P/Q/R

i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
P P
P'(e), prep. e  À_pp'(e),   prep. Per – Crài pàssa p'(e) càsa mìa = Domani passa per casa mia –   Moltìbblica p'(e) quàtt(e) = Moltiplica per quattro – Per il  = “P'(e) lù” ed anche “Pù”
P(e)càta, s.f. Picconata – (Da:   ‘pìch(e)’ piccone)
P(e)cc(e)latìeggh(i), s.m. Focaccia pasquale   rustica di una volta, semplice ma di sostanza. Fatto di pasta modellata a   forma di grossa treccia sulla quale va incastonato qualche uovo sodo o   arricchito con qualche pezzo di finocchio. – 2. Dolce pasquale fatto a   ciambella, ricoperto di glassa ‘Nàspr(e)’    e di momperiglia, le microscopiche palline di zucchero colorate. – (Da   ‘πóρχης ‘, (porches) cerchio e ‘eidos’ forma, aspetto, quindi: a forma di   cerchio)
P(e)cc(e)latìegghj(i), s.m. Dolce pasquale fatto   a ciambella, ricoperto di glassa ‘Nàspr(e)’    e di momperiglia, le microscopiche palline di zucchero colorate. 2.   Focaccia pasquale rustica di una volta, semplice ma di sostanza. Fatto di   pasta modellata a forma di grossa treccia sulla quale va incastonato qualche   uovo sodo o arricchito con qualche pezzo di finocchio. – (Da ‘πóρχης ‘,   (porches) cerchio e ‘eidos’ forma, aspetto, quindi: a forma di cerchio)
P(e)cc(e)n(e)nnùzz(e) Piccoletto, (Da:   ‘p(e)cc(e)nìnn(e)’ piccolo, col suff. ‘uzz(e)’ avente il significato di:   ‘quasi piccolo’: “P(e)cc(e)n(e)nnùzz(e)”
P(e)cc(e)n(e)nnùzz(e), agg. Piccinino,   minuscoletto
P(e)cc(e)nàra, s.f. Piccionaia
P(e)cc(e)nìnn(e), agg. Piccino, piccolino,   minuscolo, minuto. – Piccoletto: “P(e)cc(e)n(e)nnùzz(e)”, (Col suff. ‘uzz(e)’ avente il significato di: ‘quasi   piccolo”. – Piccolo piccolo: “P(e)cc(e)nìnn(e)_p(e)cc(e)nìnn(e)”
P(e)ccà, àt(e) Peccare
P(e)ccàt(e), s.m. Peccato
P(e)ccàtòr(e), s.m. Peccatore
P(e)cchè, avv. e cong. o App(e)cchè avv. Perché – Vedere   anche: “Eccò”
P(e)cciòn(e), s.m. Piccione, colombo –   Termine rivolto ai bambini: “Rùcch(e)rùcch()”
P(e)cciòn(e), s.m. Colombo, piccione –   Termine rivolto ai bambini: “Rùcc(o)rùcc(o)”
P(e)cciùs(e), agg. Bizzoso,   capriccioso
P(e)cèc(e), s.m. Lurido imbrattato,   sporcato da pece (Forse dal Lat. ‘picare’ impeciare) – S’èia   fàtt(e) cùm(e) nù p(e)cèc(e) = Si è impiastricciato
P(e)chiùochj(i), s.m. L’assiolo o assiuolo   (Otus scops Linnaeus, 1758) è il più piccolo strigide europeo dopo la civetta   nana; raggiunge appena le dimensioni del merlo
P(e)còn(e), s.m. Pugnone, un forte   pugno (“Pùnij(e)”) –   Il dare ed anche fare a pugni: “P(e)cunià)”
P(e)cundrìa, s.f. Pigrizia, ozio –   Impigrire: ”App(e)cundrìrs(e)”
P(e)cunià, àt(e) Cazzottare,   percuotere, pestare, picchiare, tempestare (di pugni), fare a pugni – S'(e) pucunèian(e) sèmb(e) = Fanno a pugni sempre
P(e)cùnia, s.f. Pecunia
P(e)cùozz(e), s.m. Converso, Torzone (Un   laico conventuale) – A Calitri ragazzo che assiste il parroco durante le   funzioni, inserviente.
P(e)curàr(e), s.m. Pecoraio, pastore di   pecore, villano, presona trasandata
P(e)ffìn(e,) prep. e (i)Nzigna, prep. e Fìn(e), prep. Perfino, persino,   fino, sino, – Lìt(e)han(e) p(e)ffìn(e) (i)ndà là chièsia   = Litigano persino in chiesa
P(e)gghiàstr(e), s.m. e Pullàstr(e), s.m. Pollastro
P(e)gghiàstra, s.f. e Pullàstra, s.f. (dal nap.) Pollastra
P(e)gghìtr(e), s.m. Puledro
P(e)l(e)cìn(e), s.m. Gambo, picciolo 2.   Pulcino
P(e)l(e)cìn(e), s.m. Pulcino 2. Gambo,   picciolo
P(e)l(e)v(e)n(e)scjà, àt(e) o P(e)lùhunià, àt(e) Nevischiare   accompagnato da forte vento, turbinio di neve. – N'(e)n   assì cà fòr(e), p(e)l(e)v(e)néscia = Non uscire perché fuori (il tempo) stà   turbinando
P(e)l(e)v(e)nià, àt(e) Vento, turbinio, con   pulviscolo
P(e)l(e)zìa, s.f. e Pul(e)zzìa, s.f. Pulizia
P(e)l(e)zzà, àt(e) Pulire
P(e)là, àt(e) e Sp(e)là, àt(e) Pelare, spennare,   sbucciare – Mìtt(e) à bòggh(i) l’àcqua ch’àmma p(e)là lù hagghiùcc(e)! =   Metti a bollire l’acqua che dobbiamo spennare il galletto!
P(e)làt(e), agg. s.m. Pelato
P(e)lèha, s.f. Cavillo, pretesto,   appiglio, ragionamento capzioso, falsa ragione (pl.: ‘p(e)lèh(e)’) – (Dal. Nap. ‘pelea’ > Dallo sp. ‘pelea’ lite, lotta,   assumendo il significato attuale di: ‘pretesto’ per cercare lite)
P(e)lìùs(e), s.m. Cavillatore,   pretestatore . – (Da ‘p(e)lèha’)
P(e)llìccia, s.f. Pelliccia
P(e)lmòn(e), s.m. arc. e Polmòn(e), s.m. Polmone. Vedere   anche: “Pr'(e)mòn(e)”   arc.
P(e)lòn(e), s.m. Fontanone in pietra   dalla quale attingere acqua potabile e per abbeverare animali.
P(e)luhunià, àt(e) e P(e)luv(e)n(e)scjà, àt(e) Nevischiare   accompagnato da forte vento, turbinio di neve. – N'(e)n assì cà fòr(e)   p(e)lùuneia = Non uscire perché fuori    (Il tempo) stà turbinando –
P(e)lùs(e), agg. Peloso
P(e)lùsc(e), s.m. Peluche, stoffa dal   pelo folto e morbido (dal fr. ‘peluche’)
P(e)luuìn(e), s.m. Nevischio   accompagnato da forte vento.
P(e)lÙuìn(e), s.m. Tormenta, turbinio di   neve
P(e)luv(e)n(e)scjà, àt(e) e p(e)luhunià, àt(e) e   p(e)luhun(e)scjà, àt(e) Nevischiare   accompagnato da forte vento, turbinio di neve. – N'(e)n assì cà fòr(e)   p(e)lùÙneià = Non uscire perché fuori (il tempo) stà turbinando
P(e)màta, s.f. Pomata
P(e)mm(e)nàl(e), s.m. Uomo nottambulo.  (La    leggenda vuole condannato a girare nottetempo, da folle, colui  che nasce il giorno di Natale avendo voluto   imitare la nascita di Gesù, spaventando con grida strazianti i viandandi che   lo dovessero incontrare) – E’ia cùm(e) nù p'(e)mm(e)nàl(e), vài agg(e)rànn(e)   sùl(e) r(e) nòtt(e)! = E’ come il (‘P(e)mme)nàl(e)’ personaggio della   leggenda), gira solamente di notte!
P(e)mp(e)tèlla, s.f. e P(e)mb(e)tèlla, s.f. Pompetta ad uso di   clistere, enteroclisma
P(e)mpà, àt(e) e P(e)mbà, àt(e) Pompare
P(e)mpètta, s.f. Pompetta
P(e)n(e)tènza, s.f. Penitenza
P(e)nà, àt(e) Penare, subire pene,   travagliarsi
P(e)nàt(e), s.m. Forsennato, furioso –   Allucquàva cùm(e) nù p(e)nàt = Strillava come un furioso
P(e)nd(e)cìegghj(i), s.m. Tombino stradale
P(e)nd(e)mìend(e), s.m. e P(e)nd(e)mènd(e), s.m. Pentimento
P(e)ndarùl(e), s.m. e P(e)ndarùl(e), s.m. Punteruolo
P(e)ndigliùs(e), s.m. e P(e)ntigliùs(e), s.m. Puntiglioso
P(e)ndìrs(e), p(e)ndùt(e) Pentirsi
P(e)nènd(e), s.m. Ponente
P(e)nià, àt(e) arc. e P(e)cunià, àt(e) Pugni >Dare. Dare   cazzotti.
P(e)niòn(e), s.m. Opinione
P(e)nn(e)lià, àt(e) Penzolare,   propendere, essere appeso, dondolare
P(e)nn(e)llèssa, s.f. Pennellessa, grosso   pennello piatto usato dagli imbianchini.
P(e)nnàcchj(e), s.m. Stoppia del   granoturco. Residui di una coltura erbacea (spec. ‘hran(e)rìnj(i)’   granoturco) rimasti sul campo dopo il taglio o la mietitura. 2. Piumino,   pennacchio, mazzo di penne
P(e)nnàcchj(i), s.m. Pennacchio, mazzo di   penne, piumino 2. Stoppia del granoturco
P(e)nnènza, s.f. Pendenza
P(e)nnìell(e), s.m. Pennello
P(e)nnìn(e), s.m. Pennino. Per le penne   ad inchiostro, da intingere nel calamaio (calamài(e)’ fino agli inizi della   seconda metà del sec. XX, nel paese si usava in genere quello a: “Tìbb_Tìbb” sagomato con lamina   a faccette rastremate e quello a: “Cavallòtt(e)” con lamina sagomata a tutto tondo.
P(e)nt(e)gghià, at(e) Punteggiare, segnare   con una serie di piccoli punti. 2. Rompere, battere con il puntello,   praticare piccoli fori
P(e)nt(e)gghià, at(e) e (i)Np(e)nt(e)gghià, àt(e) Puntellare
P(e)ntà, àt(e) e P(e)ndà, àt(e) Puntare
P(e)ntàra, s.f. e P(e)ndàra, s.f. Roccia<Punta di.   Punta di roccia, emergente nel terreno agricolo, che ostacola l’aratura.   Viene in genere rimossa con mezzi idonei, oppure se troppo grande viene   lasciata in loco e si ara girandole intorno.
P(e)ntarùl(e), s.m. e P(e)ndarùl(e), s.m. e P(e)ntìggh(i), s.m. Punteruolo
P(e)ntègghia, s.f. Puntello, sostegno,   paletto
P(e)ntiàt(e), agg. Lentigginoso –   Màrij(o) èia p(i)ntiàt(e) = Mario è lentigginoso
P(e)ntìggh(i), s.m. o P(e)ntarùl(e), s.m. o P(e)ndarùl(e), s.m. Punteruolo 2.   Puntino  3. Lentiggine  – Al femminile “P(i)ntègghia” =   Puntello.
P(e)ntìgghi(i), s.m. Punteruolo 2.   Puntino  3. Lentiggine  – Al femminile “P(i)ntègghia” =   Puntello.
P(e)ntìgghj(i), s.m. Puntino. 2.   Punteruolo 3. Lentiggine
P(e)ntìgghj(i), s.m. e P(e)ndìgghj(i), s.m. Lentiggine. 2.   Puntino.  2. Punteruolo
P(e)ntìglj(i), s.m. e P(e)ndìglj(i), s.m. Puntiglio
P(e)ntìma, s.f. Chiodo. 2.   Ferri<Lavoro ai. Lavoro ai ferri.
P(e)ntìma, s.f., at(o) Ferri<Lavoro ai.   Lavoro ai ferri. – Stài(e) tùtt(e) lù iùorn(o) à fa là   P'(e)ntìma = Stà tutto il giorno a lavorare ai ferri. 2. Chiodo.
P(e)ntòn(e), s.m. Sporgenza,   prominenza, protuberanza – in genere di roccia, di muratura.
P(e)ntùra, s.f. e P(e)ndùra, s.f. Puntura
P(e)nz(e)rùs(e), agg. e P(e)nzùs(e), agg. Pensieroso, pensoso
P(e)nzà, àt(e) Pensare
P(e)nzà,àt(e) Pensare
P(e)nzìer(e), s.m. Pensiero. –   Pensierino = “Penzierìn(e)”,   s.m.
P(e)nzùs(e), agg. e P(e)nz(e)rùs(e), agg. Pensoso, pensieroso
P(e)p(e)cègghia, s.f. Peperone a frutto di   media grandezza, rosso, rotondo (si usa conservarli, in casa, appesi in filze   realizzate con uno spago passante per il peduncolo del frutto stesso ‘(i)Nzèrta’)
P(e)p(e)cìegghj(i), s.m. Peperoncino, varietà   di peperone a frutto piccolo di forma tendeggiante (si usano conservarli,   appesi in casa, in filze realizzate con uno spago passante per il peduncolo   del frutto stesso (‘(i)Nzèrta’), per usarli durante l’anno)
P(e)p(e)tà, àt(e) arc. e P(e)p(e)tià, àt(e) arc. Borbottare, pipilare,   mugugnare, mormorare, bisbigliare malignità o scontentezza (Anche: ‘Str(e)zz(e)cà’) – lat. ‘pipilo,   às’ = pigolare – lat. tardo ‘pipita’ – It.: ‘pipilare’
P(e)pìta, s.f. arc. Mugugno, chiacchiera,   mormorio – (Lat.: ‘Pipatio’)
P(e)ppiàta, s.f. Pipata, singola   boccata di fumo titata con la pipa 2. Intero decorso della fumata con la   pipa. – S’av(e) fàtt(e) nà bbèlla p(i)ppiàta = Ha fatto una bella fumata di   pipa.
P(e)r(e)chiàcca, s.f. Escremento tipico dei   bovinidi, consistente in un grosso escreto pastoso. – (Dal nap. ‘pucchiacca’   con il significato ‘triviale’ di organo genitale della donna, il termine da   noi ha assunto il termine, dispregiativo, solamente di qualcosa di volminoso   ma sozzo come è la cacca delle vacche, un un grosso escremento pastoso.   (L’etimologia, tra le tante, potrebbe derivare dalla radice “porc”,   scrofa, parola con la quale, si riferisce anche alla vulva della scrofa (il   tutto per la parte), con  il  ‘porc’, + acchia (suffisso spregiativo)   darebbe luogo anche al termine    ‘porcacchia’, giunto a noi solo come qualcosa  di grosso e sporco)
P(e)r(e)cìeggh(i), s.m. Porcello, piccolo   porco
P(e)r(e)cìeggh(i), s.m., e P(e)rùnz(e)l(e), s.m., e   P(e)rùnz(e)lìeggh(i), s.m. Piedino
P(e)ràzz(e), s.m. Pero selvatico
P(e)rc(e)gghiùzz(e), s.m. Porcellino
P(e)rcàr(e), s.m. Porcaro, allevatore   di porci
P(e)rcarìa, s.f. Porcheria
P(e)rchìtt(e), s.m. e Presa, s.f. Porca, striscia di   terreno di varia ampiezza, col significato, però, di terreno arato,   cosistentente in una fascia di 5÷6 solchi, per tutta la lunghezza del campo,   compresa fra gli intervalli dei solchi più profondi, realizzati per lo scolo   delle acque meteoriche, essenziali  nel   nostro territorio scosceso. – (Dal dim. dell’it.: ‘porca’. Dal lat.   ‘porrigere’ o ‘porgere’ = stendere in avanti)
P(e)rcià, àt(e) Bucare, attraversare,   sforare, uscire, emergere. (Dal lat. ‘percolare’, filtrare, passare per un   filtro). 2.  Permeare, percolare
P(e)rcià, àt(e) Permeare, percolare.   2. Sbucare, sforare, passare, uscire, emergere, passare
P(e)rcià, àt(e) e P(e)rt(e)sà, àt(e) Perforare, sfondare   facendo un foro “(p(e)rtùs(e)” pertugiare, trapassare, sbucare
P(e)rcìegghj(i) r'(e) S. Antònij(i), s.m. Sfinge del galio,   nome dato all’insetto del Lepidotteri (Macroglossum stellatarum). Succhia il   nettare dei fiori con la lunga spirotromba mentre si libra in volo. A volte   entra nelle case aperte, lo si vede fare un giro di ricognizione e quindi   ritornare fuori, è portatore di buona fortuna. (Così denominato per analogia   all’antica usanza seguita in alcuni paesi della vicina ‘Daunia’ della   Capitanata di regalare a S. Antonio o a S. Matteo un maialino che veniva   lasciato libero di girare per il paese, con un nastro rosso al collo, e   doveva essere da tutti accudito da buoni cristiani. Libero di entrare in   tutte le case, riverito come un animale benedetto, portafortuna)
P(e)rcìegghj(i), s.m. Porcello, piccolo   maiale
P(e)rcihhgiùzz(e) s.m. Porcellino
P(e)rd(e)nà, àt(e) Perdonare
P(e)rdàcchj(i), s.m. Scorreggia, peto – Fà   Ù p(e)rdàcchj(i) = Morire
P(e)rdènza, s.f. e Pèrd(e)ta, s.f. Diminuzione. perdita,   scapito diminuzione
P(e)rdià, àt(e) Scoreggiare
P(e)rdòn(e), s.m. Perdono
P(e)rf(e)rià, àt(e) Insinuare, malignare,   calunniare velatamente
P(e)rf(e)rià, àt(e) Perfidiare, ostinarsi   a torto, in mala fede – T'(e) fìr(e) pùr(e) r'(e)   p'(e)rf(e)rià? = Hai pure la forza di ostinarti a torto?
P(e)rf(e)riùs(e), s.f. Perfidioso
P(e)rfìria, s.f. Perfidia
P(e)rì, p(e)rùt(e) e P(e)rìsc(e), p(e)rùt(e) Ammuffire, deperire –   (da: ‘perire’andar perduto)
P(e)rìsc(e), ùt(e) e P(e)rì, ùt(e) Ammuffire
P(e)rìt(e), s.m. Perito, in generale   detto del professionista abilitato come geometra
P(e)rmènn(e), ìs(e) arc. e P(e)rmènt(e), ìs(e) arc. e   Promètt(e), promèss(e) Promettere. –   P(e)rmènn(e), p(e)rmìnn(e), p(e)rmènn(e), p(e)rm(i)nnìm(e), p(e)rm(e)nnìt(e),   p(e)rmènn(e)n(e)
P(e)rmèss(e), s.m. Permesso
P(e)rmètt(e), p(e)rmìs(e) Permettere
P(e)rnàcchia, s.f. e P(e)rnàcchij(e), s.m. Pernacchia, (nap.).   Suono volgare che si produce emettendo un forte soffio d’aria tra le labbra   serrate, talvolta con la lingua interposta, più spesso premendo la bocca col   dorso o col palmo della mano: esprime disprezzo per la superbia e l’arroganza   altrui – .  (Dal napol., in precedenza   pernàcchio, da un originario vernàcchio che è il lat. vernacŭlus «servile,   scurrile», der. di verna «servo, schiavo»)
P(e)rnìc(e), s.f. Pernice
P(e)rpètta, s.f. Polpetta
P(e)rpùs(e), agg e P(e)rpùt(e), agg. Polposo, polputo,   succoso, carnoso
P(e)rpùt(e), agg. P(e)rpùs(e), agg Polputo, polposo,   succoso, carnoso
P(e)rquàr(e), s.m. Porcaio, guardiano di   porci
P(e)rr(e)cà, àt(e) e Pr(e)rr(e)cà, àt(e Predicare, dire in   pubblico
P(e)rrìt(e), s.m. Prurito, prurore
P(e)rrìt(e)<Fa. Fà p(e)rrìt(e), fàtt(e) p. Prudere
P(e)rròn(e), s.m. e p(e)rrùozz(e), s.m. Cavicchio, perno.   Anticamente anche forcina, forchetta. (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo –   UTET-2005 – pag. 336 voce: ‘piron’)
P(e)rrùozz(e), s.m. Tappo di legno,   cacchiume. (dal tardo latino ‘epi(u)rùs’, cavicchio, piolo) – gr. ‘pèiros’ =   perno’
P(e)rs(e)uì, às(e) Persuadere; S’hànna   sùl(e) p(e)rs(e)uì! = Si devono solamente persuadere!  –  Quigghj(i) s’èia p(e)rsuàs(e) = Quello si è   persuaso. Anche: “Fàrs(e)   capàc(e)”
P(e)rsòna, s.f. Persona
P(e)rsuàs(e) Persuaso; l’hav(e) p(e)rsuàs(e) = lo ha persuaso; Tù l’èia fà p(e)rsuàs(e   = Tu lo devi persuadere
P(e)rsuàs(e), agg. Persuaso, Quiggh(i)   s’èia fàtt p(i)rsuàs(o) = Quello si è persuaso (definitivamente)
P(e)rsuàs(e), agg. Persuaso
P(e)rsuàs(e), agg. Persuaso, convinto
P(e)rsuàs(e)>Fàrs(e), fàtt p. Persuadersi, farsi   persuaso
P(e)rt(e)càra, s.f. Aratro o perticara. –   (Vecchio tipo di aratro umbro, detto anche ‘perticara’, tutto di legno tranne   il vomere che è in ferro. – Prende il nome dalla lunga pertica di cui ne era   un componente).  – In agricoltura si usava   il termina “A p(e)rt(e)càra”   per indicare l’assunzione di un bracciante per tutto il giorno.
P(e)rt(e)cègghia, s.f. Porticina
P(e)rt(e)llìna, s.f. Portellina,   sportellino
P(e)rt(e)sà, àt(e) Pertugiare, bucare,   forare (Lat,: ‘pertusiare)
P(e)rt(e)sà, àt(e) e P(e)rcià, àt(e) Pertugiare, forare,   sfondare facendo un foro “(p(e)rtùs(e)”,
P(e)rtà (i)ncanzòna, espr. Temporeggiare,   guadagnar tempo, procrastinare, differire
P(e)rtà (i)nganzòna, p(e)rtàt (i)i… Dilazionare,   prorogare, rimandare, mandare in lungo
P(e)rtà, àt(e) e Arracà, àt(e) arc. Portare, trasportare,   guidare, condurre –  – L’àgg(e) p(e)rtàt(e) ndà lù mìer(e)ch(e) = L’ho condotto dal   medico.
P(e)rtà. àt(e) Portare, trasportare,   recapitare, guidare, condurre (Lat.: Porto, as)  – Anche:   ‘Addùc(e)’  – Portare cose pesanti:   ‘Arracà’, termine arc.
P(e)rtàl(e), s.m. Portale
P(e)rtègghia, s.f. Portella. In genere   riferita alla portella, alta circa un metro, posizionata davanti ad una delle   porte cieche al pianto terra di un’abitazione in modo che quando quest’ultima   restava aperta, sbarrava l’ingresso e nel contempo faceva entrare la luce in   casa. In genere era provvista di un foro per far entrare ed uscire il gatto.
P(e)rtègghia, s.f. Portella
P(e)rtòn(e), s.m. Portone
P(e)rtuàll(e), s.m. e C(e)tràngula, s.f. arc. e Aràng(e), s.m. Arancia. (Dal. Turco   ‘Portakal’)
P(e)rtùs(e) r'(e) lù nàs(e), s.m. Narice
P(e)rtùs(e), s.m. Pertugio, buco, foro   – lat. ‘pertusus’
P(e)rtùs(e), s.m. Buco, pertugio, foro
P(e)rùl(e), s.m. Tallone della calza.   (Dall’it.: ‘perula’ fogliolina che riveste e protegge la gemma > a sua   volta dal lat.: ‘perula’ piccola pera, sacco,    come è la parte di calza che copre il tallone di tale forma)
P(e)rùnz(e)l(e), s.m., o P(e)rùnz(e)lìeggh(i), s.m. o   P(e)r(e)cìeggh(i), s.m. Piedino
P(e)rùnz(e)lìeggh(i), s.m. o P(e)r(e)cìeggh(i), s.m., o   P(e)rùnz(i)l(o), s.m. Piedino
P(e)rùt(e), agg. Ammuffito, stantio. –   N'(e)n t'(e) mangià ss'(e) ppàn(e) cà èia p(e)rùt(e)! –   Non mangiare quel pane perché è ammuffito!
P(e)s(e)mòr(e), s.m. Pesantezza, gravezza.   – P'(e) ù p(e)s(e)mòr r'(e) quìgghiu b(e)rz(e)còn(e) à   brànda s’èra aff(e)nnàta, (i)nd(e)ppàva quàs(e) (i)ndèrra = Per La pesantezza   di quel ciccione la branda si era infossata, toccava quasi per terra
P(e)sa, àt(e) Pigiare, pestare,   triturare, trebbiare il grano (La trebbiatura veniva eseguita, una volta, con   l’uso di una grossa pietra trainata da animali, vedere: ‘tùf(e)’  – Hànn(e) già p(e)sàt(e) l’ùva = Hanno già pigiato l’uva. 2. Pesare
P(e)sà, àt(e) Pestare, pigiare,   triturare, trebbiare. R’èia p(e)sàt(e= r'(e) sàl(e)? = Lo   hai triturato il sale? 2. Pesare
P(e)sà, àt(e) Pesare, misurare il   peso mediante uno strumento adeguato. 2. Pestare, pigiare, triturare,   trebbiare
P(e)sànd(e), agg. Pesantezza
P(e)satùr(e), s.m. Pestello
P(e)satùr(e), s.m. e M(e)rtàl(e), s.m. Pestello, mortaio
P(e)sc(e)còn(e), s.m. Macigno, masso,   grosso sasso (Gr. ‘ Pesculion’)
P(e)sc(e)còn(e), s.m. Masso, macigno, groso   sasso
P(e)sc(e)cunàta, s.f. e Chiangunàta, s.f Pietrata, sassata (Da   ‘p(e)sc(e)còn’ Grosso sasso)
P(e)sc(e)là, àt(e) e P(e)sc(e)lià, àt(e) Sgocciolare
P(e)sc(e)laccòn(e), agg. Grassoccio, paffuto,   ben pasciuto, grassottello (termine riferito in genere ai bambini)
P(e)scà, àt(e) Pescare
P(e)scà, àt(e) Pescare. Pescare dei   pesci nascosti sotto i sassi di un torrente = vedere: “Pìsce à   tùzz(e)” – Pesca con la fiocina: “P'(e)scà cù   là f(e)rcìna”
P(e)scà, cù là f(e)rcìna, àt(e) Fiocinare.  Tipo di pesca notturna, particata nelle   acque basse dei torrenti. Muniti di fiocina (F(e)rcìna), di una lampada (una volta quelle a carburo (Carbùt(e)) e stivali di gomma si   procede nelle acque basse ed approfittando dell’intontimento dei pesci   abbagliati dalla luce, quest’ultimi vengono facilmente infilzati e messi da   parte.
P(e)scatòr(e), s.m. Pescatore
P(e)schèra, s.f. Peschiera, vasca,   bacino. (Quelle esistenti nel paese, si trovano, generalmente, al piano   interrato di un’abitazione in quanto, una volta,  per costruire un fabbricato in un terreno   avente una falda aquifera affiorante, non avendo a disposizione prodotti   coibentanti per la muratura, formavano un locale interrato avente lo scopo di   avere una riserva d’acqua e nel contempo, regolando l’altezza della falda   d’acqua, la si poteva tenere al di sotto del piano di campagna)
P(e)scià, àt(e) Pisciare, urinare,   spandere acqua
P(e)sciacchiòn(e), s.m,. e P(e)sciacchiàr(e), s.m. Piscione (Termine   usato scherzosamente )
P(e)sciaiùol(e), s.m. Pescivendolo
P(e)sciarègghia, s.f. Pisciatina,   diminutivo di pisciata. 2. Pisciarella, bisogno impellente di orinare
P(e)sciarègghia, s.f. Pisciarella, bisogno   impellente di orinare. Pisciatina, diminutivo di pisciata
P(e)sciàta, s.f. Pisciata, orinata,   minzione
P(e)sciatùr(e), s.m. Orinale, vaso da   notte
P(e)sciàzza, s.f. Orinata, urinata   abbondante
P(e)sciòtta, s.f. Piscio, piscia, urina   – Nel linguaggio infantile: “Pipì”; “Pìscia”
P(e)sciòtta, s.f. Urina, piscio, piscia   – Nel linguaggio infantile: “Pipì”; “Pìscia”
P(e)scrài(e), avv. Dopodomani. Per gli   altri giorni vedere: “Iùorn(e)”. (Lat.: ‘perendie’ o’ postridie’)
P(e)scrìgghj(i), avv.
P(e)sìll(e), s.m. Pisello
P(e)ss(e)bb(e)l(e)tà, s.f. Possibilità
P(e)ss(e)rènt(e), s.m. Possidente
P(e)ssèss(e), s.m. Possesso
P(e)st(e)lènza, s.f. Fetore, lezzo, puzza
P(e)stà, àt(e) Pestare, calpestare,   percuotere, ammaccare
P(e)stèrla, s.f. Posterla, piccola   porta che veniva aperta in luogo nascosto e distante dalle porte principali   per assicurare una via di comunicazione fra l’interno e l’esterno della cinta   muraria del castello. Tale nome viene ricordato dedicandolo alla via ed al   quartiere in cui tale porta esisteva.
P(e)stià, àt(e) Calpestare, pestare.   2. Orma>Lasciare le. Lasciare le orma
P(e)stià, àt(e) Orma>Lasciare le.   Lasciare le orma. 2. Calpestare, pestare
P(e)stìer(e), s.m. e P(e)stìn(e), s.m. Portalettere, Postino   – Femm. ‘P(e)stèra’ e ‘P(e)stìna’
P(e)stìn(e), s.m. e P(e)stìer(e), s.m. Postino, Portalettere
P(e)t(e)hàr(e), s.m. e P(e)tuàr(e), s.m. Bottegaio,   negoziante, esercente (Da: ‘p(e)tèia’ bottega)
P(e)t(e)sc(e)nùs(e), agg. Impetiginoso
P(e)t(e)stèra, s.f. Manico dell’aratro
P(e)tà, àt(e) Potare
P(e)tàl(e), s.m. Pitale, orinatoio   (Dal Gr.: ‘ Pitharion’ piccola giara per il vino)
P(e)tatòr(e), s.m. Potatore
P(e)tatùr(e), s.m. Roncola
P(e)tè, P(e)tùt(e) Potere
P(e)tè, ùt(e) Vincere nella lotta,   sottomettere, soggiogare. (Termine usato dai bambini nei loro giochi) – M(i)chèl(e) ù pòt(e) a C(e)nzìn(e) = “Michele lo vince a   Vincenzino” = Michele vince Vincenzino, nella   lotta. 2. Potere, avere bpotere. Crài n'(e)n   pòzz(e) v(e)nì, p(e)tarrìa v(e)nì r(e)mèn(e)ca  = Domani non posso venire, potrei venire   domenica.
P(e)tè, ùt(e) Potere, avere potere.   – Cong.: Chì ìj(i) pòzza, chì tù pòzza o pùozza, chì ìgghj(i) pòzza, chì nùi pòzzama o pùozzama, chì vùi pòzzava o  pùozzava, chi   lòr(e) pòzzana. –  Crài n'(e)n   pòzz(e) v(e)nì, p(e)tarrìa v(e)nì r(e)mèn(i)ca  = Domani non posso venire, potrei venire   domenica. 2. Vincere nella lotta, sottomettere,   soggiogare. (Termine usato dai bambini nei loro giochi) – M(e)chèl(e) ù   pòt(e) a C(e)nzìn(e) = “Michele lo vince a Vincenzino” = Michele   vince Vincenzino, nella lotta.
P(e)tèia, s.f. Bottega, negozio,   officina, laboratorio, locale in genere al piano terra.  – (Gr.: ‘aphotèka’) – Modo di dire: Tìen(e) àa p(e)tèia apèrta! = Hai i   calzoni sbottonati sul davanti!
P(e)tìsc(e)na, s.f. Impetigine
P(e)tìt(e), s.m.  anche   App(e)tìt(e), s.m. Appetito; Quiggh(i)   èia p(e)tìt(e) chì mànca = Quello è l’appetito che manca
P(e)tìt(e), s.m. arc.  e   App(e)tìt(e), s.m. Appetito;   L’app(e)tìt(e) vèn(e) mangiànn(o) = L’appetito viene mangiando
P(e)tòscja, s.f. Puzzola. – Detto  anche “P(e)tùosc(e)” (consultare)
P(e)tr(e)iùol(e), s.m. e V(e)tr(e)iùol(e), s.m. e V(e)rd(e)ràma,   s.f. Vetriùolo,   vetriolo,  è un fungicida rameico di   contatto, ad azione preventiva, utilizzato come anticrittogamico in   agricoltura e nel giardinaggio e, in particolare, nella frutticoltura e nella   viticoltura -vetriolo blu o azzurro (Detto anche ‘poltiglia bordolese’).  (Dal lat. ‘vitriolum’ – già conosciuto   nell’antichità in quanto sgorgava naturale dalle miniere di rame, disciolto   dalle acque di falda. In quanto a ‘P(e)tr(e)iùol(e)’ forso si tratta di una   semplice assonanza verbale con ‘V(e)tr(e)iùol(e)’ e nel contempo facendo   anche riferimento alle ‘pietre’ essendo i sali di apparenza vetrosa).
P(e)tr(e)sìn(e), s.m. Prezzemolo (petroselinum sativum) – (Gr. ‘petrosòlinon’)
P(e)tràta, s.f. Sassata
P(e)trià, àt(e) Tirare pietre,   scagliare sassi
P(e)tròcc(e)la, s.f. Sassolino, piccola   pietra
P(e)tròlij(e), s.m. Petrolio
P(e)tt(e)lòn(e), s.m. Camicione, camicia   troppo lunga – Dispr.: di chi si mostri mal vestito con indumenti con taglie   abbondanti
P(e)tt(e)lòna, s.f. Donna vestita male,   termine dispregiativo – (Da: ‘pètt(e)la’)
P(e)tt(e)nà, àt(e) e P(e)tt(e)nià, àt(e) Riavviare, (i   capelli), pettinare, acconciare.
P(e)tt(e)nèssa, s.f. Pettinella, grosso   pettine, usato in genere dalle donne. 2. Pettine ornamentale, per fermare il   ‘tuppo’ dei capelli femminili
P(e)tt(e)nèssa, s.f. Pettine ornamentale,   per fermare il ‘tuppo’ dei capelli femminili
2. Pettine<grosso, usato per  le   donne.
P(e)tt(e)nià, àt(e) Pettinare, (i   capelli), riavviare, acconciare. 2. Sbrigare, spicciare le faccende   domestiche, molto accuratamente
P(e)tt(e)ràl(e), s.m. Finimento della   bardatura delle bestie da soma, costituita da una cinghia in cuoio, che   passando per il pettorale dell’animale ferma il basto (Vàrda), non facendola   retrocedere.
P(e)ttèula, s.f. Pettegola
P(e)tuàr(e), s.m. e P(e)t(e)hàr(e), s.m. Negoziante,   bottegaio, esercente. (Da: ‘p(e)tèia’ bottega)
P(e)tùosc(e), s.m. Puzzola, mammifero   dei ‘MustelidÌ genere ‘putorius’, dall’odore sgradevole, i latini la   chiamavano ‘Mustela’. (Dal gr. (piton) cantina e (oicheo) abitare – veniva   uata al posto del gatto quindi frequentatore di cantina) – Se è albina, col   pelo bianco si chiama ‘ Furètt(e)’ furetto.
P(e)v(e)ràcc(e), s.m. Poveraccio
P(e)v(e)rìegghj(i), agg. Poveretto
P(e)v(e)rìegghj(i), agg. e s.m. Poverello, poverino,   diminut. Di povero e per esprimere compianto affettuoso o commiserazione.
P(e)v(e)rtà, s.f. Povertà
P(e)zòca, s.f. Bigotta, pinzochera, bacchettona. Bigotto: ‘P(e)zùoch(e)’
P(e)zùoch(e), s.m. Pinzochero, bigotto,   bacchettone, persona che osserva minuziosamente le pratiche del culto più per   ostentazione che per intima religiosità.
P(e)zz(e)cà, àt(e) Pizzicare
P(e)zz(e)caròla, s.f. Lappa e lappola,   frutto achenio della Bardana (Lappa) avente aculei uncinati che si   appiccicano ai vestiti a al vello degli animali. (Da: ‘(i)np(e)zz(e)cà’   appiccicare con il suff. Dev.  ‘ròla’   significando: l’appiccicosa, ‘la cosa che si appiccica’)
P(e)zz(e)cègghia, s.. Pezzetta
P(e)zz(e)là, àt(e) Beccare, pizzicare,   colpire col becco
P(e)zz(e)làta, s.f. Beccata
P(e)zz(e)lènt(e), agg. e P(e)zz(e)lènd(e), agg. Puzzolente
P(e)zz(e)lià, àt(e) Spizzicare,   mangiucchiare, beccucchiare, beccare,. Mangiucchiare, spizzicare
P(e)zz(e)lià, àt(e) Beccucchiare,   beccare, mangiucchiare, spizzicare 2. Spizzicare, mangiucchiare
P(e)zz(e)lià, àt(e) Beccare, prendere il   cibo col becco. 2. Mangiucchiare, assaggiare
P(e)zz(e)lià, àt(e) Mangiucchiare,   assaggiare. 2. Beccare, prendere il cibo col becco
P(e)zzà, àt(e) Puzzare. – Anche “F(e)tè”
P(e)zzàcchj(i), s.m. Pozzanghera
P(e)zzàr(e), s.m. Stracciaiolo,   straccivendolo
P(e)zzènd(e), s.m. e P(e)zzènt(e), s.m. Pezzente – (Lat.:   ‘petere’ chiedere, supplicare)
P(e)zzènn(e), agg. Pezzente, mendicante,   accattone, questuante. Anche: ‘Lemosinànd(e)’ e ‘C(e)rchènd(e)’
P(e)zzènt(e), s.m. e Mendicànd(e), s.m. Accattone, pezzente,   mendicante, questuante. Anche: ‘Lemosinànd(e)’ e ‘C(e)rchènd(e)’
P(e)zzià, àt(e) Spezzettare, fare a   piccoli pezzi, riferito in genere alla lavorazione della carne del maiale
P(e)zzìll(e), s.m. Colletto di pizzo   dell’abbigliamento femminile, usato per ultimo dalle donne anziane fino agli   anni settanta del secolo XX –  (Da: ‘pìzz(e)’ pizzo, con il suff. dim.   ‘illo’)
P(e)zzòtt(e), s.m. Pezzotto, piccolo   pezzo
P(e)zzùgghj(i), s.m. Pizzetta, che quando   si faceva il pane in casa, era quella destinata ai bambini, avendo le   sembianze di un animaletto, di una bambola o di altro, per eccitare la loro   fantasia. – (Da: ‘pizza’ con il suff. dim. ”ugghj(i)”: per ‘illo’ –   come ‘morb_illo’ = piccolo morbo)
P(e)zzùt(e), agg. Pizzuto, appuntito,   fatto a mo’ di pizzo. – Appuntire, fare la punta = “App(e)zzà”
Pàc(e), s.f. Pace; fare la pace = Appacià
Pac(e)f(e)cà, àt(e) Pacificarsi,   conciliarsi, fare la pace. Anche: “Fa pàc(e)”
Pàcc(e), agg. e s.m. Pazzo
Pàcc(e), s.m. Pazzo
Pàcc(e)<Assì, assùt(e) pàcc(e) Impazzire
Pacc(e)lìegghj(i), agg. Pazzerello
Pacc(e)lìn(e), s.m. Fazzoletto da testa,   legato dietro la nuca come copricapo da fatica. (arc.) – Vedere anche: Macquatùr(e)
Pàcca, s.f. e Chiàppa, s.f. Natica, gluteo,  plur.: “Pàcch(e)”   –  (Probalile origine dal gr.: ‘pachìs’   grosso, grasso, carnoso; dal lat.: ‘pàcho’ porco ingrassato, pacca di grasso;   nonché dal long. ‘pakka’ natica, gluteo)
Pàcch(e), s.m. Pacco – plur.: “Pàcch(e)”
Pacchètt(e), s.m. Pacchetto –   Pacchettino = ‘Paccuttìn(e)’
Pàcchia, s.f. Pacchia
Pacchiàn(e), agg. e s.m. Pacchiano, contadino,   villano; per lo più al femm., contadina nelle vesti tradizionali, colorate e   vistose. (Voce merid., per l’etimologia di pacchiano, a quanto proposto dal   Rohlfs che ne congettura una derivazione per metatesi dal sostantivo chiappa   (forgiato su di una radice indoeuropea klapp) nel significato però non di   sasso sporgente, ma di natica, elemento sporgente del corpo umano, tenendo   presente la morfologia fisica del pacchiano o più spesso della pacchiana,   dotati quasi sempre di sostanziose natiche sporgenti).
Pacchianella, s.f. Campagnola, bella   giovane avvenente dalle forme prosperose
Pacchiòla, s.f. Moneta del Regno   d’Italia da 10c con l’effigie del re e sul retro quella di un’ape su fiore
Paccìa, s.f. Pazzia
Pacciarìa, s.f. Pazzeria
Paccijà, àt(e) Pazzo>Fare il.   Fare il pazzo, pazzeggiare
Paccìja, s.f. Pazzia
Pacciùogn(e), agg. Pazzoide,   stravagante, strambo, bizzarro. – (Da    ‘pàcc(e)’ pazzo +  suffisso   riduttivo ‘ùogn(e)’-oide)
Pacciùot(e)ch(e), agg. Pazzoide
Paccòn(e), s.m. Pacco grosso. 2.   Deretano grosso
Paccùt(e), agg. Dotato di deretano   grosso
Paccuttìglia, s.f. Paccottiglia, insieme   di cose di poco valore e di cattivo gusto; merce scadente, fondo di   magazzino. (Paccuttiglia: dal fr. ‘Pacotille’  diminutivo di ‘Paquet’   pacco)
Pacìenzia, s.f. Pazienza
Pacijùs(e), agg. Paziente,   condiscendente, indulgente, tollerante, che ha la virtù (o la qualità) della   pazienza, come disposizione abituale
Paciòn(e), s.m. Pacioso, persona   amante della pace e del quieto vivere, calma, indolente, lenta nel   reagirePaziente, pazienzioso
Pàgghia, s.f. arc. Palla, pallottola,   arc. – Anche: “Pàlla”
Pagghiòtta, s.f. Pallottola,   proiettile lanciato dalle armi (Termine arc.). 2 Palla di neve
Pagghiòtta, s.f. Palla di neve. 2.   Pallottola, proiettile lanciato dalle armi (Termine arc.)
Pàglia, s.f. Paglia
Pagliàr(e), s.m. Capanno tondeggiante,   conico, formato con una rozza intelaiatura in legno, rivestito di paglia.   Serviva da ricovero occasionale,per ripararsi dal sole o dalle intemperie,   quando si lavorava in campagna, lontano dal paese.
Pagliarìzza, s.f. Pula, cascame e   polvere di frammenti di paglia della trebbiatura dei cereali
Paglièra, s.f. Paglia<Locale in   cui si ammassa la. Locale in cui si ammassa la paglia, in genere con grandi   aperture per la ventilazione
Pagliètta, s.f. Paglietta, cappello   di paglia. –  (in genere usata la   paglia palustre: ‘Sala’ )
Pahà, àt(e) Pagare
Pàha, s.f. Paga
Pahamènd(e), s.m. Pagamento
Pahamènt(e), s.m. e Pahamènd(e), s.m. Pagamento
Pahatòr(e), s.m. Pagatore
Paiès(e), s. m. Paese. Al plurale: Paìs(e)
Paisàn(e), s.m. Paesano
Pàl(e), s.m. Palo – Paletto: ‘palètt(e)’ e ‘pal(e)cìegghj’)
Pal(e)cègghia, s.f. Palettina
Pal(e)strìegghi, s.m. e ‘Pal(e)strègghia’, s.f. Ramo d’albero nodoso   a forma di piccola clava
Pàla caricatrìc(e), s.f., s.f. Ruspa
Pàla, s.f. Badile, pala.   Badilata = “Palàta”
Pàla, s.f. Pala, badile
Palanchìn(e), s.m. e Palanghìn(e), s.m. Palanchino o livere,   asta  in ferro con estremità appiattita   ad unghia ricurva, usato come leva
Palàta, s.f. Badilata, colpo di   pala o dato con la pala; quantità di roba che si solleva in una volta con la   pala: una p. di terra. – Hàv(e) ràt(e) nà palàta (i)ngàp(e) = Gli ha dato una   badilata in testa
Palègghia, s.f. arc. e Palètta, s.f. Spatola, in legno o a   cucchiaio, piccole, usate in cucina. 2. Paletta, indicante in genere quelle   in ferro per il caminetto.
Palètt(e), s.m. Paletto
Palètta, s.f. e Palègghia, s.f. arc. Paletta, indicante   quella in ferro per il caminetto, quella per le mosche, ecc.. 2. Spatola, in   legno o a cucchiaio, usate in cucina.
Palètta, s.f. o Palègghia, s.f. arc. Spatola, in legno o a   cucchiaio, piccole, usate in cucina. 2. Paletta, indicante in genere quelle   in ferro per il caminetto.
Paliàta, s.f. Bastonata, legnata,   manganellata, mazzata. – (Lat. ‘palus’ palo)
Pàlij(i), s.m. Asta, palo molto   lungo,  che regge lo stendardo   dell’Arciconfraternita  dell’Immacolata   Concezione che si festeggia l’8 settembre a Calitri, portato durante la   processione. 2. Premio che si danno ai vincitori delle riffe deurante le   feste paesane, consistenti, una volta, in una pecora o il una pesante   copertina ‘pannìtt(e)’  – (Dal lat.: ‘Palliùm’ velo, coperta ed   anche ampia e comoda sopraveste)
Pall(e)nàr(e), s.m. Frottolone, persona   che usa dire balle.
Pàlla, s.f. Palla. – Anche:   “Pàgghia”, arc. –   Dim.: pallùccia, pall(e)cègghia, pallìna . 2. Balla, fandonia, frottola
Palleggià, àt(e) Palleggiare
Pallìna, s.f. Pallina
Pallòn(e), s.m. Pallone
Pallonètt(e), s.m. Pallonetto
Pallòttola, s.f. e Pagghia, s.f. arc. Pallottola,   proiettile lanciato dalle armi
Palmìent(e), s.m. e Palmìend(e), s.m. Palmento, vasca in   muratura o scavata nella roccia impermeabile, adibita nel meridione d’Italia   per la pigiatura e la fermentazione dei mosti. (Forma sincopata dal   Lat.:  ‘Pavimentum’ pavimento)
Palòmma, s.f. Colomba, colombo in   genere
Palummìend(e), s.m. Abbeveratoio d’acqua   per colombi
Palùsc(e)na, s.f. Balugine.   Efflorescenza di salnitro cristallino che si forma sulle murature o rocce   calcaree che con i loro riflessi di luce ricordano la ‘Balugine’ (Chiarore   scialbo) da cui prende il nome. A volte riferito anche alla polvere fermatasi   su ragnatele e sulle muffe delle costruzioni, che si mostrano a volte con   piccoli riflessi di luce, dati appunto dalle ragnatele stesse o dai piccoli   cristalli di silice delle malte dei muri. 2. Muffa in genere
Pàmbana, s.f. e Pàmpana, s.f. Pampano, pampino,   foglia della della vite . 2. Foglia larga
Pàmp(e)n(e) s.m. Pampino, pampano,   tutto il tralcio della vite compreso le foglie (Lat. ‘Pàmpelus’ dal gr. ‘Àmpelos vite’
Pàmpana, s.f. e Pàmbana, s.f. Foglia larga. 2.   Pampano, pampino, foglia della della vite
Pàn(e), s.m. Pane;  Il pane una volta veniva impastato “(i)Mbastà” in casa dentro una   madia apposita “(i)Mbastapàn(e)”, o su di una tavola “Hràmm(o)la”,  poi sezionato “Sc(e)canà” nella forma   voluta per dare la forma “Sc(e)canàta” al pezzo di pane stesso, trasportandolo su di una tavola “T(e)mpàgn(e)”, messa   sulla testa della donna, al forno “Fùrn(e)”   paesano. – Pane tostato, abbrustolito = “Crùsc(e)ch(e)” – Filone,   tipo “Baguette” = F'(e)llòn(e) – Si   producono anche dei biscotti, di pane: vedere “B(e)sc(e)còtt(e) r'(e)   pàn(e)” ed un’altro:   “Fr(e)sèlla” – Un cantuccio, resegato   dal bordo di  una forma di pane   compresa la crosta = “Rùs(e)ch(e)”
Pan(e)cùott(e), s.m. Pancotto.  Pane a pezzi, bollito in acqua, aggiungendo   sugna od olio, aglio  e sale. Una volta   rappreso il tutto viene servito nel piatto, aggiungendo un altro po’ d’olio e   qualche altra spezie a .piacere.
Panaggìrr(e)ch(e), s.m. Panegirico
Panàr(e), s.m. Paniere, canestro.   –  Piccolo: “Panarìegghj(i)”
Panciòtt(e), s.m. e Pangiòtt(e), s.m. Panciotto
Pandàn(e), s.m. e Pantàn(e), s.m. e Lòntan(e), s.m. arc. Acquitrino, pantano,   fosso d’acqua stagnante fangosa – (Lat.: ‘pantanum’)
Pandàsc(e)ca, s.f. e Pantàsc(e)ca, s.f. Pancia, massa, grossa   porzione di qualcosa, buzzo, grossa scheggia (Forse dal latino ‘Pantex   panticis’ (pancia) e ‘Ascula’ (scheggia) = Grande scheggia) – Ràmm(e) nà pandàsc(e)ca r'(e) pàn(e) = Dammi un grosso pezzo di   pane
Panèlla, s.f. e Panègghia, s.f. Pagnotta, piccola   forma di pane
Panìn(e), s.m. Panino
Pànn(e), agg. Penzolene, pendente –   (Lat. ‘Pandus’  incurvato) – Tèn(e) r’aurècchj(i) pànn(e) = Ha le orecchie piegate in giù   (dalle orecchie dell’asino)
Pànn(e), pl. m. e Corrèd(e), s.m. Corredo, dotazione
Pànn(e), s.m. Panno, tessuto. 2.   Vestiti, termine usato al plurale ‘Pànn(e)’, riferito comunemente alla ‘dote’   che la sposa portava al matrimonio.
Pànn(e), s.m. Vestiti, termine   usato al plurale ‘Pànn(e)’, riferito comunemente alla ‘dote’ che la sposa   portava al matrimonio. (vedere: ‘Appr(e)zzà lì pànn(e)’) 2. Panno, tessuto.
Pann(e)cìegghj(i), s.m. Pannicello,   pannicolo, piccolo panno
Pann(e)ttèra, s.f. Bandella, panneggio,   drappo
Pannacciàr(e), s.m. Pannaiolo, venditore   di stoffe, biancheria, merletti e a volte anche vestiti
Pannàta, s.f. Zaffata, spruzzata,   getto di una consistente quantità di liquido – M’ànn(e)   m(e)nàt(e) (i)ncùogghj(i) nà bèlla pannàta r’àcqua! = Mi hanno buttato   addosso un bel getto d’acqua!
Pannèll(e), s.m. arc. e Pannèll(e), s.m. Pannello, riquadro   decorativo
Pannìtt(e), s.m. Copertina pesante   usata fino ai primi anni del 900 dalle donne quando d’inverno uscivano di   casa, coprendole dalla testa fino alle anche. – (Da un “diminutivo”   di ‘pànn(e) panno)
Pannìzza, s.f. Stalla per le pecore
Pannòcchia, s.f. Pannocchia. Anche ‘Spìca r'(e) hran(e)rìnij’
Pannòcchia, s.f. e Spìca r'(e) hran(e)rìnij, s.m. Pannocchia,   infiorescenza del granoturco
Pannolìn(e), s.m. Pannolino, assorbente   igienico – Il pannolino di tela di una volta: ‘Fassatùr(e)’
Pànt(e)ch(e), s.m. Respiro in affanno,   anelito, palpitazione, spavento, paura. – (Dallo sp.: ‘espanto’ spavento)
Pànt(e)ch(e), s.m. e Pànd(e)ch(e), s.m. Palpitazione,   affanno, angoscia, ansia, apprensione, batticuore.  – (Dallo sp.: ‘espanto’ spavento – Dal   gr.:   ‘pedao’ balzare, sobbalzare del   cuore)
Pantaloncìn(e), s.m. e Pandalongìn(e), s.m. Pantaloncino
Pantàsc(e)ca, s.f. e Pandàsc(e)ca, s.f. Massa, buzzo, grossa   quantità di qualcosa. Pancia, grossa sporgenza (Derivante dal greco) – Ràmm(e) nà pandàsc(e)ca r'(e) pàn(e) = Dammi un grosso pezzo di   pane
Pànza, s.f. e Fannòglia, s.f. arc. Pancia, ventre. In   pancia = “(i)Npànza”   e “(i)Nbànza”
Panzàta, s.f. Panciata, colpo dato   con la pancia, soprattutto tuffandosi nell’acqua
Panzeròtt(e), s.m. Panzarotto, grosso   raviolo di pasta frolla, ripieno, fritto in olio bollente
Panzòn(e), s.m. Pancione
Panzùt(e), agg. Panciuto
Paòn(e), s.m. Pavone, paone. –  (Fr.: “Paon”)
Papàgn(e), s.m. e Papàgna, s.f. Pugno, pesante   cazzotto; vecchio termine paesano per indicare un gran pugno dato a qualcuno.   (Da: ‘Papagnùol(e)’ oppio, (droga) in quanto trattasi di pugno che può   addormentare) -Aàv(e) ràt(e) nù papàgn(e)! = Gli ha dato un gran pugno!  –    (Dal lat.  ‘opium’ =  oppio)
Papàgna, s.f. Dormita, sonnolenza,   riposo
Papàgna, s.f. Sonno, torpore,   sopore. (Dal torpore causato dall’oppio del papavero (Papaver somniferum)   “Papagnùol(e)”).  – Ìi(e) m'(e) vàch(e) à curcquà, tèngh(e) nà papàgna! = Io vado   a letto, ho un sonno! 2. Pugno, cazzotto. Vecchio   termine paesano per indicare un gran pugno dato a qualcuno (da far   addormentare).
Papagnòla, s.f. Dormitina, pisolino,   pisolo. – Appisolarsi = “Appapagnàrs(e)”
Papagnùol(e), s.m. e Papàgn(e), s.m. Papavero. Dalle   nostre parti si coltivava e si usava il ‘papavero setoloso’ Papaver   somniferum subsp. setigerum, varietà spontanea da cui si suppone sia stato   selezionato quello da oppio.-  (Dal   lat. ‘papaver’ si va ad un derivato ‘papaveaneus’ a ‘papa(va)nju’ con   successiva sincope di (va) e passaggio di ‘nj’ a ‘gn’ > papagno.   (Papaverum somniferum).) – Il comune papavero dei nostri campi, il Rosolaccio   chiamasi: “Sc(e)càcch(e)”
Papalìna, s.f. Papalina, berretto da   uomo che ben si adatta a tutto il capo. Così chiamato perché simile a quello   dei Papi, chiamato ‘camauro’
Pàpara, s.f. Oca, papera
Pàpara, s.f. Papera, oca
Paparàl(e), s.m. Bracciante usato   durante le migrazioni degli uccelli, quali oche, gru, ecc. per tenerli   lontani dalle colture nei campi dei possidenti
Paparià, àt(e) e Pàpar(e)scjà, àt(e) arc. Gironzolare,   indugiare, vagare, vagabondare, ma anche pavoneggiarsi, mostrarsi in giro.   (Modo di procedere delle papere, che si muovono barcollando, quindi con il   significato di andare in giro perdendo tempo)
Paparìnij(e), s.m. Peperoncino – Paparinij(e) p(e)sàt(e) = Peperoncino tritato (pestato)
Paparùl(e), s.m. Peperone. 2. Agg.   Stupido, tonto, fesso
Papìell(e), s.m. Papièllo, (term.   dial.) pergamena, documento. 2. Scritto esageratamente lungo e noioso
Papòcchia, s.f. Papòcchia’, s.f.   (reg. nap.) = Bugia, panzana, falsità. 2. Imbroglio, sbaglio, raggiro,   fandonia, pasticcio, pastrocchio. – (Da papocchia (Napol.)der. di pappa con   suff. spreg.)
Papòcchj(i), s.m. e Papùocchj(i), s.m. Imbroglio, sbaglio,   raggiro, fandonia pasticcio, pastrocchio. – (Da papocchia (Napol.)der. di   pappa con suff. spreg.; 2. ‘Papòcchia’, s.f. = Bugia, panzana, falsità
Papòscia, s.f. Pantofola, ciabatta.   2. Ernia, escrescenza carnosa. – (Dal lat.: ‘papula’ vescichetta) .  2. Pantofola, ciabatta
Papòscia, s.f. Ernia, escrescenza   carnosa, naso grosso (termine scherzoso). – (Dal lat.: ‘papula’ vescichetta)   .  2. Pantofola, ciabatta
Pàpp(e)l(e), s.m. Insetto: Tonchio del   genere Bruchus dei Coleotteri, la cui larva si nutre dei semi di diversi   prodotti della terra. Il più noto, conosciuto con tale nome, di color   nerastro, a forma pressochè semisferica, è di circa 4 mm. di lunghezza.   Infesta in genere le derrate, nei depositi, nelle dispense, ecc.  – (Da ‘pappà’ pappare, mangiare avidamente   con il suff. deverbale ‘lo’ per indicare ‘colui che mangia molto. Oppure dal   lat.: ‘papula’ vescichetta, in quanto somigliante all’insetto, che è   pressochè emisferico) – Rìss(e) ù pàpp(e)l(e) à là fàva:   ràmm(e) tìemb(e) cà t'(e) p(e)rtòs(s)! = Disse il tonchio’ alla fava (secca,   dura), dammi tempo che ti buco!
Papp(e)lià, àt(e) e Pappà, àt(e) Divorare, pappare
Papp(e)lìcchj(i), Piccolo tonchio,   insetto che infesta i legumi. Termine aggettivato, indicante un piccolo   essere paffuto, ben pasciuto, grassottello (spec. Bambini). – (Dim.: di  ‘pàpp(e)l(e).)
Pàpp(e)lòn(e), s.m. Grande tonchio,   insetto che infesta i legumi. Termine aggettivato, indicante un essere   paffuto, ben pasciuto, grassottello (spec. bambini.) – (Accr.: di   ‘pàpp(e)l(e).)
Pappà, àt(e) e Papp(e)lià, àt(e) Pappare, divorare
Pappahàll(e), s.m. Pappagallo
Pappahòrgia, s.f. e Hòrgia, s.f. Pappagorgia, gorgia,   doppio mento, piega di carne pendente fra il collo e il mento delle persone   grasse
Pappardèlla, sf. Nenia, tiritera,   discorso o scritto lungo e noioso (Dal provenzale ‘Papard’) – Ràv(e) (i)nbaràt(e) à pappardèlla mà n'(e)n zàp(e) chè   s(e)gnìf(e)ca = L’ha imparato a pappardella ma non ne conosce il significato.
Pappòn(e), s.m. Lenone, sfruttatore   della prostituzione. 2.  Pappone,   mangione.
Pappòn(e), s.m. Pappone, mangione. 2.   Lenone, sfruttatòre della prostituzione
Pappùt(e), agg. Paffuto, ben   pasciuto, grassottello (riferito in genere ai bambini)
Papùocchj(i), s.m. Imbroglio, sbaglio,   raggiro, fandonia pasticcio, pastrocchio. – (Da papocchia (Napol.)der. di   pappa con suff. spreg.; 2. ‘Papòcchia’, s.f. = Bugia, panzana, falsità
Pàr(e) e Spàr(e), s.m. Differenzazione,   differenza, calcolo, – (Da ‘pari’ e ‘dispari’, cioè il soppesare tra il pari   e l’impari). – S'(e) fèc(e) ù pàr(e) e spàr(e) e capì cà   u’ stàva (i)nbrigliànn(e) = Si fece il calcolo e capì che lo stava   imbrogliando
Pàr(e), agg. Pari, uguale,   equivalente, identico
Pàr(e), s.m. Paio, paro, coppia,   pariglia. 2. Pari, nel senso di persona dello stesso rango
Pàr(e), s.m. Pari, nel senso di   persona dello stesso rango. 2. Paro, paio, coppia, pariglia
Pàr(e)_pàr(e), avv. Uguale, tutto,   interamente – (Da: ‘Pàr(e)’ pari, uguale, cioè pari al tutto, interamente) – S’à mangiàt(e), pàr(e) pàr(e), nù panàr(e) r'(e) c(e)ràs(e) =   Ha mangiato, interamente, un paniere di ciliegie.
Par(e)lìss(e), s.m. e Par(e)lìer(e), s.m. Ciarlone, blaterone,   pettegolo, ciancione, chiacchierone, linguacciuto. (Da ‘paròla’ con i   suffissi: ‘ìss(e)  e ‘ìer(e) = (alla   lettera) ‘che parla’ e ‘paroliere’)
Par(e)ntèla, s.f. e Par(e)ndèla, s.f. Parentela
Parà, àt(e) Riparare,  deviare, sviare, impedire  gli spostamenti di animali al pascolo per   impedire che facciano danni.  – Và à   parà r(e) cràp(e), stànn(e) scènn(e) vièrs(e) r'(e)  gràn(e)! = Vai a sviare le capre, stanno   andano verso il grano! 2. Parare, fermare, trattenere, bloccare.
Parà, àt(e) Parare, fermare,   trattenere, bloccare. 2. Riparare,    deviare, sviare, impedire  gli   spostamenti di animali al pascolo per impedire che facciano danni.
Paracùl(e), s.m. Paraculo, chi sa   abilmente e con disinvoltura volgere a proprio favore una situazione, o fare   comunque il proprio interesse
Parafùlmin(e), s.m. Parafulmine
Parahòn(e), s.m. Paragone
Parahunà, àt(e) Paragonare
Paràngh(e), s.m. e Paràngul(e), s.m. Paranco, palanco,   carrucola con ruote multiple, apparecchio destinato al sollevamento dei pesi
Paràngul(e), s.m. e Paràngh(e), s.m. Palanco, (arc),  paranco, carrucola con ruote multiple,   apparecchio destinato al sollevamento dei pesi
Parànza, s.f. Coppia, in fila o a   schiera di animali da lavoro. – Nà parànza r'(e) ciùcc(i)   = Una coppia di asini. 2. Squadra di braccianti. –   (Dal lat.: ‘par’ eguale, pari)
Parànza, s.f. Squadra di   braccianti; ad es., quattro mietitori ed un legatore di spighe, detta “Quàtt(e) fàuc(i) e nù l(e)hant(e)” = Quattro (con)   falci ed un (lavoratore) che lega. 2. Coppia, in   fila o a schiera di animali da lavoro. – (Dal lat.: ‘par’ eguale, pari)
Paràt(e), agg. Eretto, diritto,   impalato, fermo, irrigidito, bloccato. – E’ia r(e)màst(e)   paràt(e), cù là vòcqua apèrta! = E’ rimasto bloccato, con la bocca apèrta|
Paràta, s.f. Parata, solennità,   gala. – 2. Preparativo, solo nella frase vedere la mala p., accorgersi che le   cose si mettono male: vista la mala p., se la diede rapidamente a gambe. 3.   Difesa, blocco, presa
Paràta, s.f. Difesa, blocco,   presa. – 2. Preparativo, solo nella frase vedere la mala p., accorgersi che   le cose si mettono male: vista la mala p., se la diede rapidamente a gambe.   3. Parata, solennità, gala
Paravìs(e), s.m. Paradiso
Parè, pàrs(e) Giudicare, sembrare.   2. Parere, sembrare, apparire.
Parè, pàrs(e) o parùt(e) Parere, sembrare,   apparire –  (al passato: pàrso e   paruto). – (Lat.: ‘parère’ forse con il cambiamento di accento dal neutro:   ‘pàrere’, venire alla luce, mostrarsi.)    2. Giudicare, sembrare
Parècchia, s.f. e Parìcch(i), s.m. Coppia, in genere   riferita a a quella dei buoi – Nà parècchia r(e) vùov(e) = Una coppia di buoi   – Coppia riferita agli equidi dicesi: ‘parìglia’
Parècchj(i), agg. Parecchio
Parègg(e), s.m. Pareggio
Parènd(e), s.m. e Parènt(e) s.m. Arrossamenti della   pelle per scottatura (citati al plurale; chiamati in tal modo in quanto sono   gli unici che ci sono vicini…).   –   Pl.: ‘Parìend(e)’. 2. Parente.
Parènt(e) s.m. e Parènd(e), s.m. Parente.  – Pl.: ‘Parìent(e)’. 2. Arrossamenti della   pelle per scottatura (detti parenti in quanto sono gli unici che ci sono   vicini…)
Parèr(e), s.m. Parere
Parìcchj(i), s.m. e Parècchia, s.f. arc. Coppia, pariglia, in   genere riferita a a quella dei buoi – Nù parìcchj(i) r(e)   vùov(e) = Una coppia di buoi – Coppia riferita in   genere agli equidi: ‘parìglia’
Parìglià, s.f. Pariglia, coppia   (termine in genere riferito agli equidi, cavalli, asini, ecc.) (Sp.: ‘ Parijas’) – Per la coppia di buoi si   usa il termine; ‘Parìcchj(i)’ o ‘Parècchia’
Parlà, àt(e) Parlare
Parlandina, s.f. Parlantina,   dialettica, chiacchiera
Pàrm(e), s.m. e Pàrma, s.f. Palmo, misura di   lunghezza. 2. Palmo della mano, del piede (solo ‘Pàrma’). 3. Palma, pianta   appartenente alla famiglia delle Palme
Pàrma, s.f. e Pàrm(e), s.m. Palmo della mano. Del   piede (solo ‘Pàrma’). 2. Palma, pianta appartenente alla famiglia delle   Palme. 3. Palmo, misura di lunghezza.
Pàrma, s.f. e Pàrm(e), s.m. Palma, pianta, pianta   appartenente alla famiglia delle Palme. – A’ r(e)mèn(i)cà   r'(e) r'(e) pàrm(e) = La domenica delle palme che   corrispondente alla domenica prima della Pasqua. – Nel paese, per la festa delle palme, vengono distribuiti   ramoscelli di olivo. 2. Palmo della mano. Del piede (solo ‘Pàrma’). 3. Palmo,   misura di lunghezza.
Parmìent(e), s.m. e Parmìend(e), s.m. Palmite, tralcio   della vite
Parmiggiàn(e), s.m. Parmigiano, tipico   formaggio grana
Parmiggiàna, s.f. Parmigiana,   preparazione culinaria in cui entra il formaggio parmigiano – R'(e) m(e)lanzàn(e) àa parmiggiàna = Le melanzane alla   parmigiana
Paròccula, s.f. Clava, grosso bastone   nodoso con la punta a forma di pera, usata dai pastori (Da cui prende il   nome). 2. Più piccolo, con lo stesso nome, serve per girare la polenta nel   paiolo oppure girare la cagliata durante la lavorazione del formaggio:   (Anche: R(e)t(e)liatùr(e))
Parp(e)tazion(e), s.f. Palpitazione
Parpà, àt(e) Palpare, tastare
Parrùcca, s.f. Parrucca
Parrucchìer(e), s.m. Parrucchiere
Pàrs(i)m(i)niùs(o), agg. Parsimonioso
Pàrs(i)mònia, s.f. Parsimonia
Pàrt(e), s.f. Parte, porzione
Pàrt(e), ùt(e) Partire, andar via
Part(e)cègghia, s.f. Particella
Parucculàta, s.f. Bastonata, dal   termine “Paròccula”   = Bastone
Parùla, s.f. Palude, terreno   aquitrinoso ove è facile trovare dei giunchi (‘sùng(e)’). Usato il termine al   plurale: ‘Parùl(e)’ paludi,   che ha dato nome ad una località del nostro territorio).
Parzij(e)nàl(e), s.m. Mezzadro. (Alla   lett.: ‘parziale’, alla parte).   È il conducente del fondo di un proprietario al fine di dividerne a metà, o   in quote leggermente diverse, i prodotti e gli utili derivanti dal podere   stesso. La mezzadria è vietata dal 1964 – (Dal. Lat. Med.: ‘partionarius’)
Pàsc(e), ùt(e) e Pasculà, àt(e) Pascere, pascolare,   tenere al pascolo. Ù pastòr(e) pàsc(e) r'(e) bàcch(e) = Il pastore pascola le   mucche. 2. Mangiare al pascolo. A’ pècura stài(e) pascènn(e) = La pecora stà   pascolando.
Pàsc(e), ùt(e) e Pasculà, àt(e) Pascere, pascolare,   tenere al pascolo. Ù pastòr(e) pàsc(e) r'(e) bàcch(e) = Il pastore pascola le   mucche. 2. Mangiare al pascolo. A’ pècura stài(e) pascènn(e) = La pecora stà   pascolando.
Pàsciùt(e), agg Pasciuto, florido,   rubicondo, nutrito abbondantemente
Pascòn(e), s.m. Pascolo, terreno   incolto, limitrofo alle case del paese, in genere demaniale. Usato molto   spesso anche per discarica di immondizia.
Pàscul(e), s.m. Pascolo, terreno   adibito a pascolo
Pàsqua, s.f. Pasqua, pasqua di   Resurrezione di Cristo
Pasquarègghia, s.f. Pasquetta
Pàss(e), s.m. Passo, ciascun   movimento del piede nell’atto di camminare – 2. Unità di misura per misurare   la quantità di legna. Dodici passi formano una “Cànna”. 3. Passo, valico, bivio importante di strade
Pàss(e), s.m. Unità di misura per   misurare la quantità di legna. Dodici passi formano una   “Cànna”  – 2. Passo. 3.   Passo, valico, bivio importante di strade
Pàss(e), s.m. Passo, valico, bivio   importante di strade. – Hann(e) chiùs(e) ù pàss(e) r'(e)   Mirabèlla (AV) = Hanno chiuso il bivio che porta a Mirabella. 2. Passo, ciascun movimento del piede nell’atto di camminare –   3. Unità di misura per misurare la quantità di legna. Dodici passi formano   una “Cànna”
Passà a vorpa, passàt(e) a v. Chiave > Chiudere   a.  Chiudere a chiave
Passà, àt(e) Passare
Passàgg(e), s.m. Passaggio
Passapùort, s.m. Passaporto
Pàssar(e), s.m. Passero
Passat(e), s.m. Passato,  tempo trascorso
Passàta, s.f. Passata, stradina di   campagna, mulattiera. 2. Stradina interpoderale per accedere al proprio fondo   3. Passata riferita ad una tecnica domestica od artigiana – Fà n’àta passàta r'(e) pittùra = Fai un’altra passata di   pittura
Passàta, s.f. Stradina   interpoderale per accedere al proprio fondo. 2. Stradina di campagna,   mulattiera 3. Passata riferita ad una tecnica domestica od artigiana –   Stài(e) facènne àa passàta r'(e) pr(e)mmaròl(e) – Stà effettuando il   ‘passato’ di pomodoro
Passàta, s.f. Passata, riferita ad   una tecnica domestica od artigiana – Fà n’àta passàta   r'(e) pittùra = Fai un’altra passata di pittura  – Stài(e) facènne àa passàta r'(e)   pr(e)mmaròl(e) – Stà effettuando il ‘passato’ di pomodoro. 2 Stradina interpoderale per accedere al proprio fondo. 3.   Stradina di campagna, mulattiera
Passatìemp(e), s.m. e Passatìemb(e), s.m. Passatempo
Passatùtt(e), s.m. Passatutto
Passauàj(i) s. m. (comp. di ‘passà’ e ‘uài(e)’] Passa guai, detto di   persona sprovveduta, sfortunata
Passaverdùra, s.m. Passaverdura
Passià, àt(e) Passeggiare, andare a   spasso – Anche: ‘Passeggià’ ,àt(e)
Passiòn(e), s.f. Passione
Pàst(e)n(e), s.m. Terreno con impianto   di nuova coltura, in genere riferito ad un giovane vigneto
Pàsta, à t(e)bbètt(e), s.f. Ditalino, tipo di   pasta alimentare a forma di piccoli cilindretti rigati
Pàsta, s.f. Pasta. Impasto di   farina ed acqua. 2. Pasta dolce, pasticcino
Pàsta, s.f. Pasta dolce,   pasticcino.  – Quànn(e)   t'(e) r(e)tìr(e), addùc(e) nù cartòcc(e) r'(e) pàst(e)  – Quando rincasi porta un cartoccio di   paste. 2. Pasta. Impasto di farina ed acqua
Pastarèlla, s.f. Biscottino dolce,   pasticcino a pasta secca
Pastìcc(e), s.m. Pasticcio
Pastifìcij(i), s.m. Pastificio
Pastìna, s.f. Pastina
Pastòn(e), s.m. Pastone, miscuglio di   vari ingredienti, con prevalenza di acqua e crusca, usato per   l’allevamentodel bestiame
Pastòn(e), s.m. e T(e)mbràta, s.f. Miscuglio di vari   ingredienti maggiormente di acqua e cruscaBrodaglia, pastone, cibo   abborraciato alla men peggio. 2. Poltiglia
Pastòr(e), s.m. Pastore. P. di capre:   “Crapàr(e)” – P. di   mucche: “Ualàn(e)”
Pastòra, s.f. Pastoia, il laccio   che si mette ai piedi degli animali (“(i)Nbastrà”) al pascolo per   non farli allontanare troppo oppure per immobilizzarli a terra, ad esempio   per motivi veterinari e alle ali e i piedi di un volatile per immobilizzarlo   – (Dal basso lat.: ‘pastoria’, ‘pastorium’)
Pastròcchj(i), s.m. Pastrocchio
Pat(e)mènt(e), s.m. e Pat(e)mìend(e), s.m. Patimento,   sofferenza, pena
Pat(e)mìend(e), s.m. e Pat(e)mènt(e), s.m. Sofferenza,   patimento, pena
Patàcca, s.f. Patacca. Nome   attribuito ad una moneta spagnola e in seguito a varie monete, per lo più non   italiane, e rimasto poi nell’uso pop. per indicare genericam. monete di   scarso valore. (Dall’arabo ABU o ABON TACA, che  letter.    vale ‘ il padre alla finestra’ nome con il quale i mori della Spagna   chiamavano le piastre spagnole, sulle quali erano impresse le colonne   d’Ercole (per ciò detti colonnati) rappresentanti per essi una finestra   (taca). 2. (fig., fam.) grossa traccia d’unto sul vestito,  macchia. 3. (region., volg.) [organo   genitale femminile]
Patàna, s.f. Patata. 2. Anche   natura della donna. 3. Bugia
Patàna, s.f. Bugia. 2. Patata. 2.   Anche natura della donna
Patè, ùt(e) arc. e Patì, ùt(e) Patire
Patènt(e), s.f. e Patènd(e), s.f. Patente
Patèssa, s.f. Badessa, la superiora   di un monastero di monache
Patìss(e), s.m. Abate, il superiore   di  un monastero di monaci
Patr(e)nnòstr(e), s.m. Paternostro. 2.   Rosario, corona del rosario
Patratèrn(e), s.m. Padreterno, il Padre   Eterno
Patratùrch(e), s.m. Maometto, (Letteralm:   Padre Turco). Termine usato nell’espressione ‘Mannaggia ù patratùrch(e)! =   per non maledire ‘ ù ‘Patratèrn(e)’ il Padreterno
Patrìgn(e), s.m. Patrigno, padrigno
Patrìgnj(i), s.m. Patrigno
Patròn e sòtta, s.m. Passatella, gioco   d’osteria in cui i bevitori, eleggono o scelgono a sorte o con il gioco della   morra un “padrone” e un ‘”sotto padrone”; questi a loro   arbitrio, distribuiscono ai partecipanti il vino acquistato collettivamente,   facendo in modo che qualcuno della compagnia rimanga’ “olmo” (à   ùrm(e)), cioè a bocca asciutta.
Patròn(e), s.m. Padrone. 2. Patrono
Patròn(e), s.m. Patrono, il santo che   si venera e si onora in ogni comuner, con speciale culto. 2. Padrone
Patròn(e)_e_sotta, s.m. Passatella, sf. [dim.   di passata]. Gioco da bar o di osteria. Consiste nel distribuire tra più   bevitori vino acquistato collettivamente facendo in modo che uno rimanga a   bocca asciutta. Preposto alla distribuzione è il “padrone”, che può bere a   volontà, eletto per sorteggio o con il gioco della morra, e coadiuvato da un   “sottopadrone” o “sotto”. La passatella è vietata dalla legge. – Vedere pure:   ‘Frùsc'(e)’ il termine che   nello stesso gioco indica le carte che un giocatore raccoglie per stabilire   il proprio ruolo.
Pàtt(e), s.m. Patto
Pàtta, s.f. Patta, pareggio,   risultato o punteggio pari nel gioco delle carte
Pattià, àt(e) Patteggiare
Pauniàrs(e). àt(e) Pavoneggiarsi
Paùra, s.f. Paura; Lu fr(i)càva   la paùra = Gli fregava la paura
Paurùs(e), agg. Pauroso
Pavimènd(e), s.m. e Pavimènt(e), s.m. Pavimento
Pazìa, s.f. Badia; Ù castìeggh(i)   r(e) là pazìa = Il castello della Badia (Esistono i ruderi nel territorio   omonimo); A pazìa r(e)  fràbbr(e)ca =   la badia di (nuova) fabbrica = la badia nuova (situata molto più a   monte,fabbricato di proprietà Di Cecca)
Pazzià, àt(e) Scherzare, pazziare   (reg.), celiare, il giocare  e lo   sbizzarrirsi dei fanciulli – (Da: ‘pazzo’ > fare il pazzerello)
Pazzià, àt(e) Pazziare, (reg.)   Giocare, scherzare, celiare
Pazziarìell(e), s.m. Giocattolo, balocco,   gingillo
Pazziarùl(e), s.m. Pazzerellone,   giocherellone, buontempone
Pèc(e), s.f. Pece
Pècura, s.f. Pecora
Pedàl(e), s.m. Pedale
Pègg(e), avv. e agg, Peggio
Pègghia, s.f. Pelle. 2.   Ubriacatura, sbornia, sbronza.
Pègghia, s.f. Ubriacatura, sbornia,   sbronza. Quìgghj(i) nnù lù pùoi parlà, stanòtt(e) hàv(e)   pigliàt(e) nà pègghia! = Non gli puoi parlare, questa notte ha preso una   sbornia! 2. Pelle.
Pègghia, s.f. Sbronza, ubriacatura,   sbornia. Quìgghj(i) nnù lù pùoi parlà, stanòtt(e) hàv(e)   pigliàt(e) nà pègghia! = Non gli puoi parlare, questa notte ha preso una   sbornia! 2. Pelle.
Peggiorà, àt(e) Peggiorara
Peggioramènd(e), s.m. e Peggioramènt(e), s.m. Peggioramento
Pègn(e), s.m. Pegno
Pèlla r'(e) fuìna, agg. e s. m. Faina, persona   d’aspetto sgradevole e animo scaltro. Furbacchione, furbastro, (non com.)   malignazzo, maligno, volpe, volpone
Pèlla, s.f. Pelle
Pèndola a pressiòn(e), s.f. Pentola a pressione
Pèndola, s.f. e Pignàta, s.f. Pentola, casseruola,   pignatta. (Sp.: ‘Pinata’ )
Pènn(e), ùt(e) Pendere
Pènn(e)la, s.f. e Hràpp(e)l(e), s.m. Racèmo, grappolo,   racema (Dall’agg.: ‘pendula’ > pendente) – Piccolo grappolo = ‘Raciùopp(e)l(e)’ o ‘P(e)nn(e)lècchia’ o ‘P(e)nn(e)lègghia’
Pènna, s.f. Penna
Pentecòst(e), s.f. e Pendecòst(e), s.f. Pentecoste. La   settima domenica dopo Pasqua, ricorda la discesa dello Spirito Santo
Penziòn(e), s.m. Pensione
Penzionàt(e), s.mm. Pensionato
Pèr(e), s.m. Piede.  In piedi: vedi “Alèrta”;   – pl.: ‘Pìer(e)’  – A piedi: ‘A là ppèra’ oppure ‘A (l)à ppèra’ oppure ‘Pèr(e)_pèr(e)’
Pèrana, s.f. Pagliaio, grande   mucchio conico di fieno ‘Fìen(e)’, con un grosso palo centrale : “Pranàl(e)” che   costituisce la riserva di fieno per l’annata, presso la casa colonica – (Da   ‘pera’ a forma di pera, largo alla base, culminante a punta, dal gr.: ‘pyr’   fiamma per la sua forma piramidale) -L’atto di costruire la   “pèrana” vedi: ‘App(e)ranà’ – Piccola ‘Pèrana’, mucchio di fieno, senza palo centrale: ‘Pranìegghj(i)’
Pèrd(e) ù criatùr(e), pèrs(e) ù c. Abortire,   interrompere la gravidanza
Pèrd(e), pèrs(e) Perdere
Pèrd(e), pèrs(e) o p(e)rdùt(e) Perdere, smarrire
Pèrd(e), pèrs(e) o p(e)rdùt(e) Smarrire 2. Perdere
Pèrd(e)ta, s.f. Perdita
Pèrd(e)ta, s.f. e P(e)rdènza, s.f. Perdita, scapito,   diminuzione
Pèrda, s.f. Peto, scorreggia,   flatulenza. – (dal latino ‘perditum’, a sua volta dal greco ‘perdo’ e dal   sanscrito ‘pardam’, cioè perdita, intesa proprio come il rilascio di gas   intestinali).  – Pl.: ‘Pèrd(e)’ –   Anche: “Pìrd(e)” e   “Cròsc(e)ca”
Perfètt(e), agg. Perfetto, ottimo,   ottimale, ineccepibile. Anche: ‘(i)Ngatàst(e)’
Perìcol(e), s.m. Pericolo
Pericolànd(e), agg. Pericolante
Pericolòs(e), agg. Pericoloso
Permanènt(e), agg. o Permanènd(e), agg. Permanente, stabile
Permanènt(e), s.f. o Permanènd(e), s.f. Permanente,   acconciatura di capelli
Personàgg(e), s.m. Personaggio
Pèrt(e)ca, s.f. Pertica, lungo   bastone di legno. A volte usata, agganciata al soffitto mediante ganci in   ferro, per appendere  i salami fatti in   casa, farli asciugare fino a completarene la stagionatura
Pès(e), s.m. Peso
Pès(e), s.m. Peso
Pès(e)l(e), agg. Leggero, soffice,   morbido, molle,  elastico. – Stà sciàrpa èia bèlla pès(e)la, pès(e)la – Questa sciarpa è   bella, leggera leggera  – Là tòrta   èia  pès(e)la – La torta è leggera,   soffice. – (Lat.: ‘pensilis , e’ sospeso, leggero)
Pès(e)m(e), s.m. Pesantezza, senso di   peso in qualche parte corporale. Anche di significato figurato: gravezza,   responsabilità. – Tèngh(e) nù pès(e)m(e) (i)ngìmma à ù stòmmach(e) _ Ho un   peso sullo stomaco
Pèsa, s.f. Pesa
Pèsc(e), s.m. Pesce, per membro   virile
Pèscia, s.f. Vulva. Anche: “Fèssa”, “Fica”, “Ciònna” ,”Patàna”
Pèscj(e), agg. Peggio
Pèsta, s.f. Peste
Pètana, s.f. Fisionomia, fattezza   del viso che caratterizza la persona rispetto alla famiglia dei genitori –   A’àgg(e) càn(e)sciùt(e) rà là pètana = L’ho riconosciuto dalla fisionomia   simile a quella dei genitori, della propria famiglia). 2. Patina, riferito   per lo più allo smalto che si dà alle ceramiche.
Pètana, s.f. Patina, riferito per   lo più allo smalto che si dà alle ceramiche. 2. Fisionomia, fattezza del viso   che caratterizza la persona rispetto alla famiglia dei genitori – A’àgg(e)   càn(e)sciùt(e) rà là pètana = L’ho riconosciuto dalla fisionomia simile a   quella dei genitori, della propria famiglia)
Pètt(e)la, s.f. Camicia<Lembo di.   Lembo inferio della camicia che vien fuori dallo sparo, l’apertura posteriore   dei calzoncini dei bambini (Una volta i bambini che gia camminavano facevano   i loro bisogni attraverso un’apertura praticata sul retro dei calzoncini,   semplicemente accovacciandosi, quando non si usavano i pannolini). 2 Termine   esteso a qualsiasi lembo di camicia o maglia che sporge al di fuori dalla   giacca o da altro indumento indossato. 3. Gonnella, gonna, malandata. Anche   termine dispregiativo rivolto in genere alle donne. – (Dal:lt.: ‘pittula’ diminut. di ‘pitta’ focaccia (appiattita) –   oppure dal Gr.: ‘pitalon’ lamina)
Pètt(e)la, s.f. Gonnella, gonna,   malandata, sottoveste, mutanda.  Anche   termine dispregiativo rivolto in genere alle donne. – N'(o)n   pòzz(e) assì, sò ancòra (i)m’bètt(e)la! = Non posso uscire, sono ancora in   mutande! 2. Camicia<Lembo di. Lembo inferio   della camicia che vien fuori dallo sparo, l’apertura posteriore dei   calzoncini dei bambini (Una volta i bambini che gia camminavano facevano i   loro bisogni attraverso un’apertura praticata sul retro dei calzoncini, semplicemente   accovacciandosi, quando non si usavano i pannolini). 3 Termine esteso a   qualsiasi lembo di camicia o maglia che sporge al di fuori dei pantaloni
Pètt(e)n(e), s.m. Pettine
Pèttin(e), s.m. Pettine
Pèzza, s.f. Pezza, avanzo o   ritaglio di stoffa. 2. Rattoppo
Piacè, piaciùt(e) Piacere, gradire,   soddisfare
Piacèr(e), s.m. Piacere,   soddisfazione, divertimento
Piàn(e), s.m. Piano, progetto,   programma
Pian(e)fòrt(e), s.m. Pianoforte
Pianèt(e), s.m. e Pianeta, s.m. Pianeta, astro
Piànta, s.f. o Piànda, s.f. Pianta
Piantaggiòn(e), s.f. Piantagione
Piastrèlla, s.f. Piastrella, Anche:   “Mat(e)nèlla”   termine arc.
Piatà, s.f. arc. e pietà, s.f. Pietà
Piàtt(e), s.m. Piatto, recipiente in   cui vengono servite le pietanze. gr. ‘plàtus’ – Piatto fondo = “Piàtt(e) cùp(e)” – Venditore di   piatti = “Piattàr(e)”
Piattàr(e), s.m. Ferravecchio,   raccoglitore di ferro vecchio che girava per le case dando in cambio   stoviglie od altri prodotti per la casa
Piattèr(e), pl. f. Piatti a percussione   dell’orchestra
Piattèra, s.f. Coperchio di latta   delle pentole usato dai bambini per rumoreggiare, sbattendolo con altri.
Piatùs(e), agg. Pietoso
Piazzà, àt(e) e Chiazzà, àt(e) arc. Chiazzare, spargere   di chiazze, macchiare. 2. Piazzare, collocare, sistemare
Piazzàl(e), s.m. Piazzale, largo   sterrato od anche lastricato
Piazzàl(e), s.m. Piazzale
Pìca, s.f. e Ciòla, s.f. Pica, gazza. (fam.   corvidi)  – (lat. ‘pica’)
Pìcc(e), s.m. Bizza (fare le   bizze), capriccio – Ù criatùr(e) pìglia sùl(e) pìcc(e)! = Il bambino fa   solamente bizze!
Pìcca, agg. e Poch(e), agg. Modico, poco,   pochino, poca grandezza, poca quantità –    Molto poco = “Pòch(e)_Pòch(e)” oppure   “Pìcca-Pìcca” –  (Dallo Sp.:   “pico” becco, dalla rad. ted. ‘Bicke’ punta, dando così il   significato al nostro agg. ‘picca’, per indicare un poco, una punta)
Pìch(e), s.e pl. m. e Sciamàrr(e), s.m. arc. Piccone, beccastrino.   Pl.: Picconi = “Pìch(e)”   e “Sciamàrr(e)”   – (Origine Sciamàrr(e): ‘Forse dalla giustapposizione di ascia (scure) e   marra (zappa) – Rholfs 1977)
Pìecur(e), s.m. e M(e)ntòn(e) s.m. e M(e)ndòn(e) s.m. Montone, il maschio   adulto della pecora
Pìern(e), s.m. Perno
Pietà, s.f. Pietà
Pìett(e), s.m. Petto – In petto = ‘(i)Nìeètt(e’) o ‘Inbìett(e)’
Pietùs(e), agg. e Piatùs(e), agg. Arc Pietoso
Pìezz(e), s.m. Pezzo
Piggiàma, s.m. Pigiama
Piglià , àt(e) Pigliare, prendere,   cogliere, avviarsi, incamminarsi. – Ammènd(e) chì   m’avv(e)c(e)nàv(e), pìglia e s'(e) n'(e) f(e)scì = Mentre che m’avvicinavo,   s’incamminò e e fuggì via. 2. Colpire
Piglià , àt(e) Colpire. 2. Pigliare,   prendere, cogliere, catturare, avviarsi, incamminarsi
Piglià ar’ùocchj(i), verbo Malocchio<Vedere   di<, stregare, ammaliare (Tradotto alla lettera: “Cogliere agli   occhi)
Piglià ar’ùocchj(i). àt(e) a. Ammaliare, esercitare   il malocchio su qualcuno, che comporta proprio un malessere fisico, come il   mal di testa.  Alla lettera: Cogliere   agli occhi – Nn'(e) stài mìca bbùon(e) a’avarrànn(e) pigliàt(e) arùocchj(i) =   Non stà affatto bene, lo avranno colto agli occhi (malocchio) – Per togliere   il mal di testa alla persona colta da malocchio, alcune persone capaci usano   una pratica per esorcizzarlo detta: “V(e)rè   l’ùocch(i)” consistente nella pratica di tipi   di riti diversi con la declamazione di formule verbali.
Pìgn(e) p(e)zzùt(e), s.m. Camposanto, termine   scherzoso per indicare il cimitero in quanto, nasce dalla presenza, in quello   di Caliti,  di alberi di cipresso,   chiamati impropriamente pigne. La maggior parte di essi, i più vecchi, sono   della famiglia dei ‘Cupressus Semper virens L.’
Pìgna p(e)zzùta, s.f. Cipresso – (Cupressus   sempervirens) – (termine per indicare generalmente quelli esistenti nel   cimitero del paese) – Ovidio narra la storia del giovane ‘Cyparissus’ che fu   trasformato in un albero (Cipresso) perché per errore uccide il cervo sacro.   Apollo, addolorato, esclamò: da me sarai pianto, ma tu piangerai tutti gli   altri, compagno degli uomini mesti – Metamorfosi, X, versi 141, 142. Da ciò   la leggenda e l’usanza di piantare i cipressi presso le tombe.
Pìgna, s.f. Pino, albero delle   Pinacee detto anche pino domestico (Pinus pinea, L. 1753). –  (Quelli del cimitero detti: ‘Pìgn(e)   p(e)zzùt(e)’). 2. Pigna, o strobilo, il cono legnoso del pino contenente i   pinoli
Pìgna, s.f. Pigna, il cono del   pino contenente i pinoli  2.  Pino, albero delle Pinacee detto anche pino   domestico .
Pignàta, s.f. e Pendola, s.f. Pignatta, pentola,   casseruala, di  materiale vario. 2.   Quelle in terracotta,  a forma di   anfora (greca) con larga apertura, usate per cucinare accanto alla brace del   caminetto, sono ormai rare – Diminutivo: “Pignatègghia” s.f. (di grandezza media) e “Pignatègghi(o)”   (di piccola grtandezza) s.m.
Pignatàr(e), s.m. Produttore e   ventitore di pentole in creta, in terracotta
Pigniùol(e), agg. Pignolo, pedante,   meticoloso
Pigniùol(e), s.m. Pignolo, pinolo
Pignòn(e), s.m. Bica, piccolo mucchio   di circa nventi covoni,  riuniti in un   unico cumulo ben ordinato, a mano a mano che si procedeva  durante la mietitura, eseguita manualmente,   avente la sommità formata da due spi oventi, che in caso di pioggia riparava   gli strati sottostanti. 2. Pignone. la ruota che ha un piccolo numero di   denti in una coppia di ruote dentate cilindriche o coniche
Pìl(e), s.m. Pelo. 2. Cavillo,   pretesto, appiglio, falsa ragione ‘P(e)lèha’
Pìl(e), s.m. Cavillo, pretesto,   appiglio, falsa ragione ‘P(e)lèha’. – Vài(e) acchiànn(e) sùl(e)   pìl(e)! = Va trovando solamente pretesti! 2. Pelo.
Pìla, s.f. Pila, con significato   di accatastamento di cose varie una sull’altra. 2. Vasca in pietra per   attingere acqua potabile e per abbeverare animali. (Gr.: ‘Pilàkion’ vasca).   Nei nostri paesi stanno ormai scomparendo. 3. Pila elettrica  4.Torcia elettrica
Pìla, s.f. Torcia elettrica. 2.   Pila elettrica. 3. Vasca in pietra per attingere acqua potabile e per   abbeverare animali. (Gr.: ‘Pilàkion’ vasca).. 4. “Pila” di oggetti
Pìla, s.f. Vasca in pietra per   attingere acqua potabile e per abbeverare animali. (Gr.: ‘Pilàkion’ vasca) – Nei nostri paesi stanno ormai scomparendo. 2.   “Pila” di oggetti; 3.Pila elettrica. 4.Torcia elettrica
Pìn(e), s.m. Pino
Pìn(e), s.m. Pino
Pìnn(e)l(e), s.m. Pillola
Pìnt(e), agg Dipinto, colorato. Tèn(e) ì capìggh(i) pìnt(e) = Ha i capelli colorati –  Faccia   lentiginosa = Fàccia pènta o faccia p(e)ntiàta
Pìnza, s.m. Pinza, tenaglie
Piòmb(e), s.m. e Chiùmm(e), s.m. arc. Piombo
Pìp(e)l(e), s.m. Margherita, pianta   erbacea delle Composite
Pipì, s.f. Pipì, nel linguaggio   infaltile: orina: “(P(i)sciòtta”
Pipigàs, s.m. Fornello a gas. (Nome   sorto da quello dall’omonima ditta che forniva gas in bombole)
Pìppa, s.f. Pipa
Pippiàta, s.f. Pipata
Pìr(e), s.m. Pero, albero delle   ‘Rosacee’ e anche Pera, frutto –    (Lat.: pirus, i –  dal gr.:   ‘pyr’ fiamma per la sua forma piramidale)     M’àgg(i)   mangiàt(e) nù Pìr(e) = ho mangiato una pera
Pìrchj(i), agg. e Tìrchj(i), agg. Pirchio (nap.),   avaro, spilorcio, tirchio
Pìrd(e), s.m. Peto, scorreggia,   flatulenza. – Pl.: ‘pìrd(e)’. – Anche: “Pèrda” e “Cròsc(e)ca” e Scurrèggia. – (dal latino ‘perditum’, a sua volta dal   greco ‘perdo’ e dal sanscrito ‘pardam’, cioè perdita, intesa proprio come il   rilascio di gas intestinali)
Piripìss(e), s.m. Cappellino, in genere   a punta, molto colorato, usato per feste o a carnevale
Pìs(e), s.m. Peso, campione   ponderale delle bilance usato in commercio – Pìglia ù   pìs(e) rù chìl(e) = prendi il peso del chilogrammo
Pìsc(e) à tùzz(e) Pesca<Tipo di.   Tipo di pesca, in acque basse, consistente nello scagliare sopra un sasso di   torrente, sotto il quale si presume che ci siano dei pesci, un altro sasso   che provocando il loro stordimento li fa galleggiare e quindi gli stessi   vengono raccolti con le mani. (Tùzz(e) > da T(e)zzà = Urtare)
Pìsc(e), s. e pl. m. Pesce
Pìsc(e)ch(e), s.m. Sasso, pietra. – (Dal   Gr.: ‘Pecsulion’ e dal Lat.: ‘Pesculum’) – Grossa pietra:   “Chiangòn(e)” o “P(e)sc(e)còn”. Piccola pietra:   “P(e)tròcc(e)la”. Pietra di scarto nelle costruzioni:   “Mazzacàn(e)” – Titare pietre: ‘P(e)trià’ (arc.) – (Il termine ha   dato nome alla nostra  località   ‘P(e)sc(e)rràr(e)’ sulle carte catastali: ‘Pesco di Rago’ nonchè al limitrofo   paese ‘P'(e)sc(e)pahàn(e)’ Pescopagano – PZ)
Pìsc(e)l(e), s.m. Rubinetto
Pìscia, s.f. Piscia, piscio,   orina,. Termine rivolto in genere ai bambini.
Pista, s.f. Pista, pesta, orma, o   insieme di orme. 2. Piede, zampa. – S(e)bbattìa r'(e)   pìst(e) p'(e) tèrra = Sbatteva i piedi per terra. 3.   Passaggio, sentiero, varco
Pista, s.f. Piede, zampa. Ù   m(e)ttì r'(e) pìst(e) (i)nfàcc(e) = Gli mise i piedi sulla faccia. 2. Pista,   pesta, orma, o insieme di orme. 3. Passaggio, sentiero, varco
Pìsta, s.f. Passaggio, sentiero,   varco. 2. Pista, pesta, orma, o insieme di orme. 3. Piede, zampa
Pistòla, s.f. Pistola. Vedere   anche: “Sc(e)cùppètta”,   arc.
Pistòla, s.f. o Sc(i)cuppètta, s.f. arc. Pistola, schioppo   (arma da fuoci portatile ad avancarica)
Pittà, àt(e) Pitturare, dipingere,   pittare (arc.) (Lat. volg. ‘pictare’)
Pittirùss(e), s.m. Pettirosso
Pittòr(e), s.m. Pittore
Pì’uz(e), s.m. Rela, Lippa (tosc.),   bastoncino piccolo ed appuntito alle estremità. Usato nel gioco della lippa (Màzza e pì’uz(e))che si fa con due   bastoni, uno lungo (Màzza) e l’altro piccolo, la lippa, che, messo per terra,   si fa sollevare in aria con un colpo della mazza dato su una delle punte e   colpendolo ancora si fa andare il più lontano possibile. Il giocatore   continua in tal modo finchè non sbaglia il colpo. Vince colui che in tal modo   porta il “Pì’uz(e)” più distante. (Dal verbo “App'(e)uzà”   = Appuntire)
Pì’uz(e)<Fa, fàtt(e) p. Inclinarsi, pendere,   rendersi instabile, in quanto la base di appoggio non è piana, stabile, é   invece divenuta angolosa, appuntita.
Pìzz(e), s.m. Luogo, angolo,   cantone, lato. – Mìtt(e)t(e) à quìgghiu pìzz(e) = Mettiti in quell’angolo. 2.   Lavoro a uncinetto, pizzo. .3. Pizzo, picco, punta, lembo, cocca. 4. Pizzo,   barbetta
Pìzz(e), s.m. Pizzo, barbetta. 2.   Luogo, angolo, cantone, lato. – Mìtt(e)t(e) à quìgghiu pìzz(e) = Mettiti in   quell’angolo. 3. Lavoro a uncinetto, pizzo, merletto .4. Pizzo, picco, punta,   lembo, cocca – Ù cappìegghj(i) r'(e) lù prèut(e) èia à trè pìzz(e) = Il   cappello del prete è a tre punte
Pìzz(e)ch(e), s.m. Pizzico. Pizzicotto   affettuoso sulla guancia: “Carìzz(o)”
Pìzz(e)l(e), s.m. Becco
Pìzza, s.f. Pizza, focaccia di   solo pane, a forma circolare, con un grosso buco in mezzo. – Piccola per   bambini: ”P(e)zzùgghj(i)’ pizzetta
Pìzza_hònda s.f. Focaccia, di origini   pugliesi e’ la focaccia  farcita di   pomodori, peperoni e olio (Unta), cotta nel forno.
Pl(e)zzà, àt(e) Pulire, rimuovere,   nettare. (Vedere anche: “Ann(e)ttà”). 2. “Far fuori”, far   morire – Ìi(e) t'(e) p(e)lìzz(e)! = io ti uccido! – (Dal lat.: ‘polire’   levigare, pulire)
Placcà, àt(e) Placcare
Placcàgg(e), s.m. Placcaggio
Plàtin(e), s.m. Platino
Platinàt(e), agg. Platinato
Pò, s.m. Po, il fiume più   grande d’Italia. – E’i po’! = E’ possibile! (Dal nome del fiume: come per   dire: Non la dire gròssa! Come il fiume Po)
Po’, avv. Poi
Pòcc(e)_pòcc(e), agg e s.m. Paffutello, persona   dalle guance turgide (Termine affettivo verso i bambini) – (Forse da   “pòccia” = mammella) – Stù criatùr(o) è nù   bbèll(e) pòcc(e)_pòcc(e) = Questo bambino è un bel paffutello
Poch(e), agg. e Pìcca, agg. Poco, pochino, poca   quantità, poca grandezza – Molto poco =   “(i)Nzicch(e)” o ‘nà (i)nzècca’ oppure “Pìcca_Pìcca” o Pòch(e)_Pòch(e)’
Pòch(e), agg. e Pìcca, agg. Poco, modico,   pochino, poca grandezza, poca quantità –    Molto poco = “Pòc(o)_Pòc(o)” oppure “Pìcca-Pìcca” oppure “Nù ‘(i)Nzìcch(e)”, o “nà (i)Nzècca”
Pògghj(i)la, s.f. Farfalla – (Lat. ‘Papilio’) – Farfallina = “P'(e)gghj(i)lègghia”, s.f.
Pòl(e)c(e), s.m. Pulce
Pòl(e)va, s.f. Polvere
Polàcch(e), agg. e s.m. Polacco
Polènda, s.f. Polenta
Polendòn(e), s.m. Polentone,   appellativo dato, con intonazione spreg. (talvolta anche scherz.), dagli   abitanti dell’Italia meridionale a quelli dell’Italia settentrionale
Polizzìa, s.f. Polizia
Polmònìt(e), s.m. e P(e)lm(e)nìta, s.f. arc. Polmonite
Polònia, s.f. polonia
Pombìer(e), s.m. e Pompìer(e), s.m. Pompiere, vigile del   fuoco
Pòmpa, s.f. e Pòmba, s.f. Pompa
Pompètta, s.f. e Pombètta, s.f. Pompetta
Pòn(e), pùost(e) Porre. Usato quasi   esclusivamente il p.p. Pùost(e) altrimenti si usa “Mètt(e)” =   Mettere
Pòn(e), pùost(e) e Mètt(e), m(e)ttùt(e) Porre, mettere,   collocare, stabilire
Pònd(e), s.m. e Pònt(e), s.m. Ponte
Ponènd(e), s.m. Ponente, occidente
Pòng(e), ùnt(e) Pungere
Pònta, s.m. e Pònda, s.m. Punta – In punta: ‘(i)Npònta’ o ‘(i)Nbònda’
Pontègg(e), s.m. e Pondègg(e), s.m. Ponteggio, palco per   muratori. Termine arc.: “A’nat(e)”
Pòpol(e), s.m. Popolo
Popolaziòn(e), s.f. Popolazione
Pòrca, s.f. Porca, fascia di   terra arata larga 7÷8 solchi, compresa fra due lembi di terra non arati   realizzati per lo scolo delle acque meteoriche, usato in terreni molto   declivi, ( Lat: ‘Porculetum”)   – Nei terreni più pianeggianti, i solchi sono di meno e il lembo di terra   viene detto ‘P(e)rchìtt(e)’ (Piccola porca – Lat.: ‘Porca’). 2. Porca, ed anche ‘porcàccia’ con funz. per lo più appositiva o aggettivale) può   accompagnare l’oggetto di un’imprecazione come: “pòrca   femm(e)na!”,  pòrca miseria! ecc.
Pòrca, s.f. Porca, ed anche ‘porcàccia’ (con funz. per lo più   appositiva o aggettivale) può accompagnare l’oggetto di un’imprecazione come:   “pòrca femm(e)na!”,  pòrca   miseria! ecc. 2. Porca, fascia di terra arata larga 7÷8 solchi, compresa fra due   lembi di terra non arati realizzati per lo scolo delle acque meteoriche,   usato in terreni molto declivi, ( Lat: ‘Porculetum”) – Nei terreni più   pianeggianti, i solchi sono di meno e il lembo di terra viene detto   ‘P(e)rchìtt(e)’ (Piccola porca – Lat.: ‘Porca’).
Pòrpa, s.f. Polpa
Pòrta, s.f. Porta. – Accostare la porta = appànnà là pòrta (vedi Appannà)
Pòrta_z'(e)cchìn(e), s.m. Portamonete (Da:   Porta e Zecchini (monete di una volta)
Portìer(e), s.m. Portiere
Portogàll(e), s.m. e Portohàll(e), s.m. Portogallo
Pòs(e)ma, s.f. Appretto, amido,   miscela di varie sostanze, usata per conferire ai tessuti caratteristiche che   ne migliorino l’aspetto o il tatto. – Vedere anche “(i)np(e)s(e)mà” – (Da Imbozzimare, trattare con Bozzima, liquido per   impregnare gli orditi prima della tessitura, per analogia appunto con   l’appretto con cui  si impregnano i   tessuti per dar loro spessore, morbidezza – (Dal gr.: “APO’-ZEMA”   bollitura, decotto)
Pòsa, s.f. e Mòza, s.f. Posatura, sedimento,   feccia
Posapiàn(e), s.m. Posapiano, persona   che si muove, agisce, opera con estrema calma e lentezza
Posiziòn(e), s.f. Posizione
Possìbb(e)l(e), agg. Possibile
Possibbilità, s.f. Possibilitè
Possìbbilmènd(e), avv Possibilmente
Pòst(e), s.m. Posto – Nà vòta, à nù pòst(e), v(e)rìett(e) nà vìpera! = Una volta, in   un posto, vidi una vipera!
Pòsta, s.f. Posta 2. Appostamento
Postàl(e), agg. Relativo alla posta.   2. Autocorriera che fa trasporto di posta e di persone
Postàl(e), s.m. Autocorriera che fa   trasporto di posta e di persone 2. Relativo alla posta
Potàssij(e), s.m. Potassio
Potènd(e), agg. Potente
Potestà, s.m. Podestà
Pòv(e)r(e), agg. Povero – ‘Poverètt(e)’ = Poveretto – ‘P(e)v(e)rìegghj(i)’ = Poverello,   poverino
Pòzza o pùozza, cong. pr. del verbo ‘potere’ Pòssa, cong. pr. del   verbo ‘potere’
Pr(e)bbalè, ùt(e) e Pr(e)bbalì ùt(e) Predare, ingurgitare,   arraffare
Pr(e)bbalì ùt(e) e Pr(e)bbalè, ùt(e) Ingurgitare,   arraffare, predare
Pr(e)bbijtà, s.f. e pr(e)bb(e)ità, s.f. Proprietà,   possedimento
Pr(e)bbijtàrij(e), s.m. Proprietario
Pr(e)c(e)pìzzj(i), s.m. Precipizio
Pr(e)cchiùs(e), agg. Pidocchioso.
Pr(e)cèss(e), s.m. Processo
Pr(e)cètt(e), s.m. Asola, orlatura di   filo dell’occhiello dove viene infilato il bottone. 2. Precetto.  Ù pr(e)cètt(o) pasquàl(e) = Il precetto   pasquale.
Pr(e)cètt(e), s.m. Precetto.  Ù pr(e)cètt(e) pasquàl(e) = Il precetto   pasquale.  2. Asola, orlatura di filo   dell’occhiello dove viene infilato il bottone.
Pr(e)chiàcca, s.f. Organo genitale   femminile, (significato arc. in disuso). – Il nome deriva dall’incontro tra   il nome portulaca, erba porcellana (accostamento a porco) e il sost. di   origine calabrese ‘purchia’ = pozza, fonte d’acqua, luogo dove zampilla   l’acqua). 2. Escreato, escremento, riferito in genere a quello grosso della   mucca. (Termine traslato dal significato originario).
Pr(e)chiàcca, s.f. Escremento, escreato,   riferito in genere a quello grosso della mucca. (Termine traslato dal   significato di organo genitale femminile, inteso negativamente, come quello   delle donne di strada, ed essendo ciò una porcheria, è divenuto: porcaccia   > porcazza > pr(e)chiàcca   – (Dial. campano) – Mmìezz(e) à la stràda (i)ngèra   nà bèlla pr(e)chiàcca r'(e) vàcca! – In mezzo alla strada c’era un grosso   escremento di vacca! . 2. Organo genitale   femminile. (significato arc. in disuso)
Pr(e)cìess(e), s.m. Processo
Pr(e)cìsa, s.f. Solco nelle stoppie,   ai bordi di un campo, praticato nel periodo che queste vengono bruciate per   evitare che il fuoco passi ai terreni adiacenti. (Le stoppie vengono bruciate   per evitare che con il loro volume possano lasciare dei vuoti sotterranei una   volta arati i campi).
Pr(e)còca, s.f. Percoca giallona di   Siano è una varietà molto particolare del frutto commestibile prodotto dal   pesco (Prunus persica). Si intende la varietà di pesca a polpa gialla,   compatta e non spicca, cioè aderente al seme
Pr(e)curà, àt(e) Procurare
Pr(e)f(e)mà, àt(e) Profumare
Pr(e)f(e)ss(e)rèssa, s.f. Professoressa
Pr(e)f(e)ssòr(e), s.m. Professore – Termine   usato rivolgendosi al professore: ‘Pr(e)f(e)ssò’ od anche la forma più contratta: ‘Pr(e)ssò’
Pr(e)fètt(e), s.m. Prefetto
Pr(e)gg(e)ssiòn(e), s.f. Processione
Pr(e)gg(e)ttà, àt(e) arc. e Proggettà, àt(e) Ideare,p rogettare
Pr(e)hà, àt(e) Pregare
Pr(e)hatòrij(e) s.m. arc. e Purgatòrij(e), s.m. Purgatorio
Pr(e)hatòrij(e), s.m. Purgatorio
Pr(e)hìera, s.f. arc. e Prehìera, s.m. Preghiera
Pr(e)hunùt(e), agg e Pruhunùt(e), agg. Corpulento,   prosperoso, robusto, abbondante
Pr(e)mav(e)rìl, agg. Primaverile
Pr(e)mavèra, s.f. Primavera
Pr(e)mèra, s.f. Premiera, per la   conta del valore delle carte nel gioco della scopa. Completa è rappresentata   dai 4 sette, e vale 2 punti; senza il settebello vale 1 punto
Pr(e)mèssa, s.f. Promessa
Pr(e)mètt(e), p(e)rmìs(e) Promettere. –   Promètt(e), promìtt(e), promètt(e), promettìm(e), promettìt(e),   promètt(e)n(e)
Pr(e)mmaròla, s.f. Pomodoro. Pomodorino   = “Pr'(e)mmar(e)lègghia”
Pr(e)mòn(e), s.m. arc. Polmone. Ù   sauzìcch(i) r'(e) pr'(e)mòn(e) = La salsiccia (con carne) di polmone
Pr(e)n(e)nzià, àt(e) arc. e Pronunzià, àt(e) Pronunciare,   pronunziare
Pr(e)nìsch(e), agg. Gravidico, delle   gravide, di chi è gravida
Pr(e)nòsp(e)ra, s.f. Peronospera, malattia   da fungo della vite, della patata.
Pr(e)nùnzia, s.f. arc. e Pronùnzia, s.f. Pronunzia, pronuncia
Pr(e)pàcchj(i), s.m. Gioco delle carte   simile all’asso piglia tutto o rubamazzetto” – Detto anche: “Pr(e)pàcchj(i) mariùol(e)”
Pr(e)parà, àt(e) Preparare
Pr(e)rr(e)cà, àt(e) e P(e)rr(e)cà, àt(e) Dire in pubblico,   predicare
Pr(e)rr(e)catòr(e), s.m. Predicatore
Pr(e)s(e)nt(e)mènt(e), s.m. e Pr(e)s(e)nd(e)mènd(e), s.m. Presentimento,   presagio
Pr(e)s(e)ntà, àt(e) e Pr(e)s(e)ndà, àt(e) Presentare
Pr(e)s(e)nziòn(e), s.f. Presunzione
Pr(e)s(e)rènt(e), s.m. e Pr(e)s(e)rènd(e), s.m. Presidente
Pr(e)scèzza, s.f. Contentezza,   allegrezza, gioia, compiacimento, vanto – (Da ‘pregiare, apprezzare, mostrare   di apprezzare, esprimendo contentezza – dal lat.: ‘pretium’ prezzo,   valore)
Pr(e)scjàrs(e), àt(e) Rallegrarsi,   compiacersi. Vedere anche: “Cumbiacèrs(e)” – (Dal Lat.: ‘pretiare’ valorare)
Pr(e)sùtt(e), s.m. Prosciutto
Pr'(e)t(e)stànd(e), s.m. e Pr'(e)t(e)stànt(e), s.m. Protestante
Pr(e)tènn(e), pr(e)t(e)nnùt(e) o pr(e)tìs(e) Pretendere
Pr(e)tèsa, s.f. Pretesa
Pr(e)v(e)lòn(e), s.m. Provolone, formaggio   a pasta dura e compatta
Pr(e)v(e)rènzia, s.f. e Gliànna, s.f. (arc.) Provvidenza
Pr(e)và, àt(e) Assaggiare,   assaporare, degustare. Pròva cùm(e) èia bùon(e)! =   Assaggia come è buono! 2. Provare, sperimentare
Pr(e)và, àt(e) Privare. A’ pr(e)vàt(e) r'(e) tùtt(e) = Lo ha prvato di tutto. 2. Provare, sperimentare, fornire prove. 3. Assaggiare,   degustare.
Pr(e)và, àt(e) Provare,   sperimentare, fornire prove. Mò pròvam(e) cà èia alluè! =   Adesso provami che è vero! 2. Assaggiare,   degustare. 3. Privare
Pr(e)vèr(e), prevìst(e) o pr(e)v(e)rùt(e) Prevedere, presagire
Pr(e)vvèr(e), pr(e)vv(e)rùt(e) Provvedere, procurare
Pr(e)vvìsta, s.f. Provvista,   approvvigionamento, scorta
Pr(e)zzòn(e), s.m. Pelliccia di montone   senza maniche, indossato col pelo all’esterno
Prabbùon(e)!, loc. agg. E’ pur buono!  – Termine usato solamente nella frase   esclamativa: “E’ prabbùon!”   e  “N'(e)n   è “Prabbùon(e)!”  E’ appena buono! è poco meno di buono!
Pramènda, s.f. arc. Fondazione.Usato in   genere al pl.: r'(e) ‘Pramènd(e)’   = le fondazioni
Pranàl(e), s.m. Stollo, grosso palo,   generalmente in legno, infisso nel terreno attorno al quale si ammassa la   paglia per formare il pagliaio “Pèrana”. – (Da: ‘perana’ con il suff. ‘àl(e)’ specificante la   destinazione d’uso)
Pranìegghj(i), s.m. Meta>Piccola.   Piccola meta, piccolo ammasso di fieno, a forma di pera. – (E’ il diminutivo   di ‘Pèrana’)
Prat(e)cà, àt(e) Praticare
Pràt(e)ca, s.f. Fascicolo, cartella,   dossier. 2. Pratica, esperinza, usanza
Pràt(e)ca, s.f. Pratica, esperinza,   usanza 2. Fascicolo, cartella, dossier
Pràtt(e)ca, s.f. arc. e Pràt(e)ca, s.f. Pratica, esperinza,   usanza
Prelibbàt(e), agg. e Pr(e)l(e)bbàt(e), agg. Arc. Prelibato
Premià, àt(e) Premiare
Prèmij(e), s.m. Premio
Prèna, agg. Pregna, gravida.   Pieno: “Prìen(e)”, “Chjn(e)”  e “Pruùnùt(e)”
Prèna, agg. Gravida, pregna. –   Pieno: “Prìen(e)”, “Chjn(e)”  e “Pruùnùt(e)”
Prèna, agg. f. e Ingìnda, agg. Pregna, incinta,   gravida
Prèrr(e)ca, s.f. Predica
Prèsa, s.f. Presa, stretta,   appiglio, cattura. 2. Striscia di terreno agricolo.  Sinonimo    di ‘P(e)rchìtt(e)’ – (vedere significato)
Presèbbij(e), s.m. Presepio, presepe
Prèsid(e), s.m. Preside
Presidènd(e), s.m. Presidente
Prèss(e)ca, s.f. Pesca, persica,   frutto e albero (Prunus persica – Lat. ‘Persica’ malum = Mela persiana)
Prèssa, s.f. Fretta, urgenza,   premura, pressa arc. (Da  it. ‘pressa’   da pressare, far fretta, far premura, pressura) –  Vài r'(e) prèssa = va   di fretta. 2. Pressa, torchio
Prèssa, s.f. Pressa, macchina per   stampaggio e fucinatura, torchio. 2. Fretta – Vìen(e) à   là (i)mprèssa = vieni di fretta, vieni subito.
Pressappòch(e), avv. Pressappoco
Prèta, s.f. Pietra. Grossa pietra   = “Chiangòn(e)”.   Piccola pietra: “P(e)tròcc(e)la”. Pietra di scarto nelle costruzioni: “Mazzacàn(e)” – Titare pietre: ‘P(e)trià’ (Arc.)
Prèula, s.f. Pergola
Prèut(e), s.m. Prete
Prevedìbbil(e), agg. Prevedibile
Prìen(e), agg.  e Hràva,   f. agg. Pregno, pieno. – (dal prov.: pren-s, e dal basso lat.: ‘praegnas’ per   ‘praegnans’ pregnante).  – Gravida =   “Prèna”, agg.
Prìesc(e), s.m. Compiacenza,   soddisfazione, rallegramento, piacere – Hàv(e) avùt(e) nù   bèli(e) prìesc(e) != Ha avuto una bel rallegramento!
Prìess(e)ch(e), s.m. Pesco (Lat. ‘Persica’   malus = Melo persiano)
Prìm(e), agg. num. Primo
Prìma, avv Prima. Per prima = P'(e) prìma – Anche: (i)Mbrìma (arc.)
Pringipalmènd(e), avv. Principalmente,   comunemente
Pròbbia, agg. e avv. Proprio,   propriamente, veramente
Probbiamènt(e), avv. e Probbiamènd(e), avv. Propriamente
Probblèma, s.m. Problema
Proggètt(e), s.m. Progetto
Proggettà, àt(e)  e   Pr(e)gg(e)ttà, àt(e) arc. Progettare, ideare
Proiettà, àt(e) Proiettare
Proièttil(e), s.m. Proiettile
Pròllach(e), s.m. Prologo, inteso   quello che si proiettava al cinema fra uno spettacolo e l’altro (fra gli anni   trenta e quasi sessanta del 1900) –  A’   Ù cìnam(e) stànn(e) angòra facènn(e) Ù pròllache(e)! = Al cinema stanno   ancora priettando il prologo!
Promètt, promèss(e) e P(e)rmènn(e), p(e)rmìs(e) arc. e  P(e)rmènt(e), p(e)rmìs(e) arc. Promettere,   impegnarsi. – Promètt(e), promìtt(e), promètt(e), promettìm(e), promettìt(e),   promètt(e)n(e)
Prònt(e), agg. Pronto
Pronungià, àt(e) e Pronunzià, àt(e) Pronunziare,   pronunciare
Pronùngia, s.f. e Pronuncia. S.f. Pronunca, pronunzia
Pronùnzia, s.f. e Pronùngia, s.f. Pronuncia, dizione,   cadenza, accento
Pròr(e), p(e)rrùt(e) o M'(e) fàc(e) p(e)rrìt(e), m’è   fàtt(e)  p(e)rrìt(e) Prudere, dar prurito
Pròsc(e), pr(e)scùt(e) Porgere
Provèrbij(e), s.m. Proverbio
Prùcchj(i), s.m. Pidocchio, – (Dal   lat. ‘pedis’ o ‘pediculus’)
Prùculatòr(e), s.m. Procuratore, il   genere indica i rappresentanti della Congrega dell’Immacolata Concezione che   si venera in Calitri
Pruhunùt(e), agg. e Pr(e)hunùt(e), agg Pregno, pieno,   prosperoso, corpulento, robusto, abbondante. – (dal prov.: ‘pren-s’, pregno,   e dal basso lat.: ‘praegnas’ per ‘praegnans’ pregnante)
Prùma, s.f. Prugna, prugno,   susino. (Lat.: Prunus domestica –  sp.:   ‘pruna’ e ant. ted.: ‘pruma’  )
Prurènd, agg. arc. e Prudènt(e), agg. Prudente
Prurènza, s.f. arc. e Prudènza, s.f. Prudenza
Pruùnùt(e), agg. Pregno, pieno,   gonfio, saturo
Puèta, s.m. Poeta
Pùgghj(i), s.m. Pollone, germoglio
Puggilàt(e), s.m. Pugilato
Puhulà, àt(e) e Puhùlià, àt(e) Pigolare, pipiare
Puhùlià, àt(e) e Puhulà, àt(e) e Pipiare, pigolare
Pul(e)c(e)nèlla, s.m. Pulcinella. 2.   Persona di poca serietà, di poco affidamento
Pulìt(e), agg. Pulito, netto
Pulitùra, s.f. Pulitura
Pulizzìa, s.f. Pulizia
Pùll(e), s.m. Pollo
Pullàra, s.f. Pollastra, donna di   strada di facili costumi
Puluàcchj(i), s.m. Sporcizia, polvere   frammista a peli – (Dal peggiorativo di ‘pìl(e)’ pelo )
Punèssa, s.f. Puntina da disegno.
Pùnij(e), s.m. Pugnello, manciata,   branca. 2. Pugno. – Scherz.  Detto   anche ‘Cutùgn(e)’ cotogno.
Pùnij(e), s.m. Pugno, cazzotto. –   Scherz.  Detto anche ‘Cutùgn(e)’ cotogno. –  Dare ed anche fare a pugni: “P(e)cunià”. 2. Pugnello,   branca, manciata
Puniziòn(e), s.f. Punizione
Pùnt(e), s.m. e Pùnd(e), s.m. Punto – (Dim.:   ‘Puntìn(e) o Pundìn(e)’ puntino)
Pùnta. s.f. e Pùnda. s.f. Punta, estremità   acuta, aculeo- In punta: ‘(i)Npònta’ o ‘(i)Nbònda’
Puntìna, s.f. e Pundìna, s.f. Puntina
Pùorch(e) saluàgg(e), s.m. arc. e Cinghiàl(e), s.m. Cinghiale
Pùorch(e), agg. Porco, maiale.   Espressione per chiamarlo a se: “Chìr(e)”, “Chìr(e)”… –   Il maiale si scannava in casa con un coltellalccio “Scannatùr(e)”,   quindi deponendolo in un grosso bacile rettangolare, in legno,   (“Fazzatòra”) veniva privato delle setole (“Sèt(e)la”). –   Plurale: “Pùorcj(i)”. – Dim.: ‘P(e)rcìegghj(i)’, ‘P(e)rc(e)gghiùzz(e)’
Pùorch(e), s.m. Porco, maiale.   Espressione per chiamarlo a se: “Chìr(e)”,   “Chìr(e)”… – Il maiale si scannava in casa con un coltellalccio   “Scannatùr(e)”, poi dentro un grosso   bacile in legno (“Fazzatòra”) veniva privato delle setole (“Sèt(e)la”). – Plurale: “Pùorcj(i)”. 2. Porsona sporca o disonesta
Pùorch(e), s.m. Persona sporca o   disonesta. 2. Porco, maiale.
Pùorr(e), s.m. Verruca. Porro,   piccola escrescenza che viene per lo più alle mani
Pùort(e), s.m. Porto
Pùosc(e), s.m. Poggio di carico,   sporgenza ad uso di appoggio (Lat.: ‘podium’ piedistallo)
Pùost(e), p.p. di ‘pòn(e)’ arc. Posto, messo
Pùpa, s.f. arc. Pupa, bambola – (Dal   lat. ‘pupa’ femm. di ‘popus’ fanciullo)
Pupàzz(e), s.m. Pupazzo
Pùr(e), avv. e cong. Pure, anche
Purgatòrij(e), s.m. e Pr(e)hatòrij(e), s.m. arc Purgatorio
Pùrp(e), s.m. Polipo
Pùrp(e)t(e), s.m. Pulpito
Purquàr(e), s.m. Porcaio, porcaro,   guardiano dei porci (Lat. Volg. ‘porcarium’)
Pùssa vìa, espr. Pussa via, frase di   origine romanesca, in genere rivolta ai gatti per scacciarli. (Il term   ‘pussa’ ha probabile origine dal fr. ‘pousser’ spingere, gettare, lanciare)
Puttàna, s.f. Puttana
Puttanàta, s.f. Corbelleria, ecc
Puttanìer(e), s.m. Puttaniere
Pùz(e), s.m. Polso. – Detto anche:   ‘Haramìegghj’ o  ‘Haramègghia’, s.f. –   od al pl.: ‘Garamègghj(i)’ o ‘Haramègghj(i)’
Pùzz(e), s.m. Pozzo. Con puteale   (parapetto di protezione), vedere “Card(i)nàl(e)” – (Il temine ‘Pùzz(e) salìt(e)’ indica un quartiere del   nostro paese, tradotto alla lettera ‘posso salso’ in quanto sorto presso una   sorgente di aqua salata
Pùzza, s.f. Puzzo, fetore
Puzzulènt(e), agg. e Puzzulènd(e), agg. Puzzolente
Q Q
Qu(e)stuànd(e), s.m. Questuante
Quà, avv. Qua, Qui.
Quà, avv. Qui, Qua.
Quàcche, agg. Qualche
Quaccheccòsa, pron. indef. Qualcosa
Quàccheùn(e), pron. indef. Qualcuno,   qualcheduno. (Da ‘quàcche’ qualche + ‘ùn'(e) uno)
Quadèrne(e), s.m. e quatèrn(e), s.m. arc Quaderno
Quadr(e), s.m. Quadro
Quadràt(e), s.m. Quadrato
Quàdrupl(e), agg. e s.m. Quadruplo
Quàgl(i), s.m. Caglio, quaglio,   sostanza acida ricavata dall’abomaso (parte dello stomaco) dei ruminanti che   serve per cagliare (far coaugulare il latte) nella produzione del formaggio.   – (Dal greco: “Galion” che , anticamente, dava il nome a una pianta usata   nella coagulazione del latte per ottenere il formaggio. e quindi dal lat.   ‘coagulum’ (coag’lùm) coaugulo, latte rappreso). 2. Oggetto, stoviglia,   attrezzo 3.Stomaco, sacca,  (Per   analogia all’obomaso, cavità dello stomaco dei ruminanti contenente il   caglio)
Quàgl(i), s.m. e Quàgliar(e), s.m. arc Oggetto, stoviglia,   attrezzo. Pìgliam(e) quìgghiu quàgl(i)! = Prendimi   quell’oggetto. 2. Caglio, sostanza acida ricavata   dall’abomaso (parte dello stomaco) dei ruminanti che serve per cagliare (far   coaugulare il latte) nella produzione del formaggio 3. Stomaco, sacca,  (Per analogia all’obomaso, cavità dello   stomaco dei ruminanti contenente il caglio)
Quàgl(i), s.m. e Quàgliar(e), s.m. arc Stomaco, sacca,  (Per analogia all’obomaso, cavità dello   stomaco dei ruminanti contenente il caglio). 2. Oggetto, stoviglia, attrezzo.   Pìgliam(e) quìgghiu quàgl(i)! = Prendimi quell’oggetto. 3. Caglio, sostanza acida ricavata dall’abomaso (parte dello   stomaco) dei ruminanti che serve per cagliare (far coaugulare il latte) nella   produzione del formaggio
Quaglià, àt(e) Buscarle, ricevere   percosse. Anche: “Abb'(e)sc(e)cà”. 2. Cagliare. Il coagulare del latte per l’azione del   caglio nella produzione dei formaggi. 3. Concordare, quadrare, coincidere,   combaciare.
Quaglià, àt(e) Cagliare. Il   coagulare del latte per l’azione del caglio nella produzione dei formaggi –   2. Buscarle, ricevere percosse. Anche: “Abb'(e)sc(e)cà”, 3. Concordare, quadrare, coincidere, combaciare.
Quaglià, àt(e) Concordare, quadrare,   coincidere, combaciare. – Qua (i)ngèia quàcche còsa chì   n’n quàglia! = Qui c’è qualcosa che non quadra!-  2. Cagliare. Il coagulare del latte per   l’azione del caglio nella produzione dei formaggi – 3. Buscarle, ricevere   percosse. Anche: “Abb'(e)sc(e)cà”
Quàgliar(e), s.m. arc o Quàgl(i), s.m. Oggetto, stoviglia,   attrezzo. Pìgliam(e) quìgghiu quàgl(i)! = Prendimi   quell’oggetto. 2. Caglio, sostanza acida ricavata   dall’abomaso (parte dello stomaco) dei ruminanti che serve per cagliare (far   coaugulare il latte) nella produzione del formaggio
Quàgliara, s.f. Quaglia
Quagliàta, s.f. Bastonatura, la presa   di percosse. Anche: “Abb(e)sc(e)cà”. 2. Cagliare. Il coagulare del latte per l’azione del   caglio nella produzione dei formaggi
Quagliàta, s.f. Cagliata. Il  latte coagulato per azione del caglio nella   produzione dei formaggi – 2. Bastonatura, la presa di percosse
Quàglj(i) <Scj r'(e), sciùt(e) r’ quàglj(i) Inacidire – R'(e) làtt(e) s'(e) n’èia sciùt(e) r'(e) quàglj(i) = Il latte   s’è inacidito
Quàl(e), agg. Quale – E’ia tàl(e) e quàl(e) = E’ tal quale;   – Là quàl(e) n'(e)n s'(e) la v(e)lìa chiù vènn(e)   – La qual cosa non la voleva più vendere
Quàla, agg. e pron. Tale cosa, quale   cosa, tale modo (in modo conforme), dunque – Quìgghj(i)   n'(e)n è tànd(e) r'(e) là quàla = Quello non è  tale, come ci si aspetterebbe in confronto   di altri (persone normali) – La quàla, n'(e)n b(e)lìa pròbbia capì raggiòn(e)   = sull’argomento, non volava proprio capir ragione
Quàn(e), s.m. arc. e Càn(e), s.m. Cane. Per chiamarlo a   se si dice “Qua!”; per   scacciarlo “Gnà!” oppure “Gnàzz(e)!” – Alla   fine dell’accoppiamento i canidi restano congiunti pe run bel pezzo, vedasi:   “(I)ncazz(e)gghià” e “Ann(e)cià”
Quàn(e), s.m. arc. e Càn(e), s.m. e Cane. Per chiamarlo a   se si dice “Qua!”; per scacciarlo “Gnà!” oppure   “Gnàzz(e)!” – Alla fine dell’accoppiamento i canidi restano   congiunti per un bel pezzo, vedasi: “(I)ncazz(e)gghià” e   “Ann(e)cià”
Quànd(e) o Quànt(e) Quanto
Quand(e), s.m. pron. e avv. Quanto. Femm.: “quanda” e “quanta”
Quandùngue, Quandunque, ogni   volta che
Quànn(e), avv. e cong. Quando
Quànt(e), Quanto
Quànt(e), agg. pron. avv. Quanto
Quantùngua, cong. Agg. e pron. e cong. Quantungue, benchè,   2. La qual cosa (cong.)
Quar(e)là, s.f. Querelare
Quar(e)s(e)màl(e), s.m. Biscotto duro   composto con farina, uova, zucchero e mandorle, tradizionale l’uso nel   periodo di quaresima
Quarànda, agg. num. card. Quaranta
Quarèla, s.f. e Quarèra, s.f. Querela
Quarèra>Fà à. Fàtt(e) à q. Querelare
Quarès(e)ma, s.f. Quaresima
Quàrt(e), agg. num. Quarto
Quàrt(e), agg. num. Quarto – femm.:   ‘Quarta’
Quàrt(e), agg. num. Quarto – femm.:   ‘Quarta’
Quàrt(e), agg. num. Quarto – femm.:   ‘Quarta’
Quàrt(e), s.m. Quarto di ‘Tùmm(e)l(e), tomolo, unità di misura   di superficie agraria. 2. Quarto di ‘Tùmm(e)l(e) tomolo, recipiente per   misurare granaglie ed altri prodotti agricoli, misura circa mc. 0,016
Quàrta, s.f. Quarta parte – Ràmm(e) nà quàrta r'(e) m'(e)rtatèlla = Dammi una quarta (parte di un chilogrammo) di   mortadella
Quartàr(e), s.m. Brocca, a bocca larga   avente la capacità di un quarto di barile (Grossa ‘M(e)sc(e)trègghia’
Quartìn(e), s.m. Quarto di litro 2.   Appartamento
Quartìn(e), s.m. Appartamento 2.   Quarto di litro
Quàrz(e), s.m. Quarzo
Quàs(e), avv. Quasi, per poco;   anche “Addèsa”,   termine arcaico
Quatrìglia, s.f. Quadriglia, danza
Quatrìn(e), s.m. Quattrino
Quàtt(e) sòld(e), s.m. Moneta del Regno   d’Italia, in nichel, da 20c con l’effigie del re e sul retro quella del volto   di donna, col simbolo del fascio littorio
Quàtt(e), agg. num. card. Quattro, numero   card.
Quàtt(e)_Quàtt(e), agg. Quatto Quatto
Quatt(e)bbàss(e), s.m. Organetto, con   quattro tasti bassi; una evoluzione di quello a due bassi detto ‘Rui_bbòtt(e)’
Quàtt(e)cìend(e) Quattrocento
Quattùodd(e)c(e) Quattordici
Quattuodd(e)cès(e)m(e), agg. num. Quattordicesimo
Quàzz(e), s.m. arc. e Càzz(e), s.m. Cazzo, pene. Modo di   dire: Fàtt(e) li quàzz(e) tùi! = Fatti i cazzi tuoi! (Si usa il termine ‘Quàzz(e)’ per una forma di rispetto verso   l’intrlocutore essendo meno rude del termine originale) – Del cane che alla   fine della copula resta congiunto con la cagna vedasi   “(i)Ngazz(e)gghiàt(e)”
Quègghj(i), agg. e pron. Quello. (agg che si   riferisce a cosa. A persone: ‘quìgghj(i)’) – Quìgghj(i) è   n’avvuquàt(e) = quello è un avvocato – Plurale:  masch.: ‘Quìgghj(i)’, femm.: ‘Quègghj(i)’ –   Uàrda quègghj(i) fèmm(e)n(e)! = Guarda quelle donne! – Quella = ‘Quègghia’
Questiòn(e), s.f. Questione
Questòr(e), s.m. Questore
Quèstua, s.f. Questua
Questùra, s.f. Questura
Questurìn(e), s.m. Questurino, agente di   Pubblica Sicurezza
Quièt(e), agg. e Cuièt(e), agg. Calmo, quieto,   immobile, tranquillo, fermo, zitto, buono. – Stàtt(e) quièt(e)! = Stai fermo!
Quìgghj(i), agg. e pron. e Quegghj(i), agg. e pron Quello. (Dal lat.   ‘eccu(m) ĭlle’, accus.: eccu(m) ĭllum. Trasformato poi in:  quìll(e) >  quìgghj(i).)
Quìgghj(i), pron. Quello. (pronome che   si riferisce a cosa; a persone) – Ràmm(e) quìgghj(i)   sòld(e) chì avànz(e)! = Dammi quei soldi che avanzo! – Femm.: Quella = ‘Quègghia’ – Pl.: di ‘quìgghj(i)’ = Plurale: ‘quìgghj(i)’  – Pl. femm. ‘Quègghj(i)’ – Uàrda quègghj(i)   fèmm(e)n(e)! = Guiarda quelle donne! –
Quìnd(e),  agg. num. Quinto
Quìndupl(e), agg. e s.m. e Quìntupl(e), agg. e s.m. Quintuplo
Quìnn(e)c(e), agg. num. Card. Quindici
Quinn(e)cès(e)m(e), agg. num. Quindicesimo
Quìss(e), agg. e pron. Codesto. – Femm.:   ‘Quèssa’.  2. Costui. (Dal lat.   ‘eccu(m) ĭste’, accus.: ‘eccu(m) ĭstum’ > ‘quìs’ taluno)
Quìss(e), agg. e pron. Costui. (Lat.: ‘quis’ taluno). 2. Codesto
Quiss’àut(e), agg. e pron. Codesto altro –   Femm.: ‘Quess’auta’
Quìst(e) agg. e Quìstu, agg. e stù, agg. Questo, sto (term.   pop.). –  Femm.: ‘quèsta’ e ‘stà’. –   Pìglia stà sèggia = Prendi questa sedia
Quìst(e), pron. Stò, (term. pop.   aferesi del lat.: ‘esto’ questo).   –  Femm.:  ‘stà’ e ‘quèsta’. – Pìglia stà sèggia =   Prendi questa sediaQuesto. –  Femm.:   ‘quèsta’
Quistu, agg. dim. e pron. e Stù, agg Questo. – Femm.:   ‘quèsta’ e ‘stà’ – Pl.: ‘Stì’ e f.: ‘St'(e)’ – (Dal lat. ‘eccu(m) ĭste’,   accus. eccu(m) ĭstum)
R'(e) e R'(e) lu  o Rù Di – del – dello –   Femm. ‘Rà’ e ‘ R'(e) là’ = della
R'(e) la Della
R'(e) li Dei – degli
R'(e) r'(e) Delle
R(e), art. det. pl. Le, articolo davanti   a consonanti;  R(e) scàrp(e) = Le   scarpe
R'(e), prep. Di; L’ùocch(i) r(e) Dij(o)    t(e) vèr(e) = L’occhio di Dio ti vede – R'(e) frònt(e) = Di fronte
R(e)bàtt(e), ùt(e) Ribattere, replicare
R(e)bb(e)lèzza, s.f. Debolezza
R(e)bb(e)liòn(e), s.m. Tempesta, pioggia,   grandinata, polverone. 2. Ribellione, disordine,  chiasso, baccano. – (Da ‘ribellione’ –   arc.: rebellione)
R(e)bb(e)liòn(e), s.m. Ribellione,   disordine, chiasso, baccano. – (Da ‘ribellione’ – arc.: rebellione). 2.   Tempesta, ppioggia, grandinata, olverone
R(e)bb(e)llàrs(e), àt(e) Ribellarsi
R(e)bbaltà, àt(e) e ribbaltà, àt(e) Ribaltare,   capovolgere
R'(e)bbèll(e), agg. Ribelle, insofferente
R(e)bbiùs(e), agg. Dubbioso
R'(e)c(e)mà, àt(e) Racimolare, raccolta   finale degli ultimi piccoli grappoli di uva [vedi: Raciùopp(e)l(i)] dalla vigna
R(e)c(e)nnòv(e), agg. num. card Diciannove
R(e)c(e)ròtt(e), agg. num. card. Diciotto
R(e)c(e)rottèsim(e), agg. num. Diciottesimo
R(e)c(e)ssètt(e), agg. card. num. Diciassette
R(e)c(e)ttà, àt(e) Uccidere, ammazzare,   dare il riposo eterno 2. Rassettare, ordinare
R(e)c(e)ttà, àt(e) e arr(e)c(e)ttà, àt(e) Castigare, punire   fisicamente, sistemare qualcuno per le feste, ammazzare.  2. Rassettare, ordinare, sistemarsi,   mettersi al riparo. (Dal lat. ‘recipere’ accogliere, ricoverare, con il   prefisso ‘ad’: ad-receptare cioè di dare a qualcuno o a qualcosa la propria   sistemazione, il proprio assetto).
R(e)c(e)vùta, s.f. Ricevuta – Anche   ‘R(e)cìv(e), s.m. arc.
R(e)càm(e), s.m. Ricamo
R(e)camà, àt(e) Ricamare
R(e)canètt(e), s.m. Fisarmonica,   organetto (da cui prende il nome). – L’Organetto con solo quattro tasti per   l’accomagnamento è detto “Quàtt(e) bbàss(e)”
R(e)càp(e)t(e), s.m. Recapito
R(e)cap(e)tà, àt(e) Recapitare, portare e   consegnare. 2. Accadere, succedere, ricapitare, accadere di nuovo
R(e)cap(e)tà, àt(e) Accadere, capitare,   succedere. – E’ia r(e)cap(e)tàt(e) cà m’èia mòrta là   hatta! = E’ successo che mi è morta la gatta! – 2.   Recapitare, portare e consegnare
R(e)capàc(e), agg. e Capàc(e), agg. Capacitato, persuaso,   convinto, deciso. – S’èia fàtt(e) r(e)capàc(e) = Si è convinto. 2. Possibile,   probabile – E’ r(e)capàc(e) cà n’n(e) vèn(e) chiù! = E’ possibile che non   viene più!
R(e)capac(e)tà, àt(e) Capacitarsi,   persuadersi, prendere atto, rassegnarsi (a), rendersi conto Farsi capace.   Persuadere; Anche: “Fa capàc(e)”
R(e)cètta, s.f.e L(e)zzètta, s.f. (arc.) Ricetta
R(e)cèv(e), ùt(e) Ricevere
R(e)chiamà, àt(e) Richiamare
R(e)chièpp(e)la, s.m. Grinza, ruga, piega,   ruga
R(e)ciannovèsim(e), agg. num. card  e R(e)c(e)nnovèsim(e), agg. num. Card Diciannovesimo
R(e)ciassettèsim(e), agg. card. Diciassettesimo
R(e)cìett(e), s.m. Ricetto sicuro,   sicurezza, quiete, pace, riposo, riposo eterno  – Ù poveràcc(e) n'(e)n tròva r(e)cìett(e) =   Il poveraccio non trova pace
R(e)cìna, s.f. Diecina
R(e)cìv(e), s.m. arc. Ricevuta quietanza,   scontrino, bolletta
R(e)clàm(e), s.m. Reclame
R(e)clamà, àt(e) Reclamare
R(e)còrr(e), r(e)cùors(e) Ricorrere
R(e)còtt(e), s.m. Decotto
R(e)còtta, s.f. Ricotta
R(e)còtta, s.f. e Cacchj(i)ma, s.f. Smegma, materiale di   secrezioni e di desquamazione depositata attorno agli organi genitali.
R(e)criàrs(e), àt(e) Ricrearsi,   divertirsi, svagarsi,  deliziarsi,   sollazzarsi. (Dal lat.’ Recreare’: ristorare, confortare, sollevare
R(e)crìj(e), s.m. Orgasmo. 2.   Divertimento, godimento
R'(e)crìj(e), s.m. Godimento,   divertimento.  2. Orgasmo
R(e)criùs(e), agg. Divertente
R(e)cuprà, àt(e) Recuperare. 2.   Rincasare, ritornare
R(e)cuprà, àt(e) Rincasare. – S’èia r(e)cupràt(e) à la càsa = E’ rincasato. 2. Recuperare
R(e)cupràrs(e), àt(e) Tumulare, seppellire,   recuperare. (Da: Re ‘re’ addietro e ‘cuperare’ da ‘cuprus’ che secondo il   Varrone significa ‘buono, valido, quindi il significato di rendere nuovamente   buono, di acquistare la condizione di quando non si era ancora nati,   ritornare alla madre terra)
R(e)curdà, àt(e) e Arr(e)curdà, àt(e) Ricordare
R(e)currènza, s.f. Ricorrenza
R(e)cuttàr(e), s.m. Ricottaio, produttore   e venditore di ricotta. 2. Magnàccio o magnàccia (pop) – (da magnare).   Sfruttatore di prostitute o persona che si fa mantenere da una donna –   (Termine nato nel napoletano quando i delinquenti, andavano sotto processo e  fu allora che per difendersi davani alla   legge avevano bisogno di esosi avvocati. Per questo i loro amici, che erano   fuori, iniziarono  ad effettuare  una questua costringendo, quasi,  i negozianti del rione del loro quartiere.   Tale azione era chiamata ‘raccoveta’ . Tale termine diventò poi ‘recotta’   (pure per non farsi capireda orecchie indiscrete) e quindi ‘recuttaro’.  Il fare ‘la ricotta’ significò fare soldi e   quindi il termine passò anche agli sfruttatori della prostituzione, al   lenocinio.
R(e)ddìca, s.f. Ortica
R(e)dùc(e), r(e)dòtt(e) Ridurre, ridursi
R(e)f(e)làt(e), agg. Difilato,   specialmente direttamente, senza soste o deviazioni. – Eia scjùt(e)   r(e)f(e)làt(e) àa  càsa = è andato   filato a casa.
R(e)f(e)nà, àt(e) e Arr(e)f(e)nà, àt(e) Raffinare,   purificare, sedimentare.  – Ghj(i)’ùoglj(i)    mìtt(e)r(e) à r(e)f(e)nà = L’olio mettilo a sedimentare (per poi purificarlo)
R(e)f(e)nzòr(e), s.m. arc. e Difenzòr(e), s.m. Difensore, paladino
R(e)f(e)ttùs(e), agg. Difettoso
R(e)fènn(e), ùt(e) Difendere
R(e)fètt(e), s.m. Difetto
R(e)ff(e)cultà, s.f. arc.    e Difficoltà., s.f. Difficoltà
R(e)ffiàn(e), s.m. Ruffiano,   diffamatore, denigratore, persona che và raccontando i fatti degli altri per   metterli in cattiva luce
R(e)ffìcil(e), agg. Arc. e Diffìcil(e), agg. Difficile
R(e)fì(e)sc(e), s.m. arc. e R(e)frìsc(e)ch(e, s.m. Refrigerio, sollievo,   conforto di un male fisico, e più spesso spirituale. 2. Rinfresco,   refrigerio. Il sollievo e ristoro che nasce dal provare, quando si è molto   accaldati
R(e)fiatà, àt(e) e Riatà, àt(e) Respirare,  fiatare,
R(e)fìescj(e), s.m. Refrigerio, sollievo,   conforto, piacere, distensione, rilassatezza – (Dall’it.:   ‘refrigerare’ nel senso figurato di confortare rinfrescando, cioè togliendo   via l’arsione, cioè dare refrigerio) – N’n m'(e) fài r(e)fìesc(e)! = Non mi   dai distensione!  –  Fàmm(e) r(e)fìsc(e)! = Confortami!
R(e)fònn(e), r(e)f(e)nnùt(e) e Aggiùng(e) aggiùnt(e) Rifondere,   rimborsare, risarcire. 2 Rabboccare, aggiungere
R(e)fòsa, s.f. Rabboccatura (non   comune), riempimento, colmatura, colmata, aggiunta di qualcosa che è stato   tolto. (Forma neutra sostantivata dal participio passato di ‘rifondere’ Lat.   ‘Refundere’.
R(e)fr(e)ddà, àt(e) Raffreddare
R(e)fr(e)sc(e)cà, àt(e) Rinfrescare
R(e)frìsc(e)ch(e, s.m. e R(e)fì(e)sc(e), s.m. arc. Rinfresco,   refrigerio. Il sollievo e ristoro che nasce dal provare, quando si è molto   accaldati. 2.  Refrigerio, sollievo,   conforto di un male fisico, e più spesso spirituale
R(e)gg(e)strà, àt(e) e Registrà, àt(e) Registrare,   allibrare, prender nota
R(e)ggiòla, s.f. Piastrella,   mattonella. – (Dallo sp.: ‘rajuela’ – Quando a Napoli il re di Aragona fece   aprire una fabbrica di ‘rajoletes pintades’ piastrella colorate, già nel   1450) – Anche:’Mat(e)nèlla’
R(e)ggìstr(e), s.m. e Registr(e), s.m. Registro, rubrica,   mastro
R(e)gn(e), Degno
R(e)gnà, àt(e) Regnare
R(e)gnòn(e), s.m. Rognone, rene degli   animali macellati
R(e)hulà, àt(e) Regolare, ordinare,   sistemare
R(e)lampà, àt(e) e R(e)lambà, àt(e) Balenare, lampeggiare   (Anche: ‘Lampià’)
R(e)lattà, àt(e) Agitare, sbattere –   Solo per l’espr. ‘Sbattere l’uovo’ = Relattà l’ùov(e)’
R(e)ll(e)ggiàr(e), s.m. Orologiaio
R(e)llògg(e), s.m. Orologio – (Dallo   sp.: ‘reloj’)
R(e)llòggia, s.f. Orologio da torre. In   particolare quello della torre esistente nell’omonimo quartiere del paese.
R(e)lòr(e), s.m. Dolore, fitta,   afflizione, pena
R(e)lòr(e), s.m. Dolore
R(e)lùc(e), r(e)luciùt(e) e Lùc(e), luciùt(e) o hà fàtt(e)   lùc(e)  e Albeggiare. – Stài (il tempo) lucènn(e) = Stà albeggando. 2. Lucere, diffondere luce, rilucere
R(e)lùc(e), ùt(e) Rilucere,   risplendere, brillare
R(e)lucènt(e), agg. e R(e)lucènd(e), agg. Rilucente,   risplendente, brillante
R(e)luvià, àt(e) Diluviare
R(e)lùvij(i), s.m. Diluvio
R(e)m(e)nà, àt(e) Dimenare, mescolare.   rivoltare, rigirare
R(e)m(e)nàrs(e), àt(e) Dimenarsi,  rivoltarsi, aggirarsi
R(e)m(e)rià, àt(e) Rimediare
R(e)m(e)rià, àt(e) Rimediare
R(e)mà, àt(e) Remare 2. Rumare,   ant., Ruminare 3. Domare
R(e)mà, àt(e) Domare 2. Rumare,   ant., Ruminare. 3. Remare
R(e)mà, àt(e) Ruminare 2. Remare.   3. Domare
R(e)mà, àt(e) Ruminare, rumare   (ant.)
R(e)manè, r(e)màst(e) e R(e)manì, r(e)màst(e) e R(e)stà, àt(e) Rimanere, restare,   stare
R(e)masùglia, s.f. e R(e)masùglj(i), s.m. Rimasuglio, avanzo,   tritume, cascame
R(e)mèn(e)ca, s.f. Domenica
R(e)mèrij(e), s.m. Rimedio
R(e)mètt(e), r(e)pùost(e) Rimettere, riporre,   riposizionare – R’èia r(e)pùost(e) à pòst(e)? = Le hai   rimesse a posto?
R(e)mìta, s.m. Eremita
R(e)mònij(e), s.m. Demonio
R(e)mòr(e), s.m. Rumore
R(e)mòrs(e), s.m. Rimorso
R(e)mpr(e)v(e)rà, àt(e) Rimproverare
R(e)n(e)mà, àt(e) e Nn(e)mm(e)nà, àt(e) Rinomare, menzionare
R(e)nà, àt(e) arc. e Donà, àt(e) Donare
R(e)nàl(e), s.m. e Càndar(e), s.m. (arcaici) Orinale, vaso da   notte. Anche: “P(i)sciatùr(e)”
R(e)nàr(e), pl.m. Denaro, soldi – A’   quìgghj(i) n'(e)n ù màngan(e) lì r(e)rnàr(e)! = a quello non mancano i soldi!
R(e)nàrùs(e), agg Danaroso, denaroso
R(e)natìv(e), s.m. Patrimonio acquisito   da donazione
R(e)ncarà, àt(e) Rincarare
R(e)ncrèsc(e), ùt(e) e R(e)ngrèsc(e), ùt(e) Rincrescere
R(e)nd(e)nègghia, s.f. Rondine
R(e)nd(e)nègghia, s.f. Rondinella, dim. di   rondine. 2. Balestruccio, piccola rondine (Chelidon urbica), con i tarsi e le   dita fittamente ricoperte di piume, coda forcuta, di colore blu metallico,   con il groppone bianco. (der. di balestra, per la sua somiglianza, ad ali   aperte, con una balestra)
R(e)nd(e)nòn(e), s.m. Rondone, quasi   rondinone, accr. di rondine
R(e)ndàma, s.f. e R(e)ntàma, s.f. e R(e)ndatùra, s.f. Dentatura, la   morfologia e la disposizione dei denti nella cavità boccale, in partic. dei   mammiferi
R(e)ndatùra, s.f. e R(e)ndàma, s.f. e R(e)ntàma, s.f. Dentatura, la   morfologia e la disposizione dei denti nella cavità boccale, in partic. dei   mammiferi
R(e)ndènn(e), ùt(e) Intendersene, esser   competente
R(e)ndìera, s.f. Dentiera
R(e)nfà, àt(e) Ronfare, russare   forte
R(e)nfà, àt(e) Ronfare, russare
R(e)nfùsa, avv Rinfusa, come avv. A’ la r(e)nfùsa = Alla rinfusa
R(e)ng(e)gliòn(e), agg. Adunco, uncinato
R(e)ng(e)nègghia, s.f. Ronchetta, piccola   roncola con manico corto. –  Con manico   più lungo: vedere: “Rònga”
R(e)ngìghlj(i), s.m. Ronciglio, coltello   adunco, con lama ricurva (Dal lat. ‘runciculum’ >  poi: ‘runcilium’ da ‘runcare, svellere,   estirpare diminutivo di ‘rònca’))
R(e)ngìglj(i), s.m. Ronciglio, ferro   piegato a uncino, raffio, rampino
R(e)ngrazià, àt(e) Ringraziare
R(e)ngrèsc(e), ùt(e) o R(e)ncrèsc(e), ùt(e) Rincrescere
R(e)nn(e)tùra, s.f. Resa,Latte<Flusso   del. Flusso del latte dopo il parto, che risulta essere più nutriente.
R(e)nz(e)lènt(e), agg. e R(e)nz(e)lènd(e), agg. e F(e)tùs(e),   agg. Iroso, ronzone,   iracondo, minaccioso, rabbioso, irascibile. – (Dall’ant. It. ‘ronzone’ una   specie di tafano (tavàn(e) la cui femmina ronzandogli intorno molesta   aggredendo animali e persone)
R(e)p(e)glià, àt(e) Ripigliare,   riprendere
R(e)p(e)nzà, àt(e) Ripensare
R(e)p(e)sàrs(e), àt(e) Riposare, anche ‘R(e)v(e)ntà’
R(e)p(e)tà, àt(e) Repetìo, Ril   ricordare e rimpiangere una persona scomparsa, deceduta, compiangere,   ripetere il tempo passato, (Lat.: ‘repeto, is.’  richiamare alla memoria, ricordare)
R(e)p(e)taziòn(e), s.f. Reputazione
R(e)p(e)zzà, àt(e) Rappezzare,   rammendare, rattoppare
R(e)pàr(e), s.m. e Ripàr(e), s.m. Protezione, riparo,   copertura
R(e)pàr(e), s.m. e Ripàr(e), s.m. Riparo, protezione,   copertura
R(e)parà, àt(e) Riparare
R(e)pàss(e), s.m. Ripasso
R(e)passà, àt(e) Ripassare
R(e)pèt(e), r(e)p(e)tùt(e) Ripetere
R(e)pianà, àt(e) e Appianà, àt(e) Ripianare, livellare,   rendere piana una superficie. 2 ( econ.) coprire, pareggiare
R(e)pìezz(e), s.m. Rappezzo, rattoppo,   rammendo
R(e)pòs(e), s.m. Riposo
R(e)pr(e)cà, àt(e) Seppellire, tumulare   (Forse dal lat.: ‘plico, as’ piegare, ripiegare, avvolgere = ritirarsi nel   ‘tumulo’)
R(e)rr(e)pà, àt(e) Precipitare, gettare
R(e)rr(e)pà, àt(e) Dirupare,   precipitare, tracollare, crollare, strapiombare, uscire di strada con   l’automobile  (Lat. Parlato:   ‘corrupare’)
R'(e)rr(e)pà, àt(e) Dirupare, arc.,   precipitare, scaraventare, rovinare
R'(e)rr(e)pà, àt(e) Precipitare, uscire   di strada, scaraventare, rovinare,    dirupare, arc.
R'(e)rr(e)pàta, s.f. Dirupamento
R'(e)rr(e)pàtòrij(e), s.f. Dirupo, precipizio,   scoscendimento, burrone
R(e)rr(e)patòrij(e), s.m. Burrone, dirupo,   precipizio, scoscendimento
R(e)rr(e)patùr(e), s.m. e R(e)rr(e)patòrij(e), s.m. Dirupo, discarica
R(e)rr(e)patùr(e), s.m. e R(e)rr(e)patòrij(e), s.m. Discarica, dirupo
R(e)rrèt(e), avv. e Nn'(e)rèt(e), avv. Dietro, indietro,   parte posteriore. – (Dal’ant. ‘indrèto”indrièto’, dal lat.’ in de rĕtro’)
R(e)rrìtt(e), agg. Diritto, rettilineo,   ritto
R(e)s(e)cà, àt(e) Rodere, rosicare,   rosicchiare. 2. Resecare, risecare, eliminare il superfluo
R(e)s(e)cà, àt(e) Resecare, risecare,   eliminare il superfluo. 2. Rosicchiare, rosicare, rodere
R(e)s(e)cà, àt(e) arc. e R(e)schià, àt(e) e Arr(e)schià, àt(e) Rischiare
R(e)s(e)càt(e), agg. Risicato, minimo,   ridotto
R(e)s(e)chènd(e), agg. Croccante, duro da   masticare
R(e)s(e)gnà, àt(e) Proporre, progettare,   destinare – A’v(e) r(e)s(e)gnàt(e) r'(e) rà à càsa à la   fìglia = Ha progettato di dare la casa alla figlia
R(e)s(e)hùst, s.m. Disgusto
R(e)s(e)là, àt(e) e e r(e)s(e)lià, àt(e) e arr(e)s(e)là,   àt(e) Rosolare, arrostire
R(e)s(e)lùt(e), agg. e R(e)s(e)lvùt(e), agg. Deciso, risoluto,   sicuro
R(e)s(e)lvùt(e), agg. e R(e)s(e)lùt(e), agg. Risoluto, sicuro,   deciso
R(e)s(e)nd(e)mènd(e), s.m. Risentimento, rancore
R(e)s(e)ndìrs(e), r(e)s(e)ndùt(e) Risentirsi, essere   soggetto alle conseguenze di qualcosa, offendersi,
R(e)s(e)r(e)rà, àt(e) Desiderare
R(e)s(e)r(e)rà, àt(e) Desiderare.   Desideroso: R(e)s(e)r(e)rùs(o)   o anche: Ul(e)sciùs(e) =   goloso
R(e)s(e)r(e)rùs(e), s.m. Desideroso
R(e)s(e)rà, àt(e), arc. e Desiderà, àt(e) e Residerà, àt(e) Desiderare, volere,   agognare
R(e)s(e)rèrij(e), s.m. arc. e Desidèrij(e), s.m. Desiderio
R'(e)s(e)sc(e)tà, àt e Abb(e)vì, ùt(e) e Abb(e)vìsc(e), ùt(e) Risuscitare,   resuscitare, ridestarsi, rinascere. – (Dal tardo lat.: ‘resuscitare’ risvegliare)
R(e)sàrij(e), s.m. Rosario
R(e)sàta, s.f. Risata
R(e)sc(e)chènd, agg. Raschia>Che. Che   raschia, rasposo, fortemente ruvido
R(e)sc(e)culià, àt(e) Aggirarsi nei pressi   di qualcuno o di qualcosa, dissimulando indifferenza, pur essendo   interessati.
R(e)sc(e)tàl(e), s.m. Ditale
R'(e)sc(e)tàl(e), s.m. Ditale
R(e)sc(e)tìegghj(i), s.m. Mignolo, sia della   mano che del piede
R(e)sc(e)tòn(e), s.m. Ditone, grosso dito   per indicare tanto il pollice che l’alluce (Da specificare) – M'(e) fàc(e) màl(e) lù R'(i)sc(i)tòn(e) r'(e) lù pèr(e) = Mi   duole l’alluce
R(e)sc(e)tòn(e), s.m. Pollice, ditone – Da   specificare se della mano o del piede
R(e)sc(e)tòn(e), s.m. Alluce, ditone – Da   specificare se della mano o del piede
R(e)schià, àt(e) e Arr(e)schià, àt(e) e R(e)s(e)cà, àt(e) arc. Rischiare
R(e)scìbb(e)l(e), s.m. Allievo, discepolo,   seguace
R(e)scìbb(e)l(e), s.m. Discepolo, allievo,   seguace – lat. ‘ discipulus’
R(e)scjùn(e), agg. Digiuno
R(e)sèca, s.f. Risega
R(e)sènt(e), ùt(e) e R(e)sènd(e), ùt(e) Risentire
R(e)sgràzia, s.f. Disgrazia
R(e)sgraziàt(e), s.m. Sgraziato, Storpio
R(e)sìgn(e), s.m. Disegno, progetto,   idea – Ù r(e)sìgn(e) mìj(e) èia r'(e) m'(e) n'(e) scj rà stù paiès(e) = Il   mio progetto è di andarmene da questo paese
R(e)sìgn(e), s.m. Proponimento,   progetto
R(e)sòlij(i), s.m. Rosolio, liquore a   bassa gradazione alcolica, dolce ed aromatizzato
R(e)sòlv(e), r(e)s(e)lvùt(e) o r(e)sùov(e)t(e) Risolvere, trovare la   soluzione, decidere
R(e)sp(e)rà, àt(e) Respirare
R(e)sp(e)ràre, àt(e) Disperare
R(e)sp(e)ràt(e), agg. Disperato
R(e)sp(e)raziòn(e), s.f. Respirazione 2.   Disperazione
R(e)sp(e)raziòn(e), s.f. Disperazione. 2.   Respirazione
R(e)sp(e)ttùs(e), agg. Rispettoso
R(e)spètt(e), s.m. Rispetto
R(e)spiacè, r(e)spiaciùt(e) Dispiacere
R(e)spiacèr(e). s.m. Dispiacere
R(e)spìett(e), s.m. Dispetto
R(e)spònn(e), r(e)spùost(e) Rispondere
R(e)ssà, àt(e) Russare
R(e)ssà, àt(e) e Russà, àt(e) Russare, ronfare
R(e)ssìa, s.f. Liscivia. (Dal lat.   ‘lixivia’ – Sp.: ‘lexia’ ) –  Una volta   i meno abbienti la producevano in casa usando la cenere, per lavare i panni.   Questa si produce con cenere ed acqua bollente, si tiene ancora per due o tre   giorni, mescolando saltuariamente, ed alla fine viene filtrata attraverso un   panno per togliere i residui di cenere.
R(e)ssòr(e), s.m. Rossore
R(e)st(e)cà, àt(e) e R(e)st(e)chià, àt(e) Giraronzolare,   ispezionare, rondare, aggirarsi, tenere sotto controllo
R(e)st(e)chià, àt(e) e R(e)st(e)cà, àt(e) Rondare,   giraronzolare, ispezionare, aggirarsi, tenere sotto controllo
R(e)st(e)nà, àt(e) Destinare
R(e)st(e)nà, àt(e) Destinare
R(e)stà, àt(e) Restare
R(e)stà, àt(e) e R(e)manì, r(e)màst(e) e R(e)manè,   r(e)màst(e) Restare, rimanere,   stare
R(e)stèrza, s.m. Ier l’altro. (Da:   Lat. ‘ dies tertius’ L’altro   ieri) – Ieri = “Aìer(e)”
R'(e)stèrza, s.m. Tre giorni fa:   Vedere: “Aìer(e)”
R(e)stìn(e), s.m. Destino
R(e)str(e)bbuì, ìt(e) e R(e)stribbuì, ìt(e) Distribuire
R(e)stùcc(e), s.m. Stoppia. Plurale:   ‘R(e)stòcc(e)’, pl. f. – (Voce di area merid. Dal lat. “RESTARE”   restare- (Rohlfs 583 ristuccia “stoppia, campo di stoppie; ristùccia,   restùccia stoppia, paglia che rimane sul campo mietuto”, cf. GDLI XV 915
R(e)t(e)là, àt(e) e R(e)t(e)lià, àt(e) Mestare, rimestare,   agitare una massa semiliquida. 2. Gironzolare, andare in giro. – Anche: ‘Rezz(e)lià’.  3. Rivoltare con un rastrello con parte   trasversale chiusa (Rùot(e)l(e) ), le granaglie sparse su di una coperta per   farle asciugare al sole 4. Rotolare, girare, ruzzolare, tombolare
R(e)t(e)là, àt(e) e R(e)t(e)lià, àt(e) Gironzolare, andare   in giro, roteare, girare. – Chì, quègghia? Scìa sùl(e)   r(e)t(e)liànn(e) chiòpp(e)! = Chi, quella? Andava solo gironzolando,   (trascinando) scarpacce! – Anche: ‘Rezz(e)lià’. 2.   Rivoltare con un rastrello con parte trasversale chiusa (Rùot(e)l(e) ), le   granaglie sparse su di una coperta per farle asciugare al sole 3. Mestare,   rimestare, agitare una massa semiliquida.
R(e)t(e)latùr(e), s.m. e R(e)t(e)liatùr(e), s.m. Bastone in legno con   la punta arrotondata a forma di clava (paròccula) che serve per girare la polenta nel paiolo. 2. Mulinello,   gorgo, vortice di un liquido.
R(e)t(e)lià, àt(e)  e   R(e)zz(e)là, àt(e) Rotolare, rotoliare   (arc.), aggirarsi, gironzolare, dimenarsi, rivoltarsi.   2. , ruzzolare
R(e)t(e)lià, àt(e) e R(e)t(e)lià, àt(e) Rivoltare, con un   rastrello con parte trasversale chiusa (Rùot(e)l(e) ), le granaglie sparse su   di una coperta per farle asciugare al sole. 2 Gironzolare. – Anche:   ‘Rezz(e)lià’. 3. Mestare, rimestare, agitare una massa semiliquida 4.   Rotolare
R(e)t(e)lià, àt(e) e R(e)t(e)lià, àt(e) Rotolare. 2.   Gironzolare. – Anche: ‘Rezz(e)lià’. 3. Rivoltare con un rastrello con parte   trasversale chiusa (Rùot(e)l(e) ), le granaglie sparse su di una coperta per   farle asciugare al sole 4. Mestare, rimestare, agitare una massa semiliquida
R(e)t(e)liatùr(e), s.m. Mulinello, gorgo,   vortice di un liquido. 2. Bastone in legno con la punta arrotondata a forma   di clava (paròccula) che serve per girare la polenta nel paiolo
R(e)t(e)rà, àt(e) Rincasare, ritornare   2. Ritirare, ritrarre, riscuotere
R(e)t(e)rà, àt(e) Ritirare, ritrarre,   riscuotere.  2. Rientrare, rincasare
R(e)t(e)rà, àt(e) Rientrare, rincasare.   2. Ritirare, ritrarre, riscuotere
R(e)t(e)ràta, s.f. Ritirata, ritorno
R(e)t(e)rnà, àt(e) Rimaneggiare,   propriamente il rimaneggiare delle tegole di un tetto. – (Dall’etimo di   tornare ‘t(e)rnà’ , si ha il nostro: ‘r(e)t(e)rnà = menare intorno, girare   per il tetto per sostituire le tegole rotte )
R(e)tà, àt(e) Ruotare
R(e)tamìent(e) r'(e) càp(e), s.m. e Agg(e)ramìent(e) r'(e)   càp(e) Capogiro
R(e)tègghia, s.f. Raganella. Strumento   in legno per far rumore (Durante il Venerdì Santo) 2. Rotella
R(e)tègghia, s.f. Rotella. 2. Raganella
R(e)tèrza, s. m. e A’tu iùorn(e), s.m. Altrièri (o   altr’ièri) – (Dal lat.: ‘et nudius tertius’: pronuncia: ‘nudius terzius’.   Formato da ‘nudius’ = il giorno prima, e ‘tertius’ terzo)
R(e)tìegghj(i), s.m. Ruotino, oggetto a   forma circolalre. 2. Rocchetto di filo per cucito
R(e)tìegghj(i), s.m. Rocchetto di filo per   cucito, in legno 2. Ruotino, oggetto a forma circolare
R(e)tràtt(e), s.m. Ritratto, fotografia
R(e)trattà, àt(e) Ritrattare, trattare   nuovamente, disdire
R(e)ttèt(e)ca, s.f. Irrequietezza,   vivacità, smania – dal greco/latino ‘Arthriticus’ artrite, gotta. (a sua volta dal Gr.: ‘arthron’ >   ‘arthritis’ articolo, giuntura, causa dei dolori che inducono a cambiare   continuamente posizione) – Tèn(e) à r(e)ttèt(e)ca, nn'(e) stài mài fèrm!= Ha   una smania, non stà mai fermo!
R(e)ttèt(e)ca, s.f. Vivacità,   irrequietezza, smania
R(e)ttrìna, s.f. arc. e Dottrìna, s.f. Catechismo, dottrina   cristiana. 2. Sapienza, dottrina
R(e)uìna, s.f. e RÙuìna, s.f. Rovina, disatro,   danneggiamento
R(e)v(e)glià, àt(e) Risvegliare,   svegliare
R(e)v(e)gliàt(e), agg. Svegliato,   risvegliato
R(e)v(e)ndà, àt(e) e R(e)v(e)ntà, àt(e) Riposare: Vedere   anche: ‘R(e)p(e)sàrs(e)’.  – (Dal lat:   ‘adventare’: (a supino) deventum = arrivare a (mettersi) supino (per   riposare).). 2. Diventare, divenire, farsi diverso. (Sp. ‘Reventar’)
R(e)v(e)ntà , àt(e) e R(e)v(e)ndà, àt(e) Diventare, divenire,   farsi diverso. (Sp. ‘Reventar’). 2. Riposare.    – (Dal lat: ‘adventare’: (a supino) deventum = arrivare a (mettersi)   supino (per riposare).).
R(e)v(e)rè, ùt(e) Rivedere
R(e)v(e)rì, ùt(e) Riverire
R(e)v'(e)rt(e)mènt(e), s.m. e R(e)v'(e)rt(e)mènd(e), s.m. Divertimento
R(e)v(e)rtìrs(e) Divertirsi
R(e)v(e)tà, àt(e) Rivoltare, rigirare
R(e)v(e)tà, àt(e) Rivoltare
R(e)v(e)tàl(e), s.m. Roveto. Cespuglio o   insieme di cespugli di rovi; luogo dove crescono molti rovi. –  (lat. ‘rubētum’, der. di ‘rubus’ rovo).   –
R(e)v(e)ziòn(e), s.f. Devozione
R(e)vampà, àt(e) e R(e)vambà, àt(e) e Divampare,   infiammarsi, accendere subitamente
R(e)vàn(e), s.m. e Divàn(e), s.m. Divano, sofà
R(e)vazz(e)cà, àt(e) e Arr(e)vazz(e)cà, àt(e) Scuotere con piccoli   movimenti, per assestare, sistemare delle robe contenute in un recipiente. Sì vò mètt(e) chiù rròbba (i)ndà lù sàcch(e), l’àia   r(e)vazz(e)cà! = Se vuoi mettere più roba nel sacco, lo devi smuovere!
R(e)vàzz(e)càrs(e), àt(e) Attivarsi, muoversi   mettersi in moto 2. Muoversi con piccoli movimenti, sistemarsi, posizionarsi,   cercare una postura comoda, da seduti o a letto.
R(e)vàzz(e)càrs(e), àt(e) Muoversi con piccoli   movimenti, sistemarsi, posizionarsi, cercare una postura comoda, da seduti o   a letto. 2. Attivarsi, muoversi mettersi in moto.
R(e)vèla, s.f. Denuncia di   successione patrimoniale, palesamento, rivelamento pubblico del patrimonio   del defunto – (Lat. ‘revelo’ rivelare, svelare, manifestare, denunciare,   regolare, sistemare)
R(e)vèrt(e), ùt(e) Divertire
R(e)vìell(e), s.m. Livella
R(e)vìnn(e)la, s.f. Bulbo globoso formato   da bulbilli compressi avvolti da una membrana cartilaginea. Termine riferito   in genere al bulbo dell’aglio, od anche a quelli di altre Liliacee o   Gigliacee
R(e)vìsta, s.f. Rivista (nell’uso   milit.), rassegna, perquisizione
R(e)vìt(e), s.m. Rovo, suffrutice   delle rosacee ‘Rubus fruticosus’   che produce la mora ‘amòr(e)’  come frutto
R(e)vògghj(i), r(e)v(e)gghiùt(e) Ribollire, bollire di   nuovo – (Da ‘Vògghj(i)’ bollire). 2. Fermentare, guastarsi a causa della   fermentazione, detto di liquidi e in particolare del vino.
R(e)vògghj(i), r(e)v(e)gghiùt(e) Fermentare,   ribollire. (Dal ribollir de’ tini Va l’aspro odor de i   vini L’anime a rallegrar (Carducci) (guastarsi a causa della fermentazione,   detto di liquidi e in particolare del vino).  2. Ribollire, bollire di nuovo
R(e)vògghj(i), ùt(e) Fermentare, termine   riferito in genere a quella del mosto.
R(e)vòrzià, àt(e) Divorziare
R(e)vòrzij(e), s.m. Divorzio
R(e)vòt(e), s.m. Devoto
R(e)zz(e)là, àt(e) e R(e)t(e)lià, àt(e) Ruzzolare, rotolare,   rotoliare (arc.). – (Dall’it.: ruzzolare, dal lat. ‘rotiolare’ ruotare). 2.   Aggirarsi, gironzolare, dimenarsi,    rivoltarsi, rotolare
R(e)zz(e)liàrs(e), àt(e) e R(e)zz(e)làrs(e), àt(e) Aggirarsi,   gironzolare, dimenarsi, rivoltarsi. – (Dall’it.: ruzzolare, dal lat.   ‘rotiolare’ ruotare)
R(e)zz(e)lìegghj(i), s.m. Brocchetta, o vasetto   di terracotta per tenere l’acqua in tavola, foderati a volte con una   protezione in vimini – (Da ‘rèzza’ rete e il diminutivo ‘lìegghj(i)’ ‘lino’,   per indicare una brocchetta ‘retata’)
R(e)zzà, àt(e) Rizzare – Ù so   r(e)zzàt(e) ì capìggh(i) (i)n’gàp(e) – Gli si sono rizzati i capelli in testa
R(e)zzìna, s.f. Dozzina
Rà apprìess(e), ràt a. e (i)Nzeguì, ìt(e) Appressarsi,   rincorrere, inseguire, correr dietro, appressarsi
Rà àr(e)màn(e), ràt(e) a. (verbo) Afferrare con   protezza e decisione, dar di piglio,
Rà àr(e)màn(e), ràt(e) a. (verbo) Piglio>Dar di. Dar   di piglio, Afferrare (‘Aff(e)rrà’) con protezza e decisione. – (Composto da ‘rà’ dare + ‘à_r(e)’   alle + ‘màn(e) mani > alla lettera:    “dare alle mani”)
Rà attùorn(e), ràt(e) attùorn(e) Attorniare, stare   intorno a qualcuno per indurlo a fare qualcosa
Rà l’… Dall’…
Rà là… Dalla…
Rà lènda, ràt(e) l. Liberare, svincolare,   aprire, far fuoriuscire – (Alla lettera: ‘dare l’allentamento’ allentare ciò   che prima conteneva qualcosa) – Rà lènda r'(e)   gagghin(e), rà (i)ndà lù casìegghj(i)! = Libera le galline, dal pollaio!
Rà lì… Dai… – dagli…
Rà lù… Dal… – dallo…
Rà nù vùgghj)i), ràt(e) nù v. Sbollentare, far   bollire per breve tempo. (Da: ‘vùgghj(i)’ bollore, si ha: ‘dare un bollore’)
Rà r’ Dalle
Rà, àt(e) e Dà, àt(e) Picchiare,   percuotere, malmenare. 2. Dare, consegnare, donare. – I’j(i) t’àggia rà   c(e)nguànda èur(e) = Io ti devo (dare) cinquanta euro
Rà, prep. Da
Rà, ràt(e) Dare
Rà, ràt(e) Bastonare, dare botte
Ràbbia, s.f. Rabbia
Rabbiùs(e), agg. Rabbioso
Ràc(e)ma, s.f. arc. Racimolo, racemo,   grappolo  (prov.: ‘racina’, Lat.: ‘racemus’)
Rac(e)pp(e)lià, àt(e) Racimolare i grappoli   sfuggiti nella prima raccolta di uva effettuando una seconda passata nella   vigna
Ràcca, s.f. Morchia, sedimento   generico, tartaro, gromma
Raccàp(e), loc. avv. Daccapo, di nuovo
Raccap(e)zzàrs(e), àt(e) Raccapezzarsi
RàcchJ(e), agg. Racchio. Brutto,   sgraziato, detto di persona, soprattutto di donna (ràcchia’). – (Per metafora   scherz. da racchio, col significato di: Raspollo, grappolino d’uva stentato e   formato da pochi e radi acini, che resta sulla vite dopo la vendemmia)
Ràcchj(i), agg. Racchio, non   attraente, brutto – (Femm.: ‘Ràcchia’) – (Dal lat. ‘ràclum’grappoletto d’uva con chicchi radi e   venuti a poca maturità)
Raccòglj(i), raccugliùt(e) o raccùov(e)t(e) Raccogliere,   raccattare, mettere insieme
Raccònghj(i), raccunghiùt(e) Raggiungere,   riprendere qualcuno o qualcosa
Raccumannà, àt(e) Raccomandare,   affidare, dare in custodia
Raccumannaziòn(e), s.f. Raccomandazione
Raccùov(e)t(e), s.m. e agg. Raccolto
Raciùopp(e)l(e), s.m. Racemo, grappolo   piccolo, parte di un  grappolo intero
Raciùopp(e)l(e), s.m. Racimolo, ciascun   rametto del grappolo della vite
Radènt(e), agg. e Rasènt(e), avv. e Rasènd(e) Radente, rasente
Radiatòr(e), s.m. Radiatore
Radiattìv(e), agg. Radiattivo
Radìc(e), s.f. e Ràrr(e)ca, s.f. Radica, radice,   barba, ceppo – Pl. Di ‘ràrr(e)ca’: ‘ràrr(e)ch(e)’
Radij(e), s.f. Radio, apparecchio   radiofonico
Radij(e), s.m. Radio, elemento   chimico radioattivo
Ràdon, s.m. Radon, Rado
Raff(e)hurà, àt(e) e Aff(e)hurà, àt(e) arc. Raffigurare,   riconoscere dalla figura
Raffr(e)ddòr(e), s.m. Raffreddore – In   termini più volgari: ‘Ciamùorrij(e)’ = Cimurro
Raffr(e)ddòr(e), s.m. Raffredore
Ràfia, s.f. Ràfia , materiale nastriforme ricavato dall’epidermide   superficiale, a forti cordoni fibrosi, delle foglie di alcune specie di   Raphia, che per la sua resistenza e tenacia è usato per lavori di intreccio   (cesti, impagliature, e sim.) e, in agricoltura, per legare piante, innesti,   ecc.  – (Lat. scient. Raphia (nome di   genere) che è da una voce malgascia)
Ràgg(e), s.m. Raggio
Ragg(e)là, àt(e) e Sc(e)là, àt(e) Raggelare,   agghiacciare, congelarsi, gelare
Raggiòn(e), s.f. Ragione
Raggionìer(e), s.m.
Raggiùng(e), ùnd(e) Raggiungere,   acchiappare, arrivare.  – Anche: ‘arr(e)và’
Raggiùng(e), ùnt(e) Raggiungere,   riprendere qualcuno o qualcosa
Ragiòn(e), s.f. e Raggiòn(e), s.f. Ragione
Raglià, àt(e) Ragliare
Ràglj(i), s.m. Raglio, la voce   dell’asino
Ràgn(e), s.m. Ragno
Ragnatèla Ragnatela
Ràhat(e), s.m. Sputo catarroso,   espettorato, scaracchio. – ( Dal gr.: ‘rhathagos’ respirazione stridula del   moribondo, simile a quello all’uscita del respiro durante l’espettorazione. –   Da: Etimolgycum Siculum di Joseph Vinci – Messanae -1759 – Ex Regia   Typographia Francisci Gaipa. – alla voce: ‘ragatu’)
Rahatijà, àt(e) Scaracchiare,   escreare, sporgare, sputare espettorato catarroso con veemenza. – (Dall’ant.   Fr.: ‘Racher’ a sua volta dall’ant. ted: ‘hrak’ sputo)
Ràm(e), s.m. e Ràma. s.f. arc. Ramo di una pianta,   di media grandezza. Quando recisa, diviene legna da ardere, chiamasi:”   Frascègghia”. –  Più piccola:   “Fràsca”
Ràma, s.f. Rame. – Ù   tianìegghi(i) r'(e) ràma cù lù tìemb(e) r'(e)vènda  r'(e) verd(e)ràma! = Il tegame in rame col   tempo si copre di verderame.  2.  –    Ramo di una pianta
Ramàglia, s.f. Ramaglia – lat, ‘ramalia’
Ramàr(e), s.m. e Ramarìegghj(i), s.m. Ramaio, calderaio.   Artigiano che lavora e vende oggetti di rame. E’ anche uno ‘Stagnàr(e)’
Ramèra, s.f. Lamiera
Ramm(e)ggiàna, s.f. Damigiana.   Diminuitivo: “Ramm(e)ggianègghia”
Rammar(e)càrs(e), àt(e) arc. Rammaricarsi,   dolersi. Anche: “Ammàr(e)càrs(e)”, arc.
Rammollìt(e), agg. Rammollito agg. (part. pass. di rammollire). – Divenuto molle, in   senso proprio e fig.: cervello r.; un vecchio r.
Ramònn(e)la, s.f. Ramoscello,  piccolo; se è secco  vedi “Spùorch(e)”
Ramp(e)n(e)scjà, àt(e) e Ramb(e)n(e)scjà, àt(e) Rastrellare,   raccogliere, radunare (Usare ‘ù rampìn(e)’ il rastrello)
Rampicànd(e), agg. e Rambicànd(e), agg. Rampicante
Rampìn(e), s.m. e Rambìn(e), s.m. e Rastrìegghj(i), s.m. Rastrello
Ràna, s.f. Rana
Rànc(e), agg. e Rànc(e)t(e), agg. Rancido. Ù bbròr(e)   sàp(e) r'(e) rànc(e) = Il brodo sa di rancidido – Vedere anche:   “Arànc(e)t(e)”
Rànc(e), s.m. Rancio, ognuno dei   principali pasti dei soldati
Rancàscia, s.f. e Hrangàscia, s.f. Grancassa, tamburo,   strumento dell’orchestra
Rancòr(e), s.m. e Rangòr(e), s.m. Rancore, risentimento
Ràng(e, s.m. Rancio
Rangàl(e), s.m. Molare, dente molare,   dente masticatore dei mammiferi. ( Dal gotico ‘Wango’ guancia) – Anche: ‘Mòla’, s.m. arc.
Ràngh(e), s.m. Crampo, contrazione   muscolare, spasmo, granchio – (Dal verbo: ‘aggranghià’   ingranchire,rattrappire,) senza il pref. deverb.: ‘agg’)
Rànn(e), s.m. Danno, perdita
Rànn(e), s.m. e (i)Ndrèss(e), s.m. Perdita, danno,   danneggiamento
Rànn(e), s.m. o (i)Ndrèss(e), s.m. Danno, perdita,   danneggiamento
Rànn(e), s.m. o (i)Ndrèss(e), s.m. Perdita, danno,   danneggiamento
Rannà, àt(e) Dannare
Rannàt(e), s.m. Dannato
Rannaziòn(e), s.f. Dannazione
Ranneggià, àt(e) Danneggiare
Rapà, àt(e) Rapare, tosare,   radere il capo, pelare il capo
Rapà, àt(e) Rapare, rasare
Rapà, àt(e) Rapare
Rarr(e)cà, àt(e) Radicare
Ràrr(e)ca, s.f. e Radìc(e), s.f. Radice, radica,   barba, ceppo – Pl. Di ‘ràrr(e)ca’: ‘ràrr(e)ch(e)’
Ràs(e), agg Raso, liscio, radente   – Ràs(e)_ràs(e) = Molto radente
Ràs(e)_ràs(e), agg. Radente, molto   radente
Ràs(e)la, s.f. Terreno>Lembo   di. Lembo di terreno, piccola radura. (Dal basso lat.: ‘radula’ a radendo) –   (Sicilianisme, cf. Rohlfs 572 ràsula   “scompartimento di terreno, aiuola, ripiano di terreno a terrazze, lunga   e larga striscia di terra…”. Calabro-sic. ràsula < calabro-sic.   rasa “angolo, cantuccio, lato…” (Rohlfs 571) < lat. RASU(M)   ‘ras, rasé’. –  CACOPARDO in   L’accademia di vicolo Baciadonne 2006: “Gli invitati si diressero alle   rasole, ognuno con un cesto in mano…” (p. 15, cf. 1 autre occ.).
Ras(e)làta, s.f. Rasoiata, colpo o   ferita di rasoio
Ras(e)ndà, àt(e) Rasentare, sfiorare
Rasà, àt(e) e Arrasà, àt(e) Strusciare,   strofinare, rasare, radere, levigare, lisciare. – (Dal Gr.: ‘rasso’ urtare,   intoppare)
Ràsc(e)cà, àt(e) Raschiare, scalfire,   graffiare
Rasc(e)cà, àt(e) e Raschiare
Rasc(e)càta, s.f. Raschiata,   raschiatura, il raschiare alla meglio, in fretta
Ràsc(e)ch(e), s.m. arc. Hràffij(e), s.m. Graffiatura, graffio,   scalfittura, escoriazione
Rasc(e)chènd(e), agg. Graffiante, che   produce scalfitture
Rasc(e)chètt(e), s.m. Raschietto,   raschiatoio
Ràscjà, s.m. Scalfire, graffiare   leggermente , segnare, incidere
Rasènt(e), avv. e Rasènd(e) e Radènt(e), agg. Rasente, radente
Rasp(e)lèd(e), agg.; Rasp(e)liènt(e), agg. e Rasp(e)liènd(e),   agg. Rasposo, ruvido,   scabro – (Dalla rad. Ted.: ‘raspeln’ che raspa)
Raspà, àt(e) Raspare con la raspa
Raspà, àt(e); Raspià, àt(e) e Rasp(e)lià, àt(e) Raspare, graffiare,   raschiare. – Lu càn(e) raspiàva v(e)cìn(e) à la pòrta =   Il cane raspava vicino alla porta, voleva farsi aprire.
Ràspa, s.f. Raspa, lima a   scagliette acute. (Dal. Longob.: ‘raspon’). 2. Ballo di origine messicana
Raspùs(e), agg. Rasposo, dal   significato simile: ‘Rasc(e)chènd(e)’.
Rass(e)gnàrs(e), àt(e) Rassegnarsi
Rass(e)m(e)glià, àt(e) e Ass(e)mm(e)glià, àt(e) Rassomigliare,   somigliare, assomigliare
Rastrìegghj(i), s.m. e Rampìn(e), s.m. e Rambìn(e), s.m. Rastrello.
Rasùl(e), s.m. Rasoio
Ravanìell(e), s.m. e Ravanìegghj(i), s.m. Ravanello (Raphanus   raphanistrum)
Ràzzij(e) Dazio
Razzjèr(e), s.m. Daziere, ufficiale   daziario
Reàl(e), agg. Reale, vera 2. Reale,   da re
Reàl(e), agg. o riàl(e) agg. Regale, da re
Rèbb(e)l(e), agg. Debole, debile
Rèbb(e)lèzza, s.f. Debolezza
Rèbb(e)t(e), agg. Debito
Rèf(e), s.f. Refe, cordella,   funicella reif. -(Dall’ant. Ted, ‘reif’ cordicella)
Rèf(e)la, s.f. Refolo, folata, lieve   movimento d’aria – (i)Ndà stù corridòi(e) s'(e) bsènd(e)   nà rèf(e)la r’ària = In questo corridoio si avverte un refolo d’aria
Règg(e), r(e)ggiùt(e) Reggere, sostenere
Règg(e), r(e)ggiùt(e) Reggere
Reggimènd(e), s.m. Reggimento
Registr(e), s.m. e R(e)ggìstr(e), s.m. Rubrica, registro,   mastro
Registrà, àt(e) e R(e)gg(e)strà, àt(e) Allibrare,   eegistrare, prender nota
Registratòr(e), s.m. Registratore
Regolamènt(e), s.m. e Ruhulamènd(e), s.m. arc. Regolamento
Rèh(e), s.m. Voglia, desiderio,   volontà – N'(e)n tèng(o) rèh(e) r’assì, òsc(e) = Non   tengo voglia di uscire, oggi.
Reholàr(e), agg. e l(e)ggìtt(e)m(e), agg. Regolare, sobrio,   essenziale, semplice, pulito, sano, normale.
Rèhula, s.f. Regola
Relicàt(e) Delicato
Relicàt(e), agg Delicato, morbido,   dolce.
Rèmm(e)la, s.f. Arietta, venticello,   brezza
Rèn(e), s.m. Rene. Plurale: “Rèn(e)”: Lì ‘rèn(e)’.
Rèna, s.f. Rena, sabbia (Dal   latino:  “Arena” che nella sua forma più antica proviente da “Areo” essere arido, secco)
Rènn(e), ùt(e) Rendere, restituire,   ridare. 2. Rendere, come resa economica
Rènn(e), ùt(e) Rendere, come resa   economica. 2. Rendere, restituire, ridare
Rènn(e)ta, s.f. Rendita
Rènt(e), s.m. e Rènd(e), s.m. Dente – Dentino da   latte = ‘Cìcc(e)’ (termine   usato rivolgendosi ai bambini)
Rènz(e), avv e Rènz(e)ca, avv. arc. Rasente – Passà rènz(e)ca rènz(e)ca lù mùr(e) = Passò molto radente al   muro
Repùbblica, s.f. Repubblica
Rèquia, s.f. Requie, riposo,   quiete, pace
Rès(e)l(e), agg. e Ràsènt(e), agg. Radente, vicino – S’azz(e)ccà rès(e)le rès(e)le = Si accostò vicino vicino
Residerà, àt(e) e Desiderà, àt(e) e R(e)s(e)rà, àt(e), arc. Agognare, desiderare,   volere
Rèsta, s.f. Resta, arista, punta   terminale delle glume di molte graminacee, come il grano. E’ una delle due   punte terminali di ogni spighetta del grano.    Le ariste sono filiformi e rigide, ricoperte di peli rivolti tutti da   un verso in modo che quando penetrano ad esempio nella trama di un indumento   è difficile tirarle via. (Dal lat.: ‘arista’ spiga di grano, operatasi   mediante aferesi dell'”A”)
Rèta, s.f.  Rèt(e), s.f. Rete
Rètana, agg. Imbrigliato, tirato   per le redini: scj(j)a fòr(e) cù lù ciùcc(e) à rètana = Andava in campagna   tirando l’asino per le redini (Rètana)
Rètana, s.f. Concatenamento,   sequela, sequela. Riferita in genere alle bestie in marcia, imbrigliate le   une alle altre mediante le redini (rètana): Nà rètana   r'(e) mùl(e) = Un gruppo di muli legati uno dietro l’altro  2. Redine
Rèula, s.f. Regola
Rèzza, s.f. Rete
Riàl(e) o Reàl(e) Regale, da re
Riàl(e), s.m. Regalo
Riàl(e), s.m. Regalo
Riàla Crivello. ( Dal lat.   ‘areale’ (Cribum); l’aggettivo arealis vale ‘pertinente all’aia’. (Diz. Etim.   Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – alla voce “ariale”)  Grande crivello,   appeso con n. 3 corde ad un tripode di grossi pali infissi in terra per   cernere il grano dalle bucce e da altri scarti provenienti dalla trebbiatura   (“r'(e) Sc(e)còf(e)”)
Rialà, àt(e) Regalare
Riatà, àt(e) e Fiatare, rifiatare,   respirare.
Riatà, àt(e) e Halià, àt(e) Fiatare, respirare.   2. Sbadigliare; anche Hal(i)zzà. – Chi hàla n'(o)n vàl(e)   = Chi sbadiglia non vale = Non ha valore
Riatà, àt(e) e Iàtà, àt(e) Fiatare, respirare,   alitare, soffiare. Vedere anche”Halà”
Riatà, àt(e) e R(e)fiatà, àt(e) Fiatare, Respirare
Riàv(e)l(e), s.m. Diavolo – Diminut.: ‘Riav(e)lìcchj(i)’ o ‘Riav(e)lìegghj(i)’
Riav(e)lìegghj(i), s.m. Mompariglia,   nonpareils, termine commerciale per indicare quelle perline colorate   zuccherine, piccolissime, di forma sferica usate in pasticceria. 2. Diavolino
Riav(e)lìegghj(i), s.m. Diavolino. 2.   Zuccherini colorati piccolissimi a forma sferica, usati in pasticceria,   chiamati in termini commerciali ‘mompariglia’
Ribaltà, àt(e) Ribaltare,   capovolgere
Ribaltàbbil(e), s.m. e agg. Automezzo   ribaltabile. 2. Ribaltabile, capovolgibile
Ribbellà, àt(e) Ribellare
Ribbusciàt(e), agg. Debosciato
Rìc(e), rìtt(e) e Dìc(e), dìtt(e) Dire, parlare. – (Dal   lat.: ‘dicere’ dire)
Rìc(e)n(e), s.m. Ricino
Rìcc(e), s.m. Ricciolo. – Grande   ricciolo sulla  fronte: ‘Ròll(e)’
Rìcch(e), agg. Ricco
Ricchiòn(e), s.m. Omosessuale maschio   dagli atteggiamenti molto effeminati, pederasta (checca , finocchio – termini   reg.li) – Dal nap.: ‘ricchione’ (recchione), invertito attivo ( ‘femminìelli’   i passivi). – Il termine Recchione (grosso orecchio) nacque  quando, all’epoca, sbaracavano i marinai   spagnoli provenienti da terre lontane portando grossi orecchini  agli orecchi, divenuti, così, lunghi e   grossi. In considerazione del fatto, poi,    che questi fossero quelli che, costretti a dover rinunziare per lunghi   periodi ai rapporti con l’altro sesso, si dovevano accontentare di avere   rapporti omosessuali)
Ricètta, s.f. e L(e)zzètta, s.f. arc. Ricetta
Richìesta Richiesta riferita a   quella (Ufficiale) di matrimonio
Ridìcol(e), agg. Ridicolo, risibile
Ridolìn(e), agg. e Ritolìn(e), agg. arc. Comico, ridicolo
Ridùc(e), òtt(e) Ridurre
Rìec(e) Dieci
Rièlla, s.f. Tavola, lunga, usata   dai muratori come riga, per tracciare linee o per segnare il livello   apponendoci sopra la livella (“R(e)vièll(e)”, s,m.)
Rièsc(e), r(e)isciùt(e) Riuscire
Rìest(e), s.m. Resto
Rignòn(e), s.m. Rognone
Rigòr(e), s.m. Rigore
Rìma, s.f. Rima, identità di   suono nella terminazione di due parole collocate alla fine di due versi. 2.   Ragionamento, criterio, senno – (Da ‘rima’ verso misurato, inteso, nel nostro   caso, come: ‘ragionamento’ misurato)
Rìma, s.f. Ragionamento,   criterio, senno, competenza, destrezza, abilità. – (Da ‘rima’ verso misurato,   inteso, nel nostro caso, come: ‘ragionamento’ misurato). – Ròpp(e) quègghj(i) chì m’è s(e)ccìess(e), hàgg(e) pèrs(e) à   rìma r'(e) fà r'(e) còs(e)! = Dopo quello che m’è successo, ho perso la   destrezza di fare le cose!. 2. Rima, identità di   suono nella terminazione di due parole collocate alla fine di due versi
Rimbambì, ìt(e) Rimbambire,   rincretinire
Rimbambìt(e), agg. Rimbambito. Anche “(i)Mbambanùt(e)”; (i)nzalanùt(e)’
Rimbètt(e) Rimpetto
Rimbmbìrs(e), ìt(e) Rimbambirsi,   intontirsi
Rimòrchj(i), s.m. Rimorchio
Rìn(e), s.m. pl. Reni, regione   lombare. Tèn(e) nù r(e)lòr(e) à lì rìn(e) = Ha un dolore alle reni.
Rinfrèsch(e), s.m. Rinfresco. Il   predisporre e l’offrire, in ore diverse da quelle dei pasti principali, dolci   e pasticcini, ecc.  in occasione di   feste, cerimonie, ricorrenze e ricevimenti
Ringòrsa, s.f. Rincorsa
Rinvìj(e), s.m. Rinvio
Rìpa. s.f. Ripa, luogo dirupato   e scosceso – (Lat.: ‘ripa’ riva)
Riparà, àt(e) Riparare, aggiustare,   accomodare
Riparàt(e), agg. Riparato, aggiustato,   accomodato 2. Riparato, al riparo, ricoverato, protetto
Rìr(e), ùt(e) Ridere
Rìs(e), s.m. Riso, pianta cereale   (Lat.: ‘risium’). 2. Riso, l’atto del ridere    (Lat.: ‘risus’)
Rìs(e)ch(e), s.m. Rischio
Rìs(e)ch(e)_Rìs(e)ch(e), agg. Rasente
Rìsa, s.f. e Rìs(e), s.m. Riso, sorriso, l’atto   del ridere. Quànn(e) m’hà bbìst(e) l’èia v(e)nùta là rìsa   = Quando mi ha visto le è venuto il riso.
Rìsc(e)t(e), s.m. Dito – pl.:   ‘Rìsc(e)t(e’) pl. m. oppure ‘Rèsc(e)t(e)’ pl. f. – M’ sò ammaccàt(e) ròi(e)   rèsc(e)t(e) = Mi sono schiacciato due dita
Rìschj(i), s.m. Rischio
Ristùrb(e), s.m. Disturbo
Ristùrbà, àt(e) Disturbare
Ritolìn(e), agg. arc. e Ridolìn(e), agg. Ridicolo, comico
Rìtta, s.f Diceria, pettegolezzo
Rìv(e)l(e), s.m. Rivolo, ruscelletto
Rivoluziòn(e), s.f. Rivoluzione
Rìzz(e), agg. Drizzato, eretto
Rìzz(e), s.m. Riccio, mammifero   insettivoro degli Erinaceidi
Ròcca, s.f. Rocca, arnese di   canna o di legno, sul quale si avvolge la lana, od altre fibre, per filarla,   passandola sul fuso ‘Fùs(e)’   anche: conocchia (cunòcchia) – (Ted.: ‘rocken’)
Ròcchia, s.f. Conocchia, rocca per   filare. 2. Frotta, branco, stormo, mucchio, zona, capannello,  macchia, macchia – (Da ‘rocchio’ roccolo,   rotolo, pezzo di qualcosa di cilindrico, tondeggiante)
Ròcchia, s.f. Frotta, branco,   stormo, mucchio, zona, capannello,    macchia, macchia. – E’ia r(e)màsta nà ròcchia r(e)   rùzza = E’ rimasta una macchia di ruggine. 2.   Conocchia, rocca per filare – (Da ‘rocchio’ roccolo, rotolo, pezzo di   qualcosa di cilindrico, tondeggiante)
Ròlc(e), agg. e s. m. (arc.) e Dòlc(e), agg. e s.m. e Aròc(e),   agg. Dolce
Ròll(e), s.m. Rotolo, rollo,   variante non comune di rullo. 2. Ricciolo grosso sulla fronte, anticamente si   usava rimpinguarlo con un batuffolo di capelli posticci detto   “M(e)scìgghj(i)” – Vedere anche: ‘Rìcc(e)’
Ròll(e), s.m. Ricciolo grosso sulla   fronte, anticamente si usava rimpinguarlo con un batuffolo di capelli   posticci detto “M(e)scìggh(i)” – In genere vedi: ‘Rìcc(e)’. 2.   Rotolo, rollo, variante non comune di rullo
Rollìn(e), s.m. e Rullìn(e), s.m. Rollino (pellicola)   della macchina fotografica.  2. Rullino   dimin. di rullo
Rollìna, s.f. e Rullìna, s.f. Rotella metrica
Rom(e)n(e)ddìj(i), s.m. Domineddio
Romàn(e), agg. e s.m. Romano, appartenenete   o relativo a Roma. 2. Peso equilibratore, di forma tonda, facente parte della   stadera, bilancia romana, usata per pesi rilevanti (Vedere: ‘Statèia’) – Dall’arabo:   ‘Rumman” melograno (tondo)
Romàn(e), s.m. e agg. Peso equilibratore,   di forma tonda, facente parte della stadera, bilancia romana, usata per pesi   rilevanti (Vedere: ‘Statèia’)   – Dall’arabo: ‘Rumman” melograno (tondo) 2. Romano, appartenenete o   relativo a Roma
Romanìa, s.f. Romania
Ròmp(e), ùtt(e) e Ròmb(e), rùtt(e) Rompere
Ròn, s.m. Don, predicato   d’onore o nobiliare che attributo ad ecclesiastici od a personalità civili –   Và (i)ndò ròn Mattèh(e), èia (i)ng(e)gnìer(e)! Vai da don Matteo, è   ingegnere!
Rònga, s.f. Roncola, ronca,   strumento a felce per tagliare rami e piccole piante. Tutto in ferro, al lato   del manico, e forgiato a forma di tubo in cui è inserito un bastone, lungo,   in legno per raggiungere i rami più alti.    (Femm. di ‘ronco’ dal lat. ‘runco’ con allusione alla sua forma   ricurva, ha infatti anche significato di ‘curva senza uscita’. –  Con manico più corto vedere: “R(e)ng(e)nègghia”
Rònn(e)la, s.f. Donnola, mammifero   dei Musteridi
Rònna, s.f. Donna, come qualifica   nobiliare ed anche popolare – Rònna Matalèna = Donna   Maddalena
Ronnaprìc(e)ta, s.f. Donna di modi   bruschi, difficile da trattare, autoritaria. – Letteralmente: “Donna   Brigida”, appellativo per paragonare una persona comune ad una donna   nobile, di rango elevato.
Ronnaprìc(e)ta, s.f. e Prìc(e)ta, s.f. Donna di modi   bruschi, difficile da trattare, sdegnosa, altera. Letteralmente: Donna   Brigida. – Mò pàssa, prìc(e)ta! = Adesso passa, Brigida!
Ròpp(e), avv. prep. e cong. Dopo, dietro, poi
Ròpp(e), avv. prep. e cong. Poi, dopo
Ròpp(e)_mangiàt(e), s.m. e Pomerìgg(e), s.m. Pomeriggio
Ròppij(e), agg. Arc. e Dòppij(e), agg. Duplice, doppio
Ròrm(e), ùt(e) e R(e)rmì, ùt(e) e Dòrm(e), d(e)rmùt(e) Dormire, riposare,   assopirsi
Ròrme, R(e)mmùt(e) Assopirsi, dormire,   riposare
Ròs(e)la, s.f. Rosola, rosolaccio,   papavero selvatico, è un’erba commestibile
Ròsa masc(e)carìna, s.f. Rosa canina, rosa di   macchia, (Falsa rosa, con la “Màsc(e)cara” = Maschera)
Ròsa, s.f. Rosa. Pl.: ‘Ròs(e)’
Rosàrio, s.m. Rosario, corona
Rosmarìn(e), s.m. Rosmarino,   ‘Roscarinus officinalis’
Ròss(e)l(e), s.m. Rosolia
Ròst(e)ca, s.f. Appostamento,   ispezione, controllo, il rondare con interesse
Ròta Ruota. Rotella = ‘R(e)tègghia’; – Rotellina = ‘R(e)t(e)gghiùzza’. 2. Dote, riferita   ai beni che la donna porta al marito. La quota di beni che invece si   ereditano dicesi “R(e)natìv(e)”
Ròta, s.f. Dote, riferita ai   beni che la donna porta al marito. La quota di beni che invece si ereditano   dicesi “R(e)natìv(e)”   ???  2.Ruota. Rotella = ‘R(e)tègghia’; – Rotellina = ‘R(e)t(e)gghiùzza’.
Rotacìel(e), s.m. Capogiro,   interpretare come ‘voltacielo’
Rovèsc(e), s.m. e “Ammèrsa” Rovescio.
Rr(e)vacà, àt(e) Vuotare,   svuotare  (Lat.: ‘devacare’) – Ù   panàr(e) cù r(e) fìch(e) rr'(e)vàcal(e) ch’àggia mètt(e) r'(e) pàn(e)! = Il   paniere con i fichi svuotalo perché devo metterci dentro il pane!  2. Versare, rovesciare – Pìglia st'(e)   m'(e)lègghj(i) rà tèrra e r'(e) rr'(e)vàche ndà lù t(e)nìeggh(i)! = Piglia   queste mele da terra e le versi nel tino!
Rròbba, s.f. Roba, cosa. 2.   Stoffa, panno
Rròbba, s.f. Stoffa, panno. – Stà rròbba èia r'(e) lùss(e)! = Questa stoffa è di lusso!  2. Roba, panno
Rruènza, s.f. Irruenza
Ru_uìna, s.f. e Arru_uìna, s.f. Ruina, rovina,   disastro
Ruàgn(e), s.m. Recipente,   contenitore (Gr.: Dal termine generico ‘organion’ utensile arnese, attrezzo   > poi Lat. ‘Organium’ attrezzo, vasellame)
Rùbbij(i), s.m. arc. e Dùbbij(i), s.m. Dubbio, indecisione,   incertezza
Rùcch(e)rùcch(e), s.m. Piccione, colombo.   (termine rivolto in genere ai bambini)
Rùcula, s.f. Rucola, propriamente:   Ruchètta (Diplotaxis tenuifolia)   – Eruca sativa
Rucuttàr(e), s.m. Magnaccia, mantenuto
Rùgna, s.f. Rogna
Rùi(e), agg. num. card. (femm. ‘Ròi(e)’) Due – Rùi(e) cavàgghj(i) = Due cavalli – Ròi sc(e)mmènd(e) = due   giumente – (Dall’ant. Fr.: ‘dui’ ‘doi’ e dal lat. = gr.: ‘duo’)
Ruibbòtt(e), s.m. Doppietta, fucile da   caccia a due canne. 2. Organetto con due soli bassi. – Quello a quattro bassi   dicesi ‘Quatt(e)bbàss(e)’
Ruicìend Duecento
Rùll(e), s.m. Rullo
Rullìn(e), s.m. e Rollìn(e), s.m. Rullino dimin. di   rullo 2. Rollino (pellicola) della macchina fotografica
Rùm(e), s.m. Ruminazione. R'(e)   bbàcch(e) quànn(e) stànn(e) à lù iàzz(e) stànn(e) sèmb(e) à r(e)mà = Le mucche quando stanno nello stazzo stanno sempre a   ruminare. 2. Appetenza, fame, appetito- (Da: ‘rumare’)
Rùm(e), s.m. Appetenza, fame,   appetito. Tèn(e) nù rùm(e)! = Ha una fàme! 2. Ruminare>Atto del. L’atto del ruminare.
Rùmà, àt(e) e R(e)mà, àt(e) Rumare, ruminare – Da   ‘ruma’ e prima ancora da: ‘rumis’ e ‘rumen’ canna della gola – ancge dal gr.:   ‘reo’ scorro. Anche l’antico ‘ Rumo’ antico nome del Tevere)
Rumèn(e), agg. e s.m. Rumeno, agg. e s.m.
Rùmp(e)sc(e)càt(e)l(e), agg. e Cacacàzz(e), agg. volg. Rompiscatole,   seccatore, importuno, fastidioso
Rùosp(e), s.m. e Ròspa, s.f. Rospo
Rùot(e), s.m. Teglia, tortiera, si   intende sia a forma tonda che quadra – (Dalla sua forma originaria, rotonda)
Rùot(e)l(e), s.m. Rastrello zappa,   rastrello con manico ed elemento trasversale chiuso, anziché formato da denti   (“Rampìn(e)”). Serve   per rigirare le granaglie spante sull’aia, ad asciugare al sole, dopo la   mietitura oppure dei liquami sparsi per terra, ecc. (Da ‘r(e)t(e)là’   rotalare, in quanto è l’attrezzo che fa rotolare le granaglie). 2. Rotolo,   rullo, involto cilindrico
Rùot(e)l(e), s.m. Rotolo, rullo,   involto cilindrico. 2. Rastrello zappa, rastrello con manico ed elemento   trasversale chiuso, anziché formato da denti (“Rampìn(e)”). Serve per rigirare le granaglie spante sull’aia, ad   asciugare al sole, dopo la mietitura oppure dei liquami sparsi per terra,   ecc. (Da ‘r(e)t(e)là’ rotalare, in quanto è l’attrezzo che fa rotolare le   granaglie)
Ruquàt(e), s.m. Ducato, antica moneta   d’oro o d’argento
Ruquaziòn(e), s.f. Educazione
Rùrr(e)c(e) Dodici
Rurr(e)cès(e)m(e), agg. num. Dodicesimo
Rùs(e)ch(e), s.m. Cantuccio, pezzetto   resegato del pane, comprendente parte della crosta. 2. Russamento, ronfamento
Rùs(e)ch(e), s.m. Russamento,   ronfamento. – T(e)ràva cèrt(e) rùs(e)ch(e)! = (Alla lettera) Tirava certe   russate!  2. Cantuccio, pezzetto   resegato del pane, comprendente parte della crosta
Ruspa Motoruspa
Rùss(e) r'(e) l’ùov(e), s.m. Tuorlo dell’uovo –   Può essere anche doppio (à ddòi(e) v(e)lòzz(e) – Dal Lat.:  ‘torulus’ rigonfiamento)
Rùss(e), agg. Rosso
Russà, àt(e) Russare
Russà, àt(e) e R(e)ssà, àt(e) Russare, ronfare
Rùtt(e), agg. Rotto, guasto
Rùtt(e), s.m. Rutto
Rùzza, s.f. Ruggine, odio