'(e)càt(e) cù r'(e) tav(e)lègghj(i)! = Quello è alterato, è fuori di   testa con il cervello!
Tav(e)lìn(e), s.m. Tavolino
Tav(e)rnàr(e), s.m. Tavernaio, oste,   bottegaio (Lat.: ‘tabernarius’)
Tavàn(e), s.m. Tafano, insetto dei   Tabanidi. Sorta di moscone la cui femmina molesta aggredendo animali e   persone, con punture doloranti, per succhiar loro il sangue, producendo a   volte infiammazioni ed allergie. (Lat,: ‘tabànus’)
Tavarègghia, s.f. Vassoio, grosso   recipiente (Dal.: Turco ‘Taghar’ Sacco di pelle; Bulgaro: ‘Tagar’ Cesta;   Tracia: ‘Tagàra’ Grande recipinete di terracotta.) – S’hav(e)   fr(e)càt(e) nà tavarègghia r'(e) maccarùn(e)! = Ha mangiato un vassoio di   macheroni!
Tavùt(e), s.m. Bara, cassa da morto.   (Dall’arabo: Tabùt ‘cassa di legno’)
Tavùt(e), s.m. Bara ( Arabo: ‘tabut’   )
Tè, e Tèccut(e), Entrambi    sec pers. Indic. verbo ‘t(e)né’ Tieni, eccoti,   (Abbr,: di Tìen(e) = Tieni)
Tè, pronome pers. Te. – Voglj(i) à tè = voglio te
Tè, s.m. Te, albero delle   Teacee e le sue foglie con cui si ricava l’infuso
Tècch(e)sa, s.f. Chiodo per scarpa –   Pl.: ‘Tèch(e)s(e)’
Tèccut(e) e Tè, Entrambi    sec pers. Indic. verbo ‘t(e)né’ Eccoti, tieni,  (Abbr,: di Tìen(e) = Tieni)
Tècula, s.f. arc. e    Èrm(e)c(e), s.f. e Tèula, s.f. Tegola, coppo –   (Lat.: ‘tegula’ da ‘tegere’ coprire)
Tedèsch(e),  agg. e s.m. e   Germanès(e), agg. e s.m. arc. Tedesco, germano
Tèla, s.f. Tela. 2. Tèla!   Scappa!
Telèfon(e), s.m. e Talèfon(e), s.m. arc. Telefono
Telègraf(e), s.m. e Talèhraf(e), s.m. Telegrafo
Telehràmma, s.m. e Talahràmma. s.m. arc. Telegramma
Televisiòn(e), s.f.  e   Talavisiòn(e)., s.f. arc. Televisione
Tèmba, s.f. Zolla di terra,   parte, pezzo, frammento porzione. – (Dal prelat.: ‘timpa’ precipizio,   voragine, ma nasce dall’idea originaria di ‘monte’ in quanto fatto a forma di   timpano, sorta di tamburo con base emisferica,  da cui, in siciliano, anche le natiche sono   dette ‘timpi’ ed in ogni regione assume il significato diverso, come ad es.   ‘monticello’, ecc. e giunge a noi come zolla di terra. Da: ETYMOLOGICUM   SICULUM di JOSEPH VINCI – Ex Regia Typographia FRANCISCI GAIPA – MESSANAE   MDCCLIX)  – Ràmm(e) nà tèmba r(e)   f(e)rmàgg(e) = Dammi un pezzo di formaggio
Temp(e)rà, àt(e) e Temb(e)rà, àt(e) Temperare, temprare   ad esempio una matita (Anche ‘app(e)zzà’ (fare la punta)
Tèng(e), ìnt(e) Ubriacarsi. 2.   Tingere
Tèng(e), ìnt(e) Tingere 2.   Ubriacarsi,
Tèrm(e)n(e), s.m. Termine, confine,   limite di un podere. 2. Scadenza (Scarènza). 3.  Parola, vocabolo
Tèrn(e), s.m. Terno
Tèrra, s.f. Terra – in terra: ‘(i)Ndèrra’ e ‘(i)Ntèrra’
Tèrra, s.f. Terra.  Per terra = ‘(i)ndèrra’.  2. Terreno,podere
Tèrra, s.f. Terreno, podere. 2.   Terra.  Per terra = ‘(i)ndèrra’
Terròn(e), s.m. Terrone, appellativo   dato, con intonazione spreg. (talvolta anche scherz.), dagli abitanti   dell’Italia settentr. a quelli dell’Italia meridionale
Tèrz(e), agg. num. Terzo – femm.: ‘Tèrza’
Terzìn(e), s.m. Terzino (Nel gioco   del calcio)
Tèss(e), ùt(e) Tessere, intrecciare   al telaio i fili della trama con quelli dell’ordito, per fare una tela o   altro tessuto. (lat. tĕxĕre] (pass. rem. tesséi, tessésti, ecc.)
Tèula, s.f. e Tècula, s.f. arc. e Èrm(e)c(e), s.f. Tegola, embrice,   coppo. – (Lat.: ‘tegula’ da ‘tegere’ coprire)
Tèula, s.f. Èrm'(e)c(e), s.f. e Tècula, s.f. Embrice, tegola,   coppo
Tì, pron.pers. Te – Ùn(e) à tì e   Ùn(e) àmì = Uno a te ed uno a me
Tiàn(e), s.m. Tegame, teglia –   (gr.: ‘tèganon’)
Tiàna, s.f. Teglia, casseruola   molto bassa, in genere di rame, stagnata all’interno. (Femm. Di ‘tian(e)’   tegame)
Tianègghia, s.f. Casseruola, pentola   bassa con manici – (Dim. Di ‘ ‘Tiàna teglia)
Tianìegghj(i), s.m. Tegamino
Tiàra, s.f. Tiara, mitra,   copricapo a forma di cono, di tessuto o di pelle   usato anticamente  nel mondo greco e presso i popoli   dell’Asia, per i quali costituiva un segno di distinzione usato anche dai re   e  dai papi
Tìbb_Tìbb, agg. Rastremato,   assottigliato, forma rastremata indicante in genere i pennini ‘P(e)nnìn(e)’ od anche la forma dei   pantaloni con le estremità rastremate
Tìcch(e), s.m. Tìcch(e), ticchio,   contrazione rapida, involontaria, abituale di uno o più muscoli
Tìcchj(i), s.m. Ticchio, abitudine   strana contratta senza avvedersene. – Tèn(e) ù tìcchj   r'(e) r’e s'(e) hrattà (i)ngàp(e) = Ha il ticchio di grattarsi la testa
Tìch(e), avv. Teco, con te, a te –   Ùn(e) à mìch(e) e Ùn(e) à tìch(e) = Uno a me ed uno a te –  (Lat. mecu(m), comp. di me ‘me’ e cum   ‘con’)
Tièlla, s.f. Teglia, tortiera,   tegame. Recipiente di cucina, di rame stagnato internamente, oppure di   terracotta, di ferro smaltato, di alluminio, ecc., con fondo piatto, sponde   basse, due piccole prese laterali, in cui si cuociono diverse vivande, al   fuoco o nel forno. (Dal lat. volg. *tegella(m), dim. del lat. ‘tegŭla’   tegola)
Tìemb(e), s.m. e tìemp(e), s.m. Tempo
Tìemb(e), s.m. e Tìemp(e), s.m. Tempo, età, cadenza   ritmica. 2. Tempo come condizioni fisiche atmosferiche, stagione
Tìemp(e), s.m. e Tìemb(e), s.m. Tempo come condizioni   fisiche atmosferiche, stagione. 2. Tempo, età, cadenza ritmica
Tìen(e)_mmàn(e)! loc. Temporeggia!,   trattieniti!
Tìenn(e)r(e), agg. Tenero, morbido
Tìerz(e), agg. num. ord. Terzo  – Femm.: ‘Tèrza’
Tìgna, s.f. Tigna
Tignàrs(e), àt(e) Tignarse
Tignùs(e), agg. Tignoso, persona   vile, dappoco, spregevole, avaro, spilorcio, uomo puntiglioso,   pidocchioso.  (Da ‘tarma’ di difficile   sradicamento dai panni dove dimora)
Tìgra, s.f. e Tìhra, s.f. arc Tigre
Tìhra, s.f. arc e Tìgra, s.f. Tigre
Tìmpan(e), s.m. e Tìmban(e), s.m. Timpano
Tìnta, s.f. e Tìnda, s.f. Tinta
Tintùra, s.f. e Tindùra, s.f. Tintura
Tìr(e), s.m. Tiro
Tira_tira, s.f. Andirivieni, via vai   di persone frettolose – (i)Ndà là chiàzza (i)ngèra nà   tira_tira r'(e) cr'(e)stiàn(e), facìa nù frìdd(e)! = In piazza c’era un via   vai di persone, faceva un freddo! – Anche ‘T'(e)r(e)tèra’
Tirabisciò, s.m. Cavatappi,   tirabusciò. (dal fr. Tire-bouchon)
Tirammòlla, s.m. Tiremmolla, fare a   tira e molla. Verificarsi di azioni contratanti. Detto di persona indecisa.
Tìrchj(i), agg. e Pìrchj(i), agg. Tirchio, avaro,   spilorcio, pirchio (nap.)
Tìs(e), agg Teso, tirato, steso,   contratto, ritto in piedi – Anche: ‘tìs(e)_tìs(e)’ = tesissimo, (detto di persona> impalato, fermo, ritto)
Tìs(e), s.m. Tisi, tubercolosi   polmonare
Tìs(e)ch(e), agg. Tisico, affetto da   tisi
Tìs(e)ch(e), agg. Tisico, affetto da   tubercolosi cavitaria
Titt(e), s.m. e Tètt(e), s.m. Tetto. Termini usati   raramente, si usa in genere: ‘Cup(e)rtùra’ oppure ‘(i)ngimma à l’ìrm(e)c(e)’
Tìv(e)l(e), s.m. Scaldino da letto,   realizzato con un mattone riscaldato alla bisogna, sistemato entro un panno.   (Termini simili: in Calabria: Tivula , lastra di pietra; a Castro dei Volsci:   tivula, pietra larga e piana. Termini che derivano dal lat. ‘tegula’ tegola. – Dizion. Etim.   Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – Alla voce ‘Tiglia’ pag. 436)
Tòcch(e), s.m. Infarto
Tòcch(e), s.m. Apoplessia, colpo   apoplettico
Tònaca, s.f. Tunica, tonaca
Tònn(e), s.m. Tonno
Tonzìlla, s.f. Tonsilla. – Detta   anche: ‘hrànn(e)la’ arc.)
Tòppa, s.f. Toppa, rappezzatura,   buco della serratura
Tòrc(e), tùort(e) e T'(e)rc(e)nà, àt(e) e T'(e)rc(e)nià, àt(e) Strizzare, torcere   per estrarre un succo o liberare da un liquido – Mò chi   hài lavàt(e) là t(e)vàglia tùorc(e)la e mìtt(e)la à assuquà! = Adesso che hai   lavato l’ascugamano, strizzalo e mettilo ad asciugare! 2. Torcere,   contorcere, deformare.
Tòrc(e), tùort(e) e T'(e)rc(e)nà, àt(e) e T'(e)rc(e)nià, àt(e) Torcere, avvolgere,   attorcere, deformare. 2. Strizzare, torcere per estrarre un succo o liberare   da un liquido – Mò chi hài lavàt(e) là t(e)vàglia   t(e)rc(e)nièiala e mìtt(e)la à assuquà! = Adesso che hai lavato l’ascugamano,   strizzalo e mettilo ad asciugare!
Tòrce, tùort(o) Torcere
Tòrchj(i), s.m. Torchio
Tòrnij(i), s.m. e tùornij(i), s.m. Tornio
Tòrra, s.f. e Tòrre, s.f. arc. Torrione, torre,   campanile, maschio. – Pl.: ‘Tòrr(e)’
Tòrre, s.f. e Tòrra, s.f. arc. Torre, campanile,   maschio, torrione. – Pl.: ‘Tòrr(e)’
Tòrsa, s.f. Finimento per legare   la soma sugli animali,  corda, fune   vegetale (‘Zòca’) – (Dal lat.   ‘tortus’ pp. di ‘torquere’ torcere, quindi con il significato di ‘ritorta’ –   Sp. ‘troxa’ o ‘troza’ –    Dial.   Lomb.’torsa’)
Toscàn(e), agg. e s.m. Toscano, della   toscana. 2. s.m. Tipo di sigaro di produzione italiana – dim.: ‘toscanìn(e)’
Tòssa, s.f. Tosse
Tòtar(e), agg. e s.m. e (i)Ndòndar(e), agg. e s..m. Tonto, sciocco,   malenso, stupido  – (Da tonto (stupido)   dal lat. ‘Tònitus’ quasi colpito dal tuono)
Totocàlc(e), s.m. Totocalcio
Tòzz(e)la cìerr(e), s.m. Picchio. – (Da   ‘T(e)zz(e)là’ bussare + ‘cìerr(e)’ cerro, albero)
Tòzza, agg. e sost.  s.f.   e Tùozz(e), agg. s.m. Tozzo, pezzo,   cantuccio. (Dallo svevo ‘Stoz’   pezzo) – Nù tuozz(e) r'(e) pàn(e) = Un tozzo di   pane; Pìglia quègghia tòzza r'(e) matòn(e)! = Prendi quel tozzo di mattone. 2. Cròsta, in genere riferita a quella del pane, del   formaggio. N'(e)n m'(e) rà la m(e)gghìca, ràmm(e)   la tòzza! (del pane)= Non darmi la mollica, dammi la crosta! (del pane)
Tòzza, agg. s.f. e Tùozz(e), agg. s.m. Cantuccio, tozzo,   pezzo. Nù tuozz(e) r'(e) pàn(e) = Un tozzo di pane; Pìglia quègghia tòzza r'(e)   matòn(e)! = Prendi quel tozzo di mattone.
Tr(e)bb(e)sìa, s.f. Idropisia, gonfiore   dovuto a raccolta di liquido, generalmente nella pancia
Tr'(e)bb(e)sìa, s.f. Idropisia, gonfiore   dovuto a raccolta di liquido, che si manifesta con un gonfiore ventrale
Tr(e)bbià, àt(e) Macinare   dell’uva<Il. Macinare l’uva, separarando i graspi. 2. Trebbiare le   granaglie.
Tr(e)bbià, àt(e) Trebbiare, le   granaglie. Anche tribbiare (arc) – (Dal lat. ‘tribulare’ tribolare e   trebbiare  > vedere ‘trèbbia’) 2. Macinare   dell’uva<Il. Macinare l’uva, separarando i graspi.
Tr(e)cìcul(e), s.m. arc. e Trècicol(e), s.m. Tricicolo, termine   riferito riferito, in genere, a quello per bambini
Tr(e)dd(e)cà, àt(e) e Tr(e)dd(e)cchià, àt(e) arc. e   Tr(e)rr(e)cà, àt(e) Vociare, ciarlare,   criticare, intrigare, tramare imbrogli – (Dal lat.: ‘tricare’ intrigare)
Tr(e)dd(e)chìss(e), s.m. Ciarlatore,   criticone, intrigante
Tr(e)gnarùl(e), s.m. e Trignarùl(e), s.m. Uva, tipo di uva   locale
Tr(e)m(e)là, àt(e) e Tr(e)m(e)lià, àt(e) Tremolare 2.   Rabbrividire
Tr(e)m(e)là, àt(e) e Tr(e)m(e)lià, àt(e) Rabbrividire. 2.   Tremolare
Tr(e)m(e)lìj(i), s.m. Tremolio
Tr(e)m(e)lìzz(e), s.m. Brivido, remolio da   freddo
Tr(e)mà, àt(e) Tremare
Tr(e)mbòn(e), s.m. Trombone
Tr(e)mòn(e), s.m. Coito. (Forse dal   movimento alternato nell’uso del vaglio, in Gr. ‘dermonion’) 2. Caraffone di   rame stagnato in cui si serviva una specie di sorbetto, fatto di neve e vino   o succo di frutta. (Termine in disuso).
Tr(e)mòn(e), s.m. Caraffone di rame   stagnato in cui si serviva una specie di sorbetto, fatto di neve e vino o   succo di frutta. (Termine in disuso). 2. Coito
Tr(e)nà, àt(e) e (i)Ndr(e)nà, àt(e) Tuonare, rimbombare,   rintronare
Tr(e)nà, àt(e) e (i)Ndr(e)nà, àt(e) Tuonare, rimbombare
Tr(e)nàta, s.f. Tuono, rombo,   rimbombo, fragore. –  (Dal lat.:   ‘tonus’ = ‘tonitrus’ e dallo sp.: ‘tronido’)
Tr(e)ncà, àt(e) e Tr(e)ngà, àt(e) Trincare, bere in   abbondanza
Tr(e)nghèsa, s.f. Tronchese
Tr(e)nghèsa, s.f. e Tr(e)nghès(e), s.f. Tronchese, piccola   tenaglia usata per tagliare fili metallici di modesto spessore
Tr(e)pp(e)cìegghj(i), s.m. e Tr(e)pp(e)cègghia, s.f. Pancetta, piccola   pancia
Tr(e)ppòn(e), s.m. e Trìpp(e)_tùost(e), s.m. Trippone, pancione,   persona panciuta (trippa, pancia dura)
Tr(e)ppùt(e), agg. Panciuto
Tr(e)rr(e)cà, àt(e) e Tr(e)dd(e)cchià, àt(e) arc. e   Tr(e)dd(e)cà, àt(e) Intrigare, tramare   imbrogli, vociare, ciarlare, criticare    – (Dal lat.: ‘tricare’ intrigare)
Tr(e)rr(e)cès(e)m(e), agg, num. Tredicesimo
Tr(e)stèzza, s.f. Tristezza
Tr(e)tà, àt(e) Tritare
Tr(e)ttà, àt(e) Trottare
Tr(e)và, àt(e) e Acchià, àt(e) Trovare
Tr(e)zz(e)ià, àt(e) Intrecciare. Termine   generalmente riferito al risistemazione ai tralci della vigna, man mano che   crescono. – Anche: ‘L(e)hà’   legare.  2. Scoprire poco per volta le   carte da gioco che si hanno in mano durante una partita per assaporarne il   valore.
Tr(e)zz(e)ià, àt(e) Scoprire poco per   volta le carte da gioco che si hanno in mano, fra il pollice e l’indice,   durante una partita per assaporarne il valore. Dallo sp. ‘Terciar’ Mettere di   sbieco, di traverso, torcere. 2. Intrecciare. Termine generalmente riferito   al risistemazione ai tralci della vigna, man mano che crescono
Trabballà, àt(e) Traballare,   barcollare
Tracagnà, àt(e) arc. e Tracannà, àt(e) Tracannare
Traff(e)chìer(e), agg. s.m. Traffichino, persona   che si dà molto da fare, che briga per farsi avanti, per ottenere guadagni e   vantaggi. – Femm.: ‘traff(e)chèra’
Traff(e)chijà, jàt e Traff(e)cà, àt(e) Trafficare,   commerciare, trattare affari – Anche: ‘Traff(e)cà’
Traìn(e), s.m. Carretta, carretto.   Carro con due ruote che può essere munito di cassa e sponde, con due stanghe,   in mezzo alle quali viene sistemato l’animale da tiro – Plurale: “Traièn(e)” – (Da: ‘trainare’   con l’eliminaz. del suff. dev.: ‘are’ )
Traìnièr(e), s.m. Carrettiere – Da:   ‘traìn(e)’ carretto)
Tram(e)tà, àt(e) Tramutare, cambiare
Tramannà, àt(e) Tramandare
Trambùst(e), s.m. Trambusto, baraonda,   parapiglia
Tramèzza, s.f. e T(e)mpagn(e), s.m. Tramezzo, di   materiale qualsiasi, di legno o muratura, usato ad esempio come divisorio
Tramià, àt(e) Distorcere>Il. Il   distorcere della trama delle fibre di una stoffa, del  legno, curvarsi, imbarcarsi (Lat.: ‘trama’   =  trama = al distorcere delle fibre)
Trangià, àt(e) Tranciare
Trangià, àt(e) Tranciare
Trangiàt(e), agg. Tranciato, tagliato a   sottili strisce o a piccoli pezzi, sminuzzato: paglia t., foraggio t.; una   seta tutta t., tagliuzzata
Tranguìll(e), agg. Tranquillo
Tranguillàmènd(e), avv Tranquillamente
Trapanà, àt(e) Trapanare
Trapassà, àt(e) Trapassare
Trapiantà, àt(e) e Trapiandà, àt(e) Trapiantare
Trapp(e)tàr(e), s.m. Addetto alla   lavorazione del frantoio
Trapp(e)tàr(e), s.m. Frantoiano, chi ha   cura della lavorazione di un frantoio per le olive
Trappìt(e), s.m. arc. e Frantòi(e), s.m. Frantoio, macinatoio,   trappeto o trapeto (lat. ‘Trapetum’: infrantoio)
Trappìt(e), s.m. arc. e Frantòi(e), s.m. e Frandòi(e), s.m. Frantoio, macinatoio   (lat. ‘Trapetum’: infrantoio – Gr. jonico ‘Trapeo’ Stringere, spremere)
Trasc(e)nà, àt(e) o Strasc(e)nà, àt(e) Trascinare, tirare,   condurre a forza
Trascùrs(e), s.m. Ragionamento,   discorso
Trasì, ùt(e) e Endrà, àt(e) Entrare – (Dal lat.   ‘transire’ passare, transitare, andare oltre la soglia – So   trasùta àa chièsia = Sono entrata in chiesa)
Trasònna, s.f. Fogna, fognatura
Tratt(e)né, ùt(e) Trettenere.   Trattenersi: “Tratt(e)nèrs(e)”, ùt(e)
Trattà, àt(e) Trattare
Tratta, s.f. Tratta
Tràttòr(e), s.m. Trattore, automezzo a   ruote gommate o cingolato per il rimorchio di veicoli, di macchine agricole,   ecc.
Trattùr(e), s.m. Tratturo
Tratùr(e), s.m. Tiretto, cassetto. –   (Da: ‘tirare’ con il suff. deverbale ”turo’, per: ‘oggetto da tirare’ –   Cassettino: ‘trat(e)rìcchj(i)’
Tràv(e), s.m. Trave
Travaglià, àt(e) Travagliare,   faticare, lavorare con fatica (dal lat.:    ‘trabaculare’ al Fr. età angioina: ‘travaglie’ lavoro)
Travagliatòr(e) Faticatore,   lavoratore
Travasà, àt(e) Travasare
Travèrs(e), agg. e Travìers(e), agg. Trasversale,   traverso, – Ssù pàl(e) mìtt(e)l(e) r'(e)) travèrs(e),   règg(e) r'(e) chiù! = Codesto palo mettilo di traverso, regge di più!
Travèst(e), trav(e)stùt(e) Travestire
Travìers(e), agg. e travèrs(e), agg. Traverso, trasversale   – Mò, stùort ò (i)n’dravìers(e), àmma scj(i) nnànz(e)! = (Alla lettera: Adesso, storto o   di traverso, (in qualsiasi modo) dobbiamo andare avanti!)
Trè, agg. num. Tre
Trè_quàrt(e), s.m. Attrezzo per   sgonfiare la pancia (Rumine) agli animali colpiti da idropisia
Trè_rròt(e), s.m. Motocarro
Trèbb(e)t(e), s.m. Treppiede, in genere   per il focolare, a sostegno della pentola
Trèbbia, s.f. Trebbiatrice. Le   prime erano fisse, piazzate presso i banchi di covoni, le biche,   “Casazz(e)” precedentemente accorpati in un unico luogo, mosse   dalla forza motrice di un trattore, tramite una puleggia a cui erano   collegate. Verso la seconda metà del secolo XX sono state soppiantate dalla   “Mietitrèbbia”,   trebbiatrice semovente. – (Dal lat.: ‘tribulum’ trebbia, una sorta di carro   basso le cui ruote larghe e basse erano munite di punte di ferro a forma di   sega, che veniva titato sulle spighe di grano da bestie da soma, per separare   i chicchi dalla paglia.
Trecìent(e) Trecento
Trèll(e), s.m. Bretella, per reggere   i pantaloni – pl. bretelle = Lì trèll(e)’
Trèn(e), s.m. Treno – Treno merci =   ‘Trèn(e) mèrc(e)’
Trènta o Trènda Trenta
Treppèr(e), s.m. Treppiede
Trerròt(e), s.m. Motocarrozzetta,   veicolo a tre ruote
Trèsc(e)ca, s.f. e Trèsc(e)cula, s.f. Tresca, combriccola,   intrigo amoroso
Tressètt(e), s.m. Tressette, gioco di   carte
Trèua, s.f. Tregua
Trèzza, s.f. Treccia
Trìgna, s.f. Prugnolo, prugnola   dalle bacche bluastro scuro (Prunus spinosa) – (Dal lat. Parlato: ‘atrineus’,   ‘atrinea’ nero, opaco. – DEI S.V. atrigna; LEI). 2. Battitura, botta,   percossa
Trìgna, s.f. Battitura, botta,   percossa. (Dalla raccolta della “prugne”  quando vengono raccolte scuotendone i rami   e le stesse  colpiscono chi si trova al   di sotto come se ricevesse delle percosse).    – A’ànn(eràt(e) quàtt(e) trìgn(e) = Gli hanno dato   quattro percosse). 2. Prugnolo, prugnola dalle   bacche bluastro scuro (Prunus spinosa)
Trik_tràk, s.m. Petardo che riproduce   il rumore di due o più colpi secchi consecutivi
Tringiàt(e), s.m. Trinciato, prodotto   semilavorato ottenuto mediante la trinciatura delle foglie di tabacco che   vengono ridotte in sottilissime e corte striscioline, adoperato per la   confezione di sigarette e sigari
Trìp(e)l(e), agg. e s. m. Triplo
Trìpp(e)_tùost(e), s.m. e Tr(e)ppòn(e), s.m. Grassone, pancione,   trippone,  persona panciuta (trippa,   pancia dura)
Trìpp(e)_tùost(e), s.m. e Tr(e)ppòn(e), s.m. Pancione, trippone,   persona panciuta (pancia gonfia, dura)
Trippa, s.f. Trippa, pancia
Trìrr(e)c(e), agg. num. Tredici
Trìst(e), agg Triste, avvilito,   scontento
Tròmba, s.f. Tromba
Tròn(e), s.m. Trono
Trònat(e), pl. f. Frastuono,   rintronamento, fracasso emesso con qualsiasi oggetto, ed in particolare,   riferito a quello dalle “Raganelle = (“R(e)tègghj(i)”,) in   chiesa, il Venerdì Santo, per simboleggiare il rumore del terremoto avvenuto   per la morte di Gesù Cristo. – (Dal basso lat. ”tonitru(m)’ divenendo prima:   ‘tronitu(m)’.)
Trònata, s.f. Rintruono, ant.,   rintronamento, frastuono, “rintruono” (arcaico), cioè fracasso   emesso con qualsiasi oggetto, termine, in particolare.- (Dallo sp.: ‘trueno’   > dal lat. ‘tonus’, ‘tonitus’ – Si può dire che il termine è sinonimo di   ‘tuono’ ma è stato ottenuto deverbalizzando il verbo ‘tr(e)nà’ tuonare, come   se da ‘tuonare’ si otterrebbe ‘tuonata’).    – Plurale: ‘trònat(e)’, riferito al frastuono dalle “Raganelle =   (“R(e)tègghj(i)”),   in chiesa, il Venerdì Santo, per simboleggiare il rumore del terremoto   avvenuto per la morte di Gesù Cristo.
Trònch(e), s.m. Tronco
Tròpp(e), avv. agg. Troppo
Tròv(e)l(e), agg. Torbido, torbo, di   liquidi. Torbido, fosco, nuvolo, del tempo. – Femm.: ‘tròv(e)la’ – (Dal lat. “turbidus” poi nel tardo lat:   “tùrbulus”: poi: ‘turbus’ torbido. Calabrese: ‘trùvulu’ – Mennonna 1978, p.   216; Rolfs 1974, pag. 355.  Giunto a   noi come ‘tròv(e)l(e)’)
Trùgn(e), agg. e Trùogn(e), agg. Tozzo, grosso, sodo,   grassotto, paffuto, pieno di salute. – (Dalla rad. lat. ‘turgidus’ turgido,   rigido, al lat. parlato: ‘turgulare’ divenir rigido, grosso,   gonfio. (Vedere anche ‘(i)ndrìgn(e)’. –  Od anche dai   riflessi di una base celtica ‘trugna’ muso che poi tramite il fr.: ‘trogne’ faccia allegra,   rubiconda, secondo il DEI)
Trùogn(e), agg. e Trùgn(e), agg. Tozzo, grosso, pieno   di salute, grassoccio
Trùon(e), s.m. Tuono, fragore,   rimbombo, scoppio, anche fulmine (arc.).    –  (Dal lat.: ‘tonus’ e dallo   sp.: ‘tron’ e ‘trueno’). – Anche: ‘Tr(e)nàta’. – 2. Sigaretta, in tono scherzoso – Ù vì à M(e)chèl(e), s’   stài(e) facènn(e) nù trùon(e)! = Ecco Michele, ha acceso una sigaretta!   –    Tuono, rimbombo, fragore.
Trùopp(e)l(e), s.m. Ciocco, tronco di   legno, usato come legna da ardere e per i più disparati usi: come base di   appoggio per spaccare la legna, come sedile, ecc. . – (Dallo stesso etimo di   ‘ stùpp(e)le’ stoppaccio, > da ‘stoppa’ > Dal gr.: ‘ stypè’ a sua volta   dalla rad.: sta-; stap-; stup_ che vale esser fermo, saldo, duro; ed anche il   termine ‘stiphò’ rendo denso, ‘stìphos’ = al lat. ‘stipes’ tronco, ceppo .   Quindi sarebbe un diminutivo di ‘stoppa’ una sorta di ‘stròppolo’ che ha poi   perso la ‘s’ iniziale; (assimilando così il tronco ad un piccolo   turacciolo).)
Tt(e)r(e)tùpp(e)t(e)! e Tt(e)r(e)tàpp(e)t(e)!, voce onomatopeica Espressiva di   un’azione veloce, improvvisa, riapetitiva (di nuovo; ancora) – E’ tt'(e)r(e)tùpp(e)t(e)! R(e)pièt(e) sèmb(e) à stèssa còsa! = Di   nuovo! Ripeti sempre le stesse cose!
Ttipp(e)_ttòpp(e), s.m. arc. Pezza per riparare   camera d’aria (Termine sorto nel dopoguerra degli anni quaranta del XX sec.   da un noto marchio di una casa che le produceva)
Ttùpp(e)! ttùpp(e)! Tuppe tuppe!.   Voce imitante il picchiare all’uscio
Ttùpp(e)_ttùpp(e), prov. Toc toc, voce   riproducente il rumore dei colpi bussati ad una porta
Ttùpp(e)t(e)! Tùppete!  Voce onomatopeica, imitativa di colpi non   forti, di cadute e balzi – ù criatùr(e) hàv(e) pèrs(e)   l’equilìbbrij(i) e ttùpp(e)t(e), èia carùt(e) ass(e)ttàt(e) (i)ndèrra = il   bambino ha perso l’equilibrio e, tùppete, è caduto a sedere in terra
Tù, pron. pers. Tu
Tùbb(e) r'(e) la canàla Pluviale, canale di   scarico verticale della grondaia, canale di gronda (‘Canàla’)
Tùbb(e), s.m. Tubo, canna,   cannello. 2. Tubo, sinonimo di culo
Tucquà, àt(e) Toccare, sfiorare,   tastare, palpare.. – (Dal prov.: ‘toquar’). 2. Toccare di diritto, spettare,   essere dovuto. (Anche: ‘Attucquà’)
Tucquà, àt(e) Spettare, toccare di   diritto.  (Anche: ‘Attucquà’). 2   Toccare, urtare, sfiorare, venire o essere a contatto, palpare. 3. Capitare,   accadere come per caso, venire in sorte.. – (Dal prov.: ‘toquar’)
Tucquàta, s.f. Toccata
Tuculà, àt(e) arc.  e   zuculà, àt(e) e Baculià, àt(e) Muovere, spostare,   scuotere, agitare, vacillare. (Tuculà: dalla stessa origine di ‘cut(e)là’ cullare). 2. Barcollare,   traballare, dondolare, oscillare, tentennare, tremare, vacillare
Tùf(e), s.m. Tufo, roccia   magmatica. In particolare in Calitri il termine indica il tufo calcareo delle   Rocce Arenarie (Puglia) , la Calcarenite, impropriamente detta tufo. 2.   Blocco di tufo da costruzione. 3. Pietra (grossa) a forma oblunga, piatta   alla base, con un foro praticato sul davanti, usata una volta per trebbiare   le granaglie.
Tùf(e), s.m. Blocco di tufo da   costruzione. 2. Tufo, riccia magmatica. In particolare in Calitri viene usato   il tufo calcareo delle Rocce Arenarie (Puglia) , la Calcarenite 3. Pietra   (grossa) a forma oblunga, piatta alla base, con un foro praticato sul   davanti, usata una volta per trebbiare le granaglie.
Tùf(e), s.m. Pietra (grossa) a   forma oblunga, piatta alla base, con un foro praticato sul davanti, usata una   volta per trebbiare le granaglie. Legata ad un animale da tiro, tramite il   foro, pestava le granaglie girando circolarmente effettuandone così la   trebbiatura. 2. Blocco di tufo da costruzione. 3. Tufo, riccia magmatica. In   particolare in Calitri viene usato il tufo calcareo delle Rocce Arenarie   (Puglia) , la Calcarenite
Tùi, agg. e pron. poss. Tuo; – f. Tòia = tua – pl. Tòi(e) = tue
Tùmm(e)l(e), s.m. Tomolo. (Da: lat.   medioev. ‘tumulus’ a sua volta   dall’arabo: ‘thumn’,   propr. «un ottavo») – Unità di misura di capacità per misurare granaglie e   altri prodotti della terra, misura circa mc. 0,064 (misura fino all’orlo). I   sottomultipli del tomolo sono il ‘M(e)zzètt(e)’ pari ad 1/2; il ‘Quàrt(e)’ pari ad 1/4; la ‘M(e)tìera’, pari ad 1/16; la ‘Mèzza m(e)tìera’ pari ad 1/32. 2. Unità di misura di superficie agraria. Da   distinguere nelle misure: ‘à là hròssa’ alla grossa o ‘à là pìccula’ alla piccola.
Tùmm(e)l(e), s.m. Tomolo. (Da: lat.   medioev. ‘tumulus’ a sua volta dall’arabo: ‘thumn’, propr. «un ottavo») –   Unità di misura di superficie agraria. Da distinguere nelle misure: ‘à là hròssa’ alla grossa o ‘à là pìccula’ alla piccola. Il   tomolo ‘à là hròssa’ corrisponde   a mq. 4.115,226. I   sottomultipli sono: ‘M(e)zzètt(e)’, pari ad 1/2 di t.; ‘Quàrt(e)’, pari ad 1/4 di t.; ‘M(e)tìera’, pari ad 1/16 di t. e ‘Mèzza   m(e)tìera’ – Il tomolo ‘à là pìccula’ corrisponde   a mq. 3,430,00. I cui sottomultipli sono:   ‘M(e)zzètt(e)’, pari ad 1/2 di t.; ‘Quàrt(e)’, pari ad 1/4 di t.; ‘M(e)tìera’, pari ad 1/16 di t. e ‘Mèzza m(e)tìera’. Un multiplo del   tomolo è il ‘Sàcch(e)’ corrispondente   a due tomoli ‘à là pìccula’. 2. Unità di misura di   capacità per misurare granaglie e altri prodotti della terra, misura circa   mc. 0,072 (misura fino all’orlo).
Tunisìa, s.f. Tunisia
Tunisìn(e), agg. e s.m. Tunisino
Tùnn(e), agg. Tondo, rotondo
Tùnn(e), s.m. Tondo. Femm.: “Tònna” = Tonda
Tùnn(e)_tùnn(e), agg. Satollo, tronfio,   dilatato (con lo stomaco). – S’èia mangiàt(e) ròi(e)   piàtt(e) r'(e) sàgna, s’eia fàtt(e) tùnn(e)_tùnn(e) = Ha mangiato due piatti   di lasagne, si è satollato
Tùocch(e), s.m. Conta, tocco,   (termine usato in genere riferendosi alla conta che si fà tra amici per   vedere a chi tocca fare qualcosa affidando la scelta alla sorte)
Tùopp(e), s.m. Sabbia di cava, di   origine sedimentaria, di colore giallognolo. – (Da ‘tùpp(e)’ cocuzzolo, che,   nel nostro territorio, sono quasi sempre costituiti di sabbia giallognola in   quanto venuti alla luce dall’erosione, da frane o da dilavamenti di terreni   argillosi che li ricoprivano. Dal germ.: ‘top’; in gotico: ‘tups’ cima,   punta.)
Tuorc(e)cùogghj(i), s.m. Torcicollo
Tùorn(e), s.m. e avv.. Torno, intorno –   Lèvat(e) rà tùorn(e)! = Levati di torno!    – Come avverbio nella locuzione ‘Tùorn_tùorn(e)’ = torno torno – Agg(e)ràva Tùorn_tùorn(e) = Girava torno torno
Tùorn_Tùorn, agg. Intorno<Tutt’.   Tutt’intorno.
Tùort(e), s. m.  e agg. Torto, ingiustizia,   sopruso 2. Torto, storto, bistorto contorto – V(e)rìett(e) n’òmm(e)n(e)   tùort(e) e malùort(e) = Vidi un uomo storto e contorto
Tùost(e), agg. e Dùr(e), agg. Tosto, duro, sodo,   inflessibile. – (Dal lat.’tostus’, part. pass. di torrere «disseccare,   tostare»)
Tùozz(e), s.m. e Tòzza, sost.    s.f. Tozzo, pezzo. Nù tuozz(e) r'(e) pàn(e) = Un pezzo di pane (Anche: “nù   curl(e) r’ pàn(e)”); Pìglia quègghia tòzza r'(e) matòn(e)! = Prendi quel   tozzo di mattone. 2. Cròsta, in genere riferita a   quella del pane, del formaggio. N'(e)n m'(e) rà la   m(e)gghìca, ràmm(e) la tòzza! (del pane)= Non darmi la mollica, dammi la   crosta! (del pane)
Tùozz(e)l(e), s.m. Tutolo, torsolo della   pannocchia di granoturco
Tùpp(e), s.m. Toppe, Tupè, Tuppè (   adattam. Italiano dal  fr.: toupet’),   Crocchia, treccia di capelli avvolta e fermata sulla cima del capo o sulla   nuca,  (Altra probabile  origine da termini meridionali: ‘toppo’   ”tuppe’ monticello, cocuzzolo (Dal gotico: ‘tups’ cima, punta)
Tùpp(e), s.m. e Tòppa, s.f. Monticello, cocuzzolo   (Germanico: ‘top’ (in gotico:   ‘tups’ cima, punta –   Pugliese, umbro: ‘tùppe’)
Tùrch(e), agg. e s.m. Turco
Turchìa, s.f. Turchia
Turchìn(e) agg. e Turquìn(e), agg. arc. Azzurro cupo, blu,   turchino
Tùrd(e), agg Torrido
Turquìn(e), agg. arc. e Turchìn(e) agg. Turchino, blu,   azzurro cupo
Tùrs(e), s.m. e Tùors(e), s.m., Tùt(e)l(e), s.m. Torso, torsolo,   tutolo. Quello di granoturco: “Tùozz(e)l(e)” 2. Persona impacciata, imbambolata, persona fredda ed   impietrita (fig.)
Tùrt(e)ra, s.f. Tortora, uccello   simile e più piccolo del colombo, di colore grigio cenerino
Tùt(e)l(e), s.m. e Tùors(e), s.m. e Tùrs(e), s.m. Impacciata>Persona,   Persona impacciata, imbambolata, persona fredda ed impietrita (fig.).  2. Tutolo, torso, torsolo. Quello di   granoturco: “Tùozz(e)l(e)”
Tùtt(e), agg. e pron. Tutto – Femm: ‘tòtta’ o ‘tùtta’
Tùzz(e), s.m. Cozzo, urto, scontro,   rintuzzamento – (Dal verbo ‘T(e)zzà’, urtare, deverbalizzandosi con   l’eliminazione del suff. ‘à’) – S’ s(e)ntìa ù tùzz(e)   r'(e)lì rìend(e) = Si udiva il rintuzzamento dei denti
U U
U, art. det. Il, e anche Lo;   articolo;  Lo = ‘Ù = ‘LÙ; La = ‘A’ =   ‘La’; I = ‘Ì = ‘LÌ ; Gli = ‘LÌ; Le = ‘R(e)’ = ‘GghÌ- Es: GghÌòss(e) = Le ossa
Uagli(e)nàma, s.f. Ragazzame,   ragazzaglia, con significato non necessariamente dispregiativo
Uagliòn(e), s.m. e Uagnòn(e), s.m. arc. Ragazzo, fanciullo   (Pare derivi dal basso lat. ‘galione(m)’ giovane mozzo, servo sulle galee – Alla voce ‘Galionem’ a   pag. 640 del Du Cange – Glossarium ad scriptores Mediae ed infimae   latinitates)
Uagljnàstr(e), s.m. Giovincello
Uagnòn(e), s.m. arc. e Uagliòn(e) s.m. Fanciullo, ragazzo
Uài(e), s.m. e Guài(e), s.m. Guaio – (Dal gotico   ‘Wai) – Hàggj(e) passàt(e) nù uài(e)! = Ho passato un   guaio!
Uaìt(e), s.m. Guaito
Ualàn(e), s.m. Bifolco, boaro,  persona addetta a badare ai buoi od anche   aratore a giornata (Dal. Gr.: (bous) bove + (Elauno) spingere, guidare) –   (Dal latino: ‘gualane’ oppure   da ‘Aequalanus’ ?  ‘mezzadro che lavora   a pari e patta’ – Da: C.Alvaro – cit. in GDLI VII 98 – )
Ualanègna, agg. Boari>Proprio dei.   Proprio dei boari, dei bifolchi (‘Ualàn(e)’) – S'(e)   cumbòrta pròbbia à là qualanègghia manèra = Si comporta proprio alla maniera   dei boari
Ualàss(e), s.m. arc. Perditempo,   fannullone
Uàllara, s.f. Scroto, tutto il   sacco completo dei testicoli. (Ar.: ‘adara’ ernia)
Uànd(e), s.m. e Uànt(e), s.m. Guanto  (Dal francone: ‘Want’). ‘2. Schiaffo, ceffone
Uandìera, s.f. e Huàndìera, s.f. Guantiera, vassoio   per servire in genere dolci e bevande
Uànt(e), s.m. e Uànd(e), s.m. Schiaffo, ceffone. 2.   Guanto
Uàpp(e), s.m. Guappo, (napoletano)   gradasso,  persona sfrontata  e arrogante, bello, vistoso (Sp. ‘Guapo’   bullo, bellimbusto, coraggioso)
Uaràgn(e), s.m. Guadagno, lucro
Uaragnà, àt(e) Guadagnare
Uàrd(e)iàn(e), s.m. Guardiano
Uàrd(i)iàn(o), s.m., s.m. Guardiano
Uardà, àt(e) Guardare (Dal   francone ‘Wardon’ stare di   guardia)
Uàrdabbòsc(e)ch(e), s.m. Guardaboschi
Uardabbòscj(e)ch(e), s.m. Guardaboschi, addetto   alla sorveglianza ed alla difesa dei boschi
Uàrdacàccia, s.m. o Uàrdiacàccia, s.m. Guardiacaccia.   guardacaccia
Uardafìl(e), s.m. Guardafili, persona   addetta alla sorveglianza ed alla manutenzione dei cavi elettrici,   telegrafici o telefonici (‘Fìl(e)’)
Uardalìneh(e), s.m. Guardalinee
Uàrdia cambèstr(e), s.f.
Uàrdia, s.f. Guardia. E’ia scj(j) à la uàrdia mèdica = Devi andare presso la guardia   medica – Chì è r'(e) uàrdia? = Chi è di guardia? – Uàrdia cambèstr(e) =   Guardia campestre
Uardiacàccia, s.m. Guardacaccia
Uardiàn(e), s.m. Guardiano
Uàrdiarèggia, s.m. Guardia regia
Uàrdij(e), s.m. Guardia, come agente   di polizia, vigile urbano.  Hann(o) fàtt(o) l’incidènt(e) e hànn(e) chiamàt(e) lù uàrdij(e)   = Hanno fatto l’incidente ed hanno chiamato il vigile urbano.
Uarn(e)mìend(e), s.m. Guarnitura, finimento   per abellire o dar funzione. Guarnizione per animali da soma. – Dall’ant.:   ‘guarnimento’. 2. Oggetti in genere (termine usato al pl.), come stoviglie,   attrezzi vari – Uagliò, pìglia ssì uarn(e)mìend(e) =   Ragazzo, piglia codesti oggetti. Al singolare si usa per indicare un oggetto   non meglio identificato. – Mà chè èia ssù uarn(e)mìend(e) chì (i)ngèia (i)ndà   lù stìp(e)? = Ma cos’è codesto oggetto che cè nello stipo?
Uarnì, ùt(e) Guarnire
Uàst(e), agg. Guasto, fradicio,   marcio,  andato a male, putrido
Uàst(e), s.m. Guasto, rottura
Uastà, àt(e) Guastare
Uàtt(e), agg. Quatto, rannicchiato   a terra o addossato a un riparo, per lo più cercando di non fare rumore, per   non essere scorto. – (Dal lat. ‘coactus’, part. pass. di ‘cogĕre’   raccogliere, ammassare, costringere)
Uàtt(e)_uàtt(e), agg Quatto, chinato a   terra, quatto quatto, zitto zitto, di soppiatto
Ubb(e)l(e)hà, àt(e)  e   Hobblihà, àt(e) Costringere,   Obbligare
Ubb(e)rì, ùt(e) e Ubb(e)rìsc(e), ùt(e) Obbedire
Ucràin(e), agg. e s.m. Ucraino
Ucraìna, s.f. Ucraina
Udìenza, s.f. e Urìenza, s.f. Udienza, audienza,   arc. Attività giurisdizionale del tribunale, magistratura
Voce confidenziale di   saluto, per allacciare un discorso
Uèfar(e), s.m. Animale di   allevamento, quadrupede, di due anni – Di un anno dicesi: ‘Annicchiòn(e)’
Uèrc(e), agg. s.m. Guercio, cieco,   strabico, che non vede da un occhio o è affetto da forte miopia
Uèrra, s.f. Guerra (Dal francone   ‘Werra’)
Uffà! Interiez. Uff, o uffa –  Esclamazione (che si pronuncia gonfiando   più o meno le gote e sbuffando), con la quale si suole esprimere o un senso   di soffocamento per il caldo eccessivo o un impulso d’impazienza e di stizza   o anche un sentimento di fastidio e di noia
Ùffa, s.f. Ufo, sbafo, che non   costa (ant. ufa) – Termine usato solamente nella locuz.   avv. ‘à ùffa’   a ufo, senza pagare, a spese altrui: mangiare, vivere a ufo, sulle   spalle degli altri. – (Dal lat.: Ad usum fabricae (in sigla A.U.F.) che   contrassegnava nell’antichità, durante il loro trasporto mediante carri o   barconi risalenti fiumi, i materiali destinati alla costruzione delle   maggiori cattedrali italiane, quali il duomo di Milano, San Pietro a Roma,   Santa Maria del Fiore a Firenze, ad opera delle “Fabbricerie”,   l’ente che provvedeva alla conservazione e mantenimento dei beni dei luoghi   sacri, come le chiese.) 2. Anca,uffo, fianco
Ùffa, s.f. Anca, uffo, regione   del corpo degli animali, ed impropriamente anche delle persone. Ha per base   l’angolo esterno dell’ileo. 2. Ufo, sbafo, che non costa (ant. ufa) – Termine   usato solamente nella locuz. avv. ‘à ùffa’ a ufo, senza pagare, a spese   altrui: mangiare, vivere a ufo, sulle spalle degli altri. – (Vedere   etimologia del termine ‘Ufo’ )
Uffìcij(i), s.m. Ufficio
Uglià, àt(e) e Auglià, àt(e) Oliare, l’atto di   ungere, di lubrificare, di condire con olio
Uglià, àt(e) e Auglià, àt(e) Oliare, lubrificare.   ‘Auglià’ ha anche il significato di ‘UbriacarsÌ: ‘Augliàrs(e)’
Uguàl(e) agg. e Ùuàl(e), agg. arc. Equivalente,   identico, uguale
Uguàl(e), agg.  e Ùuàl(e),   agg. arc. Uguale, equivalente,   identico
Uìnn(e)l(e), s.m. Arcolaio, bindolo,   attrezzo di uso domestico o artigianale adoperato, spec. in passato, per   ridurre in gomitoli le matasse di filo, lana e sim.: di forma varia, è   costituito in genere da un basamento, da un albero metallico che sorregge una   struttura (girello o scodellino) la quale, a sua volta, regge il castello di   stecche di legno su cui è avvolto il filo, il quale, svolgendosi, passa a una   bobina azionata a mano con una manovella
Uirà. àt(e) arc. e Guidà, àt(e) Guidare
Ùl(e)scjùs(e), agg. Voglioso, avido,   desideroso, bramoso
Ùlcera, s.f. e Ùlc(e)ra, s.f. arc. Ulcera
Ulìsc(e), s.m. Voglia, desiderio,   uzzolo
Ùlòmmara, s.f. e agg. e Gulòmmara, s.f. e agg. Fico primaticcio,   grosso (Fico fiore). A forma di colombina. Termine derivante dal significato   di piccola colomba – Si usa l’espressione: “Fìca à gulòmmara” o   solamènte “Ùlommara”
Umbrùs(o), agg Ombroso
Ùmm(e)r(e), agg. e s.m. Umido
Ùmm(e)r(e), s.m. Umido
Umm(e)r(e)tà, s.f. Umidità
Umm(e)ròr(e), s.m. e Umidore
Ùn(e) (i)nbònda à lùna, s.m. Gioco della cavallina   – Scjùquàm(e) à “Ùn(e) (i)nbònda àa lùna” _ Giochiamo al gioco   della cavallina.
Ùn(e), agg. num. card., pron. Indef, e art. indeterm. Uno, numero. – Ùn(e)   à mì e ùn(e) à tì = Uno a me ed uno a te. – 2. Uno, art. indeterm.
Ùn(e), art. s.m. Uno.  Femm.: “Ùna”. 2. Uno, numero
Ùn(e)stà, s.f. Onestà
Ùna_contìnua, avv. e ‘Ùna_contìnua e Continuamènt(e), e   Continuamènd(e) Continuamente
Ùnd(e), agg. e  s.m. e   Ùnt(e), agg. e  s.m. Unto, p.p. di ‘òng(e)’ ungere.  Imbrattato, spalmato o sporco di materia   grassa.  – Femm. ‘ònta’  unta. – Pl. ‘ùnt(e)’ unti.- 2. Unto, deposaito di grasso derivato da sporcizia. 3.   Unto, sugo oleoso ricavato da carni grasse messe a cuocere
Unguènd(e), s.m. Unguento
Unì, ùt(e) e Aunìsc(e), ùt(e) Unire
Unìrs(e), ùt(e) e Aunìrs(e) ùt(e) Unirsi, riunirsi,   accoppiarsi
Ùnn(e)c(e),  agg. num.   Card. Undici
Unn(e)cèsim(e),  agg. num. Undicesimo
Unòr(e), s.m. Onore – A onore = Ann’òr(e)
Unziòn(e), s.f. Unzione. 2. Estrema   unzione, od olio santo, sacramento della Chiesa cattolica, detto anche olio   santo o con più precisione unzione degli infermi, non essendo il sacramento   soltanto di coloro che sono in fin di vita. Secondo la precisazione del   Concilio Vaticano II – Il dare l’estrema unzione si esprime col verbo: ‘Str(e)mà’ – R'(e) sài cà à ù malàt(e)   l’ànn(e) già str(e)màt(e)? = Lo sai che al malato gli hanno già dato l’olio   santo?
Unziòn(e), s.f. Unzione – ‘Estrèma unziòn(e)’ = Estrema unzione
Ùocch(i) fìl(i) fìl(i). agg. (modo di dire) Voglioso. Occhi   vogliosi – ù facìenn(e) l’ùocch(i) fìl(i) fìl(i).
Ùocch(i), s.m. Marza, gemma, in   botanica. 2. Occhio. Per “Malocchio” vedi “Piglià   ar’Ùocch(i)”
Ùocch(i), s.m. Occhio. Per   “Malocchio” vedi “Piglià ar’ùocchi(e)” – Occhi vogliosi = “Ùocchj(i)   fìl(e)_fìl(e)”. 2. Marza, gemma, in botanica
Ùocchj, s.m. Occhio. T(e)nìa n’ùocchj(i) marrò è n’ùocchj(i) vèrd(e) – U’ facìenn(e)   l’ùocchj fìl(e)_fìl(e), quànn(e) vèdd(e) r'(e) pàst(e)! Mostrò gli occhi   vogliosi, quando vide i pasticcini. 2. Gemma,   boccio, germoglio, l’abbozzo embrionale delle foglie
Ùocchj, s.m. Gemma, boccio,   germoglio, l’abbozzo embrionale delle foglie. 2. Occhio
Ùocchj>Assì li. Assì l’ùocchj, assùt(e) l’… Bramare, anelare,   desiderare con gli occhi – A’v(e) vìst(e) r'(e) pàst(e),   vìr(e) cùm(e) l’èss(e)n(e) l’ùocchj! = Ha visto i pasticcini, vedi come li   desidera!
Ùoglj(i), s.m. Olio
Ùorl(e) e Òrl(e) , s.m. Bordo, orlo, margine,   ciglio
Ùorl(e), s.m. Orlo, estremità,   margine, limite, contorno, ciglio,
– Plurale: O’rl(e) – Fàgghj(i)   bbòn(e) gghÌòrl(e) = Falli bene gli orli
Ùorl(e),_Ùorl(e),, agg. e Òrla_Òrla, agg. Orlo<Sul.   Sull’orlo, rasente, sul ciglio, ai limiti – Camìna òrla_òrla àa càsa =   cammina rasente la casa
Ùorsc(e), s.m. Orzo
Ùort(e), s.m. Orto
Ùoss(e) r'(e) lù pr(e)sùtt(e), s.m. Testa del femore   (detto in dialetto: osso (del prosciutto), del gluteo, per similitudine can   la coscia del maiale)
Ùoss(e), s.m. Osso – l’ùoss(e) =   l’osso; – Pl: òss(e) = ossa – Le ossa = Ghì’òss(e)
Ùov(e), s.m. Uovo. Plurale:   “òv(e)”  – Contiene: il tuorlo: ‘Rùss(e) r'(e) l’ùov(e)’ e l’albume:   ‘ Iàngh(e) r'(e) l’ùov(e)’   – Per definire: 1. un uovo con il guscio “molle” dicesi: “A’p(e)l(e)” – (Dal greco   ‘hapalòs’, molle, soffice) ) – 2. Un uovo andato a male ‘ dicesi: “Annacquàt(e)” in quanto per   scoprirlo basta scuoterlo e se nel farlo si avverte un certo sbattimento   interno come se fosse pieno d’acqua, ci si accorge che l’uovo ha perso la sua   consistenza, adulterandosi.
Ùpp(e)l(e), s.m. Tappo, turacciolo (a   volte, in campagna,  veniva utilizzato   a tale scopo anche un torsolo di granoturco o delle foglie arrotolate come   stoppaccio)
Ùpp(e)l(e), s.m. Turacciolo, tappo. –   (Dal lat. Parlato ‘appilare’ per il classico: ‘oppilare’, turare, chiudere –   (deverbalizzato, senza la desinenza ‘are’)
Upp(e)là, àt(e) Turare, tappare,   mettere il tappo – (Dal lat. Parlato ‘appilare’ per il classico: ‘oppilare’   turare, chiudere)
Upp(e)là, àt(e) Tappare, turare,   otturare
Ur(e)nà, àt(e) Urinare, pisciare
Urànij(e), s.f. Uranio
Urd(e)nà, àt(e) Ordinare
Urìna, s.f. Urina. Vedere anche:   “P(e)sciòtta” arc.
Ùrm(e), s.m. Olmo, albero delle   Olmacee. – La frase: Scj(e) à ùrm’, vuol dire: far restare qualcuno a bocca aciutta, nel gioco   della ‘passatella’, vedere: Patrone(e) e sòtta’
Ùrs(e), s.m. Orso. 2. Parola,   favella
Ùrs(e), s.m. Parola, favella. –   (Rendendo simile il pensiero da esprimere ad un orso che stà rinchiuso nella   propria tana) –  Finalmènt(e)   l’èia assùt(e) l’ùrs(e)! = Finalmente “ha tirato fuori” la parola!  2. Orso
Urt(e)làn(e), s.m. Ortolano
Urtà, àt(e). Indisporre, irritare.   2. Urtare, toccare
Urtà, àt(e). Urtare, toccare.  2. Indisporre, irritare
Ùs(e), s.m. Uso
Ùs(e)m(e), s.m. Fiuto, odore – S'(e) né giùt(e) à ùs(e)m(e) = E’ andato a fiuto
Us(e)rà, àt(e) Usurare
Uscìer(e), s.m. Usciere
Ussàma, s.f. Ossame
Ùst(e), s.m. e Hùst(e), s. m. Piacere, gusto.   Vàl(e) chiù nù Ùst(e) cà cìent(e) ruquàt(e) = Vale più un gusto che cento   ducati
Ust(e)nàrs(e), àt(e) Ostinarsi
Usùra, s.f. e Ausura, s.f. arc. Usura, strozzinaggio,   strozzo
Ùt(e)l(e), s.m. e agg. Utile
Ùt(e)m(e), agg. e avv. Ultimo; A’ l’ùt(i)m(e) facèmm(e) fèsta = All’ultimo facemmo festa
Utè! (Inter.) e Ìss!, utè! (Inter.) Attaccalo!  Incitamento al cane ad attaccare. (Da   ‘Isso’ = Lui e ùta = Suvvia, ai(uta)ti, sbrigati! – Cioè: ‘Prendi Lui,   sbrigati!’) (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – alla voce ‘uta’)
Uttòbb(e)r(e), s.m. Ottobre
Uttòbb(i)r(e), s.m. Ottobre
Ùuàl(e), agg. e Uguàl(e) agg. Uguale
Ùualmènd(e), avv. e Ugualmente
Ùv(e)tàta, s. f. Gomitata
Ùva, s.f. Uva, il frutto della   vite
Ùva_sprìna, s.f. L’uva spina (Ribes   uva-crispa L.) è una pianta della famiglia Grossulariaceae, la cui bacca, di   colore verde chiaro traslucido, ricorda un chicco d’uva
Uvaròla, agg. Ovaiola (femminile di   ovaiolo: produttore di uova). – E’ia nà hagghìna uvaròla   = E’ una gallina che fa tante uova
V V
V'(e), avv. e pron. Vi – Vi porto a spasso = V'(e) pòrt(e) à spàss(e)
V(e)c(e)nànz(e), s.m. Vicinato – (i)Ngè sèmb(e) quàcche ùn(e) chì t’àiùta (i)ndà lù   v(e)c(e)nànz(e) = C’è sempre qualcuno che t’aiuta nel vicinato
V(e)cchiàia, s.f. Vecchiaia
V(e)cìn(e), avv. s.m. e agg. Vicino
V(e)gghì(e)ch(e), s.m. Ombelico, bellico   (pop.). – (Dal lat. Umbilīcus)
V(e)gghiènt(e), agg. e V(e)gghiènd(e), agg. Bollente
V(e)gghiùt(e), agg. Bollito, lesso –   Anche: ‘Bollìt(e)’
V(e)gghiùta, s.f. Bollita, bollitura
V(e)gghj(i)miènd(e), s.m. Bollore
V(e)l(e)nà, àt(e) e Abb(e)l(e)nà, àt(e) Avvelenare,   intossicare.  2.   “V(e)l(e)nà”: Amareggiare, affliggere, addolorare
V(e)l(e)nà, àt(e) e Abb(e)l(e)nà, àt(e) Avvelenare: per: amareggiare, affliggere,   addolorare  intossicare.  2. Avvelenare, intossicare
V(e)l(e)nà, àt(e) e Abb(e)l(e)nà, àt(e) Avvelenare
V(e)l(e)nàrs(e), v(e)l(e)nàt(e) Avvelenarsi,   attossicarsi.  2. Amareggiarsi,   affliggersi, addolorarsi
V(e)là, àt(e) Volare
V(e)lànza, s.f. Bilancia – (Dallo   sp.: ‘balança’ che si legge ‘balansa’)
V(e)lanzìn(e), s.m. e B'(e)lanzìn(e), s.m. Bilancino, termine   usato per indicare una traversa di legno per attaccare le tirelle di un   animale di rinforzo fuori dalle stanghe di un carro. 3. L’animale da tiro   così attaccato. 2. Bilancino, piccola bilancia
V(e)lanzìn(e), s.m. e B'(e)lanzìn(e), s.m. Bilancino, piccola   bilancia. 2. Bilancino, termine usato per indicare una traversa di legno per   attaccare le tirelle di un animale di rinforzo fuori dalle stanghe di un   carro. 3. L’animale da tiro così attaccato.
V(e)lanzòn(e), s.m. Bilancia, staderina,   piccola stadera, che per sostenere il materiale da pesare è provvista di   un’apposito piatto. Vedere: “Statèia”
V(e)lè, ùt(e) e B(e)lè, ùt(e) arc. Desiderare, aver   bisogno, volere – Tu v(e)lìss(e) e Ìj(e) v(e)rrìja, tùtt(e) e ddùi(e)   v(e)rrìemm(e), tù n’n pùoi(e) e Ìj(e) n’n pòzz(e), e tùtt(e) e ddùi(e) n'(e)   stàm(e). V(e)rrìss(e) e v(e)rrìja, mà n’n s'(e) pòt(e)!… Mmà! = Tu vorresti   ed io vorrei, tutti e due vorremmo, tu non puoi ed io non posso, ed entrambi   stiamo senza far niente. Vorresti e vorrei, ma non si può!… Mah!
V(e)lèn(e), s.m. Veleno
V(e)lètt, s.m. Nibbio bruno. (Milvus   migrans), un po’ più piccolo del nibbio reale, di color bruno intenso, che   nidifica in zone ricche d’acqua e di piante d’alto fusto.
V(e)llùt(e), s.m. Velluto
V(e)lòzza, s.f. Tuorlo   dell’uovo.  – (Dimin. Di ‘vùozz(e)’, al   femminile, è usato solo riferito al tuorlo dell’uovo) – N’ùov(e)   à ddòi(e) v(e)lòzz(e) _ Un uovo con due tuorli
V(e)lùbb(e)l(e), agg. Volubile
V(e)lùcchi(e)l(e), s.m. Vilucchio, pianta erbacea a fusto avviluppante (Convulvulus arvensis)
V(e)lùozz(e), s.m. Bozzo, rigonfiamento;   – Pl.: ‘v(e)lùozz(e)’ – (Diminut. Di  ‘vùozz(e)’ bozzo) – A’ fìglj(e)ma l’èia   assut(e) nù v(e)lùozz(e) (i)ngìmma à lù cùogghj(i) = A mio figlio gli è   apparso un piccolo bozzo sul collo
V(e)mm(e)cà, àt(e) Vomitare, rigettare,   dar di stomaco
V(e)nàzza, s.f. Vinaccia. Residuo   della prima lavorazione dell’uva, formato da graspi, bucce, vinaccioli, con   quantità diverse di mosto o di vino
V(e)nd(e)latòr(e), s.m. e V(e)nt(e)latòr(e), s.m. Ventilatore
V(e)nd(e)lìzz(e), s.m. e V(e)nt(e)lìzz(e), s.m. Brezza, ventilazione,   arietta
V(e)nd(e)scià, àt(e) e V(e)nt(e)scià, àt(e) Venteggiare, ventare,   ventilare, fare vento, prendere vento
V(e)nd(e)scjà, à(e) Ventilare
V(e)ndr(e)cìegghj(i), s.m. Ventre piccolo, in   genere degli animali piccoli come un maiale, ecc. e genericamente anche degli   uccelli, dei polli (detto più specificatamente ‘Sciscìell(e)   ventriglio)
V(e)ndràma, s.f. Ventraia, le   interiora degli animali macellati
V(e)nì, ùt(e) e B(e)nì, b(e)nùt(e) Venire, arrivare,   giungere
V(e)nnànzia, s.f. e Abb(e)ndànza, s.f. Profusione, copia,   dovizia, abbondanza
V(e)nnetòr(e), s.m. Venditore
V(e)nt(e)l(e)scià, àt(e) Brezzare, ventilare
V(e)nt(e)là, àt(e) e V(e)nt(e)lià, àt(e) Ventilare, ventolare   – V(e)nt(e)là r'(e) gràn(e) = Ventolare il grano (per   separare i chicchi dalla pula)
V(e)nt(e)latòrij(e), s.m. e S(e)bb(e)ssatòrij(e), s.m. Fortunale, vento   fortissimo
V(e)nt(e)lià, àt(e) e V(e)nt(e)là, àt(e) Ventilare, ventolare,   venteggiare
V(e)nt(e)lìzz(e), s.m. Brezza, venticello
V(e)nt(e)lìzz(e), s.m. Ventilamento,   ventolamento,movimento d’aria
V(e)ntàglj(i), s.m. e V(e)ndàglj(i), s.m. Ventaglio
V(e)ntarìeggh(i), s.m. e V(e)nt(e)cìegghj(i), s.m. Venticello
V(e)ntr(e)cìegghj(i), s.m. e V(e)ndr(e)cìegghj(i), s.m. Ventricello del   maiale od altri animali piccoli
V(e)ntrèsc(e)ca, s.f. e V(e)ndrèsc(e)ca, s.f. Ventresca, intesa   come pancetta, strato adiposo della regione ventrale del suino
V(e)nùta, s.f. Venuta, arrivo,   comparsa. 2. Ritorno
V(e)r(e)hògna, s.f. Vergogna, timidezza,   modestia
V(e)r(e)hugnàrs(e), àt(e) Vergognarsi
V(e)r(e)hugnùs(e), agg. Vergognoso, timido
V(e)r(e)m(e)cìell(e), s.m. Vermicello, pasta   alimentare, lunga, più fine di uno spaghetto
V'(e)r(e)tà, s.f. Verità
V(e)rd(e)ràma, s.f. Verderame,   anticrittogamico a base di rame. (Vedere anche: V(e)tr(e)jùol(e),   s.m. e P(e)tr(e)iùol(e),   s.m).  2.   Strato di colore cupo che viene a formarsi sulla superficie di alcuni oggetti   in rame se a contatto con umidità o con acidi organici contenuti negli   alimenti
V(e)rdòn(e), s.m. Verdone, uccello   della famiglia fringillidi
V(e)rè l’ùocchj(i), vìst(e) l’ùocchj(i) Esorcizzare dal   malocchio. Pratica, esercitata da persone esperte, per esorcizzare dal   malocchio. – A’hav vìst(e) l’ùocchj(i) e l’èia passàt(e) lù màl(e) r'(e)   càp(e) = L’ha esorcizzata dal malocchio e non ha più male la testa.
V(e)rè, ìst(e) e B(e)rè, bìst(e) Vedere, guardare –   (Pres. Ind.): Vèr(e)/Vèch(e) – vìr(e) – vèr(e) – v'(e)rìm(e) – v'(e)rìt(e) –   vèr'(e)n(e). Vèch(e), vìr(e) – vèr(e) – v'(e)rìm(e) – v'(e)rìt(e) –   vèr'(e)n(e) – Anche: Bèr(e)/Bèch(e) – Bìr(e) – Bèr(e) – B'(e)rìm(e) –   B'(e)rìt(e) – Bèr'(e)n(e)
V(e)riètta, s.f. Brezza, auretta,   orezzo. – (Dim.: di ‘Vòria’   borea)
V(e)riùs(e), Ventoso, luogo aperto   a tramontana, verso nord (Da: ‘vòria’ borea)
V(e)rm(e)cìegghj(i), s.m. Vermicello
V(e)rm(e)nàra, s.f. e V(e)rm(e)nòsa, s.f. arc. Verminosi, affezione   parassitaria dell’intestino.  2.   Spavento, paura (grande, improvvisa), panico
V(e)rm(e)nòsa, s.f. e V(e)rm(e)nàra, s.f. arc. Spavento, paura   (grande, improvvisa), panico. 2. Verminosi, affezione parassitaria   dell’intestino
V(e)rm(e)nùs(e), agg. Verminoso, pieno di   vermi
V(e)rn(e)còcca, s.f. Albicocca (Prunus   armeniaca) , pianta e frutto
V(e)rnàta, s.f. e (i)Nv(e)rnàta, s.f. Invernata, stagione   invernale, inverno
V(e)rnìl(e), agg. e v(e)rnàla, agg. Invernale,   dell’inverno: la stagione invernale.
V(e)rpìn(e), s.m. Staffile formato con   nerbo di bue o  col membro di maiale –   (dal lat.: ‘verpa’  membro virile.   (DEI; Rolfs 1959)
V(e)rpòn(e), s.m. Volpone, inteso per   lo più ad indicare una persona furba
V(e)rsùra, s.f. Capitagna, striscia   di terra che si lascia non arata sul ciglio del campo alle testate dei   solchi. ( dal lat. tardo ‘Versorio’ = strumento per girare il terreno’)
V(e)rv(e)gliòn(e), s.m. Larva di coleottero   infestante del grano immagazzinato.
V(e)rz(e)llìn(e), s.m. Verzellino, piccolo   uccello passeriforme della famiglia fringillidi (Serinus serinus), detto   anche verdolino
V(e)rz(e)llìna, s.f. Vergelllina, barretta   di ferro, piccola lamina. –    (Diminutivo di ‘V(e)rzèlla’ vergella)
V(e)rzèlla, s.f. Ferro<Barra   di..  – Vergella,  verga di ferro, barra, lamina. –  (Dal lat.: ‘virga’ ramoscello e per similitudine, striscia, lista, verga) –   Barretta di ferro = “V(e)rz(e)llìna”, s.f.
V(e)sazzòla, s.f. Bisaccia, tasca
V(e)sazzòla, s.f. e V(e)sazzòl(e), s.pl. Bisaccia<Coppia   di. Coppia di bisacce che si portavano in viaggio sistemate sul basto degli   animali da soma. (da bisaccum = doppia sacca)
V(e)sc(e)glìt(e), s.m. V(e)sc(e)glìt(e),   località del territorio di Calitri
V(e)sc(e)là, àt(e) Vigilare 2.   Sorteggiare (Arc.)
V(e)sc(e)là, àt(e) Sorteggiare (Arc.) e   Vigilare
V(e)scìlia, s.f. Vigilia
V(e)sciòla, s.f. Vescicola, pustola,   bollicina per scottatura (da stessa radice: ‘Vrùsc(e)la’ = acne).
V(e)scjgl(i), s.m. Querciola, giovane   quercia
V(e)scjglièta, s.f. V(e)scjglièta,   località del territorio di Calitri
V(e)ss(e)cànd(e), s.m. Vescicante, cerotto   medicato
V(e)ss(e)còn(e), s.m. Grassone, buzzone,   persona panciuta. – Tradotto alla lettera: Vescicone (da vescica = ‘V(e)ssìca’). –  Anche “B(e)rz(e)còn(e)”
V(e)ss(e)gn(e)rìa, s.f. Vossignoria
V(e)ssìca, s.f. Vescica, vessica.   (Lat.: ‘vesìca’). La vescica del maiale, ben pulita veniva usata come   contenitore per conservare la sugna ((i)Nzògna”, e poi appesa ad una   pertica, presente al soffitto in tutte le case contadine (lontano dai gatti)
V(e)stìt(e), s.m. Vestito
V(e)t(e)pèria, s.f. Vituperio, ingiuria   infamante
V(e)tà, àt(e) Voltare, rivoltare,   girare. 2. Votare
V(e)tà, àt(e) Votare, dare il voto.   2. Voltare, rivoltare, girare
V(e)tamìend(e), s.m. Voltamento, giramento
V(e)tàta, s.f. Voltata, girata,   curva, curva stradale
V(e)tàta_r’_stommach(e), s.f. Nausea, senso di   vomito
V(e)tièggh(i), s.m. Vitello
V(e)tòsa, s.f. Vitalba, pianta   rampicante delle  Ranuncolacee.(Detta   anche vite selvatica)
V(e)tr(e)iùol(e), s.m. e P(e)tr(e)iùol(e), s.m. e V(e)rd(e)ràma,   s.f. Vetriolo,   vetriùolo,  è un fungicida rameico di   contatto, ad azione preventiva, utilizzato come anticrittogamico in   agricoltura e nel giardinaggio e, in particolare, nella frutticoltura e nella   viticoltura -vetriolo blu o azzurro (Detto anche ‘poltiglia bordolese’).  (Dal lat. ‘vitriolum’ – già conosciuto   nell’antichità in quanto sgorgava naturale dalle miniere di rame, disciolto   dalle acque di falda).
V(e)tr(e)jùol(e), s.m. Vetriolo, solfato di   rame, usato in agricoltura. In genere viene irrorato sulla vite per   proteggerla dalla malattia della peronospera. – Anche ‘P(e)tr(e)jùol(e). 2.   Acido solforico, che nei detti popolari è famoso per essere stato usato a   volte per deturpare il viso delle persone a scopo di vendetta
V(e)tr(e)jùol(e), s.m. Acido solforico, che   nei detti popolari è famoso per essere stato usato a volte per deturpare il   viso delle persone a scopo di vendetta.    2. Vetriolo, solfato di rame, usato in agricoltura. In genere viene   irrorato sulla vite per proteggerla dalla malattia della peronospera
V(e)tr(e)jùol(e), s.m. e P(e)tr(e)iùol(e), s.m. e V(e)rd(e)ràma,   s.f. Vetriuolo,   vetriolo,  è un fungicida rameico di   contatto, ad azione preventiva, utilizzato come anticrittogamico in   agricoltura e nel giardinaggio e, in particolare, nella frutticoltura e nella   viticoltura -vetriolo blu o azzurro (Detto anche ‘poltiglia bordolese’). (Dal   lat. ‘vitriolum’ – già conosciuto nell’antichità in quanto sgorgava naturale   dalle miniere di rame, disciolto dalle acque di falda).
V(e)tr(e)nàrij(e), s.m. Veterinario.   Anticamente, fino quasi alla fine del 20° secolo c’era la figura di un   esperto  che castrava in genere i   maiali, vedi “Sanap(e)rcìegghj(i)”
V(e)tràl(e), s.m. Terreno incolto, non   seminato, adibito a pascolo, in genere perchè roccioso, scosceso, aspro.   (Dall’arabo ‘battal’ inoperoso, fuori servizio, riferito una volta al lembo   di terra fra canali irrigui attigui. Alla voce ‘VattàlÌ del (Diz. Etim.   Manlio Cortelazzo – UTET-2005) – Oppure da ‘Veterana (terra) = terra non   coltivata (Enciclop. Treccani))
V(e)tràta, s.f. Vetrata
V(e)trìna, s.f. Porta a vetri in   genere riferita a quella d’ingresso della casa. 2. Credenza, dispensa,   buffet, intesa quella napoletana, con la parte inferiore avente sportelli in   legno e quella superiore con sportelli a vetro
V(e)tt(e)cìegghj(i), s.m. e V(e)tt(e)cègghia, s.m. Botticella, piccola   botte
V(e)ttà, àt(e) e Spèng(e), ùt(e) arc. Pressare, buttare,   tirare giù, spingere, spostare, cacciare avanti, incitare – (Dallo sp.   “botar”, sospingere, premere) – Vòtta à fa   iùorn(e)! = Vai avanti senza sapere cosa succederà, giorno per giorno!
V(e)ttàcc(e), s.m. Bottaccio, sorta di   vecchia botte in legno, tenuta in piedi su uno dei due fondi e con l’altro   aperto. Una volta, veniva usata, in genere per riempirla d’acqua, costituendo   una riserva da cui poi attingere  e   usarla per motivi vari. Può essere di altri materiali, ad esempio a volte è   fatta usando il classico fusto di ferro, usato per i carburanti   (“Bidòn(e)”).
V(e)ttamìend(e), s.m. Sospingimento, calca,   pigia pigia, lo spingersi l’un con l’altro, in modo non violento
V(e)ttàr(e), s.m. Bottaio, fabbricatore   di botti
V(e)ttàta, s.f. Urto, spinta,  – Spintone = “Scatapènda”
V(e)ttùra, s.f. Vettura . 2. Bestia   da soma, da tiro, da sella.(Termine desueto) – (lat.: ‘veho’ menare, portare, ed anche ‘vectura’, vettura, trasporto)
V(e)ttùra, s.f. Bestia da soma, da   tiro, da sella. (Termine desueto) – lat. ‘veho’. 2. Vettura
V(e)vùta, s.f. Bevuta, bicchierata
V(e)vùta, s.f. e Vèpp(e)ta, s.f. Sorsata, sorso
V(e)zià, àt(e) Viziare, avviziare   (forma lett.ria)
V(e)ziùs(e), agg Vizioso, immorale,   scostumato
V(e)zòn(e), s.m. Bozzone, persona   tozza e goffa. 2. Spiga di granoturco lessa. ( Probabile origine dalla   propria forma: bozzolato, bozzoloso, pieno di bozzi, bugnato)
V'(e)zòn(e), s.m. Granoturco   cotta<Spiga di. Spiga di granoturco lessa. ( Probabile origine da:   bozzolato, bozzoloso, pieno di bozzi, bugnato) 2. Bozzone, persona tozza e   goffa
Vac(e)lìegghj(i), s.m. Bacinella, catinella,   che fino agli anni settanta del XX sec. veniva ancora usata nelle case per   lavarsi il viso, per radersi, ecc.
Vac(e)nègghia, s.f. e Vasc(e)nègghia, s.f. Carrubo, albero delle   Papilionacee  ed anche frutto
Vacànd(e), agg. e Vacànt(e), agg. Incoltivato, terreno   incolto. A'(a)  tèrra à lì Chiàn(i) à   tèngh(e) vacànda = Il terreno ai ‘ChianÌ (località) lo tengo incolto. 2.   Vuoto, svuotato
Vacandàl(e), s.m. Terreno incolto o   coltivabile, gleba
Vacànt(e), agg. e Vacànd(e), agg. Vuoto, svuotato.   (Lat. ‘Vacuus’ vuoto – ‘vacare’ svuotare). 2. Incoltivato, terreno incolto
Vàcca, s.f. Vacca, pl.   “Vacch(e)” – Ròi vàcch(e) = Due vacche – Più generico si usa:   “Bàcch(e)” – E’ia scj(i)ùt(e) à pàsc(e) r'(e)   bàcch(e) = E’ andato a pascolare le mucche
Vaccàr(e), s.m. Vaccaio, allevatore   di mucche o guardiano salariato fisso che ha cura delle vacche di una stalla   o di una vaccheria.
Vaccarèzza, s.f. Stazzo per vacche.   (Lat.: ‘vaccaricia’)
Vaccìn(e), s.m. Vaccino
Vaccìna, s.f. Vaccina, bestia   vaccina, bovino in genere, carne di vacca
Vacìl(e), s.m. Bacile, grossa   tinozza metallica di lamiera zincata usata fino alla fine del xx sec. nelle   nostre case
Vacinèlla, s.f. e Bacinèlla, s.f. Bacinella, catina,   catinello
Vàgghia, s.f. Valle. –   (‘Abbàgghj(i)’ a valle = Sotto, giu – ‘Capabbàgghj(i)’ con testa ‘càp(e)’   rivolta a valle= discesa).-  La frase:   ‘Abbàgghj(i) e àr’ammònd’ a valle ed a monte = su e giu
Vagghiòn(e), s.m. Torrente
Vagghj(i)cìegghj(i), s.m. Torrentello
Vaglià, àt(e) Vagliare, setacciare
Vàglj(i), s.m. Vaglio, grosso   crivello, in genere con forma rettangolare o circolare, con base in metallo,   forata, per separare il grano dalla pula. lat. ‘vannus’
Vagnà, àt(e) arc. e Bagnà, àt(e) Bagnare, e anche   lavare: E’ia sci_ùt(e) a vagnà r(e) pècur(e) (i)ndà lù stagnòn(e) = è andato   a lavare le pecore nello stagnone
Vahabbònd(e), s.m e Vahabbònn(e), s.m. Vagabondo
Vaiàrd(e), s.m. Portantina piccola,   barella, in legno,  per  trasportare derrate, letame, ecc.,   generamente usata in campagna; fatta da due assi in legno unite fra loro da   listelli, vimini, od altro, portata da una persona avanti ed una dietro.   (Lat.: ‘Bajulo as.’ trasportare) ‘2. Treggia, portantina in legno trascinata   a mo’ di slitta.
Vaiàrd(e), s.m. Treggia, portantina   in legno trascinata a mo’ di slitta. 2. Portantina piccola, barella, in   legno,  per  trasportare oggetti, generamente usata in   campagna; fatta da due assi in legno unite fra loro da listelli, portata da   una persona avanti ed una dietro
Valìggia, s.f. e Balìcia, s.f. arc. Valigia, bagaglio,   borsa
Vàlva, s.f. Valvola, saracinesca
Vàmba, s.f. e Vàmpa, s.f. Fiamma, vampa,   fuocherello  – pl.: ‘bbàmb(e)’
Vambàta, s.f. e vampàta, s.f, Vampata, fiammata,   ondata di calore
Vammàc(e), s.f. e Vammàcia, s.f. Bambagia, cotone di   scarto.  (Dal lat. tardo ‘ bambax’ al   lat. volg. ‘bambacia’ )
Vammàna, s.f. Levatrice, mammana,   reg.
Vàmpa, s.f. e Vàmba, s.f. Vampa, fiamma – pl.:   ‘bbàmb(e)’
Vampalòj(i), s.m. e Vambalòj(i), s.m. e Vambalò, s.m. Rogo, falò, fuoco di   breve durata – (Da una base  lat.:  “vapor” con epentesi di ‘m’, come   nell’italiano ‘vampa’ anch’esso dipendente    da vapore, attraverso un antico ‘ vampo’ e ‘vampore’ incrociato con   ‘lampo’. – Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005, pag. 456 alla voce   ‘vampasciùscia’) –    Cù quàtt(e) fràsch(e) facèmm(e) nù bèll   vambalòj(i) = con quattro fascine facemmo un bel falò
Vampàta, s.f. e Vambàta, s.f.
Vand(e)sìn(e) Grembiale, grembiule.   – (lat. da: ab ante sinum’ = avanti seno) –     – Anche: ‘s(e)nàl(e)’-(Da.:   It.ant.  ‘zinnale’ e ‘zinale’: delle   ‘zinne’: mammelle)
Vandìera, s.f. Grembiule pesante in   cuoio usauccheto dai ‘vaccàr(e)’ i vaccari, i mandriani che accudiscono le   vacche
Vangèl(e), s.m. Vangelo
Vangelìsta, agg. Evangelista 2.   Predicatore laico valdese
Vànna, s.f. e Bànna, s.f. arc. Lato, parte, banda   (Gotico ‘Bandwa’) –  Quigghiu   sàcch(e) mìtt(e)l(e) à quègghia bànna = Quel sacco mettilo da quel lato
Vant(e)sìn(e), s.m. e Vand(e)sìn(e), s.m. Grembiule o grembiale   da donna- (lat. da: ab ante sinum’ = avanti seno)
Vantàgg(e), s.m. e Vantdgg(e), s.m. Vantaggio
Vantàrs(e), vantàt(e) e Vandàrs(e), vandàt(e) Vantarsi
Vantièra, s.f. e Vandièra, s.f. Grembiale o grembiule   in cuoio usato dagli artigiani quali ed es. il maniscalco od anche di stoffa,   calzolai, ecc.
Vànvara, s.f. Vanvera
Vàr(e)va, s.f. Barba
Var(e)vàrièll(e), s.m. Bavaglino, bavagliolo
Vàr(e)vùt(e), agg. Barbuto
Varamènt(e), avv. e Varamènd(e), avv. e Avaramènte, avv. Veramente, davvero,   propriamente
Vàrda, s.f. Barda, basto,   sellaccia, bardella. E’ costituita da un telaio in legno, formato, tra   l’altro,  da n. 2 doghe ricurve in   legno, (ognuna chiamata ‘còr(e)va’), a vista, situate, una anteriormente e   l’altra posteriormente alla sella stessa, il corpo imbottito che poggia sul   quadrupede,  è ricoperto di cuoio e di   tela nella parte inferiore.    Sull’armatura medesima sono situati, opportunamente alla necessità,   gli attacchi per le bardature, atte ad assicurate il basto all’animale nonchè   il carico da trasportare. – (lat.: ‘barda’ dall’ant. Ted.: ‘bardi’ armatura,   in  quanto il termine nacque   originariamente per indicare l’armatura, in ferro e cuoio, sul petto e sul   collo del cavallo)
Vardàr(e), s.m. Bastaio, fabbricante   di basti, sellaio
Varr(e)làr(e), s.m. Barilaio, fabbricante   o venditore di barili
Varrà, àt(e) Barrare
Vàrra, s.f. Barra, sbarra. –   (Dalla rad.: celta: ‘bar’ ramo) – Anche nella forma dialettale: ‘bàrra’ solamente nella locuzione: ‘A bàrra’ = Colmo fino all’orlo del   recipente, livellando con una barra
Varràta, s.f. Bastonata, colpo   inferto con una barra
Varrichìna, s.f. e Mm(e)r(e)cìna_r'(e)_lì_pànn(e), s.f. arc. Varichina (reg.) o   Varechina
Varrìl(e), s.m. Barile, comunemente   indicante quello in legno, oblungo, con l’imboccatura sulla pancia che veniva   tappato con un turacciolo: “Ùpp(e)l(e)”, portato in testa dalle   donne per trasportare l’acqua od altri liquidi.
Varvarièll(e), s.m. Bavagliolino, per non   sbavarsi addosso
Vàs(e), s.m. Bacio. (dallo sp.   Beso) 2. Vaso
Vàs(e), s.m. Vaso. 2. Bacio
Vàs(e)l(e), s.m. Basolo, massello di   pietra, di forte spessore e di dimensioni abbastanza grandi (alcuni   decimetri), in genere usato per pavimentare strade
Vasà, àt(e) Baciare
Vàsc(e), agg. Basso – Femm.: ‘Vàscia’ – Bassino: ‘Vasc(e)liègghj(i)’
Vasc(e)liègghj(i), agg. Bassino
Vasc(e)nègghia, s.f. e Vac(e)nègghia, s.f. Carruba o   vaiana,  frutto del carrubo, albero   delle Papilionacee, a legume indeiscente, lungo fino a 15 cm. Questi   baccelli, contenenti i semi, danno il nome dialettale al frutto, dal lat.: ‘vagina’ guaina,  involucro, e quindi il nostro: ‘vasc(e)nègghia’, piccola vagina,   guscio, baccello. (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – Alla voce ‘vuaine’ ove è citato pure Calitri)
Vàsca, s.f. Vasca. Vaschetta = Vasch(e)cègghia – Vasca di pietra:   vedere “Pìla”
Vascià, àt(e) e Abbascià, àt(e) Bassare, calare,   abbassare, diminuire
Vasciàgna, s.f. Bassura, località di   campagna, più depressa dal punto di vista altimetrico. – Termine contr.   ‘Autìma’ territori situati in   zone alte, del nostro territorio.
Vastà, àt(e) e Bastà, àt(e) e Abbastà, àt(e) e Avastà, àt(e) Bastare  –   Abbàsta e sòvra = abbasta e supera = più che abbondante
Vàsta, inter. e Abbàsta, inter. Basta, non più.   (Imperativo del verbo ‘Abbastà’   = Bastare)
Vatràcchia, avv. e Vatròva, avv. Vattelapesca, Chissà   (quale verità) – (Tr. letterale: vattela a trovàre (‘Acchià’) la verità)
Vatràcchia, interiez. Schissà (Vattelo a   trovare)
Vatròva,avv. e Vatràcchia, avv. Chissà,   Vattelapesca.- letterale: vai a trovertela (la verità)
Vàtt(e), vattùt(e) e Bàtt(e), ùt(e) Trebbiare graminacee,   legumi ecc. mediante battitura. 2. Colpire, battere, colpire ripetutamente   con le mani o con altro arnese
Vatt(e)còr(e), s.m. Batticuore
Vàtt(e)l’àppèsca, interiez. Vattelo a pèsca
Vatt(e)lappèsca, loc. Vattelappesca
Vatt(e)màn(e), s.m. Battimano
Vatt(e)t(e), s.m. Battito
Vatt(e)tùra, s.f. Battitura
Vattàgl(i), s.m. e Vattòcchj(i), s.m. Battaglio, batocchio,   ferro che percuote internamente la campana
Vattòcchj(i), s.m. e Vattàgl(i), s.m. Batocchio, battaglio,   ferro che percuote internamente la campana
Vàuz(e), s.m. Spighe, Fascetta   formata di.  Usata per legare ogni   covone. Vedere: “M(e)t(e) tòra”
Vàv(e), s.m. Avo, nonno, antenato.
Vav(e)glià, àt(e) e Vavaglià, àt(e) Sbavare, emettere   fili di saliva dalla bocca. ( Da: ‘vàva’ bava)
Vav(e)scià, àt(e) Sbavare, imbrattare   di bava
Vav(e)scià, àt(e) e Bav(e)scià, àt(e) Bava> emettere,   emettere bava, Sbavare
Vavà, àt(e) arc. Sbavare, emettere   bava dalla bocca – C(e)lardìn(e) s’èia vavàt(e) –   Gerardino ha sbavato
Vàva, s.f. Ava, nonna. 2. Bava,   umore viscoso, più schiumoso della semplice saliva
Vàva, s.f. Bava, saliva,   schiuma. (Dal. Lat. Pop. ‘bàba’ che la Crusca ritiene formata (alla pari del   ted. di prov. da ‘bap’ o ‘bab’ labbro) dai suoni labiali, esprimenti la   formazione della bava stessa dalle labbra, specialmente dei bambini)   http://www.etimo.it/?term=bava&find=Cerca. 2. Ava, nonna.
Vavaglià, àt(e) e Vav(e)glià, àt(e) Sbavare, emettere   fili di saliva dalla bocca
Vavàglj(i), s.m. Bavaglio
Vavùglia, s,f. e Bàvùglia, s.f. Bava
Vavùglia, s.f. e Bbavuglia, s.f. e vavìglia, s.f. Sbavatura, filo di   saliva dalla bocca
Vavùs(e), agg. Bavoso
Vavùs(e), agg.. Vav(e)gghiùs(e), agg. Bavoso
Vèc(e)ta, s.f. arc. Turno,   avvicendamento, alternanza. –  In   agricoltura si usava il termine “À vèc(e)ta”: letteralmente: ‘in   modo vicendevole’,  per indicare   l’assunzione di un bracciante a ore, avvicendandosi con altri, e non per   tutto il giorno. (Dal latino ‘Vicis’ vece, cambio).- N’n   passà nnànz(e), aspètta à vèc(e)ta = Non passare avanti, aspetta il turno
Vècchj(i), s.m. e agg. Vecchio – Dim.: ‘V(e)cchiarìegghj(i) = Vecchietto
Vèccia, s.f. Tacchino femmina   dell’uccello galliforme ‘Vìcc(e)’), di grande statura, della famiglia   meleagridi. 2. Premio che a Calitri viene dato nella riffa in occasione della   festa religiosa di S. Lucia, consistente appunto in una tacchina.
Vèl(e), s.m. Velo
Vèna, s.f. Vena. 2. Avena
Vèna, s.f. Avena, graminacea. 2.   Vena
Vènc(e), ìnt(e) e Vèng(e), ìnt(e) e Bènc(e), int(e) Vincere, prevalere,   spuntarla – Hàv(e) vìnt(e) Tùtt(e) – Ha vinto tutto 2.   Intendere, capire – N'(o)n r(e) dài(e) a vènc(e) = non la da ad intendre, fa   finta di non capire
Venezzuèla, s.m. Venezuela
Vènn(e), ùt(e) e Bènn(e), ùt(e) Vendere
Ventèsim(e),  agg.   num.  e Vendèsim(e),  agg. num. Ventesimo
Vèpp(e)ta, s.f. e v(e)vùta, s.f. Sorso, sorsata
Vèr(e), s.m. e agg. Vero – Non è vero! =   ‘N'(e)nn’è alluè’!= anche: ‘A’mèna’!
Vèr(e), vìst(e) o v(e)rùt(e) e B(e)rè, vìst(e) o bìst(e) Vedere, guardare,   adocchiare
Vèrd(e), e bèrd(e) – agg. e s.m. Verde
Verd(e)ràma, s.f. Verderame
Vèrm(e), s.m. Verme
Vèrm(e), s.m. Verme – Vermetto: ‘V(e)rm(e)cìeggj(i)’
Vèrma, s.f. Vedova. Vedovo: ‘Vièrm(e)’
Vermùtt(e), s.m. Vèrmut, vino   liquoroso di sapore amarognolo aromatico
Vèrr(e), s.m. Verro, maiale non   castrato
Vèrr(e)ca, s.f. Verga, asta, lungo   bastone
Vèrza, s.f. Verza, varietà di   cavolo (lat. scient. Brassica oleracea cv. sabauda) – Pl.: r'(e) bèrz(e) = le verze
Vèscov(e), s.m. Vescovo
Vèspr(e), s.m. e Bèspr(e), s.m. Vespro
Vèst(e), ùt(e) Vestire
Vèsta, s.f. Veste, in particolare   gonna
Vèv(e), ùt(e) e Bèv(e), ùt(e) Bere. Nel coniugare   il verbo, “Bevuto” si dice sia “V(e)vùt(e)” che   “Vìpp(e)t(e)” – Nel linguaggio dei bambini il bere si dice “V'(e)lè à (i)Mbùmba” =   Volere la bevanda
Vèzza, s.f. Veccia, pianta   erbacea con foglie pennate e fiori violacei, usata come foraggio; spesso   infesta le colture di grano ( fam. Leguminose) – (Lat. ‘vicia   sativa’.
Vìa, avv. Via, indica   allontanamento. 2. Via, strada
Vìa, s.f. Via, strada. 2. Via,   indica allontanamento
Viàgg(e), s.m. Viaggio
Viaggià, àt(e) Viaggiare
Viaggiatòr(e), s.m. Viaggiatore – Femm.:   ‘Viaggiatora’; ‘Viaggiatric(e)’; ‘Viaggiatricia’
Vìcc(e), s.m. Tacchino, uccello   galliforme, di grande statura, della famiglia meleagridi – Femm.: “Vèccia” – (Dal lat.’ vicia’ dal   gr.: ‘vicion’, in: Gal. Lib. I de alim, cap penult. – Da: ETYMOLOGICUM   SICULUM di JOSEPH VINCI – Ex Regia Typographia FRANCISCI GAIPA – MESSANAE   MDCCLIX – alla voce: ‘viccia’)
Vicevèrsa, avv. Viceversa
Vìch(e), s.m. Vicolo
Vìend(e), s.m. e Vìent(e), s.m. e Bìend(e), s.m. Vento, aria, brezza.   – O’sc(e) mèna ù vìend(e) –  – (Il   termine ‘bìend’ si usa solo come agg. o avv.: – O’sc(e) chiòv(e) à bìend(e) =   oggi piove ( del tipo) ventoso)
Viènt(e) Scjrl(e), s.m. Vortice di vento,   nodo di vento. Il mulinare del vento che fa muovere polvere, foglie,   ecc.
Viènt(e), s.m. e Viènd(e), s.m. Vento. In particolare   a Calitri indica il vento di ponente. –    “Vient scjrl(e)” = Vortice di vento – Venticello:   ‘V(e)nt(e)cìegghj(i)’; ‘V(e)ntariègghj(i)’
Vièrm(e), agg. e s.m.. Vedovo. (Gr.: ‘Ermos’ abbandonato, reietto,   escluso) – Vedova: “Vèrma”
Vièrn(e), s.m. e Bièrn(e), s.m. Inverno; (i)ndì Vièrn(e) = In inverno; A’ bièrn(e) = “A inverno”   cioè: al tempo d’inverno
Viern(e)rì, s.m. Venerdì
Vìetta, avv. Presto, subito, in   anticipo, di buon’ora. – (Dal Fr.: ‘vite’    presto)
Vìetta_vìetta, avv. Presto>molto.   Molto presto.
Vìg'(e)l(e), s.m. Vigile
Vìgna, s.f. Vigna
Vignèt(e), s.m. Vigneto.
Vij(e)lìn(e), s.m. Violino
Vijolongèll(e), s.m. e Vijoloncèll(e), s.m. Violoncello
Vìll(e)_vàll(e). pl. m. Moina, vezzo,   carezza, in genere rivolte ai bambini per farli stare allegri. –  (dalla base lat. ‘villicare’ nel senso di   stare in villa, stare in campagna per diporto, divertirsi. Da cui l’it.:   ‘villeggiare’) – A’ lù criatùr(e) lù fèc(e) tànta vìll(e)_vàll(e) = Al   bambino fece tante moine.
Vìlla, s.f. Villa, abitazione   solitamente elegante e con parco o giardino.
Vìnd(e), agg. e s.m. e Vìnt(e), agg. e s.m. Vinto, p.p. di ‘vèng(e)’ vincere. – Vinta = ‘vènta’ o   ‘vènda’. – Tù n'(e) ll’è rà vènda! = Tu non liela   devi dare vinta!
Vìnd(e), agg. num. card. Venti, numero
Vindiquattòr(e)<A. Sera<A, al calar   del sole. _ S’èia r(i)tràt(e) (a casa)    à vindiquattòr(e) = E’ rincasato al calar del sole
Vìnghj(e), s.m. Vinco, vimine – Ramo   flessibile di alcune specie di salici (Salix alba, S. triandra, S. purpurea,   ecc.), decorticato dopo una lunga macerazione in acqua corrente, adoperato   per lavori d’intreccio di cesti, panieri, ecc. – Il termine si usa per lo più   al plurale
Viòla, agg. Viola
Viòla, s.f. Viola, violetta
Violètt(e), agg. Violetto
Vìpara, s.f. Vipera
Vìs(e)ta, s.f. Visita
Vìsc(e)ch(e), pl. m. Vizio, abiezione,   peccato. – (Termine dialettale arcaico derivante da: vischio, visco, con   significato di tenere insieme e quindi riferito a qualcosa da cui non ci si   può staccare) – Si usa il detto: Li Vìsc(e)ch(e) tùi! = I   tuoi vizi! (Quanti vizi hài!)
Vìsc(e)l(e), s.m. Visciola, qualità di   ciliegia piccola, amarognola
Vìsc(e)la, s.f. Malattia epatica e   polmonare dei caprini: “Marciaia” nei quali si riscontra la   presenza di parassiti (probabile origine del nome da ‘vescia’ del dialetto   tarantino significante ‘bestia” (Teredine, animaletti marini)
Vìsp(e), agg. Vispo
Vìta, s.f. Vite, pianta legnosa   rampicante (tramite il: ‘crapiùol’ viticcio, tralcio), con foglie palmate e frutti riuniti in   grappoli da cui si ricava il vino. 2. Vite, organo di collegamento costituito   da un corpo cilindrico filettato , con un’estremità ingrossata, solitamente   dotata di un intaglio. – (Dalla vite (pianta), per il filetto che ricorda il   tralcio (lat. mediev. vitis)). 3. Vita, esistenza
Vìta, s.f. Vite, organo di   collegamento costituito da un corpo cilindrico filettato , con un’estremità   ingrossata, solitamente dotata di un intaglio. – (Dalla vite, (pianta) per il   filetto che ricorda il tralcio (lat. mediev. vitis)). 2. Vite, pianta legnosa   rampicante (tramite il: ‘crapiùol’ viticcio, tralcio), con foglie palmate e frutti riuniti in   grappoli da cui si ricava il vino.. 3. Vita, esistenza
Vìta, s.f. Vita 2. Vite
Vìtr(e), s.m. Vetro
Vittorètta, s.f. arc. e Màcchina, s.f. Automobile,   autovettura, vetturetta
Vìv(e), s.m. Vivo
Vìv(e), ùt(e) Vivere
Vìzzj(i)i(e), s. m. Vizio
Vìzzj(i)iùs(e), agg Vizioso
Vòc(e), s.f. Voce
Vòca, s.f. Vescichetta, bolla,   pustola
Vocabbolàrij(e), s.m. Vocabolario
Vòccula, s.f. Chioccia (Dal Lat.’vocare’ chiamare, dal lat. parlato   ”voculare’ gridare)
Vòcqua, s.f. Bocca
Vocquapièrt(e), s.m. Sciocco,   irresponsabile, fanfarone, persona che parla a vanvera
Vògghj(i), ùt(e) e Bògghj(i), ùt(e) e Ribollire, bollire. –   (Da bollire, da bolla (il levarsi delle bolle), con la classica   trasformazione, nel nostro dialetto, delle ‘elle’ in ‘ghj’ e della ‘b’   iniziale in ‘v’)
Vòglia, s.f. Desiderio, voglia,   ghiribizzo, fantasia, velleità – L’espressione “E’i vòglia!”,   proferita con entusiasmo, vuol dire: a voglia! > a volontà! > quanto ne   vuoi!  – L’èia   acchiàt(e) quàcche fùng(e)? risposta: “E’i vòglia!” = Hai trovato   qualche fungo? – risposta: A volontà, tanti! – Al   contrario, espressa con prostrazione, sconforto, vuol dire: non è vero! non   ti credo! – La mamma dice al figlio: ‘ Hài vìst(e)   quànda vòt(e) t'(e) ràch(e) ì sòld(e)! – Il   ragazzo: “E’i vòglia!” N'(e)n m'(e)   r'(e) dài(e) mài! = Hai   visto quante volte di dò dei soldi! – Non è vero! Non me li dai mai!
Vòglia, s.f. e Hulìsc(e), s.m. Voglia. Angioma   cutaneo di colore rossovinoso sul neonato che secondo una credenza popolare   avrebbe origine da una voglia insoddisfatta della madre durante la  gravidanza.    – Tèn(e) li hulìsc(e) pr(e)nìsch(e) = Tiene i   desideri “delle donne incinte” 2.   Desiderio propriamente di gola, desiderio capriccioso, ghiribizzo, fantasia,   velleità
Volànd(e), agg. Volante
Volendièr(e), avv. Volentieri, di buona   voglia
Volondà, s.f. Volontà
Vòlta, s.f. Volta, copertura ad   arco
Volùbbil(e), agg. Volubile
Vòmm(e)ch(e), s.m. Vomito
Vòngola, s.f. Vongola
Vòria, s.f. Borea, vento di   tramontana, vento di settentrione
Vòrpa, s.f. Volpe
Vòrsa, s.f. Scroto, borsa. Mè abb(e)ttàta la vòrsa =    Mi sono gonfiate le palle . Anche: “Cugliòn(e)”
Vòs(e)ch(e), s.m. Bosco (Dal francone   ‘Buwisc’ legno)
Vòsc(e), s.f. Collari in legno   fissati al giogo (‘Sciùv(e)’)   per assicurare i buoi (Pl.: ‘Bòsc(e)’)
Vòsch(e), s.m. Bosco (Dal francone   ‘Buwisc’ legno)
Vòt(e), s.m. Voto
Vòta, s.f. e “Bòta”, s.f. Volta, occasione,   circostanza, tempo. Nà vòta (i)ngèra nù criatùr(o) chi   s'(i) chiamàva “Vùngulìcch(i)” = Una volta c’era un bambino che si   chiamava “Vùngulìcch(i)”. – Quàcche bòta = Qualche volta; – A’   bòt(e) = A volte; – A’ bòt(e)_ A’ bòt(e) = Di volta in volta
Votafàccia, s.m. Voltafaccia, persona   sulla quale si può fare scarso affidamento
Votamàn(e), s.m. Manrovescio, ceffone   dato col dorso della mano
Vòtt(e), s.f. Botte – Diminut,: ‘v(e)tt(e)cìegghj(i)’ o ‘v(e)tt(e)cègghia’
Vòtta vòtta, loc. verb. Calca, serra serra,   parapiglio, trambusto, confusione (di gente) – (Dal verbo ‘v(e)ttà’ spingere)
Vòv(e), s.m. Bue. Buoi = ‘Vùov(e)’
Vòzza, s.f. Buzzo, gozzo, ventre   degli uccelli, escrescenza
Vr(e)cc(e)lìn(e), s.m. e Br(e)cc(e)lìn(e), s.m. Moniglio,   brecciolino, ghiaino
Vr(e)gnà, àt(e) e Vrignà, àt(e) Vendemmiare. –  (Dall’it.: ‘vignàre’, coltivare la vigna)
Vr(e)hògna, s.f. Vergogna, timidezza,   modestia, pudore, sentimento più o meno profondo di turbamento e di disagio   suscitato dalla coscienza o dal timore della riprovazione e della condanna   (morale o sociale) di altri per un’azione
Vr(e)hògna, s.f. Vergogna, parte del corpo che per pudicizia si tiene copertaTermine usato   in genere al pl: ‘Br(e)hògn(e)’
Vr(e)sc(e)glià, àt(e) e Vr(e)sciglià, àt(e) Rovistare, frugare,   cercare
Vr(e)sc(e)gliàta, s.f. e Vr(e)scìglj(i), s.m. Perquisizione> un   atto della. Ricerca
Vr(e)scèglia, s.f. Perquisizione,   cercamento, ricerca di qualcosa addosso ad una persona
Vr(e)scià, àt(e) e Abbr(e)scjà, àt(e) Bruciare.  Abbruciacchiare = “Abbr(e)ciacchià”
Vr(e)sciatùra, s.f. Bruciatura
Vr(e)scìglj(i), s.m. e Vr(e)sc(e)gliàta, s.f. Ricerca, cercamento,   un atto della perquisizione
Vr(e)sciòr(e), s.m. Bruciore
Vràca, s.f. Braca, nome con cui   s’indicò in origine (comunem. al plur., brache) un indumento maschile simile   ai calzoni, ma più corto e meno ampio, già in uso presso i popoli antichi, e   poi nel medioevo, e da cui, nel sec. 16°, ebbero origine le mutande. Oggi la   parola sopravvive nell’uso region. o scherz. come sinon. di pantaloni o, meno   spesso, di mutande.  2. Imbraca, o   imbraga (Vracàl(e))
Vràca, s.f. e Vracàl(e), s.m. e Stracquàl(e), s.m. Imbraga, braga,   straccale, cinghia di cuoio che lega il basto fasciando  i fianchi e il retro dell’animale da soma –   (‘Vràca’ – ha anche   significato di Braca, brache, pantalone)
Vracàl(e), s.m. e Stracquàl(e), s.m. e Vràca, s.f. Imbraga, straccale,   cinghia di cuoio che lega il basto fasciando    i fianchi e il retro dell’animale da soma – (‘Vràca’ – ha anche significato di Braga, pantalone)
Vrach(e)ssìna, s.f. Mutanda, mutandina –   (Diminutivo di ‘vràca’ pantalone, cioè piccolo, corto pantalone) – Plurale:   ‘Vrach(e)ssìn(e)’ o ‘Brach(e)ssìn(e)’
Vrachètta, s.f. Brachètta, sparato,   apertura, spacco,  nella parte   anteriore dei pantaloni, delle mutande, ecc. con schiusura a bottoni od a   cerniera lampo. – (Termine dato In passato, alla parte  centrale,    anteriore, dei pantaloni, abbassabile e fermata sui fianchi da   bottoni. In seguito il termine si è esteso all’abbottonatura anteriore dei   calzoni)
Vracon(e), agg. s.m. e Vracalòn(e), agg. S.m. Bracalone. Che, chi   per trascuratezza porta i pantaloni ciondoloni
‖ estens. Che, chi è sciatto, trasandato nel vestire
Vracòn(e), s.m. Sciatto, persona   malvestita con larghe braghe, larghi pantaloni
Vramà, àt(e) Strillare, urlare dal   pianto (verbo riferito, generalmente, al pianto dei bambini) – termine di   origine longobarda ‘abbramè’ urlare per fame
Vràma, s.f. Brama, ingordigia,   voglia
Vramalènza, s.f. Strillìo, piagnisteo,   baccano, chiamazzo (Da: ‘vramà’ strillare)
Vrànc(o), s.m. Branco, gruppo   numeroso
Vrànca, s.f. e Vranga, s.f. Branca, zampa con   artigli, mano avida e pronta a ghermire.    – 2. Branca, brancata.    Plurale:”Vrànch(e)”
Vrànca, s.f. e Vrànga, s.f. e Vrangàta, s.f. Brancata , quanto si   può portare sulle due braccia. – Addùc(e) nà vranga r'(e) fràsch(e) = Porta   una “brancata” di fascine. – Diminutivo: ‘Vrangh(e)cègghia’ = Picola brancata > piccola quantità
Vrancata, s,f. e Vrangàta, s.f. Brancata – Anche: ‘Vànca o Vrànga’
Vràncg, s.f. e Vranca, s.f. Branca,   brancata.    Plurale:”Vrànch(e)” – Ròi vrànch(e)   r'(e) cìc(e)r(e) = Due brancate di ceci. 2. Branca, zampa con artigli, mano   avida e pronta a ghermire
Vranculià, àt(e) e Vrangulià, àt(e) Brancolare,  rovistare – Anche: “Vrangul(e)scià”
Vrànga, s.f. e H(u)ràngia, s.f. Branca, mano 2.   Brancata
Vrangàta, s.f. e H(u)ràngiàta, s.f. e Brancata, quanto si   può afferrare e tenere stretto con una mano
Vrangàta, s.f. e Vrànca, s.f. e Vrànga, s.f. Brancata , quanto si   può portare sulle due braccia. – Addùc(e) nà vranga r'(e) fràsch(e) = Porta   una “brancata” di fascine.
Vrangul(e)scià, àt(e) Brancolare,  rovistare – Anche “Vranculià”
Vrànz(e), pl. f. e Brànz(e), pl. f. Mani, (Da branche = Vrànch(e))
Vrascèra, s. f. Braciere – (Da:   ‘vràscia’ brace, con suffisso ‘era’)
Vràscia, s.f. Brace
Vrasciòla, s.f., Involtino di carne,   legato con spago o stecchi in legno
Vràscja, s.f. Brace, bragia,   carbone vivo
Vràscja, s.f. Brace
Vrass(e)càl(e), s.m. Semenzaio, vivaio
Vràzz(e), s.m. Braccio. Al plurale   suona: “Vràzz(e)” – ( Sp.: ‘brazo’ braccio) – Ròi(e) vràzz(e) = Due   braccia; oppure “Bràzz(e)” – Appiìènn(e)t(e) cù r'(e)   bràzz(e)! = Appenditi con le braccia  –  In   braccio = ‘(i)Nbràzza’
Vrazzàta, s.f. Bracciata, quantità   di roba che si può tenere con le braccia 2. Ciascun movimento che si fa con   le braccia quando si nuota (Termine arc.)
Vrèccia, s.f. e Brèccia, s.f. Ciottoli, breccia,   sassi spezzati
Vrìcc(e), s.m. Cote, arnese per   affilare consistente in un pezzo di pietra naturale , foggiata in vari modi.   2. Sasso, selce, piccolo ciottolo a spigoli vivi, di dimensioni comprese tra   71 e 25 mm. – (dal fr. Breche = Brecciame)
Vrìcc(e), s.m. Sasso, selce, piccolo   ciottolo a spigoli vivi, di dimensioni comprese tra 71 e 25 mm.. – (dal fr.   Breche = Brecciame). 2. Còte, arnese per affilare consistente in un pezzo di   pietra naturale, abrasiva, che rifà il filo alle lame delle falci, dei   coltelli, ecc.
Vrìglia, s.f. Briglia, redine.   2.Imbrigliati<Più animali. – Nà rètana r'(e) mùl(e) = Un gruppo di muli   legati uno dietro l’altro
Vrìglia, s.f. Briglia. Al plurale:   “Vrìgl(i)” e “Brigl(i)” – Ròi vrìgl(i) = Due briglie; – R'(e) Brìgl(i) so dài(e) = Le   briglie sono due. 2. Briglia per torrenti, consistente in un gradone di c.a.   o di pietre, contenute entro gabbioni di acciaio, per fermare le velocità   dell’acqua ed evitare grosse erosioni del terreno.
Vrignà, àt(e) e Vr(e)gnà, àt(e) Vendemmiare
Vrignàta, s.f. Vendemma – Hamm(e) fàtt(e) nà bbèlla vrignàta = Abbiamo fatto una bella   vendemmia
Vròcca, s.f. Brocca
Vrònza, s.f. Bronza,   reg. Brace molto consumata. 2. Calore intenso. – (Da ‘bronzo’ a sua   volta dal lat. ‘brunum, æs’   rame scuro, appunto come è quello dalla brace)
Vrùocch(e)l(e), s.m. Broccolo, varietà di   cavolo dall’infiorescenza carnosa, di colore verde, simile a quella del   cavolfiore, ma più tenera e meno compatta. 2. Broccoletti. Infiorescenze di   rapa raccolti prima dello sbocciare dei fiori
Vrùsc(e)la, s.f. Acne, pustoletta
Vrùsca, s.f. Bruscolo, minuzzolo –   (Dall’it. ‘brusco’ e dall’ant. ‘busco’, ‘buscolo’ scheggia, festuca)
Vùccul(e), s.m. Strettoia, passaggio   stretto
Vucculàr(e), s.m. Pappagorgia, parte   grassa sotto la gola
Vucquàglj(i), s.m. Bocchetta, termine in   genere usato per indicare il collo di bottiglia o di altro recipiente simile.   (Da: ‘vòcqua’ bocca)
Vucquàl(e), s.m. Collo di un   recipiente a forma svasata, come di una brocca, di una giara, ecc. (Da: ‘vòcqua’ bocca)
Vucquapièrt(e), s.m. Perditempo, assente,   svagato, che parla continuamente – (Vedere anche: ‘Ciaràul(e)’ ciarlatano)
Vùgghj(i). s.m. e Bùgghj(i), s.m. Bollore, bollimento,   bollitura, breve bollitura. (Da: ‘vògghj(i)’ bollire)
Vùgghj(i). s.m. e Bùgghj(i), s.m. Bollituta, bollore,   bollimento, bollitura, breve bollitura
Vùi(e), pron. pers. Voi
Vùngul(e), s.m. Fava, ancora verde
Vùostr(e), agg. e pron. poss. Vostro.  f. Vòstra – pl. Vòstr(e)
Vùozz(e), s.m. Escrescenza, bozzo,   bernoccolo, gonfiore. ( Dalla celto-germanica ‘Bot’, ‘Botz’, ‘Boz’ gonfiore)   – Dim.: ‘V(e)zz(e)tìegghj(i)’,  ‘V(e)zz(e)cìegghj(i’, ‘V(e)lùozz(e)’,   ‘V(e)lòzza’.
Vùozz(e), s.m. Bernoccolo, bozza,   bozzo, escrescenza – (Dal basso lat.: ‘bocia’ a sua volta dalla radice   celto-germ. ‘bot’, ‘botz’ che ha il senso di spingere e quindi gonfiare,   venir fuori, sporgere) – Dim.: ‘V(e)zz(e)tìegghj(i)’,  ‘V(e)zz(e)cìegghj(i’, ‘V(e)lùozz(e)’,   ‘V(e)lòzza’.
Vùrs(e), s.m. arc. e Bùrs(e), s.m. e Vùrz(e) Borsa, sacca,   sacchetto, borsello, in genere per riporre valori – (Lat.: ‘bursa’ > dal:   gr. ‘ bùrsa’ pelle) – detto: pigliava rròbba à bùrs-a   bùrs = pigliava roba a più borse, (in gran quantità)
Vùrz(e), s.m. e Vùrs(e), s.m. arc. e Bùrs(e), s.m. Sacca, borsa,   sacchetto, borsello, in genere per riporre valori – (vedere’Vùrs’)
Vùz(e) Braccio
Z (ad inizio   parola va pronunciata “SORDA” come in   ‘marzo’) Z
Z'(e), avv. e pron. e S'(e) Se – S'(e) lù   str(e)ngìa (i)nbiètt(e) = Se lo stringeva al petto. 2. Si – S'(e) pènza cà hav(e) raggiòn(e) = Pensa di aver ragione;   N'(e)n z'(e) rànn(e) r'(e) bòtt(e)! = Non si danno le botte!
Z(e)cchìn(e), s.m. Zecchino, antica   moneta
Z(e)culà, àt(e) e Z(e)culià àt(e) Muovere, agitare,   rimuovere, scuotere – Ù vasètt(e) nnù zuculà, s(e)nò ù fài carè = il vasetto   non lo muovere, altrimenti lo farai cadere.. Vedere anche ‘Tuculià’
Z(e)là, àt(e) Defecare, farsela   addosso, andare a sciolta, avere la diarrea. (Dal gr. ‘tìlos’ diarrea).   2.  Avere paura, farsela sotto
Z(e)larègghia, s.f. e Cacarègghia, s.f. Evaquatina, piccola   scarica fecale o di sciolta. 2. Paura, spavento, tremore. – (Da: Cacatina:   dal fatto che a volte, da uno spavento, si rischia di avere una defecazione   involontaria)
Z(e)làta, s.f. Defecata, scarica di   sciolta, materia fecale, deiezione, cacca semiliquida prodotta da diarrea. –   Dim: ‘z(e)latègghia’ o ‘z(e)larègghia’
Z(e)lènd(e), agg. Sciolto, semiliquido,   diluito, fluidificato
Z(e)llùs(e), agg. e Tignùs(e), agg. Spilorcio, tignoso,   persona vile, dappoco, spregevole, avaro, uomo puntiglioso.- (Dal gr.   ‘psilos’ nudo, calvo, al lat. reg. (p)silla(m), > silluso ed infine   ‘z(e)llùs(e)’ affetto da olopedia, tignoso
Z(e)lùs(e), agg Sudicio, sporco,   lurido, sozzone, chifoso. – (Da: ‘z(e)là’)
Z(e)màrra, s.f. Zimarra, sottana del   prete. – Ù vài    strètta a’ z(e)màrra, e’ia r(e)màst(e) sènza nù sòld(e)! = “Gli   và stretta la zimarra!”, è rimasto. . . = Se la passa male, è rimasto   senza un soldo.    2. Cappotto lungo, largo e logoro, molto squallido. – (Dallo sp.:   ‘chamarra’ una sorta di veste grossolana. Sembra che sia dello stesso etimo   di ‘camorra’)
Z(e)màrra, s.f. Zimarra, cappotto   lungo, largo e logoro, molto squallido. 2. Zimarra, sottana del prete.  – Ù vài    strètta a’ z(e)màrra, e’ia r(e)màst(e) sènza nù sòld(e)! = “Gli   và stretta la zimarra!”, è rimasto. . . = Se la passa male, è rimasto   senza un soldo.  . – (Dallo sp.:   ‘chamarra’ una sorta di veste grossolana. Sembra che sia dello stesso etimo   di ‘camorra’)
Z(e)mb(e)ià, àt(e) e Z(e)mb(e)tt(e)ià, àt(e) Calpestare   ripetutamente, saltellare. – (Da zùmb(e) = salto)
Z(e)mb(e)tt(e)ià, àt(e) e Z(e)mb(e)ià, àt(e) Saltellare,   calpestare ripetutamente. – (Da zùmb(e) = salto)
Z(e)mb(e)ttà, àt(e) e Z(e)mb(e)ttià, àt(e) e Z(e)mb(e)tt(e)scià,   àt(e) Saltellare, fare   piccoli “Zùmbi” (salti)
Z(e)mbà, àt(e) e Z(e)mpà, àt(e) e Z(e)mbià, àt(e) Saltare, zompare  (io zómpo, ecc.; aus. essere) – (Da zompo   (romanesco), salto,  – dal Long.   ‘Zumpelen’ rovesciare sottosopra)
Z(e)mbatòr(e), s.m. Saltatore
Z(e)mbatùr(e), s.m. Saltatoio
Z(e)mpà, àt(e) e Z(e)mbà, àt(e) Zompare, (romanesco),   saltare,
Z(e)ngarijà, àt(e) e Z(e)ncarijà, àt(e) Abbindolare,   imbrogliare, raggirare come fanno gli zingari
Z(e)ngarùma, s.f. Persone luride, di   malaffare (come zingari)
Z(e)nnà, àt(e) e Z(e)nnià, àt(e) Occhiolino>fare.   Fare l’occhiolino. ammiccare, strizzare l’occhio. – (Dal lat. ‘Cinnus’,   cenno, ammiccamento > diventa: ‘Cinnare’ e quindi ‘zinnare’ ed il nostro   ‘z(e)nnà’)
Z(e)nnarùl(e), s.m. Ammiccatore, colui   che ammicca
Z(e)nnàta, s.f. Occhiolino,   ammiccata, strizzata d’occhio. – (Dal lat. ‘Cinnus’, ammiccamento >   diventa: Cinnare e quindi Zinnare ed il nostro ‘z(e)nnàta’)
Z(e)nnià, àt(e) e Z(e)nnà, àt(e) Ammiccare. fare   l’occhiolino, strizzare l’ochio. – (Dal lat. ‘Cinnus’, ammiccamento >   diventa: Cinnare e quindi Zinnare ed al nostro ‘z(e)nnà’)
Z(e)nz(e)là, àt(e) e Z(e)nz(e)lià, àt(e) Tentennare,   ciondolare, dondolare, – A’ ramèra z(e)nz(e)liàva, stìa   p'(e) s'(e) n'(e) carè = La lamiera ciondolava, stava per cadere. – (Da:   ‘zènz(e)la’ e ‘zinz(e)l(e)’: cencio, con il suff. verb. ‘à’ are): per:   ‘cencio che svolazza’)
Z(e)nz(e)lùs(e) agg, Zanzalùs(e), agg. arc. e Zanzamagliùs(e),   agg. arc. Cencioso, lacero,   rattoppato. – (Da: ‘zènz(e)la’ e ‘zinz(e)l(e)’: cencio, con il suff. verb. ‘us’ oso).. – Femm.: ‘z(e)nz(e)lòsa’ cenciosa
Z(e)pp(e)cà, àt(e) e Z(e)pp(e)chià, àt(e) Zoppicare
Z(e)pp(e)ià, àt(e) Zuppare, rimpinzarsi   in senso generale
Z(e)ppièra, s.f. Zuppiera
Z(e)rb(e)nòtt(e), s.m. Zerbinotto,   giovincello a modo, che già cura il suo vestire. – (Dal sic. ‘zirbinottu’ che   si rifà al candido giovane Zerbino, che l’Ariosto mise nel suo poema. –   ETYMOLOGICUM SICULUM di JOSEPH VINCI – Ex Regia Typographia FRANCISCI GAIPA –   MESSANAE MDCCLIX)
Z(e)rb(e)ttàr(e), s.m. arc. 2. G(e)latài(e), s.m. Gelataio, gelatiere
Z(e)rfariègghj(i), s.m. e Z(e)rfarièll(e), s.m. Zolfanello,   fiammifero in legno impregnato di zolfo al di sotto della capocchia
Z(e)rfègna, agg. Solforosa
Z(e)rfùs. agg. e (i)Nz(e)rfùs(e), agg. Istigatore,   provocatore
Z(e)rlùs(e), s.m. Capelluto, zazzerone,   capellone. 2. Scorbutico, cavilloso, capzioso
Z(e)rlùs(e), s.m. Scorbutico,   cavilloso, capzioso. 2. Capelluto, zazzerone, capellone
Z(e)rlùt(e), s.m. Capelluto, zazzerone,   capellone.
Z(e)rn(e)ià, àt(e) arc. Adulare, lusingare,   insidiare, circuire, supplicare. (Dal Lat. ‘Cinnus’, ammiccamento (vedere:   ‘Z(e)nnà’) quindi ammiccare, per coinvolgere l’altro e circuire il prossimo –   Dial. Nap.: Zernià = ammiccare )
Z(e)rnià, àt(e) Circuire, irretire,   infinocchiare raggirare (Da.: ‘C(e)rnià’ cernere, col significato metaforico di vagliare, scegliere le   idee per raggirare il prossimo)
Z(e)rp(e)lùs(e), agg. e Z(e)rp(e)liùs(e), agg. Ruvido, scabro, che   presenta prominenze
Z(e)rr(e)chijà, àt(e) arc.    e Fà_ zìrr(e)ch(e)_zìrr(e)ch(e), fàtt(e) z.) Stridere di   catenacci, cardini, ecc. – (Termine di origine onomatopeica, per il rumore   prodotto da tali apparecchiature)
Z(e)rròn(e), s.m. Zoticone, trasandato   (Da caprone = “Zèmmar(e)”(Dal   Gr. ‘Chimaros’ caprone, caprone villoso – anche l’ant. Ted. ”zote’ vello e   ‘zottig’ velloso, peloso, rozzo)
Z(e)t(e)ià, àt(e) Amoreggiare,   intrattenersi fra ragazzi e ragazze
Z(e)tariègghj(i), s.m. Fidanzatino
Z(e)v(e)lècchia, s.f. e Z(e)v(e)lègghia, s.f. Straccetto, piccolo   cencio – diminutivo di ‘zèv(e)la’,   straccio. 2. Scroto, testicoli – (Etimo: vedere ‘zèv(e)la’)
Z(e)v(e)lègghia, s.f. e Z(e)v(e)lècchia, s.f. Scroto, testicoli. –   (diminutivo di ‘zèv(e)la’, straccio, a cui l’organo pendulo si fa   paragone).  2.  Straccetto, piccolo cencio
Z'(e)v(e)lòn(e), s.m. Straccione, pezzente,   barbone
Z'(e)v(e)lùs(e), agg. Cencioso, straccioso,   malvestito
Z(e)z(e)ià, àt(e) Sedurre, adulare,   allettare, adescare, fare il cascamorto
Z(e)zzà, àt(e) Sedere, accomodarsi   (espressione rivolta in genere ai bambini). (Dal gr. ‘izo’ = sedersi)
Z(e)zzià, àt(e) Sedurre, lusingare,   fare moine. – (Da ‘z(e)zzà’ sedere, per indicare chi fa sobbalzare qualcuno   seduto sulle gambe, per gioco, come ad esempio un bambino od una ragazzina)
Z(e)zzòn(e), agg. e Z(e)zzùs(e), agg. Sozzone, sudicione.   2. Persona moralmente corrotta: abietto, bieco, ignobile, immondo, immorale,   indegno)
Z(e)zzùma, s.f. e Z(e)zzìma, s.f. Sozzura, sudiciume,   sporcizia
Z(e)zzùs(e), agg. e Z(e)zzòn(e), agg. Sozzone, sudicione.   2. Persona moralmente corrotta: abietto, bieco, ignobile, immondo, immorale,   indegno)
Zaccanìegghj(i), agg. Piccolino, piccino –   Femm.le: ‘Zaccanègghia’. –   (Da: ‘zìcch(e)’ cica, inezia)
Zaccanìell(e), agg. Piccino, piccolino. –   Femm.: ‘zaccanèlla’. – (Da: ‘zìcch(e)’ cica, inezia)
Zacquàl(e), s.m. Villano, zotico,   incolto (Lat.: ‘saccarius’ facchino portatore di sacchi)
Zafferàn(e), s.m. Zafferano, pianta   bulbosa della fam. delle Iridee
Zahaglià, àt(e) e Cacaglià, àt(e) e Tartaglià àt(e) e   (i)ndartaglià, àt(e) Balbettare,   tartagliare. – (Da: ‘zahàglia’ sequenza, sequela)
Zahàglia, s.f. Fettuccia, nastro,   zagara. (Vedere: ‘zàhara’). 2. Nastro, nastrino dietro la gonna (hunnègghia)   dell’antico costume calitrano. 3. Sequenza, sequela, intesa più come   successione di cose. – (Dallo sp.: ‘zagaja’ sembra dall’arabo ‘Al chazeqak’   punta di lancia ed oggi anche baionetta, quindi qualcosa di lungo e stretto)
Zahàglia, s.f. Nastro, nastrino   dietro la gonna (hunnègghia) dell’antico costume calitrano. (Vedere:   ‘zàhara’). 2 Fettuccia, nastro. 3. Sequenza, sequela, intesa più come   successione di cose
Zahàglia, s.f. Sequenza, sequela,   intesa più come successione di cose. – Apprièss(e)   t'(e)nìa nà zahàglia r'(e) fìglj(i) = Appresso aveva una sequela di figli. 2. Zagara, fettuccia, nastro. 3. Nastro, nastrino dietro la   gonna (hunnègghia) dell’antico costume calitrano.
Zàhara, s.f. Zagara, region.   Fettuccia, nastro di cotone o seta per orlare o rifinire abiti femminili  nastro. – (Dallo sp.: ‘zagaja’ sembra   dall’arabo ‘Al chazeqak’ punta di lancia ed oggi anche baionetta, quindi   qualcosa di lungo e stretto. Od anche dal siciliano: ‘Zagara’ = fiore bianco   di arancio. che per analogia evoca il nastro, i nastrini per addobbi di   feste, ecc.  – dall’arabo ‘zahràh’   fiore) –  I nastrini di carta colorata   son detti: ‘Zaharègghia’
Zaharègghia, s.f. Zagarella, (dim. di   ‘zàhara’) nastrino, fettuccina, trina per orlare abiti. Stella filante. 2.   Nastrini di carta colorata, arrotolati in pacchetti, che una volta srotolati   vengono usati per addobbi festivi.
Zàin(e), s.m. – (leggere ‘Z’ come in Zanzibar) Zaino, anche zana.   (Dal ted. ‘zaina’ canestro di vimini)
Zàmba, s.f. e Ciàmba, s.f. Impronta, orma. 2.   Zampa, piede
Zàmba, s.f. e Ciàmba, s.f. Zampa, piede. 2.   Anche: Impronta, orma
Zàmbar(e), s.m. e Zàmmar(e), s.m. Cafone, villano,   contadino zotico. (Forse dalla stessa origine di ‘zèmmar(e)’)
Zambàta, s.f. e Ciambàta, s.f. Impronta, zampata,   orma 2. Pedata, colpo inferto con la pianta del piede
Zambià, àt(e) e Ciambià, àt(e) Calpestare (con la   zampa: ‘Zàmba’)
Zambìtt(e), s.m. e Zambìtt'(e)l'(e), s.m. Scarpe malconce,   alquanto usurate, rotte. 2. Calzatura rudimentale di cuoio non conciato,   simile alle ‘Cioce’,  legata con delle   cordicelle “Curd(e)cègghia” a delle fasce di pezza ‘‘Pèzz(e)’”   che una volta avevano funzione di calze (Dal: romano: ‘Zampitto’ ciociaro a   sua volta da: ‘zàmbẽ’ gamba). 3. Ballo etnico   particolare. Consultare: ‘Bèll(e) zambìtt(e)’
Zambìtt'(e)l'(e), s.m. e Zambìtt(e), s.m. Calzatura rudimentale   di cuoio non conciato, simile alle ‘Cioce’,    legata con delle cordicelle “Curd(e)cègghia” a delle fasce   di pezza ‘‘Pèzz(e)’” che una volta avevano funzione di calze (Dal:   romano: ‘Zampitto’ ciociaro a sua volta da: ‘zàmbẽ’ gamba). 2. Scarpe   malconce, alquanto usurate, rotte
Zambòn(e), s.m. – (leggere ‘Z’ come in Zanzibar) Zampone
Zàmmar(e), s.m. o Zàmbar(e), s.m. Villano, cafone,   contadino zotico dai modi rozzi,(Forse dalla stessa origine e significato di   ‘zèmmar(e))’
Zampàta, s.f. e Zambàta, s.f. Zampata
Zànga, s.f. Fango, zacchera,   fanchiglia, melma – (Dal ted.: ‘zac’ attaccare qualcosa che segna, che   sporca, come il fango.  Come si evince   nell’etimologia dell’it.: ‘Zacchera’ macchia di fango) –  Usato in genere al pluràle: ‘r'(e) zàngh(e)’ – E’ detto anche:   ‘lòta’. – (i)Ndà lù carràr(e) (i)ngèran(e) sùl(e)   zàngh(e)! = Nella strada sterrata c’era solo fango!
Zannàglia, s.f. Pene, membro virile   (visto come raffigurazione di qualcosa di pendulo, come uno straccio). 2.   Brandello, cencio, straccio. – (Dall’it.: ‘cenciame’ quantità di cenci o di   roba inutile: espresso come se fosse ‘cenciaglia’ > ‘zenzaglia’ >   zannaglia: brandello di straccio, di cencio)
Zannàglia, s.f. Cencio, brandello,   straccio. 2. Pene, membro virile (visto come raffigurazione di qualcosa di   pendulo come uno straccio). – (Dall’it.: ‘cenciame’ quantità di cenci o di   roba inutile: espresso come se fosse ‘cenciaglia’ > ‘zenzaglia’ >   zannaglia: brandello di straccio, di cencio)
Zànz(e)la, s.f. e Zènz(e)la, s.f. Brandello, cencio,   straccio. – (Dal gr.: ‘zanzalon’ brandello di stoffa) – Quègghia vài(e)   agg(e)rànn(e) cù r'(e) zànz(e)l(e) r'(e) là hònna appès(e) = Quella va   girando con i brandelli di gonna pendenti
Zanzalùs(e), agg arc. e Zanzamagliùs(e), agg. arc. e   Z(e)nz(e)lùs(e), agg. Cencioso,   sbrindellato, stracciato, strappato
Zanzamagliùs(e), agg. arc. e Zanzalùs(e). agg. arc. e   Z(e)nz(e)lùs(e). agg. Sbrindellato,   stracciato, strappato, cencioso
Zàpp(e)l(e), s.f. Zacchera, grumo di   fango, fanghiccio, che resta appiccicato alle scarpe. (Prende nome per   similitudine dal grumo di terra che si attacca alla zappa (zàppa) quando il terreno è umido) – Dim.: ‘Zapp(e)lìcchj(i)’ – Magg.: ‘Zapp(e)lòn(e)’
Zàpp(e)l(e)ià, àt(e) e Zàpp(e)là, àt(e) Zappettare,   vanghettare leggermente
Zàpp(e)là, àt(e) e Zapp(e)lià, àt(e) Vanghettare,   zappettare leggermente
Zàpp(e)lìcchj(i), s.m. e agg. Fanchiccio, piccolo   grumo di fango. 2. Piccolo, bimbo piccino, termine scherzosamente rivolto ai   bambini (paragondndolo ad un grumo di fango) – (Anche: ‘Ciapp(e)lìcchj(i))
Zappà, àt(e) Zappare
Zàppa, s.f. Zappa – Zappetta: ‘Zappecègghia’
Zappàta, s.f. Zappata
Zappatòr(e), s.m. Zappatore, contadino
Zappatrìc(e), s.f. Motocoltivatore,   zappatrice
Zappègghia, s.f. Zappetta
Zàzzara, s.f. Zazzera, capigliatura   maschile portata folta e lunga fin sul collo
Zècca, s.f. Zecca, acaro   parassita fam. ‘IxodidÌ –  (Long.   ‘zecke’)
Zèmmar(e), s.m. Capro, caprone. (Dal   Gr. ‘Chimaros’ caprone,   caprone villoso)
Zèngar(e), s.m. Zingaro – E’ia mài vìst(e) zìngar(e) mèt(e)? = Hai mai visto zongari che   mietono? – Dim.: ‘Z(e)ngariègghj(i)’ zingarello
Zèngara, s.f. Zingara – Dim.:   ‘Z(e)ngarègghia’ zingarella
Zènz(e)la, s.f. e Zèv(e)la, s.f. Tela < pezzetto   di. Pezzetto di tela, ritaglio, parte di uno straccio. – Anche:   ‘zìnz(e)l(e)’. – (Dal gr.: ‘zanzalon’ brandello di stoffa)
Zèpp(e)la, s.f. Zeppole, s.f. pl. –   Nome di ciambelle e pasticcini, comuni nell’Italia centrale e meridionale.   Nel trattato di cucina di Bartolomeo Scappi, capo cuoco del papa Pio V,   (Venezia, Michel Tramezzino, 1570) si racconta che già nel 1536 fra una   infinità di pietanze messi innanzi all’ìimp. Carlo V vi furono anche  “zeppole alla romanesca, esattamente:   frittelle con ceci rossi, zuccaro, uva passa e dattoli (datteri)”
Zèppa, s.f. e Zepp(e)la, s.f. Omento, nome di due   formazioni peritoneali (a forma di rete o membrana, riconosciute durante la   macellazione degli animali): grande: ricopre l’intestino dallo stomaco al   colon trasverso, a guisa di grembiule, e piccolo: che si estende dalla faccia   inferiore del fegato alla faccia superiore del duodeno e alla piccola   curvatura dello stomaco. 2. Zeppa, zipolo, zeppola, legno o metallo usato   come cuneo, come turacciolo, ecc.
Zèppa, s.f. e Zìpp(e) s.m. e Zèpp(e)la, s.f. Zeppa, zipolo,   zeppola, legno o metallo usato come cuneo, come turacciolo, ecc.
Zèquit(e), s.m.  Insieme di cose o fatti che si susseguono.   (Solo nell’espress.: ‘in zèquit(e)… = In seguito…)
Zèv(e)la, s.f. e Zènz(e)la, s.f. Straccio, ciencio,   lembo di stoffa qualsiasi. – (Dal gr.: ‘zanzalon’ brandello di stoffa)
Zèza, s.f. Tresca, imbroglio,   maneggio segreto
Zì Paul(e), s.m. Sonno. Zio Paolo,   sinonimo di sonno – Chè, t’èia v(e)nùt(e) à tr(e)và Zì   Pàul(e)? = Cosa c’è, ti è venuto sonno?
Zì, s.m. Zio, termine   contratto del termine ‘zio’, precede il nome di persona: Zì   Giuànn(e) = Zio Giovanni
Zì_pèpp(e), s.m. Vaso da notte,   denominazione scherzosa
Zia, s.f. Zia
Ziàn(e), s.f. Zio – Zia = ‘Ziàna’ – Mio zio o Mia zia = ‘Ziàn(e)ma” – In senso   affettuoso: ‘Zi_zì’
Zìcch(e), s.m. Cica (termine   region., antico), nonnulla,  inezia,   quisquilia, sciocchezza, bazzecola. 2. Vicino, accostato, come anche ‘(i)Nzìcch(e)’ – (Dal lat.: ‘cicum’   o’ ciccum’ tenue pellicola che avvolge il seme dei frutti.)
Zìch(e)_zàch(e), s.m. e Zìcul(e)_zàcul(e), s.m. – (pron. ‘z’   come ‘zanzibar’) Altalena, tavola   collocata in equilibrio sopra un sostegno (tronco, sasso o sim.), alle   estremità della quale siedono due persone che, per gioco, s’innalzano e si   abbassano alternatamente – (Term. onomatopeico, indicante l’altalanare ed   imitandone nello stesso tempo il cigolio)
Zìch(e)_Zìch(e), agg. Pochissimo,   brevissimo, piccolissimo.  – (Vedere   anche ‘Zìcch(e)’)
Zìch(e)_zìch(e), s.m. Organetto, organino   (Termine onomatopeico, ad imitazione del suono rirmato che emette)
Zièl(e), s.m. e Zìl(e), s.m. Diarrea, dissenteria,   sciolta. Anche “Diarrèa” e “Sciòlda”- (Dal gr. ‘tìlos’   diarrea) – “Avere attacco di diarrea” = “Z(e)là, àt(e)”
Zièmm(e)_Ddìj(e), loc. di ringraziamento. – (pron. ‘z’ come   ‘zanzibar’) Ringraziamo Dio
Ziènna, s.f. (pronunciare la “Z” come in Zanzibar) Scroto, testicoli
Zìggh(e)_zàggh(e), avv. – (pron. ‘z’ come ‘zanzibar’) Zig-Zag
Vocabolario on line
żig-żag s. m. [dal fr. zigzag, e questo dal ted. Zickzack, da Zacke   «punta», onomatopeizzato]. – Linea che procede spezzandosi verso direzioni   opposte o divergenti formando una serie di angoli
Zigrinàt(e), agg. (pronunciare la “Z” come in   Zanzibar) Zigrinato, scabroso,   rigato
Zìl(e), s.m. e Zièl(e), s.m. Dissenteria, diarrea,   sciolta. Anche “Diarrèa” e “Sciòlda” – “Avere   attacco di diarrea” = “Z(e)là, àt(e)”
Zincà, àt(e) e Zingà, àt(e) e Z(e)ngà, àt(e) arc. – (leggere la   ‘Z’ come in Zanzibar) Zincare
Zìnch(e), s.m. (‘Z’ come in Zanzibar) Zinco
Zìnn(e), s.m. Angolo, cantone,   punta, estremità, spigolo. (Dall’it. ‘zinna’ > dal long.: ‘zinna’, merlo,   prominenza, spogenza – dal ted.: ‘zinne’ merlo, picco, cima). 2. Cantuccio in   disparte, interstizio, spazio d’angolo di un locale – (Dal sicicliano:   ‘zinnu’ > dall’ebr.: ‘scien’ spazio fra denti, cioè intestizio. –   (ETYMOLOGICUM SICULUM di JOSEPH VINCI – Ex Regia Typographia FRANCISCI GAIPA   – MESSANAE MDCCLIX))
Zìnz(e)l(e), s.m. Coccio, rottame di   una pietra, di un mattone, ecc. – (Diminutivo di ‘zènz(e)la’ cencio: come se   fosse ‘cenciolo’ > ‘zenzolo’    traslando però il significato, specificatamente, ai materiali solidi,   come quelli litici,  pietrosi o di   coccio) – Pìglia quìgghiu zìnz(e)l(e), lu mìtt(e) sòtta à   lù a’ut(e), cà fàc(e) nìnga_nànga = Prendi quel coccio, lo metti sotto la   mangiatoia, perché è instabile. 2. Ritaglio, parte   di una tela, parte di uno straccio.
Zìnz(e)l(e), s.m. Ritaglio, pezzetto di   tela, parte di uno straccio. – Anche: ‘zènz(e)la’. – (Da ‘zènz(e)la’,   cencio  – Dal gr.: ‘zanzalon’ brandello   di stoffa) – Rà sòtta la cupèrta assìa nù zìnz(e)l(e)   r'(e) l'(e)nzùl(e) = Da sotto la coperta si intravedeva un pezzetto di   lenzuolo. 2. Coccio, rottame di una pietra, di un   mattone, ecc.
Zìpp(e), s.m. e Zèppa, s.f. Cuneo, zeppa,   zeppola, legno o metallo
Zìrl(e), s.m. Capello, crine.  – pl.: ‘Zìrl(e)’ capelli’ – (dal lat.:   ‘làqueus’ laccio). Dal nostro ‘làzz(e)’ laccio, i capelli sono:   ‘lazzilli’;’  poi: ‘zilli’, perdendo   quindi la prima sillaba (la) resta ‘zilli’ da cui: zirli: capelli)
Zìrp(e)l(e), s.m. Attaccavesti, (reg.)   – Piante erbacee con fusti, foglie o frutti spinosi che si attaccano ai   vestiti o al vello degli animali come quella delle Rubiacee (Pianta: Gallium   aparine, delle rubiacee) od anche la: Bromus delle Proaceae con frutto a   spighetta , ecc. – (Dall’it.: ‘zipolo’ dal longob. ‘zippil’ estremità   appuntita)
Zìrr(e)ch(e), s.m. Stridore, singolo   cigolio. – (Di origine onomatopeica)
Zìrr(e)ch(e)_Zìrr(e)ch(e), s.m. Cigolio, stridio, uno   stridere continuato. – (Di origine onomatopeica)
Zìt(e), agg. Zitello, uomo non   ammogliato (Dall’antico italiano ‘zito’ = ragazzo (Iacopone, Boccaccio – Dal   Gr.:’zeuctos’ o dal germanico ‘zitze’)
Zìt(e), s.m. Fidanzato –   Fidanzarsi: “Acchià lù zìt(e)” (Trovare il fidanzato). 2. Sposo. (Gr.: ‘zeuctos’ , aggettivo verbale del   verbo zéugnuni (legare, unire in matrimonio)
Zìt(e), s.m. Sposo. (Gr.:   ‘zeuctos’ , aggettivo verbale del verbo ‘zéugnuni’ (legare, unire in   matrimonio). 2. Fidanzato.
Zita, agg. Nubile, da marito –   (Dal germanico: med. alt. ted, ‘zitze’ mammella, poppa e poi per vezzo   fanciulla > da cui: l’italiano: zita e zito))
Zìta, s.f. Fidanzata, ragazza 2.   Sposa
Zìta, s.f. Sposa. 2. Fidanzata,   ragazza
Zìzì, s.m. Zietto, mio zio
Zòca, s.f. Fune, corda, . (Dallo   sp.: ‘soga’ corda, dal basso lat.”Soga” fune, che potrebbe   derivare  dal celtico gall. ‘suag’   corda). 2. Finimento per legare la soma sugli animali: “Tòrsa”
Zòccula, s.f. Zoccola, topo di   chiavica 2. Squallida meretrice da tre sodi
Zompafùoss(e), s.m,. e Zombafùoss(e), s.m. Pantaloni>Tipo di   pantaloni. Pantaloni corti, alla caviglia, usati dai contadini   s. m., saltafosso, detto di persona poco   costante, non affidabile; cauzune a zumpafuoss’  – Tèn(e) ì cauzùn(e) à   Zòmbafùoss(e) = Ha i pantaloni del tipo ‘corti alla caviglia’
Zompafùoss(e), s.m. e Zombafùoss(e), s.m. Vagabondo,   scaperstrato
Zònga, agg. e avv. Qualunque, qualsiasi,   chiunque, dovunque. – (suffisso che continua il lat. volg.   -“unque”, sorto dalla fusione del class. -cumque di ubicumque,   quicumque ecc.  conferisce valore di   indefiniti ai pronomi, aggettivi, avverbi cui si unisce (chiunque, qualunque,   comunque. Termine che, trasformato, è giunto a noi come ‘zonga’) –  Chi zònga èia = Qualsiasi persona è;   – Ndò zònga èia = Dovunque è = Dovunque sia – Vedere   anche “(i)Ndov’èia èia” e “(i)Ndò èia èia”
Zòrma, s.f. arc. (pronunciare la Z come in ‘Zulù’) Critica, biasimo   rivolto ad altri per il proprio tornaconto
Zòza, s.f. arc. Imbratto, poltiglia,   intriso (Dallo stesso etimo di ‘Mòza’ sedimento, feccia, posatura)
Zozzerìa, s.f. e Z(e)zzarìa, s.f. Sozzeria, sozzura,   azione, cosa sozza (anche fig.)
Zuàrra, agg. (‘Z’ come in Zanzibar) Zuava, alla foggia   degli Zuavi. – I cauzùn(i) à là zuàrra = I pantaloni alla   zuava. (Larghi, semicorti, allacciati sotto il   ginocchio)
Zucculòna, s.f. Zoccolona 2.   Squallida meretrice da tre soldi
Zùcquar(e), s.m. Zucchero
Zucquarìn(e), s.m. e agg. Zuccherino, dolce,   dolciastro
Zuculà, àt(e) e Zuculià, àt(e) e Baculià, àt(e) e Baculà, àt(e) Scuotere appena,   agitare con garbo, spostare, oscillare.    (Zuculà: dall’ant. ted.: ‘zucchon’ ted. modif.: ‘zuchen’ tirare,   muovere’). 2. Traballare, detto di oggetto alquanto instabile e traballante.   Vedere anche: ‘Tuculà’ e ‘Tuculià’
Zuculègghia, s.f. e Curdègghia, s.f. Cordella. – (Da  ‘zoca’ corda + il suff. dim.: ‘ègghia’   “ella” da cui ‘ zuculègghia’ cordella)
Zùf(e)l(e), s.m. Zufolo
Zulbètta, s.f. Poltiglia, melma,   fanchiglia, belletta
Zùll(e)_zùll(e), e Zù_zùll(e), e Ciù_ciù, e Ciùll(e)_ciùll(e) Cane, espressione per   chiamarlo a se. – Zùll(e)_zùll(e), quà! = Cane, cane,   vieni qua! 2. Cane. Termine scherzoso usato parlando ai bambini
Zùmb(e), s.m. Salto, zompo   (romanesco) – (Dal Long. ‘Zumpelen’ rovesciare sottosopra). 2. Dislivello
Zùmb(e), s.m. Dislivello 2. Salto (   romanesco. – Long. ‘Zumpelen’ rovesciare sottosopra)
Zùnz(e)l(e), agg. e (i)Nzùnz(e)l(e), agg. Vispo, gagliardo
Zùocch(e)l(e), s.m. Zoccolo
Zùopp(e), agg. Zoppo
Zùozz(e), agg. Sozzo, lurido –   Femm.: ‘Zòzza’ sozza
Zùppa, s.f. e Sùppa, s.f.) Zuppa. Minestra di   pane o di altri ingredienti, inzuppati in un liquido, quali acqua, latte,   brodo od altro. (Dal. Germanico ‘suppa’) – M’sèra m'(e)   fàzz(e) nà zùppa r'(e) pàn(e) e làtt(e) = Questa sera mi preparo una zuppa di   pane e latte.
Zuquàstr(e), s.m. Cordino, funicello,   piccola fune
Zùrf(e), s.m. Zolfo
Zùz(e)l(e), agg. e (i)Nzùz(e)l(e), agg. Aitante, gagliado,   vispo, pronto. – (Dalla rad. Del lat.: ‘sursum’ in alto)
Zz(e)ffùnn(e), s.m. Profusione,   sovrabbondanza, gran quantità, iòsa, gogò. –    (Da: ‘ss(e)ffùnn(e)’ con il medesimo significato. Usato solo nella   loc. avv. ‘à Zz(e)ffùnn(e)’ = a iosa)