S

i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
S S
S'(e), avv. e pron. e Z'(e) Si – S'(e) pènza cà hav(e) raggiòn(e) = Pensa di aver ragione;   N'(e)n z'(e) rànn(e) r'(e) bòtt(e)! = Non si danno le botte! 2. Se – S'(e) lù   str(e)ngìa (i)nbìett(e) = Se lo stringeva al petto = Se lo avvicinava al   petto
S(e)bb(e)rsàta, s.f. Soppressa, insaccato   simile al salame, di forma più grossa, fatto di carne di maiale. – (Da:   ‘sebosus’ ingrassato)
S(e)bb(e)ssatòrij(e), s.m. e V(e)nt(e)latòrij(e), s.m. Vento fortissimo,   fortunale
S(e)bb(e)ssatòrij(i), s.f. Turbine, vento forte,   ventaccio
S(e)bbàtt(e), ùt(e) Sbattere
S(e)bbè, avv. Almeno, come minimo,   se non di più. 2 Sebbene, benchè, quantunque. almeno
S(e)bbè, cong. Sebbene, benchè,   quantunque. almeno. 2. Almeno, come minimo, se non di più
S(e)bbìss(e), s.m. Subisso, subbisso,   distruzione, sterminio
S(e)bbùrch(e), s.m. Sepolcro,   rappresentazione sacra del Santo Sepolcro, che si prepara prima della Pasqua,   addobbato con vasi di germogli di grano biancastri, in quanto sbocciati in   luogo poco illuminato,.
S(e)bìna, agg. Supino. Mettersi supino = Mètt(e)s(e) à là s(e)bìna
S(e)cà, àt(e) Segare
S(e)càcchj(i), s.m. Saràcco, anche: ‘Segaccio’ – Il gosso segaccio,   saraccone, con due manici vedere: ‘Str(e)ngòn(e)’ o ‘Str(e)nguatùr(e)’
S(e)carètta, s.f. Sigaretta
S(e)catùra, s.f. Segatura
S(e)cc(e)tùs(e), agg. Siccitoso, arido
S(e)ccà, àt(e) Seccare, prosciugare,   inaridire
S(e)ccèr(e), s(e)ccìess(e) Succedere, accadere
S(e)cchèzza, s.f. Secchezza, aridità
S(e)cchiètt(e), s.m. Secchio
S(e)cùnn(e), s.m. Cazzotto, pugno,   riferito in genere. (Termine forse nato da un pugno dato sul gozzo, sulla   gola ‘cànna’ quindi SU CANNA > S() CUNN() a similitudine dell’ant. It.:   ‘Sorgozzone’ colpo dato SO-pra il GOZZO, cioè sulla gola)
S(e)cunnà, àt(e) Rimproverare,   correggere, riprendre con foga, con veemenza – (Da ‘S(e)cunn(e)’ cazzotto,   pugno)
S(e)cùs(e), agg. Sugoso, succulento
S(e)cùs(e), agg. Succoso
S'(e)cùs(e), agg. Sugoso
S(e)cutà, àt(e) Incitare,   sollecitare, stare dietro, seguire, aiutare. – (Dal lat. parlato ‘secutare’,   seguire, da ‘secutus’ part. pass. di ‘sequi’ da ‘secutus’. – Quìggh(i) s'(e) scòrda sèmb(e) r'(e) fàrt(e) lù s(e)rvìzij(e),   tù l’èia s(e)cutà! = Quello dimentica sempre di farti il favore, tu lo devi   sollecitare!
S(e)cuzzòn(e), s.m. percossa, batosta,   botta. – (Forse dall’agg.. ‘solerte’, sollecito, trasformato in nome con il   suff. ‘trina’, con il significato di ‘colpo veloce’: da ‘Trìgna’ prugna ma   anche ‘botta’ e sollecitazione, pressione.
S(e)ffràgg(e), s.m. Suffragio, voto,   aiuto – Vài acchiànn(e) s(e)ffràgg(e) a rà là Marònna =   Va trovando suffragio dalla Madonna
S(e)gg(e)llà, àt(e) Suggellare,   sugellare, confermare, sancire
S(e)gg(e)rì, ùt(e) Suggerire
S(e)gg(e)stiòn(e), s.f. Suggestione,   istigazione, stimolo
S(e)gg(e)vì, ùt(e) Aiutare, assistere,   nutrire, sostenere
S(e)gg(e)ziòn(e), s.f. Soggezione,   suggezione, imbarazzo, timidezza
S(e)ggètt(e), s.m. Soggetto, persona,   individuo – Quìgghgj(i) èia nù màl(e) s(e)ggètt(e) = Quello è un soggetto   (che si comporta) male
S(e)glj(i)zzà, àt(e) Singhiozzare (Dal   lat. parlato ‘subgluttare’)
S(e)glj(i)zzà, àt(e) Singhiozzare
S(e)gn(e)rìa, s.m. Signoria, potere,   autorità di una persona di riguardo
S(e)gn(e)rìn(e), s.m. Signorino
S(e)gn(e)rìna, s.f. Signorina
S(e)gnà, àt(e) Incidere, segnare,   incidere; Segno = Sènga
S(e)gnàl(e), s.m. Segnale
S(e)gnalà, àt(e) Segnalare
S(e)gnòr(e), s.m. Signore
S(e)gnòra, s.f. Signora
S(e)hr(e)tàrij(i), s.m. Segretario
S(e)hrèt(e), agg. e s.m. Segreto
S(e)hurà, àt(e) Secondare, seguire,   aiutare
S(e)l(e)zziòn(e), s.f. e Seleziòn(e), s.f. Selezione, scelta
S(e)làgna, s.f. Solleone, canicola,   luogo assolato
S(e)làgnj(e), agg. arc. e S(e)larìn(e), agg. Introverso,   solitario, solingo, isolato
S(e)larìn(e), agg. e S(e)làgnj(i), agg. arc. Solingo, introverso,   amante della solitudine
S(e)ll(e)trìna, s.f. e Batosta, s.f. Percossa, batosta,   botta. – (Forse dall’agg.. ‘solerte’, sollecito, trasformato in nome con il   suff. ‘trina’, con il significato di ‘colpo veloce’: da ‘Trìgna’ prugna ma   anche ‘botta’ e sollecitazione, pressione.
S(e)ll(e)và, àt(e) e Sulluhuà, àt(e) Liberare da una   oppressione fisica o mortale, da un incarico, da una sofferenza. – S'(e)   piglià la mm'(e)r(e)cìna e sùbb(e)t(e) s'(e) s(e)ntì già sulluhuàt(e) = Prese   la medicina e subito si sentì sollevato. 2. Sollevare, alzare.
S(e)llà, àt(e) Sellare
S(e)llàr(e), s.m. Sellaio, bastaio.   Artigiano che fabbrica, monta o ripara, a mano o a macchina, articoli di   selleria e valigeria, e in generale oggetti di cuoio e succedanei
S(e)llèc(e)t(e), s.m.. e Sollècit(e), s.m. Sollécito [der. di   sollecitare]. – L’atto, il fatto di sollecitare; la forma, il modo con cui si   sollecita; è usato spec. nel linguaggio comm. e burocr.: inviare, mandare,   ricevere un s.; fare un s.
S(e)llìc(e)t(e), agg. e Sp(e)cciatìv(e), agg. Sollecito,   sbrigativo,spicciativo, deciso, svelto
S(e)llìev(e), s.m. Sollievo
S(e)mbrà, àt(e) Sembrare
S(e)mbrònij(e), s.m. e S(e)mprònij(e), s.m Sempronio
S(e)mènda, s.f. e S(e)mènta, s.f. Sementa, lavoro e il   tempo della semina
S(e)mènt(e), s.f. Semente, designazione   collettiva dei semi desatinati alla semina
S(e)mm(e)nà, àt(e) Seminare
S(e)mm(e)nà, àt(e) Seminare
S(e)mm(e)nàrij, s.m. Seminario
S(e)mmàna, s.f. arc. e s(e)tt(e)màna, s.f. Settimana. (Sp.: ‘Semana’)
S(e)mmòv(e), s(e)mmùoss(e) Sommuovere, muovere,   agitare
S(e)nà, àt(e) Sonare, suonare
S(e)nàl(e), s.m. Grembiule o grembiale   da donna – (Da.: It.ant.  ‘zinnale’ e   ‘zinale’: delle ‘zinne’: mammelle) – Anche: ‘vand(e)sìn(e)’ – (lat. da: ab ante sinum’ = avanti seno).   2. Tovaglia, panno, drappo, telo. (Termine   certamente di origine contadina in quanto all’ora di mangiare, durante i   lavori nelle campagne assolate, i contadini si riunivano spesso al fresco di   un albero e prima di mangiare, stendevano un ‘S(e)nàl(e)’ (grembiule), come   tovaglia)  – Anche: ‘M(e)sàl(e)’
S(e)nànt(e), agg. Suonante, colui o   qualcosa che suona
S'(e)nàp(e), s.m. Senape selavatica, (‘Sinapis arvensis’ e ‘Sinapis erucoides’ – dal greco  ‘sínapi’) , pianta erbacea commestibile. –   (piante delle Crocifere o Brassicacee)
S(e)nàta, s.f. Suonata
S(e)natòr(e), s.m. Suonatore, musicista.   – Pl: ‘s(e)natùr(e)’. 2.   Senatore
S(e)natòr(e), s.m. Senatore 2.   Suonatore, musicista
S(e)nc(e)rà, àt(e) Sincerare, persuadere   o sincerarsi. 2. Rasserenare, rendere sereno, riferito, in senso proprio, al   cielo
S(e)nc(e)rà, àt(e) e S(e)ng(e)rà, àt(e) Rasserenare, rendere   sereno, riferito, in senso proprio, al cielo. – Anche: ‘Ass(e)ng(e)rà’. – Lu tìemp(e) s’èia   s(e)nc(e)ràt(e) = Il tempo si è rasserenato. 2. Sincerare, persuadere o   sincerarsi
S(e)ncèr(e), agg. e S(e)ngèr(e), agg. Sereno – Ù tìemb èia   s(e)ngèr(e) = Il tempo è sereno. 2. Sincero
S(e)nètt(e), s.m. Suonatina, motivetto
S(e)ng(e)rà, àt(e) Sincerare, persuadere   o sincerarsi. 2.  Rasserenare, rendere   sereno
S(e)ngà, àt(e) e S(e)ngà, àt(e) Segnare, intaccare,   notare con un segno, scalfire. – (Dal lat.: ‘signare’ con l’inversione delle   lettere ‘g’ ed ‘n’ – vedere anche il termine: ‘sènga’…)
S(e)ngatùr(e), s.m. Graffietto, attrezzo   per la tracciatura
S(e)ngèr(e), agg. e S(e)ncèr(e), agg. Sincero 2. Sereno
S(e)ngh(e)ià, àt(e) e S(e)ngh(e)ià, àt(e) Segnare, incidere;   Segno = Sènga
S(e)nnà, àt(e) Sognare
S(e)nnarìegghj(i), s.m. Sonnellino
S(e)nnàrs(e), s(e)nnàt(e) Sognare, vedere in   sogno, anche nella forma sognarsi: s.qualcuno
S'(e)nò, avv. Sennò, altrimenti,   diversamente
S(e)nò, avv. Sennò, altrimenti,   diversamente
S(e)nt(e)mènt(e), s.m. e S(e)nd(e)mènd(e), s.m. Sentimento, parere,   opinione, senno
S(e)ntì, ùt(e) e S(e)ndì, ùt(e) Sentire
S(e)ntòr(e), s.m. Sentore
S(e)ntùta, s.f. e S(e)ndùta, s.f. Udito, capacità del   sentire. – A’ tèn(e) bòna a’ s(e)ndùta! = Ha un buon   udito!
S(e)pàla, s.f. e Sèp(e), s.m. Siepe, barriera,   riparo generalmente fatta di arbusti. (Lat,: ‘saepes’ siepe)
S(e)pèrbia, s.f. Superbia
S(e)pìerchj(i), agg. e s.m. e avv. Soverchio, soperchio,   che avanza, che è più del bisogno, soprabbondanza,  eccedente, superfluo, avanzo. (da   Superchiare, arc.: sopravanzare) – St'(e) gràn(e)rìnij(i)   mìtt(e)r(e) (i)ndà lù sàcch(e), r'(e) s(e)pìerchj(i) r'(e) dài à mangià à lu   pùorch(e) =  Questo granoturco mettilo   nel sacco, quello che avanza lo dai da mangiare al maiale. 2. Finalmente, sopravanzo nel tempo, l’andare avanti nel   tempo, alla fine, finalmente. –  Mò, s(e)pìerchj(i), m'(e) mantèngh(e) alèrta = adesso,   finalmente, mi tengo in piedi – R'(e) s(e)pìerchj(i) m'(e) r'(e) mìtt(e) rà   pàrt(e) = La parte eccedente me la metti da parte
S(e)pìerchj(i), avv. e agg. e s.m. Soperchio, soverchio,   il soverchio relativo al tempo, sopravanzo nel tempo, l’andare avanti nel   tempo, alla fine, finalmente. –  Mò, s(e)pìerchj(i), m'(e) mantèngh(e) alèrta = adesso,   finalmente, mi tengo in piedi – R'(e) s(e)pìerchj(i) m'(e) r'(e) mìtt(e) rà   pàrt(e) = La parte eccedente me la metti da parte.   2. Soverchio, che avanza, che è più del bisogno, soprabbondanza,  eccedente, superfluo, avanzo. (da   Superchiare, arc.: sopravanzare) – St'(e)   gràn(e)rìnij(i) mìtt(e)r(e) (i)ndà lù sàcch(e), r'(e) s(e)pìerchj(i) r'(e)   dài à mangià à lu pùorch(e) =  Questo   granoturco mettilo nel sacco, quello che avanza lo dai da mangiare al maiale.
S(e)pp(e)rtà, àt(e) Sopportare,   sostenere, resistere, subire
S(e)ppìgn(e), s.m. Soppalco, soffitta,   sottotetto, mezzanino. – (Dal lat.: ‘Subpinnium’, formato da ‘sub’ +   ‘pinnium’ sotto tetto)
S(e)pràn(e), s.m. e agg. Locale sovrastante
S(e)r(e)nàta, s.f. Serenata
S(e)r(e)tìzz(e), agg. Raffermo, stantio.   (Termine già in uso a Roma nel trecento ed il termine è anche citato nel Capo   XXIV della ‘Vita di Cola di Rienzo: “Questa carne è sediticcia”.   L’origine del termine potrebbe venire da: ‘sedare’ col significato di messo   seduto, posato, divenuto sedimentato, fondiglio)
S(e)r(e)tùr(e), s.m. Sedile, panca,   panchina, scanno, sgabello
S(e)rà, àt(e) Sudare
S(e)ràt(e), agg. Sudato
S(e)ràta, s.f. Serata – E’ra nà bbèlla s(e)ràta = Era una bella serata 2. Sudata 3. Sudore
S(e)ràta, s.f. Sudata – Fèc(e) nà bbèlla s(e)ràta! = Fece una bella sudata! 2. Serata 3. Sudore
S(e)ràta, s.f. Sudore – A’ s(e)ràta ù scurrìa p'(e) cùoggh(i) = Il sudore gli colava   addosso 2. Serata 3. Sudata
S(e)ràta, s.f. Sudata. 2. Serata
S(e)ràta, s.f. Serata, la sera, . 2.   Sudata
S(e)ràta<Chìn(e) r'(e) Madido di sudore
S(e)rchià, àt(e) Sorbire, succhiare,   poppare, aspirare forte col naso. – ( Da Succhià(re) con sovrapposizione di   sorbire). 2. Russare
S(e)rchià, àt(e) Russare, ronfare. –   (Dal rumore che si produce col naso e/o la bocca, russando). 2 Succhiare,   aspirare, sorbire, poppare
S(e)rchià, àt(e) Poppare, succhiare,   aspirare
S(e)rchià, àt(e) Succhiare, aspirare,   poppare – (Dal lat.: ‘suctiare’ succhiare)
S(e)rchiàta, s.f. Succhiata, aspirata,   poppata. – (Da: ‘s(e)rchià’ succhiare, sorbire)
S(e)rd(e)llìna, s.f. Colpo sordo,   percossa, batosta, sberla – Hàav(e) ràt(e) nà   s(e)rd(e)llina, l’àv(e) fàtt(e) assì r'(e) lìv(e)r(e) = Gli ha dato una   batosta, gli ha provocato del livido
S'(e)rè, ùt(e) Sedere, verbo.   Accomodarsi
S(e)rèn(e), agg. Sereno, chiaro,   tranquillo, calmo
S(e)rèna, s.f. Serena (Reg.), fresco   umore che la notte cade dal cielo nelle notti serene, fresco notturno; 2.   tenere degli alimenti al fresco della notte. (Da: Serenare, passare la notte   all’addiaccio) – Espressione di quando non c’era il frigorifero: Stà pàrt(e) r'(e) cunìgl(i) mìtt(e)la à là s(e)rèna s(e)nò s(e)   uàsta = questo pezzo di coniglio mettilo fuori, (al fresco) altrimenti va a   male
S'(e)rg(e)rìnij(e), s.m. Cavia, topo di   campagna, detto anche Porcellino d’India. Commestibile; forse non pìù, dalla   fine della seconda guerra mondiale.
S(e)rgènt(e), s.m. Sergente
S(e)rìl(e), s.m. Sedile
S(e)rìnga, s.f. Siringà
S(e)rìnga<Fa nà, Fatt(e) nà s. Siringare, fare una   puntura con la siringa
S(e)rlègghia, s.f. Orcetto, vaso di   terracotta smaltata, con coperchio,    usato per conservare gli alimenti di maggior valore quando non c’era   l’uso del frigorifero quali olive sotto sale, salami conservati sott’olio, o   nella cenere; carne in gelatina  ma   anche, semplicemente, olio. (Dal lat.: ‘seriola’ diminutivo di ‘sèria’ grande   vaso di terra o di pietra)
S(e)ròla, s.f. Giara, orcio, grosso   vaso di terracotta con una vasta apertura in alto, usato per conservare   l’acqua potabile nelle case quando ancora non erano servite dall’acquedotto   (Dal lat.: ‘seriola’ diminutivo di ‘sèria’ grande vaso di terra o di pietra).   In genere ha per coperchio una tavoletta in legno, sulla quale una volta era   poggiata la “Giàrla”   (Tazza) mediante la quale si attingeva l’acqua per bere.
S(e)ròr(e), s.m. Sudore
S(e)ròr(e), s.m. Sudore
S(e)rp(e)cègghia, s.f. e    S(e)rpòsc(e)la, s.f. Serpentello, piccola   serpe
S(e)rpènt(e), s.m. e S(e)rpènd(e), s.m. Serpente
S'(e)rpènt(e), s.m. e S'(e)rpènd(e), s.m. Serpente
S(e)rprèsa, s.f. Sorpresa,   improvvisata, cosa inaspettata
S(e)rròn(e), s.m. Contrafforte,   propaggine (di montagna), salita, costa – (accrescitivo di ‘sèrra’ monte) –   (Il termine ha dato il nome ad un quartiere del paese: ‘S(e)rron(e)”)
S(e)rv(e)glià, àt(e) Sorvegliare
S(e)rv(e)gliànt(e), s.m. Sorvegliante
S(e)rv(e)zièv(e)l(e), agg, Servizievole,   volenteroso.
S'(e)rvìzzij(e), s.m. Faccenda,   occupazione, disbrigo, riassetto, lo spicciare le faccende domestiche –   “Fa ì s(e)rvìzzij(i)” = Espletare le faccende domestiche. – Anche:   ‘P(e)tt(e)nià’ àa càsa’ =   Riassettare bene, fin nei minimi particolari
S(e)rvìzzij, s.m. Servizio, attività,   favore, incarico, prestazione, servigio
S(e)scàrij(i), s.m. Sicario
S(e)sp(e)rà, àt(e) Sospirare
S(e)st(e)mà, àt(e) Sistemare, collocare
S(e)st(e)mà, àt(e) Sistemare
S'(e)tàr(e), s.m. Produttore o   venditore di setacci, ad esempio quelli per setacciare la farina – Setaccio =   “Sèta”
S(e)tàzz(e), s.m. Setaccio, medio   crivello con (Dal lat. ‘setaceum’ che deriva da ‘seta’ setola nonchè dai   crini di cavallo, materiali entrambi usati per la fabbricazione dei setacci   di una volta)
S(e)tàzz(e), s.m. Setaccio, vaglio,   setacciatrice. Il termine in genere indica quello piccolo, per setacciare la   farina, a maglie molto fini (Dal lat. ‘seta’, setola, pelo di cavallo,  con cui anticamente si costruivano i primi   setacci) – Produttore di setacci: “S'(e)tàr(e)”. 2. Seta
S(e)tìn(e), s.m. Colino
S(e)tt(e)màna, s.f. e S(e)mmàna, s.f. arc. Settimana. (Sp.: ‘Semana’)
S(e)tt(e)rrà, àt(e) Sotterrare
S(e)ttàn(e), s.m. Sottano, locale al   piano terra (Termine usato nel meridione d’Italia)
S(e)ttàna, s.f. Sottana, gonna, veste
S(e)ttèmbr(e), s.m. Settembre
S(e)ttìl(e), agg. Sottile –   Sottilissimo: ‘S(e)ttìl(e)_S(e)ttìl(e)’
S(e)vòn(e), s.m. Cicerbita, (lat.   tardo: ‘cicirbita’) pianta erbacea commestibile, delle composite (Sonchus:   arvensis – oleraceus – asper),
S(e)zzùra, s.f. Sozzura, sudiciume,   sporcizia
S. Antùon(e) S. Antonio Abate   (Chiesa di Calitri)
Sabbiòn(e), s.m. Sabbione
Sàcca, s.f. Tasca
Sàcch(e), s.m. Sacco. 2. Unità di   misura agraria, corrispondente a tre ‘Tùmm(e)l(e)’ à là   pìccula’ (alla piccola misura) corrispondente a   mq. 10.290
Sacch(e)tìegghj(i), s.m. Sacchettino
Sacchètta, s.f. e Sacch(e)tègghia s.f. e Sacch(e)ttègghia s.f. Sacchetta, piccola   sacca
Sacchìn(e), s.m. Taschino
Saccòccia, s.f. Saccoccia, tasca
Saccòn(e), s.m. Materasso di una   volta, riempito di brattee di granoturco (Mm(e)nnàgli(e)” o di paglia
Sach(e)rrènza, s.f. Persuasione,   convinzione
Sacr(e)f(e)cà, àt(e) Sacrificare
Sacr(e)fìcij(e), s.m. Sacrificio
Sacramènt(e), s.m. e sahramènd(e), s.m. Sacramento. Uno dei   sette sacramenti: Battèsim(e), crès(e)ma, eucaristìa, p(e)n(e)tènza, estrema   unziòn(e), òrdin(e), matrimònij(i))
Sacrèr(e), sach(e)rrùt(e) o sacrìs(e) Convincere,   persuadere, capacitare. (Da: Lat. ‘Se credere, credere in se stesso) –   Convincersi = ‘Sacrèr(e)s(e)’:   Iì(e) m'(e) sacrèr(e), tù t'(e) sacrìr(e), igghj(i) s'(e) s., ecc.
Sacrèsa, loc. avv. Inaspettatamente,   improvvisamente, di sorpresa. Termine usato soventemente nella locuzione: A’ là sacrèsa = Di sorpresa (nel senso  che è accaduto mentre si è   rilassati..’sacrìs(e)’)
Sacrìs(e), agg. Convinto, persuaso,   tranquillo, rilassato. (Part. Pass. di ‘sacrèr(e)’)
Sacrìs(e), s.m. Mollaccione, pigrone,   pappamolle, poltrone, posapiano, persona pigra, lenta nell’azione e nei   movimenti
Saggerà, àt(e) arc. e Esaggerà, àt(e) Esagerare
Saggerazziòn(e), s.f. e Esaggerazziòn(e), s.f. Esagerazione
Sagliascìn(e), s.m. Saliscendi,   saliscendo, (reg). Catenaccio verticale con cui si serrano in alto e in basso   le imposte. (Dal napoletano:  ‘Sàgli   (e) scjnn(e)’ Sali_scendi – Pl.: ‘ Sagliascìn(e)’
Sagnà, àt(e) e Sanà, àt(e) Salassare, sottrarre   una parte del sangue, a uomini e animali, a scopo sia preventivo sia   terapeutico. 2. Sterilizzare, castrare, sia maschi che femmine
Sagnà, àt(e) e Sanà, àt(e) Sterilizzare,   castrare, sia maschi che femmine. 2 Salassare, sottrarre una parte del   sangue, a uomini e animali, a scopo sia preventivo sia terapeutico
Sàgna, s.f. Lasagna, pasta   sfoglia tagliata a larghe strisce. Condita con intingoli vari, viene cotta al   forno
Sahr(e)stàn(e), s.m. Sagrestano
Sahr(e)stìa, s.f. Sagrestia
Sai(e)ttòn(e), s.m. Saettone, il   contraffisso di una capriata o qualsiasi oggetto lungo, inteso come grossa   saetta.
Saiètta, s.f. Saetta, fulmine,   freccia, dardo – (prov. ‘saieta’ Dal lat.: ‘sagìtta’)
Sàl(e), s.m. Sale
Sàl(e)via, s.f. Salvia minore, ‘Salvia verbenica’
Sal(e)viètt(e), s.m. Tovagliolo (Fr. età   angioina: ‘salvietta’ tovagliolo)
Sal(e)viètta, s.m. Salvietta,   tovagliolo, asciugamano
Sàla(e)c(e), s.m. e Sàlach(e), s.m. arc. Salice, salcio,   albero delle ‘Salicacee’ – ‘Sàlach(e)’ è anche il nome di una contrada del   nostro paese
Salà, àt(e) Salare
Sàlach(e), s.m. arc. e Sàla(e)c(e), s.m. Salcio, salice,   saligastro – (Il termine ‘Salach(e)’ ha dato nome ad una località della   nostra campagna – (Forse da ‘salacòn(e)’ grosso salice).)
Salàm(e), s.m. Salame
Salamènda, s.f. e Salamènta, s.f. Tralcio, sarmento
Salamènta, s.f. e Salamènda, s.f. Sarmento, tralcio
Salàt(e), agg. e salìt(e), agg. arc. Salato, sapido, salso
Salatìn(e), s.m. Salatino, biscotto   salato
Sàld(e), s.m. Saldo, pagameto   (ultimo), ultima quota
Saldà, àt(e) Saldare
Salèra, s.f. Saliera
Sàlt(e), s.m. Salto
Saltèll(e), s.m. Saltello
Saluàgg(e), agg. Selvatico. 2.   Selvaggio
Saluàgg(i), s.m. Selvaggio. 2.   Selvatico
Salùt(e)! escl. Salute! Riverenza,   formula di saluto o di augurio nel brindare.
Salutà, àt(e) Salutare
Salùtà, àt(e) Salutare
Salùta, s.f. Salute, saluta   (arc.). Salùta cumbà Nicò! – Hràzzia cummàr(e) C’è! =   Salute compare Nicola! – Grazie comare Francesca (Cecca)!
Sàlv(e), agg. Salvo
Salvà, àt(e) Salvare
Sàlza, s.f. Passata di pomodoro   ottenuta dalla spremitura del pomodoro mediante un passino manuale od   elettrico che trattiente anche semi e buccia. – Concentrato di pomodoro: ‘Cunzèrva’)
Sammùcch(i), s.m. Sanguinaccio,   insaccato di sangue di maiale, uva sultanina, mandorle, cacao zucchero in   budello del maiale stesso.
Samp(e)gnàr(e), s.m. e Samb(e)gnàr(e), s.m. Zampognaro
Sampògna, s.f. e Sambògna, s.f. Zampogna
Sàn(e), agg. Sano
Sanà, àt(e) Sanare, guarire
Sanà, àt(e) e Sagnà, àt(e) Salassare 2.   Sterilizzare, castrare, sia maschi che femmine
Sanap(e)rcìegghj(i), s.m. Norcino, guaritore di   porci in genere, castrino,  più   esattamente colui che per mestiere castra il maiale per favorirne l’ingrasso   e rende sterili le femmine attraverso un foro nella pancia. Vedere “Sagnà”
Sànd_Liòn(e), s.m. San Leone (Protettore   di Cairano -AV). 2. Vento che giunge a Calitri, proveniente da ovest, dalla   direzione di Cairano
Sànd_Liòn(e), s.m. Vento che giunge a   Calitri, proveniente da ovest, dalla direzione di Cairano. 2. San Leone   (Protettore di Cairano -AV)
Sàndal(e), s.m. Sandalo
Sandìn(e), s.m. e Santìn(e), s.m. Santino, cartoncino   stampato, che su un lato reca un’immagine sacra, e sull’altro reca una   preghiera o formula di invocazione
Sandìssim(e), agg. e s.m. Santissimo. S.m.: il   Santissimo
Sàngh(e), s.m. Sangue. – Crosta di   sangue = “Còzz(e)ca”
Sangìja, s.f. Gengiva
Sangulià, àt(e) Sanguinare
Sanìzz(e), agg. Sano>abbastanza.   Abbastanza sano
Sànna, s.f. Zanna. (Long. ‘Zàn’   dente)  2. Dentatura (scherz.)
Sannùt(e), agg. Zannuto, sannuto.   arc, (provvisto di robuste zanne)
Sànt(e) Cànij(i) e Sànd(e) Cànij(i) San Canio,   protettore  di Calitri. Si festeggia il   1° Settembre.
Sànt(e), s.m. e Sànd(e), s.m. Santo. – Tutti i   Santi, ricorrenza del 1° Novembre: ‘ Tùtt lì Sànd(e)’
Sànta_lìggij(e), s.f. e agg. Bramosia, smania,   impeto, ardore – agg.: impetuoso, affamato, forsennato –   Ha mangiato (i)ndà nù m(e)nùt(e), tèn(e) ù santa_lìggij(e)! – E’ arr(e)vàt(e)   cùm(e) nù santa_lìggij(e) = E’ arrivato come un forsennato
Santamarìa, s.f. e Sandamaria, s.f. Coccinella, detta   anche madonnella – Nelle leggende e nelle tradizioni popolari, specie nel Sud   dell’Italia, la coccinella è legata alla Madonna
Santandùon(e), s.m. e Sandandùon(e), s.m. Sant’Antonio abate – A’ Sandanduòn(e) màsc(e)car(e) e sùon(e) = A Sant’Antonio (il   17 genn.) maschere e suoni (Il giorno del santo si   festeggiava con la “mascherata” (Vedere: Masc(e)caràta) – A sera, all’imbrunire, per i vari quartieri del paese, si   accendevano dei grossi fuochi: vedere: “Fùoch(e)   r'(e) Sandandùon(e)”
Sànza, s.f. Sansa, residuo della   spremitura delle olive, detta anche “Pàsta r'(e) r’àulìv(e)”. (dal   lat. ‘sampsa’ ‘polpa di olive triturate’ >    italiano ‘sansa’) – Può essere ulteriormente pressata, per ottenere   l’olio di sansa, lasciando un residuo secco: lù”Nùzz(e)” (Resti del nocciolo ormai triti)
Sanzàn(e), s.m. e Sanzàl(e), s.m. Sensale, mediatore in   contrattazioni di prodotti agricoli e zootecnici
Sàpat(e), s.m. Sabato
Sapè, ùt(e) Sapere, (dial.:   ‘saccio’ dal lat.: ‘Sapio’ so   – dalla stessa radice: ‘saccente’, saggio, sapiente). – Pres. Ind.: Sàcc(e) – sài – sàp(e) – sapìm(e) – sapìt(e) – sànn(e)
Sapòn(e), s.m. Sapone. Una volta si   produceva in casa usando: “frìtt(e)l(e)”  = grasso animale   (1 kg.) e soda (1/4 kg.) e cenere (3-4 palette)con acqua, detta:   (‘r(e)ssìa’
Saràca, s.f. Percossa, bastonata,   ceffone, salacca, sberla,   scapaccione, schiaffone, (region.) sganassone, (region.) sleppa. – (Da   ‘aringa’ che con la sua forma allungata e piatta è assimilata ad un bastone).   – Vedere anche: ‘Sìccia’.   2. Salacca, saricca, pesce di poco valore, in genere conservato   sottosale.  Aringa salata
Saràca, s.f. Alaccia, saracca   (reg.), Cheppia, pesce di poco valore, simile alla sardina, in genere   conservato sottosale. – (Forse dallo scozz. ‘sillock’ accostato a sale). 2.   Bacchettata, percossa, botta, colpo, saracca
Saracàr(e), s.m. Saracche<Venditore   di. Venditore di alacce, ‘cheppie’ in salamoia. – (Vedere ‘saràca’)
Sarahògghia, s.f. La saragolla è una   delle più antiche varietà di frumento duro coltivate in Irpinia; la sua   semina è autunnale e la raccolta primaverile-estiva. – (Dal Bulgaro   “sarga” giallo e “golyo” seme)
Sarattà, àt(e) Disadattare
Sarc(e)nàta, s.f. arc. Subisso, gran   quantità, mucchio, (Da: ‘sàrcena’    Fastello, fascina, fascio – Termine traslato dal  lat.: ‘sarcina’ bagaglio che portava il   legionario romano. In disuso nel nostro dialetto) – Haàv(e) ràt(e) nà   sarc(e)nàta r'(e) mazzàt(e) = Gli ha dato un mucchio di mazzate
Sarchià, àt(e) Sarchiare, lavorare   superficialmente la terra per 3-4 cm di profondità, con piccole zappe   (Zappègghia), oppure con il sarchio, o le sarchiatrici, in modo da sminuzzare   il terreno e attivare così la respirazione delle radici, attenuare   l’evaporazione per capillarità e distruggere le malerbe
Sarchiapòn(e), agg. Furbone e malenso   nello stesso tempo, anche se apparentemente è persona tranquilla, goffa e di   costituzione fisica grossa. (Probabile origine dalla deformazione di Fra   Jacopone, chiamato anche fra ‘sarchiapone’, per cattivo frate, personaggio   della ballata dei Pastori del Perricci)
Sardèlla, s.f. e Sardìna, s.f. Sardella, (pop.),   nome  usato in genere per indicare   quelle sottosale, sinonimo di sardina, pesce dei teleostei dei clupeidi.
Sardìna, s.f. e sardèlla, s.f. Sardina (piccardus),   pesce dei teleostei dei clupeidi, Sardella (pop.) usata in genere per   indicare quelle sottosale
Sardòn(e), s.m. Sardone, nome usato   sulle coste adriatiche per l’acciuga. Termine usato maggiormente   nell’espressione scherz. e volg.: ‘vài m(e)nànn(e) ù   sardòn(e)’ = Va gironzolando in cerca di avventure   amorose (portando in giro il proprio ‘sardòn(e)’, inteso come il proprio   organo sessuale)
Sargènd(e), s.m. e Sargènt(e), s.m. Morsetto a serraggio   rapido, dei falegnami, fabbri, ecc. – (Dallo sp. ‘sàrgent’). 2. Sergente,   ant. Sargènte
Sargènt(e), s.m. e Sargènd(e), s.m. Sergente, ant.   Sargènte. 2. Morsetto a serraggio rapido, dei falegnami, fabbri, ecc.
Sàrma, s.f. Soma, il carico di   legna trasportata da un animale – (Gr.: ‘Sagma’ basto, sella, carico ) – Il   peso è di circa Kg. 100 per l’asino e Kg. 150 per il mulo. Pòrtam(e)   nà sàrma r'(e) lèun(e) = Portami una soma di legna
Sàrt(e), s.m. Sarto – Anche ‘Cus(e)tòr(e)’
Sàrta, s.f. Sarta, in genere per   le femmine
Sartàsc(e)n(e), s.m. Padella, tegame   (Lat.: Sartago; Sp.: ‘Sarten’)
Sartàsc(e)na, s.f. Padellone, padella.   –  (Lat.: Sartago)
Sartàsc(e)nìeggh(i), s.m. e Sartàsc(e)niègghia, s.f. Padellino, piccolo
Sartùsc(e)na, s.f. arc. e Tartaruqua, s.f. Testuggine,   trattandosi di tartaruga di terra. – (Dal lat. ‘testudinem)
Sattòre, s. m. arc. ed Esattòr(e), s.m. Esattore
Sàur(e), agg. Gonfio, ridondante,   ampolloso, sazio. – (Forse dall’it.: saturo, dal lat. ‘satur’ saturo, sazio).   – (Dal provenz. saur «bruno», che è dal lat. mediev. ‘saurus’, di origine   germanica). –  2. Sauro, detto del   mantello del cavallo (e anche dei bovini) i cui peli, compresi quelli delle   estremità e i crini, sono biondi, o fulvi, o rossicci. 3. Cavallo sauro.   (s.m.)
Sàur(e), agg. Sauro, detto del   mantello del cavallo (e anche dei bovini) i cui peli, compresi quelli delle   estremità e i crini, sono biondi, o fulvi, o rossicci. – (Dal provenz. saur   «bruno», > dal lat. mediev. ‘saurus’, di origine germanica).  2. Gonfio, ridondante, ampolloso. 3.   Cavallo sauro. (s.m.)
Sauzìcchj(i), s.m. Salsiccia. Carne di   suino, triturata, salata e aromatizzata con peperoncino piccante, insaccata   in budella, di piccolo diametro, legate e divise da formare una serie di   piccoli rocchi (rocchio = conchiglia, piccolo loculo). Si consuma in genere   una volta essiccata in locali freschi e ventilati.
Savùch(e), s.m. e Savùc(e), s.m. Sambuco.  Genere di piante caprifogliacee. – (Dal   cat.: ‘sauch’)
Sazziàrs(e), àt(e) Saziarsi
Sazziàt(e), agg. Saziato
Sàzzij(j), agg. Sazio
Sbàf(e), s.m. Sbafo (fam). Lo sbafare; è usato quasi esclusivam. nella locuz. avv. asbafo, senza pagare
Sbafà, àt(e) Sbafare, sfogarsi,   rimediare, (fam.) scroccare, mangiare avidamente a spese degli altri,   riuscire ad avere qualcosa gratuitamente
Sbafà, àt(e) Sbafare
Sbàfa, s.m. Sbafo – Pl.: ‘Sbàf(e)’
Sbafat(e), agg. Slargato, svasato,   foro allargato da un lato a forma di tronco di cono
Sbafàta, s.f. Sbafata, grande   mangiata
Sbafatìell(e), s.m. Bulletto di   quartiere, piccolo smargiasso
Sbafatùra, s.f. Cièca, accecatura.   (der. di cecare «accecare»). – Svasatura (detta anche accecatura) praticata   sul bordo di un foro per eliminare lo spigolo vivo oppure per dar posto a una   testa di vite o di chiodo che non deve far risalto sul pezzo sul quale il   foro è praticato
Sbaglià, àt(e) Sbagliare
Sbagliàt(e), agg. Sbagliato
Sbàglj(i), s.m. Sbaglio
Sbalanzà, àt(e) Sbilanciare, perdere   l’equilibrio
Sballà, àt(e) Sballare
Sballàt(e), agg. Sballato
Sbaràt(e), agg. Sbadato,   irriflessivo, superficiale, testa vuota
Sbàtt(e), ùt(e) Sbattere, agitare,   dimenare, scuotere – M’hagg(e) sbattùt(e) ròi òv(e) e   m’hagg(e) fàtt(e) nà fr(e)ttàta = Ho sbattuto due uova e ho fatto una   frittata
Sbàtt(e), ùt(e) Sbattere, agitare –   Sbattere l’uovo = ‘Relattà l’ùov(e)’
Sbbàtt(e), ùt(e) Sbattere, cozzare,   urtare 2. Darsi da fare – N'(e)n tèn(e) rèquia, vài   s’bbattènn(e) à rà quà e à rà ghià = Non ha requie, va sbattendo di qua e di   la
Sbòbba, s.f. Sbobba,  brodaglia, rancio, intruglio, pappa. 2.   acqua sporca, acquetta, lavatura di piatti, sciacquatura, pasto, refezione –   (probabile origine: dallo zincarico ‘boba’ fava)
Sbòbbia, s.f. Sbobba, sbobbia,   brodaglia di sapore disgustosoo
Sbr(e)hàrs(e), àt(e) Sbrigarsi,   spicciarsi, disimpegnarsi alla svelta, fare presto.
Sbracà, àt(e) e Svracà, àt(e) Sbracare, levare la   ‘vràca’, l’ imbraga, all’animale da soma. 2. Sbracare, sbracarsi, levarsi le   brache, essere disordinato nel vestire
Sbricciolà, àt(e) Sbriciolare,   frantumare
Sburrà, àt(e) Sborrare, eiaculare
Sc(e)càcch(e), s.m. Rosolaccio (papaver   rhoeas) il papavero selvatico dei nostri campi dai fiori color rosso vivo
Sc(e)càcch(e), s.m. Papavero comune,   (Papaver rhoeas), rosolaccio,  pianta   delle papaveracee, selavatica, con quattro grossi petali rosso vivo o   violacei. Prende il nome, onomatopeico, dal rumore che produce quando per   diletto, un petalo viene lacerato posandolo sul pollice e l’indice della   mano, chiusa a pugno, colpendolo con la palma dell’altra mano.
Sc(e)càff(e), s.m. Schiaffo. Vedere   anche: “Mappìna” –   Schiaffone = ‘Sc(e)caffòn(e)’
Sc(e)càff(e)llìt(e), agg. Rubicondo, con la   faccia dal colore rosso.
Sc(e)caff(e)tià, à(e) Schiaffeggiare
Sc(e)càff(e)tià, àt(e) e Sc(e)caffià, àt(e) Ceffonare,   schiaffeggiare, prendere a schiaffi
Sc(e)caff(e)tìegghj(i), s.m. Buffettino,   schiaffetto
Sc(e)càff(e)ttòn(e), s.m. Pasta alimentare,   grossa,  a forma di grosso   “rigatone”
Sc(e)caffà, àt(e) Schiaffare, (reg.   centro merid.) tirare, sbattere, scaraventare, ficcare  -Haàv(e) sc(e)caffàt(e) nù v(e)ndàglij(i)   (i)nfàcc(e) = Gli ha tirato uno schiaffo in faccia
Sc(e)caffià, àt(e) e Sc(e)càff(e)tià, àt(e) Schiaffeggare,   ceffonare, prendre a schiaffi
Sc(e)caffòn(e), s.m. Schiaffone. – Anche ‘B(e)ff(e)ttòn(e)’ = Mostaccione
Sc(e)càm(e), s.m. Gemito, miagolo,   pianto
Sc(e)camà, àt(e) Miagolare, piangere,   gemere – (Dall’it.: ‘esclamare’ > dal lat.: ‘ex clamare (gridare)’)
Sc(e)camàscja, s.f. Donna insignificante,   sfaccendata, sciatta, indolente, apatica, misera, brutta. –  (Dal pugliese: ad es.: dal dial. di Br.:   ‘camascia’  = stanchezza: (‘purtari   (‘na) camascia’= essere sfaticato oltrechè ‘scamascia’ è chiamata una donna   brutta e spilungona  -Dal Gr.: ‘χαμας’   camas, palo, stanga)
Sc(e)camìzz(e), s.m. Miagolio, gemito,   pianto. – (Da: ‘sc'(e)camà’ miagolare, con il deverb. e ass.tivo: ‘ìzz(e)’ miagolio)
Sc(e)canà, àt(e) Pane<Sciacciare la   forma di . Formare il pezzo di pasta che darà forma alla pagnotta, prima di   infornarla. – (Da ‘chiàna’ piana, con il suff. Verb. ‘s’ per spianare’)
Sc(e)canàta, s.f. Pagnotta, grossa   forma di pane locale. – (Dalla stessa radice dell’ etimo di ‘Sc(e)canà’)
Sc(e)canatègghia, s.f. Pagnottella –   Biscotto di pane: vedere: “B(i)sc(e)còtt(e) r'(e)   pàn(e)”
Sc(e)cànd(e), s.m. Spavento, sussulto
Sc(e)candà, àt(e) Spaventarsi,   sussultare, sobbalzare di spavento, turbarsi all’improvviso.  (Dall’indo eur. ‘(s)kand’ ardere >   spaventarsi). 2. Cottura>brevissima. Brevissima cottura
Sc(e)candà, àt(e) Cottura>brevissima.   Brevissima cottura. – R'(e) mìtt(e) (i)ndà à tianègghia,   r'(e) dài nà sc(e)candàta, èia v(e)rè cùm(e) sànn(e)! = Li metti in una   padella, una breve cottura, vedrai come sarannono buoni!  2. Spaventarsi,   sussultare, sobbalzare di spavento, turbarsi all’improvviso
Sc(e)candùs(e), agg. Eccitabile,   impressionabile, emotivo
Sc(e)cànt(o), àt(e) Spavento
Sc(e)cantà, àt(e) e Sc(e)candà, àt(e) Spaventare,   sobbalzare
Sc(e)carà, àt(e) Schiarire (del   tempo), spiovere, smettere di piovere – Huàrda mmèzza à là vìa sì èia   sc(e)caràt(e)
Sc(e)cardà, àt(e) Scheggiare, spaccare.   2. Racimolare, lucrare, raggranellare, raccogliere a poco a poco – (Da ‘scardà’ scardassare, pettinare la   lana raccogliendo le fibre spurie dalla lana >>scheggiare, togliere   qualcosa) – N’gè ppòc(o) rà sc(e)càrdà = Cè poco   da lucrare
Sc(e)càrdà, àt(e) Racimolare, lucrare,   raggranellare, raccogliere a poco a poco – N’gè ppòc(o)   rà sc(i)càrdà = Cè poco da lucrare. 2. Scheggiare
Sc(e)càrda, s.f. Scheggia, scaglia,   frammento (Long.’Skarda’ spaccatura)
Sc(e)càròla rìccia, s.f. Scarola del tipo con   folglia riccia
Sc(e)caròla, s.f.  Scarìola (cicorium endivia). Uno dei nomi   della lattuga selvatica (Lactuca serriola o L. scariola, der. del lat.   ‘escarius’ commestibile)
Sc(e)càròla, s.f. Scarola o scariola   reg., varietà di Indivia, comprende anche “Sc(e)caròla   rìccia”, e la “C(e)còria” –  (Lat.:   ‘scariola’)
Sc(e)carpìn(e), s.m. Scarpino, arc. Col   significato di scarpa elegante, raffinata, fine – Fino alla prima metà del   ‘900 i contadini, gli artigiani e la gente indigente, calzavano generalmente   quelle alte per andare in campagna, quando le strade non erano asfaltate.   Solo per qualche giorno di festa avevano in serbo la calzatura un po’ piu   elegante.
Sc(e)càsc(e), s.m. Sbancamento. 2.   Scasso, dissodamento in profondità del terreno – (Dall’it. ‘scassare’ dal   lat. Ex -cassa, cavar dalla cassa, rompere)
Sc(e)càsc(e), s.m. Scasso, dissodamento   in profondità del terreno. 2. Sbancamento
Sc(e)càscià, àt(e) Scassare, rompere
Sc(e)casciàt(e), agg. Scassato  2. Fortunato
Sc(e)casciàt(e), agg. Fortunato 2. Scassato
Sc(e)cascigghìà, àt(e) Fracassare,   sconnettere, sconquassare, deformare
Sc(e)cat(e)l(e)nìeggh(e), s.m. Barattolino
Sc(e)càt(e)la, s.f. Scatola
Sc(e)cat(e)lègghia Scatolina
Sc(e)cat(e)lìn(e), s.m. Barattolo, in genere   riferito a quello di latta. 2. Scatolo
Sc(e)cat(e)lìn(e), s.m. Scatolo. 2. Barattolo
Sc(e)cat(e)lòn(e), s.m. Scatolone
Sc(e)catrà, àt(e) Sciogliere,   disgelare, liquefare
Sc(e)càtt(e)scjà, àt(e) e Scatt(e)scijà, àt(e) Scoppiettare,   crepitare
Sc(e)cattà lù còr(e), àt(e) lu c. Scoppiare il cuore.   (Modo di dire) – Crepacuore: “Crepacòr(e)”
Sc(e)cattà, àt(e) Schiattare (reg),   schiantare, crepare, scoppiare, esplodere
Sc(e)cattà, àt(e) Scoppiare, esplodere,   chiattare (reg), schiantare, crepare
Sc(e)cattamìend(e), s.m. Puntiglio,   dispetto,  ripicca, ostinazione
Sc(e)cattùs(e), agg. Dispettoso,   puntiglioso
Sc(e)chèra, s.f. Acquazzone, rovescio,   scroscio. – (Dal fr.: ‘eschiere’ distribuzione, diffusione, spargimento di   acqua) – M(e)màn(e) èia fàtta nà bèlla sc(e)chèra! =   Questa mattina è fatto un bell’acquazzone!  2. Schiera, stuolo, moltitudine, massa
Sc(e)chèra, s.f. Schiera, stuolo,   moltitudine, massa. 2. Acquazzone
Sc(e)chì(e)fà, àt(e) e Sc(e)ch'(e)fà, àt(e) Schifare, disgustare,   ripugnare. –  (Long. ‘Skif’ schifo)
Sc(e)chìf(e), s.m. Schifo. –  (Long. ‘Skif’ schifo)
Sc(e)chifà, àt(e) e sc(e)chifì, àt(e) Schifare, spregiare,   disdegnare, snobbare
Sc(e)chifèzza, s.f. Schifezza
Sc(e)chifì, àt(e) e sc(e)chifà, àt(e) Disdegnare, schifare,   spregiare,  snobbare
Sc(e)chifùs(e), agg. Schifoso, sozzone
Sc(e)chìtta, avv. Solo, soltanto,   solamente, semplicemente. (Long. ‘Schlicht ‘schietto,   semplice)
Sc(e)còfa, s.f. Pula, loppa. Il   cascame (detto anche ‘lolla’) che risulta dalla trebbiatura dei cereali e da   altre lavorazioni sui granelli (p. di grano; p. di riso); è costituita da   detriti di foglie, fiori e involucri del frutto, e viene usata come foraggio   misti a qualche chicco di granaglia che si frantuma, serve anche come   becchime per i volatili da cortile.  – (termine usato al plurale) – (Dalla stessa radice del termine   ‘Còff(e)la’: deriva   dalla similitudine della buccia ad una cuffia, con il pref. ‘Sc(e)’ = it.:   ‘S’, volendo significare ‘un vario assortimento di bucce’) – Mèna ròi(e)   sc(e)còf(e) à r'(e) gagghjn(e) = Butta un po’ di pula alle galline
Sc(e)còff(e)la, s. f. Buccia di piccoli   frutti, come l’uva, il lupino, la fava, ecc – (Termine che deriva dalla   similitudine della buccia ad una cuffia che, a sua volta, dalle ipotesi del   Diez e del Duden, proviene dall arabo: ‘kufiia’ sorta di berretto o di   turbante)
Sc(e)còpp(e), s.m. arc. e Scòppij(e), s.m. Esplosione, scoppio,   botto, deflagrazione
Sc(e)còpp(e)la Scoppola,   scappellotto
Sc(e)còpp(e)la, s.f. Scoppola,  schiaffo sulla nuca dato con la mano   aperta, scappellotto. – (Da ‘còpp(e)la’ coppola: volendo sottolineare che   trattasi di uno schiaffo vigoroso da far cadere il cappello)
Sc(e)cuccquìna, s.f. Donnina vanitosa,   insignificante
Sc(e)cucquà, àt(e) Germinare,   germogliare, buttare, emergere
Sc(e)cuff(e)nnà, àt(e) Sfondare, fracassare,   sprofondare, arrivare fino al fondo
Sc(e)cùff(e)nnàt(e), agg. Sfondato, (sfondato   con le gambe: da: ‘Sciùffàt(e)), scassato, sprofondato. 2. Insaziabile,   ingordo, fortunato (nel senso di: sfondato con ‘il culo’: termine questo, che   è di uso com. in espressioni fig., più o meno volgari per indicare colpo di   fortuna)
Sc(e)cùffia, s.f. Scuffia, cuffia. 2.   Donna  insignificante, con sola   apparenza esteriore e nessuna qualità concreta. –
Sc(e)cùma, s.f. Schiuma (Dal longob.:   ‘Scûme’)
Sc(e)cupp(e)lòn(e), s.f. Scoppolone,   schiaffone – (Accr.: di: ‘Sc(e)còpp(e)la’)
Sc(e)cupp(e)lòn(e), s.f. Scoppola<forte.   Schiaffone sulla nuca dato con la mano aperta
Sc(e)cupp(e)lòn(e), s.m. Sberla, schiaffone
Sc(e)cupp(e)tià, àt(e) Mangiare, divorare,   pappare
Sc(e)cùpp(e)tià, àt(e) Pappare, divorare,   ingurgitare, mangiare
Sc(e)cupp(e)ttàta, s.f. Schioppettata, colpo   di arma da fuoco colpo, pistolettata  –   Pistola = ‘Sc(e)cùppètta’
Sc(e)cupp(e)ttàta, s.f. Revolverata, scoppio   botto. – (Da: ‘sc(e)cuppètta,
Sc(e)cupp(e)ttàta, s.f. Pistolettata,   schioppettata, colpo di arma da fuoco colpo. – Pistola = ‘Sc(e)cùppètta’
Sc(e)cupp(e)ttùol(e), s.m. Cerbottana,   intendendo quella usata per gioco dai bambini realizzata con un tronchetto   cavo di una canna per lanciare proiettili fatti di carta accartocciata a   forma di cono, . (Prende il nome da: piccola ‘Sc(e)cuppètta’). 2. Proiettile   fatto di carta accartocciata a forma di cono, lanciato dalla cerbottana. 3.   Scoppiètto, intendendo quello usato una volta (fino alla prima metà del   1900). Costituito da un ramo cavo di sambuco, nel quale, praticata una camera   d’aria mediante n. 2 tappi di ciliegio coibentati con bambagia, esercitata   una forte pressione, la quale provoca l’espulsione di uno dei tappi con   emissione di un forte botto
Sc(e)cupp(e)ttùol(e), s.m. Scoppiètto,   intendendo quello usato una volta (fino alla prima metà del 1900). Costituito   da un ramo cavo di sambuco, nel quale si    praticata una camera d’aria mediante n. 2 tappi di ciliegio coibentati   con bambagia. Esercitata una forte pressione, su uno di essi, si provoca   l’espulsione del secondo tappo con emissione di un forte botto. (Prende il   nome da: piccola ‘Sc(e)cuppètta’).  2.   Cerbottana. 3. Proiettile fatto di carta accartocciata a formaa di cono,   lanciato dalla cerbottana.
Sc(e)cupp(e)ttùol(e), s.m. Proiettile fatto di   carta accartocciata a forma di cono, lanciato mediante la cerbottana. 2.   Scoppiètto, intendendo quello usato una volta (fino alla prima metà del   1900). Costituito da un ramo cavo di sambuco, nel quale si  praticata una camera d’aria mediante n. 2   tappi di ciliegio coibentati con bambagia. Esercitata una forte pressione, su   uno di essi, si provoca l’espulsione del secondo tappo con emissione di un   forte botto. (Prende il nome da: piccola ‘Sc(e)cuppètta’).  3. Cerbottana.
Sc(e)cuppà, àt(e) Scoppiare,   prorompere,esplodere,  cedere, non   farcela più
Sc(e)cuppà, àt(e) Esplodere, scoppiare,   prorompere,  cedere, non farcela più
Sc(e)cuppètta, s.f. Pistola, revolver,   rivoltella, piccolo schioppo. (arma da fuoco portatile ad avancarica) – (Sp.:   ‘Escopeta’ – fucile, schioppo)
Sc(e)cùppètta, s.f. Schioppo. Piccolo   schioppo, pistola, revolver, rivoltella. (Antico fucile ad avancarica)
Sc(e)cuppètta, s.f. Schioppo (arma da   fuoci portatile ad avancarica), pistola
Sc(e)cuppètta, s.f. arc. e Pistòla, s.f. Pistola, schioppo   (arma da fuoci portatile ad avancarica). – (Dallo sp. Escopeta, fucile,   schioppo)
Sc(e)curiàl(e), s.m. e scuriàl(e), s.m. Scudiscio, scuriscio   (arc,),  frusta con fiocco, usato per   cavalli – (Dal b. brett: ‘skourjez’ frusta, sferza)
Sc(e)currarìa, s. f. Scorreria,   sfrenatezza, vizio, depravazione, dissolutezze – Pl.:   ‘Sc(e)currarìj(e)’
Sc(e)cusc(e)nàt(e)  e   Scusc(e)nàt(e), agg. Storpiato, deformato.   – Vedere: ‘scusc(e)nà’
Sc(e)cusc(e)niàrs(e), àt(e) e     Sc(e)cusc(e)nàrs(e) Deformarsi,   sformarsi, guastarsi
Sc(e)dd(e)cà, àt(e) Pioviccicare. – Ù   tìemb(e) sc(e)dd(e)chèia = Il tempo pioviccica. – Vedere anche:   “Cagn(e)là”
Sc(e)gghià, àt(e) Scindere, separare,   dividere, spaccare, spezzare, – T’àggia sc(e)gghià r'(e)   bràzze)! _ Ti spezzerò le braccia!
Sc(e)gghiàt(e), agg. Scisso, spaccato,   tagliato, disunito, staccato – Scèttala ssà sèggia, s’èia   tòtta sc(e)gghiàta! = Buttala quella sedia, si è tutta disunita!
Sc(e)l(e)sìa, s.f. e G(e)l(e)sìa, s.f. Gelosia, invidia
Sc(e)là, àt(e) Gelare, agghiacciarsi
Sc'(e)là, àt(e) Scivolare
Sc(e)là, àt(e) e Ragg(e)là, àt(e) Gelare, raggelare,   agghiacciare, congelarsi
Sc(e)làma, s.f. Rugiada gelata, brina
Sc(e)làma, s.f. Brina, rugiada gelata
Sc(e)làta, s.f. Scivolata
Sc(e)latìna, s.f. Gelatina, brodo   ristretto di carne, ottenuto con la cottura della stessa in presenza di   aceto. Serviva per lo più, in passato, per conservarvi all’interno la carne   stessa, prima dell’avvento del frigorifero.
Sc(e)lènd(e), agg. Scivoloso, viscido
Sc(e)lìend(e), pl. m. Spaghetti, preparati   con condimento principale a base di olio di oliva (Da: ‘sc(e)lènd(e)’   scivoloso, in quanto scivolano in gola)
Sc(e)ll(e)bbràt(e), agg. Squilibrato,   pazzoide, senza criterio
Sc(e)ll(e)ràt(e), agg. Scellerato
Sc(e)lòn(e), s.m. e G(e)lòn(e), s.m. Pernione, gelone,   infiammazione dolorosa delle estremità e delle parti più esposte del corpo,   causata dal freddo intenso. –  pl.:   Sc(e)lùn(e)
Sc(e)lùs(e), agg. Geloso
Sc(e)m(e)nì, sc(e)m(e)nùt(e) e Scimunì, sc(e)m(e)nùt(e) Scimunire (reg.),   inseminire (it. arc.), divenire scemo. Rif. ‘Sc(e)mu – (Da Inseminire,   ridurre alla metà, composto da ‘in’ e da ‘semi’ (mezzo) >da cui: scemo)
Sc(e)m(e)tùogn(e), agg Scioccastro, un po’   scemo. – (Da’scèm(e’) scemo + suff.: ‘tùogn(e), riduttivo)
Sc(e)mm(e)ndàr(e), s.m. Cavallante, mandriano   di cavalli, in particolare di cavalle. – (Da ‘sc(e)mmènda’, cavalla)
Sc(e)mmègghia, s.f. Giumella, quanto è   contenuto nel cavo delle mani accostate insieme con le dita congiunte [Lat.   ‘gemella’ (manus) incr, con (mani) giu(nte)]
Sc(e)mmènda, s.f. Cavalla. Giumenta,   ant. termine per indicare la cavalla. – Puledra: ‘Stàcca’   – Mandriano di cavalle:   ‘Sc(e)mm(e)ndàr(e)’
Sc(e)mmùt(e), s.m. e agg. Gobbo, gibboso
sc(e)n(e)cchiàta, s.f. Ginocchiata
Sc(e)nèstra, s.f. Ginestra, ginestra   dei carbonai (Cytisus scoparius) o scannabecco è una pianta della famiglia   delle papilionacee – (Serve anche a costruire una scopa rudimentale   avendo  Fusto eretto, angoloso, striato   longitudinalmente, duro, con ramificazioni diritte, flessibili)
Sc(e)nnàr(e) Gennaio
Sc(e)ntìl(e), agg. Gentile, cortese 2.   Grazioso, delicato, giovane
Sc(e)ntìl(e), agg. Grazioso, delicato,   giovane. 2. Gentile, cortese
Sc(e)ntìlèzza, s.f. Gentilezza,   cortesia  2. Graziosità, delicatezza
Sc(e)ntìlèzza, s.f. Graziosità,   delicatezza. 2. Gentilezza, cortesia
Sc(e)nùcchj(i), s.m. Ginocchio
Sc(e)ppà, àt(e) Scippare, strappare   (Da: dial. Napoletano e dal Lat.: ‘excerpere’))
Sc'(e)r(e)v(e)gghiàrs(e), àt(e) Scervellarsi
Sc(e)rèh(e), s.m. e Sc(e)rèi s.m. Giudeo
Sc(e)rlà, àt(e) Scompigliare,   arruffare, scarmigliare
Sc(e)rlàt(e), agg. Arruffato,   scarmigliato, scompigliato.  – T(e)nìa   lì capìggh(i) sc'(e)rlàt(e) = Aveva i capelli arruffati
Sc(e)rm(e)tà, àt(e) Ammannare,   raccogliere al terreno i mannelli di grano lasciati sul campo dal mietitore e   formare con gli stessi una ‘hrègna’ covone.
Sc(e)rnàta, s.f. Giornata. Nà Sc(e)rnàta r'(e) màgg(i) = Una giornata di maggio – Si usa in alcuni casi “G(i)rnàta”. T'(e) pàh(o) àa g(i)rnàta = Ti pago a giornata
Sc(e)rnatàccia, s.f. e Sc(e)rnatàzza, s.f. Giornataccia
Sc(e)rr(e)cà, àt(e) Giudicare. 2.   Calunniare, denigrare, parlar male di qualcuno
Sc(e)rr(e)cà, àt(e) Calunniare,   denigrare, parlar male di qualcuno. 2. Giudicare
Sc(e)rr(e)catòr(e) Giudicatore. 2.   Calunniatore, denigratore
Sc(e)rr(e)catòr(e) Calunniatore,   denigratore 2. Giudicatore.
Sc(e)rt(e)mìent(e), pl.m. e Sc(e)rt(e)mìend(e), pl.m. Oggetti usati,   assortiti, di natura varia, di poco interesse. – (Da: ‘Assortimento’). – Và   ndà lù s(e)ttàn(e), pìglia quìgghj(i) sc(e)rt(e)miènd(e) e vagghj(i) à   g(e)ttà = Vai nel sottano, prendi quell’assortimento di oggetti e valli a   buttare
Sc(e)rtà, àt(e) Scernere,   selezionare, scegliere, distinguere,    separare, sceverare oggetti.
Sc(e)ttà, àt(e) Buttare, Gettare.-   (Dal lat.: ‘jectare’) – Pres. Ind.: Scètt(e), scìett(e), scètta,   sc(e)ttàm(e), sc(e)ttàt(e), scèttan(e). – Anche: “M'(e)nà, àt(e)”
Sc(e)ttà, àt(e) Gettare, Buttare. –   Scètt(e), scìett(e), scètta, sc(e)ttàm(e), sc(e)ttàt(e), scèttan(e) – (Sp.:   ‘jitàr’)
Sc(e)ttà, àt(e) Buttare, gettare. –   Scètt(e), scìett(e), scètta, sc(e)ttàm(e), sc(e)ttàt(e), scèttan(e)
Sc(e)ttà, àt(e) Gettare, tirare,   buttare, scaraventare
Sc(e)v(e)là, àt(e) Scivolare
Sc(e)v(e)lùs, agg. Scivoloso
Sc(j)catrà, àt(e) e sciòglj(i), sc(j)gliùt(e) Disgelare, liquefare,   sciogliere
Sc(j)mìt(e), agg. arc. e Scimìt(e), s.m. Sprovveduto,   scimunito, stupido
Sc(j)nìscia, s.f. Cinigia, cenere   calda, con ancora qualche favilla di fuoco – (Lat. Volg. ‘cinisculus’ dim. di   ‘Cinis -is’ cenere)
Sc(j)sc'(e)cà, àt(e) arc. Fischiare, sibilare,   soffiare (Da ‘Sc(j)scià’ fischiare, dal lat.: ‘sufflare’)
Sc(j)scià, àt(e) Soffiare, insufflare,   spirare. (Dal lat.: ‘sufflare’ – sicil.: ‘scisciari’)
Sc(j)scià, àt(e) Insufflare, soffiare,   spirare
Sc(j)sciarùl(e), s.m. Orzaiolo, piccolo   foruncolo come un semino che spunta al margine della palpebra verso l’angolo   grande dell’occhio , dovuta ad un processo infettivo. – (Dal dim. di   ‘Scìsc(j)l(e)’: piccolo seme di carruba)
Sc(j)sciatùr(e), s.m. e Mandacètt(e), s.m. Soffietto,   manticetto, manticino
Scacà, àt(e) Uova<Non produrre.   Stato della gallina quando non produce più uova, nui mesi più freddi – A’ hagghìna è scacàta = La gallina è nel periodo che non depone   uova
Scacazzà, àt(e) Scacazzare, spargere   qua e là, nell’emetterli, i rifiuti del ventre.
Scacchià, àt(e) arc. Scacchiare, liberare   la vite o altra pianta coltivata dai germogli inutili.  Il diramare un albero. Svellere, schiodare,   rompere.- (Da ‘càcchj(i)’ cavicchio, col pref. verb. “s”, per:  togliere i cavicchi)
Scàcchj(i), s.m. Saracco, piccola sega   con manico da un solo lato
Scach(e)là, àt(e) e Scach(e)lià, àt(e) Gioco<Perdere   tutto al. Perdere tutto quello che si ha, al gioco “Sciùoch(e)”
Scach(e)lià, àt(e) e Scach(e)là, àt(e) Gioco<Perdere   tutto al. Perdere tutto quello che si ha, al gioco “Sciùoch(e)”
Scafà, àt(e) Scaltrirsi,   affinarsi, incivilirsi, dirozzarsi, acquistare pratica nel mondo, maturare
Scafà, àt(e) Farsi furbo,   affinarsi, incivilirsi, scaltrirsi, dirozzarsi, acquistare pratica nel mondo,   maturare
Scafazzà, àt(e) Pigiare, schiacciare,   calpestare, spiaccicare – , calpestare. – (Dal nap.: ‘scamazzà’, ‘scamazzare’   > dal gr. kamàzo (da ‘kamai’, avv., per terra e il suff. verbale: ‘zzare’) = avvicinare alla terra,   schiacciare a terra)
Scafùsc(e), scaf(e)scjùt(e) Sfuggire, dileguarsi
Scagliòla, s.f. Scagliola, pianta   delle Grasminacee (Phalaris canariensis). 2. Impasto di gesso, in scultura,   in architettura, chirurgia, ecc.)
Scaglj(e)ndà, àt(e) Scaldare, riscaldare   – Da sp. antico ‘escalentar’
Scagn(e)là, àt(e) e Scagn(e)lià, àt(e) Scrollare, muovere,   agitare, scuotere energicamente – Scagn(e)lèia lù   sàcch(e) – Scuoti il sacco (per far cascare eventuali rimanenze del   contenuto)
Scagn(e)làrse, àt(e)  e   Scagn(e)liàrs(e), àt(e). Sgangherarsi,   fessurarsi, sconnettersi (Divenire in cattivo stato, instabile) – A’ sèggia s’e’ia scagn(e)làta = La sedia si è sconnessa – 2.
Scagn(e)làt(e) s,m. e Scagn(e)liàt(e) s,m. Persona emaciata, mal   ridotta, cadente. S’èia pr(e)s(e)ntàt(e) nù scagn(e)làt(e) chi c(e)rcàva   l’elemòs(i)na = S’è presentato una persona mal ridotta che cercava   l’elemosina
Scàla, s.f. Scala
Scalandròn(e), s.m. Scalinata rustica in   legno, in genere usata per scendere nella stalla dal piano superiore – (Gr.:   ‘Skalida’ pertica, a forcella o con più rami, che ricorda una scala)
Scallà, àt(e) Lessare, cuocere   qualsiasi cosa nell’acqua – (Dall’it.: scaldare’ a sua volta dal lat. Ex –   calidus (caldo).) – M’hàgg(i) scallàt(e) ròi(e) patàn(e) = Ho lessato due (un   po’ di) patate. 2. Irritare, infiammare
Scallà, àt(e) Infiammare, irritare   – Ù pannolìn(e) l’hàv(e) scallàt(e) mmièzz(e) à r(e) còss(e) à stà pòv(e)ra   criatùra = Il pannolino l’ha irritata fra le cosce a questa povera creatura.   2. Lessare, cuocere qualsiasi cosa nell’acqua
Scallàt(e), agg. Pappa molle, uomo   senza energia, senza forza, privo di volontà. – Quìgghj(e)   è nù scallàt(e)! = Quello è un pappa molle! 2.   Lesso. 3. Infiammato, irritato
Scallàt(e), agg. Lessato. – Ìi(e)   m'(e) màng(e) stà vèrza scallàta = Io mangio questa verza lessata. – Ìi(e)   vòglj(i) n’ùov(e) scallàt(e) = Io voglio un uovo sodo. 2. Pappa molle, uomo   senza energia, senza forza, privo di volontà. 3. Infiammato, irritato
Scallàt(e), agg. Infiammato, irritato.   – Ù criatùr(e) èia scallàt(e) mmièzz(e) à r'(e) còss(e) = Il bambino è   irritato fra le cosce. 2. Pappa molle, uomo senza energia, senza forza, privo   di volontà. 3. Lesso
Scalòn(e), s.m. Scalino, gradino
Scalpellà, àt(e) e scarp(e)gghià, àt(e) arc. Scalpellare,   scheggiare, scalpellinare
Scalùorc(e), s.m. Persona miserabile di   anima di corpo e di averi, macilento, persona scarna mal vestita. – (Dal   gr.:   σχαλοφ  – talpa, in quanto animale meschino.  – Femm.: ‘Scalòrcia’  -(Sul web dal:   “Vocabolario napoletano toscano e l’eccellenza della lingua napol. Tomo   II)
Scàmb(e)l(e), s.m. e scàmp(e)l(e), s.m. Scampo, scampamento   (arc), salvamento. 2. Scampolo, pezzo di stoffa
Scambà, àt(e) e Scampà, àt(e) Spiovere, cessare di   piovere. – (Da ‘scampare’ nel senso di liberarsi dal rischio della pioggia).   2. Scampare, sfuggire, salvarsi da un pericolo. – (Da ‘scampare’ nel senso di   abbandonare il campo, il campo di battaglia)
Scambatùr(e), s.m. e Scampatùr(e), s.m. Riparo, capanno di   fortuna per ripararsi dalla pioggia. (Da: ‘scampà’ spiovere)
Scamm(e)sàrs(e), àt(e) Scamiciarsi,   togliersi la giacca e gli altri indumenti che si portano sopra la camicia;   restare in maniche di camicia
Scamm(e)sàt(e), agg. Camicia<In.   Persona senza giacca
Scammòrza, s.f. Scamorza
Scammùrz(e), s.m. Moccolo, mozzicone di   candela. – Dal verbo ‘amm(e)rzà’ mozzare col pref. deverb. ‘scam’ che stà   per: “mozzato” pezzo tronco)
Scàmp(e), s.m. e Scàmb(e), s.m. Salvamemto, scampo
Scàmp(e)l(e), s.m. e scàmb(e)l(e), s.m. Scampolo, residuo di   pezza, avanzo, rimasuglio. – (Da ‘rimasuglio’ inteso come pezzo di stoffa   salvata, avanzato dal pezzo di stoffa)    2. Scampo, scampamento (arc), salvamento
Scampà, àt(e) e Scambà, àt(e) Scampare, sfuggire,   salvarsi da un pericolo. – (Da ‘scampare’ nel senso di abbandonare il campo,   il campo di battaglia) 2. Spiovere, cessare di piovere. (Dallo sp.:   ‘escampar’)
Scampanàt(e), agg. Scampanato. Detto di   mantello, gonna, abito femminile, allargato verso il fondo a forma di campana
Scan(e)sciùt(e), agg. Sconosciuto
Scanaglià, àt(e) Carpire informazioni,   indagare, scandagliare le intenzioni di qualcuno, tastare. (da scaniglià <   Togliere la “canìglia”   = crusca e mettere a nudo il grano; quindi col significato di conoscere la   verità, appurare)
Scanaglià, àt(e) Appurare, carpire   informazioni, indagare, scandagliare le intenzioni di qualcuno, tastare. (da   scaniglià < Togliere la “canìglia” = crusca e mettere a nudo il grano; quindi col   significato di conoscere la verità.
Scanc(e)llà, àt(e) e Scang(e)llà, àt(e) Scancellare
Scand(e)nà, àt(e) e Scant(e)nà, àt(e) Scantonare, tagliare   o smussare spigoli e angoli. – (aus. avere). –   ‘Scand(e)nàrs(e)’: Dissestarsi, scantonarsi,   danneggiarsi. Il distruggersi, il rovinarsi di un fabbricato, ecc. – (aus.   essere). 2. Scantonare, scansare, sviare, svoltare rapidamente a una   cantonata, uscire dalla giusta strada. 3.
Scang(e)gghià, àt(e) Sgangherare,   scardinare, sconnettere
Scangià, àt(e) Scambiare, cambiare –   S’èia scangiàt(e) à cammìsa = Ha cambiato la camicia
Scangianès(e), s.m. Voltagabbana, persona   che cambia spesso opinione, detto di persona poco seria o inaffidabile. – (Da   ‘scangià’ cambiare   (opinione).)
Scaniglià, àt(e) Emendare il grano   dalla crusca ‘canìglia’ 2.   Pulire la testa dalla forfora ‘canigliòla’
Scaniglià, àt(e) Pulire la testa dalla   forfora ‘canigliòla’, in   genere usando il pettine adatto, a denti stretti, detto ‘Spr(e)catùr(e)’. 2. Emendare il   grano dalla crusca ‘canìglia’
Scànn(e), s.m. Scanno (Long.   ‘Skrànna’ sedile)
Scannà, àt(e) Scannare, sgozzare
Scannapùl(e)c(e), pl. m. Biancospino, arbusto   delle Rosacee e frutto.  I frutti,   edibili,  sono ovali, rossi a   maturazione e con un nocciolo che contiene il seme, maturano fra novembre e   dicembre. – (i)Ngèra nà piànda r'(e) scannapùl(e)c(e) =   C’era una pianta di biancospino. – (L’origine del nome potrebbe dipendere   dalle spine dell’arbusto, le quali potrebbero scannare le pulci dei cani che   ivi dovessero gironzolare)
Scannatùr(e), s.m. Coltello per scannare
Scannètt(e), s.m. e Scann(e)tìeggh(i), s.m. Scannetto, piccolo   scanno
Scant(e)nà, àt(e) e Scand(e)nà, àt(e) Scantonare, scansare,   sviare, svoltare rapidamente a una cantonata, uscire dalla giusta strada.   2.  Tagliare o smussare spigoli e   angoli. – (aus. avere)  –  2. Scand(e)nàrs(e): Scantonarsi,   dissestarsi, danneggiarsi. Il distruggersi, il rovinarsi di un fabbricato,   ecc.  – (aus. essere)
Scànz(e), s.m. Scanso, evitare,   prevenire (nella locuzione à scànz(e) r’equìvoch(e) = a scaso di equivoci) 2. Cantuccio, angolo, spazio
Scànz(e), s.m. Cantuccio, angolo,   luogo in disparte. – Mìtt(e)l(e) (i)ndà quìgghiu   scànz(e), trà là pòrta apèrta e l’armadij(e) = Deponilo in quell’angolo fra   la porta aperta e l’armadio 2. Scanso, evitare,   prevenire (nella locuzione à scànz(e)   r’equìvoch(e) = a scaso   di equivoci)
Scanzà, àt(e) Scansare, schivare,   evitare
Scanzafatìa, s.m. Scansafatiche,   ozioso, lavativo – Quìggh(i) so dùi(e) scanzafatìa! = Quelli sono due   scansafatiche!
Scanzìa, s.f. Scansia, mobile a più   ripiani, ripostiglio
Scanzìa, s.f. Ripostiglio, scansia,   mobile a più ripiani
Scap(e)c(e)rràt(e), s.m.    e Scap(e)stràt(e), s.m. Scavezzacollo,   scapestrato, scatenato, discolo, imprudente. – Dal lat.: ‘cerritus’ pazzo,   delirante, con il prefisso ‘cap(e)’ testa preceduto dal pref. agg. ‘s’   significando: ‘con la testa pazza’)
Scap(e)c(e)rràt(e), s.m.    e Scap(e)stràt(e), s.m. Scapestrato,   scavezzacollo, scatenato, discolo, imprudente. – il termine. -( Il termine   “Scap(e)c(e)rràt(e)” deriva    dal lat.: ‘cerritus’ pazzo, delirante, con il prefisso ‘cap(e)’ testa   preceduto dal pref. agg. ‘s’ significando: ‘con la testa pazza’)
Scàp(e)l(e), s.m. e agg. Scapolo, non   ammogliato, celibe – (Dal deverb. di ‘scapolare’ svincolare > dal   lat.:  ‘excapulare’ liberarsi dal   cappio)
Scap(e)là, àt(e) Liberare, sciogliere,   svincolare, mandar libero – (Dal lat.: ‘excapulare’ liberarsi dal   cappio)  2. Staccare dal lavoro
Scap(e)là, àt(e) Staccare dal lavoro,   liberarsi dall’impegno lavorativo. 2. Liberare, sciogliere, svincolare,   mandar libero – (Dal lat.: ‘excapulare’ liberarsi dal cappio)
Scàp(e)t(e), s.m. Scapito, perdita,   diminuzione, danno
Scap(e)zzà, àt(e) Cavezza<Togliere   la. Togliere la cavezza ad una bestia 2. Slegarsi dalla cavezza:   (Scap(e)zzàrs(e), àt(e).)
Scap(e)zzàrs(e), àt(e)  Slegarsi dalla cavezza. –  (Scap(e)zzàrs(e), àt(e).)
Scapacchiòn(e), s.m. e Scapocchiòn(e), s.m. Capocchione,   capoccione, testone. Persona  che   capisce poco, tonta, ottusa, sciocca
Scapocchiòn(e), s.m. e Scapacchiòn(e), s.m. Capoccione,   capocchione, testone. Persona  che   capisce poco, tonta, ottusa, sciocca
Scapp(e)ttà, àt(e) Scappottare,   salvarsi, evitare
Scapp(e)ttà, àt(e) Scapotare,   scappottare, abbassare la cappotta di un’automobile
Scapp(e)ttàta, agg. Scappottata, senza   cappotta
Scappà, àt(e) Scappare, sfuggire,   fuggire da qualcosa. 2. Correre, procedere velocemente, precipitarsi
Scappà, àt(e) Precipitarsi,   correre, procedere velocemente. 2. Scappare, sfuggire, fuggire da qualcosa.
Scappigghià, àt(e) Scappellare, togliere   il cappello, il cappuccio, una copertuta, salutare qualcuno togliendosi il   cappello
Scar(e)gnàt(e), agg. Scalognato,   sfortunato
Scar(e)v'(e)n'(e)scjà, àt(e) Brace<Smuovere la.   Smuovere la brace (“Vràscja”) per ravvivarla. (Da: Smuovere il carbone “Car(e)vòn(e)” = Alla lettera:   “S’carboneggiàre”)
Scarab(e)cchià, àt(e) Scarabocchiare
Scaràn(e), agg. Avaro, spilorcio. –   (Dall’ant. It.:  ‘scherano’, sgherro,   uomo di schiera, assassino)
Scarav(e)scià, àt(e) Frugare, rovistare,   smuovere alla rinfusa – Chè vài scarav(e)sciànn(e) (i)ndà ssù tratùr(e)! =   Cosa vai rovistando in quel tiretto!
Scaraviglià, àt(e) Frugare, rovistare,   cercare qualcosa in un mucchio, smuovendo alla rinfusa. 2. Sgrovigliare,   svolgere, dipanare – (Da ‘(i)ngaraviglià’ avvolgere)
Scarc(e)rà, àt(e) Scarcerare
Scarcagnà, àt(e) Spaccare, Svellere,   scindere,
Scarcagnàt(e), agg. Scalcagnato,   malridotto, pestato, calcato, semidistrutto
Scard(e)nà, àt(e) Scardinare,   sconnettere
Scard(e)nà, àt(e) Scardinare
Scardà, àt(e) e Cardà, àt(e) Cardare, scardassare,   districare, pettinare
Scardalana, Scardassière. Chi fa   il mestiere di scardassare la lana
Scardalàna, s.m. Cardatore di lana
Scardàt(e), agg. Scardassato, cardato,   pettinato
Scarè, ùt(e) Scadere
Scarènza, s.f. Scadenza
Scarfùgghj(i), s.m. Cappuccio in pelle da   inserire sul pollice, per protezione, durante la mietitura con la falce,   insieme alle ‘cannègghie’   inserite sulle altre tre dita. – (Dal gr.: ‘carpos’ stelo di paglia secca,   per la sua forma tubolare)
Scarn(e)f(e)cà, àt(e) Scarnificare,   scarnire, rendere essenziale
Scarn(e)f(e)càt(e), agg. e scàrn(e), agg. Scarnificato, scarno
Scarnà, àt(e) e Scarn(e)f(e)cà, àt(e) Scarnire,   scarnificare
Scarògna, s.f. Scalogna, sfortuna
Scarp(e)gghià, àt(e) arc. e scalpellà, àt(e) Scalpellinare,   scheggiare, scalpellare
Scarp(e)lègghia, s.f. Scarpina, scarpetta
Scarp(e)llìn(e), s.m. e Scarp(e)ndìn(e), s.m. Scalpellino, marmista
Scarp(e)nà, àt(e) Disimpigliare,   sganciare, distaccare – S’èia scarp(e)nàt ù   cat(e)niègghj(i) rà là làmbia = Si è distaccato il gancio ad anello, dal   solaio.  (Da: càrp(e)n(e)’ ,   carpine,  che ha rami molto ritorti)
Scarp(e)nàta, s.f. Scarpinata, camminata   faticosa
Scarp(e)ndìn(e), s.m.  e   Scarp(e)llìn(e), s.m. Marmista, scalpellino
Scàrpa, s.f. Scarpa. – Dim.   ‘Scarp(e)lègghia’ o ‘scar(e)cègghia’ (da non confondere con il terminie   ‘Scarpègghia’ Frittella, piccola, di forma tondeggiante)
Scarpàr(e), s.m. Scarparo, calzolaio,   ciabattino.
Scarpàta, s.f. Scarpata
Scarpègghia, s.f. Frittella, piccola,   di forma tondeggiante, ricoperta poi con zucchero o miele. – (Da   ‘scarp(e)cègghia’ per  la somiglianza   ad una scarpetta del tipo di quelle di lana per neonati)
Scarpètta, s.f. Scarpetta, piccola   scarpa. 2. Scarpetta, consistente nell’intingere l’intingolo nel piatto con   una mollica di pane.
Scarpìegghj(i), s.m. Scalpello
Scarpòn(e), s.m. Scarpone
Scàrr(e), s.m. Falcata, balzo, lungo   passo, scavalcamento.  – (Da ‘scarrà’   scavalcare meno il suffisso dev. ‘are’ (Dallo sp. ‘garra’ zampa, artiglio,   divenuto ‘carra’ +  il verbale ‘are’).   -(i)Ngèra nù fùoss(e), cù nù scàrr(e) passà à l’atu   làt(e) = C’era un fosso, con una falcata passò all’altro lato
Scarr(e)bbà, àt(e) e Scarrubbà, àt(e) Diroccare, rovinare,   crollare, cadere con impeto. Dal lat. Parlato corrupare’: da ‘rupes’ rupe +   il ver. ‘scarr’ (vedere ‘scarrare’) per indicare di andare oltre la rupe,   rovinare)
Scarr(e)bbàt(e), agg. Rovinato, crollato,   diroccato
Scarr(e)cà, àt(e) Scaricare
Scàrr(e)ca, s.f. Scarica
Scàrr(e)ch(e), agg. e s.f. Scarico
Scarr(e)patùr(e), s.m. arc. Discarica pubblica   sistemata su di uno strapiombo, su di un dirupo
Scarr(e)zzà. àt(e) Rovinare, crollare,   disfare, diroccare, cadere con impeto di cose accatastate, ammassate,   impilate.  (Da: ‘carrùozz(e)’ cumulo’)   – R'(e) grègn(e) rù casàzz(e) sò scarr(e)zzat(e) = I   covoni della meta sono diroccati
Scarr(e)zzàt(e), agg. Diroccato, crollato
Scarrà, àt(e) Allargare le gambe. –   (Dallo sp. ‘garra’ zampa, artiglio, divenuto ‘carra’ +  il verbale ‘are’ allargare le gambe. Della   stessa etim. Dell’it. ‘garretto’) 2. Scavalcare, fare un lungo passo.
Scarrà, àt(e) Scavalcare, fare un   lungo passo. 2. Allargare le gambe
Scarrabòcchj(i), s.m. Scarabocchio
Scarraf(e)ngègghia, s.f. Scarafaggio. Nome di   varî insetti blattoidei, in partic. della blatta comune
Scarrafòn(e), r'(e) giòia, s.m. Coleottero, degli   Scarabeidi, (Cetonia aurata) dal colore verde con riflessi dorati (usa   manipolare con le zampe anteriori lo sterco animale formando delle palline   che porta nella tana) –
Scarrafòn(e), r'(e) mmèrda, s.m. Coleottero, degli   Scarabeidi (Stercorario vector) Usa manipolare con le zampe anteriori lo   sterco dei bovini formando delle palline che porta nella propria tana. Tali   palline serviranno da cibo ai piccoli che nasceranno dalle uova che la madre   ha avuto cura di depositare nelle stesse)
Scarrìng(e), s.m. o scarrìegg(e), s.m. (termini arc.) Bisticcio, litigio,   contrasto – Hàv(e) fàtt(e) scarrìegg(e) cù là zìta = Ha   litigato con la fidanzata
Scarrubbà, àt(e) e Scarr(e)bbà, àt(e) Crollare, cadere con   impeto, precipitare, rovinare, diroccare. –
Scarrùn(e), agg. e Sgarrùn(e), agg. Gambe divaricate,   stare a cavallo a gambe larghe  . (i)Ngìmma à lù ciùcc(e), mìtt'(e)t'(e) à lì scarrùn(e) =   Sull’asino mettiti seduto a gambe larghe (non con   le gambe da un solo lato) – (Dalla stessa etimm. di  ‘scàrr(e)’ + il suff. agg. ‘un(e)’ oni)
Scàrt(e), agg. Persona brutta,   insignificante (da scartare) – Bruttino = ‘Scart(e)liègghj(i)’
Scàrt(e), s.m. Scarto, avanzo,   differenza, distanza
Scàrt(e), s.m. e Scartìma, s.f. Scarto, cosa   rigettata dopo aver scelo il meglio
Scart(e)ccià, àt(e) Scartocciare,   disinvolgere
Scart(e)lìegghj(i), agg. Persona bruttina,   insignificante (da scartare)
Scart(e)llàt(e), agg Scarso, scadente,   inadeguato, malvestito. (Dal verbo ‘scartà’ rifiutare (scegliendo), ricusare,   lasciar daparte) – M'(e)sèra àa fèsta (i)ng'(e) sò sùl(e)   quàtt(e) candànd(e  scart(e)llàt(e)! =   Stasera alla festa ci saranno solo quattro cantanti inadeguate!
Scartà, àt(e) Scartare, svolgere   qualcosa dall’involucro di carta. 2. Deviare bruscamente, deviare   improvvisamente, dribblare, nel gioco del calcio. 3. In giochi di carte,   calare in tavola, al proprio turno, una o più carte, secondo una scelta   effettuata in base al criterio della loro maggiore o minore utilità
Scartabb(e)llà, àt(e) Scartabellare,   scorrere velocemente le pagine di un libro, un incartamento, per una   consultazione sommaria.
Scartìma, s.f. Carta da gioco   rifiutata, di poco o di nessun valore. 2. Scarto, cosa rigettata dopo aver   scelo il meglio
Scarùs(e), agg. e Scapìgghj(i), agg (meno usato) Capo scoperto>A. A   capo scoperto.
Scasà, àt(e) Traslocare, scasare,   sfrattare dalla casa o dal podere. (Lat. ‘scasare’ domo expello). 2.   Spostare, muovere – Quègghj(i) sc(e)càt(e)l(e) scàsar(e)   ghià = Qulle scatole spostale lì
Scasà, àt(e) Dislocare,   spostare,  muovere – Quègghj(i)   sc(e)càt(e)l(e) scàsar(e) ghià = Qulle scatole spostale lì. 2.  Traslocare, scasare, sfrattare dalla casa o   dal podere. 2.
Scasà, àt(e) Scasare, sfrattare   dalla casa o dal podere, traslocare. 2. Spostare, muovere – Quègghj(i)   sc(e)càt(e)l(e) scàsar(e) ghià = Qulle scatole spostale lì
Scasà, àt(e) Spostare, dislocare,   muovere – Quègghj(i) sc(e)càt(e)l(e) scàsar(e) ghià =   Qulle scatole spostale lì. 2.    Traslocare, scasare, sfrattare dalla casa o dal podere. 2.
Scass(e)llà, àt(e) e Cass(e)llà, àt(e) Cassare, cancellare,   depennare, abradere
Scast(e)vì, ùt(e) e Scast(e)vìsc(e), ùt(e) Indolenzire,   l’intorpedire o l’irrigidirsi dei muscoli,degli arti, provocato sia dallo   stare immobili che dall’uso  continuo.   – (Forse da ‘casto’ il cui etimo trae origine da una rad. ‘kas’ stare in   regola ed il lat.: ‘ire’ andare: cioè ‘andare in regola’, ‘essere normale’,   che con il prefisso ‘s’ privativo, porta a: ‘non stare a norma: stare male) –   A fùria r'(e) g(e)rà cù là machinètta r'(e) r(e)   pr(e)mmaròle m’èia scast(e)vùt(e) lù vràzz(e) = Con il girare continuamente   la manovella della macchina spremi pomodori mi si è indolenzito il braccio. 2. Intollerare, stancarsi di sopportare,  provocare a sdegno, venire a noia di una   situazione.
Scast(e)vì, ùt(e) e Scast(e)vìsc(e), ùt(e) Intollerare,   stancarsi di sopportare,  venire a noia   di una situazione. A’ fùria r'(e) lù mannà abbagghj(e) e à r’ammònd(e) p'(e)   r'(e) scàl(e) l’hagg(e) scast(e)vùt, mò n'(e)n g'(e) vòl(e) scj(j) chiù = Con   il mandarlo su e giu per le scale ho provocato il suo sdegno, adesso non ci   vuole più andare. 2. Indolenzire, l’intorpedire o l’irrigidirsi dei muscoli,   degli arti, provocato sia dallo stare immobili che dall’uso  continuo
Scastagnà, àt(e) Sbloccare, spiccare,   smuovere, distaccare (Da: togliere la castagna dal guscio) – figurato:   togliersi da difficoltà
Scastrà, àt(e) Sollevare, innalzare,   levar su, smuovere verso l’alto. 2. Fig.: Dar sollievo, alleviare, lenire,   confortare, animarsi, prendere coraggio
Scasual(e)tà, s.f. e Casual(e)tà, s.f. Casualità,   occasionalità, imprevedibilità
Scat(e)cà, àt(e) e Scat(e)chià, àt(e) Verso della gallina   quando ha fatto l’uovo. 2. Schiamazzo dei gallinacei quando sono spaventati
Scat(e)nà, àt(e) Scatenare. 2.   Scassare, dissodare il terreno in profondità
Scat(e)nà, àt(e) Scassare, dissodare   il terreno in profondità. 2. Scatenare
Scat(e)zzà, àt(e) e Scàtap(e)zzà, àt(e) Rovinare, frantumare,   crollare, (da rovinare di un cumulo, ‘catùozz(e)’) – Ù mùr(e) èia   scat(e)zzàt(e) = Il muro è rovinato, è crollato
Scatafàsc(e), avv. Catafascio,   scatafascio (pop.), affastellamento, alla rinfusa, sottosopra, rovinosamente,   rovina, fallimento – S'(e) nè giùt(e) à scatafàsc(e) =   ‘Se n’è andato in rovina’
Scatafascjàrs(e), àt(e) Rovinarsi, rompersi.   – (Da: ‘scatafàsc(e)’)
Scàtap(e)zzà, àt(e) o Scat(e)zzà, àt(e) Frantumare, rovinare,   crollare, (da rovinare di un cumulo, ‘catùozz(e)’) – A’ chiattaròla s’èia tòtta   scatap(e)zzàta = La pietra (di forma) piatta si è tutta frantumata
Scatapèndà, àt(e) Spintonare,   sospingere, respingere   (Dal nostro   ‘spènda’ spinta, pressione, con i pref. ‘s’ rrafforz. e il gr.: ‘katà’ giù)
Scatapènda, s.f. Spintone, urto
Scatàsc(e), s.m. e Scatafàsc(e), s.m. Scatafàscio,   sconquasso, disastro, danno
Scatascià, àt(e) Sconquassare,   fracassare, scassare, sconnettere, abbattere
Scatastà, àt(e) Rovinare, crollare,   (di una catasta)
Scatèna, s.f. Scasso, dissodamento   in profondità del terreno, in genere per l’impianto di un vigneto
Scatt(e)scijà, àt(e) e sc(j)catt(e)scià, àt(e) Crepitare,   scoppiettare
Scattà, àt(e) Scattare
Scàuz(e), agg. Scalzo
Scauzà, àt(e) Scalzare
Scauzacàn(e), s.m. Scalzacane
Scav(e)tà, àt(e) Scavare, formare una   buca “Cavùt(e)” 2. Trovare, scovare, scoprir, rinvenire
Scav(e)tà, àt(e) Trovare, scovare,   scoprir, rinvenire.  2. Scavare,   formare una buca “Cavùt(e)”
Scavà, àt(e) Scavare. Dicesi anche   “Cavà” termine arc.
Scavatòr(e), s.m. e Scavatrìc(e), s.f. Scavatore,   escavatore, scavatrice (anche agg.).
Scavatrìc(e), s.f. e Scavatòr(e), s.m. Scavatrice (anche   agg.), escavatrice, scavatore,
Scazz(e)cà, àt(e) Stimolare, incitare,   stuzzicare. – E’ia scazz(e)cà l’app(e)tìt(e) = Devi   stuzzicare l’appetito. 2. Smuovere, disgiungere,   distaccare
Scazz(e)cà, àt(e) Smuovere,   disgiungere, distaccare, staccare, (azioni riferite a piccoli movimenti). – Fàzz(e) nà fòrza pù’u svità! ma ù bullòn(e) n’n s'(e)   scàzz(e)ca = Faccio una gran forza per svitarlo! ma il bullone non si smuove.  2. Stimolare,   incitare, stuzzicare
Scazz(e)càrs(e), àt(e) Staccarsi,   disgiungere, smuoversi, spostarsi, in genere dalla posizione di riposo –   S’èia scazz(e)càt(e) rà là sèggia! = Se staccato dalla sedia!
Scàzz(e)ch(e), s.m. Assaggio, spuntino,   piccola quantità. – (Dal deverbale di ‘scazz(e)cà’ staccare, inteso come ‘un   piccolo distacco di qualcosa, un assaggio)
Scazz(e)gghiàrs(e), àt(e) Staccare, rimuovere,   spiccicare, disconnettere –
Scazz(e)là, àt(e) arc. Girare, rotolare
Scàzz(e)la, s,m. arc. Giro, giravolta
Scazz(e)latròmm(e)la, s.f. Capriola,   capitombolo, (Da ‘scàzz(e)la’ giro)
Scazzà, àt(e) Calpestare, più   propriamente: schiacciare. – (Dall’it.: ‘cazzare’ dall’a. ted. ‘haz’ spinta,   colpo + il pref. raff. ‘s’:  per   schiacciare)
Scazzà, àt(e) Schiacciare, calcare,   calpestare
Scazzamaurìegghj(i) Folletto, gnomo,   capriccioso e malevolo. Detto anche ‘mazzamurello’ o mazzamauriello
s.m. (meridionale). Folletto che, secondo la tradizione popolare, premia i   bambini buoni e punisce i cattivi. Accostamento fantastico che nasce dal   mulinello d’aria “viènt(e) scjrl(e)”, spiritello che secondo le   credenze popolari, portava ‘li spiriti e li mali ventÌ (Riviello). – (Da.:   ‘scazz(e)là’ girare >    ‘scazzarìegghj(e)’ piccolo giro = mulinello). (DEI; Cappello   1957)
Scazzapatàn(e), s.m. Schiacciapatate
Scazzèlla, s.f. Cavillo, arzigogolo,   scuse (Da ‘scazzìll(e)’ piccolo oggetto non ben definito’ in analogia al   piccolo motivo delle scuse, del cavillo proferito)  – Vài tr(e)vànn(e)   sùl(e) scazzèll(e)! = Va trovando solo scuse, solo cavilli!
Scazzetta Zucchetto, cappello a   forma emisferica usato per lo più da ecclesiastici
Scazzigghià, àt(e) e scazz(e)gghiàrs(e), àt(e) Disincastrare,   strappare, sconficcare, disaccoppiarsi – Contrario: ‘(i)ncazzigghià’ accoppiarsi, unirsi)
Scazzìll(e), s.m. Cazzetto, cazzatello,   scazzillo, (dial. nap.) uomo di bassa statura, ragazzino, (da ‘ cazzo). – Mò pàssa quìgghj(i), è nù scazzìll(e)! = Adesso passa quella   persona, è un piccoletto!  2. Termine che definisce un universo   vastissimo di piccoli oggetti curiosi che non si riescono a definire. – Pìgliam(e) quìgghiu scazzìll(e), p'(e) favòr(e) = Pigliami   quell’oggettino, per favore
Scèglj(i), scìev'(e)t(e) Scegliere – (Dal   Lat.: ex-eligere composto da ‘ex’ da (con senso di separazione) e ‘ligere   scegliere. Quindi separare la parte migliore di una cosa da quella peggiore)
Scèl(e), s.m. Gelo
Scèm(e), agg. Scemo, sciocco
Scèmpij(e), s.m. Scempio, tto di   violenza crudele e raccapricciante, strazio
Scènn(e), ìs(e) Scendere
Scèrm(e)t(e), s.m. Fascio di spighe   costituito da cinque mannelli ‘màtt(e)l(e)’ più piccoli, legati insieme da   una fascetta fatta di spighe stesse, che poi riuniti insieme formano un   covone ‘hrègna’. – Pl: ‘Scìerm(e)t(e)’  –  (Lat. ‘Mergite’ covone, attraverso una   forma metatetica diviene ‘Germite’ – Da: Diz. Etim. Manlio Cortelazzo –   UTET-2005 – pag. 234 alla voce ”jermitu”) – Vedere: “M(e)tènna”   –
Scèsa, s.f. Scesa, discesa,   declivio
Scèsa, s.f. Scesa, discesa
Scèv(e)ta, s.f. Scelta, selezione
Schiaccianòc(e), s.m. Schiaccianoci
Schiribìzz(e), s.m. Schiribizzo,   capriccio
S’chj(e)và, àt(e) Schiodare, liberare   dai chiodi
ScÌ(e)scj(i)ell(e), s.m. Ventriglio degli   uccelli (Dal lat.: ‘gigeria’, ‘gizeria’, vrntriglio dei polli – (Diz. Etim.   Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – voce ‘sciscèri’ pag. 391)
Sci, s.m. Sci, attrezzo, che,   assicurato al piede, consente di muoversi scivolando sulla neve (sci per   neve) o sull’acqua
Sciabb(e)là, àt(e) e Sciàbb(e)lià, àt(e) Blaterare, ciarlare,   chiacchierare
Sciabb(e)lià, àt(e) e Sciabb(e)là, àt(e) Ciarlare, blaterare,   chiacchierare. – (Da sciabolare, per l’uso continuo di muovere la lingua a   guisa di una sciabola)
Sciabb(e)lòn(e), agg. e sciabb(e)lacchiòn(e), s.m. Chiacchierone,   ciarlone, blaterone – (Da: ‘Sciabb(e)là’ sciabolare)
Sciàccquìn(e), s.m. Servitore, lacchè,   portaborse
Sciàcqu(e)tià, àt(e) Sciaguattare,   disguazzare di un liquido o di un corpo nell’acqua
Sciacqu(e)tiamìent(e), s.m. e Sciacquettamìend(e), s.m. Sciaguattamento,   disguazzamento di oggetti e spcialmente di mani o di piedi immersi   nell’acqua.
Sciàcquà, àt(e) Sciacquare
Sciàcquìn(e), s.m. Portaborse,   servitore, lacchè
Sciàffèrr(e), s.m. Autista di linea (Fr.   Chauffeur)
Sciàl(e)n(e), agg. e Giallàstr(e), agg. Pallido, giallastro
Scial(e)nàstr(e), agg. Giallastro, giallino
Scialà, àt(e) Scialare, dissipare a   proprio godimento, scialacquare, far vita splendida. (Dal. Lat.: exhalare,   spiegare al vento, gettare all’aria, fare sfoggio di qualsiasi cosa,   dissipare a proprio godimento, anche del tempo da trascorrere) –
Sciàlacquà, àt(e) Scialacquare
Sciàlapòp(e)l(e), Ciarlatano,   imbonitore, come usano fare i venditori ambulanti nell’offrire la merce
Sciàlb(e), agg. Scialbo, smorto,   scolorito
Sciall(e), agg. arc. e Ggiàll(e), s.m. Giallo
Sciàll(e), s.m. Scialle – Dim.:  ‘Sciallètt(e)’ s.m.’ o ‘ Sciallètta’ s.f. = Piccolo scialle
Sciamàrr(e), s.m. arc. e Pìch(e), s.e pl. m. Piccone. Pl.: Picconi   = “Pìch(e)” e “Sciamàrr(e)” – (Forse da ascia   + marra (zappa) [Rohlfs 1977], dalla forma delle due diverse estremità in   ferro che lo distinguono )
Sciàmbagnòn(e), s.m. Compagnone,  buontempone, persona di buona compagnia,   dedito ai piaceri specialmente del mangiare e del bere
Sciàmbagnòn(e), s.m. e agg. Prodigo, compagnone,   persona di buon a compagnia, buontempone, spendaccione
Sciàmìss(e), s.m. Soprabito leggero,   cappotto lungo e leggero, camicione, camice da lavoro. (Dal fr. ‘Chemise’   camicia)
Sciàmmèr(e)ca, s.f. Giubba, marsina, un   po’ più lunga, nata presso il popolo che voleva arieggiare i signori, per   ambizione od anche per dongiovannismo. 2. Copula, atto sessuale. – (dallo sp:   “chamberga” poiche’ durante il Risorgimento a Benevento il partito   della “giamberga” era quello degli aristocratici mentre quelli   della “giacchetta” erano i rivoluzionari. Quindi da allora per   indicare coloro che si atteggiano da signori si dice che indossano una   “sciàmmèr(e)ca”. La connessine con l’atto sessuale la si puo’   trovare, appunto, nella baldanza e nel vanto di una “sciàmmèr(e)ca”   che alcuni uomini si “fanno”
Sciàmmèr(e)ca, s.f. Atto sessuale, coito.   2. Giubba, marsina -( Etimo: vedere: giubba)
Sciàmpagnòn(e), s.m. Buontempone,  persona di buon a compagnia, compagnone,   spendaccione – (Dal fr.: ‘compagnon’ compagno)
Sciàncàt(e), s.m. e Sciangàt(e), s.m. Sciancato,   claudicante
Sciàpìt(e), agg. Scipito, insipido,   senza sapore 2. Insulso, sciocco
Sciàpìt(e), agg. Sciapido, scipito,   scarso di sale
Sciàrabbàll(e), s.m. Calesse, calesse con   più banchi,  veicolo vecchio e scassato   (fr. Chàr à bancs ‘ carrozza a quattro ruote con banchi)
Sciard(e)nìer(e), s.m. arc. e Giàrd(e)nìer(e), s.m. Giardiniere
Sciàrèngula, s.f. Lembo, frammento   pezzetto (Forse dal siciliano ‘sciàra’ = lingua di lava; Sciarengula =   piccola lingua > Lembo)
Sciàrr(e), s.m. Litigio, lite,   discussione, disputa – Stàm(e) n'(e) sciàrr(e) = Stiamo   in litigio
Sciàrrà, àt(e) Contendere,   sciarrare, bisticciare, litigare. (Da.: ant. ted. ‘zerran’, ‘zerjan’   stracciare, squarciare – O dall’arabo: ‘sciraz’ litigare)
Sciàrrà, àt(e) Inimicare, diventare   nemico. (Da: ‘Sciarra’ (Arc. o reg). = Rissa violenta) 2. Sgridare,   redarguire. 3. Litigare, bisticciare
Sciàrrà, àt(e) Litigare, bisticciare   (Da: ‘Sciarra’ (Arc. o reg). = Rissa violenta). 2. Sgridare, redarguire.   3.Inimicare, diventare nemico.
Sciàrrà, àt(e) Sgridare, redarguire.   Da: ‘Sciarra’ (Arc. o reg). = Rissa violenta). 2. Inimicare, diventare   nemico. 3. Litigare, bisticciare
Sciàrrà, àt(e) Riprendere,   redarguire 2. Bisticciare, litigare (L'(e)t(e)hà). 3. Inimicare, diventare nemico
Sciàrrà, àt(e) e L(e)t(e)hà, at(e) Bisticciare, litigare   (L'(e)t(e)hà) – Dall’it.:   ‘sciarra’ > forse dall’arabo: : ‘Sarra(h)’: ostilità, sciarra, alterco,   rissa rumorosa. – Anche: “Arrahattà”, arc.
Sciarrata, s.f. Litigata,   bisticciata, sciarra, rissa. Ant. ted. ‘zar l’atto di strappare’ che   tiene  all’ant. ted. ‘ ‘zerran’,   ‘zerjan’ stracciare, squarciare)
Sciasc(e)tà, àt(e) Zappettatura,   zappettatura leggera che si effettua più di una volta su terreni coltivati   per smuovere il terreno  (fra le viti,   nei rosai, ecc.) allo scopo di arearlo. – (Dal diminutivo di ‘Sc(e)cascià’   scassare = Sc(e)cascetià > poi: sciasc(e)tà) zappettare)
Sciàt(e)ca, s.f. Sciatica
Scì’engh(e), s.m. Bovino, giovenco.   Femm.: ‘Scjènga’
Scì’engh(e), s.m. Giovenco, bovino.   Femm.: ‘Scjènga’
Scì’enn(e)r(e), s.m. Genero
Scìglià, àt(e) Rimestare, frugare,   rimescolare, rimenare.(Da ‘scegliere’ – Dal Lat.: ex-eligere composto da ‘ex’   da (con senso di separazione) e ‘ligere scegliere. Perciò separare la parte   migliore di una cosa da quella peggiore e quindi rimestare)
Scìglià, àt(e) Razzolare,   scompigliare, rovistare, frugare – R'(e) gagghìn(e)   scìgliàvan(e) là pàglia = Le galline razzolavano nella paglia
Scìglià, àt(e) Scompigliare,   rovistare, frugare, razzolare
Scìglià, àt(e) Scompigliare,   disordinare, scombussolare, arruffare, frammischiare, mettere disordine fra   oggetti vari – (Dall’Enciclopedia dantesca: ‘discigliare,. . . . Come   documentò ampiamente il Biadene, il verbo ‛ (de)sciliare ‘ compare   frequentemente in testi dell’area centro-meridionale con il significato di   ” rovinare “, ” distruggere “, ” straziare “..   -http://www.treccani.it/enciclopedia/discigliare_(Enciclopedia-Dantesca)/
Scìgna, s.f. Sbornia, ubriacatura   > Tèn(e) nà scìgna! = Ha una sbronza! Anche:   permalosità, arrabbiatura > Làssa ù stà, tèn(e) nà scìgna! = lascialo stare, ha   un’arrabbiatura! – (da scimmia, dall’espressione e   dai modi poco umani di chi è ubriaco od è fuori di se. La stessa similitudine   la troviamo dal veneto: ‘simia’ al lazio: ‘scimia’, ecc.)
Scijà, àt(e) Sciare
Scìjengh(e), s.m. Vitello, giovenco
Scìmìt(e), s.m. e Sc(e)mìt(e), agg. Arc. Scimunito, stupido,   sprovveduto
Scimunìt(e), agg. e s.m. Scimunito   (reg,),  persona, incapace di ragionare   e di rendersi conto di quello che fa e dice – (dall’ant. It. ‘sciminito’,   ‘scimonito’ – vedere anche ‘Sc(e)m(e)nì’ scimunire)
Scìmunìt(e), s.m. Scimunito
Sciòlda, s.f. Sciolta, dissenteria,   diarrea. – Anche: “Zièl(e)”   e “Diarrèa”
Sciòper(e), s.m. Sciopero, astensione   dal lavoro. 2. Marinare la scuola
Sciòper(e), s.m. Marinare la scuola.   2. Sciopero, astensione dal lavoro
Scìrl(e), agg. Arricciato,   scompigliato, arruffato – Tèn(e) ì capìgghj(i) scjrl(e) = Ha i capelli ricci,   arruffati – Dal fr,: ‘cercle’ > sircle > scirl – lat.:  ‘circulus ‘Giro, circolo)
Scìrùpp(e), s.m. Sciroppo
Scìsc(e)ch(e), s.m. Frescura, fresco. –   (anche: ‘Frìsc(e)ch(e)’)
Scìsc(e)l(e), s.m. Carruba>seme di.   Seme della carruba, il frutto del    carrubo, albero delle Papilionacee
Sciuffà, àt(e) Storpiare,   azzoppare,deformare, malridurre. Dall’illiro, (Illiria, ex Iugoslavia):   “sciuf”, frangere, mettere in pezzi,  scompaginare la macchina di un uomo. (Dal:   Vocabolario universale italiano compilato a cura della Società tipografica   Tramater  e C. vol. I.  – Napoli dai torchi del Tramater  1829    – Nelle NOTE alla PREFAZIONE) al Capo XXI comma (13) – Sul web, da:   Full text of “Vocabolario universale italiano” – Internet Archive.)
Sciùffàt(e), agg Malconcio,  malridotto, sciancato – (Vedere: ‘Sciuffà’)
Sciùffàt(e), agg Sciancato,   malridotto, malconcio
Sciùla,  s.f. arc. e   scìvol(e), s,m. Scivolo
Sciùla, s.f. Scivolo, pendio –   Vìr(e) ghià (i)ngè nà bbèlla sciùla! = Vedi li c’ò un bel pendio, un bello   scivolo!
Sciùla_sciùla s.f. Scivolo<Gioco   dello. V(e)lìm(e) fa àa sciùla_sciùla? = Vogliamo giocare allo scivolo?
Sciùoch(e), s.m. Gioco. Perdere al   gioco dicesi anche “Scach(e)lià, àt(e)” oppure “Cardà, àt(e)”
Sciùpà, àt(e) Sciupare, sciuparsi,   deperire, smagrire. – T’avìssa sciupà sì m'(e) vièn(e)   aità! = Ti potresti sciupare se (alla lettera: mi   vieni ad aiutare) vieni a darmi una mano!
Sciùpafèmm(e)n(e), s.m. Donnaiolo,   dongiovanni
Sciùpamìend(e), s.m. Sciupio, inutile   consumo
Sciurr(e)ch(e), s.m. Calunnia, diceria,   maldicenza
Scj à ùrm(e), sciùt(e) à ùrm(e) Mandare qualcuno a   “cogliere olmi”: equivale a dire che, nel gioco della ‘Passatella’   (Patròn(e) e sòtta’), per   quella volta non può bere
Scj r'(e) cùorp(e), sciùt(e) r'(e) c. Defecare, andare di   corpo
Scj(e)ttà, àt(e) Gettare, buttare,   tirare
Scj'(i)_p(e)zzenn(e) Elemosinre, andare in   cerca di elemosina
Scj’, sciut(e) e Gì, giùt(e) Andare, condursi,   gire. – ij(e) vàch(e), tu vài, igghj(i) vài, nùi sciàm(e), vui sciàt(e),   lòr(e) vànn(e); (lat.: ‘ire’) – Vattene = ‘Vattìnn(e)’; – Andarsene = ‘scjrs(e)n(e)’ o ‘Gìrs(e)n(e)’ o ‘Gir(e)sìnn(e)’
Scj’, scjùt(e) Andare.  (dal lat. ‘ire’ giunto fino a noi, passando   da ‘gire’ a ‘scj'(re).) – (Pres. Indicat.: I’i vàch(e),   tù vài(e), ìgghj(i) vài(e), nùi scjàm(e), vùi scjàt(e), lòr(e) vànn(e)) – Andarsene: ‘scjrs(e)n(e)’
Scj_(i)nbaccìja, sciùt(e)_(i)nbaccìja Prodigarsi,   adoperarsi, sacrificarsi, affannarsi – (Da ‘paccìa’ pazzia: andare in pazzia,   andare in affanno) – Quìgghiu pòv(e)r(e) fìglj(i) scj   tànd(e) (i)nbaccija p'(e) là màmma = Quel povero figlio si prodigò tanto per   la madre
Scj_(i)ncùl(e), sciùt(e) (i)n. e Scjj_(i)ngùl(e), sciùt(e) (i)n. Fottere, fregare – E’   mò fàtt(e) scj (i)ngùl(e)! = E adesso fatti fottere!
Scjànga, s.f. e Hàmma, s.f. e Hàmba, s.f. Gamba, coscia   (Longob. ‘Ancha’)
Scjasciàrs(e), àt(e) Godere una situazione   particolarmente gradevole, poltrire, stare in panciolle, coccolarsi. – (Dal   nap. ‘sciascio’ sciatto, trascurato nella persona, negli abiti, flaccido,   grasso e lo stesso nap.’ chiatto’ persona grassa – la cui radice si può   ritenere arrivi dallo Sp.: ‘Chato’ ottuso, passato al milanese ‘ sciatt’   grosso e corto e all’it.: sciatto)
Scjasci’àrs(e), àt(e) e Scjascjàrs(e), àt(e) Coccolarsi,   godersela, poltroneggare, smammolarsi, spassarsela
Scjasciòn(e), s.m. Bontempone, vitaiolo,   gaudente, persona grassa, simpatica
Scjascjàrs(e), àt(e) e Scjasci’àrs(e), àt(e) Godersela,   poltroneggare, smammolarsi, coccolarsi, spassarsela
Scjàscjàrs, àt(e) Oziare,   poltroneggiare, coccolarsi
Scjàscjòn(e), Coccolone, ozioso,   persona pacifica
Scjascjòn(e), s.m. Sciascione (dial.   napol.), bambagióne [der. di bambagia]. Persona grassoccia e pacioccona. 2.   Vezzeggiativo amoroso, invece di caro, amore – Femm.: ‘sciasciòna’
Scjènca, s.f. e Scjènga, s.f. Ragazza giovane e   formosa. (in senso figurato). 2. Giovenca, vitella
Scjènga, s.f. e Scjènca, s.f. Giovenca, vitella   (Lat. Parlato jenix-icis variante di junix-icis: giovenca). 2. Ragazza   giovane e formosa (in senso figurato)
Scj’gghià, àt(e) Sconquassare,   sconnettere, abbattere, mutilare una pianta. 2. Storpiare, mutilare, restare   seza arti
Scj’gghià, àt(e) Storpiare, mutilare,   restare seza arti. 2. Sconquassare, sconnettere, abbattere, mutilare una   pianta
Scj’glj(i), s.m. Scompiglio,   groviglio,  guazzabuglio – Apriètt(e)   là pòrta, (i)ngèra nù scjgli(i)! = Aprii la porta, c’era uno scompiglio!
Scj’ja, s.ff. Scia, traccia
Scj’mmia, s.f. Scimmia
Scjonda, s.f. arc. e Aggiùnda, s.f. e Aggiònda, s.f. Aggiunta, aumento,   sovrappiù
Scjonta, s.f. arc. e Aggiùnda, s.f. e Aggiònda, s.f. Giuntura. 2.   Aggiunta, sovrappiù, aumento
Scjòscia, s.f. Sorella, sorellina. –   (Dall’it.: ‘ciocio’ e femm. ‘ciocia’ forse connesso a ‘cioccia’ da   ‘ciocciare’ poppare. Vezzegiativo e termine di carezza che si usa coi   bambini, invece di caro, diletto)
Scjotta, s.f. Broda, acqua di   cottura della pasta (Tardo Lat.: ‘jutta’ brodo, minestra acquosa)
Scjotta, s.f. Broda, acqua che   rimane dalla bollitura di pasta, delle verdure ecc.
Scjrl(e), s.m Giro, riccio,   cerchio. – Tèn(e) lì capìggh(i) scjrl(e) = Ha i capelli riccioluti –  Viènt(e) scjrl(e) = Mulinare del vento
Scjrs(e)n(e), s'(e) n’èia scjùt(e) Andarsene via
Scjsc(e)ch'(e), s.m. arc. e Frìsc(e)ch(e), s.m. Fischio
Scjscìell(e), s.m. e V(e)ndr(e)cìegghj(i), s.m. Ventriglio, stomaco   carnoso degli uccelli (Lat. ‘gigerium ‘gigeria’, al plur. ‘gizeria’   ‘ventrigli dei polli )
Scjùmm(e), s.m. Gobba, gibbosità –   Anche: “Hòbba”
Scjuquà Giocare
Scjuquà, àt(e) e Giuquà, àt(e) Giocare, giuocare
Scjuquatòr(e) Giocatore
Scjuquatore, s.m. arc. e Giocatòr(e), s.m. Giuocatore, arc. e   giocatore
Scjuta, s.f. Andata, tragitto
Scjùta, s.f. Andata, l’andare; il   cammino, il viaggio, gita – (Dal verbo: ‘scì, sciùt(e) andare)
Scjùv(e), s.m. Giogo. Giogo doppio   di garrese, per buoi, formato di una trave di legno, leggermente arcata alle   due estremità  alla quale sono fissati,   mediante gancetti in ferro “Chj(i)vètt(e)”, i due collari pure in legno dette”Bòsc(e)”   (al sing.’Vòsc(e)’),  per legare gli animali da tiro. Il giogo,   centralmente, viene legato al timone ‘T(e)mòn(e)’ del carro o all’aratro mediante una grossa cintura di cuoio,   detto: ‘Currèscj(i)a”.   –  Lat: ‘jugum’ e dall’indo-europeo:   ‘jug’, unire congiungere)
Scòl(e), s.m. Blenorragia, malattia   venerea
Scòla, s.f. Scolaresca. – Cù la scòla sìm(e) sciùt(e) à là gìta = Con la scolaresca siamo   andati in gita. 2. Scuola (Lat.: ‘scola’; Gr.:   ‘scholè’)
Scòla, s.f. Scuola (Lat.:   ‘scola’; Gr.: ‘scholè’). 2. Scolaresca
Scolamaccarùn(e), s.f. (arc.) e Scolapàsta, s.m. e Colapàsta,   s.m. Colapasta, scolapasta   (reg.)
Scolapàsta, s.m. e Colapàsta, s.m. e Scolamaccarùn(e), s.f.   (arc.) Scolapasta (reg),   colapasta
Scolàstich(e), agg. Scolastico
Scòlla, s.f. Cravatta  – (Dal nap.: ‘scolla’ pezzo triangolare di   stoffa che per lo più si usa dagli uomini ripiegato per cravatta. Termine,   presso di noi, ha assunto il significato di cravatta, in generale)
Scòmm(e)t(e), agg. Scomodo
Scondrìn(e), s.m. Scontrino, quietanza
Scònt(e), s.m. e scònd(e), s.m. Sconto
Scòntr(e), s.m. e Scòndr(e), s.m. Scontro
Scòpa r'(e) frùsc(e), s.f. Ramazza, scopa   grossolana di rami, di pungitopo (“Frùsc(e)”)
Scòpa r'(e) sc(e)nèstra, s.f. Ramazza, scopa fatta   con rami di ginestra, per pulizie all’aperto.
Scòpa, s.f. Scopa. Nel tempo sono   state usate prima quelle rudimentali fatte con rami di piante varie fino ad   arrivare agli anni 50 del XX sec. con quella di ‘saggina’. Ben fatta, robusta, realizzata con le sue ramificazioni   molto allungate. Quasi contemporaneamente e fino ai primi del nuovo secolo   XXI quella realizzata con i rametti filiformi della pianta di ‘erica’ con un manico in legno ed   infine quelle più moderne provenienti dall’industria, realizzate con   materiali vari. 2. Gioco delle carte
Scòppij(e), s.m. e Sc(e)còpp(e), s.m. arc. Scoppio, botto,   deflagrazione, esplosione, scoppio
Scòrr(e), scùrs(e) Scorrere, colare
Scòrza lìscia, s.m. Scansafatiche,   fannullone, ozioso
Scòrza, s.f. Scorza, corteccia,   buccia, involucro
Scòrza, s.f. Buccia, scorza,   corteccia, involucro
Scòs(e), ùt(e) Scucire, sdrucire
Scòs(e), ùt(e) Sdrucire, scucire
Scr(e)r(e)tà, àt(e) Screditare
Scrianzàt(e), agg. Screanzato,   maleducato
Scrìma, s.f. Scriminatura, riga   sottile che segna la spartizione dei capelli. – (Dal lat.: ‘discrimen’   divisione)
Scrìv(e), scrìtt(e) Scrivere
Scròfa, s.f. Scrofa
Scrùp(e)l(e), s.m. Scrupolo
Scrustà, àt(e) Scrostare, togliere   le croste
Scucchià, àt(e) Spaiarsi,   separarsi,  disunire, separare,   sdoppiare – (Contr. Di ‘accucchià’ accoppiare)
Scuccià, àt(e) Infastidire,   importunate, seccare, annoiarsi ( Da ‘coccia’ testa, con ‘s’ sottrattivo,   scaponire, far perdere la testa)
Scucciàt(e), agg. Seccato, infastidito,   scocciato (pop) ([part. pass. di scocciare), fam.  annoiato, contrariato, (pop.) girato,   infastidito, (volg.) scoglionato, seccato, urtato. (Vedere: ‘scuccià’). 2.   Calvo, privo di capelli
Scucciatòr(e), àt(e) Scocciatore (pop,   seccatore, importuno, fastidioso, rompiscatole
Scucuzzà, àt(e) e Scuzzà, àt(e) e Scuzz(e)ttà. àt(e) Scocuzzolare,   pareggiare, tagliare la parte più prominente. – (Scucuzzà: da ‘ch(e)còzza’   zucca > togliere un pezzo di zucca, simile ad una testa)
Scuff(e)là , àt(e) o Scuff(e)lià , àt(e) Sbucciare, emendare,   pelare, riferito alla rimozione della pellicina degli ortaggi, in genere   (Togliere la “Coff(e)la”, pelare).
Scuff(e)là , àt(e) o Scuff(e)lià , àt(e) Emendare, sbucciare,   pelare, riferito alla rimozione della pellicina degli ortaggi, in genere   (Togliere la “Coff(e)la”,   pelare).
Scùffia, s.f. Cuffia, berretta –   gr. ‘scofeion’
Scuglià, àt(e) volg. Evirare, castrare. 2.   Seccarsi, infastidirsi – (Da ‘coglione’ borsa dei testicoli: perdere il   dominio di se, seccarsi infastidirsi)
Scuglj(e)nàrs(e), àt(e) Scoglionarsi,  annoiarsi, infastidirsi; seccarsi,   scocciarsi
Scuglj(e)nàt(e), agg. Scoglionato,   annoiato, infastidito, scocciato, scoraggiato, scorato
Scuglj(i)nàrs(e), àt(e)    volg. Scoglionarsi,   annoiarsi, seccarsi, infastidirsi
Scuglj(i)nàt(e), agg. volg. Scoglionato, seccato,   infastidito, scocciato – (Alla lett.: ‘evirato’)
Scugnà, àt(e) Spuntare, smussare,   perdere il filo originario che la ricopriva    (Da: ‘conio’ forma alterata di cuneo, com’è una lama, con il prefisso   ‘s’ (lat.: ‘ex’ mandar fuori) quindi: far divenire come una lama senza punta.  2. Scontare, sdebitarsi, disobbigarsi,   ricambiare (arc.). Anche: ‘Scùnda’.  3. Sfasciare,   scompaginare. 4. Battere il grano per separarlo dalla paglia e dalla pula
Scugnàt(e), agg. Spuntato, smussato,   che non taglia. – (Da ‘scugnà’ spuntare)
Sculà, àt(e) e Culà, àt(e) Scolare, colare,   colar giu
Sculàr(e), s.m. Scolaro
Sculatùra, s.f. Scolatura
Scullà, àt(e) Scollare
Scullà, àt(e) Scollare, staccare
Scullatùra, s.f. Scollatura
Scullìn(e), s.m. Cravatta a farfalla
Sculurà, àt(e) Stingere, scolorire
Sculurì, ìt(e) Scolorire, stingere
Scum(e)n'(e)cà, àt(e) e Scumm(e)n'(e)cà, àt(e) Scomunicare
Scùm(e)n(e)cà, àt(e) e Scùmm(e)n(e)cà, àt(e) Scomunicare
Scumb(e)nà, àt(e) Scombinare, mettere   in disordine, sconvolgere. 2. Scombinare, discordare, non essere più   d’accordo
Scumb(e)nà, àt(e) Scombinare,   discordare, non essere più d’accordo. 2. Scombinare, mettere in disordine,   sconvolgere
Scumbarì, scumbàrs(e) o scumbarùt(e) e Scumparì, scumpàrs(e) o   scumparùt(e) Sparire, scomparire,   far brutta figura di se
Scumbònn(e), scumbùost o scumb(e)nnùt(e) Scomporre, scomporsi:   in frasi negative, conservare un’assoluta indifferenza o   imperturbabilità.  – N’n   s'(e) scumbòn(e) p'(e) niènd(e) = Non si scompone per nulla. 2. Scomporre, disfare
Scumbràrs(e), scumbràt(e) e Spandàrs(e), spandàt(e) Seccarsi, scorarsi,   pensare di fare qualcosa di malavoglia – S'(e) scumbràva   r'(e) v(e)nì à Calìtr(e) – Si seccava di venire a Calitri
Scumbràrs(e), scumbràt(e) e Spandàrs(e), spandàt(e) Seccarsi, scorarsi,   sgomentarsi, pensare di fare qualcosa di malavoglia – Ìi(e) m'(e)   scumbrèi(e), tù t'(e) scumbrìi(e), hìgghj(i) s(e) scumbrèia, nùi(e) n'(e)   scumbràm(e), vùi v'(e) scumbràt(e), lòr(e) s'(e) scumbrèian(e). – S'(e)   scumbràva r'(e) v(e)nì à Calìtr(e) – Si seccava di venire a Calitri
Scumm(e)glià, àt(e) Scoprire, svelare,   mettere in mostra, scoperchiare.- Coprire: ‘cummiglià’
Scùmm(e)n(e)cà, àt(e) e Scùm(e)n(e)cà, àt(e) Scomunicare
Scumm(e)n(e)càt(e), Scomunicato. 2.   Scostumato, maleducato, screanzato
Scumm(e)n(e)càt(e), Scostumato,   maleducato, screanzato. 2. Scomunicato
Scumm(e)t(e)tòr(e), s.m. Scommettitore
Scumm(e)tà, àt(e) Scomodare
Scumm(e)zzà, àt(e) Decurtare, diminuire,   dimezzare
Scummèssa, s.f. Scommessa
Scummètt(e), scummìs(e) Scommettere
Scummiglià, àt(e) Scoprire,   scoperchiare, far vedere
Scummiglià, àt(e), s.f. Scoprire,   scoperchiare, denudare. – (Da: cummiglià)
Scummùn(e)ca, s.f. Scalogna, sfortuna,   maledizione – Quìgghj(i) tèn(e) à scummun(e)ca = quello è   sfortunato (perseguitato dalla sfortuna)
Scumparì, scumpàrs(e) o scumparùt(e) e Scumbarì, scumbàrs(e) o   scumbarùt(e) Scomparire, sparire,   far brutta figura di se
Scumpònn(e), scumpùost o scump(e)nnùt(e) Scomporre, disfare.   2. Scomporre, scomporsi: in frasi negative, conservare un’assoluta   indifferenza o imperturbabilità
Scumùn(e)ca, s.f. Scomunica
Scun(e)cchià, àt(e) Rovinare, cadere, non   reggersi in piedi. (Da: ‘cunòcchia’ stampella, con il suff. verb. ‘S’ con il significato di   cadere dalle stampelle)
Scundrafà, àtt(e) Disfare, scomporre,   disgregare, scompigliare
Scundrafàrs(e), àt(e) e Scuntrafàrs(e), àtt(e) Contraffarsi,   deformarsi, storpiarsi della persona – Vìr(e) quègghia   (fèmm(e)na), s’èia tòtta scuntrafàtta = Vedi quella (donna), è ingrassata,   disfatta a dismisura) – Anche: ‘Sc(e)cusc(e)nàrs(e)’
Scunf(e)rà, àt(e) Sgomentare,   scoraggiarsi, disanimarsi
Scunfìr(e), s.m. Sgomento, spavento
Scunguàss(e), s.m. Sconquasso, disastro,   scatafascio, danno
Scunguassà, àte(e) Sconquassare
Scùnt(e), s.m. e Scùnd(e), s.m. Sconto, a   sconto.  Vièn(e)m(e) aità à zappà là   vìgna à scùnd(e), po’ vèngh(e)  ìj(e)   a’itàrt(e) = Vienimi ad aiutare a zappare il vigneto, a sdebito, poi vengo io   ad aiutarti
Scuntà, àt(e) e Scundà, àt(e) Scontare
Scuntandà, àt(e) Scontentare
Scuntandà, àt(e) e Scundandà, àt(e) Scontentare
Scuntandèzza, s.f. e Scundandèzza, s.f. Scontendezza
Scuntènd(e) e Scundènd(e), agg. Scontento, triste,   avvilito
Scuntènd(e), agg. e Scundènd(e), agg. Scontento
Scuntrà àt(e), Scùndrà, àt(e) e T(e)zzà, àt(e) arc. Scontrare
Scuntrùs(e), agg. e Scundrùs(e), agg Scontroso, restio,   ritroso
Scunucchià, àt(e) e scun(e)cchià, àt(e) Rovinare, cadere, non   reggersi in piedi (Da: ‘cunòcchia’ stampella)
Scunz(e)là, àt(e) Sconsolare
Scunzà, àt(e) Disturbare,   infastidire, spostare, muovere, spostare – A’gg(e)   s(e)st(e)màt(e) lì b’e)cchièr(e), n'(e) r'(e) scunzà = Ho messo a posto i   bicchieri non li spostare. (Dal lat.: ‘concinnare’   congegnare, mettere insieme acconciamente, che è lo stesso: ‘ac consare’   acconciare; quindi il nostro: scunzà ‘ex consare’ si traduce in: smuovere quello che era ordinato)
Scùorn(e), s.m. Timidezza, imbarazzo,   onta. 2. Scorno, grave vergogna
Scùorn(e), s.m. Scorno, grave   vergogna. 2. Timidezza, imbarazzo, onta
Scup(e)cègghia, s.f. Scopina, piccola   scopa
Scup(e)rchià, àt(e) Scoperchiare
Scup(e)ttà, àt(e) Spazzolare
Scupà, àt(e) Scopare
Scupèrta, s.f. Scoperta,   scoprimento, ivenzione
Scupètta, s.f. Spazzola
Scupìert, agg. Scoperto,   scoperchiato
Scupìgghj(i), s.m. Scopino, in genere di   saggina, usato in cucina per la pulizia del ripiano per la lavorazione della   pasta o per altro.
Scupìgghj(i)_ammènn(e), s.m. Aspersorio, verghetta   metallica con la punta a sfera, a volte ricoperta di setole, usata dal prete   per spruzzare l’acqua benedetta (Termine scherzosamente usato)
Scupirchià, àt(e) Scoperchiare,   scoprire
Scupòn(e), s.m. Scopone, gioco delle   carte
Scuprì, scupìert(e) Scoprire,   scoperchiare
Scuquìcchj(i), agg Piccino, minuscolo,   uno schizzo
Scur(e), agg. e s.m. Buio, oscuro
Scùr(e), agg. e s.m. Scuro, anta cieca   della parte interna di una finestra. 2. Scuro, agg.; All’oscuro = “A’ à scùra”
Scur(e)scjà, àt(e) arc. e scurà, àt(e) Scurire, abbuiare,   offuscare del cielo
Scura, agg. Oscuro, buio
Scurà, àt(e) Annottare, oscurare,   fare buio, scurare, riferito alle condizioni meteorologiche – Arr(i)và chi   èra scuràt(e) = Arrivò che era fatto buio
Scurà, àt(e) Oscurare, scurare,   riferito alle condizioni meteorologiche, fare buio, annottare – Arr(i)và chi   èra scuràt(e) = Arrivò che era fatto buio
Scurà, àt(e) Scurare, oscurare –   Stài p'(e) scurà, t(e)rnàm(e) a càsa = Sta per scurare, torniamo a casa
Scuraggià, àt(e) Scoraggiare,   disanimare,
Scuraggiàrs(e), àt(e) Scoraggiarsi,   sconfortarsi
Scurcià, àt(e) Scuoiare, scoiare,   spellare, togliere la pelle rivoltandola su se stessa. – (Dal latino:   ‘curtiare’ accorciare ed il prefisso ‘ex’ da > da accorciare). 2.   Scorciare, accorciare, rivoltare (Anche: ‘Accurcià,   àt(e)’)
Scurcià, àt(e) Scorciare,   accorciare, ridurre opportunamente la lunghezza, rivoltare. – Sì t(e) fàc(e) càll(e) scòrciat(e) r(e) man(e)ch(e) = Se hai   calco scorciati le maniche. 2. Scuoiare, scoiare,   togliere la pelle
Scurciàt(e), agg. Scoiato, scuoiato,   spellato. 2. Spiccicato (reg), identico, somigliante in   maniera incredibile – Quègghia   èia là màmma scurciàta! = Quella è la madre spiccicata!
Scurciàt(e), agg. Spiccicato (reg),   identico, somigliante in maniera incredibile – Quègghia   èia là màmma scurciàta! = Quella è la madre spiccicata! – 2. Scoiato,   scuoiato, spellato
Scurciatòra, s.f. Scorciatoia
Scurdà, àt(e) Scordare,   dimenticare. 2. Perdere l’accordatura di strumenti musicali. 3. Stonare,   guastare l’accordatura di strumenti musicali.
Scurì, ìt(e) e ùt(e) Scurire, dare una   tonalità scura
Scurìa, s.f. Oscurità, buio,   caligine, tenebra. – Quegghia sèra, p'(e) là stràda,   (i)ngèra nà scurìa! = Quella sera, per la strada, c’era un’oscurità!
Scuriàl(e), s.m. e sc(e)curiàl(e) s.m. Scudiscio, scuriscio   (arc.), frusta con fiocco, usato per cavalli – (Dal b. brett: ‘skourjez’   frusta, sferza)
Scurl(e)zzàt(e), agg, Malfermo,   traballante, barcollante, vacillante: andatura di una bestia da soma, per   l’eccessivo carico o per vecchiaia (Da: ‘cul(e)rùzz(e)’ sedere (fondoschiena)   ed s-ablativo)
Scurluzzà, àt(e) Barcollare,   vacillare, traballare: andatura di una bestia da soma, per l’eccessivo carico   o per vecchiaia
Scurmà, àt(e) Scolmare, levare la   colmatura di qualche cosa
Scurmatòra, s.f. Colmatura, quanto   sopravanza dal colmo d’un recipiente. – A’v(e) pùost(e) r'(e) gràn(e)   mèglj(i) (i)ndà là scurmatòra r'(e) lù sàcch(e) accùssì frèca à quìgghj(i)   chì s'(e) r’accàtta = ha messo il grano migliore nella colmatura del sacco   per ingannare il compratore
Scurnà, àt(e) Cozzare, affrontarsi   in un diverbio e dirsela tutta, litigare.
Scurnà, àt(e) Cozzare, affrontarsi   in un diverbio e dirsela tutta, litigare. 2. Scornare, restare senza corna.
Scurnacchiàt(e), agg Uomo che ha perso   l’onore, esposto al pubblico ludibrio, uomo di poco conto. Colui di cui si   sono scoperte le corna.
Scurnàt(e), agg Scornato
Scurnùs(e), agg. Timido, peritoso,   vergognoso – Si usa anche l’espressione “N'(e)n   hàv(e) còr(e)”
Scurpà, àt(e) arc. Discolpare 2.   Ripulire, mondare, da corpi estranei, dalle infestazioni
Scurpariccia, s.f. arc. Donna anziana e   brutta, equiparata a mondezza. – (Da ‘Scurpà’ ripulire, mondare)
Scurr(e)scià, àt(e) Scoreggiare, fare   scoregge. – (Dall’it. “scorrere”. Dall’analogia con il significato   del termine, suo proprio, di: Propriamente il muoversi di cose, che,   scappando dal loro ritegno, camminano troppo più velocemente del bisogno)
Scurr(e)scià, àt(e) e Scurr(e)scijà, àt(e) Bighellonare,   vagabondare, oziare, perdere tempo. – (Dall’it. “Scorrere”, fare   scorrerie, scorazzare)
Scurr(e)sciàta, s.f. Scorreggia,   peto.  – (Dall’it.   “scorrere”. Dall’analogia con il significato del termine, suo   proprio, di: Propriamente il muoversi di cose, che, scappando dal loro   ritegno, camminano troppo più velocemente del bisogno)
Scurr(e)scijà, àt(e) Scoreggiare, fare   scoregge
Scurr(e)scijà, àt(e) e Scurr(e)scià, àt(e) Gironzolare,   vagabondare,, bighellonare,  oziare,   perdere il tempo. – (Dall’it. “Scorrere”, fare scorrerie,   scorazzare)
Scurrèggia, s.f. Scoreggia, peto,  flatulenza. Anche: “Pèrda” e   “Cròsc(e)ca” e “Pìrd(e)
Scurrèggia, s.f. Scoreggia, emissione   rumorosa di gas intestinali dall’ano; peto. – (Dall’it. “scorrere”.   Dall’analogia con il significato del termine, suo proprio, di: Propriamente   il muoversi di cose, che, scappando dal loro ritegno, camminano troppo più   velocemente del bisogno))
Scurt(e)cà, àt(e) Scorticare, togliere   la corteccia
Scurzà, àt(e) Scortecciare,   togliere la corteccia (‘scòrza’)
Scurzòn(e), s.m. Scorzone, inteso come   vecchia scorza, vecchia crosta malandata, vecchio essere vivente – E’ nù scurzòn r'(e) càn(e)    = E’ una vecchia scorza di cane
Scurzòn(e), s.m. Essere vivente   decrepito. E’ nù scurzòn(e) r'(e) càn(e) = Di chi è quel cane 2. Scorzone,   inteso come vecchia scorza, vecchia crosta malandata.
Scusc(e)nà, àt(e) e Sc(e)cusc(e)nà, àt(e) Deformare, rovinare,   storpiare, colpire con bastonate, dilombare – Aàviènn(e)   sc(e)cusc(e)nàt(e) r'(e) mazzàt(e) = Lo avevano storpiato di bastonate –  Anche.   ‘sc(e)cusc(e)nàrs(e)’ : Deformarsi fisicamente. – (Da: dial. nap.   “scuscinà”, bastonare; dall’etimo dello stesso dialetto nap.  col significato di ridurre qualcuno ad un   “cuosciolo” piano impagliato delle sedie)
Scust(e)màt(e), agg. Scostumato, vizioso,   immorale
Scustà, àt(e) Scostare, spostare,   allontanare
Scusùt(e), agg. Scucito, sdrucito
Scut(e)cà, àt(e) Lavare, lavarsi, in   caso di grossa sporcizia .  2.   Scoticare, inteso per lo più come pulizia di fondo da morchie, da unto   rappreso, da sostanze grasse Lavare, lavarsi
Scut(e)cà, àt(e) Scoticare, inteso per   lo più come pulizia di fondo da morchie, da unto rappreso, da sostanze   grasse. 2. Lavare, lavarsi, in caso di grossa sporcizia
Scut(e)là, àt(e) e Scut(e)lià, àt(e) Scuotere. scrollare,   agitare. (Da: ‘Cut(e)là’:   scuotere * il pref. ‘S’ di rafforzativo)- Scut(e)lèia   lù sàcch(e)! – Scuoti il sacco! (per far cascare   eventuali rimanenze del contenuto)
Scutègghia, s.f. Scodella, tazza
Scutìeggj(i), s.m. Scodellino
Scuzz(e)cà, àt(e) Scrostare, distaccare   la crosta di sangue (“Còzz(e)ca”). – A’ ferìta s’èia già   scuzz(e)càta = La ferita si è gia liberata (distaccata) della crosta.
Scuzz(e)là, àt(e) e Scuzz(e)lià, àt(e), arc. Sbucciare, scorzare,   sgusciare,  togliere la scorza. (Da   ‘scòrza’ scorza al lat. ‘scŏrtea’ «veste di pelle,  (der. di scortum «pelle») – M'(e) piàc(e) l’ùov(e) scuzz(e)làt(e) = A me piace l’uovo   sgusciato – L’ài scuzz(e)làt(e) lù m(e)lìggh(i)? = Hai sbucciato la mela?
Scuzz(e)lià, àt(e) e Scuzz(e)là, àt(e), arc. Scorzare, sbucciare,   scorzare, sgusciare,  togliere la   scorza. (Da ‘scòrza’ scorza al lat. ‘scŏrtea’ «veste di pelle,  (der. di scortum «pelle») – M'(e) piàc(e) l’ùov(e) scuzz(e)làt(e) = A me piace l’uovo   sgusciato – L’ài scuzz(e)làt(e) lù m(e)lìggh(i)? = Hai sbucciato la mela?
Scuzz(e)ttà, àt(e) e scucuzzà, àt(e) e Scuzzà, àt(e) Scocuzzolare,   pareggiare, tagliare la parte più prominente – (Scuzz(e)ttà: da ‘cuzzètt(e)’   togliere un pezzo della testa)
Scuzzà, àt(e) Rapare, rasare i   capelli totalmente. 2. “Scuzzà” = Scocuzzolare, pareggiare,   tagliare la parte più prominente
Scuzzà, àt(e) e Scucuzzà, àt(e) e Scuzz(e)ttà. àt(e) Pareggiare,   scocuzzolare, tagliare la parte più prominente. – (Scuzzà: da ‘còzza’ testa   > togliere un pezzo della testa)
Sd(e)gnùs(e), agg. Sdegnoso
Sdànga, s.f. Stanga, sbarra, di   legno, di ferro od d’altro materiale. 2. Ragazza, bella, alta, longilinea.   (Per similitudine ad una ‘stanga’, pertica)
Sdangàta, s.f. e Stangàta, s.f. Colpo, tiro violento   inferto con una stanga (‘stànga’   e ‘sdànga’), un bastone
Sdègn(e), s.m. Sdegno, veemenza,   impeto – Hàv(e) chiùs(e) la pòrta r'(e) sdègn(e) = Ha   chiuso la porta con veemenza
Sè, avv. cong. pron. Se
Sèca, s.f. Sega. 2.   Masturbazione
Sèca, s.f. Masturbazione. Vedere   anche: ‘S(e)càcchj(i)’ e ‘ Str(e)ngòn(e)’. 2. Sega
Secanaiènza, s.f. Stoffa scadente, di   poco conto
Sècc(e)ta, s.f. e Sìcc(e)ta, s.f. Siccità, aridità,   seccore. – (Dalla rad. lat. di: ‘siccus’ secco)
Sècca, s.f. Sete
Secònd(e), prep. Secondo,   conformemente
Secònd(e), s.m. e  agg.   num. Secondo
Sècul(e), s.m. Secolo
Sèggia, s.f. Sedia, seggiola   (variante arcaica di ‘seggio’))
Sèglj(i), s(e)gliùt(e) Scegliere, cernere,   distinguere
Segnalìneh(e), s.m. Segnalinee (Nel gioco   del calcio)
Seguì, ìt(e) Seguire, anche:   “appresso<Andare”.
Sèguit(e), s.m. Seguito,   accompagnamento, scorta. 2. Insieme di cose o fatti che si susseguono.   (vedere anche:  ‘Zèquit(e)’)
Sèi, agg. num. Sei
Seicìend Seicento
Sèl(e)va, s.f. Selva
Sèlla, s.f. Sella. Il basto   chiamasi: “Vàrda”
Sèm(e), s.m. Seme
Semàfor(e), s.m. Semaforo
Sèmi_sèm(e), s.m. e pl. Liquirizia<Granuli   di. Semini di liquirizia in granuli
Sèmm(e)na, s.f. Semina
Sèmp(e), avv. e Sèmb(e), avv. Sempre
Senatòr(e), s.m. Senatore
Sènga, s.f. e Sìngh(e), s.m. Traccia, segno,   fenditura, intacco, incisione – (Dal lat.: ‘signum’ pl.: ‘signa’con uno   sviluppo singolare del nesso ‘gn’ non ignoto all’italiano stesso (punga   ‘pugna’ in Dante)(Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005, pag. 398 alla   voce ‘sénga’) -Anche ‘(i)Ndàcch(e)’
Sènt(e), ùt(e) e Sènd(e), ùt(e) Sentire. –  -M’ài s(e)ndùt(e)? = Mi hai sentito?  oppure anche: M’è s(e)ndùt(e)?
Sènz(e), s.m. Senso, senzazione,   impressione, percezione, sapore – Àv(e) pèrs(e) lì   sìenz(e) = ha perso i sensi
Sèp(e), s.m. e S(e)pàla, s.f. Riparo, siepe,   barriera generalmente costituita da arbusti
Sèp(e), s.m. e S(e)pàla, s.f. Siepe divisoria nei   campi, ed è passata al nome della pianta, che spesso si usa per costituirla
Seppellì, ìt(e) e S(e)ppellì, ìt(e) arc. Seppellire, infossare   “(i)Nf(e)ssà”
Sèr(e)v(e), s.m. Servo – Serva: ‘Sèr(e)va’
Sèr(e)va, s.f. Serva
Sèra, s.f. Sera. – All calare   del sole isi usa anchei: a’ “Vindiquattòr(e)”
Sèrb(e), agg. e s.m. Serbo
Serbatòi(e), s.m. Serbatoio
Sèrbia, s.f. Serbia
Sèrpa, s.f. Serpe, serpente –   Piccola: ‘ S(e)rp(e)cègghia’, ‘s(e)rpòsc(e)la’
Sèrra, s.f. Serra, cresta di   monte, salita, altura. 2. Vivaio, al chiuso. (Dal lat. ‘serra’ per   “secra” sega, catena di monti, a motivo della loro forma dentata).   – (Corrispondente dello sp.: ‘sierra’) – Accrescitivo di serra::   ‘S(e)rròn(e)” s.m.
Sèrv(e), s(e)rvùt(e) Servire
Sèrv(e), s.m. Domestico, servo
Sèrva, s.m. Servo, domestico
Sèst(e), agg. num. Sesto
Sèstupl(e), agg. e s.m. Sestuplo
Sèt(e)la, s.f. Setola
Sèta, s.f. Setaccio fine
Sètt(e), agg. num. card. Sette
Sett(e)cìend Settecento
Sett(e)màzz(e), s.m. Baldacchino, detto   anche ‘Gijassèmb(e)r(e)’,   formato da una grande pezza di stoffa, e sostenuta da sette aste   caratterizzate da drappelloni e fregi intorno che fa da tabernacolo al   Santissimo Sacramento. Viene portato in giro, durante le solenni processioni   religiose, facendo da ombrello al sacerdote officiante che mostrando l’ostia   consacrata, nell’ostensorio, a tutti, cantando inni religiosi unitamente ai   fedeli.
Sèttim(e), agg. num. Settimo
Sèttupl(e), agg. e s.m. Settuplo
Sèuì, ìt(e) Seguire, anche:   “appresso<Andare”.
Sf(e)catàrse, àt(e) Sfegatarsi,   concitarsi, eccitarsi
Sf(e)catàt(e), agg. Sfegatato, concitato,   eccitato, coraggioso, intraprendente
Sf(e)glià, àt(e) Sfogliare, sfrondare
Sf(e)l(e)sc(e)nà, àt(e) Ragnatele<Levare   le. Levare le ragnatele con lo spazzolone. – (Da ‘fuliggine’, paragonando le   ragnatele alla fuliggine, essendo nere e sporche di polvere)
Sf(e)l(e)sc(e)nà, àt(e) Fuliggine<Rimuovere.   Il significato è riferito più che altro alla rimozione delle ragnatele
Sf(e)là, àt(e) Rubare , portare via   – L’hànn(e) sf(e)làt(e) lù portafògl(i) rà (i)ndà là   sàcca = Gli hanno portato via il portafoglio dalla tasca. 2. Sfilare,   estrarre oggetti infilati o inseriti; 3. Togliere i fili da un tessuto.   3.
Sf(e)là, àt(e) Sfilare, estrarre   oggetti infilati o inseriti – Sfìla ù màn(e)c(o) rà   l’accètta = Sila il manico dall’ascia;  2. Togliere i fili da un tessuto. 3. Rubare   , portare via
Sf(e)làta, s.f. Avvio, avviamento,   l’iniziare bene, imboccare la strada giusta – Finalmènt(e)   hàv(e) pigliàt(e) àa sf(e)làta! = Finalmente ha trovato il modo di procedere   spedito! 2. Sfilata, passaggio di persone o cose   messe in fila ed anche semplicemente messe una dietro l’altra.
Sf(e)làta, s.f. Sfilata, passaggio di   persone o cose messe in fila ed anche semplicemente messe una dietro l’altra.   2. Avvio, avviamento, l’iniziare bene, imboccare la strada giusta
Sf(e)lazzà, àt(e) Sfilacciare, disfare   a filo a filo un tessuto. 2. Sfilacciare,perdere i fili dell’ordito di un   tessuto – Ù macquatrièggh(i) s’èia sf(e)lazzàt(e) = Il fazzoletto si è   sfilacciato
Sf(e)llà, àt(e) Sfollare
Sf(e)lùs(e), agg. Cavilloso,   pretestatario
Sf(e)n(e)strà, àt(e) Impazzire, uscire di   senno, dissennare
Sf(e)n(e)stràt(e), agg. Dissennato,   squilibrato, avventato, stolto. (Da: ‘Sfinestrare’, termine usato col   significato letterale di ‘perdere le finestre (del cervello)’ perdere il lume   del cervello, uscire di senno. – Quìgghiu è nù sf(e)n(e)stràt(e), n’nnù scì   apprìess(e) = Quello è uno squilibrato, non gli star dietro
Sf(e)nnà, àt(e) Sfondare, rompere,   sprofondare
Sf(e)rià, àt(e) Sfuriare,  Sfogo violento e improvviso di passioni e   sentimenti, spec. ira, collera, risentimento; rimprovero aspro e concitato
Sf(e)riàta, s.f. Sfuriata, sfogo   violento e improvviso di passioni e sentimenti, spec. ira, collera,   risentimento; rimprovero aspro e concitato
Sf(e)rmà, àt(e) Sformare, deformare   2. Sformare, estrarre dalla forma
Sf(e)rmà, àt(e) Sformare, estrarre   dalla forma. 2. Sformare, deformare
Sf(e)rnà, àt(e) Sfornare
Sf(e)rrà, àt(e) Sferrare
Sf(e)rròn(e), s.m. Coltellaccio.   Coltello vecchio, arruginito,
Sf(e)rròn(e), s.m. e Sf(e)rzòn(e), s.m. Coltellaccio, sferra,   coltello male in arnese
Sf(e)rt(e)nàt(e), agg. Sfortunato
Sf(e)rtùna, s.f. Sfortuna
Sf(e)rzà, àt(e) Sforzare
Sf(e)rzòn(e), s.m. e Sf(e)rròn(e), s.m. Sferra, coltellaccio,   coltello male in arnese
Sf(e)rzòn, s.m. Catorcio, arnese   malandato, vecchio (detto di animale) –    (Dal gergo dialett. meridionale ‘sfèrra’ lama dei coltello con il   suffisso ‘òn’ one per indicare una).- E’ v(e)nùt(e) cù nù sf(e)rzòn(e) r’   càn(e) = E’ venuto con un cane vecchio, malandato)  –   –   (Dall’it.  sfèrra’. In mascalcia, ferro   rotto o vecchio che è stato tolto dal piede del cavallo. Dal lat.:   ‘ex-ferrum’). 2. Coltellaccio a sua volta dal deverbale di ‘sferrare’   sfoderare, togliere il ‘ferro’ dal fodero. Dal lat.: ‘ex-ferrum’)
Sf(e)ssà, àt(e) Picchiare, malmenare,   pestare, rovinare, ridurre in cattivo stato. – (Dal lat.’ fessus’ stanco, nel   senso di ridurre qualcuno stanco, spossato, in cattivo stato)
Sf(e)ssàt(e), s.m. Persona misera,   limitata.  2. Sventurato, povero
Sf(e)ssàt(e), s.m. Sventurato, povero.   2. persona misera, limitata
Sf(e)tt(e)mìent(e), s.m. Sfottimento
Sf(e)tt(e)tòr(e), s.m. Sfottitore
Sf(e)tt(e)tùra, s.m. Sfottitura
Sfà, àtt(e) Disfare. – Hàv(e)   sfàtt(e) ù liètt(e) = Ha disfatto il letto. 2. Guastarsi, andare in   decomposizione
Sfac(e)nnàt(e), s.m. e agg. Sfaccendato, ozioso,   sfaticato
Sfacciàrs(e), àt(e) Sfrontarsi, sborrare,   esprimere intraprendenza. Farsi coraggio rasentando la sfacciataggine. – S'(e) sfaccià e n’ù rìss(e) quàtt(e) – Si fece coraggio e glie   ne disse tante… – S'(e) sfaccià e gì a parlà direttament(e) (i)ndà lù   vèscov(e)  – Si fece ardito e andò a   parlare direttamente con il vescovo
Sfacciàt(e), agg. Sfacciato, senza   ritegno, senza pudore
Sfaccìmma, s.m. Sfaccimma, s.m. dial.   napol. – Uomo senza scrupoli, imbroglione, filibustiere , sfacciato   sfrontato. (Dai dialetti: campano: Sparcima; calabrese Sparchimi; siciliano:   Spacchimi; salentino: Spaccima che significano: Sperma, seme genitale ed   anche porcheria, schifezza) – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005)
Sfacèl(e), s.m. Sfacelo
Sfagghià, àt(e) Fallire un proposito,   il mancare, il venir meno, crollare, fare fiasco, venire a mancare. – (Da   ‘fallo’ mancanza, errore, con il pref. verb. ‘s’: per fallire) – Ièr(e)   avìemma scì(i) a’Av(e)llìn(e), mà po’ èia sfagghiàt(e) = Ieri saremmo dovuti   andare ad Avellino, ma poi abbiabo fallito (il proposito)
Sfaldà, àt(e) Sfaldare
Sfar(e)nà, àt(e) Sfarinare
Sfas(e)làt(e), agg Squattrinato, senza   un soldo – lett.: In senso traslato, senza fagioli ‘fasùl(e)’
Sfàsc(e), s.m. Autodemolizione   (neologismo). 2. Sfasciacarrozze, luogo ove si smantellano gli autoveicoli
Sfàsc(e), s.m. Sfasciacarrozze,   luogo ove si smantellano gli autoveicoli. “Autodemolizione”
Sfascià, àt(e) Sfasciare, rompere,   scompaginare – Anche: ‘Scugnà’   (arc.)
Sfast(e)rià, àt(e) Fastidiare, recare   fastidio, venire in fastidio. Spazientire, scocciare, stufare, irritare,   disturbare
Sfàst(e)riùs(e), agg Fastidioso,   disagevole, disturbante. Persona che non ha volglia di sopportare le   molestie, impaziente – N'(e)n’ù parlà màngh(e), è nù tìp(e) sfast(e)riùs(e) =   Non gli parlare neanche, è un tipo fastidioso, non ha voglia di sopportare le   molestie. 2. Impegnativo, difficile, noioso. – Nicòla   n'(e)n ù vòl(e) fà ù s(e)rvìzzij(e), rìc(e) cà èia tròpp(e) sfàst(e)riùs(e)!   = Nicola non vuole fare la commissione dice che è troppo impegnativa
Sfàst(e)riùs(e), agg Impegnativo,   difficile, noioso. – Nicòla n'(e)n ù vòl(e) fà ù s(e)rvìzzij(e), rìc(e) cà   èia tròpp(e) sfàst(e)riùs(e)! = Nicola non vuole fare la commissione dice che   è troppo impegnativa. 2. Fastidioso, disagevole, disturbante. Persona che non   ha volglia di sopportare le molestie, impaziente
Sfastìrij(e), s.m. Disagio,   disturbo,  incomodo, sconfidamento,   noia – Tànt(e) chì m'(e) sfastìrij(e) r'(e) scjj(e) fòr(e) = Ho tanto   disturbo di recarmi in campagna
Sfat(e)hàt(e), s.m. Sfaticato,   scansafatiche, persona sfaticata, sfaccendata, che non ha voglia di lavorare.   2. Ozioso, sfaccendato. agg.
Sfat’hàt(e), agg. Pigro, sfaccendato,   scansafatiche, ozioso (Vedere anche: ‘Scorza lìscia’)
Sfav(e)gghià, àt(e) Farneticare,   vaneggiare sragionare
Sfavigghià, àt(e) Vaneggiare, delirare
Sfèrgia, s.f. e Spèrgia, s.f. Donna, spergiura,   falsa, sleale, bugiarda, nonchè brutta, da disprezzare. (Forse da ‘fergia’   (vedere il significato n. 2  di   ‘pastoia in ferro) che con il prefisso ‘s’ dà il significato: di “donna   senza il freno (la pastoia) non ha più remore ). 2. Pastoia in ferro che si   ritrova nell’irpino ‘ferge’, ‘fergia’,    dall’ant. fr.: ‘fierge’ di analogo significato, dal lat.:   ‘ferreae’  ‘ceppo di ferro – Nel   napoletano ‘ferge’ indica le manette) termini non più usati, che veniva messa   ai cavalli per non farli correre o quando dovevano essere ferrati per farli   stare fermi.
Sfèrra, s.f. Sfera, lancetta   dell’orologio 2. Lama del coltello
Sfèrra, s.f. Lama del coltello – Nù curtiègghj(i) cù ddòi(e) sfèrr(e) = Un coltello a due lame (serramanico). – (Dall’it.    sfèrra’  der. di ferro; nel   sign. 1. In mascalcia, ferro rotto o vecchio che è stato tolto dal piede del   cavallo. Dal lat.: ‘ex-ferrum’. 2. Coltellaccio a sua volta dal deverbale di   ‘sferrare’ sfoderare, togliere il ‘ferro’ dal fodero).  2. Sfera, lancetta dell’orologio.
Sfiatà, àt(e) Sfiatare, fuoriuscire   di gas
Sfilapìppa, s.m. Persona lunga e   magra, segaligna. 2. Scovolino per pulire il condotto della pipa
Sfilapìppa, s.m. Scovolino per pulire   il condottoo della pipa. 2. Persona lunga e magra, segaligna
Sfìtt(e)ch(e), agg. Bolso, asmatico,   fiacco. 2. Secco, asciutto, allampanato
Sfìtt(e)ch(e), agg. Asmatico, bolso,   fiacco. 2. Secco, asciutto, allampanato
Sfìtt(e)ch(e), agg. Secco, asciutto,   allampanato. St'(e) pr(e)mmaròl(e) sò pròbbia sfìtt(e)ch(e)! = Questi   pomodori sono proprio rinsecchiti, asciutti! 2. Asmatico, bolso, fiacco
Sfìzzij(e), s.m. Sfizio, desiderio,   svago (Gr. ‘sfizo’)
Sfòch(e), s.m. e Sfòqu(e), s.m. Espansione, sfogo,   esalazione, manifestazione libera di sentimenti, di stati d’animo)
Sfollaggènd(e), s.m. Sfollagente, bastone   della polizia
Sfòng(e), ùt(e) Sfottere, canzonare –   Vedere anche “Sfr(e)cà” e “Sfòtt(e)”
Sfòqu(e), s.m. e sfòch(e), s.m. Sfogo, espansione,   esalazione, manifestazione libera di sentimenti, di stati d’animo)
Sfòrz(e), s.m. Sforzo
Sfoterà, àt(e) Sfoderare
Sfòtt(e), ùt(e) Sfottere
Sfòtt(e), ùt(e) e Sfruculà, àt(e) e Sfruculià, àt(e) Sfottere, canzonare –   Vedere anche “Sfr(e)cà”   e “Sfòng(e)”
Sfr(e)cà, àt(e) Faticare, sfibrare,   affaticare, stancarsi, stressarsi. – S’èia sfr(e)càt(e)   bùon(e) e mègl(i) = Si è affaticato molto. Anche:   “Fat(e)hà” e   “Ss'(e)rr(e)nà”.   2. Canzonare, Celiare, punzecchiare, prendere in giro. – (Da: fregare,   abradere, consumare. Fig.: stancare, stressare, punzecchiare,  molestare).
Sfr(e)cà, àt(e) Canzonare, celiare,   beffare, deridere, punzecchiare, prendere in giro.  – Ì cumbàgn(e) sùl(e) cà lù sfrècan(e)! =   Gli amici lo prendono semre in giro! – Vedere anche: “Sfòtt(e)”.  2. Faticare, affaticare, stancarsi; – Ì cumbàgn(e) sùl(e) cà lù sfrècan(e)! = Gli amici lo prendono   semre in giro! – (Da: fregare, abradere,   consumare. Fig.: stancare, stressare, punzecchiare,  molestare).
Sfr(e)càt(e), agg. e sfr(e)sciùt(e) agg. (arc.) Canzonato 2.   Affaticato
Sfr(e)càt(e), agg. e sfr'(e)sciùt(e) agg. (arc.) Affaticato 2.   Canzonato
Sfr(e)culà, àt(e) e Sfr(e)culià, àt(e) Sbriciolare, ridurre   in briciole
Sfr(e)ddà, àt(e) Dimagrire, perdere   peso. (Da sfrido,  il calo che   subiscono i prodotti, merci ecc. durante la lavorazione)
Sfr(e)ggià, àt(e) Sfregiare
Sfr(e)ndàt(e), agg. Sfrontato, sfacciato,   audace, gradasso, spavaldo
Sfr(e)nnà, àt(e) Sfrondare, sfoltire
Sfr(e)nnà,àt(e)  e   Spambanà, àt(e) Sfrondare, sfogliare,   spampanare ( da pàmpana = foglia, in genere della vite)
Sfr(e)sscià, àt(e) Sfrusciare,   frisciare, produrre un fruscjo
Sfrabb(e)cà, àt(e) Demolire, abbattere,   distruggere
Sfrac(e)llà, àt(e) Sfracellare
Sfrac(e)llàrs(e), àt(e) Rompersi, quarciarsi,   spiaccicarsi, schiantarsi contro un ostacolo
Sfracèll(e), s.m. Sfracello
Sfrangià, àt(e) Sfrangiare,   sfilacciare a frange. 2. Spacciare, smerciare,
Sfrascà, àt(e) Sfrascare, sfrondare,   sfoltire, diradare
Sfràtt(e), s.m. Sfratto
Sfrattà, àt(e) Sfrattare
Sfrègg(e), s.m. Sfregio
Sfrìdd(e), s.m. Sfrido, il calo che   subiscono i prodotti, merci ecc. durante la lavorazione
Sfrìsc(e), sfr(e)sciùt e Frìscj(e), fr(e)sciùt Soffriggere,   sfriggere, friggere
Sfrìsc(e), sfrìtt(e) e sfr(e)sciùt(e) Soffriggere
Sfrìtta, s.f. Frittura
Sfruculà, àt(e) e Sfruculià, àt(e) e Sfòtt(e), ùt(e) Canzonare, beffare,   deridere, canzonare, prendere in giro, sfottere – Vedere anche “Sfr(e)cà” e “Sfòng(e)”
Sfruculià, àt(e) Stropicciare,   sminuzzolare, sbriciolare , (esercitare la sbrollatura): lo sfregare delle   piantine fra loro allo scopo di provocare la caduta della semente o delle   foglie – Sfruculèia là còlana e mìtt(e)la (i)ndà nù boccàcc(e) = Frega fra   loro le piantine (secche) di origano  e   mettile (le mini foglioline e le piccole spighette, usate come spezie) in un   vaso (di vetro, latta, ecc.)
Sfruculià, àt(e) e Sfòtt(e), ùt(e) e Sfruculà, àt(e) Canzonare,   sfottere  – Vedere anche “Sfr(e)cà” e “Sfòng(e)”
Sfruttà, àt(e) Sfruttare
Sfumà, àt(e) Sfumare
Sfuquà, àt(e) Gettare fuori,   eiaculare. 2. Sfogare, esternare
Sfuquà, àt(e) Sfogare, esternare.   2. Gettare fuori, eiaculare
Sfùs(e), agg. Sfuso
Sfùsc(e), ùt(e) Sfuggire
Sgabbèll(e), s.m. Sgabello
Sgambètt(e), s.m. Sgambetto
Sganasciòn(e), s.m. Sganascione,   mostaccione, colpo al viso, schiaffone dato con villania, violenza e   materialità
Sgangaràt(e), agg. o Sgangariàt(e), agg. Sdentato. 2.   Sgangherato
Sgangaràt(e), agg. o Sgangariàt(e), agg. Sgangherato. 2.   Sdentato
Sgangariàt(e), agg. o Sgangaràt(e), agg. Sdentato. 2.   Sgangherato
Sgangià, àt(e) e Sgancià, àt(e) Sganciare
Sgàrr(e), s.m. Sgarro, offesa
Sgarrà, àt(e) Sgarrare, sbagliare   (Vedere: ‘(i)ngarrà’)
Sgòmb(e)r(e), s.m. Sgombro
Sgòmber(e), s.m. Sgombero, l’atto di   sgomberare
Sgòmbr(e), agg. Sgombero, senza   ingombri, libero
Sgòmbr(e), s.m. Sgombro, pesce del   Mediterraneo dal colore azzurro
Sgonfià, àt(e) Sgonfiare
Sgòrbia, s.f. Sgorbia, simile a uno   scalpello con la punta a taglio semicircolare
Sgòrbij(i), s.m. Sgorbio,
Sgòrbij(i), s.m. Sgorbio, macchia   d’inchiostro, scarabocchio, individuo dall’aspetto poco piacevole
Sguaiàt(e), agg. Sguaiato, ineducato,   sconveniente, scomposto
Sgubbà, àt(e) Sgobbare, lavorare   molto
Sguìnc(e), agg e Sguìng(e), agg. Sguincio, sbieco,   sghembo
Sgumbrà, àt(e) Sgomberare
Sgumbrà, àt(e) Sgomberare
Sgurbià, àt(e) Accecare – (Dal lat.:   ‘exorbare’ accecare)
Sì, avv.  e Sìn(e), avv. Si. Locuz.   affermativa sic est «così è» – ( Vò v(e)nì à càsa? –   Sìn(e)! = – Vuoi venire a casa? – Si!). 2. Se   (cong.) –  Sì   vèngh(e) à càsta chè m'(e) rài? = Se vengo a casa tua cosa mi dai?  –  Sì   tù pàrt(e) ij(e) rèst(e) sùl(e) = Se tu parti io resto solo
Si, cong. Se. Con valore   condizionale, ipotetico: a. Posto che, ammesso che, dandosi il caso che.  –   Sì vèngh(e) à càsta chè m'(e) rài? = Se vengo a casa tua cosa   mi dai?  –  Sì tù pàrt(e) ij(e) rèst(e) sùl(e) = Se tu   parti io resto solo. 2 Si, Sìn(e) – (- Vò v(e)nì à càsa? – Sìn(e)! = – Vuoi   venire a casa? – Si!)
Siauraddìj(e) Sia lodato Dio –   (Alla lettera: Sia lodato Iddio) – Sìm(e) arr(e)vàt(e),   siauraddìj(e) – Siamo arrivati, sia lodato Dio.
Siauraddìj(i), espr. Lodato sia Iddio. –   (Alla lettera: Sia lodato Iddio)
Sìcar(e), s.m. Sigaro
Sìcc(e)ta, s.f. e Sècc(e)ta, s.f. Siccità, aridità
Sìcch(e), agg. Secco, disseccato,   arido. 2. Magro, smunto, emaciato. – Femm,; ‘Sècca’
Sìcch(e), agg. Magro, smunto,   emaciato. 2. Secco, disseccato, arido. – Femm,; ‘Sècca’
Sicchiètt(e), s.m. Secchio
Sìccia, s.f. Ceffone, manrovescio,   salacca, sberla, scapaccione, schiaffone, (region.) sleppa. – (Da   ‘seppia’  la cui forma, assimilata al   dorso della mano, rappresentasse bene un manrovescio). – Vedere anche:   ‘Saràca’. 2. Seppia
Sìccia, s.f. Seppia. 2. Colpo,   tiro violento, percossa.
Sicùr(e), agg. Sicuro
Sìenz(e), s.m. Senso
Sìer(e), s.m. Siero, residuo   acquoso, dalla lavorazione del formaggio
Sìerr(e), s.m. Collinetta, altura,   cima
Sìerr(e), s.m. Collina, collinetta
Sieuraddìi(e)!, escl. Dio sia lodato!
Sigliùzz(e), s.m. Singhiozzo. (Poet.:   ‘Singulto’)
Signòr(e), s.m. Signore
Sìlic(e), s.f. Silice
Silìcij(e), s.m. Silicio
Sillabbàrj(o), s.m. Sillabario,   Abbecedario. 2 Vocabolario
Sìn(e), avv. Si
Sìn(e), s.m. e zìn(e) s.m. Grembo, petto. Solo   nell’espressione: ‘(i)N’zìne’ (Da: “(i)n’ sìno” = in seno, sul   seno)
Sindacàt(e), s.m. Sindacato
Sìngh(e), s.m. e Sènga, s.f. Segno, notazione   fatta con un segno, fenditura, intacco, scalfittura, traccia – Anche ‘(i)Ndàcch(e)’
Sìngol(e), agg. e s.m.  e   Sìngul(e), agg. e s.m. Singolo
Sìngul(e), agg. e s.m. e Sìngol(e), agg. e s.m. Singolo
Sinìstr(e), agg. Sinistro
Sìnn(e)ch'(e), s.m. Sindaco
Sìrr(e)c(e), agg. card. num. Sedici
Sirr(e)cès(e)m(e), agg. card. Sedicesimo
Sisgrazziàt(e), s.m. Disgraziato
Sìv(e), s. m. Sevo, sego, grasso   animale – (Dal lat.: ‘sebum’ o ‘sevum’)
Sl(e)ggià, àt(e) e Sloggià, àt(e) Sloggiare, andarsene,   smammare
Slabbrà, àt(e) Slabbrare
Slavìna, s.f. Slavina, rivolo,   rivoletto, profluvio di liquidi. (Dal lat. tardo ‘labīna’, der. di ‘labi’   cadere, scivolare) – Il significato più specifico è quello che riguarda le   acque melmose correnti nei declivi dei terreni durante le piogge torrenziali
Sloggià, àt(e) e Sl(e)ggià, àt(e) Andarsene, sloggiare,   smammare
Slovèn(e), agg. e s.m. Sloveno
Slovènia, s.f. Slovenia
Sm(e)ccià, àt(e) arc. Sbirciare,   sbiluciare, guardare attentamente, socchiudendo gli occhi per acuire la vista   – (Dal lat. ‘myxo’ muco ed il pref. verb. ‘s’, per: ‘togliere il muco, il   secreto che si forma nell’occhio ‘carcìja’ cispa – Anche dal nap.:  che oltre al significato di ‘sbirciare ha   quello  di: ‘smoccolare’, tenere il   moccolo, assistere agli amori altrui)
Sm(e)cciàta, s.f. Sbirciata, occhiata   di sfuggita
Sm(e)n(e)zzà, àt(e) Sminuzzare,   sbriciolare
Sm(e)n(e)zzà, àt(e) e Amm(e)n(e)zzà, àt(e) Sbriciolare,   spezzettare, sminuzzare
Sm(e)rcià, àt(e) Smerciare, spacciare
Smammà, àt(e) Smammare, (reg.),   levarsi di torno, con l’idea sottintesa che la permanenza sarebbe poco   opportuna.
Smaniùs(e), agg. Smanioso,   insofferente
Smazzà, àt(e) Smazzata>Fare la.   Fare la smazzata, usare la prima volta un mazzo di carte
Smùort, agg. Smorto, scialbo
Smussà, àt(e) Smussare
Società, s.f. Società
Sòcij(e), s.m. Socio
Sòda, s.f. Soda
Soddisfà, àtt(e) Soddisfare
Sòdij(e), s.m. Sodio
Sòhra, s.f. Suocera – Mia   suocera: ‘Sòhrama’
Sòl(e), s.m. Sole
Sòla, s.f. Truffa, imbroglio ed   anche truffatore, imbroglione”. – (Dal nap. ‘chianta’, ‘chiantella’   suola della scarpa, associando però, in quel paese, il termine ‘chianta, alla   parola “chanter”  che a Rio   de la Plata voleva dire: imbroglione, truffatore e quindi anche la parola   suola, in dialetto: ‘Sola’ assunse, per essi, anche tale significato). 2.   Cuoio, suola della sarpa.
Sòla, s.f. Suola della scarpa,   cuoio. – (piccola suola: ‘suàtta” suoletta) 2. Truffa, imbroglio
Solài(e), s.m. e Làmbia, s.f. arc. Solaio, arc.;   originariamente indicante quello a volta. Mart(e)rì chì vèn(e) hàmma sc(e)ttà   la làmbia = martedì prossimo faremo il getto (di calcestruzzo) del solaio.
Solàj(i), s.m. e Làmbia, s.f. arc.  Solaio, struttura piana orizzontale a travi   di legno, di acciaio o di cemento armato, che forma la copertura. – (vedere   anche ‘Làmbia’)
Solamènt(e), avv. e Solamènd(e), avv Solamente
Sòld(e), s.m. Soldo, moneta. – Sènza sòld(e) n’n z'(e) càntan(e) mèss(e) = Senza soldi non si   cantano messe
Solitàrij(e), agg. arc. e S(e)lìgn(e) Solitario, isolato,   introverso, solingo
Solitàrij(e), s.m. Solitario, gioco   delle carte
Sòng(e), s(e)ngiùt(e) arc. Legare, aggiogare i   buoi, legare i buoi al giogo – (Forse dal nostro ‘Sùng(e) giunco, a sua volta   dal lat. ‘jungere’ congiungere in quanto il giunco tra le altre cose serve   anche per legare)
Sopraccìglia, s.f. e Sovraccìglia, s.f. Sopracciglia,   sopracciglio
Soprannòm(e), s.m. e Stuort_nom(e), s,m, Soprannome, nomignolo
Sòr(e), s.f. Sorella. – Mia   sorella = “Sòrama” –   Tua s. = “sòrata”
Sòr(e)cucìna, s.f. Cugina – Mia cugina =   “Soramacu+D4875cìna”
Sòr(e)va, s.f. Sorba, frutto   dell’albero: “Sùor(e)v(e)”
Sòrg(e), s.m. Sorcio, topo   (Dall’Osco: ‘surk’ – lat.:  ‘sorex   -icis’ )
Sòrg(e), s.m. Topo, sorcio.
Sòrg(e), sùrt(e) o S(e)rgiùt(e) Sorgere, nascere,   crescere, lievitare – (Dall’etimo di ‘sorgere’ dal lat. ‘surrigere’, formato   da: ‘sur’ per sus, subs = in alto, e ‘regere’ dirigere, drizzare, accrescere)
Sorgènda, s.f. e Sorgènd(e), s.f. Sorgente
Sorrìs(e), s.m. Sorriso
Sòrsc(e), sùort(e) Lievitare, gonfiare
Sòrt(e), s.f. e Sòrta, s.f. Sorte, fatalità,   destino
Sòrta,s.f. Sorta, specie,   genere, tipo. (se il termine non viene seguito da un aggettivo indicandone la   specie, il genere, vuol significare che è ‘grande’, ‘abbondante’) –  (dal fr. sorte, che è dal lat. sors sortis   «sorte») – T'(e)nìa nà sòrta r'(e) (i)mbrèll(e)! = Aveva   una specie di (grande) ombrello!  2.   Sorte, fatalità
Sòtta, avv. Sotto
Sottamùss(e), s.m. Bustarella, òffa,   dono dato illecitamente perché sia favorito il corso di una pratica o la   conclusione di un affare. 2. Pugno inferto sotto il mento
Sottamùss(e), s.m. Pugno inferto sotto   il mento. 2. Bustarella, òffa, dono dato illecitamente perché sia favorito il   corso di una pratica o la conclusione di un affare
Sottanìn(e), s.m. Sottanino di tessuto   leggero che, in particolare, le donne portano sotto la gonna
Sottat(e)nènd(e), s.m. arc. o Sottotenènd(e), s.m. Sottotenente
Sottatàssa, s.f. e Cullètta, s.f. Questua, colletta,   raccolta di danaro
Sottosòpra, avv. o R'(e) càp(e)sòtta Sottosopra
Sottotenènd(e), s.m. e Sottat(e)nènd(e), s.m. arc. Sottotenente
Sov(e)rà Superare
Sovraccìglia, s.f. e Sopraccìglia, s.f. Sopracciglio   sopracciglia
Sp(e)cà, àt(e) Crescere, sviluppare   – E’ia vìst(o), Màrij(o) èia sp(i)càt(e) = Hai visto,   Mario è cresciùto, è sviluppato. 2. Spigare
Sp(e)cà, àt(e) Spigare; di cereali:   mettere la spiga, il capolino. 2. Crescere, sviluppare
Sp(e)ccià, àt(e) Spicciare, servire – M’èia sp(e)ccià à mì, p'(e) prìma = Devi servire me, per primo
Sp(e)cciàrs(e), àt(e) Spicciarsi,   sbrigarsi, disimpegnarsi alla svelta, fare presto.
Sp(e)cciatìv(e), agg. e s(e)llìc(e)t(e), agg. Spicciativo,   sollecito, sbrigativo, deciso, svelto
Sp(e)culà, àt(e) Speculare, ricercare   un grosso utile. 2. Spigolare
Sp(e)culà, àt(e) Spigolare. 2 .   Speculare, ricercare un grosso utile
Sp(e)culatòr(e), s.m. Speculatore
Sp(e)culaziòn(e), s.f. Speculazione
Sp(e)gghià, àt(e) Spellare
Sp(e)là, àt(e) Spelare, perdere i   peli, togliere i peli
Sp(e)là, àt(e) e P(e)là, àt(e) Sbucciare, pelare,   spennare. – Hài(e) p(e)làt(e) r'(e) patàn(e)? = hai sbucciato le patate?
Sp(e)lacchià, àt(e) Spelacchiare
Sp(e)llìc(e)t(e), agg. Esplicito, aperto,   chiaro, evidente
Sp(e)luquà, àt(e) e Spuluquà, àt(e) Scarnificare,   spolpare con i denti, meticolosamente, ogni piccolo residuo di carne   dall’osso (Dal latino parlato “spulicare” = togliere le pulci)
Sp(e)ndà, àt(e) e Sp(e)ntà, àt(e) Spuntare, togliere la   punta, smussare. 2. Sbottonare, slacciare, sfibbiare, sciogliere
Sp(e)ndà, àt(e) e Sp(e)ntà, àt(e) Sbottonare,   slacciare, sfibbiare, sciogliere. 2. Spuntare
Sp(e)ndòn(e), s.m. e Sp(e)ntòn(e), s.m. Spuntone, sporgenza,   appiglio
Sp(e)ngulìn(e), s.m. Spillo, spillino
Sp(e)nìt(e), s.m. Spineto, s.m. Luogo   pieno di spini.- (Lat.’ spinētum’)
Sp(e)nnà, àt(e) Spennare
Sp(e)nnacchià, àt(e) Spennacchiare
Sp(e)ntatùra, s.f. Acidità
Sp(e)nùs(e), agg. Spinoso
Sp(e)nzà, àt(e) Ammollare,   rammollire, ammorbidire mediante un liquido, mettere a bagno. Mìtt(e) à sp(e)nzà lù baccalà = Metti ad ammollare il baccalà
Sp(e)nzàl(e), s.m. Cipolla novella,   ancora senza bulbo  (Rholfs 1976   ‘Spunzale’). Nel nostro paese si identifica col  il porro (Allium ampeloprasum L., pianta   erbacee delle Agliacee – (L’etimo viene, dal modo di mangiarli che è quello   di prendere le tenere coste e inzupparle (Sp(e)nzà) nel vino e/o il sale)
Sp'(e)nzarà, àt(e) Tranquillizzare,   togliere dai pensieri, disobbligare, disimpegnare
Sp(e)nzaràt(e), agg. Spensierato. Dicesi   anche: “Càp(e)frisc(i)ch(e)” = persona con pochi pensieri, che ha voglia di scherzare
Sp(e)nzià, àt(e) Dispensare,   distribuire, regalare. 2.Vendere
Sp(e)r'(e)glià, àt(e) arc. Sbrogliare, trovare   il bandolo, districare – Anche: ‘Scaraviglià’
Sp'(e)r(e)m'(e)ntà, àt(e) e Sp'(e)r(e)m'(e)ndà, àt(e) Sperimentare, mettere   a prova, constatare
Sp(e)rà, àt(e) Spirare, respirare,   esalare, emettere l’ultimo respiro: morire. 2 . Sperare, confidare, augurarsi
Sp(e)rà, àt(e) Sperare, confidare,   augurarsi. 2. Spirare, morire
Sp(e)ràgl(i), s.m. Spiraglio
Sp(e)rànza, s.f. Speranza
Sp(e)ranza, s.f. e spèna, s.f. arc. Speranza, speme,   spene. (dal lat.: ‘spem’)
Sp(e)ranzùs(e), agg. Speranzoso
Sp(e)rcacciòn(e), agg. Sporcaccione
Sp(e)rcià à bbùgghj(i), Sp(e)rciàt(e)à b. Ebollizione<Entrare   in. Entrare in ebollizione. – (Anche: Sp(e)rcià à bbògghj(i), Sp(e)rciàt(e)à b.) – L’àcqua èia   sp(e)rciàta à bbùgghji) = l’acqua ha iniziato a bollire.
Sp(e)rcià, àt(e) Sbucare, arrivare,   uscire, entrare – (Da: ‘p(e)rcià’  -Ù   tràpan(e) è sp(e)rciàt(e) à l’àtu làt(e) r'(e) là tàv(e)la = Il trapano è   sbucato all’altro lato della tavola
Sp(e)rcìzzia, s.f. Sporcizia, lordura,   bruttura
Sp(e)rdià, àt(e) Scorreggiare
Sp(e)règghia, s.f. Erba attaccamani,   (Gallium aparine)
Sp(e)rì, ùt(e) Spedire
Sp'(e)rl'(e)ngòn(e), s.m. e Spalangòn(e), s.m. Spilungone
Sp(e)rpà, àt(e) Spolpare
Sp(e)rr(e)cà, àt(e) Spretare? ? ? ? ?
Sp(e)rrùsc(e)na, s.f. e Sprùsc(e)na, s.f. Donna, brutta,   malvestita, sciatta. 2. Erba commestibile spontanea ‘Aspraggine’  delle Asteraceee, ritenuta erba di poco   valore. (Lat. Parlato: Asprella)
Sp(e)rt(e)gliòn(e), s.m. Pipistrello – (Lat,   ‘Vespertilio’)
Sp(e)rt(e)llìn(e), s.m. Sportellino
Sp(e)rt(e)sà, àt(e) Sforacchiare,   pertugiare, bucare,  forare
Sp(e)rt(e)sà, àt(e) e P(e)rt(e)sa, àt(e) Sforacchiare,   pertugiare, forare
Sp(e)rt(e)sà, àt(e) e P(e)rt(e)sa, àt(e) Pertugiare, forare,   sforacchiare
Sp(e)rtìegghj(i), s.m. e    Sp(e)rtègghia, s.f. Sportello
Sp(e)s(e)là, àt(e) Lievitare, sollevare,   sospendere, crescere, alleggerire. – (Lat.: ‘pensilis ,   e’ sospeso, leggero, col pref. verb. ‘sp’). – Lievitare riferito generalmente   alla lievitazione dei farinacei.- (i)Ndà lù fùrn(e) r'(e) pàne stài   sp(e)selànn(e) – Nel forno il pane stà lievitando
Sp(e)s(e)là, àt(e) o Sp(e)s(e)lià, àt(e) arc. Sollevare,   ammorbidire, alleggerire, crescere,    Vedere: “Pès(e)l(e)”   – Oh! R(e) criatùr(e) sò sp(e)s(e)làt(e)! = Oh! i   bambini sono cresciùti!
Sp(e)s(e)lià, àt(e) arc. o Sp(e)s(e)là, àt(e) Alleggerire,   sollevare, ammorbidire, crescere. – (Lat.: ‘pensilis , e’ sospeso, leggero,   col pref. verb. ‘sp’). – R'(e) pàn(e) chì àmm(e) cùott(e) èia v(e)nùt(e)   pòch(e) sp(e)s(e)liàt(e)! = Il pane che abbiamo cotto, è venuto poco morbido!
Sp(e)sà, àt(e) Spesare. 2. Sposare
Sp(e)sà, àt(e) Sposare. 2. Spesare
Sp'(e)sà, àt(e) e (i)Nz(e)rà, àt(e), arc. Sposare, sposarsi.   –  (‘(i)nz(e)rà’: dal gr. ‘zéugnumÌ   (legare unire in matrimonio),
Sp(e)salìzzij(e), s.m. e Matrimònij(e), s.m. Sposalizio, nozze,   matrimonio
Sp'(e)sàt(e), agg. e (i)Nz(e)ràt(e), agg. Coniugato, sposato
Sp(e)sàt(e), s.m. Sposato 2. Spesato
Sp(e)stà Spostare, mettere da   parte; usato anche Arr(i)pà
Sp(e)tà, àt(e) Sputare. – Saliva =   “Sp'(e)tàcchj(i)”
Sp(e)tàcchià, àt(e) Sputacchiare
Sp(e)tàcchj(i), s.m. Sputacchio, sputo   catarroso. 2. Saliva
Sp(e)tàcchj(i), s.m. Saliva. 2.   Sputacchio, sputo catarroso
Sp(e)tàl(e), s.m. Ospedale, spedale   (arc.)
Sp(e)tàta, s.f. e Spùt(e), s.m. Sputata, sputo
Sp(e)tàzz(e), s.m. Sputacchio, sputo   catarroso. 2. Brandello, straccio. (arc.)
Sp(e)tàzz(e), s.m. e Sp(e)tàzza, s.f. Sputo, sputacchio
Sp(e)tazzà, àt(e) Stracciare in   brandelli, fratturare, spezzettare. – S’èia sp(e)tazzàt(e) ù vràzz(e) = Si è   fratturato il braccio. – (Dal nap.: ‘spetacciare’ formato da ‘spe'(zzare) e   (str)’acciare’: ‘spe(t)acciare’, giuno fino a noi come: ‘sp(e)tazzare’)
Sp(e)tazzà, àt(e) Spezzettare,   fratturare, rompere, frantumare, stracciare in brandelli. – S’èia   sp(e)tazzàt(e) ù vràzz(e) = Si è fratturato il braccio. – (Dal nap.:   ‘spetacciare’ formato da ‘spe'(zzare)   e (str)’acciare’:   ‘spe(t)acciare’, giuno fino a noi come: ‘sp(e)tazzare’)
Sp(e)tìzz(e), s.m. Sputo>Spruzzo di.   Spruzzo di sputo. (i)Ndèrra, ghià, (i)ngè nù sp(e)tìzz(e)! = Li per terra,   c’è uno spruzzo di sputo! 2. Sputare>Vizio di. Vizio di sputare.
Sp(e)tìzz(e), s.m. Sputare>Vizio di.   Vizio di sputare. – Màrij(e) tèn(e) ù sp(e)tìzz(e), stài sùl(e) à sp(e)tà! =   Mario ha il vizio di sputare, continua a sputare continuamente!. 2.   Sputo>Spruzzo di. Spruzzo di sputo
Sp(e)tt(e)nà, àt(e) e Spettinà, àt(e) Spettinare,   scarmigliare, arruffare i capelli
Sp(e)zz(e)cà, àt(e) Spiccicare,   disgiungere 2. Crescere, diventare più alto
Sp(e)zz(e)cà, àt(e) Crescere, diventare   più alto. E’ia sp(e)zz(e)càt(e) ù criatùr(e)! = E’   cresciuto il bambino!  2. Spiccicare, disgiungere
Sp(e)zz(e)càt(e), agg. Cresciuto  2. Disgiunto, spiccicato 3. Simile, uguale
Sp(e)zz(e)càt(e), agg. Disgiunto, spiccicato   2. Cresciuto 3. Simile, uguale
Sp(e)zz(e)càt(e), agg. Simile, uguale.  2. Cresciuto  2. Disgiunto, spiccicato
Sp(e)zz(e)ttà, àt(e) Frazionare,   spezzettare – Anche: ‘Frand(e)mà’
Sp(e)zzà la frèva Febbre<Venire.   Venire febbre. A’à criàtùra l’eia sp(e)zzàta là frèva =   Alla bambina le è vunuta febbre
Sp(e)zzà, àt(e) Spezzare
Sp(e)zzà, àt(e) Spezzare
Sp(e)zziàl(e), s.m. Farmacista
Sp(e)zziarìa, s.f. Farmacia
Spac(e)ntà, àt(e) e Spac(e)ndà, àt(e) Spazientire, stufare,   disturbare
Spàcc(e), s.m. Spaccio, lo   spacciare, atto o attività del vendere. 2 Locale di vendita. – Noto a tutti   quello del Monopolio di Stato, in Calitri, che forniva sigarette, sale, ecc.
Spàcc(o), s.m. Spacco
Spaccà, àt(e) Spaccare
Spaccamatòn(e), s.m. Gioco, consistente   nel buttare a turno una moneta in aria, su di un pavimento; vince colui la   cui moneta si ferma più vicina al bordo di una delle piatrelle
Spaccaprèt(e), s.m. Spaccapietre,   brecciaiolo, selciatore
Spaccazza, s.f. Fenditura, spacco
Spàcch(e), s.m. Spacco, fenditura,   apertura, taglio, sbocco. –  N’n   t’arrìva à n(e)tìzia e n’n pùoi piglià spàcch(e) = Non ti giunge la notizia e   non puoi (alla lettera:) prendere uno spacco , trovare uno spacco, uno sbocco
Spaccòn(e), s.m. Spaccone, squarcione,   gradasso, spavaldo millantatore, sfrontato
Spaccunàta, s.f. Spacconata
Spàgghia, pl. f. Spalla
Spagghiàta, s.f. Spallata
Spàgghj(i), pl. f. Dorso. 2. Spalle.
Spàgghj(i), pl. f. Spalle. 2.Dorso. –   Sulle spalle; “(i)Ngùoggh(i)”
Spagnùol(e), agg. e s.m. Spagnolo
Spàh(e), s.m. Spago
Spahètt(e), s.m. Spaghetto, pasta   alimentare lunga, sottile, non bucata
Spàl(e)sc'(e)nà, àt(e) o Spàlusc'(e)nà, àt(e) Muffa>Togliere la.   Togliere la muffa, anche: ‘Palùsc(e)na’
Spalà, àt(e) Spalare, togliere,   rimuovere con la pala. 2. Effettuare la spalatura, estrarre i pali infissi. –   Spalà à vìgna = Estrarre i pali della vigna
Spàlac(e), s.m. Asparago. Al plurale   resta invariato: “Spàlac(e)”
Spalangà Spalancare, aprire   del tutto, allargare
Spalangà, àt(e) Spalancare
Spalangòn(e), s.m. e Sp(e)rl'(e)ngòn(e), s.m. Spilungone, pertica,   giraffa
Spalangòn(e), s.m. e Sp(e)rl'(e)ngòn(e), s.m. e Spirl'(e)ngòn(e) Giraffa, spilungone,   pertica, persona alta
Spallìera, s.f. Spalliera
Spàlusc'(e)nà, àt(e) o Spàl(e)sc'(e)nà, àt(e) Muffa>Togliere la.   Togliere la muffa, anche: ‘Palùsc(e)na’
Spambanà, àt(e) e Sfr(e)nnà, àt(e) Spampanare,   sfogliare. Sfrondare, diradare le foglie. ( Da pàmpana = foglia, in genere della vite)
Spanà. àt(e) Spanare, Guastare   l’impanatura o filettature della vite.    (Forse dal lat.: ‘panus’   filo avvolto sul rocchetto. – Và accàtta nà vìta nòva ca la vècchia s’èia   spanàta = Vai a comprare una nuova vite perchè la vecchia ha perso la   filettatura.
Spanàt(e), agg. Incoerente,   incongruente, sconnesso. Dicesi di persona fuori di testa: Quìggh(i) èia   spanàt(e) cù la càp(e) = Quello è fuori di testa, non ragiona. 2. Spanato di   vite od elemento filettatto, difettoso o guasto nell’impanatura
Spanàt(e), agg. Spanato di vite od   elemento filettatto, difettoso o guasto nell’impanatura. (Forse dal lat.: ‘panus’ filo avvolto sul rocchetto.   2. Incoerente, incongruente, sconnesso. Dicesi di persona fuori di testa:   Quìggh(i) èia spanàt(e) cù la càp(e) = Quello è fuori di testa, non ragiona
Spand(e)cà, àt(e) e Spant(e)cà, àt(e) Struggersi,   impaurirsi, spaventarsi, spasimare, sospirare. 2. Spaventarsi, soffrire per   malessere di affanno, di palpitazioni di cuore, spaventarsi, impaurirsi,   morire. – (Dallo sp.: ‘espanto’ spavento)
Spandàrs(e), spandàt(e) e Scumbràrs(e), scumbràt(e) Scorarsi, seccarsi,   sgomentarsi, spaventarsi, pensare di fare qualcosa di malavoglia – M'(e) spànd(e) r’affr(e)ntà lù viàgg(e)! = Mi sgomenta   affrontare il viaggio.  – (Dallo sp.:   ‘Espantar’ spaventare – dal verbo lat.: ‘expavesco, is’)
Spandàt(e), agg. Sgomento, spaventato
Spangègghia, s.f. arc. e Còstola, s.f. Costola
Spànn(e), às(e) Sciorinare, stendere   i panni lavati, tendere.  2. Spandere,   spargere, versare, espandere
Spànn(e), às(e) e ùt(e) Spandere, spargere,   versare, espandere. Hàv(e) spàs(e) o ‘spannùt(e)’ r'(e)   gran(e)rìnij(e) = Ha spanso o ‘spanduto’ il granoturco (per terra ad asciugare). 2. Stendere, sciorinare i panni   lavati
Spant(e)cà, àt(e)  e   Spand(e)cà, àt(e) Morire, soffrire per   malessere di affanno, di palpitazioni di cuore. 2.  Struggersi, spasimare, sospirare. – (Dallo   sp.: ‘espanto’ spavento – Lat. ‘ex – panticare’ )
Spanzà, àt(e) Spanciare, sventrare
Spanzàt(e), agg. Sventrato, spanciato
Spaparacchiàrs(e), àt(e) o Spaparanzàrs(e), àt(e) Stravaccarsi,   sdraiarsi o sedersi scompostamente
Spaparanzàrs(e), àt(e) o Spaparacchiàrs(e), àt(e) Stravaccarsi,   sdraiarsi o sedersi scompostamente
Spaparià, àt(e) e Stravaccàrs(e), àt(e) Stravaccarsi,   sdraiarsi, distendersi, scompostamente
Spapp(e)là, àt(e) Spappolare
Spàr(e), agg. Dispari, non   divisibile per due
Spàr(e), agg. Dispari, non pari,   disuguale, impari, differente, dissimile(i)
Spàr(e), s.m. Sparo, pistolettata,   revolverata
Spàr(e), s.m. Sparo, colpo d’una   carica esplosiva
Sparà r'(e) fùoch(e), – sparàt(e) r'(e) f. Fuoco   d’artificio<Realizzare. Realizzare pettacolo pirotecnico. – L’ultimo botto   viene detto: “Còlp(e) Scùr(e)”
Sparà, àt(e) Sparare
Spàra, s.f. e Sparègghia, s.f. Cercine, torsello,   panno ravvolto a forma di ciambella, sulla testa, per sopportare un carico.   (Dal greco: Speira, spiralata, fatta a spirale)
Sparàgn(e), s.m. Risparmio, sparagno,   arc.
Sparagnà. àt(e) Risparmiare – lat.   ‘sparniare’ ( Dal francone ‘Sparòn’ risparmiare) – Chì sparàgna fàc(e)   màl(e) uaràgn(e) = Chi risparmia fa cattivo guadagno
Sparàt(e), agg. Spaiato, sparigliato   – Stà scarpa è sparàta, (i)Ndov’è l’àuta? = Questa scarpa   è spaiata, dov’è l’altra?
Sparatràppa, s.f. Cerotto a nastro per   medicazioni. (Dal francese: Sparadrappe) – Anche ‘Ceròtt(e)’
Sparègghia, s.f. e Spàra, s.f. Torsello, cercine,   piccola. Panno ravvolto a forma di ciambella, sulla testa, per sopportare un   carico. (Dal greco: Speira)
Spàrg(e), spargiùt(e) o spàrs(e) Spàrgere, distribuire
Sparì, ùt(e) Sparire, scomparire
Sparicchià, àt(e) Sparecchiare
Sparl(e)ttà, àt(e) e Sparl(e)ttià, àt(e) Sparlare, mugugnare,   borbottare, mormorare, bisbigliare malignità o scontentezza – Anche: ‘P(e)p(e)tà’ o ‘Str(e)zz(e)cà)
Sparlà, àt(e) Sparl(e)ià, àt(e) Sparlare, diffamare,   maldicente
Sparlànd(e), agg. Maldicente,   diffamante
Sparlandìss(e), s.m. Sparlatore (arc.),   denigratore, diffamatore
Sparp(e)tià, àt(e) e Sparp(e)t(e)scjà, àt(e) Dibattersi,   palpitare, spasimare, avere delle convulsioni. – (Dal lat. Ex palpitare)
Sparp(e)tià, àt(e) e Sparp(e)t(e)scjà, àt(e) Palpitare, spasimare,   avere delle convulsioni, dibattersi
Sparpaglià Sparpagliare,   spargere, spandere, disperdere, gettare qua e là
Spart(e), ùt(e) Spartire, dividere,   separare, distribuire
Spàrt(e), ùt(e) Spartire, dividere
Spartènza, s.f. Spartizione,   divisione ereditaria
Spàsa, s.f. Vassoio, ampio   piatto, in ceramica, da portata. (Dal lat. ‘expansa’, (estesa, ampia), part.   pass. di ‘expandĕre’ stendere, distendere allargando) – Diminut.: ‘Spasètta’
Spascjà, àt(e) Distendere, sdraiare,   stendere – . (Dal lat. ‘expandĕre’, comp. di ex- e pandĕre «spiegare,   allargare)
Spasègghia, s.f. o Spasètta, s.f. Vassoio, poco più   piccolo (della “Spàsa”),   da portata.
Spasètta, s.f. e Spasègghia, s,f. Vassoietto, in   ceramica, da portata (Diminutivo di “Spàsa”)
Spasètta, s.f. o Spasègghia, s.f. Vassoio, poco più   piccolo (della “Spàsa”),   da portata.
Spàss(e), s.m. Spasso
Spassà, àt(e) Spassarsela,   divertirsi. 2. Ripassare
Spassià àt(e) Spasseggiare,   passeggiare, ripassare da un luogo
Spassus(e), agg. Spassoso
Spatagghiàrs(e), àt(e) Sfracellarsi,   fracassarsi, sconquassarsi – E’ia carùt(e) rà là scàla e   s’èia spatagghiàt(e) r'(e) spangègghj(i) = E’ caduto dalla scala e si è   fracassato le costole
Spatandà Spalancare,   schiudere, allargare,  aprire del tutto   (Lat.: ‘Pando’, is –   spalancare, aprire)
Spatrià, àt(e) Spargere, smarrire 2.   Espatriare
Spatrià, àt(e) Espatriare,   spatriarsi. 2. Spargere, smarrire
Spauràcchj(i), s.m. Spauracchio
Spav(e)ndà, àt(e) Spaventare
Spavènd(e), s.m. e Spavìent(e), s.m. Spavento, paura,   anche Ammàgl(i)
Spaventapàssar(e), s.m. e Spavendapàssar(e), s.m. Spaventapasseri
Spavìent(e), s.m. e Spavènd(e), s.m. Spavento, paura,   anche Ammàgl(i)
Spàzzij(i), s.m. Spazio
Spazzijùs(e), agg. Spazioso
Spazzìn(e), s.m. Spazzino,   spazzaturaio
Spèca, s.f. arc. Spelonca, speco,   grotta. Termine che ha dato nome all’omonima località del nostro territorio.   (Dal lat. ‘specus -us’ – cavità rocciosa: Si riposava   all’ombra d’uno s. (G. Gozzano)
Spelònga, s.f. Spelonca, speco,   grotta. Il termine it.: ‘speco’ ha dato nome all’omonima località del nostro   territorio: vedere: ‘Spèca’.
Spèna, s.f. arc. e sp(e)ranza, s.f. Speme, spene,   speranza, s. (dal lat.: ‘spem’)
Spènda, s.f. e Spinda, s.f. Spinta, urto –   Spintone = “Scatapènda”
Spèng(e), ùt(e)arc. e V(e)ttà, àt(e) Spingere, spostare,   pressare – V(e)ttà: Dallo sp.   “botar”, sospingere, premere
Spènn(e), spìs(e) Spendere
Spèrd(e), sp(e)rdùt(e) Disperdere,   disperdersi
Spèrgia, s.f. e Sfèrgia, s.f. Pastoia in ferro che   si ritrova nell’irpino ‘ferge’, ‘fergia’,    dall’ant. fr.: ‘fierge’ di analogo significato, dal lat.:   ‘ferreae’  ‘ceppo di ferro – Nel   napoletano ‘ferge’ indica le manette) termini non più usati, che veniva messa   ai cavalli per non farli correre o quando dovevano essere ferrati per farli   stare fermi. 2. Donna, spergiura, falsa, sleale, bugiarda, nonchè brutta, da   disprezzare. (Forse da ‘fergia’ (vedere il significato n. 1  di ‘pastoia in ferro) che con il prefisso   ‘s’ dà il significato: di “donna senza il freno (la pastoia) non ha più   remore )
Sperìenza, s.f. Esperienza
Spèsa, s.f. Pasto che il   lavoratore porta per consumarlo sul posto di lavoro. 2. Spesa
Spèsa, s.f. Spesa. 2. Pasto che   il lavoratore porta per consumarlo sul posto di lavoro
Spett(e)nà, àt(e) e Sp(e)ttinà, àt(e) Scarmigliare,   spettinare, arruffare i capelli
Spià, àt(e) Spiare
Spìa, s.f. Spia, lo spiare. – U’ facìa à spìa ammènd(e) chì s'(e) vasàva lù zìt(e) =  La spiava nel mentre  baciava il fidanzato. 2. Informatore, delatore
Spianà, àt(e) Spianare
Spiàzz(e), s.m. Spiazzo
Spìca r'(e) hran(e)rìnij, s.m. e Pannòcchia, s.f. Infiorescenza del   granoturco, pannocchia
Spìca, s.f. Spiga, spica (voce   poetica), capolino dei cereali, in genere. – Nei campi, dopo aver effettuato   la mietitura, veniva effettuara la spigolatura, da parte degli spigolatori   (“Sp(i)culatòr(e)”)   cioè la raccolta delle spighe di grano cadute accidentalmente. Spigolare   =”Sp(i)culà”
Spìcc(e), pl. m. Spicciolo, di danaro.   – N'(e)n tèngh(e) màngh(e) nù spìcc(e) = Non tengo   neanche uno spicciolo
Spìcc(e)l(e), s. m. Spicciolo, di denaro.   – pl. Spìcc(e)l(e) e anche Spìcc(i)
Spieà, àt(e) e Spiehà, àt(e) Spiegare. Spieallìgghj(i)! = Spiegaglielo!
Spieàziòn(e), s.f. Spiegazione
Spiehà, àt(e) e Spieà, àt(e) Spiegare. M'(e) so spiehàt(e)? = Misono spiegato?
Spìert(e), agg. arc. Esperto, abile,   capace. Anche: ‘Espèrt(e)’. 2.   Errante, vagante
Spìert(e), agg. Arc. Errante, vagante. 2.   Abile, esperto, capace
Spiglià, àt(e) Spogliare
Spìn(e), s.m. Colonna vertebrale,   spina dorsale,  detta anche “Spina”
Spìn(e), s.m. Spina dorsale,   colonna vertebrale, detta anche “Spina”
Spina, s.f. Spina. Formazione   vegetale appuntita, dura e pungente. 2. Cespuglio di spine. 3. Spina dorsale,   colonna vertebrale; detta anche “Spin(o)”
Spina, s.f. Spine<Cespuglio   di. Cespuglio di spine. 2. Spina, formazione vegetale appuntita, dura e   pungente 3. Spina dorsale, colonna vertebrale; detta anche “Spin(o)”
Spinda, s.f. o Spènda, s.f. Spinta – Spintone =   “Scatapènda”
Spìngula, s.f. Spilla. 2.   Succhiello, trivellino, trivelletta del falegname. – Spillone =   Sp(e)ngulòn(e); Spillino = Sp(e)ngulìn(e)
Spìngula, s.f. Succhiello,   trivellino, trivelletta del falegname. (Da acicula (Italiano.) 2. Spilla. –   Spillone = Sp(e)ngulòn(e); Spillino = Sp(e)ngulìn(e)
Spiòn(e), s.m. Spione
Spìr(e)t(e) sànt(e), s.m. Spirito santo, la   terza persona della Trinità, nella teologia cattolica
Spìrd(e), s.m. Alcol etilico.   Spirito, (pop.)
Spirlingòn(e), s.m. Spilungone, pertica,   giraffa
Spirlungòn(e), s.m. Spilungone, persona   molto alta e magra, di un’altezza sproporzionata – (Dal lat. ‘perlongus’   (comp. di per-, pref. superlativo, e longus «lungo»), col pref. ‘s’ e il   suff. accr. -‘one’)
Spìss(e), avv. Spesso, sovente
Spiùcc(e), s.m.
Spiuccià, àt(e) Curiosare, osservare,   sbirciare, guardare sottecchi
Spìzzij(i), s.m. Ospizio, istituto   pubblico per dar ricovero a persone prive di mezzi di sostentamento od anche   privato, a pagamento
Splìc(e)t(e), agg Esplicito, chiaro,   non sottinteso – Tù quànn(e) hàia r(e)spònn(e) èia èss(e)   splìc(e)t(e)_ splìc(e)t(e) = Tu quando risponderai dovrai essere molto   esplicito
Spòla, s.f. Spòla,  Il filato montato su di un spporto che va   introdotto nella ‘navetta’: la sua dimensione, e quindi quella delle navette,   varia secondo il tipo di filato e di telaio. Nell’uso corrente, l’insieme del   cilindro di filato e della navetta, che nella tessitura fa passare i fili   della trama tra quelli dell’ordito con continuo moto di va e vieni. (dal   germ. *spōlan, prob. attraverso il longob. *spōla; cfr. il ted. mod. Spule].
Spolètta, s.f. Spoletta, spola,   rocchetto, bobina (Diminut. Di ‘spola’ – Dall’ingl. ‘spool’; ted.: ‘spule’   nel termine originario di cannello)
Spònda, s.f. e Spònna, s.f. arc. Sponda
Spondapèr(e), s.m. Salita<Inizio.   Inizio salita, base dell’erta – (Da ‘sponda’ come rilievo + ‘pèr(e)’ piede: quindi: pede della salita)
Spòng(e), sp(e)ngiùt(e) Sporgere, protendere,   porgere. N'(e)n t'(e) spònn(e) tànt(e) rà là f(e)nèstra, pùoi carè   abbàgghj(i) = Non sporgerti tanto dalla finestra, puoi cadere di sotto. 2.   Levare, togliere, deporre. (Da “s” privativo e dal lat.   “pono” = Porre) L’atto del togliere
Spòng(e), sp(e)ngiùt(e), e Spònn(e), sp'(e)nnùt(e) Sporgere, protendere,   porgere. N'(e)n t'(e) spònn(e) tànt(e) rà là f(e)nèstra, pùoi carè   abbàgghj(i) = Non sporgerti tanto dalla finestra, puoi cadere di sotto. 2.   Levare, togliere, deporre. (Da “s” privativo e dal lat.   “pono” = Porre ‘(i)Nbònn(e)’) L’atto del togliere un peso trasportato sulla testa.- La   donna che chiede di farsi aiutare a togliere un barile trasportato sulla   testa: Zìa fè aiùtam(e) a spònn(e) lu varrìl(e) =   “Zia femmina”  aiutami a   levare il barile = signora mi aiuti a togliere il barile dalla testa – Vedi: fèmm(e)na – Aiutare a mettere in testa dicesi: “(i)Mbònn(e)”
Spònn(e), sp(e)ngiùt(e) e Spòng(e), sp(e)ngiùt(e) Levare, togliere,   deporre. (Da “s” privativo e dal lat. “pono” = Porre ‘(i)Nbònn(e)’) — L’atto del togliere   un peso trasportato sulla testa.- La donna che chiede di farsi aiutare a   togliere un barile trasportato sulla testa: Zìa fè   aiùtam(e) a spònn(e) lu varrìl(e) = “Zia femmina”  aiutami a levare il barile dalla testa =   signora mi aiuti a togliere il barile dalla testa   – Vedi: fèmm(e)na –   Aiutare a mettere in testa dicesi: “(i)Mbònn(e)”.   2. Sporgere, protendere, porgere – 3. L’atto di   mettere il peso in testa: ‘(i)N’bònn(e)’
Spòrta, s.f. Sporta, grossa cesta,   di forma parallelepipeda, con due manici, per portare frutta, ortaggi, legna,   ecc. – Grossa sporta: “Sp(e)rtòn(e)”
Sportìv(e), agg. Sportivo
S’pp(e)s(e)ziòn(e), s.f. Supposizione,   congettura
Spr(e)bb(e)cà, àt(e) Sparlare, diffamare,   malignare, denigrare, parlar male di qualcuno
Spr'(e)bb(e)ià, àt(e) Espropriare
Spr(e)cà, àt(e) Pulire la testa dalla   forfora, con l’apposito pettinino a denti fitti: ‘Spr(e)catùr(e)’ – (Da: ‘spr(e)cà’ sprecare. Dal ted.’spreken’ spargere   arguito dal med. alto ted. ‘spreckel’ machia della pelle ).  2. Sprecare, dissipare, sperperare
Spr(e)cà, àt(e) Sprecare, dissipare,   sperperare. 2. Pulire la testa dalla forfora
Spr(e)càt(e), agg Sprecato
Spr(e)catùr(e), s.m. Pettinina, pettine   fitto per la pulizia della testa: dotato denti fini e stretti fra loro, per   rimuovere la forfora (Canigliòla).   – (Dall’it.: sprocco (lat. ‘Sporocus’), brocco, stecco, stecchino + il suff. ‘tùro’, per significare   che è fitto di sottili denti, che passando attraverso i capelli, rasentando   il cuoio capelluto, rimuovono i residui di pelle secca, quali forfora od   altro)
Spr(e)cchià, àt(e) Spidocchiare, levar   via i pidocchi
Spr(e)cchià, àt(e) Spidocchiare,   liberare dai pidocchi. Il pettine per spidocchiarsi: ‘spr(e)catùr(e)’
Spr(e)cchià, àt(e) Spidocchiare
Spr(e)f(e)ndà, àt(e) e Spr(e)f(e)nnà, àt(e) Sprofondare,   precipitare, inabissarsi
Spr(e)glià, àt(e) Sbrogliare
Spr(e)vìer(e), agg. Fiero, grifagno,   intrepido, audace, gagliardo – Femm: ‘Spr(e)vèra” – Quègghia   èia nà spr(e)vèra = Quella è una intrepida
Spr(e)vìer(e), s.m. Sparviere, uccello   degli Accipitridi
Spr(e)vìst(e), agg. Sprovvisto,   impreparato, di sorpresa. La locuzione ‘A’ là   Spr'(e)vìsta’ = Alla   sprovvista, è accaduto a sorpresa, mentre si è   impreparati. 2. Sprovvisto, sfornito. Anche: ‘Spr(e)vvìst(e)’
Spr(e)vvìst(e), agg. Sprovvisto, sfornito.   2. Sprovvisto, impreparato, di sorpresa – Anche: ‘Spr(e)vìst(e)’ impreparato,   di sorpresa. 2.
Spranzòn(e), s.m. Straccione
Sprèm(e), spr(e)mùt(e) Spremere
Sprìezz(e), s.m. Spicciolo di denaro,   di piccolo valore, che manca o passa il conto da pagare, del quale, a volte,   non viene tenuto conto per comodità
Sprucculià, àt(e) Piluccare,   spiluccare, sbocconcellare, mangiucchiare. – Sprucculèia   bòn(e) gghi’òss(e), qua n’n s'(e) scètta nìend(e)! = Spilucca bene (la carne   da…) le ossa, qua non si butta via niente! –   (Da: liberare lo “Sprùocch(e)l(e)” = il fuso, dal filo)
Sprùocch(e)l(e), s.m. Ramoscello, fuscello.   2. Fuso, l’asta di legno centrale del fuso che si adopera per filare –   (Diminutivo, dall’it.    “sprocco”, detto per ‘sbrocco’ ramoscello)
Sprùsc(e)na, s.f. e Sp(e)rrùsc(e)na, s.f. Erba commestibile   spontanea ‘Aspraggine’  delle   Asteraceee, ritenuta erba di poco valore. (Lat. Parlato: Asprella). 2. Donna, brutta, malvestita, sciatta
Spuculià, àt(e) Speculare, trarre   profitto, trafficare
Spuluquà, àt(e) e Sp(e)luquà, àt(e) Scarnificare,   spolpare con i denti, meticolosamente, ogni piccolo residuo di carne   dall’osso. (Dal latino parlato “spulicare” = togliere le pulci)
Spundìn(e), s.m. Spuntino, leggero   pasto
Spùnt(e), agg. e Spùnd(e), agg. Acido, sapore   acidulo, di forte – R(e) mìer(e) èia n'(e) pòch(e)   spùnt(e) = Il vino è un po’ acido
Spùorch(e), agg. Sporco, lurido –   Ache: ‘(i)Nb(e)càt(e)’
Spùorch(e), s.m. Fuscello, sprocco,   stecco,  ramoscello morto, staccato   dalla pianta (Dall’it.: ‘sprocco’ – lat. ‘Sporocus’ = stecco) – 2. Sporco,   sporcizia
Spùorch(e), s.m. Fuscello, sprocco,   stecco, ramoscello morto, staccato dalla pianta (lat. ‘Sporocus’ = stecco) –   2. Sporco, sporcizia
Spùorch(e), s.m. Sporco, sporcizia. 2.   Sprocco, stecco, fuscello, ramoscello morto, staccato dalla pianta (lat.   ‘Sporocus’ = stecco)
Spurgà, àt(e) Spurgare
Spùt(e), s.m. Sputo
Spùt(e), s.m. e Sp(e)tàta, s.f. Sputo, sputata
Sputtanà, àt(e) Sputtanare
Sputtanàto, agg. Sputtanato
Squacchià, àt(e) Spruzzare, schizzare,   smacchiare. – (Dall’it. ‘schizzare’ in particolare dallo sp.: ‘esquitxar’.   Vedere anche la voce ‘Squàcchj(i)’)
Squàcchj(e), s.m. Schizzo, spruzzo. –   (Dal lat.: ‘Schedium’ schizzo e dallo sp.: ‘esquicio’, da cui è giunto fino a   noi). 2. Zacchera, macchia, schizzata. – (Dal lat.: Schedium’ schizzo e dallo   sp.: ‘esquicio’, da cui è giunto fino a noi nonchè per il presente   significato anche dal lat.: ‘excutiare’ schiacciare, spiaccicare, rompere ma   anche comprimere un corpo molle per allargarne la figura)
Squadrà, àt(e) Squadrare
Squàdra, s.f. Squadra
Squaglià, àt(e) Squagliare,sciogliere,   liquefare, passare da uno stato solido ad uno liquido. –  La nèv(e) s’èra   squagliàta = La neve si era sciolta. 2.  Squagliare, andarsene, sparire, scappare   via.
Squaglià, àt(e) Squagliare,   andarsene, sparire, scappare via. 2. Squagliare,sciogliere, liquefare,   passare da uno stato solido ad uno liquido
Squagliandràt(e), agg. Cencioso, trasandato   nel vestire, sgualcito
Squarciòn(e), s.m. Squarcione, spaccone,   gradasso
Squartà, àt(e) Squartare
Squìcchj(e), s.m. Inezia, quisquilia,   piccola cosa, . – (Dallo stesso etimo dell’ital.: quisquilia, dal lat.:   ‘qui-squi-lle che stà per    ‘squil_squil- le’)
Ss(e)bb(e)ià, àt(e) Allontanare, mandare   via, far deviare, stornare, fuorviare
Ss(e)bb(e)ià, àt(e) Mandare via, sviare
Ss(e)bb(e)ssatòrij(i), s.m. Burrasca, tempesta,   vento impetuoso (Da: subbisso, (profusione, sovrabbondanza) con il suffisso’   tòrij(i)’ torio) – Ài s(e)ndùt(e), stanòtt(e), chè   ss(e)bb(e)ssatòrij(i)! =  Hai sentito,   stanotte, che tempesta!
Ss(e)bb(e)tà, àt(e) Rivoltare, rovesciare
Ss(e)ddànca, s.f. Stanga, robusta   sbarra di legno, di ferro od d’altro materiale ad uso di un ‘Puntello, palo   di sostegno, sostegno’
Ss(e)ff(e)nnà, àt(e) Sprofondare,   sfondare, affondare, rovesciare sommergere. – (Da: ‘ss(e)ffùnn(e)’ =   (i)nzìn(e) (al) ‘fùnne) fondo = fino in fondo, con il suffisso verbale: ‘à’   are)
Ss(e)ff(e)nnàt(e), agg. Sfondato  2. Fortunato – E’ia nù   ss'(e)ff(e)nnàt(e), hàv(e) vìnt(e) à là lotterìa = E’ un fortunato, ha vinto   alla lotteria
Ss(e)ffùnn(e), s.m. Profusione,   abbondanza, iòsa. – (Da: ‘ss(e)ffùnn(e)’ = (i)nzìn(e) (al) ‘fùnne) fondo =   fino in fondo, al massimo)  – A’uànn(e)   hàmm(e) fàtt(e) nù ss'(e)ffùnn(e) r'(e) hràn(e) = Quest’anno abbiamo fatto   un’abbondanza di grano. – La loc. avv.: ‘a profusione’ = à zz(e)ffùnn(e)’.
SS(e)ffùnn(e), s.m. Sfondamento,  lo sfondare, il venire sfondato
Ss(e)ll(e)cà, àt(e) Sarchiare, diserbare,   svellere con le mani, l’erba infestante dai campi di grano, (Dal latino   ‘Seligere’)
Ss(e)ll(e)và, àt(e) e Ss(e)ll(e)uà, àt(e) Spingere, impellere,   dare impulso, fare tanto, rendere, andare avanti – O’sc(e)   hànn(e) ss'(e)ll(e)vàt(e), à zappà la vìgna    = Oggi hanno fatto tanto, a zappare la vigna
Ss(e)llabbrà, àt(e) Slabbrare, rompere   l’orlo
Ss(e)llu’uà, àt(e) e Ss(e)ll(e)và, àt(e) Impellere, spingere,   rendere, dare impulso, fare tanto, andare avanti – Aiùtat(e)   à fat(e)hà, òsc(e) hàmma ss(e)llu’ùa!    = Sbrigati a lavorare, oggi dobbiamo rendere!
Ss(e)mm(e)rsà, àt(e) Rovesciare,   rivoltare,  voltare sottosopra o in   avanti o all’indietro, capovolgere
Ss(e)mm(e)zzà, àt(e) Dimezzare
Ss'(e)mm(e)zzà, àt(e) Smezzare, ammezzare –   Ss'(e)mmèzza ù sàcche cù r'(e) fàv(e) = Dimezza il sacco   con le fave
SS(e)mmòv(e), ss(e)mmùoss(e) Smuovere, spostare
Ss(e)pp(e)là, àt(e) Stappare, sturare,   stasare. – (Da: ‘ùpp(e)l(e)’ turacciolo con il pref. verb. ‘ss(e)’ = ‘s’ per:   sturare). – Tappare: Upp(e)là, App(e)là
Ss(e)pp(e)ndà, àt(e) Fermare, puntellare,   sostenere, sorreggere, fermare, spingere – Lù ss'(e)pp(e)ndài (i)mbìett(e) à   lù mùr(e)… = Lo fermai contro il muro… 2. Dare un sostegno ad un genitore   dandogli un nipotino ed ossequiarlo mettendogli il suo nome. – A’ Giuànn(e)   l’ànn(e) ss'(e)pp(e)ndàt(e), lù fìglj(i) s’hav(e) abb(e)sc(e)càt(e) là   criatùra = A giovanni gli hanno dato un sostegno, il figlio ha avuto un   bambino.
Ss(e)ppònda, s.f. Puntello, palo di   sostegno, sostegno
Ss(e)rr(e)nà, àt(e) Sdirenare, direnare,   affaticare, sfiancare. Rifl.: slombarsi, rompersi i reni (Da:  lat. Parlato ‘derenare’ direnare’) – Vedere anche: ‘Sfr(e)cà’.  2. Picchiare, rompere la schiena
Ss(e)rr(e)nà, àt(e) Picchiare, rompere la   schiena. 2. Sdirenare, sfiancare, affaticare, andare cionco .
Ss(e)rr(e)nàt(e), agg. Affaticato,   sderenato, sfiancato. 2. Indolezito alle parti lombari od alla schiena, da   non potersi muovere agevolmente
Ss'(e)rr(e)nàt(e), agg. Indolezito alle parti   lombari od alla schiena, da non potersi muovere agevolmente, cionco,   sciancato. 2. Affaticato, sderenato, sfiancato. – (p.p. di ‘ss(e)rr(e)nà’   sdirenare)
Ss'(e)rr(e)tà, àt(e) Barcollare, perdere   l’equilibrio, vacillare, sbilanciare. – (Da: ‘R(e)tà’ girare, con il pref.   ‘Ss(e)’ privativo, quindi col significato di ‘girare male’)
Ssòpp(e)la b(e)ttìglia, s.f. arc. e Cavatàpp(e), s.m. Cavatappi
Ssù, e Quìssu(e) e Quìss(e), agg.vi e pron.mi dimostr.vi Codesto – (Da quìssu’   Femm.: ‘Ssà’ – pìgliam(e) ssù bbastòn(e) = pigliami codesto bastone – Pl.:   ‘Ssì’ = codesti – ‘Ss'(e) = Codeste
Ssùglia, s.f. Lesina, subbia,   arnese a punta del calzolaio per bucare e cucire la suola – (Dall’it.:   ‘subbia’ dal lat. ‘subula’)
St(e)bb(e)tàgg(e)na, s.f. Stupidaggine – Pl.:’St(e)bb(e)tàgg(e)n(e)’
St(e)llàt(e), agg. Stellato
St(e)llètta, s.f. Stelletta
St(e)mà, àt(e) Stimare
St(e)màb(e)l(e), agg. Stimabile
St(e)mèv(e)l(e), agg. Stimare>Persona   che ama. Persona che ama stimare il prossimo, rispettosa, cordiale
St(e)mmacà, àt(e) Stomacare, nauseare
St(e)mmachèv(e)l(e), avv, Stomachevole,   nauseante
St(e)mmàchì, ùt(e) e St(e)mmachìsc(e), ùt(e) Nauseare, stomacare
St(e)mmacùs(e), agg. Nauseante,   stomachevole
St(e)nà, àt(e) Stonare
St(e)ng(e)nà, àt(e) Bastonare, storpiare,   rompere le ossa (riempire di bastonate (Bastone ad uncino: ‘(i)Ngìn(e)’): ‘(i)ng(e)nàt(e)’)
St(e)ng(e)nàt(e), agg. Storpiato, ricurvo   per sofferenze, bastonato – Pòv(e)r(e) hòmm(e)n(e), èia   r(e)màst(e) st(e)ng(e)nàt(e) = Pover’uomo è rimasto storpiato
St(e)nn(e)cchià, àt(e)  Stirarsi, stiracchiarsi, distendere le   membra. 2. Stirare, distendere, stendere, allargare. 3. Uccidere, accoppare.
St(e)nn(e)cchià, àt(e) Stiracchiare,   distendere, allargare. – (Da ‘stènn(e)’ stendere’ per stiracchiare). 2.  Stirarsi, stiracchiarsi, distendere le   membra.. 3. Uccidere, accoppare.
St(e)nn(e)cchià, àt(e) Uccidere, accoppare,   distendere. L’hàv(e) st(e)nn(e)cchiàt(e) cù nù còlp(e)   r'(e) sc(e)cuppètta = L’ha ucciso con un colpo di pistola. 2. Stiracchiare, distendere, allargare. 3. Stirarsi,   stiracchiarsi, distendere le membra.
St(e)nnìcchj(i), s.m. Stiramento,   stiracchiamento dovuto allo stirarsi le membra. – (Da: ‘St(e)nn(e)cchià’ stiracchiare)
St(e)ntà, àt(e) Stentare
St(e)ntìn(e), s.m. e st(e)ndìn(e), s.m. Intestino, tubo   digerente
St(e)pà, àt(e) Riporre, stipare,   rinchiudere, conservare (Conservare dentro lo ‘Stìp(e)’.  (Dal Lat. ‘ stip-are’ mettere strettamente   insieme)
St(e)ppà, àt(e) Stoppare, otturare   con la stoppa, con uno straccio (Mettendo uno “Stùpp(e)l(e)”
St(e)ppàta, s.f. Stoppata, medicamento   topico, consistente in farina bollita, che si applica sopra una parte malata,   quale emolliente e rinfrescante, detto anche ‘(i)nbiàstr(e)’ o ‘cataplàsma’
St(e)ppìn(e), s.m. Stoppino, lucignolo   di candela o di lucerna
St(e)rà, àt(e) Stirare
St(e)racchiàrs(e), àt(e) Stirarsi, sgranchìrsi
St(e)rc(e)glià, àt(e) Distorcere, svolgere,   dipanare, spiegare
St(e)rc(e)glià, àt(e) Svolgere, distorcere,   spiegare, dipanare
St(e)rc(e)ià, àt(e) Scimmiottare
St(e)rc(e)n(e)scjà, àt(e) e St(e)rc(e)nià, àt(e) e   St(e)rc(e)nìsc(e), ùt(e) Storcinare,   storcignare (lett.), intorcinare, contorcere, ritorcere, piegare, far   deviare, .
St(e)rc(e)nà, àt(e);    St(e)rc(e)nià, àt(e) e St(e)rc(e)nìsc(e), ùt(e) Storcignare (lett.),   storcinare, intorcinare, contorcere, ritorcere, piegare, far deviare.
St(e)rc(e)nià, àt(e) e St(e)rc(e)nìsc(e), ùt(e) e   St(e)rc(e)n(e)scjà, àt(e) Ritorcere,   storcignare (lett.), storcinare, intorcinare, contorcere,  piegare, far deviare.
St(e)rcìglj, s.m. Svolta, volta,   rivolgimento, l’azione di rivolgere, il fatto di rivolgersi e di venire   rivolto
St(e)rdì, ùt(e) Stordire, rintronare
St(e)rdùt(e), agg. Stordito, sbadato,   assente, svagato, con la testa fra le nuvole.
St(e)rià, àt(e) Studiare
St(e)rl(e)ffà, àt(e) e St(e)rluffà, àt(e) Imbellettare, vestire   con eleganza, agghindare, ornare, ingioiellare, brillare, splendere   (Probabile origine dal Gr. ‘aleifo’ ungere o dallo Sp.: ‘alifar’ lisciare.
St(e)rlacà, àt(e) Astrologare,   divinare, predire, indovinare per arte magica, od astrologica. – (Da   ‘stròlach(e)’ astrologo, con suff. verb. ‘à’ are, per ‘strologare’,   ‘strolagare’ predire il futuro)
St(e)rlùc(e), st(e)rl(e)ciùt(e) Risplendere,   rilucere, brillare. – (Da: ‘lùc’ luce e il pref. rafforzativo ‘st(e)r’ =   ‘stra’, come se fosse ‘straluc(e)’, dal. Lat. ‘extra’ con significato di   ‘extraordinaria’, quindi il significato di: Straordinaria luce)
St(e)rluc(e), ùt(e) Brillare, luccicare
St(e)rlucènt(e), agg. Stralucente,   luccicante, brillante
St(e)rluffà, àt(e) e St(e)rl(e)ffà, àt(e) Ingioiellare,   agghindare, ornare, brillare, splendere
St(e)rm(e)nà, àt(e) Sterminare
St(e)rmìnij(e), s.m. Sterminio
St(e)rmìsc(e), ùt(e) Accapponare, detto   della pelle dell’uomo su cui, per sensazione di freddo, paura o altra   emozione, emergono le estremità dei bulbi piliferi, a somiglianza della pelle   dei capponi o dei polli spennati, irruvidirsi, incresparsi, subire la pelle   d’oca – Ù st(e)rm(e)scèrn(e) r'(e) càrn(e) = gli si accapponò la pelle (Alla   lettera: gli si accapponarono le carni)
St'(e)rn(e)tìsc(e), ùt(e) Starnutire
St(e)rnùt(e), s.m. Starnuto
St(e)rp(e)ià, àt(e) Storpiare, azzoppare,   rendere storpio, stuprare
St(e)rpàglia, s.f. Sterpaglia
St(e)rpià, àt(e) Storpiare, azzoppare,   rendere storpio, stuprare (Dal lat. ‘turpis’ brutto > ex-turpiare:   guastare le membra)
St(e)rpiàt(e), s.m. Storpio
St(e)rpìggh(i), s.m. Sterpo, piccolo.   Manipolo di sterpi, di erbacce.
St(e)rpìgn(e), agg. Sterpigno,   sterpagnolo, di natura dello ‘stìerp(e)’ = sterpo, sterile. – Femm.: ‘st(e)rpègna’
St(e)rpòn(e), agg. Decrepito, vecchio,   malridotto (per similitudine con uno sterpo)
St(e)rrà, àt(e) Sterrare
St(e)rs(e)gghià, àt(e) Contorcere con forza,   storcere, deformare, torcere fino alla rottura
St(e)rsà, àt(e) Raddrizzare,   svolgere, distendre, tirare.  (Inverso   di ‘torcere’. lat. ‘tortus’ pp. di ‘torquere’ torcere)
St(e)rt(e)n(e)scjà, àt(e) e Stòrc(e) stùort(e) e St(e)rt(e)scjà,   àt(e) Deformare. torcere,   contorcere, storcere
St(e)rt(e)scjà, àt(e) e St(e)rt(e)n(e)scjà, àt(e) e Stòrc(e)   stùort(e) Contorcere, storcere,   torcere
St(e)rt(e)scjàmìent(e), s.m. e St(e)rt(e)n(e)scjàmìent(e), s.m. Stortura,   storpiamento
St(e)rt(e)scjàt(e), agg. Contorto
St(e)rzà, àt(e) Sterzare
St(e)t(e)vì, vùt(e) Stordire, rintronare,   intontire. (Da: ‘st()tà, spegnere)
St(e)tà, àt(e) Smorzare, estinguere,   spegnere – spegnere (il fuoco). (Dal lat. volg.’ ex- tutare, de-extutare,   spegnere con riferimento al fuoco , da ‘tueri’ proteggere (coprendolo), da   cui dipendre il lat. parlato ‘tutare’, spegnere, calmare la fame).
St(e)tà, àt(e) Spegnere, estinguere,   smorzare
St(e)vàl(e), s.m. Stivale
St(e)valòn(e), sm. Stivalone (accr. di   stivale). – Nome con cui sono in genere indicati gli stivali con alto gambale   usati da militari, cavalieri, oppure quelli, per lo più di gomma, indossati   da operai che devono lavorare nell’acqua o nel fango, e, spesso, da   cacciatori
St(e)zz(e)cà, àt(e) Stuzzicare
St(e)zz(e)ià, àt(e) Piovigginare,   pioviccicare. 2. Gocciolare, il cadere delle “Stìzze” = gocce – La canàla s’èia ròtta, st(e)zzi(i)èia o st(e)zz(e)ièia) = La   grondaia si è rotta, gocciola
St(e)zz(e)jà, àt(e) Gocciolare, il cadere   delle “Stìzze” =   gocce – La canàla s’èia ròtta, st(e)zz(e)jèia _ La grondaia si è rotta,   gocciola. 2, Piovigginare, pioviccicare. 4. Costare
St(e)zzà, àt(e) Scheggiare,   incrinare, rompere, sbeccare (Staccare una ‘tòzza’, pezzo – Dallo svevo   ‘Stoz’ pezzo)
Stà(re) r(e) càsa, stàt(e) r.c. Abitare, Anche: Abb(i)tà
Stà, àt(e) Essere, abitare,   alloggiare. – (Da: ‘stare’ con l’ablazione del suff.: ‘re’) Stài à la P(e)- stèrla = Abita nel quartiere   “P(e)sterla”. 2. Stare. 3. Capere, (entrarci) vedere:   “Capè”. 4. Costare
Stà, àt(e) Capere, (entrarci)   vedere: “Capè”. – N'(e)n ù pùoi mètt(e)   llòch(e), n'(e)n g'(e) stài! = Non lo puoi mettere lì, non ci entra! 2. Essere, abitare, alloggiare. 3. Stare.. 4. Costare
Stà, àt(e) Stare. 2. Essere,   abitare, alloggiare. 3. Capere, (entrarci) vedere: “Capè”. 4.   Costare
Stabbilì, ùt(e) Stabilire
Stàcca, s.f. Stacca, detto di   ragazza notevolmente bella. (Dalla similitudine ad una giovane cavalla,   vedere: ‘Stàcca’)
Stàcca, s.f. Puledra, cavalla   giovane – (Dal. germ. ‘stakka’ puledra)
Stacchètta, s.f. Stecchetto, nella   loc. avv. “T(e)nà à stacchètta” = Tenere a stecchetto = sottolineare una rigorosa   economia
Stàccia, s.f. Pietra, piccola, a   forma schiacciata (usate una volta anche per il gioco con le ‘Stàcc(e)’). – (Dal dal basso ted.   ‘stacke’ e dall’it.’stecca’ pezzo di legno o di altra materia piano e   sottile)
Stacciòn(e), s.m. Cavicchio, paletto,   piolo, grosso stecco. – (Accrescitivo dall’ It. Stecco,  originario dall’ant. ted.: ‘stecho’ ed   odierno ‘stechen’  fuscello,   ramoscello)
Staff(e)làta, s.f. Staffilata
Staffìn(e), s.m. Staffile, scudiscio
Stagg(e)nà, àt(e) Stagionare
Stàgghia, s.f. Stalla
Stagiòn(e), s.f. e Estàt(e), s.f. Estate – A’ staggiòn(e) ij(e) stàch(e) sèmb(e) fòr(e) = D’estate io sto   sempre in campagna
Stàgn(e), agg. Stagno, che non perde
Stàgn(e), s.m. Stagno
Stagnà, àt(e) e Stainà, àt(e) Stagnare, coprire di   stagno, cessare di correre – Anche: ‘Stainà)
Stagnàr(e), s.m. Stagnaio, stagnino,   stagnaro reg. Artigiano che esegue lavori in latta e lamiera nonché saldature   a stagno. Lo è anche il ‘Ramàr(e)’
Stagnàr(e), s.m. e Ramarìegghj(i), s.m. (arc.) Stagnino, stagnaio,   stagnaro, reg.
Staièlla, s.f. Staggia, tavola da   adibire per qualche uso pratico, ad esempio dai muratori. Anche: “Stasc(i)ègghia” e   “Stasc(i)èlla” che sono tavolette di legno per carpenteria, ormai   rotte dall’uso.
Stainà, à(e) Stagnare, coprire di   stagno
Stainà, àt(e) e Stagnà, àt(e) Stagnare
Stallòn(e), s.m. Stallone
Stamb(e)scjà. Àt(e) Calpestare,   pestare  – (Long. ‘Stampjan’ pestare)
Stambà, àt(e) Stampare
Stambànd(e), s.f. Stampante
Stambàta, s.f. e Stampàta, s.f. Pedata, calcio – (Dal   prov. ant. ‘estampir’ battere i piedi)
Stambella, s.f.e Stambegghia, (arc.) s.f. Stampella
Stambìgghj(i), s. e pl. m. Caviglia sottile,   gamba sottile
Stàmp(e), s.m. e stàmb(e). s.m. (arc.) Stampo
Stampàta, s.f. e Stambàta, s.f. e Càuc(e), s.m. Calcio, pedata,   zampata
Stancà, àt(e) e Stangà, àt(e) Stancare
Stancàta, s.f. e Stangàta, s.f. Faticata
Stànch(e), agg. e Stàngh(e), agg. e Accìs(e), agg. Stanco, sfinito –   Sin: ‘Accìs(e)’ (ucciso)
Stànch(e), agg. e Stràcqu(e) agg. arc. Stanco, stracco,   spossato, fiacco. – (Stràcqu(e): Dal long. ‘Strak’)
Stanchèzza, s.f. e Stanghèzza, s.f. Stanchezza
Standìj(e), agg. e Stantìv(e), agg. Stantio, raffermo,   quasi ammuffito, invecchiato
Stangà, àt(e) e Stancà, àt(e) Stancare, sfinire,   infastidire, annoiare
Stànga, s.f. e Sdànga, s.f. Sbarra di legno, di   ferro od d’altro materiale, stanga. – 2. Ragazza, alta, longilinea,   bella.  (Da un franconismo franc, e   gotico ‘stakka’ palo) – vedrere anche ‘Stàcca’
Stangagghiùcc(e), s.m. Saltello, gioco del   saltello eseguito con lo stesso piede, per lo più ripetuto con una certa   frequenza. – (Da ‘stanga’. con il suff. diminutivo ‘gghiùcc’ uccio, col   significato di: giocare allo “stanghetto”, in quanto si saltella   con un solo piede)
Stangàta, s.f. e Sdangàta, s.f. Colpo, tiro violento   inferto con una stanga (‘stànga’   e ‘sdànga’), un bastone
Stanghèlla, s.f. e stanghètta, s.f. Astina, stanghétta   (dim. di stanga)
Stanghètta, s.f. e stanghèlla, s.f. Stanghétta (dim. di   stanga), astina
Stanòtt(e), avv. Stanotte, la notte in corso, prossima o appena passata
Stanziòla, s.f. Stazione. In genere   intesa quella ferroviaria.
Stappà, àt(e) Stappare. Anche:   “Ss'(e)pp(e)là”, arc.
Stàrs(e) fìtt(e),stàt(e) f. Immobilizzarsi, star   fermo – Stàtt(e) fìtt(e)! = Stai fermo!
Stasà, àt(e) Stasare, sturare,   stappare, spillare – Intasare: (i)ndasà, àt(e)
Stasà, àt(e) Stasare, disintasare,   sgorgare, sturare
Stasc(i)ègghia, s.f. e Stasc(i)èlla, s.f. Tavoletta, assicella   di legno infranta,ormai rotta dall’uso ad esempio nei lavori di carpenteria   edile
Stascègghia, s.f. Asse, tavoletta di   legno, scarto di carpenteria
Stàta, s.f. arc. e stagiòn(e), s.f. e staggiòn(e), s.f. Estate – A’ staggiòn(e), ij(e) stàch(e) sèmb(e) fòr(e) = D’estate, io   sto sempre in campagna
Statèia, s.f. Stadera, bilancia   romana, usata per pesi rilevanti, basata sul principio delle leve, avente   un’asta graduata (ago) ed un peso equilibratore, scorrevole sull’asta, detto   Romano (Vedi: ‘Romàn(e)’).   Sulla spalla di due persone tramite una barra (“Vàrra”), viene tenuta la   stadera alla quale viene appeso l’oggetto da pesare ad un apposito gancio. –   Una stadera più piccola, la staderina,per piccoli pesi, viene chiamata “V(e)lanzòn(e)”, a differenza   della prima  viene tenuta con una mano   invece che sulle spalle ed il materiale da pesare è contenuto in un apposito   piatto sorretto da n. 3 catenine.
Stàtt(e) bbùon(e)! loc. Formula di commiato, di saluto Stammi bene! Ti   auguro di star bene! Arrivederci
Stàtt(e) sòr(e)! loc. avv. Stai quieto, fermati,   stai calmo – Alla lettera: Fermati, sorella!    –  Stàtt(e)   sòr(e), n'(e)n t'(e) mòv(e)! = Stai fermo, non ti muovere!
Stàtua, s.f. Statua. Piccola   statua: “Statuègghia”
Stàzz(e). s.m. Stazzo, lo spazio   all’aperto dove si riunisce il bestiame durante la notte, costituito, per i   bovini, da un recinto delimitato da un muricciolo di pietre a secco, per gli   ovini da un recinto formato da reti di corde. (lat. ‘statio’ lo stare,   dimora). 2. Nome di località della nostra campagna  detta ‘ Stàrsa’ che prende il nome per lo   stesso significato.
Stecchìn(e), s.m. Stecchino
Stègghia, s.f. Stella – Stellina =   “St'(e)gghiùccia”
Stèmma, s.f. Stemma, targa,   cartello, placca, insegna
Stèng(e), stìnt(e) Stingere, scolorire
Stènn(e),  stìs(e) o   st(e)nnùt(e) Stendere. 2. Spandere
Stènn(e), stìs(e) Stendere, distendere,   allungare. 2. Tendere, allungare, accostare, porgere, avvicinare, portare.   (espr. fig.) – O’sc(e) ròpp(e) mangiàt(e) m’ stìnn(e) à   giacchètta chì m’àgg(e) scurdàt(e) à càsta = Oggi pomeriggio mi porti la   giacca che ho dimenticato a casa tua.
Stènn(e), stìs(e) Portare, inviare. Mò chì vài à càsta stìnn(e) st'(e) càrt(e) à  Giuànn(e) chì stài r'(e) frònt(e) à tì =   Adesso che vai a casa tua porta queste carte a Giovanni che abita di fronte a   te. 2. Sciorinare, stendere, allargare,   protendere,stendersi
Stènn(e), stìs(e) Sciorinare, stendere,   allargare, protendere,stendersi. 2. Portare, inviare
Stènn(e), stìs(e) Stendere, sciorinare,   allargare, protendere, estendere, stendersi; Stendersi a letto dicesi anche:   “App(i)sci(i)à”. 2. Portare, inviare
Stèrpa, s.f. e agg. Sterile,   Infeconda,femmina non fertile. (Da: Ital. “Sterpa”, pecora da   ingrasso, non fertile) – (Gr.: ‘Sterife’ sterile) ( Lat. volg. * sterpa(m),   dal gr. stériphos ‘sterile – Da Sapere.it))
Stèrr(e), s.m. Sterro
Stèrz(e), s.m. Sterzo
Stèss(e), agg. e Stìss(e), agg. Stesso
Stìent(e), s.m. e agg. Stento, patimento   sofferenza. Plurale: “Stìent(e)”
Stìer(e), s.m. Stallatico, strame,   erba o paglia che si spande sotto le bestie perche serva loro da lettiera   (‘l(e)ttèra’), quando una volta maturato, viene usato come letame, (vedere:   “Còta”). – (Dal   ted.: ‘streu’ sparso, da ‘streuen’ spargere
Stìerp(e), s.m. Sterpo, arbusto secco   e spinoso, ceppaia secca. lat. volg. ‘Stirpum’ tronco. 2. Sterile, uomo non fecondo
Stìerp(e), s.m. e agg Sterile, uomo non   fecondo. (dal lat. volg. ‘stirpum’: tronco, quindi impossibilitato ad avere discendenti – Vedere   ‘sterpa’). 2. Sterpo,   arbusto secco e spinoso, ceppaia secca
Stigliòla, s.f. Involtino di   interiora (fegato, polmone e rognone in budella) stretti all’interno   dell’omento, degli animali che, una volta,    si macellavano in casa. E’ delle dimensioni di circa 5 ÷ 10   centimetri, e viene arrostito. – (È un cibo di origine greca. Il nome ci   perviene dal  lat.: ‘extilia’   intestini, da cui il dim.    ‘extiliola’.  2. Omento, una   struttura legamentosa che si presenta come un foglio trasparente con   abbondanti striature adipose, che copre gli organi addominali dei mammiferi.   Si può reperire in commercio con l’insieme degli altri visceri   toraco-addominali
Stìglj(i), pl.m. Stiglio, termine   dialett. meridionale (Napoli). Termine usato al pl.: ‘Stiglj(i)’, i ripiani   graticciati in legno di uno scaffale di arredo in un magazzino o in un   negozio – (L’origine del nome è stata, forse, la sua funzione che era quella   di custodire utensili e altre cose necessarie. Dal latino medievale   ‘usitilium’, alterazione del classico ‘utensilía’
utensili ).
Stiìerp(e), s.m. e Str(e)ppòn(e), s.m. Sterpo, arbusto   secco, ceppaia morta (lat. volg.  ‘Stirpum’ = tronco > dal gr.   ‘Stériphos’ sterile, che non produce più)
Stìl(e), s.m. Telaio su cui è   incernierato un infisso (Lat.: ‘hastile’ palo) – Aggiùsta   ù stìl(e) rà pòrta = Accomoda il telaio della porta. 2. Stilo, manico di   legno della scure, o di altro arnese contadino
Stìma, s.f. Stima
Stìnt(e), s.m. e agg. Istinto. 2. Stinto
Stìnt(e), s.m. e agg. Stinto, scolorito. 2.   Istinto
Stìp(e), s.m. Stipo, credenza,   armadio per conservare oggetti vari. (Il verbo ‘stipare’ vedere: ‘st(e)pà’)
Stìp(e), s.m. Credenza, stipo,   armadio. (Da ‘stipare’ vedere: ‘st(e)pà’)
Stìs(e), agg. Steso
Stìss(e), agg. e Stèss(e), agg. Stesso
Stìzza Goccia, stilla. –   (Dal lat.: ‘stilla’, dim. di ‘stiria’ goccia)
Stòcchj(i), s.m. Stocco, fusto del   granturco. Servono come foraggio per gli animali. – Pl.: ‘Stòcchj(i)’ – Pòrta ) lì stòcchj(e) à lì vùov(e) = Porta i fusti del   granturco ai buoi
Stòffa, s.f. Stoffa. Venditore di   stoffe: “Pannacciàr(e)”
Stòmmach(e), s.m. Stomaco
Stòpp(e), s.m. Stop
Stoppà àt(e) Stoppare
Stòppa, s.f. Stoppa. 2. Gioco   delle carte di azzardo, basato sulla scommessa, vietato nei locali pubblici,   avente aspetti simili al Poker. Si gioca con carte regionali.
Stòrc(e) stùort(e), e St(e)rt(e)scjà, àt(e) e   St(e)rt(e)n(e)scjà, àt(e) Storcere, contorcere,   torcere,
Stòrta, s.f. Storta, distorsione,   trauma articolare
Str(e)cà, àt(e) Strofinare, strigare,   strusciare, sfregare, rasentare, sfiorare. – (Dal lat.: ‘ab extricando’   districare > strofinare, con forza, ad es. una spazzola)
Str(e)catùra, s.f. Sfregatura,   fenditura, intacco, incisione, frego, scarabocchio, traccia, segno,. – (i)Ngimma à màcchina (i)ngè nà str(e)catùra = Sulla macchina   c’è una sfregatura
Str(e)cchià, àt(e) Versare, cascare,   precipitare
Str(e)culà, àt(e) Stropicciare,   strofinare, sfregare i panni sullo ‘struculatùr(e)’ asse per bucato. –
Str(e)hà, àt(e) Stregare
Str(e)lacà, àt(e) Astrologare, fare   oroscopi, fare congetture astrologiche , predire il futuro
Str(e)llà, àt(e) Strillare
Str(e)m(e)ntà, àt(e) e Str(e)m(e)ndà, àt(e) Strumentare, cedere   un bene con una pubblica scrittura, un atto notarile – A’attàn(e)   l’hàv(e) str(e)m(e)ndàt(e) r'(e) tèrr(e) = il padre gli ha ceduto le   “terre” con un atto notarile
Str(e)mà, àt(e) Stremare, spompare,   sfinire
Str(e)mà, àt(e) Stremare, indebolire,   sfibrare – M'(e) so str(e)màt(e) r'(e) fòrz(e) = Mi si   sono indebilite le forze. 2. Dare l’estrema unzione e l’olio santo al   moribondo
Str(e)mm(e)là, àt(e) Ruzzolare,   capitombolare, rotolare, rovinare per un pendio (dal gr. ‘Strommos’ trottola)
Str(e)ng(e)tùr(e), s.m. Vinello ottenuto   dalla seconda spremitura delle vinacce
Str(e)ngòn(e), s.m. e Str(e)nguatùr(e), s.m. Sega grossa,   stroncaturo (arc), saraccone, grosso saracco con impugnatura d’ambo i lati,   usata da due operai. – (Da ‘stroncare’ nel significato di segare tronchi)
Str(e)nguatùr(e), s.m. e Str(e)ngòn(e), s.m. Stroncaturo (arc.),   saraccone da fossa, sega grossa, con impugnatura d’ambo i lati, usata da due   operai. – (Da ‘stroncare’ nel significato di segare tronchi)
Str(e)pp(e)gghià , àt(e) e Str(e)ppà, àt(e) Estirpare, sterpare,   sradicare, strappare, svellere, levar via con forza – O’sc(e) sò giùt(e) à   str(e)pp(e)gghià la vìgna = Oggi sono andato a estirpare (l’erba) nella vigna
Str(e)ppà, àt(e) e St(e)rpà, àt(e) Strappare, sterpare,   estirpare, svellere, sradicare, levar via con forza , levar via fin dalla   radice – L’àv(e) st(e)rpàt(e) lù rènd(e)) = Gli ha   strappato un dente – Sìm(e) sciùt(e) à str(e)ppà là vìgna = siamo andati a   strappare (l’erba) dal vigneto
Str(e)ppià, àt(e) Graffiare con le   unghie. (Dal lat. ‘turpis’ brutto > ex-turpiare: guastare le membra)
Str(e)ppiàt(e), s.m. Storpio
Str(e)ppiata, s.f. e str(e)ppiatùra, s.f. Graffiatura fatta con   le unghia
Str(e)ppòn(e), s.m. e Stìerp(e), s.m. Sterpo, arbusto   secco, ceppaia morta (lat. volg.    ‘Stirpum’ = tronco)
Str(e)rppà, àt(e) e Str(e)pp(e)gghià , àt(e) Sterpare, svellere le   male erbe, estirpare – O’sc(e) sò giùt(e) à str'(e)ppà la vìgna = Oggi sono   andato a estirpare (l’erba) nella vigna
Str(e)scià, àt(e) Strisciare, rigare,   sfiorare, scalfire, trascinarsi
Str(e)scià, àt(e) Strusciare, sfregare,   strofinare
Str(e)vìggh(i), s.m. Schizzo, sprizzo,   spruzzo – (Da: ‘str(e)v(e)gghià’ schizzare)
Str(e)vìgghià, àt(e) Sprizzare,  schizzare, spruzzare. (Dall’ital.:   ‘travasare’ trava’zare/ v. tr. (der. di vaso, col pref. tra-), con il   prefisso rafforz. ‘s’ e mutandone la desinenza ‘are’ con il dimin. ‘illare’:   poi ‘igghià(re), col significato di ‘(effettuazione) di piccolo travaso’, –   In dial. napoletano il termine ‘strevillo’ indica il piolino con il quale si   tura il piccolo foro della botte per far schizzare il vino per assaggiarlo)
Str(e)zz(e)cà, àt(e) e Str(e)zz(e)chijà, àt(e) Lagnarsi,   mormorare,dissentire sommessamente ed indirettamente, borbottare, pipilare,   mugugnare. – A’ fìglia stài(e) sèmb(e) à str(e)zz(e)cà =   La figlia sta sempre a dissentire. –  (Anche: ‘P(e)p(e)tà’ o ‘ ‘Sparl(e)ttà’). 2. Stridere, cigolare.
Str(e)zz(e)chijà, àt(e) e Str(e)zz(e)cà, àt(e) Stridere, cigolare.   2. Lagnarsi, dissentire sommessamente ed indirettamente. – A’   fìglia stài(e) sèmb(e) à str(e)zz(e)cà = La figlia sta sempre a dissentire
Str(e)zz(e)lià, àt(e) Sfogliare, lacerare,   strappare, stracciare, svellere, sradicare, levar via con forza , levar via   fin dalla radice. – Str(e)zz(e)lèiar(e) bbòn(e) r'(e)   spìch(e) r'(e) hran(e)rìnij(i) = Sfogliale bene le spighe di granoturco
Stràcc(e), s.m. Straccio. per lavare   superfici varie, in casa. Vedere anche: “Mappìna” e “Stùpp(i)l(e)”
Stràcqu(e), agg. arc. e Stànch(e), agg. Stracco, stanco,   spossato, fiacco. – (Dal long. ‘Strak’)
Stracquàl(e), s.m. e Vràca, s.f. e Vracàl(e), s.m. Imbraga, straccale,   cinghia di cuoio che lega il basto,per non farlo andare in avanti,   fasciando  i fianchi e il retro   dell’animale da soma – (‘Vràca’   – ha anche significato di Braga, pantalone)
Stracquàrs(e), àt(e) arc. Straccarsi,   stancarsi, sfinirsi
Strada, s.f. e Stràta, s.f. arc. Strada
Stradella, s.f. e Stratèlla, s.f. arc. Stradella
Stràdèlla, s.f. e Stràtèlla, s.f. arc. Stradella
Stradòn(e), s.m. Stradone
Straf(e)ttènza, s.f. Strafottenza
Strafacciàrs(e), àt(e) Sfigurarsi per   incidente, sfregiarsi sbattendo contro un ostacolo
Strafòr(e), s.m. Straforo, furtivo
Strafòtt(e), ùt(e) Strafottere
Strafuquà, àt(e) Ingozzarsi, mangiare   avidamente. 2. Strozzare, strangolare, soffocare
Strafuquà, àt(e) Strozzare,   strangolare, soffocare. 2. Ingozzarsi, mangiare avidamente
Stralucènd(e), agg. e Stralucènt(e) Stralucente
Stralunàt(e), agg. Stralunato,   stravolto, sconvolto
Stramacchià, àt(e) Stentare, patire,   affannarsi, vivacchiare, tirare a campare. – (Da ‘màcchia’ + il pref.   accrescitivo: ‘Stra’ e il suff. Verbale ‘are’ per significare: andare avanti   a macchie, cioè a tratti e quindi non completamente bene)
Stramàcchj(i), s. m. Stentatezza,   casualità, occasionalità, pochezza – (Vedere etimologia di ‘Stramacchià’ stentare)  – Vìv(e) r'(e)   stramàcchj(i) = Vive di stenti – Hàgg(e) vìnt(e) r'(e) stamàcchj(i) = Ho   vinto casualmente
Stramàn(e), avv. Scomodo (riferito ad   un luogo), fuori mano, lontano da percorsi consueti
Stràmb(e), agg. Strambo, strano
Stramùort(e), agg. Morto da tempo
Strangulià, àt(e) Strangolare
Stranìesc(e), s.m. Strascico, traccia,   indizio, segno – (i)Ngè nù stranìesc(e), rà qua è passata   à vòrpa! = C’è una traccia, qui è passata la volpe!
Strànij(e), s.m. Estraneo, stranio
Stranz(e)là, àt(e) e Stranz(e)lià, àt(e) Lacerare, stracciare,   logorare, sbrindellare
Stranz(e)làt(e), agg. e Stranz(e)liàt(e), agg. Stracciato, lacero,   cencioso, logoro, sbrindellato – Ù cappòtt(e) s’èia tùtt(e) stranz(e)liàt(e)   = Il cappotto si è tutto stracciato
Stranz(e)lià, àt(e) e Stranz(e)là, àt(e) Sbrindellare,   lacerare, stracciare, logorare
Stranz(e)liàt(e), agg. e Stranz(e)làt(e), agg. Cencioso, lacero,   cencioso, stracciato, logoro, sbrindellato – Scj(i)ia   agg(e)rànn(e) cum(e) nù stranz(e)liàt(e) = Andava girando come un cencioso
Strapazzà, àt(e) Strapazzare
Stràsc(e)n(e), s.m. Traccia, segni   odoroso, impronta o qualsiasi altra cosa indicante, in quel luogo,  il passaggio di un essere vivente od altro.
Strasc(e)nà, àt(e) e Trasc(e)nà, àt(e) Strascinare, tirare,   condurre a forza
Stràta, s.f. arc. e Stràda, s.f. Strada
Strav(e)rè, strav(e)rùt(e) o stravìst(e) Stravedere, vedere   quello che non è, prendere un abbaglio. 2. In senso fig., s. per qualcuno,   stimarlo e valutarlo, per il grande affetto e attaccamento, in misura   eccessivamente generosa, che riflette un giudizio non sereno e parziale
Strav(e)rè, stravìst(e) Stravedere
Stràzz(e), s.m. Liquirizia (‘Liquirìzzia’), estratto sotto forma   di pasticca, caramella, ecc. – (Così chiamato,  per la sua composizione e consistenza   simile al vetro, simile allo ‘strasso’, il quarzo ialino (vetroso), che per   primo fu lavorato dall’ingl. ‘Strass’)
Strazzà, àt(e) Stracciare, lacerare,   strappare
Strazzàt(e), s.m. Straccione, pezzente
Strazzigghiàt(e), agg. Lacerato, strappato
Strazzòn(e), s.m. Straccione
Strèha, s.f. e Strèca, s.f. arc. Fattucchiera, strega,   maga
Strèha, s.f. e Strèca, s.f. arc. Strega, fattucchiera,   maga
Strèm(e), s.m. Estremo – A’ strèma   Ùnziòn(e) = L’estrema unzione
Strèng(e), str(e)ngiùt(e)/strìtt(e) Stringere. –   Strìng(e) lì màtt(e)l(e)! = Fòrza, lavora bene e sodo! (tradotto alla lettera   durante la mietitura eseguita a mano: ‘stringi bene i mannèlli che legano il   covone!’, in modo da legare nello stesso spazio più spighe di grano) – Usato   anche: “(i)Ngasà” –   2. Torchiare, stringere,  termine in   genere riferito alla stringitura delle vinacce, da cui si ricaca ‘ lù str(e)ng(e)tùr(e)’
Strètt(e)la, s.f. Strettoia fra case e   muri, vicolo, viottolo di campagna. – Il termina ha dato il nome ad un   quartiere del paese: ‘r’ strètt(e)l(e)’ le strade strette.    –  (“Strettola”:   intesa come via stretta, strettoia.
Da:    http://www.laputa.it/qualificatori-di-toponimo-italiani/)
Strèuz(e), agg. Strano, strambo,   bizzarro, incomprensibile (Lat. ‘abstrusus’ spingere lontano, – significato figurato: astruso,   nascosto, occulto) – Pàrla strèuz(e) = Parla   incomprensibilmente – Vedere anche: “Ghiègghiar(e)”
Striàt(e), agg. Striato, segnato,   decorato con strie
Strìglia, s.f. Striglia, sorta di   spazzola, in ferro, formata nella parte inferiore da lamine metalliche,   dentellate, formanti un raschiatoio, per pulire il pelo degli equini.
Strìll(e), s.m. Strillo, grido
Strisc(e), avv. Striscio
Strìsc(e), s.m. Striscio
Strìscia, s.f. Striscia. 2. Cambiale
Strìtt(e), agg Stretto, unito,   legato, serrato, congiunto. 2. Costretto, obbligato, spinto: da “Stà   strìtt(e)”
Strìtt(e), s.m. Strettoia, tratto in   cui una strada si restringe. – Ròpp(e) quìgghj(i)   hrùpp(e) r’ càs(e) (i)ngè nù strìtt(e) = dopo quel gruppo di case c’è una   strettoia)
Strìtt(e), s.m. Stretto, canale,   passo
Strìtt(e)<Stà. – stat(e) stritt(e). Obbligato, costretto,   spinto, essere in ristrettezza. Essere in stato di scarsezza finanziaria e di   mezzi, tribolare, penare per altri motivi. – Ernèst(e)   stài strìtt à sòld(e) = Ernesto , è in stato di ristrettezza economica
Strìzz(e)ch(e), s.m. Dissenso sommesso ed   indiretto. 2. Cigolio, scricchiolio, stridore.
Strìzz(e)ch(e), s.m. Stridore, cigolio,   scricchiolio. 2. Dissenso sommesso ed indiretto. Vedrere: “Str(i)zz(i)cà”
Stròlach(e), s.m. Astrologo, indovino,   chi prepara oroscopi, predice il futuro
Stròlach(e), s.m. Indovino, astrologo,   chi prepara oroscopi, predice il futuro
Stròlach(e), s.m. Astrologo, mago,   indovino
Struculà, àt(e) e Struculià, àt(e) Stropicciare,   strofinare, stropicciare – (Da: ‘str(e)cà’ sfregare, con la sostituzione del   suff. ‘cà’ con ‘culà’ o ‘culià’, per voler intendere un’azione più lieve di   ‘stropicciamento’ – Dal lat.: ‘extricare’)- Figliò, pìglia lù struculatùr(e)   e struculèia li pànn(e)! – Figliola, prendi l’asse da bucato e stropiccia i   panni (per fare il bucato)!
Struculatùr(e), s.m. e Struculiatùr(e), s.m. Asse per bucato,   consistente in  una tavola di legno con   delle scanalature orizzontali sulle quali stropicciare i panni per lavarli. –   (Da ‘ Struculà’ o  ‘ Struculià’  stropicciare (i panni) con il suff. deverb.   ‘turo’ per indicare l’asse per il bucato) – dal lat.: ‘extricare’)
Struculiatùr(e), s.m. e Struculatùr(e), s.m. Tavola per bucato,   consistente in  un’asse di legno con   delle scanalature orizzontali sulle quali stropicciare i panni per lavarli.
Strùf(e)l(e), s. e pl. m. Struffoli o strufoli.   Dolcetti formati da palline di pasta dolce, con uova, fritti nell’olio,   ricoperti di miele miele, e decorati con zucchero od altri dolcificanti, come   i ‘mompariglia’(Vedere ‘Riav(e)lìegghj(i)’). Si fanno alla vigilia di Natale   . (Dal greco deriverebbe lo stesso nome dello “struffolo”, ossia   della singola pallina che compone il dolce: precisamente dalla parola   στρόγγυλος (stróngylos, pron. “strongoulos” o   “stroggulos”) che significa “di forma tondeggiante).
Struì, ìt(e) Istruire
Strùmm(e)l(e), s.m. Capitombolo, ruzzolo,   una rotolatura mentre si stà ruzzolando (dal gr. ‘Strommos’ , ‘Strobilos’ trottola). 2. Trottola, detta anche “Cùrl(e)”.
Strùmm(e)l(e), s.m. Trottola. (dal gr.   ‘Strommos’ trottola), detto anche “Cùrl(e)”. 2. Ruzzolo, una rotolatura mentre si stà ruzzolando
Strùnz(e), s.m. Stronzo. (long.   ‘strunz’ sterco)
Strùr(e), st(e)rrùt(e) Distruggere,   struggere, abbattere, sprecare, consumare. (Dal lat. ‘destruere’) –   (‘Strùr(e): Da it.: ‘Struggere’, contratto da distruggere)
Strùscj(e), s.m. Passeggio serale o   che si fa nei giorni festivi nel paese.
Strùssia, s.f. Distruzione, rovina,   sfacelo, consumazione, depauperamento – (Da ‘strùr(e)’ distrurre + il suff.   dev. ‘ssia’)
Strùtt(e), agg. Distrutto, logoro,   consumato
Stù, agg. e pron. Quésto agg. e pron. dimostr. – (Dal lat.: ‘iste’ > accus.:   ‘istum’) – femm.: ‘stà’   questa
Stù, agg. e Quìstu, agg. e quìst(e), agg. Stò, (term. pop.   Aferesi di ‘esto’ ), questo, . –    Femm.:  ‘stà’   e ‘quèsta’. – Pìglia stà sèggia = Prendi questa   sedia
Stùbb(e)t(e), agg. Stupido, sprovveduto.   Anche: “Scimìt(e)” –   “Cazzòn(e)”
Stubb(e)tàgg(e)na, s.f. e F'(e)ss(e)tùdd(e)na, s.f. Stupidaggine
Stubb(e)tàgg(e)na, s.f. e F'(e)ss(e)tùdd(e)na, s.f. e   F'(e)ss(e)tùdd(e)n(e), s.f. e Imbecillaggine,   scioccagine,  stupidaggine, povertà di   intelligenza
Stuccà, àt(e) Stuccare
Stùcch(e), s.m. Stucco
Stucchijà, àt(e) Stuccare
Stufà, àt(e) Stufare, cuocere a   lungo a fuoco lento
Stùfa, s.f. Stufa
Stufàrs(e), àt(e) Stufarsi, annoiarsi,   seccarsi
Stùmb(e), s.m. Torsolo, parte   centrale più dura dei frutti, contenente il seme (Es.: la mela) o di alcune   piante come ad es. le crucifere; (Es.: il cavolo). 2. Moncone di un  oggetto di forma oblunga
Stùmb(e), s.m. Moncone di un  oggetto di forma oblunga. 2. Torsolo, parte   centrale più dura dei frutti, contenente il seme (Es.: la mela) o di alcune   piante come ad es. le crucifere; (Es.: il cavolo)
Stuol(e), s.m. Stuolo, moltitudine
Stùorp(e), s.m. Storpio
Stùorpij(e), agg. Storpio
Stùort(e), agg. Storto – Femm: ‘stòrta’
Stuort_nom(e), s.m. e Soprannòm(e), s.m. Nomignolo, soprannome
Stùpp(e)l(e), s.m. Stoppaccio,   turacciolo ottenuto con uno straccio, con la stoppa, od anche con altro   materiale di fortuna, rinvenuto per l’occorrenza. – (Dal gr.: ‘ stypè’ a sua   volta dalla rad.: sta-; stap-; stup_ che vale esser fermo, saldo, duro; da   cui nasce l’oggetto, la cosa che rene duro, saldo). 2. Straccio   appalottolato, bagnato, usato per le pulizie
Stùpp(e)l(e), s.m. Straccio per lavare   superfici varie, in casa. 2.Turacciolo ottenuto con la stoppa, con un altro   tipo di straccio, od anche di materiale di fortuna, rinvenuto per   l’occorrenza.
Stùrij(e), s.m. Studio
Stùrn(e), agg. Storno, designazione   del cavallo con mantello scuro avente macchie di peli chiari (Come quello   dello storno o stornello)
Stùrn(e), s.m. Stornello, storno,   uccello dei passeriformi, di colore scuro macchiettato di bianco.
Stùt(e), agg. Astuto, furbo
Stut(e)m(e), s.m. Odore ?
Stuta cannèla, Spegnitoio,
Stùzia, s.f. arc. e Astùzia, s.f. Astuzia, furberia,   scaltrezza
Suàtta, s.f. arc. Cuoio<Pezzo di.   Pezzo di cuoio, di pelle, in genere usato per realizzare i finimenti degli   animali. – (Da: ‘suoletta’ piccola suola ‘sòla’) – Haànn(e)   fàtt(e) a suàtta! = Gli hanno fatto la pelle!
Suattàr(e), s.m. Venditore di cuoiame.   (Termine desueto già dail primi anni del ‘900) – (Da: ‘suàtta’)
Sùbb(e)t(e), agg. e avv. Subito
Sùbb(e)t(e), avv Subito
Sùbb(e)t(e)_sùbb(e)t(e), avv. e Mmediatamènt(e), avv. Immediatamente
Subbùglj(i), s.m. Subbuglio, chiasso,   confusione
Succulènd(e), agg. Succulento, sugoso
Sùch(e), s.m. e Sùcqu(e), s.m. Succo
Sùch(e), s.m. e Sùqu(e), s.m. e Sùg(o), s.m. e Sùh(e),   s.m., Sugo, condimento,   intingolo
Sucustrà, àt(e) Sequestrare
Sucustràt(e), s.m. Sequestrato
Sucustratòr(e), s.m. Sequestratore
Sucutà, àt(e) Incitare, andare   dietro ad una persona.  2. Seguire,   andare dietro.
Sucutà, àt(e) Seguire, andare   dietro.. 2. Incitare, spronare  a fare   qualcosa
Sùdd(e), s.m. Sud
Sùgh(e), s.m. e Sùch(e), s.m. e Sùqu(e), s.m. e Sùh(e),   s.m., Sugo, condimento,   intingolo
Sùgher(e), s.m. e Sùhar(e), s.m. arc. Sughero
Sùh(e), s.m. e Sùch(e), s.m. e Sùgh(e), s.m. e  s.m. e Sùqu(e), s.m. Condimento, sugo,   intingolo.
Sùh(e), s.m. e Sùqu(e), s.m. Suco (ant.), sugo,   condimento, intingolo. – (Dal lat.: ‘sucus’ succo, (ant.) suco )
Sùh(e), s.m., Sùch(e), s.m. e Sùh(e), s.m. e Sùgh(e), s.m. Intingolo, sugo,   condimento
Sùhar(e), s.m. arc. e sùgher(e), s.m. Sughero
Sùi, agg. e pron. poss. Suo. f.: ‘sòia’ – pl.   masch.: ‘SùÌ – pl. femm.: ‘Sòi(e)’
Sùl(e), agg. e avv Solo, solamente –   femm. ‘sòla’
Suldàt(e), s.m. Soldato
Sùlla, s.f. Sulla, pianta   foraggera
Sulluhuà, àt(e) e S(e)ll(e)và, àt(e) Sollevare, alzare. 2.   Liberare da una oppressione fisica o mortale, da un incarico, da una   sofferenza. – S'(e) piglià la mm'(e)r(e)cìna e sùbb(e)t(e) s'(e) s(e)ntì già   sulluhuàt(e) = Prese la medicina e subito si sentì sollevato
Sullu’uà, àt(e) e S(e)ll(e)và, àt(e) Sollevare, alzare. 2.   Liberare da una oppressione fisica o mortale, da un incarico, da una   sofferenza. – S'(e) piglià la mm'(e)r(e)cìna e sùbb(e)t(e) s'(e) s(e)ntì già   sullu’uàt(e) = Prese la medicina e subito si sentì sollevato
Sulluvà, àt(e) o S(e)ll(e)và, àt(e) Liberare da una   oppressione fisica o mortale, da un incarico, da una sofferenza. – S'(e)   piglià la mm'(e)r(e)cìna e sùbb(e)t(o) s'(e) s(e)ntì già s(e)ll(e)vàt(e) =   Prese la medicina e subito si sentì sollevato. 2. Sollevare, alzare.
Suluvìzza, s.f. e Sal(e)vìzza, s.f. Borracina maggiore,   Erba di San Giovanni,  detta   “Della Madonna”, la Centaurea solstitialis. – (Ciamata   ‘sal(e)vìzza’ forse con il significato di: salvezza, per le sue innumerevoli   roprietà curative, per piaghe, ferite, abrasioni e e persino per curare   depressione)
Sùng(e), s.m. Giunco di palude   (Scirpus lacuster) – (Dal lat. ‘iuncus’ all’it.: giunco,  arrivato a noi dapprima come ‘sciùngh(e)’,   infine ‘sùng(e)’)
Sùoh(e)r(e), s.m. Suocero. (Lat.: ‘Suoxer’) – Mio   suocero: “Sùoh(e)r(e)ma” – Mia suocera: “Sòh(e)rama”
Sùon(e), s.m. Suono
Sùonn(e), s.m. Sonno. Avere sonno,   dicesi: “Fa sùonn(e)” – A’ sèra m'(e) ‘fàc(e)   sùonn(e)’ viètta = La sera ho sonno presto. Vedere   anche: “Papàgna”, s.f. = sonno, torpore, sopore ed anche: “Zì Pàul(e)”.    2. Tempia 3. Sogno
Sùonn(e), s.m. Tempia (Termine usato   in genere al plurale). – (Perché popolarmente le tempie erano ritenute la   sede del sonno, o per la loro funzione passiva durante il sonno. Questo tipo   di denominazione è ben nota anche in tedesco, in alcune lingue slave e in   basco. (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005, pag. 408 alla voce ‘sóno’)   – Hàv(e) avùt(e) nà bòtta (i)ndà lì sùonn(e) = Ha avuto una botta nella   tempia. –  2. Sonno 3. Sogno
Sùonn(e), s.m. Sogno. – Stanòtt(e)   hàgg(e) fàtt(e) nù brùtt(e) sùonn(e) _ Stanotte ho fatto un brutto sogno. 2.   Sonno. 3. Tempia
Sùor(e)v(e), s.m. Sorbo, albero delle   Rosace (Sorbus domestica) che dà il frutto: “Sòr(e)va”
Sùora, s.f. Suora, monaca
Sùozz(e), agg. Bilanciato,   uguagliato, pareggiato, uguagliato, preciso. –  (Dal lat. ‘socius’ compagno, nell senso di   essere alla pari, uguali)
Sùppa, s.f. (e Zùppa, s.f.) Zuppa, suppa (arc.   Dante Purg. XXXIII – 36) L’atto dell’inzuppare un boccone di pane od altro   ingrediente in un liquido quale acqua, latte, brodo, vino od altro. (Dal   germanico: ‘suppa’) –  Ù   b'(e)scj(e)còtt(e) fattìll(e) à sùppa (i)ndà lù b(e)cchìer(e) r'(e) mìer(e) =   Il biscotto mangialo inzuppato nel bicchiere di vino
Sùqu(e), s.m. e Sùgh(), s.m. e Sùh(e), s.m., e Sùch(e), s.m. Sugo, condimento,   intingolo. – (Dal lat.: ‘sucus’ succo, (ant.) suco )
Suquà, àt(e) Succhiare, aspirare,   poppare. 2. Succiare, assumere un alimento facendolo sciogliere in bocca. –   (Dal lat.: ‘suctiare’ succhiare > da ‘sucus’ succo)
Suquà, àt(e) Succiare, assumere un   alimento facendolo sciogliere in bocca. 2. Succhiare, aspirare, poppare. –   (Dal lat.: ‘suctiare’ succhiare > da ‘sucus’ succo, (ant.) suco)
Suquàta, s.f. Succhiata
Suquèstr(e), s.m. Sequestro
Sùrch(e), s.m. Solco
Sùrchj(e), s.m. e (i)Ndòrta, s.f. e Sùrs(e), s.m. Sorsata, sorso,   centellino – (Dal part. pass. di lat. ‘suctiare’ succhiare, divenuto nel   nostro dialetto: surctiato, e quindi; surchi(o), che sarebbe poi l’italiano   ‘succo’, ‘suco’.)  – ‘Mier(e) sùrchj(e)’ = Vino dolce, non   ancora fermentato (da bere con un ‘sùrchj(i)’ sorso) –
Sùrchj(i), s.m. Sorso, sorsata. –   (Da: ‘s(e)rchià’ succhiare, sorbire)
Sùrd(e), s.m. Sordo, che non sente.   (Dal lat. ‘surdus’) –   Sordomuto = “Mùp(e)”
Sùrs(e), s.m. e Sùrchj(e), s.m. e (i)Ndòrta, s.f. Centellino, sorsata,   sorso. –
Sv(e)nazzà, àt(e) Vinaccia>Separare   la. Separare la vinaccia dal mosto, fase della lavorazione del vino.
Sv(e)r(e)hugnà, àt(e), arc, e Svergognà, àt(e) Smascherare,   mortificare, svergognare
Sv(e)r(e)hugnàt(e), agg. Svergognato
Svàh(e), s.m. Svago
Svahà, àt(e) Svagare
Svahàrs(e), àt(e) Svagarsi, ricrearsi,   divertirsi
Svahrs(e)à, àt(e) Svagarsi,   divertirsi,  ricrearsi
Svasà, àt(e) Svasare
Svèlt(e), agg. Svelto, sbrigativo
Svenì, ùt(e) Svenire
Sverg(i)nà, àt(e) Sverginare
Svergognà, àt(e) e Sv(e)r(e)hugnà, àt(e), arc Svergognare,   mortificare, smascherare
Svergognàt(e), s.m. e Sbergognàt(e), s.m. Svergognato
Svignàrs(e)la, àta Svignarsela
Svità, àt(e) e Sbità, àt(e) arc. Svitare
Svitàt(e), agg. Svitato, persona   stramba, senza cervello
Sv’r(e)hugnà, àt(e)
Sv’r(e)hugnàt(e) Svergognato
Svracà, àt(e) e Sbracà, àt(e) Sbracare, sbracarsi,   levarsi le brache. 2.Sbracare, levare la ‘vràca’, l’ imbraga, all’animale da   soma
Svùcquàt(e), agg. Sboccato, persona che   abitualmente usa espressioni o parole sconvenienti od anche persona   eccessivamente loquace