M/N/O

(i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
M M
M'(e), avv. e pron. Mi
M(e)c(e)riànd(e), s.m. Omicida
M(e)c(e)riànt(e), s.m. e M(e)c(e)riànd(e), s.m. Omicida
M(e)cciarìell(e), s.m.    arc. e Fiammìfar(e), s.m. Fiammifero. (Piccola   miccia)
M(e)cciòn(e), s.m. Cerniera
M(e)ccùs(e), agg. s. m. Moccoloso, moccioso,   moccicoso, col moccio al naso. (Lat.: ‘mucceus’ da ‘mucus’ muco). 2. Reiètto,   emarginato, persona inesperta, inetta, o giovanetto che si da le arie di   persona adulta.
M(e)ccùs(e), agg. s. m. Reiètto, emarginato,   persona inesperta, inetta, o giovanetto che si da le arie di persona   adulta.  2. Moccoloso, moccioso, col   moccio al naso
M(e)cìr(e)j(e) Omicidio
M(e)cìrij(e), s.m. Omicidio
M(e)diàn(e), agg. e s.m. Mediano, di mezzo .   2. Mediano, centrocampista
M(e)f(e)còn(e), s.m. e B(e)f(e)còn(e), s.m. Ciccione, grassone. –   (Probabile derivazione dal lat. Medioevale ‘baffa’  prosciutto, lardo – Vedere anche la voce :   ‘Bafùrt’ introverso)
M(e)fìta, s.f. Mefite, sorgente di   acqua solforosa.  2. Miasma, fetore   sgradevole che deriva da acque solforose. – (Dal gr.: ‘mephitis’ fetore) –   (il termine ha dato il nome ad una località del nostro territorio dove esiste   una piccola ‘mefite’ col nome di ‘m(e)f(e)tègghj(i)’ tradotto alla lettera: piccole mefiti)
M(e)gghj’ca, s.f. Mollica
M(e)gli(e)rà, àt(e) Migliorare
M(e)gliàzza Pizza di farina di   mais farcita con uva passa e ciccioli “frìtt(e)l(e)”.
M(e)glièr(e), s.f. e M(e)glièra, s.f. Moglie,  sposa. (Dal toscano medioevale:   ‘mogliera’  > Lat.: ‘uxor’ e   ‘mulier’ donna)
M(e)glièra, s.f. e M(e)glièr(e), s.f. Sposa, moglie. (Dal   toscano medioevale: ‘mogliera’  >   Lat.: ‘uxor’ e ‘mulier’ donna)
M(e)l(e)gnàma, s.f. e M(e)lanzàna, s.f. Petronciano,   Melanzana, pianta e frutto, originaria dell’Oriente, detta dagli antichi   botanici Melongèna Arabum
M(e)l(e)nàr(e), s.m. Mugnaio, mulinaro   (pop.)
M(e)l(e)ttìer(e), s.m. Mulattiere, chi guida   i muli, per lavoro
M(e)l(e)uìna, s,f. e Mulu_uìna, s.f. Moltitudine, miriade,   stuolo
M(e)làgna, s.f. arc. Piaga, contusione,   lividura. – (Dal gr.: ‘melanìa’ = sostanza scura)
M(e)lanzàna, s.f. e M(e)l(e)gnàma, s.f. Melanzana,   petronciano, pianta e frutto, originaria dell’Oriente, detta dagli antichi   botanici Melongèna Arabum
M(e)làsc(i)n(o), s.m. Melo selvatico
M(e)lègghia s.f. e M(e)lìgghj(i), s,m, Mela, frutto del ‘M(e)lìgghj(i)’, melo
M(e)lìggh(i) s.m. Melo, albero e pomo   (mela)
M(e)lìgghj(i), s.m. Melo, albero delle   Rosacee – Il frutto: M(e)lìgghj(i)’ o ‘M(e)lègghia’
M(e)lìn(e), s.m. Mulino
M(e)lògna, s.f. Tasso, mammifero dei   mustelidi del genere ‘meles meles’ – ( Gr.: (milas + milamicos) = tasso)  – Detto anche: ‘Tàss(e)”
M(e)lòn(e), s.m. Melone, pianta della   famiglia delle Cucurbitacee. In particolare indica il Cocomero il tipo ‘Cucumis citrullus’. Tutti gli altri della stessa   famiglia devono essere specificati, c’è il ‘M(e)lòn(e)   iàngh(e)’, il ‘M(e)lòn(e)   giàll(e)’, ecc. – Dal gr.: melopépon -onos, comp.   di mêlon ‘melo, frutto’ e pépon ‘popone’.
M(e)màn(e) Stamattina, stamani
M(e)màn(e), avv. Stamani, stamattina
M(e)mènt(e), s.m. Momento
M(e)n(e)cìbbij(e), s.m. Municipio
M(e)n(e)zzà, àt(e) e Sm(e)nezzà, àt(e) Sminuzzare,   spezzettare (Lat. parlato ‘minutiare’)
M(e)n(e)zzàr(e) Mondezzaio, letamaio,   luogo di raccolta delle immondizie – In campagna situato vicino la masseria (Massarìa), usato per lo più per   accumulare l’insieme delle deiezioni solide e liquide e della lettiera   (L(e)ttèra), per lo più di paglia, degli animali. – Il letame (“Stìer(e)”), ed anche: (“Còta”)  è usato per concimare, spargendolo per i   campi.
M(e)n(e)zzìglia, s.f. Minutaglia,   sbriciolatura
M(e)nà tùocch(e), àt(e) t. Tocco>fare al.   Andare al tocco, fare la conta, sorteggiare, mediante la conta
M(e)nà, àt(e) Menare, condurre,   dirigere – Ù fìglj(i) mèna ù trappìt(e) = Il figlio conduce il frantoio. 2.   Buttare, tirare, scagliare, gettare, versare, dirigere, muoversi. 3. Osare,   ardire, avere il coraggio
M(e)nà, àt(e) Buttare, tirare,   scagliare, gettare, versare, scorrere, dirigere, muoversi – Mènal(e) nà   prèta! = Tiragli una pietra!  –   Mènat(e) r'(e) làt(e)! = Spostati di lato! – Mènat(e) p'(e) l’accurciatòra! –   Buttati per la scorciatoia! 2. Menare,    condurre. 3. Osare, ardire, avere il coraggio: nella forma:   “Mèna! Mo!” oppure: “Amèna!”
M(e)nà, àt(e) Menare, condurre,   agitare, vibrare, assistare, lanciare con forza. 2. Spingere gli animali con   minacce o altri mezzi
M(e)nà, Ù bànn(e),  àt(e)   ù b. . . Bandire, annunziare   mediante bando (bànn(e)) diffuso verbalmente
M(e)nacciùs(e), agg. Minaccioso
M(e)nd(e)và, àt(e) Menzionare, citare,   nominare, declamare, mentovàre. – (Dall’ant. Fr.: ‘mentevoir’)
M(e)ndòn(e) s.m.. e M(e)ntòn(e) s.m. Ammasso, cumulo. 2.   Montone, il maschio adulto della pecora
M(e)nèstra, s.f. Verdura da preparare   cucinata
M(e)nèstra, s.f. Minestrone di   verdura, versato in un piatto nel quale è stato predisposto (vedere “(i)Npanà”) uno strato di fette   di pane duro, abbastanza secco. “M'(e)nèstra mmar(i)tàta” è una   minestra più ricca in quanto alla ricetta si aggiunge un po’ di carne, di   osso di prosciutto, o dei rimasugli di pezzi di formaggio.
M(e)nèta, s.f. Moneta
M(e)ng(e)tùra, s.f. Mungitura
M(e)nìccul(e), agg. Minuscolo – (Dal gr.:   ‘mike’ specie di veccia, a forma lenticolare e dal Lat. ‘micula’ briciola)
M(e)nìglia, s.f. Mondiglia, residuo,   scorie, materiale residuo o di rifiuto, minutaglia. . – A’   m(e)nìglia r'(e) lì car(e)vùn(e) è pùr(e) bbòna p'(e) àrd(e) – La minutaglia   (residua) del carbone è pure buona per ardere
M(e)nnà, àt(e) Diserbare le colture,   il grano, ecc. con l’uso di una zappetta, detta “Zappègghia” (da emendare, pulire). 2. Emendare, pulire. Arc.
M(e)nnà, àt(e) Emendare, pulire.   Arc. – 2. Diserbare le colture, il grano, ecc. con l’uso di una zappetta,   detta “Zappègghia”
M(e)nnàglia, s.f. Foglia, facente parte   delle brattèe, le foglie che racchiudono la pannocchia di granoturco. Usate,   una volta, dalla povera gente nel materasso “Saccòn(e)”. (Da: ‘Mondare’ (in toscano) = perdere la buccia>   Mondàglia > M(e)nnàglia)
M(e)nnèzza, s.f. Immondizia,   spazzatura
M(e)nnùscia, s.f. Mammella, seno,   poppa. – (Dimin. Di ‘mènna’)
M(e)ns(e)gnòr(e), s.m. e M(e)nz(e)gnòr(e), s.m. Monsignore
M(e)nt(e)và, àt(e) e M(e)nd(e)và, àt(e) Mentovare
M(e)ntà, àt(e) e M(e)ndà, àt(e) Montare. Termine   usato specialmente col significato di coprire per fecondare – Ù tàur(e)   s’àv(e) m(e)ndàt(e) à v(e)tègghia _ Il toro ha coperto la vitella
M(e)ntàgna, s.f. e M(e)ndàgna, s.f. Montagna
M(e)ntagnòn(e), s.m. e M(e)ndagnòn(e), s.m. Montagnone
M(e)ntòn(e) s.m. e M(e)ndòn(e) s.m. Montone, il maschio   adulto della pecora. 2. Ammasso, cumulo
M(e)nùt(e), agg. Minuto, assai piccolo
M(e)nùt(e), s.m. Minuto, unità di   misura di tempo. 2. Minuto, piccolo. agg.
M(e)nùt(e), s.m. Minuto, piccolo. agg.   2. Minuto, unità di misura di tempo
M(e)nzignòr(e), s.m. Monsignore
M(e)r(e)càn, agg. e Amm(e)r(e)càn(e), agg. Statunitense,   americano
M(e)r(e)scjà, àt(e) Ombra>stare all’.   Stare all’ombra (Stare alla ‘m(e)rèscja’ ombra) – (Lat.: ‘meridiare’  riposare dormire dopo   mezzogiorno)
M(e)r(e)scjùs(e), agg. Ombroso, permaloso,   suscettibile, scontroso
M(e)r(e)v(e)lènza, s.f. Cenetta, convivio fra   amici
M(e)rà, àt(e) Mirare
M(e)ràcul(e), s.m. Miracolo
M(e)ràcul(e), s.m. arc. e Miràcul(e), s.m. e Miràcol(e), s.m. Miracolo
M(e)raculà, àt(e) Miracolare
M(e)ràglia, s.f. Medaglia
M(e)ragliòn(e), s.m. Muraglione. 2.   Medaglione
M(e)ragliòn(e), s.m. Medaglione.   Muraglione
M(e)ravigliùs(e), s.m. Meraviglioso
M(e)rcànt(e), s. m. e M(e)rcànd(e), s. m. Mercante
M(e)rcanzìa, s.f. Mercancia, merce,   derrata
M(e)rcàt(e), s.m. Mercato
M(e)rcùrij(e), s.m. e Mercùrij(e), s.m. Mercurio
M(e)rènna, s.f. Merenda. 2. Ora della   merenda, tardo pomeriggio – N'(e) v(e)rìm(e) à m(e)rènna   = Ci vediamo all’ora della merenda
M(e)rèscja, s.f. Ombra, offuscamento,   penombra. – (Dall’it.: “meriggio”, con significato di luogo dove   non penetrano i raggi del sole di mezzogiorno)
M(e)rì, mùort(e) Morire; S'(e) né mùort(e) (i)npègghia = E’ morto “pelle ed   ossa”; Eia mùort(e) n(e)càt(e) = E’ morto annegato. – Io muoio > ‘ Ii(e) mòr(e)’ oppure  > ‘mòrij(i)’   muoio: letteralmente: ‘ mòr(e) ìi(e)’ muoio io.
M(e)rìa, s.f. Moria
M(e)riatòr(e), s.m. Mediatore. Vedere   anche ‘Sanzàn(e)’, arc.
M(e)rìc(e)n(e), s.m. Muriccia, muro a   secco, muricciolo con funzioni per lo più di recinzione
M(e)rìell(e), s.m. arc. e Modèll(e), s.m. Modello, archetipo
M(e)rlùzz(e), s.m. Merluzzo
M(e)rm(e)rà, àt(e) Mormorare
M(e)rm(e)rij(i), s.m. Mormorio
M(e)ròlla, s.f. Midollo
M(e)rtàl(e), agg. arc. e Mortàl(e) agg. Mortale, letale
M(e)rtàl(e), agg. arc. e Mortàl(e), agg. Letale, mortale
M(e)rtàl(e), s.m. e P(e)satùr(e) Mortaio, pestello
M(e)rtalètt(e), s.m.M(e)rtarètt(e), s.m. Mortaretto, (piccolo   mortaio) sorta di tubo usato come bocca da fuoco  impiegato per salve di festa o in   spettacoli pirotecnici.
M(e)rtatèlla, s.f. Mortadella
M(e)rtòn(e), s.m. Spesa funeraria
M(e)rtòrij(e), s. m. Mortorio
M(e)s(e)cànt(e), s.m. e M(e)s(e)cànd(e), s.m. Musicante
M(e)s'(e)chètta, s.f. Armonica, strumento   musicale a bocca
M(e)s(e)ràbb(e)l(e), agg. Miserabile
M(e)s(e)rìeggh(i), s.m. Misurino, dosatore
M(e)sàl(e), s.m. Tovaglia, mensale, da   tavolo – (Dallo sp.: ‘mesa’ tavola, attinente alla tavola. Con lo stesso   significato:  – Gr.: (mesalon) – Lat.:   ‘mensalis)
M(e)sàl(e), s.m. arc. e S(e)nàl(e), s.m. Tovaglia, panno,   drappo, telo. (Dallo Sp.: ‘mesa’ tavolo +suffisso ‘àl’ ale > tovaglia. –   Lat. ‘mensalis’)
M(e)sàta, s. f. Mesata, spazio di   tempo di un mese. 2 ( fam.) la paga di un mese di lavoro. – Pahà ròi(e) m(e)sàt(e) r’affìtt(e) and(e)c(e)pàt(e) =  pagare due mesate d’affitto anticipate.
M(e)sc(e)chìn(e), agg Meschino, misero,   plebeo
M(e)sc(e)nià, àt(e) Mescolare, volgere,   girare, rivolarsi, rotolarsi – U’ criatùr(e) èra tùtt(e)   (i)nb(e)càt(e), s’era m(e)sc(e)niàt(e) (i)ndèrra = Il bambino era tutto   sporco, si era rotolato per terra
M(e)sc(e)trègghia, s.f. Bròcca in terracotta   smaltata, con decorazioni floreali. Brocchètta = “M'(e)sc(e)tr(e)gghiùzza”
M(e)sc(e)trìeggh(i), s.m. Brocchetta, in   terracotta, non smaltata
M(e)scatègghia, s.f. Moscato;   Moscata<Uva. Tèng(o) nà vìgna, èia tòtta   m(e)scatègghia = Posseggo una vigna, è tutta uva moscata
M(e)scatèlla, s.f. Moscatello, varietà   di moscato (vitigno e vino)
M(e)sch(e)vìt(e), s.m. Profusione di mosche
M(e)schìgghj(i), s.m. Moschino, moscerino
M(e)schìgghj(i), s.m. Moscerino, moschino
M(e)schìn(e), s.m. Meschino
M(e)scj(e)nià, àt(e) Scompigliare,   disordinare, mettere sottosopra
M(e)scjggh(i), s.m. Gattino
M(e)scòn(e), s.m. Moscone
M(e)sculà, àt(e) Mescolare
M(e)sèra, avv. Stasera
M(e)ssaròla, s.f. Museruola
M(e)stàzz(e), s.m. e Bàbb(e), s.m. Mustacchio,   mostaccio, baffo vistoso (Fr.:’ Moustache’ baffo)
M(e)stìer(e), s.m. Mestiere – Anche: ‘A’rt(e)’
M(e)strìna, s.f. Mostrina, piastrina   in ferro sottoscarpa. Lamiera di ferro a mezzaluna, inchiodata sotto la punta   della scarpa per evitarne l’eccessiva usura
M(e)t(e)culùs(e), agg. Meticoloso
M(e)t(e)culùs(e), s.m. Meticoloso, pignolo,   pedante
M(e)t(e)riòn(e) s.m. Nuvola<Tipo di.   Cumulo nembo a grande sviluppo verticale. (Prende nome dalla forma simile ad   una mitria)
M(e)t(e)tòr(e) s.m. Mietitore
M(e)t(e)tòra, s.f. e M(e)tènna, s.f. Mietitura.  Vedere: “M(e)tènna”, s.f. 2. Epoca della mietitura.
M(e)tà, àt(e) Mutare, cambiare
M(e)tànda, s.f. e M(e)tànza, s.f. arc. Mutande, brache, slip
M(e)tànza, s.f. arc. e M(e)tànda, s.f. Brache, mutande, slip
M(e)taziòn(e), s.f. Mutazione. Termine   usato per lo più in riferimento alle muatazioni metereologiche – E’ia nùv(e)l(e) e (i)ngè n'(e) pòch(e) r'(e) vìend(e), stài(e)   facènn(e) à m(e)taziòn(e)! – è nuvoloso e c’è un po’ di vento, stà avvenendo   un cambiamento del tempo!
M(e)tènna, s.f. e M(e)t(e)tòra, s.f. Mietitura. Tra tutte   le operazioni della mietitura, il taglio delle spighe fatto a mano con la   falce, il mietitore “M(e)t(e)tòr(e)” armato di falce “Fàuc(e)” in una mano, indossa le “Cannègghj(i)” sulle dita medio, anulare e mignolo dell’altra mano e lu   ‘Scarfùgghj(i)”   sull’indice, per non ferirsi le dita; coglie le spighe in quest’ultima mano,   riunendole in un fastello , cioè un manipolo: “Màtt(e)l(e)”. Cinque   manipoli formano un piccolo fascio di spighe “Scèrm(e)t(e)”. Più ‘sciìerm(e)t(e)’, generalmente in numero di cinque formano una ‘hrègna’   covone.  Più covoni, riuniti in mucchi   nel campo, già mietuto, della misura cadauno di circa otto mc., formano il   “Pignòn(e)”.   Tutti i covoni del campo di grano alla fine della mietitura, portati nell’aia   (Ària”) dove deve   avvenire la trebbiatura mediante la trebbiatrice: “Trèbbia”, vengono ammassati in   un grande mucchio detto “Casàzz(e)” oppure chiamato “Mèta”, se molto grande .    2. Epoca della mietitura.
M(e)tèra, s.f. arc. e M(e)tìera, s.f. Grossa tazza in   legno, senza manico,  che fa da misura   per foraggiare gli animali di granaglie, fave, ecc. 2. Unità di misura di   superficie agraria, pari ad 1/16 di ‘Tùmm(e)l(e)’ tomolo. 3. Unità di misura di volume per il commercio di   prodotti agricoli pari ad 1/16 di ‘Tùmm(e)l(e)’ tomolo. – (Dal gr.:’metron’ misura)
M(e)tìera, s.f.  e   M(e)tèra, s.f. arc. Grossa tazza in   legno, senza manico,  che fa da misura   per foraggiare gli animali di granaglie, fave, ecc. 2. Unità di misura di   superficie agraria, pari ad 1/16 di ‘Tùmm(e)l(e)’ tomolo. 3. Unità di misura di volume per il commercio di   prodotti agricoli pari ad 1/16 di ‘Tùmm(e)l(e)’ tomolo. – (Dal gr.:’metron’ misura)
M(e)ttètt(e), s.m. Mottetto, breve   componimento poetico popolare, versetto – Pl: ‘M(e)ttìett(e)’
M(e)ttùt(e), p.p. di “Mètt(e)” Messo, posto
M(e)zz(e)cà, àt(e) Mozzicare (reg.),   mordere, azzannare, mozzicare: Termine merid. (Da: mozzare)
M(e)zz(e)chènt(e), agg. e M(e)zz(e)chènd(e), agg. Morditore, mordente,   aggressivo – Nù càn(e) m(e)zz(e)chènd(e) = Un cane che   morde, aggressivo
M(e)zz(e)jà, àt(e) e Amm(e)zzà, àt(e) Ammezzare, dimezzare,   smezzare
M(e)zzàn(e), agg. Mezzano, mediano
M(e)zzàn(o), agg. e s.m. Mezzano. 2. Piano   intermedio di un fabbricato
M(e)zzarèlla, s.f. Mozzarella
M(e)zzètt(e), s.m. Misura<Recipiente   di. Recipiente e misura di capacità per granaglie ed altri prodotti della   terra. Costruiti in legno a forma di tronco di cono quelli più antichi, e fra   i più recenti, anche in ferro, di forma cilindrica. Hanno capacità di circa   mc. 0,032, fino all’orlo, corrispondente a metà del ‘Tùmm(e)l(e). 2. Unità di misura di superficie agraria, corrispondente ad   1/2 ‘Tùmm(e)l(e)’
Ma Ma
Mac(e)nà, àt(e) Macinare
Màc(e)na, s.f. Macina, mola,   palmento
Mac(e)nìegghj(i) r'(e) lù cafè, s.m. Macinacaffè
Màc(e)nìegghj(i), s.m. Macinello, macinino
Màcana, s.f. arc. Autovettura, macchina
Màcana, s.f. arc. Macchina, autovettura
Macanègghia, s.f. e màcan(e)cègghia, s.f. Automobilina,   macchinina
Macanègghia, s.f. e màcan(e)cègghia, s.f. Macchinina,   automobilina
Maccar(e)nàr(e), s.m. Pastaio
Maccaròn(e), s.m. Maccherone,   maccarone, pasta lunga a cannelli vuoti o pieni. – (Maccarone: ‘Macca’ >   dall’ant. ebreo: ‘muc’ contundere, macerare, ammaccare +  il suff. deverb. ‘rone’ per indicare il   prodotto dell’ammaccatura. – (Da: Etimolgycum Siculum di Joseph Vinci –   Messanae -1759 – Ex Regia Typographia Francisci Gaipa) – e dal lat.:   ‘Maccare’ ammaccare, nel senso di pestare, comprimere per lavorare la pasta)   – Ù sp(e)salìzij(e) è a càrna e maccarùn(e) =  Il matrimonio sarà (festeggiato con un   pranzo a base di) carne e maccheroni.    – Maccherone. Detto rivolto affettuosamente   ai bambini: “Cùng(e)”
Màcchia, s.f. Macchia. 2. Fitto   intrigo di piante
Màcchina, s.f. e Màcana, s.f. arc. Macchina. 2.   Autovettura, automobile
Màcchina, s.f. e Màcana, s.f. arc. Autovettura,   automobile 2. Macchina
Macèdon(e), agg. e s.m. Macedone
Macedònia, s,f. Macedonia
Macèrij(e), pl.f. Macerie
Machinètta, s.f. e Machinètta, s.f. arc. Macchinetta 2.   Accendino
Machinètta, s.f. e Machinètta, s.f. arc. Accendino. 2.   Macchinetta
Maciullà,àt(e) Maciullare,   frantumare, sbriciolare, sfracellare, stritolare.
Macquatrìeggh(i) Fazzoletto da naso   (Piccolo ‘Macquatùr(e)’)
Macquatrìegghj(i), s.m. arc. e Fazzolètt(e), s.m. Fazzoletto, pezzuola,   moccichino.  dim. di ‘macquatùr(e)’
Macquatùr(e), s.m. Fazzolo, grosso   fazzoletto da testa o da mettere attorno al collo. (Fr.: ‘Mouchoir’   fazzoletto) – Anche: Pacc(e)lìn(e) (arc.)- (Dal catalano ‘mocador’ col   significato di pulirsi il naso, il pulirsi del muco (chiàrf(e) – (Diz. Etim.   Manlio Cortelazzo – UTET-2005) alla voce ‘muccaturÌ – ).  2. Tovagliolo, fazzolettone usato  una volta come fagotto, per trasportare   prodotti alimentari al posto degli odierni sacchetti di plastica.. 3.   Fazzoletto per pulire il naso. (Dal lat. ‘mucus’ mocio, muco > quindi   mezzo per pulire il muco del naso).
Macquatùr(e), s.m. Tovagliolo,   fazzolettone usato  una volta come   fagotto, per trasportare prodotti alimentari al posto degli odierni sacchetti   di plastica. 2. Fazzoletto (Dal lat. ‘mucus’ mocio, muco > quindi mezzo   per pulire il muco del naso). 3. Fazzolo, grosso fazzoletto da testa – Anche:   Pacc(e)lìn(e) (arc.)
Macquatùr(e), s.m. Fazzoletto per pulire   il naso. (Dal lat. ‘mucus’ mocio, muco > quindi mezzo per pulire il muco   del naso). 2. Fazzolo, grosso fazzoletto da testa – Anche: Pacc(e)lìn(e)   (arc.) 3. Tovagliolo, fazzolettone usato    una volta come fagotto, per trasportare prodotti alimentari al posto   degli odierni sacchetti di plastica. – (Dall’Ar.:
Mafal’ànn(e), avv. Anno scorso –   letterare: ‘Mò fà l’ànn(e)’ =   Adesso fà l’anno
Màgg(e), s.m. Maggio
Magghiàrd(e), s.f. Anatra migratrice   (che si ferma negli stagni d’acqua)
Maggior(e), agg. Maggiore, più grande.   2. Maggiore, grado di ufficiale dell’esercito. 3. Maggiore generale, grado di   ufficiale dell’esercito.
Màglj(i), s.m. Maglio, grosso   martello in legno. Detto anche ‘Màzza’)
Magnàtta, s.f. Sanguisuga
Magnèsij(e), s.m. Magnesio
Màh(e), s.m. Mago, che esercita la   sua azione di ‘Ammaharà’ = Ammaliare – Pl.: Màh(e) e Màg(e) – Es:  Rùi màh(e) = Due maghi;  Ì rè màg(e) = I re magi
Màh(e)r(e), s.m. Magro
Màha, s.f. Maga, strega,   fata
Mahàr(e), inter. e Macàr(e), inter. Arc. Magari, almeno,   forsanche
Mahardìa! e Ammahardìa! Inter. Vivaddio, Magari,   Volesse Iddio – Anche: ‘Macardìa’   e ‘Ammacardìa’ arc. –   Beato Dio che lo voglia! – (Dal gr. ‘màcaros = beato’)
Mahardia! e Maharaddìj(e)! inter. Beato Dio che lo   voglia! – gr. ‘màcaros = beato’
Mahazzìn(e), s.m. Magazzino
Maièstr(e), s.m. Maestro  – Femm. ‘maièstra’
Maistrànza, s.f. Maestranza,  manodopera, operai, lavoratori
Màl(e) r'(e) sànt(e) R(e)nàt(e) Epilessia
Màl(e), avv e s.m. Male
Màl(e), s.m. Male
Mal(e)cavàt(e), agg. Malizioso, furbo,   dritto.  Termine usato solo nella   loc.: cùrt(e) e mal(e)cavàt(e) = Còrto e malizioso. –  E’ credenza popolare   che i corti di statura siano maliziosi per natura. – Il termine cavato   significa estratto, nato, venuto fuori.
Mal(e)fat(e)hànt(e) Ozioso, inetto,   cattivo lavoratore. Alla lettera: Mal lavoratore (Fat(i)hànt(e))
Mal(e)fàtt(e), agg. e s.m. Malfatto, malformato
Màl(e)fatta, s.f. Malefatta – pl.: ‘mal(e)fàtt(e)’
Mal(e)fattòr(e), s.m. Malfattore
Mal(e)p(e)nzànt(e), agg. Malpensante
Mal(e)patè, ùt(e) Malandare, rovinarsi.   2. Sciuparsi, invecchiare
Mal(e)r(e)cènd(e), agg. Maldicente
Mal(e)r(e)cènza, s.f. Maldicenza
Mal(e)rìc(e), mal(e)r(e)ciùt(e) Maledire
Mal(e)rìtt(e), agg. Maledetto
Mal(e)sc(e)rtàt(e), loc. agg. Scelto male – (Da   ‘sc(e)rtà’ scegliere)
Mal(e)tìemb(e), s.m. Maltempo, tempaccio
Mal(e)tìemp(e), s.m e Mal(e)tìemb(e), s.m. Maltempo
Mal(e)trattà, àt(e) Maltrattare
Mal(e)uaràgn(e), s.m. Perdita, danno,   scapito
Màl(e)va, s.f. Malva, ‘Malva   silvestris’. Erba che si usa per infusi, decotti:  in gergo dialettale: “Acqua   r'(e) màl(e)va” – L’origine della parola   potrebbe essere da: Male<va(via) perché sembra che lenisca qualsiasi male.
Màl(e)va, s.f. Malva
Mal(e)vasìa, s.f. Malvasia
Mal(e)vìzz(e), s.m. Malvizzo. Altro nome   del tordo sassello (v. tordo).  – (dal   fr. ant. malvis (mod. mauvis), spagn. Malvís)
Mal(e)ziùs(e), agg. Malizioso
Màla_iàst(e)ma, loc. agg. Volgare, ignobile,   plebeo, di cattiva origine, di cattiva stima – Anche: ‘mala_ràzza’ persona   appartenente a gente di cattiva specie
Mala_ràzza, agg. Ignobile, volgare,   plebeo, ignobile, persona appartenente a gente di cattiva origine
Malacriànza, s.f. Maleducazione,   cattiva creanza
Malafèmm(e)na, s.f. Mala femmina, donna   cattiva, volgare
Malahurà, àt(e) Male>Augurare del.   Augurare del male. A’ màmma hàv(e) malahuràt(e) là   fìglia! = La madre ha del augurato male alla figlia!
Malahuràt(e), agg. Malaugorato –   Augurare del male: ‘Malahurà’
Malahuràtamènt(e), (avv.) Malauguratamente
Malahùrij, s.m. Malaugurio – ‘Uccello   del malaugurio’ = ‘Aucìegghj(i) r'(e) lù malahùrij’
Malalènga, s.f. Malalingua, persona   pettegola e maldicente
Malalènga, s.f. Malalingua, mala   lingua
Malamènd(e), agg. e malamènt(e),agg. Cattivo, perfido – Quìgghj(i) è nù malamènd(e) = Quello è un cattivo
Malamènt(e), avv. e malamènd(e), avv. Malamente, per   indicare soprattutto un modo sbagliato, qulcosa fatta male
Malandrìn(e), agg. Malandrino
Malànn(e), s.m. Malanno
Malaparàta, s.f. fam. Malaparata. – Grafia   meno com. per mala parata.  Situazione   che si mette male. – (Da: parata, il riparo che si fa per la difesa…) – Vìsta là malaparàta m'(e) là squagliàij(i) =  vista la mala parata (riparo), me la   svignai
Malapèna, s. f. Malapena, usato solo   nella loc.: a malapena, con difficoltà, a fatica: parlare a malapena. –   À malapèna èia trasùta à màcchina, (i)ndà ù garàg(e) = A malapena è entrata   l’automobile,  in garage.
Malàt(e), agg. e ‘Tèn(e). . .’ Affetto, malato – Andrèi(e) tèn(e) à (i)nfluènza = Andrea è affetto   dall’influenza
Malàt(e), s.m. Malato – Tù sì   malàt(e) (i)ncàp(e)! = Tu sei malato nella testa!
Malatìa, s.f. Malattia
Malìgn(e), s.m. Maligno
Maltagliàt(e), s.m. pl. Maltagliati. Tipo di   pasta tagliata in pezzi sbiechi
Maluàs(e), agg. e Mal(e)vàs(e), agg. Indomabile, indocile,   ribelle, sfrenato –  (Dall’ant. sp.   ‘malvazo’ malvagio, dal b. lat. ‘malvasius’    a sua volta dal lat. ‘male levatus’ male allevato) – S’hàv(e) accattàt(e) nnù mùl(e) maluàs(e) – Ha comprato un mulo   sfrenato
Malùocchj(i), s.m. Malocchio, forza   malefica che si sprigionerebbe a discapito di qualcuno per mezzo della forza   degli occhi di un ammaliatore (iettatore) in genere provocando persino mal di   testa (‘Piglià arùocchj(i)’)
Malùort(e), agg. arc. Deforme, mal nato.   –  (Dal lat. ‘malus ortus’), mal   nato.
Malupìn(e), agg. Pelo<Di mal, detto   in senso dispreg. di persona infida. – Ù rùss(e) malupìn(e) = Il rosso (dai   capelli rossi) furbetto, scaltro
Malvìzz(e), s.m. Tordo sassello,   uccello (Turdus iliacus)
Mambrùcca, s.f. Donna brutta   estupida, melensa, tonta
Màmma r'(e) làtt(e), s.f. Nutrice, balia
Màmma, s.f. e Màtra, s.f. arc. Mamma, madre. – Tua   madre = “Màmmata” –   Espressione tronca, per chiamare la mamma: “Mà”. Mamma + nome della nonna  = Màmma… + (Nome del nonno) – “Màmma_Chèla” = Nonna Michela
Màmma: ‘nome della nonnÀ, s.f. Nonna + nome della   nonna = – “Mamma_Chela” = Nonna Michela. 2.  Espressione   tronca, per chiamare la mamma: “Mà”.
Mammalùcch(e), s.m. Mammalucco,   mamelucco, di pesona stupida e goffa (Ar. ‘mamluk’ , schiavo, posseduto ed   anche ‘soldato mercenario egiziano’)
Mammarùl(e), s.m. e agg. Mammone, di persona   molto attaccata alla mamma
Mammòcc(e), s.m. Bamboccio, mamozzo,   fantoccio, pupazzo, spaventapasseri.    2. Persona deforme, persona ingombrante, persona brutta
Mammòcc(e), s.m. Deforme<Persona,   persona brutta. 2. Bamboccio, fantoccio pupazzo, spaventapasseri
Màn(e) càta màn(e), loc. Da mano a mano,   passarsi qualcosa da mano a mano (Dal greco ‘Katà’ vicino, vicino la mano, di   seguito)
Màn(e), s.f. Mano. – Rà a’rmàn(e) = Dar di piglio, afferrare   con protezza e decisione –   In mano = ‘Mmàn(e)’. – Plurale:   “Màn(e)”; Anche:   “Vrànz(e)”
Màn(e)ca, s.f. Manica di un capo di   vestiario.  2. Masturbazione
Màn(e)ca, s.f. Masturbazione. 2.   Manica di un capo di vestiario
Man(e)catùra, s.f. Ammanicatura, (dial.   napoletano) regalia fatta, oltre il fitto pattuito, dal fittavolo al padrone   del terreno, per suggellarne la fedeltà, dovuta ad un rapporto di omertà,   clientelismo  (Da ‘manicare’, mangiare   )
Man(e)cègghia, s.f.,  e   Manùzza s.f. e Manzògghia, s.f. Manina
Màn(e)ch(e), s.m. Manico
Màn(e)mmèrsa, s.m. Manrovescio. Colpo   violento inferto col rovescio della mano. – Hà dàt(e) nù sc(e)càff(e) a   màn(e)_mmèrsa! _ Gli ha dato uno schiaffo a ‘manrovescio’
Màn(e)mùrz(e) Monco di una mano
Man(e)scjà, s.m. Maneggiare, tastare,   palpare
Manàta, s.f. Manàta. 2. Impronta   di una mano
Mancà, àt(e) e Mangà, àt(e) Mancare
Mancanìegghj(i), s.m. e Manganìegghj(i), s.m. Manganello. 2.   Correggiato, asta in legno a capo della quale è attaccato tramite una cinghia   un bastone, chiamato vetta, e serviva ber battere in grano e le altre biade,   prima che ci fosse l’avvento delle trebbiatrici.
Mànch(e), avv. e Màngh(e), avv. Manco, neanche,   nemmeno, neppore – Ìj(e) mànch(e) (i)ng'(e) pènz(e) = Io neanche ci penso
Mancùs(e), agg. e mangùs(e), agg. Tramontana<   esposto a.  Esposto a tramontana, a   nord, quindi con meno sole. ( Dal latino ‘mancus, monco, manchevole. Il   passaggio da ‘manchevole’ a’ luogo esposto a tramontana’ è avvenuto   attraverso il senso ‘ mancanza di sole. – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo –   UTET-2005 alla voce: ‘mancùsÙ) – “‘Tèngh(e) nà vìgna à mancùs(e) = Ho un   vigneto esposto a nord – – Per indicare l’esposizione a sud vedere:   “Dèstra à sòl(e)”
Mànd(e)c(e), s.m.  e   Màndac(e), s.m. Mantice, con forma a   pistone od a otre (lat.: ‘mantica’ sacca, borsa)
Mand(e)cijà, àt(e) e Mandacijà, àt(e) Mantacare, soffiare   con il mantice, far muovere il mantice. 2. Copulare.
Mand(e)lìn(e), s.m. Mandolino
Mandacètt(e), s. m. e sc(e)sciatùr(e), s.m. arc. Manticetto,   manticino, soffietto
Mandacijà, àt(e) e Mand(e)cijà, àt(e) Copulare. –   (Dall’analogia con il movimento ritmico che si dava alle leve per far muovere   il mantice). 2. Mantacare, soffiare il mantice.
Mandànt(e), s.m. e Mandànd(e), s.m. Mandante
Mandarìn(e), s.m. Mandarino, pianta e   frutto
Mandèlla, s.f. e Mantèlla, s.f. Mantiglia,   mantellina, in genere lavorata ad uncinetto, usata come abbigliamento   femminile
Mandròn(e), s.m. Animale stravaccato,   scompostamente sdraiato, pesante.  (Dal   modo di riposare degli animali nel ‘Mandròn(e)’, s.m. Recinto per animali). –   S’èia m(e)nàt(e) (i)ngìmm’à lù lìett(e), cùm(e) nù   mandròn(e) = Si è buttato sul letto, stravaccato, pesantemente. 2. Mandra,   ovile, recinto per animali
Mandròn(e), s.m. Ovile, mandra,   recinto per chiudere animali. (Gr: ‘Mandra’ mandra). 2. Animale stravaccato,   scompostamente sdraiato, pesante.
Mandùozz(e), s.m. Cumulo, mucchio,   ammasso,
Mandùozz(e), s.m. Mucchio, cumulo,   ammasso
Manèra, s.f. Maniera, modo – P'(e) n(e)sciùna manèra! = Per nessuna maniera!
Màngan(e), s.m. Mangano, bastone per   battere – gr. ‘mànganon’
Mangànd(e), agg. e Mancànd(e), agg. Mancante
Manganìegghj(i), s.m. e Mancanìegghj(i), s.m. Correggiato, asta in   legno a capo della quale è attaccato tramite una cinghia un bastone, chiamato   vetta, e serviva ber battere in grano e le altre biade, prima che ci fosse   l’avvento delle trebbiatrici. 2. Manganello
Manganìegghj(i), s.m. e Manganìell(e), s.m. Manganello
Màngh(e), avv. e Mànch(e), avv. Neanche, manco,   nemmeno – Màngh(e) à fàrl(e) appòsta. . . = Neanche a   farlo di proposito. . .
Mangià, àt(e) Mangiare
Màngia, s.f. e Mancia, s.f. Mancia, regalìa
Mangiamìend(e), s.m. Mangiamento, mangeria
Mangiàta, s.f. Mangiata
Mangiatòr(e), s.m. Mangiatore
Mangiatòra Mangiatoia. Per   piccoli animali domestici: vedere “A’ut(o)” = Trogolo
Mangiatòria, s.f. Mangiatoria,   pappatoria, il mangiare
Mangìn(e), agg. Mancino
Mangiòn(e), s.m. Mangione, ingordo –   Al contrario, inappetente: ‘ Lìccul(e)’
Maniàta, s.f. Manàta, manciàta,   piccola quantità, un pugno; Sìt(e) nà maniàta r(e)   f(e)tìent(e)! = Siete un pugno di fetenti! – 2. Manica, fitta, Es.: Una   manica di ladri = “Nà maniàta r'(e) mariùol(e)”
Maniàta, s.f. Manica, fitta, Es.:   Una manica di ladri = “Nà maniàta r'(e) mariùol(e)”. 2. Manàta,   manciàta, piccola quantità, un pugno; Sìt(e) nà maniàta   r(e) f(e)tìent(i)! = Siete un pugno di fetenti!
Manicòmij(e), s.m. Manicomio
Manìescj(e), s.m. Traccia, segno,   impronta, indizio
Manìglia, s.f. Maniglia
Manigliòn(e), s.m. Chiavistello,   catenaccio
Mannà, àt(e) Mandare
Mannàggia, inter. Mannaggia,  pop. maledetto, maledizione. – Alla   lettera: (Mal ne abbia)
Mannàra, s.f. Mannaia, coltello di   grandi dimensioni con ampia e pesante lama rettangolare o trapezoidale,   adoperato in macelleria e in cucina per fare a pezzi la carne e spezzare gli   ossi
Mannàta, s.f. Mandata, invio,   spedizione, girata. 2. Scatto singolo    del paletto della serratura, ottenuto col girare la chiave nella   toppa: serratura a una, a due, a più mandate
Mannàta, s.f. Scatto singolo  del paletto della serratura, ottenuto col   girare la chiave nella toppa: serratura a una, a due, a più mandate. 2.   Mandata, invio, spedizione, girata
Mànt(e), s.m. e Mànt(e), s.m. Manto, mantello
Mànt(e)c(e), s.m.; Mànd(e)c(e), s.m.; Màntac(e), s.m. e   Màndac(e), s.m. Mantice
Mant(e)né
Mant(e)nè, ùt(e) Mantenere
Mànta, s.f. e Mànda, s.f. Manta, trapunta,   coperta da letto. – (Dallo sp. “Manta”)
Mantèlla, s.f. e Mandèlla, s.f. Mantellina,   mantiglia, in genere lavorata ad uncinetto, usata come abbigliamento   femminile –
Mantènè, ùt(e) Mantenere, reggere
Mantìeggh(i) à ròta, s.m. e Mantìell(e) à ròta, s.m. Mantello a ruota,   molto ampio di cui uno dei due lembi si arrotola intorno alla persona e si   appoggia sulla spalla.
Mantìegghj(i), s.m. e Mantìell(e), s.m. Mantello, manto –   (anche: ‘Mànt(e)’)
Mantìell(e) à ròta, s.m. e Mantìeggh(i) à ròta, s.m. Mantello a ruota,   molto ampio di cui uno dei due lembi si arrotola intorno alla persona e si   appoggia sulla spalla.
Mantìell(e), s.m. e Mantìegghj(i), s.m. Mantello
Mantùozz(e), s.m. e Mandùozz(e), s.m. Cumulo, mucchio,   ammucchiamento
Manuàl(e), s.m. Manovale adìle. 2.   Manuale
Manuàl(e), s.m. e agg. Manuale, operazione,   o anche attività, compiuta quasi esclusivam. con le mani . Es.: Manovale   edìle
Manùzza s.f. e Manzògghia, s.f.,    e Man(i)cègghia, s.f. Manina
Mànz(e), agg. Mansueto, manso,   addomesticato, docile, inoffensivo
Mànz(e), s.m. Manzo
Mànzògghia, s.f. e Man(e)cègghia, s.f. Manina
Mànzògghia, s.f. e Man(e)cègghia, s.f. Manina
Manzògghia, s.f.,  e   Man(i)cègghia, s.f.,  e Manùzza s.f. Manina
Mapp(e)n(e)scià, àt(e) Pulire con uno   straccio (mappina) in modo abborracciato, in modo disordinato, affrettato,   con scarso risultato
Mappàta, s.f. Involto, fagotto,   mucchio (Cio che è raccolto in un panno) – (Dal lat. ‘mappa’ tovagliolo). –   Dim.: fagottino =  ‘Mappatèlla’ s.f.
Mappìn(e), s.m. e Mappìna, s.f. Sberla, schiaffo. Hàv(e) all(e)ndàt(e) nà mappìna = Gli ha dato uno schiaffo. – Anche ‘Mappìn(e), s.m.    – (Dalla similitudine  della   mano aperta che dà lo schiaffo con un tovagliolo). 2. Strofinaccio logoro,   cencio, canovaccio, straccio. (Lat.: ‘Mappa’)
Mappìna, s.f. e Mappìn(e), s.m. Cencio, canovaccio,   straccio, strofinàccio. tovagliuola (Lat.: ‘Mappa’ ). – Pulire male con una   ‘mappina’ = ‘mapp(e)n(e)scià’.   2. Schiaffo, sberla
Màr(e), s.m. Mare
Mar(e)nnègghia, s.f.  e   Mar(e)nnèlla, s.f. Madonnina, Madonnella
Mar(e)nnèlla, s.f.  e   Mar(e)nnègghia, s.f. Madonnella, Madonnina
Mar(e)sciàll(e), s.m. Maresciallo
Màra tè! loc. e  Ammàra   tè! Ioc. Misero, povero,   triste. – Màra tè! = Povero te! a valore ammonitivo
Maràna, s.f. Stagno, acquitrino
Maranghìn(e), agg. – s.m. Audace, furbo. – (Da   marangone, mergóne s. m. [accr. di mergo], nome comune per l’uccello smergo   maggiore che cattura i pesci tuffandosi sott’acqua. (Lat.: ‘mergere’- In   passato, sinin. di maestro d’ascia, o anche, più genericam., carpentiere   navale. Anche  dall’arabo: ‘Maharram’   cosa proibita, il termine ‘Maranghìn(e) dimin. di marangone nei racconti è un   essere che fuoriesce dai pozzi spaventando chi incautamente si avvicini.   Evidentemente per scoraggiare gli estranei a servirsene ed evitare, più che   altro, di subire eventuali danni)
Maranghìn(e), s.m. – agg. Ladro, mariolo   particolarmente accorto e audace  2.   Audace, furbo (aggettivo)
Maravèglia, s.f. e Maravìglia, s.f. Meraviglia, stupore,   sbalordimento. – (Dal lat.: ‘mirabilia’ e dal catalano: ‘maravella’   meraviglia). –  Il term. ‘maravèglia’   viene usato (ironicamenta) solamente verso chi è ricaduto nello stesso   errore,  con l’espr.: Chè maravèglia! = Chè sbalordimento!   (mi dici sempre le stesse cose!) _
Maraviglià, àt(e) Meravigliare
Maravìglia, s.f. Meraviglia
Maravìglia, s.f. e Maravèglia, s.f. Stupore, meraviglia,   sbalordimento. – (Dal lat.: ‘mirabilia’ e dal catalano: ‘maravella’   meraviglia). –  Il term. ‘maravèglia’   viene usato (ironicamenta) solamente verso chi è ricaduto nello stesso   errore,  con l’espr.: Chè maravèglia! = Chè sbalordimento!   (mi dici sempre le stesse cose!) _
Màrca, s.f. e Mèrch(e), s.m. Marca, marchio di   fabbrica
Marcangègn(e), s.m. Marchingegno (voce di   origine meridionale)  – Ordigno   ingegnoso, congegno complicato
Marchès(e) Marchese. Termine   usato anche per indicare il mestruo, la mestruazione -(Sembra che l’origine   del termine derivi segni distintivi del vestiario di colore rosso per   distinguersi dagli altri nobili per cui quando si vedeva arrivare qualcuno   vestito di rosso si diceva “arriva marchese!”
Marchès(e) Mestruazione, mestruo
Marchètta, s.f. Marchetta
Marcì, marciùt(e) Marcire, guastarsi,   infracidire
Marcià, at(o) Marciare
Marciappìer(e), s.m. arc. e Marciappìed(e), s.m. Marciapiede
Marcòffij(e), s.m. Marcolfo, persona   rozza e sguaiata, dal nome proprio di un personaggio della novellistica   germanica Marcòffij(i) (i)ndà là lùna = Marcolfio nella   luna (Riferito al volto che sembra emergere dalle   macchie lunari)
Marij(i)ngìegghj(i), s.m. Ladruncolo
Marìn(e), agg. Marino, attinente al   mare
Marìngula! Maràngula! loc. Marìngula! Maràngula!   dial. Parole dette per impressionare gli astanti e mettere paura, come se   fossero proferite da una strega. – (Da ‘mara’, incubo , di origine germanica,   che con il suffisso ‘antola’ (dial.: ingula/angula) nei paesi del nord hanno   assunto il significato di strega, befana (Friul: ‘marantule, marangule –   Probabile anche l’origine dal gr: ‘mara’ languore, oppressione)
Marìt(e), s.m. Marito. Mio marito:   “Marìt(e)ma”. Tuo   marito: “Marìtta”
Mariùol(e) s. m. Mariolo, ladro. – f. “Mariòla” – (Sp.: ‘Marrullero’ imbroglione)
Màrm(e), s.m. e Màrmar(e), s.m. arc. Marmo
Marmìsta, s.m. Marmista
Marmìsta, s.m. Marmista, scalpellino
Marmìtta, s.f. Marmitta, piccola,   portatile per trasportare il pranzo. 2. Marmitta, grosso recipiente per il   trasporto del latte. 3. Serbatoio di raccolta dei gas di scarico di un motore   a combustione interna con funzione di silenziatore
Maròcch(e), s.m. Marocco
Marocchìn(e), agg. e s.m. Marocchino
Marònna, s.f. Madonna. – Detti volgari: per indicare un   uomo qualsiasi : Quìgghiu marònna m’àdda rà   cìend(e) èur(e) = Quella persona mi deve    cento euro – per ingrandire, magnificare   qualcosa: V(e)rìett(e) nà marònna r'(e) sèrpa! =   Vidi un grande serpente. 2: La commemorazione   della natività della Madonna dell’ 8 Settembre:   ‘A’ Marònna’
Maròsc(e)ca, s.f. Madonna. Termine,   eufemistico per scrupolo religioso, per ingiuriare la Madonna
Marpiòn(e), s.m. Marpione,   furbacchione, persona scaltra, senza scrupoli, che approfitta di ogni   situazione volgendola a proprio vantaggio.
Marròn(e), s.m. e agg. Marrone, colore.  2. Marrone, errore grossolamo
Mart(e)gghià, àt(e) Martellare
Mart(e)llìna, s.f. Martellina, martello   da muratore, usato per tagliare laterizi, scalfire intonaci e per rifinire le   superfici della pietra già tagliata. 2. Freno a mano (arc.)
Mart(e)llìna, s.f. arc. Freno a mano in   dotazione a  carretti, carrozze, carri   agricoli tirati dai buoi, ecc. Formato da una leva ed un piccolo   parallelepipedo, in legno, del tutto simile ad un martello.  – Tìra la mart(e)llìna!   – Tira il freno a mano! 2. Martellina, martello da   muratore
Mart(e)rì, s.m. Martedì
Marùqua (i)nguglj(i)nùr(e). s.f. Lumaca, limaccia –   (Chiocciola Nuda: (Maruqua (i)nguglj(i)nùr(e))
Marùqua, s.f. Chiocciola, limaccia.   Mollusco dei Gasteropodi polmonati, commestibile. (Lat. Parlato: ‘Marucca’)
Maruquègghia, s.f. Chiocciolina
Maruquòn(e), s.m. Chiocciolone
Màrz(e), s.m. Marzo
Marzaiùol(e), agg. Marzaiolo, di marzo –   Femm: ‘Marzaiòla’
Marzùcca, s.f. Mazurca, danza di   origine polacca
Mas(e)nicòla, s.m. e MasInicòla, s.m. Basilico (L’origine   primaria del nome deriva dal gr.: ‘basilikhv’    > greco bizantino ‘basilikon’ > che poi si è diffuso nel   meridione d’Italia in ‘vasenicola’, ‘vasilicòia’, e tante  altre varianti mentre in Calitri si è   affermato il termine ‘mas(e)nicòla’)
Màsc(e), s.m. Robinia,   Acacia<Falsa, pianta e Infiorescenza (commestibile, dal sapore dolce).
Màsc(e)cara, s.f. Maschera – (Dallo   sp.: ‘máscara’)
Masc(e)caràta, s.f. Mascherata (Ar.:   ‘masckarate’ risata)
Màsc(e)caràta, s.f. Mascherata. Nel   paese,  il giorno di S. Antonio abate:   “Sandandùon(e)”   avvenivano i festeggiamenti a cui partecipavano specialmente i ragazzi,   mascherandosi, e scherzando,    utilizzando con grande fantasia vestiti recuperati in casa, stracci,   cartoni e quant’altro suggeriva loro l’immaginazione. Per i più piccoli,   alcune botteghe, vendevano anche qualche povera maschera di cartone,   rappresentante in genere animali oppure personaggi fantasiosi come pirati, il   diavolo, l’orco, ecc.
Masc(e)carìna, s.f. agg. Mascherina di cuoio   sulla punta della scarpa
Masc(e)catùra, s.f. Chiusura, serratura
Màsc(e)ch(e), s.m. Serratura (anche S(e)rratùra), lucchetto (anche Lucchètt(e)) – Piccolo: “Màsc(e)ch'(e)tìegghj(i)”
Mascàgna, s.f. Capelli pettinati   all’indietro, senza scriminatura. Pettinatura maschile che prende il nome da   come li portava il famoso musicista Mascagni, da cui l’espressione ‘capelli   alla Mascagna’
Màscèlla, s.f. Mascella, ciascuna   delle due ossa della faccia e del mento. 2.    Tavoletta di legno per carpenteria (Se derivante da  pezzi di tavole rotte:   “Stascègghia” e “Tascègghia”
Màscèlla, s.f. Tavoletta di legno   per carpenteria (Se derivante da  pezzi   di tavole rotte: “Stascègghia” e “Tascègghia”  2. Mascella,   ciascuna delle due ossa della faccia e del mento.
Mascèsa, s.f. Maggese, campo   lavorato ma tenuto a riposo, non seminato
Masciàta, s.f. e Mmasciàta, s.f. Richiesta di   fidanzamento. –  L’hàv(e) fatt(a)  là mmasciàta = le ha fatto la richiesta di   fidanzamento. 2. Messaggio, ambasciata, annunzio
Mascìja, s.f. Magia
Mascijàr(e), s.f. Fattucchiere, mago (Màh(e))
Mascijàra, s.f., s.f. Maga, fattucchiera
Masciòtt(e)la, s.f. Formaggio<Forma   di.  Forma di formaggio, di cacio
Màscul(e), s.m. e agg. Maschio (Lat.:   Masculus)
Masculìn(e), agg. Mascolino
Màss(e), s.m. Masso
Massàr(e), s.m. Massaro, mezzadro o   fattore che presiede all’amministrazione e coltivazione di poderi o che   dirige un’azienda pastorizia. svolge la sua attività prevalentemente nella   “Massarìa” – (Lat. Barb. ‘Mansarius’ fittaiuolo   a sua volta da ‘massa’ o ‘mansa’ fattoria casa di campagna)
Massarìa, s.f. Masseria, azienda   rurale, indicante i fabbricati con alloggio padronale, terreni, animali,   stalle e magazzini. Avente nei pressi l’aia (A’ria) dove avvenivano le lavorazioni, il pozzo, il mondezzaio   “M(e)n(e)zzàr(e)”   ed i fabbricati annessi, tipo: “Pannìzza”,   “Casìegghj(i)”, “Pèrana” – (Lat. barb. ‘massa’ o ‘mansa’   ed anche ‘mansus’ dal verbo ‘manere’, fattoria casa del contadino    ed anche il suo terreno)
Massariànd(e), s. e pl. m. Masseriante   (dialett.), colui che vive in una masseria
Màst(e) + . . . , s.m. Mastro . . .,   maestro. . .,   (Forma abbreviata di   ‘mastro’ usata davanti al nome del professionista o precedendone la   professione)  – Và   (i)ndò màst(e)_Giuànn(e) cà t'(e) fàc(e) nù bbèll(e) lavòr(e)! = Rivolgiti a   Mastro Giovanni che ti fa un buon lavoro!
Màst(e) carrìer(e), s.m. Carradóre (non com.   carratóre) s. m. (der. di carro). – 1. Artigiano che fabbrica carri e   barrocci
Màst(e) r’àscia Mastro di ascia,   falegname
Màst(e)c(e), s.m. Mastice
Mastazzùol(e), s.m. Mostacciolo, dolce   tradizionale natalizio del meridione, comunemente di forma romboidale. – (Il   Rohlfs, nel suo Dizionario dialettale delle tre Calabrie, del 1934, li   cataloga come “specie di dolci di farina impastata con miele, mosto cotto e   conditi con droghe”. In ogni caso incerta è la vera origine dei mostaccioli,   forse araba, anche se il nome deriva dal latino “mustacea”
Mastazzùol(e, s.m. Mostacciòlo,   mostacciuòlo. Dolce che si usa in genere alle feste natalizie a base di   farina, zucchero,  il mosto, cioccolato   ed altri ingredienti quali ad es. mandorle, il miele,  ecc.) s. m. – [Dim. del lat. ‘mustaceus’ o   ‘mustaceum’, specie di dolce, der. di ‘mustum’ (mosto)
Masticànda, s.f. e Hòmma masticànda, s.f. Caucciù (Neologismo),   gomma da masticare
Màstr(e), s. m. e Màst(e), s.m. Mastro, maestro –   Imparare un mestiere presso un maestro: ‘scj à lù màstr(e)’
Màstra, s.f. Maestra artigiana. In   genere sarta. – A’ màstra m’hàv(e) cusùt(a) là hunnègghia = La maestra   (Sarta) mi ha cucito la gonna.
Mastrànza, s.f. Mastieranti>   Totalità dei. Totalità dei mestieranti del paese, in generale, intesa quasi   come una corporazione d’arti o mestieri
Mastrià, àt(e) Armeggiare, operare,   professare, darsi da fare – Chè t'(i) mastr(e)ìj(e)  llòc(o)? = Cosa armeggi costì?
Mastrìegghj(i), s.m. Trappola per topi,   consistente in una gabbietta con una porticina che si richiude di scatto alle   spalle del topo quando, entrando, attratto da un’esca, l’ha fatta partire. –   Dal lat.: tardo latino: “mustricula” che, a sua volta, unisce il   sostantivo “mus” (topo) e il verbo “tricare” (intrigare)
Mastrìss(e), s.m. Saputo, saputello,   pedante; presuntuoso, borioso, saccente –    (Da ‘màstr(e)’ maestro) – Femm.: ‘mastrèssa’
Mastròn(e), s.m. Mastro<Valente
Mat(e)nàta, s.f. Serenata. – (Forse   dal fatto che a volte si protrae fino all’alba). 3. Resoconto dettagliato,   preciso di un battibecco, di una lite, ecc. 3. Mattinata, tutto lo spazio   della mattina
Mat(e)nàta, s.f. Resoconto   dettagliato, preciso di un battibecco, di una lite, ecc. – (Il significato di   ‘resoconto’ forse nasce dal fatto che l’accaduto vuol essere conosciuto bene,   fin dall’inizio, dala ‘mattinata’)  – Ma chè èia s(e)ccìess(e)? Mò raccòndam(e) tùtta à mat(e)nàta!   = Ma cosa è successo? Adesso raccontami tutto il resoconto! 2. Serenata. 3. Mattinata, tutto lo spazio della mattina
Mat(e)nèlla, s.f. Mattonella,   piastrella. Termine riferito in genere per pavimentazione – Anche: ‘R(i)ggiòla’
Mat(e)nèlla, s.f. Mattonella,   piastrella
Mat(e)tìn(e), s.m. e agg. Mattutino, l’inizio   del giorno, (agg.) mattinale, mattiniero. – (Dal lat.: ‘matutinum’ mattino). 2. Il suono della campana che annunzia il giorno.   – S’èia auzàt(e) à mat(e)tìn(e) = Si è alzato al   primo mattino
Mataràzz(e), s.m. Materasso. Un   materasso usato una volta dalla povera gente veniva chiamato “Saccòn(e)”
Matarazzìn(e), s.m. Materassino
Matàssa, s.f. Matassa
Matassàr(e), s.m. Aspatoio, aspatrice,   matassatrice. Attrezzo di uso domestico o artigianale adoperato, spec. in   passato, per ridurre in  matasse di   filo, lana e simili. Il più antico ed elementare è costituito da un   bastoncello di circa 40-50 cm. di lunghezza , terminante alle due estremità a   forcella, sulle quali veniva avvolto, a mano, il filo, per l’ammatassatura.
Matatòrr(e), agg. Possente, vigoroso,   grande
Matatòrr(e), s.m. Autocarro grande,   possente
Matèria, s.f. Pus, purulenza,   marcia (pop.).
Matìn(e), s. m. Mattino. – A mattino   molto presto : “A’ mat(e)tìn(e)”
Matìna, s.f. Mattina
Matòn(e), s. m. Mattone. –  (Dal lat. ‘màctus’ compatto, denso,   divenuto, dopo l’influenza dell’alt. ted.: ‘matte’ massa compatta: ‘macta’,   ‘matta’ quini l’accr. ‘mattone’ col significato di grossa massa,compatta).  – Matòn(e) chìn(e) = Mattone pieno –   Cannocchiàl(e) = Mattone con due grossi fori – Foràt(e) = mattone forato
Màtra, s.f. arc. e Màmma, s.f. Madre, mamma
Matrègna e Matrèia, s.f. Matrigna, madrigna
Matrèia, s.f. e Matrègna Madrigna, matrigna
Matrimònij(e), s.m. e Sp(e)salìzzij(e) Matrimonio,   sposalizio, nozze, uno dei sette sacramenti
Màtt(e)l(e), s.m. Mannello, fastello,   mazzetto, manipolo, piccola massa di spighe mietute, contenuta da una   mano.-  Pl.: ‘Màtt(e)l(e)’.   – (Dal lat. ‘màctus’ compatto, denso, divenuto, dopo l’influenza dell’alt. ted.: ‘matte’ massa compatta: ‘macta’, col significato di insieme,   mucchio, massa: dal femm. ‘macta’ si ha il suo diminutivo: ‘mactola’ matt(e)l(e)) – Vedere anche: “M(e)tènna” mietitura. 2. Miscuglio, mescolanza.
Màtta Matta. Nel gioco delle carte, carta di un determinato seme e valore   alla quale, secondo le regole del gioco o per convenzione fra i giocatori, il   giocatore che la possiede può dare il valore che vuole
Mattùoglj(i), s.m. Inviluppo, groppo,   groviglio, intreccio, intrico, massa compatta di un impasto, di una mistura,   di un miscuglio. 2. Mazzetto,rinvolto, fagotto, cartoccio. –  (Dal lat. ‘màctus’ compatto, denso,   divenuto, dopo l’influenza dell’alt. ted.: ‘matte’, massa compatta: ‘macta’,   col significato di insieme, agglomerato, massa: matta, che col suff.   ‘ùoglj(i)’ diviene il nostro diminutivo: ‘Mattùoglj(i)’ che  vuol significare: ‘sorta di piccolo   agglomerato, di un piccolo insieme’)
Mattùoglj(i), s.m. Involto, mazzetto,   cartoccio, fagotto.  2. Inviluppo,   groppo, groviglio, intreccio, intrico, massa compatta di un impasto, di una   mistura, di un miscuglio
Maturà, àt(e) Maturare
Màul(e), s.m. Uomo pigro e fa le   cose con molta lentezza (Da: Vocabol. Napoletano italiano di Raffaele   Andreoli – Salavatore Di Fraia Editore alla voce: ‘maula’) – (L’abruzzese:   ‘màule’ con stesso significato) – (il calabrese ‘màula’ col significato: uomo   pigro, grullo, chetone) – (Da ‘mola’ macina, che gira lentamente)
Màus(e), s.m. Mouse
Màzz(e), s.m. Mazzo. 2. Sedere,   culo.  2. Fortuna, sinonimo di fortuna
Màzz(e), s.m. Sedere, culo,   sinonimo di fortuna. – Tèn(e) nù màzz(e)! = Ha una   fortuna!  2.   Mazzo
Mazz(e)cà, àt(e) Masticare, mazzicare   (arc)
Mazz(e)chià, àt(e) Masticacchiare,   mangiar poco e adagio e senz’ appetito
Màzza (r'(e) fìerr(e)), s.f. Mazza, grosso   martello di ferro quadrato in abedue i lati e manico in legno.
Màzza e pÌuz(e), gioco Rela, Lippa (tosc.),   gioco che si pratica con due bastoni, uno lungo (Màzza) e l’altro piccolo,   appunto la lippa, che, messo per terra, si fa sollevare in aria con un colpo   della mazza dato su una delle punte e colpendolo ancora si fa andare il più   lontano possibile. Il giocatore continua in tal modo finchè non sbaglia il   colpo. Vince colui che in tal modo porta il “Pì’uz(e)” più   distante.
Màzza, s.f. Mazza, bastone.  Piccola: “Mazzarègghia” f.  o “Mazzarìegghj(i)” m. o “Mazzarègghia”, f. – Gioco   della “Lippa” con due bastoncini: “Màzza e pÌuz(e)”. 2.   Mazza, grosso martello di ferro quadrato in abedue i lati e manico in legno
Mazzacàn(e), s.m. Sasso, pietra grossa,   di scarto, nei lavori di costruzione in pietra. – (Da: ‘mazza’ per   “ammazza” e ‘càn’ cani – grossa pietra che colpendo un cane è   capace di ammazzalo).)
Mazzàta, s.f. Mazzata, bastonata,   percosse in generale.
Mazzètta, s.f. Mazzetta, piccola   mazza, diminutivo di mazza, piccolo ramo. – Anche.: ‘Mazz(e)tègghia’. 2. Mazzetta, piccolo martello in ferro, piccola mazza. 3.   Mazzetta, pacchetto di banconote, bustarella, tangente
Mazzià, àt(e) Bastonare, dare   mazzate
Mazziàta, s.f. Bastonatura, dose di   bastonate
Mazzìer(e), s.m. Mazziere, inteso come   il commerciante di bestiame (In quanto fornito di una mazza. 2. Nel gioco   delle carte, chi tiene il mazzo, e quindi distribuisce le carte agli altri   giocatori
Mazzijà, àt(e) Mazziare (nap.),   bastonare – (der. di mazza) – Spec., in senso fig., nell’espressione cornuto   e mazziat(e), di chi subisce il danno e le beffe
Mazzijàta, s.f. Botte > Quantità   di. Quantità di botte, di busse
Mazzòla, s.f. Mazza, piccola mazza   di ferro
Mazzòla, s.f. Mazzuola, Arnese   (detto anche mazzuolo), a forma di martello, generalmente con testa di legno
Mè, inter. Suvvia, dai, non   prendertela, smettila
Mè, inter. Dai, non prendertela,   smettila, suvvia
Mècca, s.f. Moccio, moccolo, muco   delle membrane nasali – (Lat.: ‘muccus’)
Meccànich(e), s.m. Meccanico
Mèccia, s.f. Calettatura,  incastro, connessura, attaccatura,   unione,  giuntura, parte maschia   dell’incastro (Dal fr.: ‘mèche’ miccia, punta di trapano – Dal.: Gr.:’myka’,  ‘mykes’ lucignolo) – Cervello ( come   sinonimo in quanto è l’organo che ‘connette’ i pensieri)
Mèglj(i), avv. e agg. Meglio, migliore
Mèl(e), s.m. Miele – Il miele = R'(e) mèl(e)
Mèlma, s.f. Melma, fanchiglia,   fango
Mèn(e), avv. e agg. e Mèna, avv. e agg. e Mènu, agg. e avv. Meno – So r'(e) cìngh(e) mèn(e) rìec(e) = Sono le cinque meno dieci –   Nìent(e) r'(e) mèna èra già fàtt(e) nòtt(e) quànn(e) sò arr(e)vàt(e) =   Nientemeno era già fatto notte quando sono arrivati
Mèna! mò! Inter. Avanti! Coraggio! –   (letteralmente: ‘conduciti avanti! Adesso! – (Da: ‘mena’ condurre, condursi   avanti)
Mèna, inter. Suvvìa, esclamazione   di incoraggiamento, col significato: va tutto bene, muoviti, vai avanti, non   pensarci, coraggio –    – (Da: ‘mena’ condurre, condursi avanti). – Mèna mò = Suvvia adesso,   va tutto bene – A’   mèna! = Suvvia, non ci pensare!
Mèna, s. f. Mena, ant. o region.   L’atto di menare, cioè di condurre. In partic., mena delle pecore,   espressione ancora oggi in uso nei dialetti abruzzese, laziale e pugliese, e   usata ufficialmente, dall’epoca aragonese fino all’età napoleonica, per   indicare la transumanza.
Mendicànd(e), s.m. e P(e)zzènt(e), s.m. Mendicante,   accattone, pezzente, questuante. Anche: ‘Lemosinànd(e)’ e ‘C(e)rchènd(e)’
Mènghj(i), s.m. Minchia, reg. membro   virile. (Dal siciliano’minchia’ –  ‘Dal   lat. ‘minctus’  0rgano che minge, part.   pass. di  ‘mingere’ orinare) –
Mènn(e), pl. f. Seno, (Le mammelle)
Mènn(e)la; s.f. e Amènn(e)la,, s.f. Mandorlo e anche   Mandorla, fam.: ‘Rosacee’; Dal tardo latino ‘amandŭla’, dal greco  amygdálē].
Mènna, s.f. Seno, mammella,   poppa. – (Dal lat.: ‘minna’   (in Festo) mammella senza latte)
Mènt(e), s.f. e Mènd(e), s.f. Mente. Tìen(e)r(e) à mènd(e)! = Tienilo a mente!
Mènta, s.f. e Mènda, s.f. Menta
Mènta, s.f. e Mènda, s.f. Menta, ‘Mentha   longifolia’
Mènta, s.f. e Mènda, s.f. e Aumènta, s.f. arc. e Aumènda, s.f.   src. Menta
Mènu, agg. e avv. e Mèn(e), avv. e agg. e Mèna, avv. e agg. Meno – Mènu màl(e) cà n’n chiòv(e), m(e)màn(e) = Meno male che non   piove, questa mattina – Nìent(e) r'(e) mèna èra già fàtt(e) nòtt(e) quànn(e)   sò arr(e)vàt(e) = Nientemeno era già fatto notte quando sono arrivati
Mènzola, s.f. Mensola
Mèrc(e), s.f. Merce, mercanzia –   pl.: ‘Mèrc(e)
Mèrc(e), s.f. Merce, mercazia,   derrata. 2. Treno merci
Mèrc(e), s.f. Treno merci – E’ia passàt(e) ù mèrc(e)? = E’ passato il treno merci? – 2. Merce, mercazia, derrata
Mèrch(e), s.m. Segno, segnale,   impronta, contrassegno, marchio (Vedere anche : ‘Marca’). 2. Stampo impronta   stampino, timbro. 3. Ferita leggera, scalfittura
Mèrch(e), s.m. Stampo impronta   stampino, timbro. 2. Segno, contrassegno. 3. Ferita leggera, scalfittura
Mèrch(e), s.m. Ferita leggera,   scalfittura. 2. Segno, contrassegno 3. Stampo impronta stampino, timbro
Mercùrij(e), s.m. e M(e)rcùrij(e), s.m. Mercurio
Mès(e), s.m. Mese, plur.: Mìs(e) –   Sono: Sc(e)nnàr(e), Fr(e)bbàr(e), Màrz(e), Abbrìl(e), Màgg(e), Giùgn(e),   Lùglj(i), Aùst(e), S(e)ttèmbr(e), Uttòbb(e)r(e), Novèmbr(e), D(e)cèmbr(e).
Mèss(e), s.m. Messo, dipendente di   un ufficio o di un ente pubblico
Mèssa, s.f. Messa
Mestruaziòne, s.f. Mestruazione, anche   pop.: “Marchès(e)”
Mèt(e), ùt(e) Mietere. Mietitura =   “M(e)tènna” – Per le   modalità della mietitura vedere: “M(e)tènna”
Mèta, s.f. e Bànch(e), s.m. Meta, bica, ammasso   molto grande di covoni di grano o di avena, paglia, fieno, ecc. di forma   parallelepipeda (Dal: lat. ‘Meta, mucchio di fieno)
Mètr(e), s.m. Metro
Mètt(e) à cùra, m(e)ttùt(e) à c. oppure: pùost(e) a c. Mettere cura,   osservare con cura, guardare bene
Mètt(e), m(e)ttùt(e) e Pòn(e), pùost(e) Mettere, porre,   collocare, stabilire
Mètt(e)_à_tàv(e)la, m(e)ttùt(e) à t. Apparecchiare la   tavola
Mèuza Milza
Mèzz(e), s.m. Mezzo, veicolo.
Mezzanòtt(e), s. f. Mezzanotte
Mì, pron.pers. Me – Ùn(e) à tì e   Ùn(e) à mì = Uno a te ed uno a me
Mìca, agg. ind. Qualche, alcun   poco  – Ràmm(e) mìca caramèll(e) –   Dammi alcune caramelle – Mò t'(e) ràch(e) mìca   sc(j)càff(e)! = Adesso ti do alcuni schiaffi!    2. Mica, affatto.
Mìca, avv. Mica, affatto – Mìca èia scèm(e)! – Mica è scemo! – Sò giùt(e) à là càsa, n'(e)n (i)ngèia mìca! _ Sono andato a   casa sua, non c’è affatto! 2. Qualche, alcun poco.
Mìccia, s.f. Miccia
Mìch'(e) Me, meco,  con me – (Dal lat.: ‘mecum’ – Nella lingua   ant., si trova usato anche con la prep. con pleonastica: ch’Amor non venga   sempre Ragionando con meco, et io con lui (Petrarca); e rafforzato con esso   inserito tra la prep. e il pronome: tu cenerai con esso meco (Boccaccio)
Mìch(e), pron. Meco, con me, a me –   Ùn(e) à mìch(e) e Ùn(e) tìch(e) = Uno a me ed uno a te
Mìch(e), pron. pers. Me  – Vìen(e) cù mìch(e) =   Vieni con me – (Lat. ‘ Con mecum’ ; la prep. cù è   pleonastica in quanto ‘mìche’ gia significa ‘con me’)
Mìer(e), s.m. e Vìn(e), s.m. Vino. (Dal lat. Merus   = Puro, non mescolato ) – Vino cotto = Mìer(e) cùott(e) –   Vino ‘brulè’ = Mìer(e) vigghiùt(e) – Mìer(e) sùrchj(e) = Vino dolce, non   ancora fermentato
Mìer(e)ch(e), s.m. Medico
Miercurì, s.m. Mercoledì
Mìerl(e), s.m. Merlo – Piccolo: ‘M(e)rl(e)cìegghj(i)’
Mietitrèbbia Mietitrèbbiatrice,   trebbiatrice semovente.
Mìezz(e), agg. e avv. Mezzo, metà. – Al   femminile: “Mèzza” –  –  In mezzo = ‘Mmìezz(e)’
Miezz(e)iùorn(e), s. m. Mezzogiorno
Migliàr(e), s.m. Migliaio – Pl.:   ‘Migliàr(e) o ‘Migliàra’
Migliatìegghj(i), s.m. Involtino, grosso,   fatto con frattaglie di ovini, di maiale, aromi vari, avvolto con gli   intestini stessi dell’animale. In genere cotto alla brace
Migliàzza, s.f. Focaccia di farina di   mais farcita con uva passa e ciccioli (“frìtt(e)la”).
Miglièr(e), s.f. Moglie, coniuge,   consorte. Mia moglie: “Miglièr(e)ma”. Tua moglie: “Miglièr(e)ta”.
Miglj(e)rìa, s.f. Miglioria
Mìglj(i), s.m. Miglio 2 . Miglio   pianta
Mignòtta, s.f. Prostituta, puttana   (Dal dialetto romano – Dalla frase latina ‘Filius m(ater)   ignotae’ = m. Ignotae)
Mìj(e), agg. e pron. poss. Mio. f. Mìa – pl. Mij(e)
Mìj(i), agg. e pron. Mio – f.: ‘Mìa’
Militàr(e), agg. e s.m. Militare
Mìll(e) Mille
Millèsim(e), agg. num. Millesimo
Minìstr(e), s,m, Ministro
Mìra, s.f. e Mmìra, s.f. Mira, puntamento – T(e)nìa à mìra bbòna = aveva la mira buona
Mìrra, s.f. Mirra
Mistèr(e), s.m. Mistero
Mìtt(e)mùss(e), s.m. Pugno dato sotto il   mento. – (Nome che ha preso origine da una deformazione scherzosa del termine   della frase latina: ” …sicut et nos dimittimus… “, del Paternostro, con allusione al mento (mùss(e).)
Mm(e)n(e)zzà, àt(e) Spezzettare,   frantumare, sminuzzare. Hài mm'(e)n(e)zzàt(e) r'(e) cannàzz(e)? = Hai   spezzettato le “Cannàzz(e)” (Grossi maccheroni lunghi, bucati,   da  cucinare spezzettati)
Mm'(e)r(e)cà, àt(e) Medicare
Mm(e)r(e)cìna, s.f. Medicina
Mm(e)r(e)cìna_r'(e)_lì_pànn(e), s.f. arc. e Varrichìna, s.f. Varechina o varichina   (reg.)
Mm(e)r(e)tà, àt(e) e Mm'(e)rdà, àt(e) Meritare – Nnù rà niend(e), n'(e)n s'(e) r'(e) mmèr(e)da! = Non dargli   niente, non se lo merita!
Mm(e)r(i)càn(o), s.m. Americano. In genere   usato per indicare l’emigrante tornato dall’America col significato di chi   ostenta ricchezza, magari ache senza possederla
Mm(e)rà, àt(e) e Amm(e)rà, àt(e) Guardarsi nello   specchio, specchiarsi – Ìj(i) m'(e) mmìr(e) (i)ndà stù spècchj(i) = Io mi   guardo in questo specchio
Mm(e)rdaiùol(e), s.m. Merdaiòlo. volg. – Chi, in altri tempi, aveva il compito di spazzare gli   escrementi dalle strade. La parola è talvolta usata come offesa generica
Mm(e)rdarìa, s.f. Merdàio s. m. volg. –   Luogo pieno di sterco. Per estens., luogo assai sporco; fig., ambiente sozzo,   situazione moralmente disgustosa
Mm(e)rdùs(e), agg. Merdoso,  volg. – Imbrattato di sterco: quella   sozza e scapigliata fante Che là si graffia con l’unghie m. (Dante). Talvolta   usato anche in senso fig., in frasi d’ingiuria
Mm(e)rdùs(o), s.m. Merdoso
Mm(e)rià, àt(e) Invidiare
Mm(e)riùs(e), agg. Invidioso
Mm(e)rzòn(e), s.m. Mozzone, mozzicone
Mm(e)s(e)rà, àt(e) Misurare
Mm(e)sc(e)cà, àt(e) Mischiare, mescolare,   amalgamare
Mm(e)sùra, s.f. Misura
Mm(e)tà, àt(e) e (i)Nv(e)tà, àt(e) Invitare, chiamare,   ospitare
Mm(e)tà, s.f. Metà
Mmà! escl. Mah! Espressione di   meraviglia e nel contempo di rassegnazione.
Mmagg(e)nà, àt(e) e Immagginà, àt(e) Congetturare, ideare,   immaginare, supporre
Mmàn(e), loc. Contemporaneamente,   coevo, della stessa epoca – (Tradotto alla lettera: In   mano’) – L’acquedòtt(e) ù facèrn(e) Mmàn(e) à M(e)s(e)llìn(e) = L’acquedotto   fu realizzato al tempo di Mussolini
Mmar(e)tà, àta Maritare
Mmar(e)tàrs(e), àt(e) Maritare, dare marito   a una donna.
Mmar(e)tata, agg. Maritata
Mmasciàta, s.f. e Masciàta, s.f. Messaggio,   ambasciata, annunzio. – Mò chì vài à stanziòla, si vìr(e)   à P(e)ppìn(e), pòrtal(e) st’à masciàta = Adesso che vai alla stazione, se   vedi a Peppino, portagli questo messaggio. 2.   Richiesta di fidanzamento.
Mmasona, s.f. Pollaio (Fr: ‘Maison’ casa) – Pòrta r'(e) gagghìn(e) a’à mmasòna = Porta le galline al   pollaio
Mmasòna, s.f. (usato per lo più per il verbo (Scj à là mmasòna)   o Ammàs(e)natùr(e), s.m. Pollaio, (dal   francese Maison) – Appollaiare = “A’mmàs(e)nà”
Mmasòna, s.f. e Ammàs(e)natùr(e), s.m. Pollaio. –  (dal francese ‘Maison’ = Casa) – Appollaiare = “A’mmàs(e)nà”
Mmèrda, s.f. Merda, in genere   umana e di grossi animali; > altrimenti si usa “Cacàzza”
Mmèzza_à_vìa, avv. e Mmìezz(e)_à_la_vìa, avv. Fuori, all’esterno   della casa. Traduzione letterale: “In mezzo alla via”
Mmìezz(e), avv. e mmèzza, avv Mezzo<In. In   mezzo, al centro – E’ia sciùt(e) mèzza à vìa = E’ andato   fuori (sulla strada)
Mmìezz(e)_à_la_vìa e Mmèzza_à_vìa, avv. Fuori, all’esterno   della casa. Traduzione letterale: “In mezzo alla via”
Mmìra, s.f. e Mìra, s.f. Mira, puntamento  – T(e)nìa à mmìra bbòna = aveva la mira   buona
Mmìria, s.f. e Ammìria, s.f. Invidia, gelosia
Mmìsc(e)ch(e), s.m. Mangime composto,   generalmente,  da una miscela di   crusca, farina, granaglie, ecc. – (Dal dev. di: ‘Mm'(e)sc(e)cà’ mischiare)
Mmìt(e), s.m. Invito, termine   arcaico. (L)à’nn(e) mannàt(e) lù mmìt(e) = Gli hanno mandato l’invito –   Anche: (i)Nvìt(e)
MMmùcquà, àt(e) e Ammucquà, àt(e) Imboccare, nutrire.   2. Inclinare, piegare o spostare verso qualcosa o qualcuno un oggetto
Mmòcqua, loc. avv. Bocca,  in – (In bocca)
Mmucquà, àt(e) e Ammùcquà, àt(e) Inclinare, piegare o   spostare verso qualcosa o qualcuno un oggetto; Lu   sàcch(e) ammòcqual(e) à mì  = Il sacco   piegalo verso di me (Si dice per permettere   all’altra persona di riempirlo ad esempio di granaglia) 2. Imboccare, nutrire
Mò, avv. Mo, adesso, ora,   attualmente.  2. [un momento fa] ≈   appena, (fam.) mo (o mo’), ora, or ora, poco fa, (lett.) testé. 3. [tra un   momento] ≈ fra (o tra) poco, – (Dal lat. ‘modo’ testè e ‘mox’ tosto, presto) – E’   mò? = e adesso? –   E’ia_mò… = E adesso.. (coraggio, adesso) –
Mò_mò, avv Adesso proprio, or   ora – mo mo. – (lat. ‘modo’)
Modèll(e), s.m. e M(e)rìell(e), s.m. arc. Archetipo, modello
Mògan(e), s.m. Mogano
Mòla, s.f. Mola, molatrice   eletrica. Una volta veniva usata manualmente, costituita da una ruota in   pietra abrasiva, fatta girare mediante una manovella, montata su di una   vaschetta con un po’ di acqua che inumidisce la mola stessa per non farla   surriscaldare – 2. La mola usata per affilare le falci, l’ascia, ecc.,   portatile, chiamasi:”Vrìcc(e)”
Mòla, s.m. arc. Dente molare, molare,   dente masticatore dei mammiferi. ( Dalla rad.    gotica ‘Wango’ guancia)   – Anche: ‘Rangàl(e)’.   2. Mola, utensile rotante con superficie abrasiva a forma di disco
Moldàv(e), agg. e s.m. Moldavo
Moldàvia, s.f. Moldavia
Mòlla,s.f. Molla 2. Molla per   prendere i carboni nel caminetto
Mollètta, s.f. Molletta, termine in   genere riferito alle mollette per fermare i panni stesi ad asciugare
Moltibblicà, àt(e) Moltiplicare
Mommò, s.m. Babau, orco, mostro   immaginario che si nomina per intimorire i bambini. (Da:   Gr.: ‘Mormò’ (una specie di mostro femminile chiamato dalle nutrici per   spaventare i bambini)
Mònaca, s.f. Monaca, suora –   Dimin.: ‘M(e)nacègghia’
Mònach(e), s.m. Monaco, frate,   fratello. – Dim.: ‘M(e)nacìegghj(i)’. 2. Scaldino, scaldaletto, che una volta consisteva in un   telaietto in legno entro il quale veniva sistemato un recipente con del   carbone acceso
Mònach(e), s.m. Scaldaletto, scaldino   da letto, consistente in un telaietto in legno entro il quale una volta   veniva sistemato un recipente con del carbone acceso. 2. Monaco, frate,   fratello.
Mòng(e), m'(e)ngiùt(e) o mùnt(e) Mungere
Mònt(e), s.m. e Mònd(e), s.m. Monte. – (‘Ammònd(e)’ a monte = Sopra – ‘Capammònd(e)’ = Salita).-  La frase: ‘Abbàgghj(i) e àr’ammònd’ a valle   ed a monte = su e giu
Montacàrich(e), s.m. Montacarichi
Mòr(e), s.m. e Mùor(e), s.m. Modo, maniera. (Dal   lat. ‘modus’ modo, misura, indi:maniera.) N'(e)n t'(e)   preoccupà, ognj(e) mùor(e) n'(e) l’àmma cavà = Non ti proccupare, in ogni   maniera ce la caveremo
Moranànz(e), Avvenire>In. In   avvenire, da adesso in poi – Rà moranànz(e) tù   n'(e)nn’ìess(e) chiù! = Da adesso in poi tu non esci più!
Mòrb(e), s.m. Morbo
Mòrbid(e), agg Morbido, tenero
Mordènt(e), s.m. Mordente
Mòrra, s.f. Morra, gioco   d’azzardo italiano. 2. Moltitudine, gran numero (Prelatino ‘Marra’  – Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005   –  alla voce ‘marajè’ p. 269)- V(e)rìett(e) nà mòrra r'(e) scròf(e) chì pascìenn(e) v(e)cìn(e)   à lù carràr(e) = Vidi un gran numero di scrofe che pascolavano vicino alla   strada sterrata
Mòrra, s.f. Moltitudine, gran   numero (Prelatino ‘Marra’  – Diz. Etim.   Manlio Cortelazzo – UTET-2005 –  alla   voce ‘marajè’ p. 269)- V(e)rìett(e) nà mòrra r'(e)   scròf(e) chì pascìenn(e) v(e)cìn(e) à lù carràr(e) = Vidi un gran numero di   scrofe che pascolavano vicino alla strada sterrata. 2. Morra, gioco d’azzardo   italiano
Morsètt(e), s.m. Morsetto, attrezzo di   varia forma usato per serrare pezzi (Dim. di ‘mòrsa’). 2 ( elettr.)   dispositivo a vite o a molla che permette di collegare due o più conduttori   elettrici, o un conduttore a un apparecchio elettrico. 3. In falegnameria,   attrezzo per tenere serrati gli elementi di una giunzione
Mòrt(e)
Mòrt(e), s.f. Morte. 2. Si usa   anche per indicare il morto: A’ mòrt(e) hàdda arr(e)và rà   luntàn(e) = Il morto deve arrivare da lontano
Mortàj(i), s.m. Mortaio, pezzo di   artiglieria
Mortàl(e) agg. e M'(e)rtàl(e), agg. arc. Mortale. 2. Mortaio ‘M(e)rtàl(e)’
Mòsca, s.f. Mosca – Dim.: ‘M(e)schìgghj(i)’ moschino, moscerino
Mòssa, s.f. Mossa
Mòt(e) r’ là hòccia’, espr. Spavento, panico,   malore improvviso, colpo apoplettico. – ‘V(e)nì ù mòt(e) r’à hòccia’ = venire   il malore alla coccia (Probabile etimo di ‘hoccia’: da testa)
Mòt(e) r'(e) là hòccia  panico, malore improvviso, colpo apoplettico
Mòt(e) rà hòccia, s.m. Paura, terrore,   spavento da colpo apoplettico, moto convulsivo. (Tradotto letteralmente:   ‘moto della goccia’ da una distorsione di: ‘moto di angoscia’  –    cf. Rohlfs 429 motu “convulsione, moto convulso,   epilessia…”, cf. GDLI XI 1 moto “…12 …motivo di angoscia, di   turbamento, di disagio…).
Motopìch(e), s.m. Piccone pneumatico
Motopòmpa, s.m. Motopompa
Motòr(e), s.m. Motore
Motorìn(e), s.m. Motorino, piccolo   motore. 2. Motoretta, ciclomotore
Motorìn(e), s.m. Ciclomotore,   motoretta.  2. Motorino, piccolo motore
Mototrèbbia, s.f. Motofalciatrice
Motozàppa, s.m. Motocoltivatore,   zappatrice a motore
Motrìc(e), s.f. Motrice
Mòv(e), mùoss(e) o m(e)vùt(e) Muovere
Mòza, s.f. e pòsa, s.f. Sedimento, feccia,   posatura – (Dal napol. ‘zoza’ feccia, il fango, i rimasugli, il materiale di   scarto. > Dal. Fr.: ‘sauce’ salsa, sugo. Dalla metà del settecento napoli   fu invasa da cuochi francesi la cui cucina non piacque ad eccezione del sartú   (dal francese surtout ) timballo di riso, che entrò a vele spiegate nella   cucina napoletana. Questi amavano preparazioni semplici ed i sughi a base di   pomodoro, per cui non apprezzarono le sauces francesi a base di burro, latte,   farina e talvolta uova e rifiutarono tali salse storpiandone il nome che da   sauce (lèggi: sós(e)) divenne zòza)
Mozionàrs(e), àt(e) arc. e Emozionàrs(e) àt(e) Commuoversi,   emozionarsi
Mozionàt(e), agg. arc. e Emozionàt(e), agg Commosso, emozionato
Mùcc(e), agg. arc. Debole, fioco (di   lume di fiamma); affilato, macilento, (di viso), mogio, avvilito (di persona)   – Stài(e) mùcc(e) mùcc(e), ù pòv(e)r(e) uagliòn(e) – Stà   mogio mogio, il povero ragazzo.  – Vedere anche: ‘Ammucciàrs(e)’
Mùffa, s.f. Muffa. – Anche: ‘Palusc(e)na’
Mugliàzza, s.f. Focaccia di farina di   mais farcita con uva passa e “fritt(e)l(e)”
Mùl(e), s. m. Mulo. – Per farlo   avviare si dice: “Aa!”   – Per farlo arreatare si dice “Ijh!” Od anche: “Ijsc(i)!”  – f.: ‘Mùla’
Mùmm(e)l(e), s.m. Laterizio in   terracotta, di forma cilindrica, cavo all’interno,  con un piccolo foro al centro di una delle   basi, usato, una volta,  per lo più per   dare elevata leggerezza ai solai a volta, assicurandone anche isolamento   termico ed acustico. Il termine è usato in varie parti del meridione d’Italia   anche col significato di semplice recipiente in terracotta. (Dal gr.:   ‘bumbùlios’ piccolo vaso)
Mùnn(e), s.m. Mondo. (Lat.:   ‘mundus’)
Mùogghj(i), agg. Molle, mollo (reg.),   bagnato, intinto. – (Dallo Sp.: ‘muelle’ dal gr.: ‘malakòs’ molle) – Variante   pop. di molle, nel senso di ‘molle,    bagnato, inzuppato d’acqua.  –   Anche: ‘(i)nfùss(e)’
Mùor(e), s.m. e Mòr(e), s.m. e Mùor(e), s.m. Modo, maniera –  (Dal lat. ‘modus’ modo, misura,   indi:maniera.) – O’gn(e) mùor(e) l’hàdda passà lù màl(e)!   = In ogni modo le deve passare il male!
Mùors(e), s.m. e Mùzz(e)ch(e), s.m., e Mùozz(e)ch(e), s.m. Morso, boccone,   pezzetto, piccola colazione, spuntino. – Mò t'(e)   trùov(e) qua, pìgliat(e) nù mùors(e) = Adesso ti trovi qui, prendi un boccone   2.  Morso, morsicatura
Mùort(e), s.m. e Mòrt(e), s.f. Morto. Ù mùort(e)   l’hànna p(e)rtà à r'(e) cìngh(e) = Il morto lo devono portare alle cinque (Il   feretro sarà portato in chiesa alle ore cinque) – Si usa anche   “Mòrt(a)” – ‘Tùtt(e) lì mùort(e)’ = Commemorazione dei defunti (2   Novembre)
Mùozz(e)ch(e), s.m. e Mùzz(e)ch(e), s.m., e Mùors(e), s.m. Boccone, mozzico,   (reg), piccola colazione, spuntino. – Mò t'(e) trùov(e)   quà pìgliat(e) nù mùors(e) = Adesso ti trovi qui prendi un boccone! 2.  Morso, morsicatura
Mùp(e), s.m. Sordomuto, muto. –   (Dal lat.: ‘mutus’ all’it. ‘muto’, giunto a noi come ‘mup(e)’)
Mùr(e), s.m. Muro. “Mùr(e) maèstr(e)” = Muro   maestro; Realizzare le mura fra pilastri = “(i)Nt(e)mpagnà”
Mùrgia, s.f. Roccia, macigno (Lat.   ‘Murex’ > ‘mùrice’ > ‘Sasso’)
Mùrz(e), agg. s.m. Mozzo, monco
Mùsc(e), s.m. Micio. Termine che   pronunciato di seguito viene usato per chiamare a se il gatto, la gatta od   anche un gattino. (Dal lat.: ‘mus’ topo, in quanto alle origini, per chiamare a se il gatto si   esclamava: Mùsc(e)!, Mùsc(e)! Topo! Topo! per invogliare il gatto ad   avvicinarsi ad acchiapparlo!)
Mùsc(e)ch(e), s.m. e Spàgghia, s.f. Spalla, parte del   corpo all’intersezione fra arto superiore e tronco – Vedere anche “Spàgghia”
Musc(e)mattèh(e), s.m. Mollaccione,   pappamolle, pigrone, poltrone, posapiano, persona pigra, lenta nell’azione e   nei movimenti
Mùsc’, agg. Floscio, mencio,   vizzo. 2. Moscio, fiacco, senza nerbo o vigore fisico o morale: un tipo   moscio; avere un’aria moscia – | Erre moscia, erre alla francese, con   articolazione uvulare (per difetto naturale o per vezzo)
Mùsc’, agg. Moscio, fiacco, senza   nerbo o vigore fisico o morale: un tipo moscio; avere un’aria moscia – | Erre   moscia, erre alla francese, con articolazione uvulare (per difetto naturale o   per vezzo). 2. Floscio, mencio, vizzo.
Mùscja, s.f. Micia, gatta, termine   declamato più volte, per chiamare a se la gatta.
Musc’mattèh(e), agg. Mogio_Matteo. Moscio   Matteo, che di solito è un idiota, uno spilungone, a cui però va bene   praticamente tutto.
Mùss(e), s.m. Labbra. (i)Ngìmma à lù mùss(e) s’avìa pùost(e) lù rossètt(e) = Sulle   labbra aveva “messo” il rossetto.  2. Muso, tenere il muso = ‘Amm(e)ssà’.
Mùss(e), s.m. Muso. Ù mùss(e) r'(e)   lù pùorch(e) = Il muso del maiale.    Tenere il muso = “Amm(e)ssà”. 2. Labbra
Mùst(e), s.m. Mosto. – Il mosto = ‘r'(e) mùst(e)’ pl.
Mùt(e), s.m. Imbuto. (Lat.:   ‘mutus’) – Piccolo: “M(e)tìgghj(i)”
Mùzz(e)ch(e), s.m., Mùozz(e)ch(e), s.m. e Mùors(e), s.m. Mozzico, (reg),   morso, boccone, morsicatura – Lù càn(e) l’hàv(e) ràt(e)   nù mùzz(e)ch(e) = Il cane gli ha dato un morso. 2. Boccone, piccola   colazione, spuntino
Mùzz(e)ch(e), s.m., Mùozz(e)ch(e), s.m. e Mùors(e), s.m. Spuntino,  mozzico, (reg), boccone, piccola colazione.   – Pìgliat(e) nù mùzz(e)ch(e) = Prendi uno spuntino.2.  Morso, morsicatura
(i)Mbiangà, àt(e) e Imbiangà, àt(e) e Iangh(e)scjà, àt(e) Imbiancare,   tinteggiare, candeggiare
(i)Mbìs(e), agg. arc e Appìs(e), agg. Sospeso, appeso,   pendente
(i)Mmediatamènt(e), avv. e Sùbb(e)t(e)_sùbb(e)t(e), avv. Immediatamente
(i)N’, prep. In. (i)N. – (i)Ngìmma   ghià = (alla lettera: ‘in cima là’) = lassù – (i)N si fonde con la parola che   lo segue, indicando un luogo, un tempo, o con un verbo: (i)ndèrra = per terra   (in terra); (i)ndò = dove (in dove); (i)ntìemp(e) = in tempo – (i)nz(e)ppà =   inzuppare = “(mettere) in zuppa” – (i)Nmmàn(e) à M(e)s(e)llìn(e)   n’n s(e)cc(e)rìa stù casìn(e) = Al tempo (trad.: ‘ in – mano ‘ al tempo) di   Mussolini non succedeva questo casino
(i)Nb(e)cà, àt(e) e (i)Nb(e)culià, àt(e) Sporcare, lordare   (Lat. ‘impico, as.’ impeciare, sporcare)
(i)Nb(e)càt(e) Sporco. (Lat.: ‘impicatus’ impeciato, sporcato) – Anche “Lùrd(e)”
(i)Nb(e)ccià, àt(e)  e   (i)Np(e)ccià, àt(e) Intromettere,   impicciare,  intralciare, riuscire   importuno
(i)Nb(e)ccià, àt(e) e (i)Np(e)ccià, àt(e) Impicciare. Quìggh(i) n'(e) vèn(e) sùl(e) à (i)nb(e)ccià = quello viene   solo a impicciare, ad infastidire.  2. Intromettersi impicciarsi
(i)Nb(e)ccià, àt(e) e (i)Np(e)ccià, àt(e) Intromettersi   impicciarsi. (i)Nbìcciat(e) r'(e) lì fàtt(e) tùj(e)! =   Impicciati dei fatti tuoi!  2. Impicciare.
(i)Nb(e)cciàrs(e), àt(e) e (i)Np(e)cciàrs(e), àt(e) Impicciarsi,   Intromettersi, immischiarsi, ficcare il naso, curiosare, indagare,   interessarsi dei fatti altrui
(i)Nb(e)cciùs(e), agg. Impiccione, che si   impiccia dei fatti altrui ed anche colui che crea impicci, petulante
(i)Nb(e)cià, àt(e) Impeciare, spalmare o   imbrattare di pece
(i)Nb(e)ciàta, s.f. Telo impermeabile che   ha subito l’impeciamento, per renderlo impermeabile. (spalmatura di pece)
(i)nb(e)ciàta, s.f. Grembiule   impermeabilizzato spalmate di pece o di materia simile:
(i)Nb(e)cìll(e), s.m. Imbecille, idiota,   stupido
(i)Nb(e)còn(e), agg. Sudicione, sozzone,   sporco
(i)Nb(e)culià, àt(e) e (i)Nb(e)cà, àt(e) Impiastricciare,   Lordare, sporcare. – (Lat.: ‘impico, as’ impeciare, impiastrare di pece)
(i)N’b(e)gnà, àt(e) e (i)Np(e)gnà, àt(e) Vincolare, impegnare,   dare in pegno, promettere. Impegnarsi: vedere: “(i)Mb(e)gnàrse”
(i)Nb(e)lahàrs(e), àt(e) Impelagarsi,   cacciarsi nelle difficoltà, nei guai
(i)Nb(e)ndà, àt(e) e (i)Np(e)ntà, àt(e) Smettere, fermare,   arrestare – (Da: ‘impuntare’)
(i)Nb(e)ndàrs(e), àt(e) Soffermarsi,   fermarsi, sostare
(i)Nb(e)nnà, àt(e) e (i)Np(e)nnà, àt(e) Impelare, mettere il   pelo, riferito alle persone, metaforicamente ” essere nella pubertà   ” – (Preso nell’uso poetico antico – Enciclopedia Dantesca – Treccani).   2. Impennare, mettere le penne
(i)Nb(e)ntà, àt(e) e (i)Nb(e)ndà, àt(e) Fermare, arrestare
(i)Nb(e)ntàrs(e), àt(e) Fermarsi, trattenersi
(I)Nb(e)rlaccà, àt(e) Ingioiellare,   adornare (Da: ‘B(e)rlòcch(e)’)
(i)Nb(e)rlaccà, àt(e) Ingioiellare,   adornare
(i)Nb(e)rnacchiàt(e), agg. e (i)Np(e)rnacchiàt(e), agg. Agghindarsi,   adornarsi, mettersi in chicchere e piattini, in senso. – (Dal nap.   ‘mpernacchiata’ donna ccia mal agghindata:    dall’unione, dall’ant. nap. e sic.: ‘perna’, perla (dal lat.: ‘perna’   sorta di conchiglia) e da pernacchia potenziato dal prefisso intensivo   “in-”  e quindi col   significato di ingioiellarsi, vestirsi,    in modo tanto stravagante e ridicolo da essere derisi).
(i)Nb(e)rt(e)sà, àt(e) e (i)Np(e)rt(e)sà, àt(e) Inbucare, inserire   qualcosa in un buco, (‘p(e)rtùs(e)’) o in una fessura,    nascondere qualcosa.  – Stù curtigghiùzz(e) (i)nb(e)rtòsal(e) (i)ndà quìgghiu   p(e)rtùse, po’ n’ù v(e)nìm(e) à piglià = questo coltellino nascondilo in quel   buco, poi lo verremo a prendere. 2. Entrare a   lavorare in qualche ente pubblico o impresa privata
(i)Nb(e)rtà, àt(e) e (i)Nbortà, àt(e) Importanza<Avere.   Avere importanza, bisognare, stare a cuore, occorrere. 2. Importare,   introdurre o ricevere dall’estero
(i)Nb(e)rtànd(e), agg.    arc. e imbortànd(e), agg. e (i)Nbortànd(e), agg. Rilevante,   importante,  di valore
(i)Nb(e)rtànza, s.f. Importanza
(i)Nb(e)stà, àt(e) e (i)Nb(e)stàrs(e), àt(e) Spedire, imbucare. 2.   Impiantarsi, posizionarsi, appostarsi
(i)Nb(e)stà, àt(e) e (i)Np(e)stà, àt(e) Impestare, ammorbare,   impuzzolire. 2. Impostare, sistemare, determinare
(i)Nb(e)stà, àt(e) e App(e)stà, àt(e) Contaminare,   appestare, ammorbare, riempire di cattivo odore
(i)Nb(e)stàrs(e), àt(e) e (i)Nb(e)stà, àt(e) Impiantarsi,   posizionarsi, appostarsi. – S’èra (i)nb(e)stàt(e)   nnànz(e) àa pòrta e n’nnù facìa passà = Si era impiantato davanti alla porta   e non lo faceva passare. 2. Spedire, imbucare
(i)Nb(e)stàt(e), s.m. e (i)Np(e)stàt(e), s.m. Impestato, appestato.   2. Cattivo, persona cattiva da tenere lontana- Màrij(e) è nù (i)nb(e)stàt(e)   = Mario è un cattivo
(i)Nb(e)stialì, ùt(e) Imbestialìre
(i)Nb(e)zz(e)cà, àt(e) Appiccicare,   attaccare, unire
(i)Nb(e)zz(e)catìzz(e), agg. Appiccicaticcio,   attaccaticcio
(i)Nb(e)zz(e)chènd(e), agg. Attaccaticcio,   appiccicoso
(i)Nb(e)zz(e)cùs(e), agg. Appiccicoso,   attaccaticcio 2. Importuno, seccante, molesto
(i)Nb(e)zz(e)l(e)ndà, àt(e) e (i)Np(e)zz(e)l(e)ntà, àt(e) Impuzzolire,   Impuzzolentire, impestare
(i)Nb(e)zz(e)l(e)ntì, ùt(e) e (i)Nb(e)zz(e)l(e)ntìsc(e), ùt(e) Impestare,   impuzzolentire,
(i)Nb(e)zz(e)l(e)ntìsc(e), ùt(e) e (i)Nb(e)zz(e)l(e)ntì, ùt(e) Impuzzolentire,   impestare.
(i)Nb(e)zzà, àt(e) Infilare, introdurre,   spuntare, venir fuori, comparire. (Dall’ ant. Ted. ‘pizzi’ = mod.:   “spitz”, punta;  otteniamo:   in -puntare, infilare una punta)  –   Cùm(e) lù lèbb(e)r(e) hàv(e) (i)nf(e)làt(e) lù carràr, l’àgg(e) sparàt(e) =   Come la lepre ha infilato il tratturo, le ha sparato
(i)Nb(e)zzà, àt(e) Inboccare,   affacciarsi, immettersi. 2. Infilare, conficcare, mettere dentro
(i)Nb(e)zzà, àt(e) Infilare, conficcare,   mettere dentro  2. Inboccare,   affacciarsi, immettersi
(i)Nbàccia, avv. e (i)Nbàcc(e), avv Dirimpetto, di   fronte, davanti, sulla faccia –  (i)Nbàcc(e) àa pòrta r'(e) càsa m’avìenn(e) pùost(e) ù bidòn(e)   r’à m(e)nnèzz(e) = Davanti alla porta di casa mi avevano piazzato il bidone   dell’immondizia
(i)Nbacciàt(e), agg. Impacciato,   immischiato, imbarazzato
(i)Nbaccuttà, èt(e) Impacchettare
(i)Nbacuccà, àt(e) Imbacuccare, coprire   con abiti pesanti
(i)Nbagliasèggia, s.f. e (i)Npagliasèggia, s.f. Seggiolaio. Artigiano   che fabbrica e ripara seggiole
(i)Nballà, àt(r) Imballare,   affagottare, involgere 2. Impallare, nel gioco del biliardo
(i)Nballà, àt(r) Impallare, nel gioco   del biliardo, mettere l’avversario nelle condizioni di non poter colpire la   palla senza toccare i birilli o il pallino. 2. Imballare, affagottare,   involgere
(i)Nballatrìc(e), s.f. Inballatrice, termine   usato in agricoltura in genere riferito alla macchina che esegue l’imballo   della paglia, confezionandola in balle
(i)Nbambalìsc(e), ùt(e) e (i)Nbambalì, ùt(e) Imbambolare, stupire,   incantare
(i)Nbambalìss(e), s.m. Altalena (Dal. Port.:   ‘baloiço’ che si legge ‘balòissu’ altalena, oscillazione; > da ‘balança’   che si legge ‘balansa’, bilancia) – Dal fr.: balançoire
(i)Nbambalùt(e), agg. Imbambolato,   incantato, stupito
(i)Nbambanì, ùt(e) Rimbambinire,   rimbecillire perdere l’efficienza mentale
(i)Nbanà, àt(e) Inpanare, filettare
(i)Nbanatùra, s.f. o (i)Npanatùra, s.f. Impanatura  2. Filettatura di una vite
(i)Nbantanà, àt(e) e (i)Npantanà, àt(e) Impantanare
(i)Nbap(e)cchià, àt(e) Impapocchiare (reg.),   raggirare, imbrogliare, mentire, dire falsità, impastocchiare, acciarpare,   arrabattare, arrangiare, pasticciare, eseguire in modo maldestro qualcosa –   (Da ‘Papùocchj(i)’ bugia   falsità)
(i)Nbap(e)cchià, àt(e) Impapocchiare,   ingannare, raggirare
(i)Nbapp(e)nà, àt(e) Impappinare, far   confondere qualcuno in modo che non riesca a raccapezzarsi 2.   impappinarsi,  confondersi,   interrompersi nel mezzo di un discorso
(i)Nbappanìrs(e), ùt(e) Impappinarsi,   imbrogliarsi, confondersi nel parlare -(der. di pappina, dim. di pappa nel   sign. di “miscuglio molle, colloso”, col pref. ‘in’)
(i)Nbappanùt(e), agg. Impappinato,   confuso
(i)Nbarà, àt(e) e (i)Nparà, àt(e) Insegnare, istruire,   educare. – L’it.: ‘imparare’ (in disuso). – Mò t(e)   (i)nbàr(e) ij(e) cùm(e) èia fà = adesso ti insegno io come fare. 2. Imparare,   apprendere
(i)Nbarà, àt(e) e (i)Nparà, àt(e) e (i)Mbarà, àt(e) Imparare, apprendere.   2. Insegnare – Mò t(e) (i)nbàr(e) ij(e) cùm(e) èia fà =   adesso ti insegno io come fare
(i)Nbarcà, àt(e) Imbarcare
(i)Nbarcàrsi, àt(e) Imbarcarsi
(i)Nbàrt(e), avv. e (i)Npàrt(e), avv. Vicino, presso,   quasi, all’incirca – N’bàrt(e) miezz(e)iùorn(e) vìen(e) a càsa cà mangiàm(e)
(i)Nbasciàta, s.f. Ambasciata, residenza   di un ambasciatore
(i)Nbàst(e), s.m. Impasto
(i)Nbastà, àt(e) Impastare, ridurre in   pasta
(i)Nbastacrèta, s.m. Figulinaio, vasaio,   chi lavora a mano o a macchina argille, creta, caolino, ecc., per la   produzione di laterizî, stoviglie
(i)Nbastapàn(e), s.m. Madia. Mobile per   impastare il pane, con il piano superiore cavo nel quale si lavora il pane,   munito di coperchio ribaltabile ed una credenza sottostante per la   conservazione delle derrate alimentari o di suppellettili varie, munito di   sportelli. – (Da: ‘(i)nbastà’ impastare e ‘pàn(e)’ pane)
(i)Nbastatrìc(e), s.f. Impastatrice
(i)Nbastòravàcca, s.f, Pasturavacche, s.m.   (reg.)  Serpente Cervone, serpente dei   Colubridi. Il pasturavacche o cervone era infatti il serpente più conosciuto   da pastori e contadini. Il nome deriva da una credenza popolare, priva   peraltro di ogni riscontro reale, per la quale i cervoni sarebbero   ghiottissimi di latte, e “per ottenerlo si attaccherebbero addirittura   alle mammelle delle mucche e delle capre. – In altre regioni, con un termine   simile, si identifica con il serpente Natrice, anch’esso della famiglia dei   Colubridi. – (Il nome deriva da una credenza popolare, priva peraltro di ogni   riscontro reale, per la quale i cervoni sarebbero ghiottissimi di latte, e   “per ottenerlo si attaccherebbero addirittura alle mammelle delle mucche   e delle capre, attorcigliansosi attorno alle gambe posteriori dell’animale,   come una ‘pastòra’ pastoia)
(i)Nbastrà, àt(e) Impastoiare, mettere   la pastoia (Pastòra), un   legaccio alle due zampe anteriori per non far correre gli animali domestici,   durante il pascolo oppure  legare ali e   piedi di un volatile  per tenerlo   immobile. Altra forma di impastoiare gli animali al pascolo è l’uso della ‘Chiòppa’, un’asticella legata ad una gamba anteriore   dell’animale che lo limita nell’eventuale corsa, provocandogli dolore   sbattendo contro l’altra gamba.
(i)Nbastrià, àt(e) Impasticciare,   impiastrare, imbrattare
(i)Nbattà, àt(e) e (i)Npattà, àt(e) Impattare, fare   patta, pareggiare nel gioco e nello sport, chiudere una partita, un incontro   in parità equivalere.  Fig., fam.,   impattarla con qualcuno, uguagliare cose varie tra di loro, rivelarsi di   uguale forza, essere simile. – Stù rasùl(e) s’àa (i)nbàtta cù quìst’àut(e) =   Questo rasoio se la impatta con quest’altro (ha le stesse prestazioni)
(i)Nbavaglià, àt(e) Imbavaglliare
(i)Nbè, inter. e bèh, inter. Beh, bè, ebbene, bene   (in frasi di tono interogativo o concessivo)
(i)Nbecìll(e), s.m. Imbecille
(i)Nbègn(e), s.m. Impegno
(i)Nbènn(e), ùt(e) Sospendre, appendere,   attaccare, agganciare, appiccare; sospendereimpiccare – Mà   vài à fàrt(e) fà (i)nbènn(e)! = Ma vai a farti appendere!
(i)Nbestialì, ùt(e) Imbestialire
(i)Nbètt(e)la, avv. Sottoveste> In. In   sottoveste, riferito a persona vestito/a male
(i)Nbiacàta, s.f. e (i)Nbriacatùra, s.f. Sbornia,   ubriacatùra
(I)Nbiantà, àt(e) e (I)Nbiandà, àt(e) Impiantare
(i)Nbiast(e)ccià, àt(e) Impiastricciare,   imbrattare, sporcare
(i)Nbiàstr(e), s.m. e (i)Npiàstr(e), s.m. Persona cattiva,   seccante, noiosa. 2. Impiastro, medicamento, cataplasma. 3. Piastriccio,   imbroglio
(i)Nbiàstr(e), s.m. e Cataplàsma, s.m. Impiastro,   cataplasma, medicamento – Anche: ‘St(e)ppàta’ – – Fig.: dicesi a persona molesta, indiscreta, importuna,   noiosa
(i)Nbiastrà, àt(e) Impiastrare,   insudiciare, imbrattare, eseguire male un lavoro, piastricciare
(i)Nbìcc(e), s.m. e (i)Npìcc(e), s.m. Impiccio
(i)Nbiehà, àt(e) e (i)npiegà,àt(e) Impiegare, occupare
(i)Nbiehàt(e), s.m. e (i)Npiehàt(e), s.m. (i)Npiahàt(e), agg.   Arc, Stipendiato,   Impiegato
(i)Nbiehàt(e), s.m. e Imbiehàt(e), s. m. Funzionario,   impiegato
(i)Nbìett(e), avv. Petto<Sul. Sul   petto, addosso, di fronte. (Lett.: “In petto” ‘Pìett(e)’). – (i)Nbìett(e) t(e)nìa nà bbèlla nòcca = Sul petto aveva un bel   fiocco. – Cù à màcchina   èia sbattùt(e) (i)nbìetta à nù mùr(e) = Con l’automobile ha sbattuto contro   un muro. 2. Intestato, registrato,  intitolato titoli, beni, ecc. –
(i)Nbìett(e), avv. Intestato,   registrato,  intitolato titoli, beni,   ecc. – A’attàn(e) l’àv(e) pùost(e) (i)Nbìett(e) à càsa =   Il padre ‘attàn(e)’ gli ha intestato la casa. 2.   Petto<Sul. Sul petto, addosso, di fronte. (Lett.: “In petto”   ‘Pìett(e)’)
(i)Nbìzz(e), avv Pizzo<Sul. Sul   picco, sulla estremità. – (Dall’ ant. Ted. ‘pizzi’ = mod.: “spitz”,   punta, estremità;  otteniamo: in   -punta, sulla punta) – S’èra f(e)rmàt(e) (i)nbìzz(e)   (i)nbìzz(e) a la rìpa = S’era fermato sull’orlo della rupe. – In cima = “(i)Ngìmma”
(i)Nboccà, àt(e) Inboccare,   affacciarsi ad un ingresso. 2. Imboccare, nutrire, (anche: ‘Mmùcquà’
(i)nbòh e bò, inter. Boh, chi lo sa
(i)Nbònda, agg. Punta>In. In   punta, all’estremità, al limite . – Nu p(e)cciòn(e) s’è   àpp(e)scjàt(e) (i)nbònda a quìgghiu pàl(e) r(e) lùc(e) = Un piccione si è   posato in cima a quel palo della luce
(i)Nbònn(e), ùss(e) / ùt(e) e (i)Nfònn(e), ùss(e) / ùt(e) Inzuppare, bagnare,   intingere. (Da it.: ‘infondere’ versare dentro) – Fàmm(e)   (i)mbònn(e) r'(e) pàn(e) = Fammi inzuppare il pane.   – Vedere: ‘(i)Nbònn(e)’ ha   anche il significato di: Porre, mettere, situare.
(i)N’bònn(e), ùt(e) e (i)Nfonn(e), ùt(e) Porre, mettere,   situare. (Dal lat. “pono”= Porre; In pono = Inbonne = Porre in).   L’atto di mettere in testa un peso da trasportare. – La donna che chiede di   farsi aiutare a sistemare un barile sulla testa: Zì ò   aiùtam(e) a (i)nbònn(e) lù varrìl(e) = “Zio uomo”  aiutami a sistemarmi il barile = Signore, mi aiuti a sollevare il   barile sulla testa – Vedi: “O’mm(e)n(e)” – L’atto di   togliere un peso dalla testa: ‘Spònn(e)’. 2. Inzuppare, intingere. – Fàmm(e)   (i)mbònn(e) r'(e) pàn(e) = Fammi inzuppare il pane
(i)Nbortànza, s.f. Importanza
(i)Nbottì, ùt(e) Imbottire
(i)Nbottiglià, àt(e) e (i)Nb(e)ttiglià, àt(e) Inbottigliare
(i)Nbottìt(e), agg, Imbottito
(i)Nbr(e)ccià, àt(e) Imbrecciare, coprire   di uno strato di grossa ghiaia o di breccia.
(i)Nbr(e)cciàta, s.f. Imbrecciata, strato   di breccia o grossa ghiaia sparsa
(i)Nbr(e)glià, àt(e) Imbrogliare,   abbindolare, confodere, ingannare.    (Dallo sp:.: ‘embrujàr’ (letto: embruhar) stregare ed anche  ‘embrollar’ imbrogliare) – Anche: ‘(i)nbr(e)sa’ arc.
(i)Nbr(e)gliàrs(e), àt(e) Confondersi,   sbagliarsi
(i)Nbr(e)gliòn(e), s.m. Inbroglione,   truffatore
(i)Nbr(e)glìss(e), s.m. Confusionista,   pasticcione, ingannatore,
(i)Nbr(e)llàr(e), s.m. Ombrellàio
(i)Nbr(e)llàr(e), s.m. Ombrellaio ambulante   che una volta accomodava gli ombrelli
(i)Nbr(e)nà, àt(e) Ingravidare, mettere   incinta, incingere.
(i)Nbr(e)pèria, s.f. Improperio,   rimprovero. – Pl.: ‘(i)Nbr(e)pèrij(i)’
(i)Nbr(e)sà, àt(e) arc. e (i)Nbr(e)glià, àt(e) Truffare,   imbrogliare, raggirare. (Dallo sp:.: ‘embrujàr’ (letto: embruhar) stregare ed   anche  ‘embrollar’ imbrogliare)
(i)nbr(e)samìend(e), s.m. (arc.) Raggiro, truffa,   imbroglio
(i)Nbr(e)stà, àt(e) Imprestare, prestare
(i)Nbr(e)vv(e)sà, àt(e) Improvvisare
(i)Nbr(e)vvìsta, agg. e avv. Improvvisto – A’a (i)mbr(e)vvìsta = All’improvista, all’improvvisata
(i)Nbracà, àt(e) Imbracare
(i)Nbracatùra, s.f. Imbracatura,   imbragatura, cintura munita di bretelle, fissaggio mediante una braga
(i)Nbrahà, àt(e) Imbragare col “Vracàl(e)” il basto alle bestie   da soma. 2. Inbragare o imbracare
(i)Nbrahà, àt(e) Inbragare o   imbracare. 2. Imbragare col “Vracàl(e)” il basto alle bestie da soma.
(i)Nbrahatùra, s.f. Imbracatura o   imbragatura
(i)Nbramàt(e), agg. Dissoluto, viziato,   depravato
(i)Nbramàt(e), agg. Pidocchioso,   miserabile, taccagno, spilorcio. (Dal Galloitalico: ad es. in Basilicata, a   tito: ‘abbramè’ vuol dire: infestare dai parassiti – in abruzzo ‘vrama’ vuol   significare ‘zecca’ – Dal lat. Parlato ‘varamen’ moltitudine di insetti) –   (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – voce: abbramare)
(i)Nbranàt(e), agg. Imbranato,   impacciato, goffo: essere, restare, mostrarsi i.; è propr. voce del gergo   degli alpini –  (adattam. del veneto   imbrenà, propr. «imbrigliato», der. di brena «briglia»)
(i)Nbrattà, àt(e) Imbrattare,   insudiciare, lordare, impiastrare, macchiare
(i)Nbràzza, avv. In braccio
(i)Nbreccià, àt(e) Imbrecciare
(i)Nbrèll(e), s.m. Ombrello, Ombrellino   = (i)Nbr(e)llìn(e)
(i)Nbrèssa, loc. avv. Fretta <Di. Di   fretta, di furia, in fretta.  – (Da   ‘prèssa’ fretta) – Vìen(e) à là (i)nbrèssa = Vieni in   fretta
(i)Nbrèssa, s.f. Premura, fretta – Vìen(e) àa (i)nbrèssa! = Vieni in fretta!
(i)Nbressiòn(e), s,f. Impressione
(i)Nbressionà, àt(e) Impressionare,   preoccupare
(i)nbrètta e fùria, avv e (i)nfrètta e fùria, avv Subitaneo, repentino
(i)Nbrevìst(e), agg. e s.m. e Imbrevìst(e), agg. e s.m. Imprevisto,   contrattempo
(i)Nbriacà, àt(e) Ubriacare, usato   anche Augliàrs(e), Allumàrs(e), (i)Np(e)tanàrs(e), ecc. (termini più fantasiosi)
(i)Nbriacatùra, s.f. e (i)Nbiacàta, s.f. Ubriacatùra, sbornia
(i)Nbriàch(e), s.m. Ubriaco. Femm.: ‘(i)Nbriàca’ – Poco ubriaco,   alticcio: “Brìll(e)”
(i)Nbriachèzza, s.f. Ubriachèzza
(i)Nbriacon(e), s.m. Ubriacone
(i)Nbrìest(e), avv Prestito<In. In   prestito.
(i)Nbrìma, avv. Prima<Per. Arc.   (Dal latino ‘in primis’)(i)Nbrima còsa v’avìta stà   cìtt(o)! = Per prima cosa dovete zittire!
(i)nbrònd(e), avv. e (i)nfrònt(e) Fronte<In. In   fronte
(i)Nbrònta, s.f. Impronta. Anche:   “Ciàmba”
(i)Nbrovvìs(e), agg. Improvviso
(i)Nbrovvisamènd(e), avv. Improvvisamente,   all’improvviso. Anche: “A’ là (i)Ndrasàtta”
(i)Nbrovvìsamènt(e), avv. e (i)Nprovvìsamènt(e), avv. Improvvisamente
(i)Nbrst(e), s.m. Prestito – S’hav(e) accattàt(e) cù nù nù (i)nbrst(e) = Se l’è comprato con   un prestito
(i)Nbrùoglj(i), s.m. Imbroglio
(i)Nbucà, àt(e) Imbucare
(i)Nbùlanza, s.f. Ambulanza
(i)Nbulatòrij(e), s.m. Ambulatorio
(i)Nbullètta, s.f. Senza soldi, al verde   (forse da ‘bolla’ nell’uso di   una volta di affiggere in pubblico la lista dei falliti)
(i)Nbùmba, s.f. Mommo, bevanda, il   bere dei bambini (Lat.: ‘bua’)   –  (A’à vì   àa (i)nbùmba, vìv(e) fìglj(e) mìj(e)! = Vedi l’acqua, bevi figlio mio!)
(i)Nbundà, àt(e) e (i)Nbuntà, àt(e) Impuntare, impuntarsi
(i)Nbùnda, avv. Punto<In. In   punto, al momento, all’istante. – (i)Nbùnda r(e) mòrt(e),   capìja angòra tùtt(e) = In punto di morte, capiva ancora tutto
(i)Nbùnn(e), avv. e (i)Nfùnn(e), avv. Profondità< In. In   profondità, in fondo, alla fine. – (i)Nbùnn(e) à ù pùzz(e) = In fondo al   pozzo
(i)Nbuquà, àt(e) e (i)Nfuquà, àt(e) Scaldare. M’agg(e)   (i)nbuqàt(e) rùi maccarùn(e) r’àhr(e) – Ho scaldato due (un po’) maccheroni   avanzati, di ieri
(i)Nbùss(e), agg. e (i)Nfùss(e), agg. Bagnato, inzuppato,   intinto, mollo. (Da it.: ‘infondere’ versare dentro > dal lat,: ‘affusus’   part. Pass. Di ‘affondere’ spargere, versare)
(i)Nbustà, àt(e) Inbustare, chiudere   in una busta. 2. Fare il bell’imbusto, essere una persona che stà sulle   eleganze
(i)Nc'(e), avv. e pron. o (i)Ng'(e), avv. e pron. o C(e), avv. e   pron. o N(e), avv. e pron. o Ci. – N'(e)n (i)ng'(e) vòl(e) chiù = Non ci vuole più – Mò n'(e)   rànn(e) rà mangià = Adesso ci danno da mangiare
(i)N’c(e)cagnìrsi, ùt(e) Accecarsi,   ostinarsi,  fissarsi,  essere fuori di se
(i)N’c(e)cagnìrsi, ùt(e) Ostinarsi, accecarsi,   fissarsi, essere fuori di se
(i)N’c(e)cagnùt(e) Accecato, cieco,   ostinato,  fissato,  fuori di se
(i)Nc'(e)p'(e)rià, àt(e) Incipriare
(i)Ncacchiàrs(e), àt(e) Incazzarsi, arc.
(i)Ncàf(e)rchià, àt(e); (i)Ncàf(e)rchiàrs(e), àt(e) Infilare, nascondere,   intanarsi
(i)Ncàf(e)rchià, àt(e); (i)Ncàf(e)rchiàrs(e), àt(e) Intanarsi, infilare,   nascondere
(i)Ncaglià, àt(e) e (i)Ngaglià, àt(e) Incagliare
(i)Ncallì, ùt(e) Incallire
(i)N’calòr(e) Estro<Manifestazione   di. Cioè in stato di manifestazione di estro: In calore.
(i)Ncandà, àt(e) e (i)Ngandà, àt(e) Incantare, stupire,   imbambolare = “(i)Nbambalìsc(e)”
(i)Ncandàt(e), s.m. e (i)Ngandàt(e), s.m. Sognatore,   visionario, utopista
(i)Ncantàt(e), agg. e (i)Ngandàt(e), agg. Incantato,   imbambolato, stupito
(i)Ncap(e)strà, àt(e) Incapestrare, legare   un essere immobilizzando gli arti
(i)Ncapp(e)ttà, àt(e) Incapottare,   ammantare, ricoprire di vesti
(i)Ncapp(o)ttà, àt(e) Incappottare
(i)Ncapr(i)cciàrs(e), àt(e) Incapricciarsi,   ostinarsi
(i)Ncarà, àt(e) e (i)Ngarà, àt(e) Caro> Rendere più.   Rendere più caro, Rincarare
(i)Ncarcagnà, àt(e) e (i)Ngarcagnà, àt(e) Calcare, comprimere,   calpestare. – ( Da ‘carcàgn(e)’ calcagno)
(i)Ncarcagnàt(e), agg. e (i)Ngarcagnàt(e), agg. Calcato, compresso.   2. Tracagnotto, basso, tozzo,
(i)Ncarcagnàt(e), agg. e (i)Ngarcagnàt(e), agg. Tracagnotto, basso,   tozzo 2. Calcato, compresso
(i)Ncarnà, àt(e) e (i)Ngarnà, àt(e) Vizio > Radicarsi   nel. Radicarsi nel vizio, abituarsi nel male. Stato di persona condizionata,   dipendente, ad essere viziosa. 2. Incarnire. Localizzarsi nel vivo della   carne
(i)Ncarnàt(e), agg. Incarnito,   locallizzato nel vivo della carne – O’gna (i)ngarnàta = Unghia incarnita   (Onicogrifosi). 2. Viziato, essere soggetto, essere dipendente – Ù càn(e)   s’èia (i)ngarnàt(e) à mangiàrs(e) lì p(e)l(e)cìn(e) = Il cane si è incarnato   a mangiare i pulcini
(i)Ncarp(e)nà, àt(e) e (i)Ngarp(e)nà, àt(e) Appigliare,   appigliarsi, agganciare, aggrappare, aderire, appiccicare. 2. Unirsi,   attaccarsi, unirsi in in amplesso amoroso. (Da càrp(e)n(e)’, carpine, che ha   rami molto ritorti )
(i)Ncart(e)ccià, àt(e) e (i)Ngart(e)ccià, àt(e) Incartocciare
(i)Ncart(e)gghià, àt(e) Imbustare del   materiale nelle bustine di carta (vedere ‘cartègghia’)
(i)Ncartà, àt(e) e (i)Ngartà, àt(e) Incartare
(i)Ncassà, àt(e) e (i)Ngassà, àt(e) Incassare, esigere
(i)Ncastagnà, àt(e) e (i)Ngastagnà, àt(e) Bloccare, incastrare,   costringere, serrare, fermare con forza, incassare; figurato: incastrare   qualcuno, mettere in difficoltà. – (Da ‘castàgna’, con il pref. ‘(i)n’ in ed   il suff. verbale ‘à’ àre = ‘restare incastrato come una castagna nel proprio   guscio’) – Contr.: ‘scastagnà’, disincrastare
(i)Ncastrà, àt(e) e (i)Ngastrà, àt(e) Incastrare,   bloccare,  costringere, serrare,   fermare con forza,  figurato:   incastrare qualcuno, mettere in difficoltà
(i)Ncatàst(e)! escl. Perfetto! Esprime   consenso, come per dire: tutto messo a posto, sistemato, bene!
(i)Ncatastà, àt(e) e (i)Ngatastà, àt(e) Accatastare,   ammucchiare, ammassare, impilare.
(i)Ncav(e)tà, àt(e) e (i)Ngav(e)tà, àt(e) Introdurre in un buco   ‘cavùot(e)’, infilare,  in luogo   nascosto, intanarsi
(i)Ncavàt(e), agg. e (i)Ncavàt(e), agg. Incavato, cavo,   concavo
(i)Ncazzigghiàrs(e), àt(e) e (i)Ngazzigghiàrs(e), àt(e) Accoppiarsi, unirsi,   verbo riferito ai canidi, per il loro caratteristico modo di copulare   restanto congiunti tra maschio e femmina per un certo periodo di tempo. –   Vedere anche: “Ann(e)cià”
(i)Nchianà, àt(e) e Acchianà, àt(e) Salire, montare (da   Lat.:  ‘adplanare ‘ giungere al piano   di sopra)
(i)Nchiav(e)càt(e) Lurido, Fetente,   Carogna (da “Chiàv(i)ca”)
(i)Nchiùr(e), ùs(e) e (i)Nghiùr(e), ùs(e) Chiudere dentro,   imprigionare, rinchiudere. – (Dall’ant. It. ‘inchiudere’)
(i)Nchj(e)mmà, àt(e) Impiombare, piombare,   fermare con un sigillo di piombo. 2. Appesantire, gravare
(i)Nchj(e)mmà, àt(e) Appesantire, gravare,   – R'(e) mangià m’èia (i)nchj(e)mmàt(e) (i)ngìmma à lù   stòmmach(e) = Il mangiare mi ha appesantito lo stomaco. 2. Impiombare,   piombare, fermare con un sigillo di piombo
(i)Nchj(i)và, àt(e) Inchiodare
(i)Ncògli(e), ncùov(e)t(e) e (i)Ngògli(e), ncùov(e)t(e) Incogliere, capitare
(i)Ncòppia, agg. e Accucchiàt(e), agg. In coppia, accoppiato
(i)Ncoscìend(e), agg. e (i)Ncoscìent(e), agg. Incosciente
(i)Ncr(e)scènza Crescenza<A. A   crescenza (detto di indumenti per bambini), cioè un po’ più ampio di quel che   occorre.
(i)N’cr(e)spà, àt(e) e (i)N’gr(e)spà, àt(e) Increspare,   corrugare. A’vìa (i)ncr(e)spàt(e) r'(e) cègl(i) = Aveva   corrugate le ciglia
(i)Ncuccià, àt(e) e (i)Ncuzzà, àt(e) e (i)Nguzzà, àt(e) Apprendere, imparare,   acquisire, entrare in testa –  Nnù lu (i)ngòccia pròbbia r(e) s(e) (i)mbarà la poesìa = non ne   vuole proprio sapere di imparare la poesia
(i)Ncuglj(i)nùr(e), loc. avv. e (i)Nguglj(i)nùr(e), loc. avv. Nudo;  –    Anche: ‘(i)Nguglj(i)nùr(e)’   –   (da: ‘Cugliòn(e)’ e ‘Nùr(e)’)
(i)Ncugnà, at(e) e (i)Ngugnà, at(e) Incastrare,   incuneare, connettere
(i)N’cuièt(e) Pace<In. In pace,   in quiete
(i)Ncuità, àt(e) Inquietarsi,   arrabbiarsi. 2. Intristirsi, avvilirsi
(ì)Nculàta, s.f. e (ì)Ngulàta, s.f. Inculata. (der. di inculare),   volg. –  L’atto di inculare. In senso   fig., fregatura, imbroglio: dare, ricevere, prendersi   un’inculata
(i)Nculàta, s.f. e (i)Ngulàta, s.f. (pop.) Fregatura, inganno
(i)Ncundrà, àt(e) e (i)Nguntrà, àt(e) Incontrare,   imbattersi, scontrarsi. (Anche: ‘affr(e)ndà’ e ‘cunfr(e)ndà’)
(i)Ncùoggh(i) Spalle<Sulle.   Sulle spalle. – P'(e)rtàva nù sàcch(e) r'(e) hràn(e)   (i)ngùoggh(i) = Portava un sacco di grano sulle spalle. 2. Addosso.  – (i)Ncùoggh(i), mìtt(i)t'(e) lù cappòtt(o) = Addosso, metti il   cappotto.
(i)Ncùoggh(i) Addosso.  – (i)Ncùoggh(i),   mìtt(i)t'(e) lù cappòtt(e) = Addosso, metti il cappotto. 2. Spalle<Sulle.   Sulle spalle. – P'(e)rtàva nù sàcch(e) r'(e) hràn(e) (i)ngùoggh(i) = Portava   un sacco di grano sulle spalle
(i)Ncùogghj(i), avv. Addosso, sulle   spalle, sul dorso – (tradotto alla lettera: ‘(i)n’-‘cùogghj(i)’ in-collo)
(I)Ncur(e)nà, àt(e) e (I)Ngur(e)nà, àt(e) Incoronare, coronare,   cingere di corona
(i)N’cùr(e)na, s.f. arc. e incùdin(e), s.m. Incudine
(i)Ncuraggià, àt(e) e (i)Nguraggià, àt(e) Incoraggiare,   incitare, spronare, confortare
(i)N’curdà, àt(e) e (i)Ngurdà, àt(e) Incordarsi,   irrigidirsi
(I)Ncurnà, àt(e) e (I)Ngurnà, àt(e) Incornare,   cozzare,  percuotere con le corna –   Anche: ‘Cuppà’
(i)Ncurp(e)rà, àt(e) e (i)Ngurp(e)rà, àt(e) Incorporare,   assorbire in se, unire, mescolare. 2. Risentire, sentire gli effetti, le   conseguenze
(i)Ncuscijènzia, s.f. Incoscienza,   irresponsabilità, sconsideratezza
(i)N’cùt(e)cà, àt(e) Insudiciato,   morchioso, lordato di sostanze grasse, di unto rappreso.
(i)N’cùt(e)cà, àt(e) Morchioso,   insudiciato, lordato di sostanze grasse, di unto rappreso.
(i)N’cùt(e)gnà, àt(e), s.f. Picchiare,   percuotere,  malmenare (letteralmente:   battere qualcuno con la cotogna, il frutto del cotogno “Cutùgn(e)”, frutto molto duro   =
(i)Ncuzzà, àt(e) e (i)Nguzzà, àt(e) e (i)Ncuccià, àt(e) Imparare, acquisire,   apprendere, entrare in testa –  Nnù lu (i)ngòzza pròbbia r(e) s(e) (i)mbarà la poesìa = non ne   vuole proprio sapere di imparare la poesia
(i)Nd(e)bb(e)tàrs(e), àt(e) Indebitarsi
(i)Nd(e)fàt(e), agg. Ubriaco fradicio,   rimpinzato, gonfio, stipato. – (Dall’osco: ‘Tufa’ poi passata al latino:   ‘tuba’ tromba, da cui l’idea di gonfiore delle gote del suonatore di   “tofa”)  –   Ièr(e) sèra n'(e) sìm(e) (i)nd(e)fàt(e) bùon(e)! = Ieri sera ci siamo   ubriacati per bene! 2. Ottuso, appesantito (come   un tufo). 3. Sordo, che non ripercuote il suono,  rumore cupo, profondo.
(i)Nd(e)fàt(e), agg. Ottuso, appesantito   (come un tufo). – M'(e) sènd(e) à càp(e) (i)nd(e)fàta =   Sento di avere la testa ottusa, pesante. 2. Sordo,   che non ripercuote il suono,  rumore   cupo, profondo. 3. Ubriaco fradicio, rimpinzato, gonfio, stipato.
(i)Nd(e)fàt(e), agg. Sordo, che non   ripercuote il suono,  rumore cupo,   profondo. – (Dall’osco: ‘Tufa’ poi passata al latino: ‘tuba’ tromba) – Vàtt(e) v(e)cìn(e) à stù mùr(e), s'(e) sé d(e) nù r(e)mòr(e)   (i)nd(e)fàt(e)! = Batti su questo muro, si sente un rumore sordo!. 2. Rimpinzato, gonfio, ubriaco fradicio.  3. Ottuso, appesantito (come un tufo)
(i)Nd(e)mbagnà, àt(e) e (i)Nd(e)mpagnà, àt(e) Stringere le doghe   dei recipienti di legno (tavola), come una botte, un tino, ecc., serrando i   cerchi in ferro che le costringono.  –   (alla lettera: realizzare un ‘T(e)mpàgn(e)’. 2. Murare, tamponare il vuoto   fra pilastri di una casa. – (alla lettera: realizzare un ‘T(e)mpàgn(e)’   tramezzo.
(i)Nd(e)mmacà, àt(e) Ammaccare,   contundere, illividire, dare botte.  –   (Dal lat.: ‘tummicus’ da ‘Tumidus’ tumido, gonfio, tumefatto, con il prefisso   verb. ‘In’).  2. Congiungersi   sessualmente – (Significato metaforico, nel senso di “darci   dentro”)
(i)Nd(e)mpagnà, àt(e) e (i)Nd(e)mbagnà, àt(e) Murare, tamponare il   vuoto fra pilastri di una casa. – (alla lettera: realizzare un ‘T(e)mpàgn(e)’   tramezzo. 2. Stringere le doghe dei recipienti di legno (tavola), come una   botte, un tino, ecc., serrando i cerchi in ferro che le costringono
(i)Nd(e)nà, àt(e) Intonare. 2.   Risonare,  Il risonare di un oggetto   percosso, del muro di una intercapedine, che ne  rilevi l’integrità oppure eventuali   incrinature.
(i)Nd(e)nacà, àt(e) e (i)Nt(e)nacà, àt(e) Intonacare – (Da   ‘tònaca’ tunica, nel senso figurato di ‘superficie’, col pref. verb.: ‘in’)
(i)Nd(e)nacatùra, s.f. Intonacatura
(i)Nd(e)nàt(e), agg. Intonato, accordato,   armonizzato
(i)Nd(e)pp(e)cà, àt(e) e (i)Ndr(e)pp(e)cà, àt(e) Incespicare,   inciampare leggermente, intoppare.    (Da: intoppare , toppo, tronco, nel senso di cosa che ostruisce  – Dal. Port.  Intropeçar)
(i)Nd(e)ppà, àt(e) Sfiorare, toccare,   urtare, intoppare (col significato di toccare)
(i)Nd(e)r(e)tùpp(e)t(e)!, escl. Ancòra! di nùovo!,   daccapo!, ulteriormente!, un’altra volta! ci ricaschi! –  (Intercalare onomatopeico derivante da   ‘(i)ndr(e)pp(e)cà’ e ‘(i)nd(e)ppà’ incespicare, sbattere, e quindi   ironicamente ‘ricascare’  per   sottolineare la ripetizione ossessiva di qualcosa effettuata o detta da   altri. – E (i)nd(e)r(e)_tùpp(e)t(e)! Cà vò n’ata vòta assì! =  E ancòra! Che ancora una volta vuoi uscire!
(i)Nd(e)rc(e)glià, àt(e) Attorcigliare,   avvolgere
(i)Nd(e)rc(e)nà, àt(e) e (i)Nd(e)rc(e)nià, àt(e) – arcaici Intorcinare,   attorcigliare, avvolgere
(i)Nd(e)rciglià, àt(e) e Att(e)rc(e)glià Attorcigliare,   avvolgere
(i)Nd(e)rcigliàrs(e), àt(e) Attorcigliarsi,   intricarsi, igarbugliarsi
(i)Nd(e)rciglj(i), s.m. Attorcigliatura,   avvolgimento di cosa attorcigliata, avvolgitura, attorcitura
(i)Nd(e)rs(e)cà, àt(e) e (i)nd(e)rs(e)gghià, àt(e) Incastrare,   ammorsare, occludre, intasare, strozzare. – (Vedere: ‘(i)nd(e)rsà’)
(i)nd(e)rs(e)gghià, àt(e) e (i)Nd(e)rs(e)cà, àt(e) Ammorsare,   Incastrare, strozzare, occludre, intasare
(i)Nd(e)rs(e)gghiàt(e) Incastrato,   ammorsato. Dicesi anche del cane che alla fine della copula resta congiunto   con la cagna: E’ia r(e)màst(e)    (i)nd'(e)rs(e)gghiàt(e) od anche: “(i)Ncàzzigghiàt(e)”
(i)Nd(e)rsà, àt(e) Incastrare,   ammorsare. – Ù nùzz(e) r'(e) la v(e)rn(e)còcca l’èia (i)’nd(e)rsàt(e)   (i)ngànna = Il torsolo dell’albicocca gli si è incastrato in gola. –   (Dall’ital.: Torso, torsolo, che per conversione col suffisso ‘are’diventa   verbo: ‘torsare’ con il prefisso ‘in’, quindi il nostro ‘(i)ntorsare’ cioe un   torsolo che si incastra). 2. Copulare, fare sesso.
(i)N’d(e)rsà, àt(e) e (i)N’d(e)mmacà, àt(e) Copulare, praticare   il coito, unirsi sessualmente. Anche ‘Fr'(e)cà’; – Detto in senso goliardesco: ‘Fàrse   nà Chiandèlla’ ed ache ‘Fàrse   nù Tr'(e)mòn(e)’
(i)Nd(e)sà, àt(e) Irrigidire,   tensionare, indirizzire, andare impalato. – (Da it.: ‘tesare’ stendere e   diventar rigido > dal lat. parlato: ‘Inte(n)sare’ = distendere)
(i)Nd(e)sc(e)càrs(e), àt(e) e Avv(e)nazzàrs(e), àt(e) e   Pigliàrs(e) nà pègghia, pigliàt(e) nà p. Ubriacarsi,   sborniarsi (Dal Gr. ‘Entosthia’ viscerÌ > napoletano, pugliese   (ntùcia=viscere) > ernia >gonfiarsi dal bere)
(i)Nd(e)scjàrs(e), àt(e) Agghindarsi,   abbigliarsi, attillarsi
(i)Nd(e)siasmà, àt(e) Entusiasmare
(i)Nd(e)ss(e)cà, àt(e) e (i)Nt(e)ss(e)cà, àt(e) Intossicare
(i)Nd(e)ss(e)cùs(e), agg. e t(e)ss(e)cùs(e) Amaro, tossico
(i)Nd(e)ss(e)cùs(e), agg. e t(e)ss(e)cùs(e) Tossico, amaro
(i)Nd(e)stà, àt(e) e (i)N’t(e)stà, àt(e) Indurire, diventar   duro – (Dall’it.: tòsto, a sua volta dal lat. tostus, part. pass. di torrere   «disseccare, tostare). –  Duro, sodo.   2. Intestare, intitolare
(i)Ndà là, prep. art. Nella
(i)Ndà lì, prep. art. Nei – negli
(i)Ndà lù, prep. art. Nel – nello
(i)Ndà rè, prep. art. Nelle
(i)Ndà, prep. Nel, dentro – E’ia carùt(e) (i)ndà lù pùzz =    E’ caduto dentro al pozzo
(i)Ndàccà, àt(e) Intaccare, segnare,   fendere, incidere  – Anche: “S'(e)ngà”
(i)Ndàcca, s.f. e (i)Ndàcch(e), s.m. Tacca, intacco,   segno, fenditura,  incisione ( Dal   gotico ‘ Taikka’ tacca) – Anche: ‘Sìngh(e)’
(i)Ndàcch(e), s.m.  e   (i)Ndàcca, s.f. Intacco, tacca,   segno, fenditura, incisione – Anche “Sìngh(e)” ed anche “Sènga”
(i)Ndaccià, àt(e) e (i)Ndaccijà, àt(e) Imbullettare,   piantare, inchiodare una puntina, una bulletta per scarpe, ecc.
(i)Ndaccijà, àt(e) e (i)Ndaccià, àt(e) Piantare,   imbullettare, inchiodare una puntina, una bulletta per scarpe, ecc.
(i)Ndacculì, ùt(e) Indurire, stagionare,   essiccare (Diventare duro come una ‘tàccula’)
(i)Ndaffaràt(e), agg. Indaffarato
(i)Ndaglià, àt(e) e (i)Ntaglià, àt(e) Scolpire,   frastagliare, Intagliare
(i)Ndaglj(e), s.m. e (i)Ntaglj(e), s.m. Rimasuglio, ritaglio,   scampolo, avanzo
(i)Ndahà, àt(e) Indagare
(i)Ndanà, àt(e) e (i)Ntanà, àt(e) Intanarsi, rintanarsi
(i)Ndàngh(e)t(e), e (i)Ndratàngh(e)t(e) Voce onomatopeica per   indicare il rumore di un botto improvviso, di uno sbattere di una porta, ecc.   2. Improvvisamente  – E. . . (i)ndràngh(e)t(e), s'(e) s(e)ndì chiùr(e) à pòrta! = E.   . . (i)ndràngh(e)t(e), si sentì chiudere la porta! (improvvisamente)
(i)Ndartaglià, àt(e) e Tartaglià àt(e) e Zahaglià, àt(e) e   Cacaglià, àt(e) Tartagliare,   balbettare
(i)Ndartarì, ùt(e) e (i)Ntartarì, ùt(e) Tartaro<Imbrattarsi   di. Imbrattarsi di tartaro – A’ vòtt(e) èia (i)ndartanùta = La botte si è   imbrattata di tartaro
(i)Ndasà, àt(e) e (i)Ntasà, àt(e) Intasare, ingorgare,   occludere. – Stasare = ‘Stasà’
(i)Ndav(e)là, àt(e) e (i)Ntav(e)là, àt(e) Intavolare, tavolare,   impalcare, rivestire con tavole
(i)Ndav(e)làt(e), s.m. Intavolato, tavolato,   pavimento o riparo di tavole . 2. Palco ligneo bandistico   a carattere provvisorio che, in genere, si innalza per l’esecuzione della   musica in piazza, durante le  feste   religiose
(i)Ndav(e)làt(e), s.m. Palco ligneo   bandistico a carattere provvisorio che, in genere, si innalza per   l’esecuzione della musica in piazza, durante le  feste religiose. 2. Intavolato, pavimento o   riparo di tavole come ad esempio una parete divisoria
(i)Ndelliggènza, s.f. e (i)Ntelliggènza, s.f. Intelligenza
(i)Ndènn(e), (i)ndìs(e) Intendere,   comprendere
(i)Ndènn(e), ìs(e) e (i)Ntènn(e), ìs(e) Comprendere,   intendere
(i)Ndènn(e)s(e), (i)ndìs(e) Intendersi,   comprendersi, accordarsi
(i)Ndèr(e), agg. Intero. Anche:   “(i)Nzàn(e)”, arc.
(i)Nderessà, àt(e) interessare
(i)Nderoclìsma, s.m. Enteroclisma,   apparecchio per ‘EnteroclisÌ 2. Enteroclisi, somministrazione per via rettale   di soluzioni a scopo terapeutico o nutritivo
(i)Nderoclìsma, s.m. Enteroclisi,   somministrazione per via rettale di soluzioni a scopo terapeutico o   nutritivo. 2. Enteroclisma, apparecchio per ‘EnteroclisÌ
(i)Ndialètt(e), agg. Dialettale, in   dialetto
(i)Ndialètt(e), s.m. e Dialètt(e), s.m. Dialetto, parlata
(i)N’dicà, àt(e) Indicare. Anche:   “(i)Nz(e)ngà”
(i)Ndìcchj(i), s.m. e (i)Ntìcchj(i), s.m. Inezia, piccola   parte, cosina, piccolezza, minuzia
(i)Ndietreggià, àt(e) Indietreggiare,   arretrare, retrocedere, fare retromarcia. Vewdere anche: “Ciassà”, arc.
(i)Ndigènt(e), agg. Indigente
(i)Ndìn_(i)Ndìn, s.m. Dindin, suono di un   campanello
(i)Ndìngh(e) e (i)Ndèra, avv. Tentennare, essere   indeciso, volubile. Parlarere ora di questo ora di quello, come lo sbattere   del  battaglio della campana.  – Facìa sùl(e)   (i)Ndìngh(e) e (i)Ndèra, e n'(e)n d'(e)c(e)rìa mài! = Parlava ora di questo   ora di quello, e non decideva mai! 2. Questo e   quello
(i)Ndìngh(e) e (i)Ndèra, avv. Questo e quello. 2.   Tentennare, essere indeciso, volubile. Parlarere ora di questo ora di quello,   come lo sbattere del  battaglio della   campana
(i)Ndìngh(e), s.m. Tocco del ‘dindin’ di   un campanello, piccolo rumore
(i)Ndìngh(e)_(i)Ndàngh(e)t(e)    e (i)Ndìngh(e)t(e)_(i)Ndàngh(e)t(e)    e (i)Ndringh(e)t(e)_(i)Ndràngh(e)t(e) Instabilità,   melfermezza, labilità (Termini onomatopeici indicandi il movimento di   qualcosa di instabile) – Nù bullòn(e) facìa   (i)ndìngh(e)t(e)_(i)ndàngh(e)t(e) = Un bullone era lasco (si muoveva di qua e di là)
(i)Ndirìzz(e), s.m. Indirizzo
(i)Ndìs(e) Inteso
(i)Ndìst(e), s.m. Desto, vigile,   attivo, in gamba. – (Dal lat.: ‘Intentus’, intento, applicato, diligente)
(i)Ndò èia èia, locuz. avv. e (i)Ndò sìa sìa, locuz. avv. Ovunque, dovunque, in   ogni dove, dappertutto, anche “(i)Ndò èia èia” (Tradotto:   “Dove è, è”) – Vedere anche:    “Zònga” =   Qualsiasi
(i)Ndò sìa sìa, locuz. avv. e (i)Ndò èia èia, locuz. avv. Dovunque, ovunque, in   ogni dove, dappertutto, anche “(i)Ndò èia èia” (Tradotto:   “Dove è, è”) – Vedere anche:    “Zònga” =   Qualsiasi
(i)Ndò, avv. Dove –  Rà (i)ndò vìen(e)? = Da   dove vieni?
(i)Ndò, avv. e (i)Ndòv(e), avv. e (i)Ndònn(e), avv. Dove, donde – Rà (i)ndò vìen(e)? = Da dove vieni? – R'(e) (i)ndònn(e) è ? =   Di dove è? – (i)Ndovè? = Dove è (letterale: ‘In   dove è’?)
(i)Ndòndar(e), agg. e s..m.    e Tòtar(e), agg. e s.m. Stupido, tonto,   sciocco, malenso – (Da tonto (stupido) dal lat. ‘Tònitus’ quasi colpito dal tuono)
(i)Ndorà, àt(e) Dorare
(i)Ndòrta, s.f. Girata, mandata della   serratura, voltata, torsione. – (Da ‘torsione’: dal lat. class.: ‘ tortus ‘   da ‘torquere’ torcere, effettuare una mandata). 2. Sorso, sorsata,   centellino, bevuta di un solo sorso
(i)Ndòrta, s.f. e Sùrchj(e), s.m. e Sùrs(e), s.m. Sorso, sorsata,   centellino, bevuta di un solo sorso. –    (Da ‘torsione’: dal lat. class.: ‘ tortus ‘ da ‘torquere’ torcere, col   significato di mandare giù una sorsata). 2.    –  Girata, mandata della   serratura, voltata.
(i)Ndòv(e), avv. Dove –  Rà (i)ndò vìen(e)? = Da dove vieni?
(i)Ndovùngua èia èia, loc. avv.le  e (i)Ndov’èia èia, loc. avv.le Dovunque, (Tradotto   alla lettera: “Dove è, è”) – Appòscial(e) (i)ndov’èia èia! =   Poggialo dovunque!
(i)Ndovùngua, avv. Dovunque – (i)Ndovùngua vài(e), tùtt(e) lù salùtan(e) = Dovunque vada,   tutti lo salutano
(i)Ndovùnqua, avv. e (i)Ndòvungua, avv. Dovunque
(i)Ndr(e)càrs(e), àt(e) e (i)Ntr(e)hàrs(e), àt(e) Immischiarsi,   impicciarsi, ficcare il naso, curiosare, indagare, interessarsi dei fatti   altrui
(i)Ndr(e)chìer(e), agg. Ficcanaso,   indiscreto, pettegolo, indagatore, curioso, che si interessa dei fatti altrui
(i)Ndr(e)hànt(e), agg. Intrigante,   faccendiere, impiccione
(i)Ndr(e)hàrs(e), àt(e) e (i)Ntr(e)càrs(e), àt(e) Intromettersi,   impicciarsi, immischiarsi, ficcare il naso, curiosare, indagare, interessarsi   dei fatti altru. – (Da ‘intrigare’, ma influenzato, per i sign., dal fr.   “intrigant”, di persona che s’intromette abitualmente e volentieri   negli affari degli altri)
(i)Ndr(e)mìngula!, marmarò. locuz. Sbrandellalo!   (dilanialo!) mormorò (traduzione letterale). Espressione evidentemente presa   dal termine di qualche racconto celebre. (Si sentiva declamare nei primi anni   cinquanta del 1900, dal banditore del paese, col soprannome di   ‘Zucculìcchj(i)’: “(i)Ndr'(e)mìngula! marmarò,   lìsc(e) e bùss(e) e n’àta vò(ta). . . =   Sbrandellalo! mormorò, una bastonata ed un’altra ancora. ..) – (Dal sic.: tringuli (tranci)_minguli (lacci):   dalla rad. gallica: ‘trencher’ scindere, segare e ‘- mincer’ tritare; che con   il pref. verb. iniziale “(i)n”, nel nostro dialetto, si traduce in:   “trincialo”, “riducilo a brandelli”  – (Da: Etimolgycum Siculum di Joseph Vinci   – Messanae -1759 – Ex Regia Typographia Francisci Gaipa).)
(i)N’dr(e)nà, àt(e) Rintronare, di un   suono ripercuotersi con fragore. 2. Rintronare, rimbombare, risuonare
(i)Ndr(e)nà, àt(e) e Tr(e)nà, àt(e) Rintronare,   rimbombare, tuonare
(i)Ndr(e)pp(e)cà, àt(e) e (i)Nd(e)pp(e)cà, àt(e) Inciampare,   incespicare
(i)N’dr(e)v(e)là, àt(e) Intorbidire
(i)Ndr(e)v(e)là, àt(e) e (i)Ntr(e)v(e)là, àt(e) Intorbidire,   offuscare, turbare, agitare
(i)N’dr(e)zzà, àt(e) e (i)N’tr(e)zzà, àt(e) Intrecciare
(i)ndrà, avv. Fra, tra, entro,   circa, pressappoco (letteralmente  = in   tra, in fra) – (i)ndrà cìngh(e) m(e)nùt(e) èia èss(e) à ù tabbacchìn(e),   s(e)nò chiùr(e)! = Entro cinque minuti devi raggiungere il tabacchino,   altrimenti lo troverai chiuso!
(i)Ndrallàzz(e), s.m. Intrallazzo,   imbroglio, raggiro, intrigo
(i)ndramènd(e), avv Mentre, nel mentre,   intanto
(i)Ndramènd(e), avv. Mentre, nel tempo   che, durante – (Dal’etimologia dell’it.: ‘mentre’: dal prov. ‘dementre’, dal   fr.: ‘dementre’, ecc., sincope del lat.: ‘interim’ tra quello: in questo   mezzo, frattanto)
(i)Ndrand(e)là, àt(e) e (i)Ndrand(e)lià, àt(e) Scuotere, quassare,   smuovere. – (L’origine del verbo, nel meridione d’Italia  – Sic. e calab.’: trantuliari’ tremare:   luc. ‘trandelà’ scuotere. Il termine perviene da: ‘tarantola’, dal tremare di   chi veniva morso da tale aracnide, con il prefisso ‘(i)n’ ed il suff.   ‘à(re)’, verbali, dando il significato di: ‘(i)n-tatantola_re’,  giunto quindi fino a noi come:   ‘(i)ndrand(e)là’.  – Da: Etimolgycum   Siculum di Joseph Vinci – Messanae -1759 – Ex Regia Typographia Francisci   Gaipa)
(i)Ndràngh(e), e (i)Ndràngh(e)t(e) Voci onomatopeicche   di un forte e secco rumore o espressiva di un fatto ra pido e improvviso – A’ là (i)ndrasàtta:(i)Ndràngh(e)! e aprì la porta! =   All’improvviso: (i)Ndràngh(e)! ed aprì la porta!
(i)Ndrangulà, àt(e) e (i)Ndrangulià, àt(e) Smuovere, scuotere,   agitare. – (Stesso etimo di ‘(i)ndrand(e)là’)
(i)Ndrangulià, àt(e) e (i)Ndrangulà, àt(e) Agitare, scuotere,   smuovere. – (Stesso etimo di ‘(i)ndrand(e)là’)
(i)Ndrappaglià, àt(e) Incespicare,   incagliarsi, intoppare 2. Farfugliare, incespicare nel parlare
(i)Ndrappaglià, àt(e) Farfugliare,  incespicare nel parlare. Sinonimo di   Balbettare (Cacaglià).  2. Incespicare, incagliarsi, intoppare
(i)Ndrapr(e)ndènt(e), agg Intraprendente
(i)Ndrasàtta, avv. e (i)Ntrasàtta, avv. Improvviso, inatteso.   – Dal lat.: ‘intra res actas’ tra le cose fatte, durante la normale   occupazione) – Arr(e)và à là (i)ndrasàtta! = Arrivò all’improvviso, in modo   inatteso. – Anche: “(i)Mbrovvis(e)”
(i)Ndratànd(e), avv. Intanto, frattando
(i)Ndratt(e)nè, ùt(e) Intrattenere,   indugiare
(i)Ndravanà, àt(e) e (i)Ntravanà, àt(e) Cadere, rovinare,   stramazzare per terra. – (Dalla radice ‘rovinare’ rovinare (raro ruvinare),   cadere giù crollando, franando. Giunto nel nostro dialetto come se si   dicesse: ‘in_rovinà(re’ > ‘ind_ravanà(re) > (i)ndravanà) – F(e)lìpp(e), ammènd(e) chì currìa, è (i)ndravanàt(e)   (i)ndèrra = Filippo, mentre correva, è caduto per terra
(I)Ndravèr(e), (i)ndravìst(e) Intravedere
(i)Ndrècc(e), s.m. Intreccio
(i)Ndrèss(e), s.m. (Arc.) e Inderèss(e), s.m. Interesse. – A’attàn() s'(e) pigliàva lì (i)ndrèss(e) = Il padre percepiva   gli interessi
(i)Ndrèss(e), s.m. e Rànn(e), s.m. Danno, perdita,   danneggiamento
(i)Ndrìch(e), s.m. Intrigo, imbroglio,   garbuglio, sviluppo di fastidi
(i)Ndrìgn(e), agg. Spesso, grosso, pieno   – (Dalla rad. lat. ‘turgidus’ gonfio, rigido, grosso con il pref.  prefisso agg. ‘in’) – Nù   tràv(e) (i)ndrìgn(e) = una trave spessa – (F.: ‘(i)ndrègna’) – Vedere anche   ‘Trùgn(e)’
(i)Ndringh(e)t(e)_(i)Ndràngh(e)t(e), inter. e   (i)Ndìngh(e)_(i)Ndàngh(e)t(e), inter. e (i)Ndìngh(e)t(e)_(i)Ndàngh(e)t(e),   inter. Labilità,   instabilità, melfermezza (Termine onomatopeico) – Nù   bullòn(e) facìa (i)ndrìngh(e)t(e)_(i)ndràngh(e)t(e) = Un bullone era lasco (si muoveva di qua e di là)
(i)Ndròcchia, s.f. Mala femmina – (Da   probabili eufemismi di ‘Troia’) – Il detto ‘Fìglj(i) r’ (i)ndròcchia’   indirizzato a qualcuno indica una capace di qualsiasi furbezza, senza   tradirsi di fronte a nessuno, e quindi è un complimento. Al contrario per chi   è un bonaccione ingenuo e permaloso è un’offesa.
(i)Ndròit(e), s.m. Introito
(i)ndrùoglj(i), s.m. e (i)ndrùglj(i), s.m. Intruglio, mescolanza   di liquidi. 2. Mescolanza e confusione di idee, faccenda losca
(i)Ndùl(e)ttàrs(e), àt(e) Agghindarsi,   abbigliarsi
(i)Ndùndar(e), Sciocco, rimbambito,   tondo – (Forse dal lat. ‘rotundus’)
(i)Ndùopp(e), s.m. Intoppo, impedimento
(i)Ndusiàsm(e), s.m. Entusiasmo
(i)Ndùtt(e), avv. Totalmente,   assolutamente, definitivamente, addirittura – (Alla lettera:’ In tutto’) – (i)Ndùtt(e) èrano trènda = In tutto erano trenta – E’ra nìeur(e) (i)ndùtt(e) = Era   nero assoluto – Mò s'(e)né giùt(e) (i)ndùtt(e)! = Adesso è andato via   definivamente!
(i)Nf(e)là, àt(e) Infilare, ficcare,   mettere, cacciare dentro
(i)Nf(e)rcà, àt(e) Inforcare. Prendere   con la forca
(i)Nf(e)rnà, àt(e) Infornare
(i)nf(e)rnàta, s.f. Infornata
(i)Nf(e)rrà, àt(e) e (i)Nf(e)tarà, àt(e) Picchiare, bastonare,   coprire di botte. – (Da:'(i)nforra’, fodera > col significato di:   ‘foderare’ qualcuno di botte)2 Infoderare (‘(i)Nf(e)tarà’) 3. Nascondersi in una macchia di vegetazione (nella ‘fòrra’)
(i)Nf(e)rriàta, s.f. Inferriata
(i)Nf(e)rrìzz(e), s.m. Acquazzone
(i)Nf(e)rzà, àt(e) Rinforzare,   afforzare, potenziare, aumentare
(i)Nf(e)ssà, àt(e) Infossare, mettere in   una fossa. 2. Sprofondare, avvallarsi. 3. Seppellire
(i)Nf(e)ssà, àt(e) Sprofondare,   avvallarsi. 2. Infossare, mettere in una fossa. 3. Seppellire
(i)Nf(e)ssùt(e) Instupidito,   diventato fesso
(i)Nf(e)tarà, àt(e) Infoderare
(i)Nf(e)tarà, àt(e) e (i)Nf(e)rrà, àt(e) Infoderare   (‘(i)Nf(e)tarà’). 2. Nascondersi in una macchia di vegetazione (Nella   ‘fòrra’). 3. Picchiare, coprire di botte (‘(i)Nf(e)rrà’)
(i)Nfacènn(e), ger. v. fare Facendo, l’atto di   fare qualcosa – Nell’espressione: ‘(i)Nfacènn(e)_(i)Nfacènn(e)’ = mentre si   sta facendo – Nùi, po’, (i)nfacènn(e)_(i)nfacènn(e) n'(e)   raccundàmm(e) tùtt(e) = Noi, poi, durante il nostro fare ci raccontammo tutto
(i)Nfàm(e), agg. e (i)Nfamàt(e), agg. Infame, scellerato,   vergognoso
(i)Nfar(e)nà, àt(e) Infarinare
(i)nfassà, àt(e) arc. e Fassà, àt(e) Infasciare, fasciare,   avvolgere –
(i)Nfassatòra, s.f. Fasciatura, intesa   come tutte le risorse occorrenti per fasciare il bambino
(i)Nfast(e)rì, ùt(e) Infastidire,   disturbare, dar fastidio ad altri. – Cànij(e) m'(e) (i)nfast(e)rìsc(e) =   Canio Mi infastidisce. 2. Disturbarsi, infastidirsi, avere fastidio, non   riuscire a sopportare – Ìij(e) m'(e) (i)nfast(e)rìsch(e) sì vèch(e)   quàccheùn(e) chì spùta (i)ndèrra = Io mi infastidisco se vedo qualcuno che   sputa per terra.
(i)Nfastr(e)ià, àt(e) Fastidire,   infastidire, annoiare – Tù n’nnù scì à (i)nfastr(e)ià! =   Tu non andarlo ad infastidire
(i)Nfastr(e)ià, àt(e) e (i)nfast(e)rì, ùt(e) Infastidire, dar   noia, importunare
(i)Nfatuaziòn(e), s.f. Infatuazione
(i)Nfatùuà, (i)Nfatuùt(e) Infatuare
(i)Nfatùuàrs(e), (i)Nfatuùt(e) Infatuarsi
(i)Nfèrmm(e), agg. Infermo
(i)Nfettà, àt(e) Infettare
(i)Nfiammà, àt(e) Infiammare
(i)Nfìern(e), s.m. Inferno
(i)Nfluènza, s.f. Influenza,   ascendenza, autorità, ascendente, favore, prestigio febbre, malattia virale
(i)Nfluenzàbb(i)l(e) Influenzabile. –   Anche “Cucìv(e)l(e)”
(i)Nfluùnzà, àt(e) e Influenzà, àt(e) Suggestionare,   Influenzare, avere influenza, agire sulla volontà altrui
(i)Nfònn(e), (i)nfùss(e) o Nf(e)nnùt(e) e (i)Nbònn(e),   (i)nbùss(e) Intingere, inzuppare,   bagnare. (Da it.: ‘infondere’ versare dentro > dal lat.: ‘fùndere’   versare, spargere) – (i)Nbùnn(e) àa pènna (i)ndà lù   calamài(e) = Intingi la penna nel calamaio
(i)Nfòrra, s.f. e Fòrra, s.f. Forra, intesa per lo   più come vegetazione folta, con i propri anfratti esistenti fra piante.   (Dall’ant. fr.: ‘fourre’ fodero e al    germ.: ‘fòdr’ guaina, designando con tale nome le cavità nascoste   della vegetazione stessa) – A’ vàcca n'(e)n s'(e) vèr(e)   (i)ndà quègghia (i)nfòrra r'(e) spìn(e) = La mucca non si vede in quel folto   mucchio di spine. 2. Fodera. – Vàl(e) chiù a   (i)nfòrra cà u v(e)stìt(e) = Vale pù la fodera che il vestito (parlando di un vestito di basso valore)
(i)Nfoterà, àt(e) e (i)Nf(e)tarà àt(e) Infoderare
(i)Nfr(e)dd(e)lì, ùt(e) Infreddolire,   intirizzire, raffreddarsi
(i)Nfr(e)st(e)chìsc(e), (i)nfr(e)st(e)cùt(e) Inselvatichire,   innervosirsi, diventar rozzo, diventar ribelle
(i)Nfrac(e)tà, àt(e) e (i)Nbrac(e)tà, àt(e) Infracidire, marcire,   guastarsi
(i)Nfrascà, àt(e) Infrascare,  ascondere con frasche, coprire, rivestire,   riparare
(i)Nfratànt(e), avv. e (i)Nfratànd(e), avv Frattando, intanto,   nel frattempo
(i)nfrètta, avv e (i)nbrètta, avv Fretta <Di; Fretta   <In; – Vìen(e) a la (i)nbrèssa = Vieni in fretta – Fretta = ‘Prèssa’
(i)Nfùnn(e), avv. e (i)Nbùnn(e), avv. Fondo<In. In   fondo, in profondità, alla fine. (i)Nfùnn(e) à la hròtta   = In fondo alla grotta.
(i)Nfuquà, àt(e) e (i)nbuquà, àt(e) Scaldare. M’agg(i)   (i)nfuqàt(e) rùi maccarùn(e) r’àhìer(i) – Ho scaldato due (un po’) maccheroni   avanzati, di ieri
(i)Nfurià, àt(e) Infuriare
(i)Nfùss(e), agg. e (i)Nbùss(e), agg. Inzuppato, bagnato,   intinto. (Da it.: ‘infondere’ versare dentro)
(i)Nfùt(e), avv. (dal lat. ‘adfutum’ in profondità; alterazione   di ad fundum = in fondo, in profondità. Fondo, profondo. Ù   pùzz(e) èia (i)nfùte(e) = Il pozzo è fondo, profondo. (Da: ‘(i)nfùnn(e) =in   fondo > fondo)
(i)ng(e), avv. e pron.    C'(e), avv. e pron. Ci – Ce – N'(e)n (i)ng(e) n'(e) sò = Non ce ne sono
(i)Ng(e)cagnì, (i)g(e)cagnùt(e) e (i)Ng(e)canì, (i)g(e)canùt(e) Accecare, stancare la   vista, offuscare la ragione, non essere più lucido, innamorarsi
(i)Ng(e)calì, ùt(e) Vedere male, non   osservare – Mà chè sì (i)ng(e)calùt, n'(e)n èia vìst(e)   cà v(e)nìa rà dèstra? = M sei orbo, non hai visto che io venivo da destra?
(i)Ng(e)calùt(e), agg. Orbo, cieco,   disattento
(i)Ng(e)gnà, àt(e) e (i)Ngignà, àt(e) Incignare, àto reg.   Cominciare o usare o a consumare, ad incominciare, ad aprire, ad inaugurare.   Indossare per la prima volta un abito e sim.:. (lat. tardo ‘encaeniare’   «consacrare, inaugurare», der. del gr. tardo ἐγκαίνια)  –  O’sc(e) hàgg(e) (i)ng(e)gnàt(e) r'(e) scàrp(e) nòv(e) = Oggi ho   iniziato ad usare le scarpe nuove. 2. Ingegnarsi, adoperarsi con l’ingegno,   industriarsi, arrabattarsi
(i)Ng(e)gnàrs(e), àt(e) Ingegnarsi,   adoperarsi con l’ingegno, industriarsi, arrabattarsi
(i)Ng(e)gnìer(e), s.m. Ingegnere
(i)Ng(e)gnùs(e), agg. Ingegnoso
(i)Ng(e)n(e)cchià, àt(e) Inginocchiare
(i)Ng(e)nalòn(e), agg. e Bacch(e)ttòn(e), agg. Longilineo, persona   alta e snella (Da: ‘(i)Ngìn(e)’    bastone, col suff. accrescitivo ‘one’)
(i)Ng(e)nàta, s.f. Bastonata (Da:   bastone ad uncino: ((i)Ngìn(e)’)
(i)Ng(e)nnì, ùt(e) Istupidire,   intontire, rincretinire, rimbambire, inebetire. (Da ‘ciònna’ fesso)
(i)Ng(e)nzìer(e), s.m. Incensiere, turibolo
(i)Ng(e)rià, àt(e) Ingiuriare
(i)Ng(e)ssà, àt(e) Ingessare
(i)Ng(e)ssàtùra, s.f. Ingessatura
(i)Ngacchiàrs(e), àt(e) Arrabbiarsi,   incazzarsi (espressione eufemistica)
(i)Ngaf(e)rchià, àt(e) Occultare, introdurre   in una buca, un nascondiglio, occultare in una tana. (Da: ‘Cafùorchj(i)’ buco, tana)
(i)Ngalèra Galera<In; In   galera: Galera = “Hàlèra”
(i)Ngamm(e)nà, àt(e) Incamminare
(i)Nganà, àt(e) Aizzare, spingere   contro
(i)Ngandès(e)m(e), s.m. Incantesimo
(i)Ngànn(e), s.m. Inganno
(i)Ngannà, àt(e) Ingannare
(i)ngannaccà, àt(e) Agghindare con   collana, indossare la collana (‘Cannàcca’)
(i)ngannaccàt(e), agg. Agghindato con una o   più collane
(i)Ngannarì, ùt(e) Ingolosire, bramare,   essere schiavo di qualcosa,  dipendere   dalla voglia
(i)Ngannarìa, s.f. Ingordigia, golosità.   voglia, desiderio, vizio, dipendenza dalla bramosia, schiavitù
(i)Ngàp(e), loc. avv. Testa<In. In   testa.  2. All’inizio, prima di tutto,   per prioma cosa. –   Mìtt(e)tìll(e)   (i)ngàp(e) = Mettitelo in testa – (i)Ngàp(e) à tùtt(e) ngè cà t’hàia stà   cìtt(e)! = In testa a tutto c’è che devi stare zitto! – (i)Ngàp(e) à nà   s'(e)tt(e)màna àggia pàrt(e) p'(e) l’Amèr(e)ca = Fra una settimana partirò   per l’America
(i)Ngap(e)nìrs(e), ùt(e) Incaponarsi,   intestardirsi
(i)Ngàp(e)nìrs(e), ùt(e) Incaponirsi
(i)Ngap(e)zzà, àt(e) Contatti Congiungersi   sessualmente, coito, avere un rapporto intimo. (Da ‘Incavezzare’ mettere la   cavezza). 2. Partecipare insieme ad altri ad un evento, intromettersi, sedere   insieme su di una panca stretta, ecc. 3. Incavezzare, mettere la cavezza   (vedi “Capèzza”)
(i)Ngap(e)zzà, àt(e) Incavezzare (vedi   “Capèzza”), mettere   la cavezza, 2. Partecipare insieme ad altri ad un evento, intromettersi,   sedere insieme su di una panca stretta, ecc. 3. Congiungersi sessualmente,   coito, avere un rapporto intimo
(i)Ngap(e)zzà, àt(e) Partecipare insieme   ad altri ad un evento, sedere insieme su di una panca stretta, ecc. 2.   Incavezzare (vedi “Capèzza”), mettere la cavezza. 3. Congiungersi   sessualmente, coito, avere un rapporto intimo
(i)Ngapàc(e), agg. Incapace
(i)Ngapp(e)ttà, àt(e) Incapottare,   ammantare, ricoprire di vesti. (Anche: ‘Accapp(e)ttà’)
(i)Ngappà, àt(e) Acchiappare,   acciuffare, catturare  – Hàgg(e)   (i)ngappàt(e) nù cardìll(e) = Ho acchiappato un cardellino. 2. Capitare,   accadere
(i)Ngappà, àt(e) Capitare, accadere,   avvenire – Chè t'(e) pòzz(e) fà mò, è (i)ngappàt(e)! =   Cosa ti posso fare adesso, è capitato!  2. Acchiappare, acciuffare
(i)Ngappànd(e), s.m. Scroccatore,   scroccatore, parassita
(i)Ngappètt(e), s.m. Pinzetta, molletta   per biancheria
(i)Ngarà, àt(e) e (i)Ncarà, àt(e) Rincarare, rendere   più caro
(i)Ngaraviglià, àt(e) Avvolgere,   ingarbugliare, aggrovigliare, avvolgere, ammantare
(i)Ngaravùoglj(i), s.m. Garbuglio, groviglio
(i)Ngarbuglià, àt(e) ingarbugliare,   intricare, arruffare, mettere disordine, complicare, confondere
(i)Ngarbuglià, àt(e) e (i)Ngaraviglià, àt(e) Aggrovigliare,   ingarbugliare, aggrovigliare
(i)Ngarc(e)rà, àt(e) Incarcerare
(i)Ngarnà, àt(e) e (i)Ncarnà, àt(e) Incarnire.   Localizzarsi nel vivo della carne. 2. Radicarsi nel vizio, abituarsi nel   male. Stato di persona condizionata, dipendente, ad essere viziosa
(i)Ngarp(e)nà, àt(e) Agganciare,   impigliare, aggrappare.  (Da   càrp(e)n(e)’ carpine,  che ha rami   molto ritorti)
(i)Ngarp(e)nà, àt(e) Impigliare,   agganciare, aggrappare
(i)Ngarp(e)nàrs(e), àt(e) e (i)Ncarp(e)nàrs(e), àt(e) Unirsi, attaccarsi,   unirsi in in amplesso amoroso. 2. Appigliare, appigliarsi, agganciare,   aggrappare, aderire, appiccicare.  (Da   càrp(e)n(e)’ carpine,  che ha rami   molto ritorti)
(i)Ngarr(e)cà, àt(e) Incaricare. –   (i)Ngàrr(e)cat(e)n(e) tù! = (i)Ngarr(e)catìnn(e) tù! = Inaricatene tù!
(i)Ngarr(e)càt(e), s.m. Incaricato
(i)Ngàrr(e)ch(e), s.m. Incarico, mansione,   incombenza
(i)Ngarrà, àt(e) Riuscire, conseguire,   indovinare, avere buon esito, avere buon fine (Sp.: ‘Agarrar’ afferrare  –    ‘Garra’ artiglio) – Raramente anche in italiano: Ingarrare come pure   ‘Sgarrare’  [DEI  1957 s.v. ‘ingarrare’ e ‘sgarrare’;   Beccaria 1968)
(i)Ngàrrà, àt(e) Azzeccare,   imbroccare, cogliere nel segno, riuscire, ingarrare
(i)Ngarrètta, agg. Ciabatta>In.   Essere in pianelle, in ciabatte. – (paragonando la ciabatta ad una carettina   senza le sponde – Lett.: ‘in carretta’ ) – E’ia sciùta à   là chièssia, (i)ngarrètta! = E’ andata in chiesa, in pantofole!
(i)Ngart(i)ccià, àt(e) Incartare
(i)Ngarzà, àt(e) Incastrare, (Dallo   sp. Engarzar), calettare , inserire 2. Coinvolgere, partecipare
(i)Ngarzà, àt(e) Partecipare, unirsi.   –  Mò sìm(e) cìngh(e) à là gìta, s’èia   (i)ngarzàt(e) pùr(e) M'(e)ch(e)lìna = Adesso siamo in cinque alla gita, si è   unita anche Michelina. 2. Incastrare, (Dallo sp. Engarzar), calettare ,   inserire
(i)Ngasà, àt(e) e (i)Ncasà, àt(e) Premere, pressare,   aumentare. – (Da: ‘incassare’, adattare un oggetto o parte di esso nella   cavità (incassatura) preparata a contenerlo). 2. Stringere – (i)Ngàsa li màtt(e)l(e)! = (alla lettera): Stringi di più il   manipolo! (con il significato di:  incitare a fare di più). 3. Aumentare – (i)Ngàsa là ddòs(e)! = Aumenta la dose!
(i)Ngasazzà, àt(e) Comprimere, stringere   – (Da: ‘(i)ngasà’ premere)
(i)Ngasazzùs(e) Incazzoso
(i)Ngascià, àt(e) Incassare, serrare,   stringere
(i)Ngastagnà, àt(e) e (i)Ncastagnà, àt(e) Incasare, bloccare,   incastrare, costringere, serrare, fermare con forza; figurato: incastrare   qualcuno, mettere in difficoltà. – (Da ‘castàgna’, con il pref. ‘(i)n’ in ed   il suff. verbale ‘à’ àre = ‘restare incastrato come una castagna nel proprio   guscio’) – Contr.: ‘scastagnà’, disincrastare
(i)ngat(e)nà, àt(e) e (i)ncat(e)nà, àt(e) Incatenare
(i)Ngatàst(e)! escl. Bene! Esprime   consenso, come per dire: tutto messo a posto, sistemato, perfetto!
(i)Ngatàst(e), agg. Ineccepibile,   perfetto, ottimo, ottimale. – Vìr(e) quègghia, èia   (i)ngatàst(e)! = Vedi quella (donna), è perfetta!
(i)Ngatastà, àt(e) e (i)Ncatastà, àt(e) Impilare,   accatastare, ammucchiare, ammassare.
(i)Ngatt(e)lià, àt(e) Supplicare, domandare   umilmente con insistenza, sollecitare per ottenere qualcosa. (Nel modo tipico   dei gatti, quando miagolano)
(i)Ngatt(e)và, àt(e) Cattivare, rendersi   amico, benevolo, devoto qualcuno, per lo più con una certa arte. – (Dal lat.:   ‘captivare’ fare prigioniero,   e figur.: impadronirsi, catturare la benevolenza altrui)
(i)Ngazzàrs(e), àt(e) Incazzarsi,   arrabbiarsi
(i)Ngazzàt(e), agg. Incazzato, furente,   arrabbiato. Che è preso da furore e lo dimostra esternamente negli atti
(i)Ngazzigghià, àt(e) e (i)Ngazz(e)gghià, àt(e) Incastrare, cacciar   dentro,conficcare, calettare (Der. di (Càzz(e) con il pref, ‘(i)n)’ in ed il   insuff, ‘igghiare’ illare, cioè ‘icazzillare’ = Incastrare con il c.). –   Anche: ‘(i)ngarzà’ – Contrario; ‘Scazzigghià’ sconficcare.
(i)Ngazzus(e), agg. e cullèr(e)ch(e), agg. Iroso, incazzoso,   collerico
(i)Ngègn(e), s.m. Ingegno, perspicacia,   talento, mente
(i)Nghi(e)mmà, àt(e) Piombare,   impiomabare. In senso fig., il termine viene usato usualmente con il   significato di appesantire lo stomaco: “(i)nghi)e)mmà lù   stòmmach(e)” = bloccato, appesantito lo tomaco.
(i)Nghiahà, àt(e) Piagare, impiagare,   ferire
(i)Nghiahàt(e), agg. Perfido, infido,   meschino. 2. Piagato, portatore di ferita, piagoso
(i)Nghiahàt(e), agg. Piagato, portatore di   ferita, piagoso. 2. Perfido, infido, meschino
(i)Nghiàn(e), agg. Pianeggiante.   Piano<In. Camìna rà qua, chi la vianòva èia   (i)nghiàn(e) = Cammina da questa parte, dove la strada è piana. (Diz. Etim.   Manlio Cortelazzo – UTET-2005)
(i)Nghiàn(e), agg. e avv. Piano, piatto,   liscio, livellato
(i)Nghianà, àt(e) e Acchianà, àt(e) Ascendere, montare,   salire. (da Lat.:  ‘adplanare ‘   giungere al piano di sopra)
(i)Nghianàta, s.f. e Acchianàta, s.f. e Acchianatòra, s.f. Salita, ascesa,   scalata, ascesa, erta, costa
(i)Nghiandà, àt(e) Collocare   stabilmente, basare, impiantare, (da: ‘fermare stabilmente come una “Chiànda”‘ pianta.
(i)Nghiangà, àt(e) Stabilizzare,   assettare, bloccare, fermare, collocare stabilmente, fermare, fissare   stabilmente (da: ‘fermare stabilmente come una “Chiànga”‘) –   Vìr(e), cà lÙ casciòn(e) l’èia (i)nghiangà bbùon(e), (i)ndèrra! = Vedi che il   cassone lo devi impiantare bene, per terra!
(i)Nghiangàt(e), agg. Assettato,   stabilizzato, collocato stabilmente, – (da: ‘fermato stabilmente come una   “Chiànga”‘)
(i)Nghiapp(e)ttà, àt(e) Avere rapporto anale   (termine triviale e scherzoso)
(i)nghiav(e)càt(e) agg. e Chiàv(e)ch(e), agg. e Chiàv(e)ca, s.f.   agg. Lurido, Infido,   furbo, schifoso
(i)Nghiùr(e), ùs(e) e (i)Nchiùr(e), ùs(e) Rinchiudere,   Imprigionare, chiudere dentro
(i)Nghj(i)mà, àt(e) Imbastire, impuntare,   cucire provvisoriamente. Eseguire una ‘chièma’ imbastitura. – (Dal gr.: ‘ ckyèma’ cima, estremità, unire le   estremità mediante punti larghi di cucitura)
(i)Nghj(i)màta, s.f. Impuntata,   inbastitura, cucitura provvisoria
(i)Nghj(i)mmùs(e) Pesante, greve,   opprimente. (da: Chiùmm(e), piombo) – M'(e) sènd(e) nù stòmmach(e)   (i)nghj(i)mmùs(e) = Sento che ho uno stomaco pesante
(i)Nghj(i)và, àt(e) Inchiodare
(i)Nghjimatùra, s.f. e Chièma, s.f. Cucitura provvisoria,   filza di punti di cucitura, Imbastitura
(i)Ngiamp(e)cà, àt(e), e Ciamp(e)cà, àt(e) e Ciamb(e)cà, àt(e) Inciampicare   (frequente), inciampare, ciampicare, incespicare. – (Da ‘ciampa’, zampa: da   cui anche: ciampicare)
(i)Ngiànga, s.f. Donna frivola,   sprovveduta, senza cervello
(i)Ngiarmà, àt(e) Allestire,   congegnare, mettere insieme, costruire virtuosamente. (Da  lat. ‘carminare’, cardare la lana e nel   senso fig., esaminare minutamente: carminandosi la questione (Sacchetti)
(i)Ngìenz(e), s.m. arc. e Ingènz(e), s.m. Incenso
(i)Ngignà, àt(e) e (i)Ng(e)gnà, àt(e) Iniziare, cominciare,   aprire, inaugurare nel senso di usare la prima volta. Quànn(e) l’àmma  (i)ng(e)gnà la masciòtt(e)la chi n’ann(e)   rialàt(e)? = Quando apriremo la forma di formaggio che ci hanno regalato? –   Hànn(e) (i)ng(e)gnàt(e) la chièsia nòva = Hanno iniziato ad usare la nuova   chiesa
(i)Ngignà, àt(e) e (i)Ng(e)gnà, àt(e) Incignare, (region.),   iniziare ad usare, cominciare, aprire, inaugurare. Dal tardo lat. ‘encaeniare’ inaugurare. Quànn(e)   l’àmma  (i)ng(e)gnà la masciòtt(i)la   chi n’ann(e) rialàt(e)? = Quando inizieremo a mangiare la forma di formaggio   che ci hanno regalato? – Hànn(e) (i)ng(e)gnàt(e) la chièsia nòva = Hanno   iniziato ad usare la nuova chiesa
(i)Ngignàrs(e), àt(e) e (i)Ng(e)gnàrs(e), àt(e) Ingegnarsi,   industriarsi, trovare espedienti
(i)Ngìmma, avv. Sopra, addosso, su,   in cima – Sull’ = (i)Ngìmma à l’;   Sulla = (i)Ngìmma à là;   Sui – sugli = (i)Ngìmma à lì; Sul – sullo = (i)Ngìmma à lù; Sulle = (i)Ngìmma à r'(e)
(i)Ngìmma, avv. Su, sopra, in cima
(i)Ngìn(e), s.m. Uncino 2. Bastone con   il manico a forma di uncino
(i)Ngìn(e), s.m. Bastone con il manico   a forma di uncino.  2. Uncino
(i)Ngiùria, s.f. Ingiuria – Pl.: ‘(i)ngiùrij(e)’
(i)Ngoià, àt(e) Ingoiare,   inghiottire, declutire. Anche: “Cunnùc(e)”
(i)Ngr(e)ccà, àt(e) Rizzare, tesare,   indirizzire, andare impalato
(i)Ngr'(e)ccà, àt(e) Erigere, Drizzare,   rizzare
(i)Ngr(e)fàrs(e), àt(e) Inalberarsi,   adirarsi, impennarsi, erigersi risentito, ingrifare, arricciare del pelo (del   gatto) –  (Sp.: ‘Engrifar’, increspare,   arricciare, impennarsi)
(i)Ngr(e)spà, àt(e) e (i)Ncr(e)spà, àt(e) Increspare,   aggrinzare, aggrinzire
(i)Ngrannì, ùt(e) Ingrandire. 2.   Arricchire
(i)Ngrassà, àt(e) Ingrassare,   inpinguire, impolpare, spalmare di grasso parti meccaniche. 2. Picchiare,   percuotere,  malmenare.
(i)Ngrassà, àt(e) Picchiare,   percuotere,  malmenare. 2. Ingrassare,   inpinguire, impolpare, spalmare di grasso parti meccaniche
(i)Ngrassàt(e), agg. Ingrassato –   Anche:”Abb(e)rzaccàt(e)”
(i)Ngràt(e), s.m. Ingrato
(i)Ngravaccà, àt(e) Accavallare,   sovrapporre, intrecciare, agganciare – A’v(e) (i)ngravaccàt(e) r'(e) còss(e)   = Ha accavallato le cosce, le gambe
(i)Ngredìbbl(e), agg, Incredibile
(i)Nguacchià, àt(e) e (i)Nquacchià, àt(e) Imbrattare,   insudiciare, lordare, impiastrare, macchiare. (Da ‘inguacchiare’ (dial. Nap.)   –
(i)Nguàcchj(i), s.m. e (i)Nquàcchj(i), s.m. Inguacchio (dialetto   nap.), sporcizia, cosa sporca, imbratto. 2. fig. a. Lavoro malfatto e   abborracciato: il muratore ha fatto un vero inguacchio. b. Situazione confusa   e pericolosa, creata per inesperienza o malizia
(i)Nguadrà, àt(e) Redarguire, dare   delle direttive a qualcuno, imporre il proprio pensiero
(i)Nguagliàta, s.f. e (i)Ncuagliàta, s.f. Rinzaffo, prima   stesura grossolana di malta o di cemento su di un muro. 2. Spalmata, colata,   massa plasmabile stesa prima che si consolidi
(i)Nguaià, àt(e) Inguaiare
(i)Nguànn_(i)nguànn, avv. Sporadicamente, di   quando in quando, ogni tanto, di tanto in tanto
(i)Nguattàrs(e), àt(e) Nascondersi,   rintanarsi
(i)Nguculàrs, àt(e) e Accucculàrs(e), àt(e) Accovacciarsi,   Accucciarsi, Accoccolarsi. Anche “(i)nguculà e (i)nguculià”
(i)Nguculàt(e) Accosciato,   accoccolato, seduto sui calcagni
(i)Nguènt(e), s.m. Unguento
(i)Ngufanà, àt(e) Riempire, render   pieno il cofano, il cesto (Da: ‘Còfano’ > riempirlo tutto). 2. Possedere   una donna. 3. Nell’espressione “A’av(e) (i)ngufanàt(e) r'(e) mazzàt(e)!   = Lo ha riempito di botte!
(i)Ngugnà, at(e) e (i)Ncugnà, at(e) Incuneare,   incastrare, connettere
(i)Ngugnàt(e), agg. Incuneato. 2.   Robusto, massiccio, tozzo
(i)Ngugnàt(e), agg. Robusto, massiccio,   tozzo. (come la prietra a cuneo dell’arco ‘cùgn(e)’). 2.Incuneato.
(i)Nguità, at(e) Inquietarsi,   arrabbiarsi. 2. Intristirsi, avvilirsi
(i)Nguitàt(e), agg. Triste, avvilito,   malinconico
(ì)Ngulà, àt(e) e (ì)Nculà, àt(e) Inculare (der. di culo), volg. – Sodomizzare. Fig., imbrogliare,   dare una fregatura. – Part. pass. inculato, anche come agg., spec. in senso   fig.: clienti inculati dai truffatori
(i)Ngulàrs(e), àt(e) Accovacciarsi,   accovacciarsi. – Anche: Cuscjàrs(e) e Accusciàrs(e)
(i)Ngullà, àt(e) Incollare,   appiccicare: “(i)Nb(e)zz(e)cà”
(i)Ngulunnà, àt(e) e Ingolonnà, àt(e) e (i)Ngul(e)nnà, àt(e) Incolonnare,   allineare, schierare
(i)Ngumm(e)rì, ùt(e) e (i)Nn'(e)mm(e)rì, ùt(e) Inumidire, umettare,   bagnare leggermente
(i)Ngummà, àt(e) e (i)Ngrassà, àt(e) e Malmenare, picchiare,   percuotere
(i)Ngùogghj(i), avv. e loc. Addosso, sulle spalle   – P(e)rtàva nà sacchètta (i)ngùogghj(i) = Portava una   sacchetta addosso (sulle spalle) – Quìss(e) n'(e)n pòrta (i)ngùogghj(i) =   Costui non è un tipo tollerante
(i)Ngùorp(e) Corpo>In. In   corpo.
(I)Ngur(e)nà, àt(e), e (I)Ncur(e)nà, àt(e) Coronare, incoronare,   coronare, cingere di corona
(i)Nguraggià, àt(e) e (i)Ncuraggià, àt(e) Confortare,   incoraggiare, incitare, spronare
(i)Ngurdà, àt(e) e (i)N’curdà, àt(e) Irrigidirsi,   incordarsi
(i)Ngurp(e)rà, àt(e) e (i)Ncurp(e)rà, àt(e) Risentire, sentire   gli effetti, le conseguenze. 2. Incorporare, assorbire in se, unire,   mescolare
(i)Ngurvà, àt(e) e (i)Ngurvà, àt(e) Incurvare
(i)Ngusciatòra, s.f. Sguincio,   conformazione ad angolo ottuso o concavo di un vano – (Dall’it.: ‘guscio’ col   pref. formativo ‘(i)n’ (a forma di), ed il suffisso funzionale ‘tòra) – Ianghèscja bbùon(e) (i)ndà la (i)ngusciatòra = Tinteggia bene   nello sguincio (della muratura)
(i)Nguscjàrs(e), àt(e) e (i)Ngulàrs(e), àt(e) Accosciarsi. Anche   “(i)nguculà e (i)nguculià”
(i)Ngut(e)cà, àt(e) Lordare di una crosta   di sporcizia, sporcare di una morchia, di una cotica, di sudicio (Da:   incoiare (assumere la consistenza del cuoio, della ‘còt(e)ca’ cotica)
(i)Ngut(e)gnà, àt(e) e (i)Ncut(e)gnà, àt(e) Cazzottare, dare   pugni violenti. Colpire con colpi duri, come lo si farebbe con un melo   cotogno, sodo, dotato di dure protuberanze sporgenti, atto a provocare danni   pesanti. – A’àv(e) (i)ncut(e)gnàt(e) bùon(e) e mèglj(i)! = Lo ha cazzottato   per bene, e (ed anche), meglio!
(i)Ngut(e)gnàt(e), agg. Percosso, battuto,   preso a pugni. Part. pass. di ‘(i)ngut(e)gnà’ percuotere.
(i)Ngutt(e)rùt(e), agg. e (i)Ngutturùt(e), agg. Imporrato,   imporrito,  mbrattato di unto, lordato,   grommoso nonché il (Dall’Ital.: ‘guttazione’    che per le piante Guttifere, vuol dire l’uscita di gocce   resinose-gommose di succo  (Dal lat.:   ‘gutta’ goccia)
(i)Ngutt(e)rùt(e), agg. e (i)Ngutturùt(e), agg. Imporrito,   imporrato,  ammuffito, stantio, di   panni ingialliti a causa  dell’umidità.   2. Lordato di unto, imbrattato, grommoso
(i)Ngutturìsc(e), ùt(e) Imporrare, imporrire,   imbrattare di unto, di lordura, di gruma.    (Dall’Ital.: ‘guttazione’  che   per le piante Guttifere, vuol dire l’uscita di gocce resinose-gommose di   succo  (Dal lat.: ‘gutta’ goccia). 2.   Per estensione si dice dell’ammuffirsi dei panni a causa dell’umidità che   conseguentemente ingialliscono.
(i)Nguzzà, àt(e) Apprendere. Da ‘(i)n còzza’ (coccia) = Entrare in   testa, imparare.   – 2. Ingozzare
(i)Nguzzà, àt(e) Ingozzare. 2.   Apprendere. Da ‘(i)n còzza’ (coccia) = Entrare in testa, imparare.
(i)Nguzzà, àt(e) e (i)Ncuzzà, àt(e) Apprendere, entrare   in testa –  Nnù lu   (i)ngòzza pròbbia r(e) s(e) (i)mbarà la poesìa = non ne vuole proprio sapere   di imparare la poesia
(i)Nn'(e)mm(e)rì, ùt(e) e (i)Ngumm(e)rì, ùt(e) Umettare,   inumidire,  bagnare leggermente
(i)Nn'(e)stà, àt(e) Innestare, annestare,   di piante. 2. Inoculare, innestare, di persona: inoculare il vaccino del   vaiuolo. (vedere anche: ‘Fa lì nnést(e)’)
(i)nnan(e)mà, àt(e) Incitare, infondere   coraggio, dare animo
(i)Nnàn(e)màrs(e), àt(e) Animarsi, darsi   animo,
(i)Nnànz(e), avv. Innanzi, davanti,   avanti
(i)Nnànz(e)tùtt(e), avv. Anz(e)tùtt(e), avv. Anzitutto, per prima   cosa, prima di tutto
(i)Np(e)ccià, àt(e) e (i)Nb(e)ccià, àt(e) Impicciare,   intromettere, intralciare, riuscire importuno
(i)Np(e)ccià, àt(e) e (i)Nb(e)ccià, àt(e) Infastidire, dare   impaccio, dare impedimento, intromettersi
(i)Np(e)cciàrs(e), àt(e) e (i)Nb(e)cciàrs(e), àt(e) Curiosare, indagare,   interessarsi dei fatti altrui, mpicciarsi, Intromettersi, immischiarsi,   ficcare il naso
(i)Np(e)gnà, àt(e) e (i)Nb(e)gnà, àt(e) Impegnare, dare in   pegno, vincolare,  promettere,   accaparrare
(i)N’p(e)là, àt(e) Peli<Mettere i.   Mettere i primi peli.
(i)N’p(e)là, àt(e) Impilare,   accatastare; Anche “App(e)là”
(i)Np(e)là, àt(e) e App(e)là, àt(e) Impilare, disporre a   pila
(i)Np(e)là, àt(e) e app(e)là, àt(e) Impilare, disporre a   pila, sovrapporre più cose uguali in modo da formare una pila – Mò, tùtt(e) stì matùn(e) r’ (i)p(e)làt(e) tùtt(e), allineàt(e,)   à f(e)rmà nà catàsta = Adesso, tùtti questi mattoni li impilate tutti   allineati,  a formare una catasta.
(i)N’p(e)nnà, àt(e) Penne<Mettere le.   Mettere le prime penne. 2. Mettere i primi peli.
(i)Np(e)nnà, àt(e) e (i)Nb(e)nnà, àt(e) Impennare, mettere le   penne. 2. Impelare, mettere il pelo, riferito alle persone, metaforicamente   ” essere nella pubertà “.
(i)Np(e)nt(e)gghià, àt(e) Puntellate
(i)Np(e)nt(e)gghià, s.f. e p(e)nt(e)gghià, àt(e) Puntellare
(i)N’p(e)ntàrs(e), àt(e) Impuntarsi
(i)Np(e)rt(e)sà, àt(e) e (i)Nb(e)rt(e)sà, àt(e) Entrare a lavorare in   qualche ente pubblico o impresa. – R'(e) sà cà à   V(e)cìenz(e) hàann(e) (i)nb(e)rt(e)sàt(e) (i)ndà à bànga! = Lo sai che a   Vincenzo lo hanno fatto impiegare in banca!  2. Inbucare, inserire qualcosa in un buco,   (‘p(e)rtùs(e)’) o in una fessura,    nascondere qualcosa
(i)Np(e)s(e)mà, àt(e) e (i)Nb(e)s(e)mà, àt(e) Apprettare, praticare   l’amidatura, vedere anche ‘Pòs(e)ma’ –  – (Da Imbozzimare,   trattare con Bozzima, liquido per impregnare gli orditi prima della   tessitura, per analogia appunto con l’appretto con cui  si impregnano i tessuti per dar loro   spessore, morbidezza)
(i)Np(e)st(e)l(e)ntì, ùt(e) e (i)Nb(e)st(e)l(e)ndì, ùt(e) Appestare, ammorbare   , appuzzare
(i)Np(e)stà, àt(e) e (i)Nb(e)stà, àt(e) Impostare, sistemare,   determinare. Tù l’èia (i)nb(e)stà bbòna àlà   faccènda!  – tu la devi impostare bene   la faccenda! 2. Impestare, ammorbare, impuzzolire
(i)Np(e)stàt(e), agg. e (i)Nb(e)stàt(e), agg. Cattivo, persona   cattiva da tenere lontana. 2. Impestato
(i)N’p(e)tanàrs(e), àt(e) e (i)N’b(e)tanàrs(e), àt(e) Sbronzarsi,   sborniarsi, ubriacàrsi
(i)Np(e)tanàrs(e), àt(e) e (i)Nb(e)tanàrs(e), àt(e) Sborniarsi,   ubriacàrsi
(i)N’p(e)trì, ùt(e) Impietrire, diventare   freddo, immobile, insensibile
(i)Np(e)v(e)rì, ùt(e) Impoverire, render   povero, immiserire, depauperare
(i)Np(e)v(e)rùt(e), agg. Immiserito,   impoverito
(i)Np(e)zz(e)l(e)ntì, ùt(e) e (i)Nb(e)zz(e)l(e)ndì, ùt(e) Impuzzolentire,   ammorbare
(i)Npàcc(e), s.m. e (i)Nbàcc(e), s.m. Impaccio, fastidio,   impedimento
(i)Npaccià, àt(e) Impacciare
(i)Npaglià, àt(e) e (i)Nbaglià, àt(e) Immpagliare.   Rivestire di paglia oggetti come ad esempio fiaschi, sedie ecc con la paglia   di erbe palustri (SALA)
(i)Npagliasègg(e), s.m. e (i)Nbagliasègg(e), s.m. Impagliatore di sedie
(i)npal(e)sc(e)nà Fatta di palùscena.   Ammuffita
(i)Npal(e)sc(e)nà, àt(e) o (i)Nbal(e)sc(e)nà, àt(e) Ammuffire, in   generale ed inteso per lo più il ricoprire di salnitro ‘palùsc(e)na’ che   compare sui muri umidi
(i)Npalà, àt(e) Impalare
(i)Npalàt(e), agg. o (i)Nbalàt(e), agg. Impalato
(i)Npall(e)nà, àt(e) Impallinare, riempire   di piombo
(i)Npanà, àt(e) Impananare, passare   una vivanda nel pangrattato per friggerla
(i)N’panà, àt(e) e (i)N’banà, àt(e) Inpanare. 2.   Pane<Stendere del. Stendere del pane in un piatto, come base per una zuppa   (in culinaria).
(i)N’panà, àt(e) e (i)N’banà, àt(e) Pane<Stendere del.   Stendere del pane in un piatto, come base per una zuppa (in culinaria). E’ia   (i)mpanàt(e) lì piàtt(o) p'(e) fa la m(e)nèstra? = Hai messo il pane nel   piatto per la minestra?. 2. Inpanare, filettare.
(i)Npanatùra, s.f. Filettatura di una   vite
(i)Npanatùra, s.f. o (i)Nbanatùra, s.f. Impanatura  2. Filettatura di una vite
(i)Npanatùra, s.f. o (i)Nbanatùra, s.f. Filettatura di una   vite 2. Impanatura
(i)Npanatùra<Fa la, fatt(e) la. . . Inpanare, fare la   filettatura
(i)Npanatùra<Fa la. Fatt(o) la (i)m. Filettare, fare la   filettatura di una vite
(i)Npantanà, àt(e) e (i)Nbantanà, àt(e) Impantanare
(i)Npàp(e)cchià, àt(e) Abbindolare,   imbrogliare, raggirare (Da: papùocchio: intruglio di cibo andato a male
(i)Npattà, àt(e) e (i)nbattà, àt(e) Inpattare, pattare,   chiudere una partita in parità
(i)Npaurì, rùt(e); mètt(e) paùra Impaurire, mettere   paura
(i)Npiàstr(e), s.m. e (i)Nbiàstr(e), s.m. Impiastro,   medicamento, cataplasma. Anche lavoro eseguito male, pasticcio. 2. Persona   cattiva, seccante, noiosa
(i)Npìcc(e), s.m. e (i)Nbìcc(e), s.m. Impiccio
(i)Npìeh(e), s.m. e (i)Npìegh(e), s.m. Impiego
(i)Npiehàt(e), s.m. e (i)Nbiehàt(e), s.m. (i)npiahàt(e), agg.   Arc, Impiegato,   stipendiato
(I)Nportànt(e), agg. e (I)Nbortànd(e), agg. Importante
(i)Nportazziòn(e), s.f. e Imbortazziòn(e), s.f. Importazione
(i)Npossìbb(e)l(e), agg. Impossibile
(I)Npr(e)f(e)màrs(e), àt(e) e Pr(e)f(e)màrs(e), àt(e) Profumarsi
(i)Npr'(e)nà, àt(a) e (i)Nbr'(e)nà, àt(a) Ingravidare,   letterale: rendere “Prèna”
(i)Npr(e)vvìs(e), agg. e (i)Nbr(e)vvìs(e), agg. Improvviso
(i)Npratt(e)chì, ùt(e) e (i)Nbratt(e)chì, ùt(e) Impratichire, rendere   esperto
(i)N’prònta, s.f. Impronta
(i)Nprovvìsamènt(e), avv. e (i)Nbrovvìsamènt(e), avv. Improvvisamente
(i)Nquacchià, àt(e) e (i)Nguacchià, àt(e) Insudiciare,   imbrattare, lordare, macchiare – (Vedere: ‘(i)nguacchi
(i)Nquàcchj(i), s.m. Imbratto, macchia,   sgorbio. 2. Intrigo, imbroglio, garbuglio, sviluppo di fastidi
(i)Nquàcchji), s.m. Rggiro, Imbroglio,   intrigo, garbuglio, sviluppo di fastidi. 2. Imbratto, macchia, sgorbio.
(i)Nquagliàta, s.f. e (i)Nguagliàta, s.f. Spalmata, colata,   massa plasmabile stesa prima che si consolidi. 2 Rinzaffo, prima stesura   grossolana di malta o di cemento su di un muro
(i)Ns(e)gnà, àt(e); Insegnare; Anche:   “(i)Nz(i)ncà”
(i)nsalanìrs, ùt(e) e (i)nzalanìrs(e), ùt(e) Intontirsi,   ingrullirsi,  rimbambirsi. – (Dal gr.   ‘selene’ luna)
(i)Nsalanùt(e), agg. Vaneggiatore, stupido
(i)Nsalanùt(e), agg. e (i)Nzalanùt(e), agg. Confuso, lunatico,   vaneggiatore, distratto, intontito. – (Dal gr. ‘selene’ luna)
(i)Nt(e)fà, àt(e) e (i)Nd(e)fà, àt(e) Rimpinzare, gonfiare,   stipare, inzeppare
(i)nt(e)fàrs(e) àt(e) e (i)nd(e)fàrs(e) àt(e) Rimpinzarsi,   gonfiarsi, imbozzacchirsi di vino, sborniarsi, ubriacarsi
(i)Nt(e)làta, s.f. Telaio<Disposizione   della trama e dell’ordito nel. Disposizione della trama e dell’ordito nel   telaio per la tessitura.
(i)Nt(e)mpagnà, àt(e) Assemblare bane fra   loro le doghe dei recipienti di legno come botti, tini, ecc. serrando i   cerchi in ferro che le costringono, per evitare la fuoriuscita di liquidi.   –  (Serrare bene le doghe un:   ‘T(e)mpàgn(e)’ tampone). 2.Murare, tamponare il vuoto fra pilastri di una   casa
(i)Nt(e)nà, àt(e) Intonare
(i)Nt(e)nachìn(e), s.m. e (i)Nd(e)nachìn(e), s.m. Intonachino
(i)Nt(e)ppà, àt(e) Urtare, toccare
(i)Nt'(e)scj(i)càrs(e), àt(e) Avvinazzarsi,   Ubriacarsi
(i)Nt'(e)scjàrs(e), àt(e) e (i)Nd'(e)scjàrs(e), àt(e) Agghindarsi, vestirsi   bene
(i)Nt'(e)ss(e)cà, àt(e) e (i)Nd'(e)ss(e)cà, àt(e) Intossicare
(i)Nt(e)ss(e)càt(e), agg. e (i)Nd(e)ss(e)càt(e), agg. Intossicato
(i)N’t(e)stà, àt(e) e (i)Nd(e)stà, àt(e) Intestare,   intitolare. 2. Indurire, diventar duro – (Dall’it.: tòsto, a sua volta dal   lat. tostus, part. pass. di torrere «disseccare, tostare).
(i)N’t(e)stà, àt(e) e (i)N’d(e)stà, àt(e) Intestare 2.   Indurire
(i)N’t(e)stà, àt(e) e (i)N’d(e)stà, àt(e) Indurire
(i)Ntaglià, àt(e) e (i)Ndaglià, àt(e) Intagliare, scolpire,   frastagliare
(i)Ntaglj(e), s.m. e (i)Ndaglj(e), s.m. Ritaglio, scampolo,   avanzo, rimasuglio
(i)Ntanà, àt(e) e (i)Ndanà, àt(e) Rintanarsi, intanarsi
(i)Ntàrtarìrs(e), ùt(e), intr. Aggrumarsi,   rapprendersi, l’icrostare da tartaro, il sedimentare da sporco
(i)Ntàsc(e)gghià, àt(e) e (i)Ntàscigghià, àt(e) Fermare, bloccare,   tenere fermo. S’èia fàtt(e) màl(e) lù pèr(e), mò ll’ànn(e) (i)ndascigghiàt(e)   = Si è fatto male ad un piede, adesso glie lo hanno stabilizzato (alla buona   con delle stecche di legno) – Ache, ad esempio, per bloccare i battenti di   serramenti in legno di una casa abbandonata. – Hànn(o) (i)ndasc(i)ggiàt(e)   pòrt(e) e f(i)nèstr(e) = Hanno fermato porte e finestre (mediante tavolette   di legno inchiodate)
(i)Ntav(e)là, àt(e) e (i)Ndav(e)là, àt(e) Tavolare, intavolare,   impalcare, rivestire con tavole
(i)Ntav(e)làta, s.f. e Tav(e)làta, s.f. Tavolata
(i)Ntelliggènt(e), agg. e (i)Ndelliggènt(e), agg. Intelligente
(i)Ntèng(e), ìnt(o) Intingere, bagnare
(i)Ntènn(e), ìs(e) e (i)Ndènn(e), ìs(e) Intendere,   comprendere
(i)Ntèsa, s.f. e (i)Ndèsa, s.f. Intesa
(i)Ntìcchj(i) s.m. e Frìcchj(i), s.m. Pezzetto, frammento,   briciola
(i)Ntìcchj(i), s.m. e (i)Ndìcchj(i), s.m. Cosina, pochezza,   inezia, piccola parte. Minuzia – (Dalla radice dell’it. ‘lenticchia’ piccola   lente (seme lenticolare della pianta leguminosa ‘lente’).)
(i)Ntònach(e), s.m. e (i)Ndònach(e), s.m. Intonaco
(i)Ntr(e)chìss(e), s.m. e (i)Ndr(e)chìss(e), s.m. Intrigante,   ficcanaso, impiccione, interessato, curioso
(i)Ntr(e)chìss(e), s.m. e (i)Ndr(e)chìss(e), s.m. Impicccione,   intrigante, ficcanaso, interessato, curioso
(i)Ntr(e)v(e)là, àt(e) e (i)Ndr(e)v(e)là, àt(e) Intorbidire,   offuscare, turbare, agitare
(i)Ntr(e)zzà, àt(e) Intrecciare
(i)N’tr(e)zzà, àt(e) e (i)Ndr(e)zzà, àt(e) Intrecciare
(i)Ntramètt, (i)ndrapùost(e) o    (i)ndr(e)m(e)ttùt(e) Interporre
(i)Ntrasàtta, agg. e (i)Ndrasàtta, agg. Inatteso, improvviso.   – Arr(e)và à là (i)ntrasàtta!   = Arrivò all’improvviso, in modo inatteso. –   Anche: “(i)Mbrovvis(e)”
(i)Ntrasàtta, agg. e (i)Ndrasàtta, agg. Inatteso, improvviso
(i)Ntravanàrs(e), àt(e) e (i)Ndravanàrs(e), àt(e) Sdraiarsi, lasciarsi   cadere, stravaccarsi, abbandonarsi in senso fisico. – (Da: ‘(i)Ndravanà’  rovinare (raro ruvinare), cadere giù   crollando, franando. Giunto nel nostro dialetto come se si dicesse:   ‘in_rovinà(re’ > ‘ind_ravanà(re) > (i)ndravanà) – S’è (i)ndravanàt(e) (i)ndèrra, sòtta n’àlber(e), è s’èia   pùost(e) à dòrm(e) = Si è stravaccato per terra, sotto un albero, e si è   messo a dormire
(i)Ntravìerse(e), agg. e (i)Ndravìerse(e), agg. Trasversale, obliquo,   di traverso
(i)Ntrìrr(e)c(e) e (i)Ndrìrr(e)c(e) Inopinatamente,   improvvisamente, estemporaneamente – Ammènd(e) chì parlàvam(e) rù   cambionàt(e)  s'(e) n(e)’assì  intrìrrec(e) Gg(e)sèpp(e): Vùi(e)   n'(e)nn(e) capìt(e) pròbbia r’ càlc(e)! = Mentre parlavamo del capionato (di   calcio), in estemporanea esordì Giuseppe: Voi non ne capite proprio di   calcio!
(i)Ntrìrr(e)c(e), agg. Esordire   inopinatamente, immotivatamente, improvvisamente – Ammènd(e)   chì stìemm(e) parlànn(e) tranguillamènd(e) s'(e) n’èia assùt(e)   (i)ntrìrr(e)c(e): mò m’avìt(e) pròbbia scucciàt(e)! = Mentre stavamo parlando   tranquillamente se n’è uscito esordendo immotivatamente: adesso mi avete   proprio scocciato!
(i)Ntròcchia, s.f. e (i)Ndròcchia, s.f. Donna di cattivi   costumi, di malaffare, 2. Dritta, senza scrupoli, scaltra
(i)Ntummà, àt(e) tracannare, bere   largamente. (in genere il termine è riferito al bere vino) –  (Dal lat.: ‘tummicus’ da ‘Tumidus’ tumido,   gonfio, tumefatto, col significato, metaforico, nel senso di “darci   dentro”)
(i)Ntùort(e), agg. e    (i)Ndùort(e), agg. Tortuoso, sinuoso
(i)Nv(e)rnàta, s.f. e V(e)rnàta, s.f. Stagione invernale,   invernata, , inverno
(i)Nv(e)tà, àt(e) e Mm'(e)tà, àt(e) Invitare, chiamare,   ospitare
(i)Nvacànd(e), agg. e (i)Nbacànd(e) Risuonante,   rintronante, rimbombante di vuoto – Si vàtt(e) (i)ngìmma   à lù mùr(e), rài (i)nbacànd(e), s'(e) vèr(e) cà èia s'(e)ttìl(e) – Se batti   sul muro risuona, si vede che è sottile.
(i)Nvìern(e), s.m. Inferno
(i)Nvìt(e), s.m. Invito.  Anche: “Mmìt(e)”, arc.
(i)Nz(e)ccà, àt(e) Toccare, lambire
(i)Nz(e)f(e)là, àt(e) Zufolare, suffolare,   suonare lo zufolo.  2. Riferire   segretamente, insinuare, tediare
(i)Nz(e)f(e)là, àt(e) Istigare, provocare,   insinuare, riferire segretamente. 2. Zufolare, suffolare, suonare lo zufolo
(i)Nz(e)f(e)liùs(e), agg. Provocatore,   istigatore, insinuatore
(i)Nz(e)ncà, àt(e) Indicare. Più usato:   “(i)N’dicà”. 2. Insegnare.
(i)Nz(e)ncà, àt(e) Insegnare. Più usato:   “(i)N’s(e)gnà”. 2. Indicare
(i)Nz(e)ngà, àt(e) Istruire, spiegare,   insegnare. 2.  Indicare, mostrare un   luogo (Da In zònga = In qualsiasi luogo < vedi (i)Nzònga
(i)Nz(e)ngà, àt(e) Indicare,dimostrare,   suggerire, mostrare un luogo (Da: In ‘zònga’ = In   qualsiasi luogo > vedi “(i)Nzònga” –   2. Insegnare,  istruire, spiegare
(i)Nz'(e)nn(e)lìrs(e), ùt(e) Insonnolirsi
(i)Nz'(e)nn(e)lùt(e), agg Insonnolito,   assonnato. 2. Indolente, neghittoso
(i)Nz'(e)nn(e)lùt(e), agg Indolente,   neghittoso. 2. Insonnolito, assonnato
(i)Nz(e)nuà. àt(e) Insinuare, persuadere
(i)Nz(e)nuaziòn(e), s.f. Insinuazione
(i)Nz(e)pp(e)ghià, àt(e) e (i)Nz(e)ppà, àt(e) e (i)Nz(e)ppià,   àt(e) Inzuppare. S’hàv(e) (i)nz(e)ppàt(e) r'(e) pàn(e) (i)ndà r'(e) làtt(e) = Ha   inzuppato il pane nel latte 2. Infiggere,   incuneare, ficcare, introdurre conficcare
(i)Nz(e)ppà, àt(e) e (i)Nz(e)ppià, àt(e) e (i)Nz(e)pp(e)ghià,   àt(e) Infiggere, incuneare,   ficcare, introdurre conficcare. (Da: ‘zeppare’, arc., inzeppare, mettere una   zeppa). 2. Inzuppare. – S’hàv(e) (i)nz(e)ppàt(e) r'(e)   pàn(e) (i)ndà r'(e) làtt(e) = Ha inzuppato il pane nel latte
(i)Nz(e)rà, àt(e), arc. e Sp'(e)sà, àt(e) Sposare.
(i)Nz(e)ràt(e), agg. e Sp'(e)sàt(e), agg. Sposato, coniugato
(i)Nz(e)rdì, ùt(e) Sordo<Diventare.   Diventare sordo
(i)Nz(e)rfà, àt(e) Solforare. Coprire   con polvere di zolfo le viti. 2. Istigare, fomentare, provocare
(i)Nz(e)rfà, àt(e) Istigare, fomentare,   provocare. 2. Solforare. Coprire con polvere di zolfo le viti.
(i)Nz(e)rfùs(e), agg. e Z(e)rfùs. agg. Provocatore,   istigatore
(i)Nz(e)rrà, agg. àt(e) Serrare, stringere,   chiudere
(i)Nz(e)rràt(e), agg. Serrato
(i)Nz(e)rtà, àt(e) Intrecciare,   infilare, legare insieme, connettere. Congiungere con le loro foglie o   infilzare, mediante un filo, agli, cipolle od altri prodotti della terra. –   (Dal – Sp.: ‘ ‘ensertar’ infilare;    lat.: ‘Serere’). 2. Infilzare, infilare  una serie di cose della stessa specie. –   Fig.: seguire, mettere di seguito
(i)Nz(e)rtà, àt(e) Infilare,mettersi in   fila  riferito a percorso, passaggio e   sim.,mettere di seguito, seguire . – (Dal lat. ‘inserto’ mettere dentro) – Aàv(e) (i)nz(e)rtàt(e) apprìess(e) finchè nn'(e) l’hav(e)   arr(e)vàt(e) – Si è messo alle calcagna finchè non l’ha raggiunto
(i)Nz(e)và, àt(e) Insevare, insegare,   lordare di ‘sìv(e), ungere con sevo, sego, insudiciare, sporcare, imbrattare.   – (Da: “Sìv(e)”,   s.m.” = Sevo) – T’nìa nà cammìsa   (i)ns(e)vàta! Aveva una camicia unta, piena di sevo! (Lat.: ‘sevare’ coprire   di sego)
(i)Nz(e)vùs(e) Unto, sporco
(i)Nzaccà, àt(e), Insaccare, mettere in   sacchi
(i)Nzaccànt(e), s.m. e (i)Nzaccànd(e), s.m. Insaccatore, chi   insacca merci  2. Grossista di cereali
(i)Nzaccàta, s.f. Insaccata, Colpo,   scossa che si dà al sacco per pigiare meglio la roba che contiene.
(i)Nzahaglià, àt(e) Inseguire, correre,   galoppare.  – (Da ‘zahaglia’ nastro.   Dallo sp.: ‘zagaja’ sembra dall’arabo ‘Al chazeqak’ punta di lancia ed oggi   anche baionetta, quindi qualcosa di lungo e stretto come un nastro, un   nastrino, ma nel significato di:    sequenza, sequela, intesa più come successione di cose, quindi correre   dietro, inseguire)
(i)nzalanì, ùt(e) e (i)nsalanì, ùt(e) Ingrullire,   Intontire, rimbambire. – (Dal gr. ‘selene’ luna)
(i)Nzalanùt(e), agg. e (i)Nsalanùt(e), agg. Stordito, confuso,   lunatico, con la testa fra le nuvole, lunatico. – (Dal gr. ‘selene’ luna)
(i)Nzalàta, s.f. Indivia,   ortaggio.  – (i)Nzalata   rìccia = Indivia riccia.  2. Insalata
(i)Nzalàta, s.f. Insalata – Mò m'(e) fàzz(e) nà (i)nzalàta r'(e) pr(e)mmaròl(e) = Adesso mi   preparo una insalata di pomodori. 2. Indivia,   ortaggio
(i)Nzalàta, s.f. Insalata
(i)Nzalvaggì, ùt(e) Inselvatichirsi,   imbarbarirsi
(i)Nzàn(e) Integro, intero;   Sano, non rotto; Da: In (modo) sano (Zano)
(i)Nzanà, àt(e) arc. Sanare, aggiustare,   accomodare,
(i)Nzangà, àt(e)  e   (i)nzanghijà, àt(e) Infangare,   inzaccherare
(i)Nzangàt(e), agg. e (i)Nzanghijàt(e), agg. Infangato
(i)nzanghijà, àt(e) e (i)Nzangà, àt(e) Inzaccherare,   Infangare
(i)Nzangul(e)ndàt(e), agg. Insanguinato (Sp.   Insangrendato)
(i)Nzangulià, àt(e) e (i)Nzangulundà, àt(e) Insanguinare
(i)Nzangulundà, àt(e) e (i)Nzangulià, àt(e) Insanguinare,   bagnare, macchiare qualcosa di sangue
(i)Nzàp(e)nà, àt(e). Insaponare. 2. Coito,   atto sessuale
(i)Nzap(e)rì, rùt(e) Insaporire
(i)Nzapùta, avv. Insaputa
(i)nzècca, s.f.  e   (i)Nzicch(e) s.m. Bazzecola, cosa da   nulla, nonnulla, sciocchezza, quisquilia
(i)Nzegnà, àt(e) e (i)Nzignà, àt(e) Insegnare
(i)Nzegnànt(e), s.m. Insegnante
(i)Nzeguì, ìt(e) e Rà apprìess(e), ràt a. Inseguire, correr   dietro, rincorrere, appressarsi
(i)Nzèmbr(e), avv. e (i)Nzìem(e), avv. Insieme, unitamente.   (Fr.: Ensemble)
(i)Nzènga, s.f. e (i)Nzicch(e) s.m. e Zìch(e), s.m. Piccolezza, inezia,   frammento, piccola cosa, pezzetto. – (Vedere anche ‘Zìcch(e)’) – Ràmm(e) nù (i)nzìcch(e) r'(e)   tòrta = dammi un pezzetto di torta
(i)Nzènga, s.f. e Zìch(e), s.m. Inezia, piccolezza,   pezzetto, frammento, piccola cosa. – (Da ‘Sènga’  segno, traccia, una piccolezza) – Ràmm(e) nà nzènga) r'(e) sauzìcchj(i) = dammi un pezzetto di   salsiccia
(i)Nzèrta, s.f. Serto, corona,   treccia. Treccia vegetale, quanto è    realizzata con le proprie foglie o se si ottiene un filza, infilzata   con un filo, di agli “(i)Nzèrta r’àglj(i)”, cipolle ecc. “(i)Nzèrta   r’ sauzìcchj(i)”.  – (Lat.: ‘Sertum’).- 2.  Filza, infilzata, serie, fila di cose della   stessa specie come la salsiccia , formata da una filza di pezzi di carne,   uniti fra loro, inserite entro il budello animale separati  dalla stretta di un filo di cotone. (Dal   lat. ‘inserta’ messa dentro)
(i)Nzèrta, s.f. Filza, infilzata,   serie, fila di cose della stessa specie come la salsiccia , formata da una   filza di pezzi di carne, uniti fra loro, inserite entro il budello animale   separati  dalla stretta di un filo di   cotone. (Dal lat. ‘insertus’ messo dentro). 2. Serto, corona, treccia.   Treccia vegetale, quanto è  realizzata   con le proprie foglie o se si ottiene un filza, infilzata con un filo, di   agli “(i)Nzèrta r’àglj(i)”,   cipolle ecc. “(i)Nzèrta r’ sauzìcchj(i)”. – (Lat.: ‘Sertum’)
(i)Nzicch(e) s.m. e (i)nzècca, s.f. Nonnulla, bazzecola,   cosa da nulla, sciocchezza, quisquilia
(i)Nzicch(e) s.m. e Zìch(e), s.m. e (i)Nzènga, s.m. Piccolezza, inezia,   frammento, piccola cosa, pezzetto. – (Vedere anche ‘Zìcch(e)’) – Ràmm(e) nù   (i)nzìcch(e) r'(e) tòrta = dammi un pezzetto di torta – Ràmm(e)   nù (i)nzìcch(e) r'(e) tòrta = dammi un pezzetto di torta
(i)Nzìcch(e), agg. Accostato, stretto, a   margine, vicino, pochino, inezia. Per dire ‘al limite’: “(i)Nzìcch(e)   (i)Nzìcch(e)” = molto vicino al limite. –   (Da: ‘Zìch(e)’, cica, un nonnulla)
(i)Nzìem(e), avv. e (i)Nzèmbr(e), avv. Insieme, unitamente,   (Fr.: Ensemble)
(i)N’zìn(e), avv. e prep. In grembo, sul seno,   sulle gambe (Da: “(i)n’ sìno” = in seno, sulle gambe) – Ù   criatùr(e) tìen(e)l(e) (i)n’zìn(e) = Il bambino tienilo in grembo.  2. Fino, come estensione nel tempo e nello   spazio, non oltre. Quègghia m'(e) nàv(e) raccundàt(e) (i)n’z'(i)na fìna =   (alla lettera: essa me le ha raccontate fino alla fine) = Essa me le ha   raccontato tutte
(i)Nzìn(e), prep. e avv. Fino, sino, come   estensione nel tempo e nello spazio, non oltre – Stà   lègg(e) vàl(e) (i)nsìn(e) a l’anno chi vèn(e) = Questa legge vale fino   all’anno che verrà – 2. In seno, sulle gambe
(i)Nzìngh(e), s.m. Piccolezza. minuzia,   piccola parte, cosina. – (Da ‘Sìngh(e)’  segno, traccia, una   piccolezza)
(i)Nzingh(e), s.m. e (i)Nzicch(e), s.m. e  (i)Ndìcchj(e), s.m. Briciolo, minuzia,   piccolezza, cosina, inezia, piccola parte, pochezza. Nù   (i)nzìngh(e) = una piccolezza; Nàtu (i)Nzìcch(e) = un’altra piccola parte; – . –   (Da ‘Sìngh(e)’  segno, traccia, una piccolezza) – N'(e) vògl(i) sùl(e) nà (i)Ndècchia = Ne voglio solo una   piccola parte
(i)Nzìp(e)t(e), agg. e Assìp(e)t(e), agg. e Sciapìt(e), agg. Insipido, scipito,   sciàpido, sciapìto, senza sapore
(i)Nzìst(e), agg. Intraprendente,   sveglio
(i)Nzìst(e), ùt(e) Insistere. Nn'(e) (i)nzìst(e), n'(e)n d'(e) r'(e) bbòglj(i) rà e bàsta! =   Non insistere non te li voglio dare e basta!
(i)Nzòfferènd(e), agg. e (i)Nzòfferènt(e), agg. Insofferente,   impaziente, smanioso
(i)Nzòfferènt(e), agg. e (i)Nzòfferènd(e), agg. e Insofferente,   impaziente, smanioso
(i)Nzògna, s.f. Sugna, strutto.   Conservato una volta nella: “V'(e)ssìca”
(i)Nzùlt(e), s.m. Insulto
(i)Nzultà, àt(e) Insultare
(i)Nzuppà, àt(e) Inzuppare
(i)Nzùz(e)l(e), agg. e Zùz(e)l(e), agg. Gagliardo, aitante,   vispo, pronto. – (Dalla rad. lat.: ‘sursum’ in alto, in su; con il prefisso   agg. (i)n) e la trasformazione delle ‘s’ in ‘z’)
N N
N'(e) Ci – N'(e) scèmm(e) àa sèra stìss(e) – Ce ne andammo la sera stessa
N(e), avv. e pron. o C(e), avv. e pron. o (i)Nc'(e), avv. e   pron. o (i)Ng'(e), avv. e pron. Ci. – N'(e)n (i)ng'(e) vòl(e) chiù = Non ci vuole più – Mò n'(e)   rànn(e) rà mangià = Adesso ci danno da mangiare
N(e)c'(e)ss(e)tà, àt(e) Necessitare
N(e)c'(e)ss(e)tà, s.f. Necessità
N(e)c(e)ssàrij(e) Nacessario
N(e)cà, àt(e) Annegare
N(e)cègghia am(e)r(e)càna, s.m. Arachide, il frutto   tostato della Nocciolina americana (Oianta e frutto della famiglia delle   Papilionacee)
N(e)cègghia, s.m. Nocciòlo, albero   delle Betulacee (Corylus avellana) e frutto:nocciola, nocella, avellana (Il   termine ‘Avellana’ ha attinenza dai luoghi di estesa coltivazione di questa   preziosa pianta come Avella ed Avellino)
N(e)cùra! Inter. e Nicùra! inter. Vantaggioso! Ne vale   la pena! Caspita!  (Alla lettera: Ci   cura! ! E’ una cura! Un vero rimedio!)
N(e)gliùs(e), agg. Nebbioso
N(e)gliùsc(e)cula, s.f. Nebbiolina
N(e)hà, àt(e) Negare
N(e)mèha, s.f. e Nnòmm(e)na, s.f. Nomea, fama,   reputazione 2. Nomina
N(e)mìccula, s.f. Lenticchia, pianta   delle leguminose papiglionacee (Lens culinaris, sinon. Lens esculenta), con   fusti ramificati, foglie composte, legumi corti e piatti, racchiudenti 1-2   semi (detti anch’essi lenticchie), schiacciati, lenticolari; viene coltivata   per i semi che sono di gradevole sapore e di alto valore nutritivo – Pl.: ‘N(e)mìccul(e)’. – (Gr.: ‘mike’   specie di veccia, a forma lenticolare e dal Lat. ‘micula’ briciola). 2. Neo,   imperfezione della cute a tipo di macchia di color bruno o nericcio
N(e)mìccula, s.f. Neo, imperfezione   della cute a tipo di macchia di color bruno o nericcio. – Pl.:   ‘N(e)mìccul(e)’.  2. Lenticchia
N(e)mìch(e), s.m. Nemico
N'(e)n g'(e) custà, n'(e)n gè custàt(e) Apprensivo<Essere;   E. ansioso = non esserci con la mente: Vedere “Custà, àt(e)” =   Esserci con la mente. – Ra chè chi l’èia mùort lù marìt(e) n'(e)n c(i) cùstà   chiù = Da che (che) le è morto il marito non è più con la sua mente .
N'(e)n p(e)rtà (i)ngàp(e) Espress. Non assumersi   responsabilità, impegni; non aver pazienza di ascoltare, essere insofferente   (Alla lettera: Non porta (pesi) sulla testa)
N'(e)n, avv. Non. – N'(e)n g'(e)   scj(e) = Non ci andare – Tù n'(e)nn’èia scj(e)! = Tu non devi andare!
N'(e)n, avv. Non
N'(e)nnèia fàtt, agg. e Acìerb(e), agg. Acerbo, immaturo,   aspro.  Oppure: “Non è fatto   (maturo)”
N(e)pòt(e), s.m. Nipote – Nipotino: ‘N(e)p(e)tìegghj(i)’
N(e)rvùs(e), agg. Nervoso
N(e)sciùn(e) agg. e pron. Nessuno – Femm.: ‘N(e)sciùna’
N(e)tàr(e), s.m. Notaio. Anche: ‘Fìs'(e)ch'(e)’ arc.
N(e)tìzia, s.f. Notizia
N(e)ttàta, s.f. Nottata
N(e)vàta, s.f. Nevata
N(e)vèna, s.f. Novena
N(e)vèra, s.f. Neviera, grotta o   cantina usata in passato per deposito di neve, da usare in estate, in genere   a scopo medico o per conservare prodotti caseari o carne macellata. Veniva   conservata a strati, coibentati con strati di paglia.
N(e)vìsc(e)cula, s.f. Nevischio
N(e)vùs(e), agg. Nevoso,
Nà, art. Una; m. “Nù” = Un, uno
Nàca, s.f. Culla (gr.: ‘nake o annachè’ vello di pecora o di   capra che anticamente le tenevano sospese dal suolo sia per cullare il   bambino ed anche per isolarlo dalle eventuali insidie di bestie)
Nàlfabbèta, s.f. arc. e Analfabbèta, s.m. Analfabeta
Nànna, s.f. e Nìnna, s.f. Ninna, sonno, dormire   (Termine rivolto ai bambini)
Napulitàn(e), agg. Napoletano, proprio   di Napoli
Nàs(e), s.m. Naso.  – Quigghj(e) tèn(e) nù   nàs(e) à paròccula! = Quello ha un naso a forma di ‘pera’! (paròccula’ bastone con estremità a forma di pera). – Narici:   “P(e)rtùs(e) r'(e) lù nàs(e)”
Nàsc(e), àt(e) Nascere. Anche:   “Abb(e)sc(e)cà nù criatùr(e)”
Nàsc(e), nàt(e) o nasciùt(e) Nascere
Nàsca s.f. – pl. Nàsch(e) – (Dal lat. Parlato: ‘nasica’ narice) Naso, narice  –    Hàv(e) avùt(e) nù pùnij(e) (i)ndà r'(e) nàsch(e) = Ha avuto un pugno   sul naso –  Annusare = ‘Annascà’
Naschètta, s.f. Morso da naso per i   bovini. Nasiera (zootecnica). Strumento di ferro he si mette al naso dei   bovini per tenerli a freno e guidarli con funi che ad esso fanno capo.
Nascònn(e), nascuost(e) o nascunnut(e) Nascondere
Nàsp(e), s.m. e Nàspr(e), s.m. Glassa, bianca crosta   di zucchero cotto, per ricoprire dolci (dal gr. “aspros”, bianco)
Nàstr(e), s.m. Nastro, fettuccia
Natàl(e), s.m. Natale
Navètta, s.f. Navetta, organo delle   macchine per tessere e per cucire che contiene la spola, animato di moto   alternativo.   (Dal fr. ‘navette’,   propr. «piccola nave»; sugli usi estens. del sign. 2. Servizio pubblico di   trasporto, svolto da un veicolo o convoglio che collega due luoghi, andando   avanti e indietro a intervalli regolari. Ha influito anche l’ingl. shuttle   «spola, navetta»].
Nding e ndera, espr. correlativa Uno e altro   (Espressione onomatopeica con valore correlativo oppone l’uno all’altro) –   Nn'(e) scèglj(i), né (i)ndìngh(e) e né (i)ndèra = Non sceglie né l’uno né   l’altro
Ndò tròna, loc. avv Lontano. Tradusione   letterale: “Dove tuona”, lontano, dove si sente il tuono. – R’hà’   g'(e)ttàt(e) tòtt(e), rà fàtt(e) arr(e)và (i)ndò tròna = Le ha buttate tutte,   le ha fatto arrivare lontano (dove tuona)
Ndovinà, àt(e) e Add(e)v(e)nà, àt(e) Indovinare,   azzeccare, prevedere
Ndovinà, àt(e) e Add(e)v(e)nà, àt(e) Indovinare, prevedere
Nèglia, s.f. Nebbia. – (Dal lat.   ‘nebula’ con la tipica mutazione, nel nostro dialetto, di ‘bul’ in ‘gli’
Nehòzij(i), s.m. Negozio
Nell’ Nell’
Nènna, s.f. arc. poet. e Nìnna, s.f. Bimba, bambina
Nèsp(e)la, s.f. o Nèsc(e)p(e)la, s.f. Nespolo, albero   (Mespilus germanica) e frutto.
Nètt(e), agg. e pulìt(e), agg. Netto, pulito.   Pulitissimo: “Nètt(e)_Nètt(e)” – Nettare: “Ann(e)ttà”
Nèv(e), s.f. Neve – Nevischio:   ‘N(e)vìsc(e)cula’
Nìcchj(i), s.m. Loculo, nicchia. –   Anche: ‘Lòcul(e)’ –  (Da ‘nicchio’ conchiglia – dall’Italiano   arc.: farsi un nicchio = rannicchiarsÌ. 2. Rocchio, pezzo alquanto corto e   massiccio, di forma approssimativamente cilindrica, come quello, ad es.,   della salsiccia nostrale. (per similitudine ad una piccola nicchia)
Nìcchj(i), s.m. Rocchio, pezzo   alquanto corto e massiccio, di forma approssimativamente cilindrica, come, ad   es., quello della salsiccia nostrale: ‘sauzìcchj(i)’. – (come cita l’inizio dell’antica cantilena dei bambini che   a carnevale giravano per le case per racimolare qualcosa da mangiare, per   festeggiare anche loro: E nìcchj(i) e nìcchj(i) e nìcchj(i), ràmm(e) nù   càp(e) r'(e) sauzicchj(i) . . . =  E   rocchio (tratto di salame) e rocchio e rocchio, dàmmi una intera salsiccia. .   . (non un solo pezzo ma possibilmente tutto il salame). 2 Loculo (Da   ‘nicchio’ conchiglia – dall’Italiano arc.: farsi un nicchio = rannicchiarsi
Nicùra! inter. e N(e)cùra! Inter. Caspita! Ne vale la   pena! Vantaggioso! E’ un toccasana! (Alla lettera: Ci cura! ! E’ una cura! Un   vero rimedio!)
Nìent(e), s.m. e avv. e Nìend(e) s.m. e avv. Niente
Nient(e)r(e)mèna, avv. Nientemeno, niente di   meno
Nìer(e)v(e), s.m. e Nìerv(e), s.m. Nerbo, staffile,   nerbo di bue. 2. Nervo – pl.: nìerv(e) e nìer(e)v(e) – N'(e)n   m'(e) fà tucquà lì nìer(e)v(e)! = Non mi innervosire! (Letteralmenta: ‘non mi   far toccare i nervi!’)
Nìerv(e), s.m. e Nìer(e)v(e), s.m. Nervo – pl.: nìerv(e)   e nìer(e)v(e) – N'(e)n m'(e) fà tucquà lì nìer(e)v(e)! =   Non mi innervosire! (Letteralmenta: ‘non mi far toccare i nervi!’). 2. Nerbo,   staffile, nerbo di bue
Nìeur(e), s.m. Nero. – f.: ‘Nèura’
Nìeur(e)fùm(e), s.m. Nerofumo (o néro   fumo) – Polvere nera finissima, costituita prevalentemente di carbonio   (dall’88% fino al 99% e più) che una volta si raccoglieva dall’uso dei lumi a   petrolio e unito ad aceto e vetriolo, veniva usato per tingere le scarpe.
Nìglj(i), s.m. Nibbio reale, di   color bruno fulvo. (lat. scient. Milvus milvus)
Nìnga_nànga, s.f. Traballare<Il.Instabilità.   Termine onomatopeico indicante il movimento prodotto dall’instabilità, la sèggia facìa nìnga_nanga = la sedia si muoveva zoppicando
Nìnn(e), s.m. Nino, bimbo   (Vezzeggiativo familiare di bambino – Dallo Sp.: ‘Nigño’)
Nìnna, s.f. Bambina,   ragazzina.  – Anche ‘Nènna’. 2. Pupilla
Nìnna, s.f. Pupilla. (Lat.:   ‘pupilla’ bambina (piccola pupa) in quanto guardando, da vicino la pupilla ci   si vede riflessi nella stessa, rimpiccioliti). 2. Bambina, ragazzina
Nìr(e) r'(e) làp(e), s.m. Vespaio, nido delle   colonie di api
Nìr(e), s.m. Nido
Nn(e)mm(e)nà, àt(e) Nominare 2. Rinomare
Nn(e)mm(e)nà, àt(e) e R(e)n(e)mà, àt(e) Rinomare, menzionare
Nn(e)mm(e)nàta, s.f. Nomea, reputazione,   fama
Nn(e)mm(e)rì, ùt(e) Inumidire, bagnare
Nn(e)rèt(e), avv. e R(e)rrèt(e), avv. Dietro, indietro ,   parte posteriore. –  – (Dal’ant.   ‘indrèto”indrièto’, dal lat.’ in de rĕtro’)
Nn(e)rèt(e), avv. e R(e)rrèt(e), avv. Indietro, dietro,   parte posteriore. – (Dal’ant. ‘indrèto”indrièto’, dal lat.’ in de rĕtro’)
Nn(e)rr(e)càrs(e), àt(e) e Ann(e)rr(e)càrs(e), àt(e) Strozzarsi,   soffocarsi di cibo che non consente una facile deglutizione. – (Dal lat.   Parlato: ‘ad – noticare’ annodare, > dal nostro: ”nùr(e)’ nodo, col   significato di annodarsi (la gola) – S'(e) sò tùtt(e)   ann(e)rr(e)càt(e) cù quìgghj(i) cutùgn(e) = Si sono tutti strozzati con   quelle cotogne
Nnabbalgìrs(e), ut(e) e Annalbaggìrs(e), ùt(e) Incantarsi,   invaghirsi, innamorarsi, incantarsi, esaltarsi
Nnàhurà, àt(e) Inaugurare. Vedere   anche: ‘(i)ng(e)gnà’
Nnàmm(e)rà(e), àt(e) Innamorare
Nnàmm(e)ràmènt(e)
Nnàmm(e)ràment(e), s.m. Innamoramento
Nnàmm(e)ràrs(e), àt(e) Innamorarsi
Nnàmm(e)ràt(e), s.m. Innammorato. Anche: ‘Zìt(e)’
Nnammarì, ùt(e) e Annàmmarì, arùt(e) e Annàmmarìsc(e), arùt(e) Amaricare, rendere   amaro
Nnàn(e)mà, àt(e) Animare, incitare,   infondere coraggio
Nnàn(e)mà, àt(e) Animare, vivacizzare,   stimolare
Nnàn(e)màrs(e) àt(e) Animarsi, prendere   coraggio, diventare vivace, attivo
Nnànd(e) p'(e) Nnànd(e), avv. e    Nnànz(e) p'(e) Nnànz(e), avv. Seguitamente, di   seguito, passo passo, strada facendo – Alla lettera: ‘avanti   per avanti’ – Accummènza a smontà ù frèn(e) rà màcchina e, nnànd(e)   p'(e)  nnànd(e), v(e)rìm(e) p(e)cchè   s'(e) sènd(e) quìgghiu r'(e)mòr(e) = Inizia a smontare il freno   dell’automobile e passo passo, vediamo perché si sente quel rumore
Nnànd(e), avv. e Nnànz(e), avv Davanti, avanti. – N'(e) sìm(e) (i)ngundràt(e) nnànz(e) àa càsa = Ci siamo   incontrati davanti alla casa (sua). 2. Prima,   precedentemente – Ìi nnànz(e) m’accìr(e)! = Io   prima mi uccido!
Nnànd_chì_vèn(e), avv. Finché, fintantoché,   fino a quando. – Nnànd(e) chi vèn(e) vìern(e), àmma scì à   lèun(e) =  Fino a quando non viene   l’inverno, dobbiamo andare a (procurarci) la legna
Nnànd_pàrt(e), avv. Antiparte. Prima   della riforma del diritto di famiglia (legge 19 maggio 1975, n. 151) era il   diritto del coniuge superstite di prelevare, in regime di comunione dei beni,   una parte degli utili prima della divisione
Nnànt(e)_tìemp(e), avv. Anzitempo,  dapprima, primieramente – Èia arr(e)vàt(e)   nnànt(e)_tìemp(e) = È arrivato anzitempo
Nnànt(e)crèr(e), nnànt(e)ch(e)rrùt(e) arc. Ignorare, non   sapere.  Alla lettera: ‘non poteva   credere prima’. –  N’n p(e)tìa   nnànt(e)crèr(e)! = Ignorava! (Non poteva sapere!)
Nnànt(e)crèsa, e Anz(e)crèsa – avv. arc. Insaputa, senza che   si sappia – R’àv(e) sciarràt(e) nnànz(e)crèsa = Li ha   sgridati all’insaputa
Nnànt(e)vràca, s.f. Sopracalzone. – (da:   ‘vràca’ braca, calzone)
Nnànt(e)vràca, s.m. Grembiule da lavoro,   messo davanti ai pantaloni, alla ‘Vràca’ braca, in genere realizzato in pelle, per i lavori usuranti.   – Calzone “Cauzòn(e)”; Calzoni ‘cauzùn(e)’
Nnànz(e), avv e Nnànd(e), avv. Prima,avanti – Ìi nnànz(e) m’accìr(e)! = Io prima mi uccido! 2. Davanti, avanti.
Nnànz(e)cavàgghj(i), avv, Cavallo>Seduto   davanti al. Termine indicante una persona portata a cavallo, seduta davanti   al cavaliere.
Nnànz_nn(e)rèt(e), agg. Rovescio, inverso,   contrario – Aggìrat(e) à màglia cà èia nnànz_nn(e)rèt(e)   = Gitati la maglia perché è a rovescio
Nnànz_Nn(e)rèt(e), agg. o Nnànd_Nn(e)rèt(e), agg. Inverso. Anche “Invèrs(e)”
Nnarcà, àt(e) Inarcare, arcuare,   piegare ad arco
Nnarcàt(e), agg Arcuato, inarcato
Nnàrt(e), s.m. Oggetto, fisico. –   (Forse dal lat. ‘inertem’   inerte, per anonimo, non meglio definito) – pìglia   quìgghiu nnàrt e mìtt(e)l(e) ghià = prendi quell’oggetto e mettilo li
Nnàurà, àt(e) Inugurare
Nnauzà, àt(e) arc. Innalzare, alzare
Nnàuzàrs(e), àt(e) Andarsene, sparire,   non farsi più trovare, espatriare
Nnèst(e), s.m. Innesto praticato in   agraria. 2. Vaccinazione antivaiolosa e per estensione a tutte le altre forme
Nnèst(e), s.m. Vaccinazione   antivaiolosa e per estensione a tutte le altre forme. 2. Innesto praticato in   agraria.
Nnocènt(e), agg. e Nnocènd(e), agg. Innocente
Nnòglia, s.f. Salsiccia consistente   in un budello riempito di un tritato di trippe, carne, lardo, conditi ed   aromatizzati. (Dal lat. ‘Inductilis’ al fr.: Andoille,   ‘andouille’ al nostro: ‘nnòglia’)
Nnòmm(e)na, s.f. e N(e)mèha, s.f. Vaccinazione   antivaiolosa e per estensione a tutte le altre forme. 2. Innesto praticato in   agraria.
Nnòr(e), s.m. e Annor(e), s.m. Onore, venerazione,   gloria, dignità, buona fama.  – Mìtt(e) n’offèrta a nnòr(e) r(e) Crìst(e)   = Metti un’offerta in onore, a venerazione, di Cristo
Nnòria, avv. e Nnòrij(e) Odio<In. In odio.   – (Da: ‘òrij(e)’ odio e in   prefisso ‘nn’ in) – L’àve pigliàt(e) à nnòrij(e) = L’àv(e) pigliàt(e) nnòria =   L’ha preso in odio
Nò, avv. e Nòn(e), avv. e N'(e)nn(e), avv. No, negazione –  Vìen(e) à càsa, ò nò! = Vieni a casa,   oppure nò!  –   Nòn(e), n'(e)nn’ù   vòglj(i) = No, non lo voglio – Tù, n'(e)nn(e)’è scì, cù quìgghj(i)! = Tu, non   ci devi andare, con quello!
Nòc(e) r'(e) lù cùoggh(i), s.f. Noce del collo, osso   del collo
Nòc(e), s.f. Noce, pianta,   s.m.  e frutto, s.f. (Junglans regia)
Nòcca, s.f. Fiocco, nastro   annodato. (Dal longob: ‘Knoche’).   – Termine usato per indicare più che il tipo di nodo (“Ciòffa”), la   sua forma estetica. A’ figliòla, (i)ngàp(e),  t(e)nìa nà bbèlla nòcca blù   = La ragazza, in testa,  aveva un bel fiocco blu.
Nòm(e), s.m. Nome
Nòn(e), agg. num. e avv. Nono. 2. No
Nòra, s.f. Nuora – (Dal lat.   parl. ‘nora’, per il classico ‘norus’) – À nòra n'(e)nn’à vòl(e) bbèn(e) = La   nuora non le vuole bene.
Norveggès(e), agg. e s.m. Norvegese
Norvèggia, s.f. Norvegia
Nòtt(e), s.f. Buio, oscuro. E’ia fàtt(e) nòtt(e) = E’ venuto buio. 2. Notte.
Nòtt(e), s.f. Notte; R(e) nòtt(e) = Di notte; A Nnòtt(e)  Anòtt(e) = A notte inoltrata. 2. Buio,   oscuro
Nòv(e),  agg. num. card. Nove
Nov(e)cìend, s.m. Novecento
Novèmbr(e), s.m. Novembre
Nù,  e Ùn(e), pronomi.   indef, e art. indeterminati Uno, Art. e Uno,   numero. – Hàgg(e) (i)ngundràt(e) nù cr(e)stiàn(e) = ho   incontrato un cristiano  – N’ àt(e)   ttànd(e) = (alla lettera): Un altro tanto = Ancora una volta   tanto
Nù, art. Un, uno; f. “Nà”
Nùi(e), pron. pers. Noi
Nùmmar(e), s.m. Numero
Nùostr(e), agg. e pron. poss. Nostro f. Nòstra – pl. Nòstr(e)
Nùov(e), agg. Nuovo. – f.   “Nòva”  –  Di nuovo = ‘Arrèt(e)’
Nùr(e), agg. Nudo. agg. , . E’ra a la nùra = era alla (modo) nuda = era nudo. 2. Nodo.
Nùr(e), s.m. Nodo. Fa nù bbèll(o) nùr(o) = Fài un bel nodo.  2. Nudo. agg.
Nùsch(e), s.m. Muschio
Nutrìt(e), agg Nutrito
Nùv(e)la, s.f. Nuvola
Nuv(e)lùs(e), agg. e n(e)v(e)lùs(e), agg. Nuvoloso, annuvolato
Nùzz(e), s.m. Nòcciolo, parte   legnosa centrale dei frutti a drupa. Ù nùzz(o) r'(e) là prèss(i)ca = Il   nocciolo della pesca. 2. Sansa<Quel che resta dalla. Residuo secco dopo la   prima spremitura delle olive ed anche, poi, della sansa. Questa può essere   ulteriormente pressata, per ottenere l’olio di sansa, lasciando un residuo   secco: lù”Nùzz(e)” (Resti del nocciolo ormai triti)
O O
O’bblih(e), s.m. e O’bbl(e)h(e), s.m. arc. Obbligo, dovere
Occhièll(e), s.m. e Acchièll(e), s.m. e Acchiètt(e), s.m. arc. Occhiello, asola
Occorrènza, s.f. e Accurrènza, s.f. Occorrenza
Occupà, àt(e) e Accupà, àt(e) arc. Invadere, occupare,   tenere un posto
Occupàrs(e), àt(e) Occuparsi,   interessarsi
Occupàrs(e), àt(e) e Accupàrs(e), àt(e) arc. Occuparsi, accudire,   interessarsi, applicarsi, impiegarsi
Òdij(e), s.m. e Òrij(e), s.m. Astio, odio, profonda   avversione – Piglià nnòrij(e) = prendere in odio
Òfan(e), agg.  Vanesio, vanaglorioso, fatuo – (Dall’it.:   ‘ufo’  gratuitamente, gratis,  a sua volta dall’alto ted. ‘uf’ od il   moderno ‘auf’, sopra, ad   indicare il di più, il superfluo; il che, durante le frequenti escursioni in   Italia degli Alemanni, ha influenzato gli idiomi italiani con il significato   di vano, gratuito – Sp.: ‘ufano’)
O’fat(e), s.m. Ofanto, fiume che   passa a sud della collina su cui sorge Calitri. (Da Lat,: ‘Aufentum’  a sua volta    da ‘ ‘Aufidus flumen’ con probabile origine dalla radice paleuropea   ‘Auf – / oudh – ‘ricco – abbondante’ – Diz. TOPONOMASTICA di Andrea Malossini   – Vallardi Editore 1997
Offènn(e), ès(e) Offendere
Offès(e), agg. e affìs(e), agg. arc. Offeso
Ògn(e), avv. Ogni, ciascuno,   ognuno, qualunque, qualsivoglia, tutti
O’gna, s.f. Unghia. Piccola unghia = Ugn(e)cègghia –   pl.: O’gn(e)
Ognòra, avv. Ognora, sempre,   ancora adesso
Ognùn(e), pron. indef. Ognuno
O’h, inter. Oh
Òi(e), inter. O, rafforza il   vocativo sia in invocazioni ‘O’i(e) Signòr(e)’, aiùtan(e) = O Signòre,   aiutaci, sia in esclamazioni  ‘O’i(e)   uagliò’, n'(e)n m'(e) fa (i)ngazzà! = O ragazzo, non farmi incazzare!
Oimè, inter. Ahimè, aimè
Olivàstr(e), agg. Olivastro
Òmm(e)n(e), s.m. Uomo
O’mm(e)n(e), s.m. Uomo. – Pl.: ‘Ùomm(e)n(e)’ – In Calitri chiamando   un conoscente, per rispetto si chiamava amichevolmente come uno Zio,   appellandolo: ‘Zì òmm(e)n(e)’ > abbreviato: “Zì   ò”
Òng(e), ùnt(e) Limonare,   intrattenersi in rapporti amorosi. 2 Ungere. Ungere di sebo, sporcare:   “(i)Nz(e)và, àt(e)”. 3. Ungere il pane nell’intingolo con una   mollica di pane (“Scarpètta”)
Òng(e), ùnt(e) Ungere.  – (Forse dalla rad. prov. ‘onher’ e il   lat.: ‘ungere’ si è giunti a ‘Ong(ere)’). – Unto: ‘ùnt(e)’    – Ungere di sebo,   sporcare: “(i)Nz(e)và, àt(e)”. 2. Ungere il pane nell’intingolo con   una mollica di pane (“Scarpètta”) – Ùng(e) ù piàtt(e), èia v(e)rè   cùm(e) sàp(e)! = Ungi (il pane nel sugo rimasto) nel  fondo del piatto, vedrài che buon sapore!.   3. Limonare, intrattenersi in rapporti amorosi
Ònna, s.f. Onda
Onòr(e), s.m.  e Hànòr(e),   s.m. arc. Onorabilità, virtù,   onore. – E’ ia nù svergognàt(e), hàv(e)    pèrs pròbbia l’hànòr(e)! = E’ uno svergognato, ha perso proprio   l’onore!
Ònza, s.f. Oncia, unità di peso   (Circa 33 gr.)
Operài(e), s.m. Operaio
Operaziòn(e), s.f. Operazione, azione,   atto chirurgico
Oppùr(e), cong.o Oppuramènt(e), cong. (arc.) Oppure
Oppuramènt(e), cong. (arc.) o Oppùr(e), cong. Oppure
O’r(e), s.m. Oro
O’r(i)j, s.m. Odio. – Piglià “Nnòria” = Odiare (Prendere   in odio)
Òra, s.f. Ora – Per ora = P'(e) mò (Adesso)
Oramài, avv. Oramai, ormai
Oraziòn(e), s. f. Orazione
O’rch(e), s.m. Orco
Orchèstra, s.f. e Urchèstra, s.f. arc. Orchestra
Òrd(e)n(e), s.m. Ordine,   disposizione  regolare. – 2. Ordine,   uno dei sette sacramenti
Orèf(e)c(e), s.m. e Arèf(e)c(e), s.m. Orefice
Òrfan(e), s.m. Orfano
Orfanìegghj(i), s.m. e Orfanìell(e), s.m. Orfanello
Òrgan(e), s.m. Organo
Orìggin(e), s,m. Origine
Òrij(e), s.m. e Òdij(e), s.m. Astio, odio,  profonda avversione – Piglià   nnòrij(e) = prendere in odio
Orizzontà, àt(e) e Orizzondà, àt(e) Orizzontare,   orientare 2. Orizzontarsi, raccapezzarsi
Òrl(e) , s.m. e Ùorl(e) Orlo, bordo, margine,   ciglio
Ormài, avv. Ormai, oramai
Òsc(e), avv. s.m. Oggi.
Òsc(e)_aròtt(e), avv. Oggi ad otto, tra   otto giorni
Ossàrij(i), s.m. Ossario
Ossìggen(e), s.m. Ossigeno
Ossiggenàt(e), agg. Ossigenato
Ostètrico, s.m. Ostetrico, uomo   diplomato per assistere la gestante. – f. “Ostètrica” – La   levatrice di una volta: “Vammàna”
Òstia, s.f. Ostia
Òtt(e),  agg. num. card. Otto
Ott(e)cìend,  agg. num.   Card. Ottocento
Ottàv(e), agg. num. Ottavo
Ottòn(e), s.m. e Attòn(e), s.m. arc. Ottone