I/L

(i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
I I
I, art. det. m. pl. e Lì, art. det. m. pl. I, art. det. m. pl. –  Ì fratìell(e) = i frati – L’ùomm(e)n(e) = gli uomini – Lì càn(e) = I cani
Ià!, inter. e Ghià! inter. Dai!, andiamo!, dai forza! – Mò n’n t’à piglià, ià! = adesso non te la prendere, dai!  – Vìen(e) cù mìch(e), ià = Vieni con me dài! – E ghià, r’ammìll(e)! = E dai, dammelo!
Iàcc(e), s.m. e Ghiàcc(e), s.m. Ghiaccio
Iaccià, àt(e) e Ghiaccià, àt(e) Ghiacciare
Iacciùol(e), s.m. e Ghiacciùol(e), s.m. Ghiacciolo, acqua ghiacciata durante il gocciolamento. 2. Ghiacciolo, gelato come alimento (Ghiacciùol(e))
Iàmm(e).  Verbo: prima pers. pl. pres. ind. Andiamo (Dal Napoletano: Jire, jiùt = Andare) – Iàmm(e), ll’ù puoi(e) pùr(e) rà = Andaiamo, glielo puoi pure dare
Iàngh(e) r'(e) l’ùov(e), s.f. e Chiàra r'(e) l’ùov(e, s.f. Albume, chiara d’uovo
Iàngh(e) r(e) l’ùov(e), s.m. Albume dell’uovo
Iàngh(e), agg. Bianco
Iangh(e)scjà, àt(e) Tinteggiare, Imbiancare
Iangh(e)scjatòr(e) Imbianchino, tinteggiatore
Ianghùosc(e)l(e), agg. Biancastro
Iàra, s.f. Pietraia, luogo sassoso – pl. ‘Ghiàr(e)’ – (Ar.:  ‘harrà(h)’ luogo petroso) – (Gr.: (Chersos) arido, incolto, sassoso). – Vài à piglià r'(e) prèt(e) (i)ndà r'(e) ghiàr(e) r'(e) l’Ofat(e) = Va a prendere le pietre nei luoghi sassosi dell’Ofanto
Iast(e)mà, àt(e) Bestemmiare. (Dallo sp.: ‘làstimar’ col senso di ‘imprecare’, a sua volta dal lat.: ‘blasphemare’)
Iàst(e)ma, s.f. Discendenza, origine, nome, stima.  – (Forse dalla rad. lat.: ‘aestimo’ e  dall’it.  ‘estimazione’, valutazione) – “Màla_iàst(e)ma” = cattiva stima vuol dire: cattiva origine
Iast(e)matòr(e), s.m. Bestemmiatore
Iastèma, s.f. Bestemmia.
Iàt(e), agg. Altro, diverso. – (da: ‘Àtu’: altro, diverso, con la scomparsa della ‘u’ finale e con il pref. ‘i’, diventando: iàt(e) = altro) – Iàt(e) cà tù! = Altro che tu! –  – Iàt cà mò! = Altro che adesso!
Iàt(e), s.m. Fiato, alito. – Avere il fiatone = ‘Assal(e)nià’ – Avere l’alito cattivo = ‘P(e)zzà lù iàt(e)’
Iàtà, àt(e) e riatà, àt(e) Alitare, respirare, soffiare
Iatatùr(e), s.m. Soffiatore fatto di una canna (in genere di ferro) per soffiare sul fuoco – Da “Iàtà” = Soffiare
Iàzz(e), s.m. Addiaccio, agghiaccio, arc., stazzo, spiazzo, ricovero scoperto per animali racchiuso con una palizzata o delle reti. (Dal Lat. ‘ad jacere’, giacere, con la detrazione deverbale di ‘re’ da jacere, per restare il luogo: ‘jace’ e quindi giunto da noi come: ‘iàzz(e)’ )  2. Giaciglio qualsiasi per animali.
Iàzz(e), s.m. Giaciglio qualsiasi per animali. (Gr.: ‘Iautmòs’ luogo di riposo – Lat. ‘ad jacere’, giacere)  2. Addiaccio, agghiaccio, arc., stazzo, spiazzo, ricovero scoperto per animali racchiuso con una palizzata o delle reti.
Idrògen(e), s.m. Idrogeno
Ièff(e)l(e), pl. f. Grinze, corrugamenti. Plurale di “Ièff(e)la” – Ròi(e) ièff(e)l(e) = Due grinze
Ièff(e)la, s.f. Ruga, piega, grinza. – Plurale: = “Ghièff(e)l(e)” – (Dal long.: ‘wiffa’ ciocca  dal lat.: floccus, con il suff. dim: ‘la’ paragonando le grinze e rughe della pelle a piccoli fili di un fiocco  – In nap.: ‘jeffola’ = schiaffetto ed anche piccola matassa ) – L’espressione ‘Apparà r'(e) ghièff(e)l(e)’ = Rimpinzare la pancia – (Dal livellare le pieghe della pancia nel gonfiarsi)
Ìer(e), avv. e AÌer(e), avv. Ìeri. (Sp.: ‘Ayer’ ) –  (Lat.: ‘heri’) – Ier l’altro (Due giorni prima) = “L’àtu iùorn(e)” e “R(e)tèrza”. –  Tre giorni prima: “R'(e)stèrza”
Ièt(e), pl. f. e Còst(e), pl. f. Bietola da coste: (Beta vulgari) -(Dal prelatino “costo” arbusto)
Ièt(e)m(e), s.m. Attrezzo per salassi
Ièta, s. f. Bietola da coste: (Beta vulgari) -(Dal prelatino “costo” arbusto). Pl: R'(e) ‘ghièt(e)’ = Le biete. 2. Bastonate, botte, percosse (al plurale)
Ìgghj(i), pron. pers. Lui. lat. ‘ille’ – Lei: = “E’gghia”.  2. Appellativo dato ai protagonisti principali di un film
Iggìen(e), s.m. Igiene
Ìglj(i), m. pl. Fianchi, parti laterali dell’addome. – I fianchi = “Gh’ìjglj(i)” (Lat.: Ilia, ilium n. -‘ Ilia trahere’, Plin.; battere i fianchi)
Ìi(e), pron pers.  e Hè,  pron pers. (arc.) Io
Iiì! oppure: Iiìsc(e)!  Inter.ni Ij!, Ordine rivolto alle bestie da soma, per farle fermare durante la loro marcia; Per farle partire: “Ha!”
Iiìsc(e)! oppure Iiì! Inter.ni Ferma! Voce di incitamento alle bestie per farle fermare. (gr. ‘isco’= mi fermo – (ísche = fèrmati, presente in Eschilo)) – “Aah”! per farle partire
Iìnbèc(e), avv. e Ìnvèc(e), avv. Invece
Ìj(e), pron. pers. sing. e Hè, pron. pers. sing. pron. pers. sing. –  (dal: lat. volg. ‘ĕo’, lat. class. ‘ĕgo’)
Ìl(e)c(e), s.m. Elce, leccio
Imbiangà, àt(e) e (i)mbiangà, àt(e) e Iangh(e)scjà, àt(e) Tinteggiare,  Imbiancare, Candeggiare,
Imbiangà, àt(e) e Iangh(e)scjà, àt(e) Tinteggiare, imbiancare
Imbiehàt(e), s. m. e (i)nbiehàt(e), s.m. Impiegato, funzionario
Imbortà, àt(e) e (i)Nb(e)rtà, àt(e) Importare, introdurre o ricevere dall’estero 2. Bisognare, stare a cuore, occorrere, avere importanza
Imbortànd(e), agg. e (i)Nb(e)rtànd(e), agg.  arc. e (i)Nbortànd(e), agg. Importante, rilevante, di valore
Imbrevìst(e), agg. e s.m. e (i)Nbrevìst(e), agg. e s.m. Imprevisto, contrattempo
Immagginà, àt(e) e Mmàgg(e)nà, àt(e) Immaginare, congetturare, ideare, supporre
Immòbbil(e), agg. Immobile
Imp(egnà, àt(e) e Imb(egnà, àt(e) Impegnare
Impegnativ(e), agg e Imbegnativ(e), agg. Impegnativo, difficoltoso, difficile
Imprevedìbbil(e), agg. Imprevedibile
Inauùrà, àt(e) Inaugurare
Inbortànd(e), agg. e Inportànd(e), agg. Importante
Inbotènd(e), agg. Impotente
Incèndij(e), s.m. Incendio
Incidènt(e), s.m. e Ingidènt(e), s.m. Incidente
Incòntr(e), s.m. e Incòndr(e), s.m. Incontro
Indelèbbil(e), agg. Indelebile
Indèr(e), agg. e s.m.  e Intèr(e), agg. e s.m. Intero
Inderèss(e), s.m. e (i)Ndrèss(e), s.m. (Arc.) Interesse. – A’attàn(e) s'(e) pigliàva lì (i)ndrèss(e) = Il padre percepiva gli interessi
Indiàn(e), s.m. Indiano
Indìetr(e), avv. Indietro
Ìndr(e), avv. e Ìntr(e), avv. Dentro. (Lat.: Intra). – E’ia n’òmm(e)n(e) r'(e) ìndr(e) = E’ un uomo (di dentro) di città (non abita in campagna) Dentro à… = ‘(i)Ndà’
Indrasàtta, agg. e intrasàtta, agg. Improvviso, inatteso, imprevisto
Indrìh(e), s.m. Intrigo, imbroglio, garbuglio, sviluppo di fastidi
Influenzà, àt(e) e (i)Nfluùnzà, àt(e) e (i)nfluenzà, àt(e) Influenzare, avere influenza, agire sulla volontà altrui, suggestionare
Ingènuù(e), agg. e (i)ngènuù(e), agg. Ingenuo, sciocco, credulone, sempliciotto
Ingènz(e), s.m. e (i)Ngìenz(e), s.m. arc. Incenso
Ingìnda, agg. e Prèna, agg. f. Incinta, pregna, gravida
Inglès(e), agg. e s.m. Inglese
Inglittèrra, s.f. Inghilterra
Ingolonnà, àt(e) e (i)Nculunnà, àt(e) e (i)Ngul(e)nnà, àt(e) Allineare, incolonnare, schierare
Inizià, àt(e) Iniziare, incominciare, cominciare, intraprensere
Inizià, àt(e) Iniziare, incominciare
Inizij, s.m. Inizio
Inportànd(e), agg. e Inbortànd(e), agg. Importante
Intànd(e), avv Intanto
Intànt(e), loc. avv. e Intànt(e), loc. avv. Intanto, frattando
Ìntr(e), avv. e Ìndr(e), avv. Dentro. – E’ia n’òmm(e)n(e) r'(e) ìntr(e) = E’ un uomo (di dentro) di città (non abita in campagna)
Invèc(e), avv. e Inbèc(e), avv. Invece
Invernàl(e), agg. Invernale, che avviene, si fa, si manifesta nell’inverno
Invèrs(e), agg e Ammèrsa, agg. arc. Inverso, rovescio, contrario. Dicesi anche: “Nnànz(e)_Nn'(e)rèt(e)”
Invèrs(e), agg. e Ammèrsa, agg. arc. Contrario, inverso, opposto. – Dicesi anche: “Nnànz(e)_Nn'(e)rèt(e)”. – A rovescio = “A’ ammèrsa”
Iòdij(i), s.m. Iodio
Iòr(e), s,m. arc. Infiorescenza, fiore. – Pl.: ‘iùr(e)’ – 2. ‘Iùr(e)’ pl. = Fioretta, malattia del vino che provoca la formazione di un velo bianco sulla sua superficie
Iòr(e), s,m. arc. e Fiòr(e) Fiore, fioretta, muffa
Ìrm(e)c(e), pl. di ‘èrm(e)c(e) Tegola, in genere. Embrice. lat. ‘imbrex’ 2. Tetto, come insieme di tegole
Ìrm(e)c(e), pl. di ‘èrm(e)c(e) Tetto. – E’ia acchianàt(e) (i)ngìmma à l’ìrm(e)c(e) = E’ salito sul tetto 2. Tegola, in genere
Ìrt(e), agg. e Àut(e), agg. Alto, elevato, prominente. agg. – Molto alto = “Ìrt(e)_Ìrt(e)” – Femm.: ‘èrta’ e ‘àuta’
Ìsc(e)ca, s.f. Terra coltivata sul fiume (dal lat.’iscla’ per ‘insula’ = isoletta di terra coltivata costeggante il fiume) – Plur.: ‘Ìsc(e)ch(e)’ – Alla stessa base risale il nome dell’isola di Ischia. Anche la località di Calitri, sull’Ofanto: “Gh’Ìsc(e)ch(e)” = “Le Ìsc(e)ch(e)”: le isole di terra
Ìsc(e)ch(e)!, inter. E’sci! Avviati! Mùoviti! – Incitamento rivolto agli animali di allevamento: Ìsc(e)ch(e) à (i)nghiùr(e)! = Muoviti, vai, al chiuso!
Ìscul(i), s.m. Esca, piccolo verme da usare come esca per pescare – (Dal lat.: ‘esca’ cibo, cibo per attirare gli animali, con il suff. dim. “ul” ula)
Ìss!, utè! (loc.) e Utè! (Inter.) Cane<Incitamento al. Incitamento al cane ad attaccare, attaccalo!. (Da ‘Isso’ = Lui e ùta = Ai(uta)ti, sbrigati! – Cioè: ‘Prendi Lui, sbrigati!’) (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005)
Ìss(e)_utè! loc. Prendilo! Esortazione rivolta al cane per aizzarlo contro qualcuno.  Letteralmente: (‘ìss(e)’_’utè!’) = Impeto, ardore! Aiùtati, sbrigati!  – (ìss(e) da ‘izza’ ardore, impeto: da cui ‘aizzare’.  Utè da un esortativo: (ai)uta(ti)!)
Istìnt(e), s.m. e Istìntde), s.m. Istinto
Iuccà, àt(e) e Fioccà, àt(e)arc. Nevicare, fioccare. – (‘Iuccà’ e ‘iucquà’ sono forme contratte di fagghiucquà)
Iucquà, àt(e) arc. e Fagghiucquà, àt(e) Fioccare, nevicare. – (‘Iuccà’ e ‘iucquà’ sono forme contratte di fagghiucquà)
Iucquà, àt(e) e Ghiucquà, àt(e) Erpicare, frantumare le zolle del terreno, zappato o gia arato una prima volta, con l’ausilio di la zappa o con mezzi più moderni quali l’erpice (vedi “E’rp(e)c(e)”), ecc. (Lat. Parlato: ‘ occa’ ed ‘adoccare’ erpicare)
Iùocch(e), s.m. arc. e Fagghiùcca, s.f. Fiocco, fiocco di neve. 2. Fiocca (arc)
Iùorn(e) cuntàt(e), s.m. Giorno contato. I ‘Giorni contatÌ sono i quelli dal 13 al 24 DIC., rapportati ai 12 mesi dell’anno, per prevederne l’andamento climatico prendendo gli auspici dal giorno corrispondente.
Iùorn(e), s.m. Giorno.  Domani = “Crài(e)”; Dopodomani: “P'(e)scrài”; il gg. dopo: “P'(e)scrìgghj(ì)”; il gg. dopo: “P'(e)scrùoff(e)l(e)”; il gg. dopo:”Hrùoff(e)l(e)”; domani a otto giorni: “Crài aròtt(e)”
Iùr(e), pl. m. Fioretta, malattia del vino che provoca la formazione di un velo bianco sulla sua superficie. (Dal pl. di: ‘Iòr(e)’ fiore)
Iùr(e), pl. m. Fioretta, muffa,  malattia del vino che si manifesta con un velo bianco superficiale con l’alterazione del sapore e abbassamento della gradazione alcolica – (i)Ngìmma à r'(e) mìer(e) sò fàtt(e) lì jùr(e) = Sul vino è comparsa la fioretta
j(e)ccà, àt(e) arc. e Fagghiucquà, àt(e) Fioccare, dicesi specialmente della neve. – (Da: ‘Iùocch(e)’ fiocco)
J(e)màra, s.f. Fiumara (reg.), fiumana, fiume a regime torrentizio per gran parte asciutto e ciottoloso (per antonomasia è nota quella di Atella (PZ), detta: “a’i(e)màra” che sfocia nell’Ofanto)
j(e)nnà, àt(e) Lanciare, avventare. – (Da ‘jònna’ fionda, in quanto serve per lanciare). – Ù càn(e) s’èia j(e)nnàt(e) (i)ngànna! = Il cane si avventato alla gola!
J(e)ppòn(e), s. m. Braca pesante da contadino (Fr. età angioina ‘iuppone’ gonna)
jònna, s.f. Fionda, intesa come la ‘Frombola’. Questo tipo di fiona lanciava un sasso, dapprima tenuto da due cordicelle mentre roteava in aria, e quindi, acquistata una forte forza d’inerzia, veniva liberato lasciando un capo delle cordicelle stesse. (Da ‘Fionda’:  Lat. ‘flŭnda’, da fundŭla, dim. di ‘funda’ fionda. Termine giunto fino a noi, dapprima come ‘fionna’ e quindi per aferesi del prefisso ‘i’ ridotto a ‘iònna’)
L L
L(e)bb(e)rà, àt(e) Liberare
L(e)bb(e)rà, àt(e) Liberare; “Di_ni_lìbbra” ra r(e) màl(e) lèngh(e) = Dio ci liberi dalle male lingue
L(e)bbrètta, s.f. arc. e Libbrètta, s.f.. Taccuino, libretto
L(e)c(e)nzià, àt(e) Licenziare
L(e)ccùs(e), agg. Lecchino, (tosc. Volg.) adulatore basso e servile, leccapiedi – Anche: ‘lecchìn(e)’
L(e)ggèr(e), agg. e L(e)ggìer(e), agg. Leggero, lieve, delicato, superficiale, frivolo. Anche: “A’mb(e)l(e)”. Arc. – Molto leggero = “L(e)ggìer(e)_l(e)ggìer(e)”
L(e)ggìer(e), agg. e L(e)ggèr(e), agg. Lieve, leggero, delicato. Anche: “A’mb(e)l(e)”. Arc. – Molto leggero = “L(e)ggìer(e)_l(e)ggìer(e)”
L(e)ggìtt(e)m(e), agg. e Reholàr(e), agg. Legittimo, che è secondo la legge. 2. Sobrio, essenziale, semplice, regolare, pulito, sano, normale
L(e)ggìtt(e)ma, s.f. La parte dell’eredità riservata per legge agli eredi legittimi e di cui il testatore non può disporre liberamente
L(e)gnàm(e) Legname
L(e)hà (la vìgna), àt(e) Legare i tralci della vigna, mediante legacci o adoperando dei rametti di salice come si faceva una volta. – Anche: ‘Tr(e)zzià’ intrecciare.
L(e)hà, àt(e) Legare. Si usa anche ” Attaccà”. 2. Legare la vigna (Legare i tralci) = “L(e)hà la vìgna”)
L(e)hatùra, s.f. e L(e)hatòra, s.f. arc. Legatura
L(e)hunàta, s.f. Legnata, bastonata, manganellata, mazzata. – (da: ‘lèuna’ pezzo di legna)
L(e)m(e)tàr(e), s.m. Limite, limite naturale, confine, ambito, spazio, fascia di terra fra fiume e una strada – (Da: ‘lèmm(e)t(e)’
L(e)mà, àt(e) e All(e)mà, àt(e) Limare
L(e)mòs(e)na, s.f. arc.  e Elemòs(e)na, s.f. Elemosina, carità, obolo – Fàcìja à l(e)mòs(e)na = Chiedeva l’elemosina
L(e)ndà, àt(e) e L(e)ntà, àt(e) Cessare, smettere, interrompere, lentare; v.tr. [ io lènto ecc.; aus. avere] ( lett.) allentare, mollare; rallentare, smettere: Mio digiun, che non esclude / pane ed acqua ed erbe crude, / cinquant’anni interi chiude; / vita tal non mai lentata (IACOPONE) – da:Sapere.it)
L(e)nzùl(e), s.m. Lenzuolo – pl.: ‘L(e)nzòl(e)’
L(e)ppùs(e), agg. Mucillaginoso, ammuffito, viscido
L(e)rciùm(e), Lerciume, quantità di roba lercia, sudiciume: che l. in quella cucina! Fig., in senso morale, ambiente corrotto
L(e)ssùs(e), agg. Lussuoso
L(e)t(e)cà, àt(e) Litigare, liticare anche: “Arrahattà” e “Sciarrà”
L(e)t(e)càta, s.f. Litigio, contesa, disputa.
L(e)t(e)chènd(e), agg. Litigioso
L(e)t(e)hà, àt(e) Litigare, liticare (raro) anche: “Arrahattà” e “Sciarrà” e “L(e)t(e)cà”
L(e)ttèra, s.f. Lettiera, strame, materiale che nelle stalle serve di giaciglio agli animali. Usato anche ad indicare un giaciglio, alla buon, rustico, per persone.
Là quàl(e), cong. Che>il. Il che, la qual cosa. (i)Ngundrài, p'(e) càs(e),nù vècchj(i) conoscènd(e), la quàle m'(e) fèc(e) pùr(e) piacèr(e) = Incontrai, per caso, un vecchio conoscente, la qual cosa mi fece anche piacere.
La, art. det. ed anche: À, art. det. La
La_pàrt(e), s.f. Mezzadria. Letteralmente dare un terreno “A’ là pàrt(e)” è dare metà dei proventi al mezzadro, per  ricavarne i suoi frutti.
Làcc(e), s.m. Cappio, laccio, legame, guinzaglio, legaccio, stringa. – (Sp.: ‘lazo’ laccio)
Làcc(e), s.m. e Làzz(e), s.m. Laccio, legame, guinzaglio, legaccio, stringa, cappio. – (Sp.: ‘lazo’ laccio)
Laccètt(e), s.m. e Lazzètt(e), s.m. Catenella, catenina
Làdr(e), s.m. e Làtr(e), s.m. arc. Ladro, mariolo
Làgh(e), s.m. e Làh(e), s.m. Lago
Làgna, s.f. Lagna, afflizione, piagnisteo, seccatura, tormento
Lagnàrs(e), àt(e) e Laniàrs, àt(e) arc. Laniarsi, lagnarsi,  annoiarsi, infastidirsi, tediare, seccarsi. 2. Stancarsi, affaticarsi, impegnarsi, mettercela tutta, lagnarsi, dolersi, lamentarsi – (Dal lat. ‘laniare’  – vedere: ‘Laniàrs(e)’)
Lagnùs(e), agg. e Laniùs(e), agg. Seccatore, molestatore, insistente, tormentoso, importuno
Làhana, s.f. Pasta in sfoglia, (reg.). Strato molto sottile, di forma pressappoco circolare, in cui viene ridotta la pasta all’uovo (spec. quella fatta in casa, servendosi del matterello); è detta anche, regionalmente, pasta in sfoglia. Lavorata in genere su uno spianatoio in legno “Hràmm(e)la”, tirata con il matterello “Lahanatùr(e)”  2. Fettuccina o fettuccella che poi si ricava tagliando la ‘Lahana’ a listarelle. – (Gr. ‘Làganon’)
Làhana, s.f. Fettuccina o fettuccella che poi si ricava tagliando la ‘Lahana’ a listarelle. 2. Pasta in sfoglia (reg.). Lavorata in genere su uno spianatoio in legno “Hràmm(e)la”, tirata con il matterello “Lahanatùr(e)” –  (Gr. ‘Làganon’)
Lahanatùr(e), s.m. Matterello, cilindro di legno con cui si spiana la pasta. (Da “Làhana” con il suff. ‘tùr(e)’= it. ‘toio’, come il termine ‘spianatoio’ è formato da ‘spiana’ ed il suff. ‘toio’ )
Làhr(e)ma, s.f. Lacrima
Lam(e)ntà, àt(e) e Lam(e)ndà, àt(e) Lamentare
Làmb(e), s.m. e Làmp(e), s.m. Lampo , baleno, bagliore
Làmb(e)ià, àt(e) e Làmb(e)scjà, àt(e) Lampeggiare, balenare
Làmb(e)scjà, àt(e) e Làmb(e)ià, àt(e) Balenare, lampeggiare
Làmbada, s.f. Lampada, lume, lanterna, lucerna
Lambadìna, s.f. Lampadina
Làmbia, s.f. arc. e Solàj(i), s.m. Solaio, lamia (arc.), termine italiano arcaico. Originariamente indicante quello a volta. – (Dal tardo gr.: ‘Làmia’ , col significato, tra le altre cose, di: “gola profonda, di fiume”. Indicò, in seguito,  il ponte costruito su di questi per il loro attraversamento, dando poi il nome a tutte le coperture a volta). – Mart(e)rì chì vèn(e), hàmma sc(e)ttà à làmbia = martedì prossimo faremo il getto (in calcestruzzo) del solaio.
Lamìend(e), s.m. e Lamènd(e), s.m. Lamento
Làmp(e), s.m. e Làmb(e), s.m. Bagliore, lampo,baleno
Lampadàrij(e), s.m. e Lambadàrij(e), s.m. Lampadario
Lampij(e)nàr(e), s.m. Lampionaio, addetto alla pulizia ed all’accensione dei lampioni a petrolio
Lampiòn(e), s.m. e Lambiòn(e), s.m. Lampione,
Lanaiùol(e), s.m. Lanaiolo, chi lavora o vende la lana
Land(e)rnìn(e), s.m. Abbaino
Landèrna, s.f. Lanterna
Langètta, s.f. Lancetta – Anche: ‘Sferra’
Langià, àt(e) Lanciare
Làngia, s.f. Lancia
Lanià, àt(e) arc. e Lagnà, àt(e) Infastidire, seccare, annoiare, tediare. (Dal lat. ‘laniare’  – vedere: ‘Laniàrs(e)’) – O’gn(e) ghiùorn(e) ù lagnàva, cù r'(e) chiàcchiar(e) sòi(e) = Ogni giorno lo annoiava, con le sue chiacchiere
Lània, s.f. Lamento insistente e noioso, fastidio, seccatura
Laniàrs(e), àt(e) Stancarsi, dolersi, lamentarsi, affaticarsi, impegnarsi, mettercela tutta, lagnarsi. – (Dal lat. ‘laniare’ sbranare, dilaniare, trasformato poi in lagnarsi, ecc.  – S'(e) lanià tùtt(e) lù iùorn(e), p(e)v(e)rìegghj(i), mà à sèra avìa f(e)rnùt(e) combletamènd(e) = Si affaticò tutto il giorno, il poveretto, ma a sera aveva finito completamente – N’n m'(e) lanià cù ss'(e) chiàcchiar(e)! = Non mi lagnare con queste chiacchiere!
Laniùs(e), agg. e Lagnùs(e), agg. Molestatore, seccatore, insistente, tormentoso, importuno
Làpa, s.f. Ape da miele. 2. Vespa, nome comune degli insetti dei ‘VespidÌ ed in particolare della (Vespula germanica)
Làpa, s.f. Vespa, nome comune degli insetti dei ‘VespidÌ ed in particolare della (Vespula germanica). 2. Ape da miele.
Lapòn(e), s.m. Calabrone (vespa crabro)
Làr(e)h(e), agg. Largo
Làr(e)h(e), s.m. Largo, sterrato od anche lastricato, piazzale
Làrd(e), s.m. Lardo. Per battere il lardo v. “Arracciatùr(e)”
Làsch(e), agg. E s.m. Lasco
Lascj’na, s.f. e agg. – term. arc. Depressa. Donna depressa, avvilita. scorata, oziosa,  inerte, trasandata. Donna che si lascia andare, pigra. – (Dal fr.: ‘lâche’ pigro (si pronuncia ‘làsc(e)’ con il suff.  ‘ina’, per: donna pigra) – Quègghia èia pròbbia nà lascj’na, n’n zèrv(e) à nìend(e) =  Quella è proprio una donna depressa, non serve a (fare) niente
Lassà, àt(e) e assà, àt(e) Lasciare, lassare (arc.) – Lascialo andare = ‘Làssal(e) scij(e)’ oppure:  ‘Làssalu scij(e)’ – oppure: ‘Lassannìll(e) scij(e)’
Làstich(e), s.m. Elastico
Làstra Lastra, in genere. 2. Lastra di vetro
Làstra Vetro<Lastra di. 2. Lastra, in genere.
Làt(e), s.m. Lato
Latrà, àt(e) Latrare, ululare, intenso abbaiare
Latràt(e), s.m. Latrato, forte abbaio
Làtt(e), s.f. Latte – ‘Màmma r'(e) làtt(e)’ = Balia, nutrice
Làtta, s.f. Latta, recipiente di latta (lamierino), stagna, a chiusura ermetica, od anche di plastica od altro materiale
Lattar(e), s.m. Lattaio
Lattàr(e), s.m. Lattaio.  Chi vende latte, o chi porta il latte a domicilio
Làur(e), s.m. Alloro, lauro, albero con foglie aromatiche (Lauros nobilis)
Laurà, àt(e) e Aurà, àt(e), arc. Glorificare, lodare,  lusingare (Lat. ‘ Laudare’) – Siauraddìj(i) = alla lettera: sia-aurà(te)_Ddìj(i) = sia lodato Dio
Làura, s.f. e Làurea, s.f. Laurea – ‘Làura’ è termine usata dal volgo
Laureà, àt(e) Laureare
Làurea, s.f. e Làura, s,f. Laurea.
L’àut’ànn(e)’, s.m. L’anno scorso. (Dal lat.: ‘ante annum’, ‘anno prima, l’altro anno)
Lav(e)nàr(e), s.m. Borro, marrana, canale naturale o serie di rigagnoli di scolo, formati  dalle lavine, dal profluire delle aque meteoriche  che precipitano lungo un pendio montuoso. – (Dal lat.: ‘labinalis’ da ‘labina’ frana, caduta, e dal suff. ‘arius’)
Lavà, àt(e) Lavare
Lavandìn(e), s.m. Lavandino
Lavànga, s.f. Franamento, scoscendimento
Lavàta, s.f. Lavata, l’operazione di lavare. 2. Sgridata, rabbuffo – Nà lavàta r'(e) càp(e) – una lavata di capo, rimprovero senza risentimento e gravità.
Lavatìv(e), s.m. Lavativo, scanzafatiche, pigro
Lavìna, s.f. Lavina, slavina,   (lat. tardo ‘labīna’, frana,  der. di ‘labi’ «cadere, scivolare»). –  Profluvio, di aqua che precipita lungo un pendio montuoso. – Diversamente dal significato dell’ital.  di: massa di neve in movimento)
Làzz(e), s.m. e Làcc(e), s.m. Legaccio, laccio, legame, guinzaglio, capio. – (Sp.: ‘lazo’ laccio)
Lazzaròn(e), agg. Lazzarone
Lazzètt(e), s.m. e Laccètt(e), s.m. Catenina, catenella
Le, art. det. pl. R'(e) – R'(e) mòsch(e) = Le mosche;  “Ghj(i)” – Ghj(i)’òstij(e)
Lèbbr(e), s.m. Lepre
Lebbròs(e), agg. e s.m. Lebbroso
Leccacùl(e), agg. Volg. Adulatore, lusingatore, leccapiedi
Lègg(e), l(e)ggiùt(e) o lìett(e) Leggere. Lèggh(e), lìegg(e), lègg(e), l(e)ggìm(e), l(e)ggìt(e), lègg(e)n(e)
Lègg(e), s.f. Legge
Lèha, s.f. Lega, alleanza
Lèmm(e) lèmm(e), loc. avv. Lemme lemme, con calma
Lèmm(e)t(e), s.m. Collina, rilievo, altura a limite di un terreno pianeggiante. (pl: Lìemm(e)t(e))
Lemosinànd(e), s.m. e C(e)rchènd(e), s.m. Elemosiniere, cercante, mendicante. – Anche: ‘P(e)zzènt(e)’
Lèna, s.f. Lena, impegno, vigoria, ardore
Lendamènd(e), agg. Lentamente
Lènga, s.f. Lingua
Lènza, s.f. Lenza, cordino, fascia
Leòn(e), s.m. Leone
Lès(e)ma, s.f. Lesione, fenditura, fessura (Dal lat. ‘laesum’ leso, crepato, con il suff. deverb. sost. ‘ma’)
Lèst(e), agg. Lesto, svelto. Lèst(e)_Lèst(e) = Molto lesto
Lètt(e)ra, s.f. Lettera
Lèttrich(e), agg. Arc. e Elèttrich(e), agg Elettrico
Lettricità, s.f. arc. Elettricità
Lèuna, s.f. Legna, inteso un pezzo solo – Legna in generale viene definita al pl. “Lèun(e)” – La legna viene misurata a “Pàss(e)” e a “Cànna”.  – E’ia sciùt(e) à lèun(e) = E’ andato per procurarsi della legna – Uagliò, piglia nà lèuna e mìtt(e)la (i)ngimma à r(e) fùoch(e) = Ragazzo, prendi un pezzo di legna e mettilo sul fuoco
Li (art.) e I (art.) I (articolo) -‘ Ì fratìell(e)’ = I frati – ‘L’ùomm(e)n(e)’ = gli uomini
Lì, art. det. m. pl. e: ‘I’, art. det. m. pl. I, art. det. m. pl. –  Lì càn(e) = I cani. – L’ùomm(e)n(e) = gli uomini. – Ì fratìell(e) = i frati
Lìbb(e)r(e), s.m. Libro
Lìbber(e), agg. Libero
Libberà, àt(e) Liberare
Libberàl(e), agg. e s.m. Liberale
Libbertà, s.f. Libertà
Lìbbia, s.f. Libia
Lìbbich(e), agg. e s.m. Libico
Libbìdin(e), s.f. Libidine, foia, fregola, stato di eccitazione
Lìbbr(e), s.m. Libro. Libriccino = L(i)bbr(i)cìeggh(i) – Librone = L(i)bbròn(e)
Libbrètt(e), s.m. Libretto, taccuino
Libbrètt(e), s.m. e Libbrètta, s.f. Libretto, taccuino
Lìc(e)t(e), agg. Lecito – Mà èia nà còsa lìc(e)ta? = Ma è una cosa lecita?
Lìccul(e), agg. Inappetente, persona sobria nel mangiare
Licùor(e), s.m. Liuquore
Lìegg(e), agg. Leggero
Lìent(e), agg. e lìend(e), agg. Lento
Lìerc(e), agg. Lercio, sporco, sozzo
Lìesc(e), s.m. Litigio, contrasto – Và pùr(e) tù, mà n'(e)n mètt(e) lìesc(e)! = Vai anche tu, ma non metter litigio!
Lìett(e), s.m. Letto
Lignàm(e), s.m. Legno, legname – A’ pòrta èia r'(e) lignàm(e) = La porta è di legno
Lìm(e), s.m. Limo
Lìmb(e), s.m. Limbo
Limòn(e), s.m. Limone, albero delle ‘Rutacee’ e frutto
Limonàta, s.f. Limonata
Limongèll(e), s.m. Limoncello, liquore dal sapore di limone, utilizzandone le bucce per la preparazione
Lìn(e), s.m. Lino
Linguìna, s.f. Linguina, pasta lunga a forma schiacciata di piccola fettuccina
Lìpp(e), s.m. Muffa, mucillagine, patina vischiosa affiorante su liquidi o superfici umide. (Dal Gr: Lipos o lipa grasso (in quanto sostanza appiccicosa);  Lat. Lìppus – Altra probabile origine dal Lat. Lepis, scaglia o dal Gr.: Lepidos, squama, organi che come il muschio sono ricoprenti)
Liquirìzzia, s.f. Liquirizia, pianta, radice – Detta anche: ‘Stràzz(e)’
Lìsc(e) e bùss(e), s.m. Bastonata solenne di persona, con ammonimento, riprensione ed anche avvertimento. – (Il termine sembra derivi dal gioco del ‘tressette’ quando un giocatore vuole avvisare il proprio partner, senza parlare, con i soli gesti di ‘lisc(e)’ e ‘buss(e)’ strisciando una carta sensa nessun valore (scartìma) sul tavolo e accompagnando il gesto di picchiare una volta o due ‘ volte sul tavolo, annunciando pleonasticamente ‘ribùss(e)’, per dire: sono in possesso dell’asso del seme che sto per giocare. Sembra infatti che il tressette sia stato minventato da sordomuti)
Lìsc(e), agg Liscio
Lisciabbùss(e), s.m. Pestaggio, bastonatura
Lìta, s.f. arc. Lite
Littorìna, s.f. e Lettorìna, s.f. arc. Littorina, vettura treno, automotrice, con motore diesel (Da: (fascio) littorio)
Lìv(e)r(e), s.m. Livido
Livèll(e), s.m. Livello
Llà Gliela –   Llà mannài(e) a’ìer(e) matìna = Gliela mandai ieri mattina – Pl.: ‘llòr(e’) = a loro
Llòch(e), avv.  e Ghiò, avv. Costì, vicino a te.
Llòr(e) Glieli, gliele, gliene – Llòr(e) p(e)rtài parècchj(i)! = Gliene portai parecchi!
Llù Glielo – Llù rìett(e) a’ìer(e) matìna = Glieo diedi ieri mattina – Pl.: llòr(e) =  a loro
Llum(e)nà, àt(e) Illuminare
Llum(e)nàt(e), agg. Illuminato
Lodà, àt(e) e Aurà, àt(e), arc. Lodare, glorificare, lusingare (Lat. ‘ Laudare’)
Lòffa, s.f. Loffa, peto non rumoroso, vescia.peto, scoreggia senza rumore,  (Dal ted.: ‘luft’ aria)
Lòffij(e), agg. Loffio, floscio, insulso, stupido (detto soprattutto del viso di una persona)
Lòggia, s.g. Loggia, veranda, balcone coperto
Lònga, s.f. Lunga. Dall’aggettivo ‘lungo’, nella locuzione “alla lunga”, “per le lunghe”
Lòntan(e), s.m. arc. e Pantàn(e), s.m. Pantano, acquitrino, fosso d’acqua stagnante fangosa (Dal lat.: ‘lutum’ fango’,’argilla ‘ e da ‘lutulare’ coprire di fango)
Lòpa Fame da lupo. – Tèn(e) nà lòpa! = Ha una fame! 2. Arpone, arpione a più uncini (a forma di ancora) per recuperare, ad esempio, un secchio caduto nel pozzo
Lòpa Arpione, arpone, a più uncini (a forma di ancora), per recuperare, ad esempio, un secchio in ferro caduto in fondo al pozzo – (Dal gotico “raupjan” (strappare) > Toscano: ‘Ropa’ = manciata, presa).-  ( Forse dal gotico: ‘Raupjan’ svellere, strappare).  2. Fame da lupo.
Lòr(e), pron. agg. Loro
Lòr(e), s.f. Lode
Lòta, s.f. Loto, terra bagnata, fango, melma, argilla – (Lat. ‘lutum’)
Lota, s.f. arc. Morchia, luridume,  sudiciume di sostanze grasse, unto
Lù, art. det.  ed anche: Ù, art. det. Il, lo – Pl.: Li  –  Lù malàt(e) = il malato
Luà, àt(e) Levare, togliere, dar via – ‘Luà là fràsca’ = Togliere tutto (Alla lettera: Togliere la frasca’, riferita a quella che si metteva sull’uscio della casa delle persone che volevano vendere un prodotto della loro terra, segnalando così che avevano finito tutto) – ‘Luà màn’ = non mettere mano, lascia stare, non ti intromettere – E’ia luàt(e) ù vìend(e) = E’ levato il vento
Luànd(e), s.m. e Luvànd(e). s.m. Levante, oriente
Luandìna, s.f. e Luvandìna. S.f. Vento di levante
Lùc(e) à p(e)tròlij(e) s.f. Lampada a petrolio
Lùc(e) r’ ghiùogl(i), s.f. Lucerna, lampada ad olio
Lùc(e), fàtt(e) lùc(e) Splendere, brillare, lucere (arc.) – Vìr(e) cùm(e) lùc(e) quègghia stègghia! = Vedi come brilla quella stella! – Ù sòl(e) hà sèmb(e) fàtt(e) lùc(e) = Il sole ha sempre brillato
Lùc(e), luciùt(e) o hà fàtt(e) lùc(e)  e R(e)lùc(e), r(e)luciùt(e) Lucere, diffondere luce, rilucere. 2. Albeggiare
Lùc(e), s.f. Luce. 2. Lampada
Lùc(e)_à_carbùt(e), s.f. Lampada ad acetilene (a carburo di calcio ed acqua)
Luc(e)dà, àt(e) e Luc(e)tà, àt(e) Lucidare
Luc(e)rnàrj(i), s.m. Lucernario, abbaino
Luc(e)rnàrji(e), s.m. Lucernario (Da: Lucernale, lucernaro: da ‘Lucerna’ (Andria)
Lùc(e)t(e), s.m. Lucido
Luc(e)tà, àt(e) e Luc(e)dà, àt(e) Lucidare
Lucchètt(e), s.m. Lucchetto
Lucènt(e) agg. e lucènd(e) agg. Lucente
Lucènt(e), agg. Lucente
Lùcid(e), s.m. agg. Lucido. – Lucido per scarpe: ‘Crommatìna’
Lucìfar(e), s.m. Lucifero
Lucìgn(e), s.m. Lucignolo, stoppino, di lucerna o di candela
Lùcr(e), s.m. Lucro, guadagno
Lùcul(e), s.m. Loculo, nicchia. – Anche: ”Nìcchj(i)”
Luggiòn(e), s.m. Loggione, grande balcone coperto
Lùgl(i), s.m. Luglio
Lùm(e), s.m. Lume
Lùna, s.f. Luna
Lunàt(e)ch(e), agg. Lunatico
Lunn(e)rì, s.m. Lunedì
Luntàn(e) agg. e avv. e Lundàn(e) agg. e avv. Lontano
Lùoch(e), s.m. e Lùoh(e), s.m. Località, luogo, spazio
Lùoh(e), s.m. e Lùoch(e), s.m. Luogo, località, spazio. – Àcqua e fùoch(e), fùsc(e) quànd(e) n’ài(e) r'(e) lùoh(e)! = (in presenza di) acqua e di fuoco, corri per quanto spazio hai!
Lùongh(e), agg. Lungo, accosto, rasente, lunghesso, lontano – Sì spar(e) cù nù fucìl(e), s'(e) sènd(e) à lùongh(e) = Se spari con un fucile, si sente (fino a) lontano.  – Femm.: “Lònga” – Molto lungo: “Lùong_Lùong”
Lùp(e), s.m. Lupo
Lup(e)nèlla, s.f. Lupinèlla, Erba medica, pianta foraggera
Lupìn(e), s. m. Lupino, pianta erbacea e frutto
Lùrd(e), agg. Lurido, sudicio sporco – f. “Lòrda”
Lurdìzzia, s.f. Luridezza, luridume, sudiciume, sporcizia
Lurdùm(e), s.m. e Lurdùma, s.f. Luridume, lordura
Lurdùra, s.f. Lordura, sporcizia
Lurdùs(e), agg. Lurido, sporco in modo da provocare disgusto
Lùss(e), s.m. Lussp
Lustrà, àt(e) Lustrare
Lùtt(e), s.m. Lutto
Luttà, àt(e) e Fa à lòtta, fàtt(e) à l. Lottare