D/E/F/G/H

i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
D D
D’ t'(e) b(e)n(e)rìca. escl. Dio ti benedica, Benedica! Formula di affettuoso augurio, pronunziata, specialmente nella cultura contadina, pure per evitare un eventuale malocchio alla persona alla quale tale augurio è rivolto.
D(e)cèmbr(e), s.m. arc. e Dicèmbr(e)  s.m. Dicembre
D(e)rìtt(e), s.m. e Ddirìtt(e), s.m. Diritto, giurisprudenza, ragione, giustizia
D(e)sp(e)ttùs(e), agg. Dispettoso, molesto, provocatorio, capriccioso
D(e)spìett, s.m. Dispetto
D(e)strùgg(e), ùtt(e, arc. e Distrùgg(e), ùtt(e) Distruggere, demolire, disfare
Dà, àt(e) e Rà, àt(e) Dare, consegnare, donare.-  Rallìll(e) lù (i)nbrèll = Daglielo l’ombrello. 2. Picchiare, percuotere, malmenare
Dàd(e), s.m. Dado
Darrìff(e) e darràff, locuz. Impegnarsi inutilmente. Locuzione onomatopeica indicante il movimento di chi si da da fare, di chi è impegnato  inelle faccende quotidiane, ma inutilmente. – M(e)màn(e), darrìff(e) e darràff(e), n’nnàgg(e) fàtt(e) nìend(e) = Stamani, nonostante il mio gran fare, non ho combinato nulla.
Dàtt(e)r(e), s.m. Dattero
Ddirìtt(e), s.m. e D(e)rìtt(e), s.m. Diritto, giurisprudenza, ragione, giustizia
Ddòs(e), s.f. Dose
Debbraiàta, s.f. Debraiata, manovra di disinnesto della frizione negli autoveicoli
Debbùtt(e), s.m. Debutto
Decìd(e), ìs(e) Decidere
Dècim(e), agg. num. Decimo
Decisiòn(e), s.f. Decisione
Decòr(e), s.m. Decoro
Dègn(e), agg. Degno
Delehà, àt(e) Delegare
Delicàt(e), agg. Delicato
Delinguènt(e), s. m. e Delinguènd(e), s. m. Delinquente
Democràtich(e), agg. s.m. e Demohràt(e)ch(e), agg. s.m. Democratico
Demohrazia, s.f. Democrazia
Dentifrìcij(e), s.m. Dentifricio
Dènz(e), agg. Denso
Depòsit(e), s.m. Deposito
Deputàt(e), s.m. Deputato
Desiderà, àt(e) e Residerà, àt(e) e R(e)s(e)rà, àt(e) Desiderare, volere, agognare
Desidèrij(e), s.m. e R(e)s(e)rèrij(e), s.m. arc. Desiderio
Dèstr(e), agg. Destro
Dèstra à sòl(e), agg. Mezzogiorno<Esposto a. Esposto a mezzogiorno, a sud. – A’a càsa èia à dèstra à sòl(e) = La casa è a mezzogiorno – Per indicare l’esposizione a nord: vedere: “Mancùs(e)”
Dettà, àt(e) Dettare
Diabbèt(e), s.m. Diabete
Dialètt(e), s.m. e (i)Ndialètt(e), s.m. Dialetto, parlata
Diamànd(e), s.m. Diamante
Diàmetr(e), s.m. Diametro
Diarrèa, s.f. Diarrea, sciolta, dissenteria. Anche “Zìel(e)”, “Sciòlda”, “Cacarègghia”
Dìc(e), dìtt(e) e Dì, dìtt(e) e Rìc(e), rìtt(e) e Dì, dìtt(e) Parlare, dire
Dichiarà, àt(e) Dichiarare
Dichiaraziòn(e), s.f. Dichiarazione
Diddittì, s.m. arc.. Insetticida (Genericamente detto anche: ‘Flitt’). Prende il nome dal dal D.D.T. (Diclorodifeniltricloroetano) quando per la prima volta fu usato nel perdiodo della seconda guerra mondiale; prima si usava un insetticida fatto di petrolio e piretro)
Difàtt(e), cong. Difatti
Difenzòr(e), s.m. e R(e)f(e)nzòr(e), s.m. arc. Paladino, difensore
Diffic(e)l(e), agg Difficile
Diggitàl(e), agg. Digitale, delle dita. Nà (i)mbrònd(a) diggitàl(e) = Una impronta digitale
Dìj(e), s.m. Dio, Sia lodato Dio = ‘Sieuraddìj(e)’
Diminu’uì, diminu’uìt(e) Diminuire
Dirètt(e), agg. Diretto
Direttòr(e), s.m. Direttore
Direttrìc(e), s.f. Direttrice
Direziòn(e), s.f. Direzione
Dirìtt(e), s.m. Diritto, complesso di norme di giurisprudenza
Disarmà, àt(e) Disarmare
Disàstr(e), s.m. Disastro
Dìsch(e), s.m. Disco
Dischètt(e), s.m. Dischetto
Discussiòn(e), s.f. Discussione
Discùt(e), discùss(e) Discutere
Disoccupàt(e), agg. Disoccupato
Disoccupaziòn(e), s.f. Disoccupazione
Distìngue, distìnt(e) Distinguere
Distinziòn(e), s.f. Distinzione
Divìd(e), ìs() Dividere
Divìn(e), agg. Divino
Divolàta, s.f. Volata, rincorsa
Documènd(e), s.m. Documento
Documendà, àt(e) Documentare
Dodicèsim(e), agg. num. Dodicesimo
Dòlc(e), agg. e s.m. e Ròlc(e), agg. e s. m. (arc.) e  Aròc(e), agg. Dolce, pasta dolce, torta
Dòllar(e), s.m. Dollaro
Dom(e)naddìj(e), s.m. Domineddio, Domeneddio, Signore Iddio (Lat.: ‘Dominus’ signore)
Domanda Domanda, col significato di “domanda scritta” – Altrimenti si usa “Add(e)mmànn(e)”
Dòppij(e), agg. e Ròppij(e), agg. Arc. Doppio, duplice
Dorà, àt(e) Dorare
Doràt(e), agg. Dorato
Dòrm(e), d(e)rmùt(e) e Ròrm(e), ùt(e) e R(e)rmì, ùt(e) Riposare, dormire, assopirsi
Dottòr(e), s.m. Dottore
Dottrìna, s.f. e R(e)ttrìna, s.f. arc. Dottrina, sapienza. 2. Catechismo, dottrina cristiana.
Dovèr(e) s.m. Dovere, obbligo, compito.
Drìtt(e), agg. Diritto, in linea retta 2. Persona che sa il fatto suo, disinvolta, accorta, astuta.
Dùbbij(i), s.m.  e Rùbbij(i), s.m. arc. Indecisione, dubbio, incertezza
Dubbità, àt(e) Dubitare
Dùi(e), agg. num. card. (femm. ‘Dòi(e)’) Due – Rammìgghj(i) tùtt(e) e dùi(e) = Dammeli entrambi
Dulciàstr(e), agg. e r(e)luciàstr(e), agg. Arc. Dolciastro, zuccherino, dolce
Dùr(e), agg.Tùost(e), agg. Duro, tosto, inflessibile
E E
Ebbràich(e), agg. Ebraico
Ebbrèh(e), s.m. Ebreo
Ècch(e), avv. e inter. Ecco
EcciaHòm(e)!, escl. Ecco l’Uomo!, detto rivolto a persona malconcia, in tono canzonatorio. – (Dalla frase riferentesi a Gesù Cristo con le spine in testa (Dal latino ‘Ecce Homo’)
Ecclìss(e), s.m. Acclìss(e), s.m. Eclisse
Eccò, inter. Perché>E – E perché. – Eccò? t'(e) l’àggia rà? = E perché te lo devo dare? – Eccò! quìst(e) s'(e) n'(e) vài ò no! = E perché?, costui se ne và oppure no!  – Eccò! s'(e) mòv(e), quìss(e)! – E perché! Quando si muove, costui!
Èccuc(e) quà, avv. e inter. Eccoci qua
Èccuc(e), avv. e inter. Eccoci
Èccum(e), avv. e inter. Eccomi
Èccut(e), avv. e inter. Eccoti
Èccuv(e), avv. e inter. Eccovi
Edifìcij(e), s.m. Edificio
Educà, àt(e) e Aruquà, àt(e) arc. Educare
Educaziòn(e) Educazione, creanza
Effettìv(e), agg. Effettivo
Ègghia Lei. Lui: = “Ìggh(i)”.  2. Protagonista principale di un film
Eggìtt(e), s.m. Egitto
Egiziàn(e), agg. e s.m. Egiziano
Egrù, agg. Ecrù, colore che ricorda quello grezzo della corda o dello spago. (Dal fr.: ècru = grezzo)
Èh!. . . inter. Eh. . . (sottintende ‘ e adesso!) – E’h! S’è ròtta à b'(e)ttìglia! = Eh! Si è rotta la bottiglia!
Eh. . ., inter. e Èia_mò, loc. E adesso (coraggio), – Eh. . ., èia mùort(e)!  = ‘Eh, è morto! (ormai)
Èi! inter. E’ia inter. Esprimeva meraviglia, plauso, esultanza (Gr.: eia), ora termine desueto si potrebbe dire Eh! – E’i! mò, vìr(e) cà arrìva quìgghj(i) andipàtich(e) r'(e) Frangìsch(e)  = Eh! Vedi che adesso arriva quell’antipatico di Francesco!
Èi, pò!, loc. Possibile! Non dirla così grande! (Forse dall’esclamazione: E’ (grande) come il fiume Po!)
Èi_nò!, loc. E’ no, no.
Èi_pò!. . ., loc. e Èi_pò! po’!. . ., loc. E’ impossibile!, ma và!, cosa dici! Non dirla grossa! – ‘E’i po’ = E’ impossibile – (Da Po, fiume. Significato  letterale:  Quello che mi dici è il Po!: L’hai detta grossa come il fiume Po!)
Èia_mò, loc. e Eh. . ., inter. E adesso (coraggio), Eh. . . – ‘E’ia mo’ = E via, tira avanti lo stesso!
Eilà Ehi, sclamazione di chiamata, di saluto, di propensione al dialogo
Elefànd(e), s.m. e Alifànd(e), s.m. arc. Elefante
Elemendàr(e), agg. Elementare
Element(e), s.m. e Elemend(e), s.m. Elemento, individuo, in quanto unità costitutiva di una società
Elemòs(e)na, s.f. e L(e)mòs(e)na, s.f. arc. Carità, elemosina, obolo
Eleziòn(e), s.m. Elezione
Èlij(e), s.m. Elio
Embè, cong. Ebbene, dunque
Emihrà, àt(e) Emigrare
Emihrànd(e), s.m. Emigrante
Emihràt(e), agg. e s.m. Emigrato
Emozionàrs(e) àt(e) e Mozionàrs(e), àt(e) arc. Emozionarsi, commuoversi
Emozionàt(e), agg e Mozionàt(e), agg. arc. Emozionato, commosso
Endrà, àt(e) e Trasì, ùt(e) Entrare – lat. ‘transire’ (Trasì) – N'(e)n (i)ng’èndra nìent(e)! = Non c’entra niente!
Endràta, s.f. Entrata
Ènghj(i) r'(e) (i)n’br(e)pèrij(e), chj’n(e) r. (i)nbr. Improperare, rimproverare.  – Alla lettera ‘riempire d’improperie’.
Ènghj(i), anghiùt(e) Riempire, empiere. – (da Gr.: Enkein’ e Sp.: ‘henchir’ versare dentro, infondere, riempire) – (Quando si riempiono dei recipienti di granaglie, nelle attività agricole, si usa specificarne i modi, usando i termini: “A’ cùrm(e)”; oppure: “A’ bàrra’ )
Ènn(e)c(e), s.m. Endice, detto anche nidiandolo o guardanidio. Uovo, anche finto (di pietra, di legno, ecc.), sistemato in un luogo prescelto dell’aia per invogliare le galline a deporre altre uova proprio in quel luogo. Questo serve per cercare di evitare che facciano un nido in qualche altro luogo sconosciuto. – (Dal lat. ĭndex -dĭcis: indice, in quanto indica alle galline dove fare le uova ed alla massaia dove andarle a cercare)
Entrà, àt(e) e Endrà, àt(e) e Trasì, ùt(e) arc. Entrare – Chè c’èndra? = Cosa c’entra? – Tràs(e) nù m'(e)mènt(e) à càsa mìa! = Entra un momento a casa mia!
Equilìbbrij(e), s.m. Eqiilibrio
Èr(e)va r'(e) vìent(e) Parietaria, erba che prolifica sui muri
Èr(e)va, rù tatamàglj(i), s.f.s.f. Erba detta volg. ‘titimalo’ o ‘titimaglio’ ecc. – (Vedere: ‘tatamàglj(i)’)
Èr(e)va, s.f. Erba
Èrba mèdica, s.f. Erba medica o “erba spagna”, importante pianta foraggera
Erèd(e), s.m. Erede
Ergàstol(e), s.m. Ergastolo
Èrm(e)c(e), s.f. e Tèula, s.f. e Tècula, s.f. arc. Embrice, tegola, copp. – (lat. ĭmbrex -brĭcis, der. di imber -bris «pioggia»). –  – Plurale di èrm(e)c(e): “Ìrm(e)c(e)”
Èrp(e)c(e) Erpice, macchina agricola per la frantumazione delle zolle e spianamento del terreno. Prima della sua introduzione tale lavoro si faceva con la zappa: vedi il verbo in calitrano “Iucquà”.
Èrp(e)c(e), s.m. o Frangizzòll(e), s.m. Erpice
Erròr(e), s.m. Errore – Anche “Arròr(e)” (arcaico)
Ès(e)t(e), s.m. arc. e Èsit(e), s.m. Esito
Esaggerà, àt(e) e Saggerà, àt(e) arc. Esagerare
Esaggerazziòn(e), s.f. e Saggerazziòn(e), s.f. Esagerazione
Esattòr(e), s.m. e Sattòre, s. m. arc. Esattore
Esattòr(e), s.m. e sattòre, s. m. arc. Esattore
Èsca, s.f. Esca
Esenziòn(e), s.f. Esenzione
Esèrcit(e), s.m. Esercito – Il detto ‘Esèrcit(e) r'(e) frang(e)schìell(e’) si rivolge come sfottò a delle persone inette, incapaci, inefficienti, ricordando la sconfitta dell’esercito di Francesco II il borbone  a Gaeta per inefficienza.
Esercìzzij(e), s.m. Esercizio
Esìgg(e),  es(e)ggiùt(e) Esigere, richiedere (con forza)
Esiggènza, s.f. Esigenza
Esportazziòn(e), s.f. Esportazione
Èss(e), stàt(e) Essere; Pres.: Sò o zò (es.: N’n zò stàt(e) ìj(i)!) , sì o zì, è, sìm(e) o zìm(e), sìt(e) o zìt(e), so; pass. rem: fùi, fùst(e), fù, fùmm(e), fùst(e), fùr(e)n(e); Fut.: àggia èss(e), àia èss(e), àdda èss(e), àmma èss(e), avìta èss(e), ànna èss(e); cond.: avarrìa èss(e), ecc.; pres. Cong.: sìa, ecc.; imp.: àia avè, ecc – Esserci = “E’ss(e)c(e)” – Ìj  (i)ng'(e) sò, tu (i)ng'(e) sì – igghj(i) (i)ngè, ecc. – Esserci: ìi(e) ng'(e) sò, tù ng'(e) sì, ìgghj(i) (i)ngè oppure: (i)ngèia, nùi ng'(e) sìm(e), vùi ng'(e) sìt(e), lòr(e) ng'(e) sò –  2. Dovere: es.: nell’espressione: E’ scj'(i) àa scòla = Devi andare a scuola
Estàt(e), s.f. Estate – Detta anche: ‘Stagiòn(e)’
Estìv(e), agg. Estivo
Eucaristìa, s.f. Eucarestia
F F
F(e)c(e)là, àt(e) arc. e fucilà, àt(e) e Fucilare
F(e)catìegghj(i), s.m. Fegatello, fegatino
F(e)ccà, àt(e) Ficcare, infilare, introdurre, conficcare, cacciare
F(e)ccà, àt(e) Ficcare,  infilare, mettere, cacciare dentro
F(e)cèt(e)la, s.f. Beccafico, uccello dei Silfidi od altri simili come il piccolo uccello detto ‘forapaglie’ Acrocephalus schoenobaenus che vive nei canneti vicino ai corsi d’acqua
F(e)chijà, àt(e) e Fr(e)cà r'(e) fìch(e), fr(e)càt(e) r'(e) … Malmenare, picchiare, percuotere, dare botte. – (da ‘fìch(e)’ = fichi, come sinonimo di botte, percosse)
F(e)culàr(e), s.m. e F(e)curìl(e), s.m. e Focolare, focolaio (non com.)
F(e)curìl(e), s.m. e F(e)culàr(e), s.m. Focolare, focolaio (non com.)
F(e)gghià, àt(e) e F(e)llà, àt(e) Affettare. Tagliare a fette. – Fetta (fègghia)
F(e)gghiàta, s.f. Affettato, affettato di salame, ecc.
F(e)glià, àt(e) e Figlià, àt(e) Sgravare, figliare, partorire, generare. (Riferito oggi alle sole bestie)
F(e)gliàma, s.f. Fogliame
F(e)gliètt(e), s.m. Foglietto
F(e)glj(i)cègghia, s.f. Fogliolina, foglietta
F(e)glj(i)lìeggh(i) Figliolino – Femminile: F(i)glj(i)lègghia
F(e)gnatùra, s.f. Fognatura
F(e)hurà, àt(e) Figurare, raffigurare, far bella figura
F(e)hùra, s.f. Figura, immagine – M’hàv(e) fàtt(e) fa nà brùtta f(e)hùra = Mi ha fatto fare una brutta figura
F(e)huràrs(e), àt(e) Figurarsi, rifl. di figurare, immaginarsi
F(e)hurìna, s.f. Figurina.Piccola illustrazione.
F(e)l(e)ppìna, s.f. Fame, grande fame. 2. Vento forte secco di tramontana. (Prende il nome dai racconti dei colonizzatori spagnoli delle isole Filippine quando raccontavano dei fortissimi uragani che in quelle regioni spesso imperversavano. In seguito, in relazione al suo concetto di potenza, ha dato nome a diversi altri significati)
F(e)l(e)ppìna, s.f. Vento forte secco di tramontana. 2. Fame, grande fame.
F(e)là, àt(e) Filare, ridurre in filo con appropriata lavorazione. 2. Filare, scappare, lasciare scorrere lentamente, procedere veloce, correre
F(e)làr(e), s.m. e f(e)làra, s. f. Filare, fila, detto per lo più di piante o di alberi allineati nei campi
F(e)làrs(e)la, àta Filarsela
F(e)làt(e), agg e F(e)làta, agg. Filato,  difilato, specialmente direttamente, senza soste o deviazioni. – Eia scjùt(e) r’ f(e)làt(e) à là càsa = è andato filato a casa.
F(e)làta, agg. Filato,  difilato, specialmente direttamente, senza soste o deviazioni. – Eia scjùt(e) r’ f(e)làt(e) à là càsa = è andato filato a casa.
F(e)latòr(e), s.m. Filatore, in particolare della lana
F(e)latùra Filatura, lavorazione fibre tessili
F(e)latùra, s.f. e F(e)latòra, s.f. Fessura, spiraglio, foro
F(e)làzza, s.f. Filaccia, fibra, filamento. 2. Filaccio di cibo, fibra che resta fra i denti
F(e)làzza, s.f. Filaccio di cibo, fibra che resta fra i denti. 2. Filaccia, fibra, filamento.
F(e)lètt(e), s.m. Filetto
F(e)lìc(e), agg. Felice
F(e)lìsc(e)na, s.f. Ragnatela. – (Da ‘fuliggine’, comparando le ragnatele alla fuliggine, essendo nere e sporche di polvere)
F'(e)lìsc(e)na, s.f. Fuliggine 2. Ragnatela
F'(e)lìsc(e)na, s.f. Ragnatela 2. Fuliggine
F(e)llà, àt(e) e F(e)gghià, àt(e) Affettare. Tagliare una fetta (Fègghia)
F(e)llòn(e), s. m. Filone, forma di pane alquanto allungata, tipo “Baguette” alla francese. (Secondo ‘UgolinÌ 1988/89 il termine deriva dall’accrescitivo di fallo ‘fallone’;( nel dialetto laziale, umbro, il ‘fallone’ è una schiacciata di farina di mais.) – Ràmm(e) nù f'(e)llòn(e) r'(e) pàn(e) = Dammi un filòne di pane. –
F(e)mà, àt(e) Fumare, produrre fumo, emettere fumo
F(e)màta, s.f. Fumata, intesa quella del vizio del fumo
F(e)matòr(e), s.m. Fumatore
F(e)mèra, s.f. Fumea,
F(e)mìgghj(i), s.m. Fumo>Filo di. Un fil di fumo. Diminutivo di fumo.
F'(e)mm(e)nàccia, s.f. Donnaccia
F'(e)mm(e)narùl(e), s.m. e agg. Donnaiolo
F'(e)mm(e)nàzza, s.f. Donna robusta, forte
F'(e)mm(e)nègghia, s.f. Donnina
F(e)mm(e)nìer(e), s.m. Femminiere, donnaiolo
F'(e)mm(e)nìer(e), s.m. e agg. Donnaiolo
F'(e)mm(e)nìl(e), avv. Femmininamente, al modo delle femminette, empiricamente
F'(e)mm(e)nùccia, s.f. Donnetta
F'(e)mm(e)nùccia, s.f. Femminuccia, Donna piccola – Anche: Bambina – Anche spreg. Per indicare un uomo irresoluto, debole, bambino.
F(e)mùs(e) Fumoso
F(e)n(e)cègghia, s.f. Funicella
F'(e)n(e)cègghia, s.f. Funicella
F(e)n(e)mènt(o), s.m. Finimento, rifinitura. 2. Al pl. serve ad indicare le finiture per bardare gli animali da lavoro. – La corda per assicurare la soma sugli animali: “Tòrsa”
F(e)n(e)mùnn(e), s.m. Finimondo. Di trambusto o fracasso straordinario
F(e)ndàna, s.f. e F(e)ntàna, s.f. Fontana
F(e)ndàna, s.f. e F(e)ntàna, s.f. Abbeveratoio, fontana, fonte, sorgente
F(e)nèstra, s.f. Finestra
F'(e)ngìt(e)v(e) Fottetevi, da “Fòng(e)” = Fottere
F'(e)nn(e)uària Fondiaria, tassa sui fondi, sui beni immobili
F(e)ntàna, s.f. e F(e)ndàna, s.f.
F(e)ntanègghia Fontanella
F(e)ntanìer(e), s.m. Fontaniere, idraulico
F(e)nùcchj(i), s.m. Finocchio, ‘Anethum foeniculum’
F(e)nùcchj(i), s.m. Finocchio erba aromartica selvatica ‘Foeniculum vulgare’
F(e)raiùol(e), s.m. Espositore in fiera
F(e)ràrs(e), àt(e) Fidarsi. – (Dal lat.: ‘fidere’). – Tù n'(e)n t'(e) f'(e)rà r'(e) chè t'(e) rìc(e) Antònij(e) = Tu non fidarti di cio che ti dice Antonio. 2. Sopportare, stare bene, avere forza
F(e)ràrs(e), àt(e) Sopportare, sostenere, avere forza, stare bene. – (Dal verbo lat. ‘Fero, fers.’ portare, sopportare, soffrire, sostenere).  – P'(e) carr(e)scià lì sàcch(e) r'(e) gràn(e) chiàma Armànd(e), quìgghj(i) tànd(e) chì s'(e) fìra! = Per trasportare i sacchi di grano chiama Armando, quello ha tanta forza! – 2. Fidarsi. – Anche: ‘Fidàrs(e)’. – (Dal lat.: ‘fidere’)
F(e)ràrs(e), àt(e) Sostenersi, sopportare, avere forza, stare in piedi. (Lat.: ‘ Fero’, ferre – Ov. tr. 4.8.4; fessmque caput  se ferre recusat = le teste esauste non riescono più a star ritte) – Quìgghj(i) s'(e)  f(e)ràva  r'(e) s'(e)ll(e)và nù sàcch(e) r'(e) nù quintàl(e) = Quello aveva la forza di sollevare un sacco da un quintale. – O’sc(e) n'(e)n m'(e) fìr(e) = Oggi non ho le forze (non stò bene) – Fìrat(e) r'(e) r'(e)sìst(e)! = Abbi la forza di resistere!  2. Fidarsi
F(e)ràrs(e), àt(e) Avere forza, sostenersi, stare in piedi, sopportare. (Lat.: ‘ Fero’, ferre – Ov. tr. 4.8.4; fessmque caput  se ferre recusat = le teste esauste non riescono più a star ritte) – Quìgghi(i) s(e)  f(e)ràva  chiù r(e) nù vòv(e) = Quello aveva più forza di un bue 2. Fidarsi, avere fiducia
F(e)ràrs(e), àt(e) Fidarsi, avere fiducia. 2. Avere forza, sostenersi, stare in piedi, sopportare.
F(e)rb(e)cètta, s.f. Forbicetta, forbicina
F(e)rb(e)ciàta, s.f. Forbiciata
F(e)rc(e)chijà, àt(e) Muovere, azionare, agire, bucicare, azzicare, guizzare. – (Probabile origine da ‘Frìsc(e)’ friggere, soffriggere, crepitare, bollire, ardere)
F(e)rc(e)chijà, àt(e), s.m. e F(e)rcichijà, àt(e), s.m. Tramestare, armeggiare, arrabattarsi, dimenarsi, adoperarsi in qualcosa, smuovere, agitare
F(e)rc(e)gghia, s.f. Forcella, forcola.  Piccola forcella in legno con la punta a forma di una “v” che serviva generalmente ad appendere i prodotti dell’orto od i salami da far disseccare, alle pertiche a soffitto, presenti un tempo in quasi tutte le case.
F(e)rc(e)gghiàta, s.f. Forconata, colpo di forcone
F(e)rc(e)nàta, s.f. Forchettata – M’hagg(e) mangiàt(e) nà f(e)rc(e)nàta r'(e) maccarùn(e) = ho mangiato una forchettata di maccheroni (tradotto alla lettera ma intendendo che ha mangiato poco)
F(e)rcàta, s.f. Forcata
F(e)rcichijà, àt(e), s.m. e F(e)rc(e)chijà, àt(e), s.m. Arrabattarsi, armeggiare, adoperarsi in qualcosa, dimenarsi, agitare, smuovere
F(e)rcìggh(i), s.m. Forchetto
F(e)rcìna, s.f. Fiocina, grossa forchetta in ferro usata per la pesca. 2. Forchetta (Da forcina, arc.). 3. Forcina, semplice fermacapelli
F(e)rcìna, s.f. Forchetta (Da forcina, arc.). 2. Fiocina. 3. Forcina, semplice fermacapelli
F(e)rcìna, s.f. Forcina, semplice fermacapelli. 2. Forchetta (Da forcina, arc.). 3. Fiocina.
F(e)rcòn(e), s.m. Forcone, grossa forca con più di due rebbi
F(e)rès(e), s.m. arc. Forese, campagnolo, contadino. – (Dal b. latino ‘forènsem’ a sua volta dal lat.: ‘fòris’ al di fuori)
F(e)rf(e)cà, àt(e) e F(e)rf(e)chià, àt(e) Piluccare, mangiucchiare, (più che altro per impossibilità, in caso di malattia) – (Dall’ant.: ‘fòrfice’ forbice + il suff. verb. ‘à’ are, con il significato di tagliuzzare il cibo a piccoli morsi)
F(e)rf(e)chià, àt(e) e F(e)rf(e)cà, àt(e) Mangiucchiare, piluccare (più che altro per impossibilità, in caso di malattia) – (Dall’ant.: ‘fòrfice’ forbice + il suff. verb. ‘à’ are, con il significato di tagliuzzare il cibo a piccoli morsi
F(e)rf(e)glià, àt(e) e Farf(e)cà, àt(e), àt(e) e Farf(e)chÌjà, àt(e) e Balb(e)ttà, àt(e) Farfugliare, barbugliare, balbettare
F(e)rgià, àt(e) Forgiare, fucinare
F(e)rgiàr(e), s.m. Fabbro, forgiatore. 2. Maniscalco
F(e)rgiàr(e), s.m. Maniscalco. 2. Fabbro
F(e)riàta, s.f. Furiata, impeto furioso – (i)Ng'(e) fù nà f(e)riàta r'(e) vìend(e)… = Ci fu una furiata di vento…
F(e)rmà, àt(e) Fermare, arrestare. Anche: “(i)M’puntàrs(e), àt(e)”. Fermare, bloccare, tenere ferma una costruzione di carpenteria del legno mediante davolette inchiodate (Vedere: “(i)Ntascigghià”)
F(e)rmàgg(e) cù lì vìerm(e), s.m. Formaggio con i vermi. Il formaggio con piccoli vermi di max 3 ÷ 4 mm. i quali non sono altro che le larve del dittero ‘Piophila casei’ (una sorta di mosca’ ) che nascono dalle uova che tale insetto ha inoculato nel formaggio ancora fresco. Il sapore particolare di tale formaggio deriva dal fatto che tali larve vivendo entro in formaggio, producono fenomeni di idrolisi proteica e lipidica per azione combinata degli enzimi dell’animale e delle fermentazioni causate dalla sua microflora, rilasciata nel formaggio con le proprie deiezioni. Attalmente questi formaggi sarebbero vietati dal punto di vista sanitario, salvo quelli realizzati in laboratori specializzati,  in quanto controllati e quindi sicuri.
F(e)rmàgg(e), s.m. Formaggio
F(e)rmàrse, àt(e) Fermarsi, soffermarsi, sostare. Anche: “(i)M’b(e)ndà, àt(e)”
F(e)rmègghia, s.f. Bottoncino (Dall’It.: ‘Formella’ piccola forma)
F(e)rmìca, s.f. Formica
F(e)rn(e)tùra, s.f. Fornitura
F(e)rnàc(e), s.f. Fornace
F(e)rnacèll(e) pl. f. (dette: r'(e) ‘f(e)rnacèll(e)) Cucina in muratura, in uso per lo più fino a tutto Novecento formata da un banco in muratura avente tante fornacelle, vedi: “F(e)rnacèlla” (aperture sulle quali sono stabilmente inserite delle pentole di varie dimensioni), comunicanti con il camino (inserito nel muro dell’abitazione), tutta rivestita in mattonelle smaltate, per lo pù dipinte ed avente, inserita nel camino stesso, ad altezza d’uomo, una saracinesca (“Vàlva”) formata da una lamina in ferro per regolarne il tiraggio.,
F(e)rnacèlla, s.f. Fornace<Piccola. Una serie di tali fornacelle sono sistemate nella parte alta della “Cucina” in muratura delle nostre case  (fino agli ann ’60’ del sec. XX), detta “F(e)rnacèll(e)” al plurale. Funzionanti a legna o a carbone, tali piccole fornaci, di varie dimensioni, sono atte a contenere ciascuna una pentola con capacità diversa, inserita sulla loro apertura superiore.  Oltre al foro superiore su cui è inserita stabilmente la propria pentola, ha, sul lato verso il muro a cui è addossata, un foro che la collega al comignolo mentre verso la parte opposta, verso la parte frontale della cucina stessa, un’apertura dotata di una porticina in ferro “P(e)rt(e)llìna”, attarverso la quale viene alimentata.
F(e)rnaciàl(e), s.m. Fornaciaio, fabbricante di mattoni, di vasi . 2. Ceramista, maiolicaio, fabbricante di terraglie, artigiano che lavora nella propria bottega
F(e)rnàr(e), s.m. Fornaio. Fornaio che dal dopoguerra, dai primi anni ’50 lavora nella propria bottega producendo e vendendo il pane (Prima della guerra c’erano solo i forni pubblici presso i quali veniva cotto il pane che in genere ogni famiglia produceva in casa)
F(e)rnàra, s.f. Fornaia
F(e)rnarègghia, s.f. Fornaia, adetta ai forni pubblici dove le massaie portavano a cuocere il pane, quasi del tutto scomparsi, alla fine del novecento. La mattina prima dell’alba, la stessa passava per gli usci delle massaie che dovevano preparare le forme di pane, per svegliarle, gridando loro: “Marì, eia sc'(e)canà!” = Maria, è ora di preparare le forme di pane e portarle al forno!
F(e)rnì, ùt(e) Finire, terminare
F(e)rnùt(e), agg. Compiuto, finito
F(e)rr(e)ttìn(e), s.m. Forcina fermacapelli, in ferro, molto sottile
F(e)rrà, àt(e) Ferrare. In genere col significato di ferrare un animale, un cavallo, un bue, ecc. usando un “Fìerr(e) r'(e): … “Ciùcc” = Asino, “Cavàggh(i)” = Cavallo, ecc.
F(e)rraiùol(e), s.m. Ferraiolo, operaio specializzato nell’eseguire e porre in opera qls. tipo di armatura di ferro per le costruzioni in cemento armato
F(e)rrètt(e), s.m. Forcina, forcella, fermacapelli generalmente in  materiale plastico
F(e)rrìgn(e), agg. Ferrigno. – A’cqua f(e)rrègna = Acqua ferrosa
F(e)rt(e)nàt(e), agg. Fortunato
F(e)rtùna, s.f. Fortuna, destino, fato. – Hàggia tànta f(e)rtùna! = Che tu abbia tanta fortuna! – Volgarmente: “cùl(e)” – Chè cùl(e) chì hàv(e) avùt(e)! = Chè (culo) fortuna che ha avuto!
F(e)rùcia, s.f. Fiducia
F(e)rzà, àt(e) Forzare
F(e)rzòs(e), avv. Forzosamente, forzatamente, per forza – F(e)rzòs(e) cà v(e)lìa scjj(i) à ù cìnam(e) = Voleva andare a cinema per forza.
F(e)rzùt(e), agg. Forzuto, provvisto di notevole forza e muscoli
F(e)sc(e)gghiàr(e), s.m. Cestaio, fabbricatore di cestini ‘F'(e)scègghia’
F(e)sc(e)tìzz(e), s.m. Fuggiasco, fuggitivo
F(e)scègghia, s.f. Cappellaccio. Termine dispregiativo,  usato come sinonimo di cappello malridotto
F(e)scègghia, s.f. e F(e)scègghj(i). s.m. Fiscella, cestino di vimini o di giunchi per contenere la ricotta appena fatta od il formaggio (Lat. ‘fiscus’ cesto)
F(e)scìegghj(i). s.m. e F(e)scègghia, s.f. Cestino di vimini o di giunchi per contenere la ricotta appena fatta od il formaggio, fiscella (lat. ‘fiscus’ cesto)
F(e)sciùta, s.f. Fuga, partenza precipitosa
F(e)scjzz(e), s.m. e Fùsc(e)_Fùsc(e), s.m. Fuggi fuggi – (i)Ngèra nù f(e)scjzz(e) r'(e) criatùr(e) = C’era un correre di bambini
F'(e)ss(e)tùd(e)n(e), s.f. e F(e)ss(e)tùd(e)na, s.f. e F(e)ssàgg(e)n(e), s.f. e F(e)ssàgg(e)na, s.f. Stupidaggine, imbecillaggine, scioccagine, povertà di intelligenza
F(e)ssàgg(e)n(e), s.f. e  F(e)ssàgg(e)na, s.f. e F'(e)ss(e)tùd(e)n(e), s.f. e F'(e)ss(e)tùd(e)na, s.f. Scioccagine, imbecillaggine, stupidaggine, povertà di intelligenza
F(e)ssarìa, s.m. Fesseria, baggianata, sciochezza
F(e)ssià, àt(e) Scemate < fare. Fare scemate, andare in giro facendo il fesso.
F(e)stàgg(e)n(e), s.f. Fustagno leggero, panno per lo più di cotone con una faccia vellutata e l’altra liscia o spigata – Mìtt'(e)t(e) àa cammìsa r'(e) f(e)stàgg(e)n(e)! – Indossa la camicia di fustagno!
F(e)stàgna, s.f. Fustagno. (dal lat. medioevale ‘Fustaneum’) Tela di lana tessuta su telaio. Nà giacchetta r'(e) f(e)stàgna = Una giacca di fustagno
F(e)staiùol(e), agg. Festaiolo
F(e)stìn(e), s.m. Festino, convito
F(e)t(e)nzìa, s.f. Fetenzia, sporcizia, schifezza
F(e)tècchia, s.f. Cilecca, fallimento, azione senza successo. Letteralmente “Piccola puzza”  – (dal lat. foetēre (anche fetēre e faetēre) puzzare + il suff. dim. ‘cchia’ per: puzzetta, loffa, cecca, vescia)
F(e)tènt(e), s.m. e F(e)tènd(e), s.m. Fetente, puzzolente – abietto, vile
F(e)tìzz(e), s.m. Lezzo, puzza, fetore
F(e)tòr(e), s.m. Fetore, puzzo, lezzo
F(e)tt(e)tùra, s.f. e Fr(e)catura, s.f. Fregatura
F(e)ttùccia, s.f. Fettuccia
F(e)ttùt(e)ncùl(e), agg. e Culùrùtt(e), agg. Furbo, scaltro, malizioso, birbone, mascalzone, farabutto, lazzarone
F(e)tùs(e), agg. Fetido, puzzone, ma particolarmente vuole indicare una persona ‘schifosa’, di mala fama, nonché incresciosa,noiosa. – (Dall’ant. It.: ‘fetoso’, dal tardo lat.: ‘foetösus’ puzzolente)
F(e)tùs(e), agg. e R(e)nz(e)lènt(e), agg. e R(e)nz(e)lènd(e), agg. Irascibile, iracondo, minaccioso, rabbioso, iroso. – (Il significato fig. viene da: ‘f(e)tùs)e) puzzolente, in quanto una persona irascibile suscita, similmente ad una mofeta, una ‘esalazione mefitica’ al naso)
Fà à bbrè, fàtt(e) à bbrè e Fèng(e), fìnd(e) Simulare, fingere, fare finta. (Alla lettera:”Farla a vedere” darla a vedere, fingere. Sottintesamente: “Far vedere qualcosa, solo come paravento, al posto della verità”)
Fa à l(e)mòs(e)na, fàtt(e) à l. e Fà l’elemòs(e)na, fàtt(e) l’elemòs(e)na Elemosinare
Fà acìzz(e), fàtt(e) a. Inacidire
Fà brùtt(e), fàtt(e) b. Ammuffire, guastarsi
Fà capàc(e), fàtt(e) capàc(e) e Fà capàc(e), fàtt(e) r(e)capàc(e) Capacitare, fare capace, convincere, persuadere. – Finalmènt(e) aàgg(e) fàtt(e)  r(e)capàc(e) = Finalmente  fàtto capace. –  Anche: “R(e)capac(e)tàrs(e)”
Fà Chìt(e)_Chìt(e), fàtt(e) chìt(e)_chìt(e)  e T(e)dd(e)cà, àt(e) Solleticare, fare solletico, vellicare, titillare (Fr.: ‘Chatoiller’ solleticare)
Fa fìnda, fàtt(e) f. Fare finta, simulare, fingere
Fà fùoch(e), fatt(e) f. Arroventare. “Quìgghiu fìerr(e) fàll(e) fà fàtt(e) fùoch(e)!” od anche: “Quìgghiu fìerr(e) fàll(e) fà fàtt(e) fùoch(e)!” = Quel ferro fallo arroventare!
Fa iàngh(e) (i)Nfàccia, fàtt(e) i. . . Impallidire
Fà lì nnèst(e), fàtt(e) lì nnèst(e) Vaccinare, innestare, inoculare il vaccino del vaiuolo.
Fà p(e)rsuàs(e), fàtt(e) p. e Fàrs(e) p(e)rsuàs(e), fàtt(e) p. Persuadere
Fà r(e) rànc(e), fàtt(e) r(e) r. e Fà r(e) rànc(e)t(e), fàtt(e) r(e) r. Irrancidire. (Alla lettera: Fare di rancido)
Fà r'(e) r’anc(e)t(e), fàtt(e) r'(e) r. Inacidire. (Alla lettera: Fare di acido)
Fà rùss(e), fàtt(e) r. Arrossire
Fà, àtt(e) Fare. – Fàzz(e), fài, fàc(e), facìm(e), facìt(e), fànn(e). 2. Maturare
Fà, àtt(e) Maturare. – Stà fìca èia fàtta = Questo fico è maturo. 2. Fare. – Fàzz(e), fài, fàc(e), facìm(e), facìt(e), fànn(e).
Fàc(e)l(e), agg. Facile – Facilissimo: ‘fàc(e)l(e)_fàc(e)l(e)’
Fàcc(e), s.f. e Fàccia, s.f. Faccia, volto, aspetto – In faccia = ‘(i)N’bàcc(e)’
Facc(e)frònt(e), avv. Fronte<Di. Di fronte, di faccia, di rimpetto. – A’ càsa r'(e)Giuannìna èia facc(e)frònt(e) a la Pòsta = La casa di Giovannina è di fronte alle Poste.
Fàcc(e)frònte), avv. e Fàcc(e)frònd(e), avv. Dirimpetto, di fronte
Facc(e)tùost(e), agg. Facciatosta. Femm. Facciatòsta
Faccènda, s.f. Faccenda, vicenda,
Fàccia, s.f. App(e)ccià
Fàccia, s.f. e Fàcc(e), s.f. Volto, faccia, aspetto – Tèn(e) nà bbèlla fàccia = ha un bel viso
Facciòmm(e)n(e), s.m. Barbagianni, gufo comune, (fam.: ‘TitonidÌ) detto così forse dalla barba che ha sotto e ai lati del becco (Dal: Lat. ‘barba’ e prob. da ‘Gena’ guancia, faccia) – Anche: ‘Allocch(e)’
Fagghiùcca, s.f. e Iùocch(e), s.m., s.f. e Fiòcch(e), s.m. Fiocca (arc), fiocco di neve.
Fagghiucquà, àt(e) e j(e)ccà, àt(e) arc. Nevicare, fioccare. (Da ‘Fagghiùcca’ fiocca, fiocco)
Faggiolìn(e), s.m. Fagiolino, baccello verde e immaturo di una varietà di fagiolo, che si mangia lessato o in tegame: fagiolini al burro; è detto anche cornetto
Fagiàn(e), s.m. Fagiano
Fagliànd(e), agg. Mancante.  Mancanza delle carte di un seme nel gioco del tressette. (Dal lat: ‘Fallere’ mancare)) – So fagliànd(e) à r(e)nàr(e) – Sono senza carte di denari –  2. Scherzosamente in senso traslato: Fagliand(e) à r(e)nàr(e) = Essere senza soldi,
Fagliòtt(e), verbo, solo indicativo Fottere (Usato solamente nell’espressione meno volgare: và à fàrt(e) fagliòtt! = Vai a farti fottere! – (Termine reso meno volgare con l’aggiunta di un suffisso attenuativo centrale)
Fai(e)nzàr(e), s.m. arc. Maiolicaio, fabbricante e venditore di maioliche
Faiènza, s.f. arc. Maiolica, terracotta verniciata. Termine da ricondurre al toponimo della città di Faenza, prodotta genericamente per la fabbricazione di stoviglie e piastrelle decorative (vedere: ‘r(e)ggiòla’. Anticamente tali prodotti venivano lavorati dai ‘faienzarÌ riuniti, in Calitri, tutti nella stessa via “Feanzari”, tutt’ora esistente.
Faìna, s.f. Faina,  mammifero dei ‘MustelidÌ genere ‘martes foina’
Fal(e)gnàm(e), s.m. Falegname
Fal(e)gnàm(e), s.m. Falegname
Falàsc(e), s.m. e falascione(e), s.m.. Falasco, erba da palude. (Cladium mariscus) – Vegetazione erbacea palustre usata per lavori d’impagliamento e d’intreccio come sedie e fiaschi
Falchètt(e), s.m. Gheppio, specie di piccolo falco
Fàll(e), s.m. Fallo
Fallènza, s.f. Fallimento
Fallì, ùt(e) Fallire
Falòi(e), s.m. arc.  e Falò, s.m. Falò
Falòppa, s.f. Erba inaridita, secca, facile ad incendiarsi. (Da. Lat. ‘Faluppam’  stelo di paglia) 2. Fame, avidità nel mangiare
Falòppa, s.f. Fame, avidità nel mangiare (Detta nel napoletano e nel marchigiano: ‘ Feleppina’. 2. Erba inaridita, secca, facile ad incendiarsi
Fàma, s.f. Fame, appetito
Fanàt(e)ch(e), agg. Fanatico
Fanfaròn(e), s.m.. Fanfarone, bullo, gradasso, guascone, millantatore
Fangòtt(e), s.m. Fangotto
Fannòglia, s.f. arc. e Panza, s.f. Ventre, pancia
Fànnullòn(e), s.m. Fannullone. Termino molto arcaico: “Ualàss(e)”
Fantòcc(e), s.m. Fantoccio
Far(e)nàta, s.f. Farinata, popolare alimento fatto di farina stemperata e cotta nell’acqua o nel brodo, addensata come polenta
Far(e)nìell(e), s.m. Farinello, reg.- Farina mista a cruschello, consistente in granellini tondeggianti di grano e e scagliette di crusca, residuo della macinazione del grano (Per alimentazione animale)
Far(e)nùs(e), agg. Farinoso
Farabbùtt(e), s.m. Farabutto
Farfarìell(e), s.m. Persona da niente, priva di carattere, poco affidabile (probabile origine da ‘sciantanelo’ (umbro), mulinello di vento, folletto, oppure da farfarello (saltarello [ Cappello 1957] > sinonimo di leggerezza). quindi con il significato di persona leggera, senza pensieri.
Farìna, s.f. Farina
Fàsc(e), s.m. Fascio, fascina. – Dim.: ‘Fascetìegghj(i)’ fastello
Fasc(e)tìegghj(i), s.m. Fascitello, fastello. – (Dim. di fascio)
Fascègghia, s.f. Favilla, scintilla
Fascègghia, s.f. Scintilla, favilla
Fascià, àt(e). Fasciare, infasciare, avvolgere (L’antica pratica di fasciare l’intero corpo dei neonati  si è protratta fino ai primi anni cinquanta)
Fàscia, s.f. e Fàssa, s.f. arc. Benda, fascia, striscia
Fasciatòj(e), s.m. Fasciatoio, mobiletto con sovrastante  lettino, per pulire e cambiare il pannolin o alneonato.
Fasciatòj(i), s.m. Fasciatoio,
Fassà, àt(e) e (i)Nfassà, àt(e) e (i)Nbassà, àt(e) Fasciare, infasciare, avvolgere. Termine usato fino ai primi anni cinquanta del XX sec. Per indicare per lo più la fasciatura dei neonati, di tutto il corpo, compreso gli arti, affinchè questi non sviluppassero storti
Fassà, àt(e) e (i)Nfassà, àt(e) e (i)Nbassà, àt(e) Infasciare, avvolgere, fasciare
Fàssa, s.f. arc. e Fàscia, s.f. Fascia, striscia, benda
Fassatùr(e), s.m. Fasciatore, quadrato di tela che, piegato a triangolo, serve ad avvolgere il bacino e le natiche del lattante, pannolino
Fast(e)riùs(e), agg. Difficoltoso, difficile, impegnativo. – E’ia tròpp(e) fast(e)riùs(e) agg(e)stà stù trattòr(e)= E’ troppo difficoltoso accomodare questo trattore
Fastìrij(e), s.m. Fastidio, molestia, disturbo – Marìa rài(e) fàstirij à Nicòla = Maria infastidisce Nicola 2. Impegno, il fastidio di fare qualcosa per prendersi un’incombenza – Sé pigliàt(e) tànta fastìrij(e) p'(e) m’ài(e)tà = Si è preso tanto disturbo  per aiutarmi.
Fasùl(e), s.m. Fagiolo, pianta e baccello.
Fat(e)cùs(e), agg. Faticoso
Fat(e)hà, àt(e) e Fatijà, àt(e) Lavorare, faticare, fatigare.  –  (Dal lat. ‘fatigare’  sottoporsi a fatica o a fatiche)
Fat(e)hatòr(e), s.m. Lavoratore. In agricoltura si assumeva un lavoratore per tutto il giorno: “A  p(e)rt(e)càra” – Per meno di un giorno: ” A vèc(e)ta”
Fatìa, s.f. Lavoro 2. Fatica
Fatìa, s.f. Fatica 2. Lavoro
Fatijà, àt(e) e Fat(e)hà, àt(e) Faticare, col significato di lavorare  –  (Da ‘affaticare’ darsi da fare, adoperarsi) – E’ia sciùt(e) à fatijà = E’ andato a lavorare
Fàtt(e) fùoch(e), agg. Arroventato – Cù nù fìerr(e) fàtt(e) fùoch(e) = Con un ferro arroventato
Fàtt(e), s.m. Fatto, faccenda
Fattòr(e), s.m. Fattore, responsabile di un’azienda agricola
Fattorìn(e), s.m. Fattorino, inteso comunemente il bigliettaio a bordo degli autobus
Fattùra, s.f. Fattura, esecuzione di un lavoro, – Nota, conto da pagare – Pop.: maqlia, stregoneria
Fàuc(e), s.f. Falce, riferita in genere a quella messoria
Faucià, àt(e) Falciare, mietere
Fauciàta, s.f. Falciata, colpo di falce
Fauciòn(e), s.m. Falce fienaia. Grossa falce con lungo manico pe falciare il fieno (fienaia) – Ammòla lù fauciòn(e) cà m(e)tìm(e) l’èr(e)va = Affila la falce che mietiamo l’erba – Quìgghj(i) tèn(e) lì pìer(e) à fauciòn(e) = Quello tiene i piedi a mo’ di falce. (piede valgo)
Faùgn(e), s.m. Favonio, il vento fecondatore primaverile, di ponente zefiro. (Lat.: ‘favōnius’ – da favēre, “far crescere”)
Faunìja, s.f. Vampata di calore, accaloramento da stanchezza. Vampata di calore nella menopausa con una sensazione di calore che sale dal torace fino a far avvampare il viso ed il collo e sudorazione profusa.
Faurì, ìt(e) Favorire, ad un invito   – stàm(e) mangiànn(e), vo faurì? = stiamo mangiando, vuoi favorire?
Fàuz(e), agg. e s.m. Falso
Fauzùma, s.f. falsità, fallacia, ipocrisia
Fav(e)làta, s.f. Fava < grossa. Grossa fava.
Fàva, s.f. Fava, leguminosa delle ‘papiglionacee’ – (Dal lat.: ‘faba’ ).  Quando è ancora verde: “Vùngul(e)”
Favègghia, s.f. Favella, parlantina
Favòr(e), s.m. Favore
Favùgghj(i), s.m. Favetta, piccola, ancora da maturare
Fazzatòra, s.f. Bacile grosso, in legno, di forma rettangolare usato quando si ammazza il maiale in casa. Una volta ammazzato e fatto defluire il sangue, il maiale viene adagiato nello stesso bacile per l’ulteriore lavorazione che consiste nel privarlo delle setole e per pulirlo, scottandolo con acqua bollente versata sulla pelle e raschiandola mediante le lame di coltelli. 2. Madia. Una sorta di madia leggera, senza le gambe, usata per fare il pane, consistente in una larga tavola con bordo rialzato su tre lati, senza le gambe, che anticamente si usava nelle case più povere. Poi scomparsa con l’avvento dello ‘(i)nbastapàn(e)’. (Dal lat.: ‘ Facere’ fare, con il suff. deverb. ‘tòra’ (“toia”, come in: ‘Mangiatoia’) per indicare il posto dove la massaia, una volta, lavorava molto nel fare il pane, la pasta, ecc.)
Fazzolètt(e), s.m. e Macquatrìegghj(i), s.m. arc. Fazzoletto
Fècat(e), s.m. Fegato
Fèccia, s.f. Feccia, sedimento di vino o di altro liquido
Fèdera, s.f. e Fòtara, s.f. arc. e Fòrra, s.m. arc. Intercapedine di un muro (Fòtara) 3. Folta vegetazione con anfratti (‘Fòrra’ – vedere anche ‘(i)Nfòrra’). 2. Fodera.
Fèdera, s.f. e Fòtara, s.f. arc. e Fòrra, s.m. arc. Fodera.  2. Intercapedine di un muro (Fòtara) 3. Folta vegetazione con anfratti (‘Fòrra’ – vedere anche ‘(i)Nfòrra’)
Fègghia, s.f. Fetta (Dall’it.: ‘offella’ > dal lat.: ‘ofella’ , pezzo di pane, di carne, od altro.)
Fègghia, s.f. Fetta
Fèl(e), s.m. Colecisti, cistifellea (Cistofèla). 2 Bile, fiele
Fèl(e), s.m. Bile, fiele. 2. Colecisti, cistifellea (Cistofèla)
Fèl(e), s.m. e Cistofèla, s.f. Colecisti, cistifellea
Fèl(e)c(e), s.f. – pl. fìl(e)c(e) Apprensione, timore. Con l’espressione: Stài(e) (i)ndà lì Fìl(e)c(e) = Stà dentro una selva di felci = Non trova la via di uscita, è preoccupato. 2. Felce
Fèl(e)c(e), s.f. – pl. fìl(e)c(e) Felce. 2. Apprensione, timore. Con l’espressione: Stài(e) (i)ndà lì Fìl(e)c(e) = Stà dentro una selva di felci = Non trova la via di uscita, è preoccupato
Fèmm(e)na, s.f. e agg. Femmina,  donna in generale; A Calitri rivolgendosi in dialetto stretto ad una signora del paese , si chiama familiarmente “zia”, quindi si appella: Zia fèmm(e)na > abbreviato: ‘Zìa fè’ – 2. Moglie, la propria moglie – Ll’hàgg(e) rìtt(e) già a’a fèmm(e)na = l’ho già detto a mia moglie
Fèng(e), fìnd(e) e “Fà à bbrè”, fàtt(e) à bbrè Fingere, fare finta, simulare
Fènza, s.f. Recinzione realizzata con filo di ferro spinato (Còrda spìna) – (Dall’ingl.: ‘fence’ siepe. Termine portato in italia dagli emigrati in America)
Fèr(e)v(e), f(e)rvùt(e) Fervere, ardere, bollire
Fèra, s.f. Fiera, convegno abituale di venditori e compratori. 2. Fede, anello nuziale
Fèra, s.f. Fede, anello nuziale.  2.Fiera, convegno abituale di venditori e compratori
Ferì, ìt(e) Ferire
Fèrla, s.f. Ferola, finocchiaccio, ‘Ferula communis’ pianta nei cui pressi proliferano i funghi ‘r'(e) ferla’ (Da non confondere con il finocchio selvatico ‘Foeniculum vulgare’)
Fèrm(e), agg. Fermo
Ferrovìa, s.f. e Fìrrovìa, s.f. (arc.) Ferrovia
Fèssa, agg. e s.f. Fesso (volg.), sciocco, imbecille. – (Dall’agg. n. 2, attraverso il sign. eufem. del femm. fessa nell’Italia merid.) = Quello è un fesso – 2. Vulva
Fèssa, s.f. e Fèffa, s.f. e Frègna, s.f.(e agg.) Vulva, conno, natura della femmina. – (Lat.: ‘fessus’ part. pass. di ‘findere’ spaccare, quindi inteso come spacco, fessura, ferita). 2. Fesso (volg.), sciocco, stupido
Fèt(e), f(e)tùt(e) Puzzare, putire, sitare
Fèt(e), f(e)tùt(e) Fetere, puzzare, ùt(e)
Fiàcch(e), agg. Fiacco, spossato, privo di forze
Fiàcch(e), agg. Fiacca, stanco
Fiammìfar(e), s.m. e  m'(e)cciarìell(e), s.m.  arc. Fiammifero
Fiànch(e), s.m. e Fiàngh(e), s.m. Fianco
Fianchètt(e), s.f. e Fianghètt(e), s.f. Bacino, vita, cintura, termine generalmente usato nella frase: M'(e) bàtt(e)n(e) ì fianghètt(e)! = Ho una fame! (Nel senso: Ho tanta fame: lo stomaco è tanto vuoto che lo sento battere sotto le costole del bacino)
Fiàsca, s.f. Barilotto in legno, di di qualche litro, usato per bere il vino o altri liquidi durante i lavori in campagna. Sulla sua piccola apertura si innestava un tubetto fatto di canna per agevolare la bevuta (Vedere: “Cannìgghj(i)”)
Fiàsch(e), s.m. Fiasco, recipiente di vetro dalla forma bombata rivestito con erbe palustri o di plastica con funzione di protezione di piedistallo. 2. Insuccesso, esito negativo
Fiaschègghia, s.f. Barilotto<Piccolo. (diminutivo di ‘fiàsca’) Piccolo barilotto In legno usato per trasportare e per bere liquidi
Fìca, s.f. Fico, pianta e frutto. Varietà di fico primaticcio, vedi: “Ulòmmara”  2. Botta, batosta (In senso figurato). 3. Vulva, popolare [sec. XIII; etim. incerta]. 4. Donna bella e desiderabile
Fichètt(e), agg. Bellimbusto, belloccio seducente  – Uàrda Màrij(e), fàc(e) ù fichètt(e)! = Quarda Mario, fa il bellimbusto!
Fidanzàrs(e), àt(e) e Acchiàrs(e) lù zìt(e) / là zìta Fidanzarsi
Fidàrs(e), àt(e) e F(e)ràrs(e), àt(e) arc. Fidarsi
Fìen(e), s.m. Fieno
Fìerr(e) cùoll(e), s.m. Uncinetto
Fìerr(e), pl. m. (I fièrr(e)) Ferri_ I.- I ferri per maglia
Fìerr(e), s.m. Ferro.
Fìerr(e)_f(e)làt(e) Fil di ferro, ferro in filo
Fìerr(e)_vècchj(i), s.m. Ferraglia, ferro vecchio
Fìerr(e)f(e)làt(e), s.m. Fildifèrro, fil di ferro
Fìesc(e), s.m. arc. Lotta, travaglio, tormento, pena. – (Da: ‘Lìesc(e)’ litigio, con la sostituzione della prima lettera) – N’n m'(e) mètt(e) fìesc(e)! – Non mi tormentare!
Figghià, àt(e) Affettare, tagliare
Figli(e)cègghia, s.f. Figliolina
Figli(e)lègghia, s.f. Figlioletta
Figlià, àt(e) e F(e)glià, àt(e) Figliare, partorire, generare, sgravare. (Riferito oggi alle sole bestie)
Figliaròla, agg. Prolifica, feconda
Figliàstr(e), s.m. Figliastro – Femm.: ‘F(e)gliàstra’
Figliàta, s.f. Figliata, parto.Tutte le bestie nate in un parto. (Riferito oggi alle sole bestie) – Cù nà figliàta, so nàt(e) cìngh(e) cunigliùzz(e) = Con una figliata sono nati cinque coniglietti
Figliòla, s.f. Figliola, femmina, ragazza, signorina. 2. Fondo, residuo liquido del fondo di un recipiente; termine scherzoso usato per incitare qualcuno a bere l’ultimo sorso: Fàtt(e) ssà figliòla! = Fai tuo l’ultimo sorso!
Figliòla, s.f. Fondo, residuo liquido del fondo di un recipiente; termine scherzoso usato per incitare qualcuno a bere l’ultimo sorso: Fàtt(e) ssà figliòla! = Fai tuo l’ultimo sorso! 2. Figliola, ragazza
Figliùl(e), s.m. Figliolo, figliuolo, figlio molto piccolo
Fìglj(i) r'(e) (i)Ndròcchia, s.m. Figlio di buona donna (Da un eufonismo di Troia ). 2. Scaltro, malizioso, furbo
Fìglj(i) r'(e) (i)Ndròcchia, s.m. Scaltro, malizioso, furbo 2. Figlio di buona donna. (Da un eufonismo di Troia )
Fìglj(i), s.m. Figlio – Figli(i) r'(e) làtt(e) = Figlio di colei che lo ha allattato al proprio seno
Fìglj(i)ma, s.m. Figlio > mio. Mio figlio
Fìglj(i)ta, s.m. Figlio > tuo. Tuo figlio
Fìj(e)rì, fìj(e)rùt(e) e Fiorì, ùt(e) Fiorire, produrre fiori, sbocciare
Fìl(e) r'(e) lì rìn(e) Spina dorsale (Fil delle reni)
Fìl(e) rà currènda, s.m. Cavo elettrico
Fìl(e), s.m. Filo
Fìl(e)_fìl(e)”, agg.. Vogliosi, desideroso, aggettivo che si lega all’espressione ‘Ùocch(i) fìl(e)_fìl(e)’ = Sguardo voglioso
Fila, s.f. Fila, serie, sfilza
Filabustìer(e), s.m. e Filibustìer(e), s.m. Filibustiere, persona priva di scrupolo
Filazzùso, agg. Filaccioso, fibroso, filamentoso
Fìlm, s.m. Film
Fìlm_lùc(e), s.m. Film “LUCE”, programma di attualità e notizie proiettato, fra gli anni trenta e quasi sessanta del ‘900, fra uno spettacolo ed un altro
Fìn(e), prep. e P(e)ffìn(e), prep. e (i)Nzigna, prep. arc. Fino, sino, perfino,  . – Tàglia fìn(e) à qua = Tàglia (i)njzìgna à qua = Taglia fin qui
Fìn(e), s.m. Fine. – Quìgghj(i) chì sa qual è ù fìn(e) sùi(e) = Chissà quale è il suo fine.
Fìn(e, agg. Fino, stretto  2. Raffinato
Fìna s.f. Fine. – A’ fina rù mùnn(e) = La fine del mondo – Quègghia m'(e) nàv(e) raccundàt(e) (i)nz’na fìna = (alla lettera: essa me le ha raccontate fino alla fine) = Essa me le ha raccontato tutte
Finànch(e), cong. e Finàngh(e), cong. Anche, financo, perfino
Fìnta, s.f. e Fìnda, s.f. Finta, simulazione
Fintànd(e), cong. e Findànd(e), cong. Fintanto, fintando che
Fioccà, àt(e)arc. e Iuccà, àt(e) arc. Fioccare, nevicare
Fiòcch(e), s.m. Fiocco
Fiòcch(e), s.m. Fiocco, nastro annodato,  fiocco di neve (anche: ‘Fagghiùcqua’)
Fiòr(e), s.m. Fiore – Pl.: ‘Fiùr(e)’
Fiorì, ìt(e) Fiorire
Fìs'(e)ch'(e), s.m. Fisico, stato fisico di un corpo. 2. Notaio (arc.)
Fìscj(e), s.m. ascolto, retta (dare). – Ormài(e) n’n dài r’e fìscj(i) à n(e)sciùn(e) = Oramai non da ascolto a nessuno
Fissà, àt(e) Fissare
Fìssa, s.f. Fissazione, mania
Fissaziòn(e) Fissazione, mania
Fìtt(e), agg. Fermo, immoto, immobile, fisso. – Stàtt(e) fìtt(e)! = Stai fermo!  – Stàtt(e) fèrm(e)_fèrm(e)! = stai immobile!  2. Fitto, folto, denso, compatto. – (Dal class. lat.: ‘fixus’  fermato, fitto)
Fìtt(e), agg. Fitto, folto, compatto, denso. – Molto folto = ‘fìtt(e)_fìtt(e)’. – Auànn(e) r'(e) gràn(e) èia fìtt(e), n’àmma fa assàij(i)! = Quest’anno il grano è folto, ne produrremo molto!  2. Fermo, immobile, immoto, fisso. – (Da: ficcato, infisso)
Fìtta, s.f. Fissità, lo stare fermo, fisso. Librazione fissa di un uccello, di un oggetto in maniera stabile, come quando la trottola gira così velocemente che sembra stare ferma. – (Dal class. lat.: ‘fixus’  fermato, fitto). – L’arpòn(e) facìa àa fìtta (i)ngìmma a lù casìeggh(i) r'(e) r'(e) gagghìn(e) = Il falco effettuava una librazione nell’aria, sopra il pollaio.
Fiùm(e), s.m. Fiume
F’l(e) r'(e) là currèndà, s.m. e Càv(e), s.m. Filo elettrico, cavo elettrico
Flàut(e), s.m. Flauto
Flìtt(e), s.m. Insetticida (Genericamente detto ‘Flìtt’), inizialmente fatto di petrolio e piretro. In seguito, nel periodo della seconda guerra mondiale, fu maggiormente usato il più potente D.D.T. (Diclorodifeniltricloroetano). 2. Pompa per nebulizzare l’insetticida, formata da un corpo cilindrico, in latta, con uno stantuffo da un lato e all’altra vi è collegato un piccolo serbatoio anch’esso cilindrico avente un  tubicino con l’estremità radente all’uscita del getto d’aria, per nebulizzare il liquido in esso contenuto
Flùor(e), s.m. Fluoro
Fòglia Foglia
Fòglia, s.f. Foglia. Foglia della vite: “Pàmp(i)na”
Fògna, s.f. Fogna, chiavica
Fòlla Folla
Fònd(e), s.m. Fondo
Fòng(e), ùt(e) Fottere, ingannare, imbrogliare. Detto meno volgare per indicare “Fottere”, v. “Fott(e)” – S’èia fàtt(e) fòng(e) = S’è fatto ingannare
Fòqua, s.f. e  Fuquarègghia, s.f. (dim.) Strangolamento, stretta alla gola praticata con le mani per strangolare, od anche solamente soffocare. – (Dal lat.parlato: ‘fox’ come variante di ‘faux’ fauci ed anche, direttamente dall’ant. it.: ‘fogo’ che si riconnette a fàuce)
Fòr(e), agg. Campagna<Fuori In. Fuori in campagna. – M(e)chèl(e) n’n gè èia sciùt(e) fòr(e) = Michele non c’è è andato in campagna. 2. Fuori, esterno, difuori. –  (Lat. ‘foris’ al di fuori )
Fòr(e), agg. Fuori, esterno, di fuori. –  (Lat. ‘foris’). – Andònij(i) èia assùt(e) fòr(e), n’n gè = Antonio è uscito fuori, non c’è. 2. Fuori, In campagna. –  Fuori di casa: ‘Mmièzz(e)_àa_la_vìa’ e’ Mmìezz(e)_àa_vìa’ e ‘Mmèzz’àa_vìa’.
Fòrca, s.f. Forca, attrezzo agricolo due rebbi per spostare fieno, paglia, covoni di grano, ecc
Fòrfora, s.f. e Canigliòla, s.f. e Can(e)gliola s.f. arc. Forfora. Il termine Canigliola prende il nome evidentemente da “Canìglia” = crusca – (Crusca, invece,  in latino si traduce “Furfur”)
Fòrgia, s.f. Forgia, fucina del fabbro (“F(e)rgiàr(e)”)
Fòrma,  s.f. Crogiolo, sorta di cavità nella quale si fa solidificare una sostanza per darle forma. Anche significato usuale di Forma, v. Fòrma
Fòrma,  s.f. Forma. Anche cavità, sorta di crogiolo, nella quale si fa solidificare una sostanza per darle forma.
Formaggìn(o), s.m. Formaggino
Fornèll(e), s.m. Fornello
Fòrra, s.f. e (i)Nfòrra, s.f. Forra, intesa per lo più come vegetazione folta, con i propri anfratti esistenti fra piante. (Dall’ant. fr.: ‘fourre’ fodero e al  germ.: ‘fòdr’ guaina, designando con tale nome le cavità nascoste della vegetazione stessa) – A’ vàcca n'(e)n s'(e) vèr(e) (i)ndà quègghia (i)nfòrra r'(e) spìn(e) = La mucca non si vede in quel folto mucchio di spine. 2. Fodera. – Vàl(e) chiù a (i)nfòrra cà u v(e)stìt(e) = Vale pù la fodera che il vestito (parlando di un vestito di basso valore)
Fòrra, s.m. arc. e Fèdera, s.f. e Fòtara, s.f. arc. Fodera.  2. Intercapedine di un muro (Fòtara) 3. Folta vegetazione con anfratti (‘Fòrra’ – vedere anche ‘(i)Nfòrra’)
Fòrs(e), avv. Forse
Fòrt(e), agg. Forte
Fòrza Forza; Avere forza si dice F(i)rzà e anche F(i)rà
Fòsfor(e), s.m. Fosforo
Fòtar(e), s.m. Fodero
Fòtara, s.f. arc. e Fòrra, s.m. arc. e Fèdera, s.f. Fodera.  2. Intercapedine di un muro (Fòtara) 3. Folta vegetazione con anfratti (‘Fòrra’ – vedere anche ‘(i)Nfòrra’)
Fotògraf(e), s.m. Fotografo
Fotohrafìa, s.f. arc. e Fotografìa, s.f. Fotografia
Fott(e), f(e)ttùt(e) Ingannare, imbrogliare. Detto un po’ meno volgare per indicare “Fottere”, v. “Fòng(e)” – Vedere anche gli stessi significati di “Fr(e)cà” ed anche “Fagliòtt(e)”. 2. Fottere, congiungersi carnalmente
Fòtt(e), f(e)ttùt(e) o fre(e)scjùt(e) Fottere, congiungersi carnalmente. (Lat.: Futuo, is.)2. Ingannare, imbrogliare, rubare. Detti un po’ meno volgari di Fottere”: “Fòng(e)”, “Fr(e)cà”, “Fagliòtt(e)”. 3. Fottersene, non interessarsi
Fòtt(e), ùt(e) e Fròsc(e), ùt(e) e Fr(e)cà, àt(e) e f e Interessarsi, partecipare – Quìgghj(i) n'(e)n s'(e) n'(e) fòtt(e) r'(e) nvnt(e) = Quello non si interessa di niente, ed anche Fregarsene, disinteressarsi  – Mà tù frècat(e)n(e)! = Ma tu fregatene! 2. Rubare (Arr(e)bbà). 3.Coito, Copulare
Fr(e)bbàr(e) Febbraio
Fr(e)cà là càp(e)>Farsi.  Fàrs(e) Fr(e)cà là càp(e) Preoccuparsi, tormentarsi, angosciarsi – S'(e) fàc(e) fr(e)cà là càp(e), cùm(e) àdda fa p'(e) fàrs(e) luà là mùlta = Si preoccupa di come agire per non pagare la multa
Fr(e)cà r'(e) fìch(e), fr(e)càt(e) r'(e) … e F(e)chijà, àt(e) Picchiare, malmenare, percuotere, dare botte. – (da ‘fìch(e)’ = fichi, come sinonimo di botte, percosse)
Fr(e)cà, àt(e) e Fròsc(e), ùt(e) e Fòtt(e), ùt(e) Accoppiare, copulare, congiungere. 2. Interessarsi, partecipare  3. Rubare (Arr(e)bbà) 4. Fragare, truffare, ingannare
Fr(e)cà, àt(e) e Fròsce, ùt(e) Rubare (Arr(e)bbà).  2. Accoppiare, copulare. 3. Interessarsi, partecipare. 4.  Fragare, truffare, ingannare
Fr(e)càt(e), agg. e fr(e)scjùt(e) agg. Tocco, fuori di testa, guasto, alterato, fregato, imbrogliato
Fr(e)càt(e), agg. e fr(e)scjùt(e) agg. Fregato, imbrogliato, alterato, guasto, fuori di testa, tocco
Fr(e)càt(e)_(i)ngùl(e), – s.m. e agg. Furbacchione, volpone (Espr. volg. per definire una persona furba ma allo stesso tempo fortunata) – Anche: ‘culurùtt(e)’
Fr(e)càt(e)_(i)ngùl(e), agg. e cul(e)_rùtt(e), agg. Farabutto, mascalzone, lazzarone, furbo, scaltro, malizioso, birbone
Fr(e)catùra Fregatura
Fr(e)catura, s.f. e F(e)tt(e)tùra, s.f. Fregatura
Fr(e)cchj(i)lià, àt(e) Fregola<Avere. Avere la fregola, avere eccitazione, concupire (Da: ‘friggere, ardere, fremere, essere punto da libidine)
Fr(e)dd(e)lùs(e), agg. e fr(e)dd(e)gliùs(e), agg. Freddoloso
Fr(e)ddòr(e), s.m. Freddura, freddo gelido – (i)ndà à hròtta (i)ngèra nù fr(e)ddòr(e)! _ Nella grotta c’era una frescura!
Fr(e)ggiàr(e), s.m. Fabbro.
Fr(e)n(e)sìa. s.f. Frenesia
Fr(e)ngìgghj(i), s.m. Fringuello 2. Briciolo, nonnulla, minutezza
Fr(e)ngìglj(i), s.m. Briciolo, nonnulla, minutezza, fibra. – (Diminutivo, dall’it.: ‘frangia’ striscia da cui pendono dei filetti, che serve ad ornare l’estremo orlo delle vesti, padiglioni, ecc.)
Fr(e)ntìll(e) s. m. e Fr(e)ndìll(e) s. m Stinco, tibia
Fr(e)sc(e)cà, àt(e) Fischiare
Fr(e)sc(e)chètt(e), s.m. Fischietto
Fr(e)sc(e)chètt(e), s.m. Fischietto
Fr(e)sc(e)chÌà, àt(e) Frescheggiare, prendere il fresco
Fr(e)sc(e)còr(e), s.m. e Fr(e)sc(e)cùra, s.f. Frescura, fresco, ombra, ombrosità
Fr(e)sc(e)culià, àt(e) Raggelare, raffreddarsi, prendere freddo
Fr(e)sc(e)culià, àt(e) Rinfrescare, attenuare il caldo – Ù tìemb(e) frusc(e)culiàva = Il tempo rinfrescava
Fr(e)sc(e)cùra, s.f. e Fr(e)sc(e)còr(e), s.m. Ombrosità, ombra, frescura, fresco
Fr(e)scià, àt(e) Frusciare, fischiare,  frascare, stormire, produrre fruscìo (dal lat. ‘Fluxus’, lo scorrere, il fluire di qualcosa che fa rumore). E’ia vìst(e), stanòtt(e), cùm(e) fr(e)sciàva ù vìend(e) = Hai visto, questa notte,  come frusciava il vento
Fr(e)sciàrs(e), àt(e) Frusciare, dissipare, scialacquare. (Dal web: Dialettetto.com – Napoletano & Dintorni: Dal lat. ‘frustiare’ dissipare, riducendo in pezzi. – Oppure, semplicemente, dal nostro ‘frùsc(e)’: – Dal lat.: ‘ruscus’  > all’italiano ‘frusco’ o ‘fruscolo’ ramo, ramoscello, con cui si realizza la ‘Scòpa r'(e) frùsc(e) con cui, per analogia, qualcuno spazzerebbe via le proprie sostanze)
Fr(e)scjùt(e) agg. e fr(e)càt(e), agg. e Tocco, fuori di testa
Fr(e)sèlla, s.f. Biscotto di pane, tondeggiante. Si ottengono infornando per un brevissimo periodo una pagnottella, la quale tagliatala a metà nel senso orizzontale con uno spago,  produce due “fr(e)sèlle”, che riinfornate, terminano quindi la loro cottura; di consistenza abbastanza liscia sul dorso, e ruvida dal lato tagliato. Si mangia inumidendola e poi condendola con olio e pomodoro. (Dal gr.: ‘Frisso’ scabro, essere ruvido)
Fr(e)sènga, s.f. Femmina di maiale di 4-5 mesi
Fr(e)stìer(e), s.m. Forestiero
Fr(e)tt(e)ià, àt(e) arc. e fr(e)ttà, àt(e) Fruttare, dar frutto, giovare, rendere
Fr(e)ttàta, s.f. Frittata
Fr(e)ttùra, s.f. Frittura
Frabb(e)cà, àt(e) Fabbricare, costruire
Frabb(e)càt(e), s.m. Fabbricato
Frabb(e)catòr(e) Muratore, fabbricatore (Lat.: ‘Fabricator oris.)
Fràc(e)t(e), agg. Fradicio, marcio, guasto, andato a male, putrido – Immorale, viziato, corrotto
Frac(e)tùma, s.f. Fracidume (reg.), fradiciume
Fracàss(e), s.m. Frattazzo, arnese per appianare l’intonaco. 2. Fracasso, baccano, frastuono
Fracàss(e), s.m. Fracasso, baccano, frastuono. 2. Frattazzo, arnese per appianare l’intonaco
Fracassà, àt(e) Fracassare, rompere
Frahàglia, s.f. Fragaglia, frattàglie, viscere, budella, interiora, visceri, intestini, rigaglie. Nel napoletano si intende un misto di  giovani pesci tra triglie, sarde, alici ecc.(‘fravàglia e’ treglia, ecc.)
Frahamèria, s.f. Rumoreggiamento, baccano, fracasso, frastuono (Lat. parlato: ‘fragarÌ rumoreggiare da ‘fragor, -oris’ fragore) – Pl.: ‘Frahamèrij(e)’.
Fram(e)stà, àt(e)  Fremitare (lett.), frèmere, essere agitato, vibrare, palpitare, essere agitato internamente da una forte passione o da un sentimento contenuto: f. di sdegno, di rabbia, d’orrore, d’impazienza – (dall’it.: ‘fremitare’ fremere)
Framùst(e), s.m. Fremito, tremito, brivido
Franà, àt(e) Franare
Franch(e)bbùll(e), s.m. Francobollo 2. Bacio, in genere quello d’amore
Franch(e)bbùll(e), s.m. Bacio, in genere quello d’amore 2. Francobollo
Frància, s.f. e Fràngia, s.f. Frangia, guarnizione, frangètta. 2. Francia, repubblica d’Europa
Frand(e)mà, àt(e) e Frant(e)mà, àt(e) Frantumare, ridurre in frantumi, spezzettare
Frangès(e), agg. e s.m. Francese
Frangètta, s.f. Frangètta, acconciatura del capo consistente in una fila di capelli corti lasciati ricadere sulla fronte
Frangizzòll(e), s.m. o Èrp(e)c(e), s.m. Erpice.
Frantòi(e), s.m. e Frandòi(e), s.m. Trappìt(e), s.m. arc. Frantoio, macinatoio
Frantumà, àt(e) e Frandumà, àt(e) Frantumare
Frasc(e)gghiùzza, s.f. e Frasch(e)tègghia, s.f. Fraschettuola, piccola frasca, ramoscello, ‘fraschetta’. Pezzo di legno derivato dalla ramaglia, usato come legna da ardere (di piccolo spessore)
Fràsca, s.f. Frasca, fronda. – Dalle frasche, con un apposito procedimento, si ricava la “Car(e)v(e)nèlla” = Carbonella 2. Fronda, apposta sull’uscio del contadino per segnalare ai passanti la disponibilità di vino di propria produzione, da vendere.
Fràsca<Luà la. Luàt(e) la f. Finire tutto. Quando chi nel paese sporadicamente vendeva qualcosa di sua prodizione, ad esempio il vino, metteva una frasca appesa davanti l’uscio. Quando aveva venduto tutto toglieva finalmente anche la frasca; quindi il detto: Luà la frasca = era finito tutto.
Frascègghia, s.f. Legna<Pezzo di. Pezzo di legna da ardere di circa 5-6 cm. di spessore, massimo. 2. Verga, membro virile
Frasch(e)tègghia, s.f. e Frasc(e)gghiùzza, s.f. Ramoscello con fronde, fraschettuola, piccola frasca, ‘fraschetta’. Pezzo di legno derivato dalla ramaglia, usato come legna da ardere (di piccolo spessore). Diminutivo: ‘Frasc(e)gghiùzza’
Frascià, àt(e) Abortire. – Termine riferito esclusivamente agli animali e scherzosamente anche alle donne (arcaico). – (Dal lat.: ‘fragium’ rottura)
Frasciàta, agg. Abortita _ N'(e)n dà à bbèv(e) à là vàcca frasciàta! = Non dar da bere alla mucca abortita! – (Vedere: ‘frascià’)
Frascj(i)à, àt(e) Abortire, interrompere la gravidanza (termine usato in genere riferendosi agli animali) – (Dal lat.: ‘Frangere’ rompere – Voce ricondotta generalmente dal latino ‘fragium’ rottura – Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 alla voce ‘Frajà’ pag. 206) –  S’èia frasciàta à ciùccia = l’asina ha abortito
Frascòn(e), agg. Arruffone, confusionario, pasticcione
Fràt(e), s.m. Fratello; Mio fratello = “Frat(e)ma” – Chiamare il proprio fratello: ‘Frà’… – Fratello, nominato in tono scherzoso: “Fratìell(e)” ‘fratellinoì – Uè! Qua (i)ngèia pùr(e) ù fratìell! – Oh! Qui c’è anche il mio fratellino! – Tuo fratello: “Fràtta”.
Fràt(e)cucìn(e), s.m. Cugino – Mio cugino = “Fràt(e)macucìn(e)”
Fratànt(e), avv. e Affratànt(e), avv. Frattanto
Fratìell(e), s.m. Frate, o anche un affiliatio ad una confrasternita religiosa
Fratòcchj(i), s.m. e Frattòcchj(i), s.m. Batocchio, battaglio della campana
Frattànd(e), avv. e Affratànd(e), avv. Frattanto
Frattànd(e), avv. e fratànd(e), avv. affratànd(e), avv Frattanto
Frattàzz(e), s.m. Frattazzo
Fràul(e), s.m. Piffero, sorta di flauto a becco, una volta fatto di canna
Fràula, s.f. Fragola
Frècchia, s.f. e frìcchj(i), s.m. e (i)Ntècchia s.f. e (i)Ndècchia s.f. Briciola, frammento,  pezzetto
Frèccia, s.f. Fionda, costituita da un manico in legno a forma di Y, alle cui estremità sono legati due elastici che a loro volta si chiudono all’altro capo, assicurati ad una basetta in genere di cuoio, sede del proiettile da lanciare. 2. Arco, tipo quello antico da caccia o da guerra, realizzata dai bambini con un rametto d’albero ed una cordicella. 3. Freccia. Una volta come freccia si faceva uso, spesso, di uno dei sottili ferri di un ombrello (molto pericoloso per gli occhi!)
Frècula, s.f. Briciola
Frègna, s.f.  e Fèssa, s.f. Fregna, natura della femmina, vulva. (Dal lat. ‘frango’ frangere, rompere: divisa)  2. Fesso (volg.), sciocco, stupido – Quìggh(i) è nù frègna = Quello è un fesso
Frèsa Fresa
Fresatrìc(e), s.f. Fresatrice, fresa
Frèva Febbre. Febbricola = Fr(e)vògghhia – Venire febbre: “Sp(e)zzà la frèva”
Frìcchj(i), s.m. e Frècchia, s.f. e (i)Ntècchia s.f. e (i)Ndècchia s.f. Frammento, briciola, pezzetto
Frìdd(e), s.m. Freddo
Frìest(e)ch(e), agg. Indocile, ribelle, nervoso, selvaggio – Femm.: “Frèst(e)ca”
Frigorìfer(e), s.m. Frigorifero
Fringuèll(e), s.m. Fringuello
Frìs(e)l(e), s.m. e fr(e)sìll(e), s.m. Spìcchio.
Frìsc(e), fr(e)scjùt e Sfrìsc(e), sfr(e)scjùt Friggere, soffriggere
Frìsc(e), frìtt(e) o fr(e)scjùt(e) Cenone, pranzo solenne a coronamento di un grosso lavoro portato a termine. Ad esempio dopo aver finito il lavoro di gettata del calcestruzzo di copertura di una casa, oppure in occasione di fine raccolta dei prodotti agricoli. (Termine usato in analogia al canale principale di una serie in una rete di canali per lo scolo delle acque)
Frìsc(e), frìtt(e) o fr(e)scjùt(e) Friggere
Frìsc(e)ch(e), agg. Fresco, frescura, ombra, ombrosità (Dal Longobardo ‘frisck’)
Frìsc(e)ch(e), agg.  s.m. Frescura, fresco. f. “Frèsc'(e)ca”. 2. Ombra (s.m.)  3. Fischio (s.m.)
Frìsc(e)ch(e), s.m. Fischio. – Anche: ‘scjsc(e)ch(e)’ arc.  2. Fresco, frescura. 3. Ombra
Frìsc(e)ch(e), s.m. Fischio
Frìsc(e)ch(e), s.m. Ombra – Mìtt(e)t(e) à r'(e) frìsc(i)ch(e)! = Mettiti all’ombra! 2. Fischio. 3. Fresco
Frìsc(e)ch(e), s.m. Fresco, frescura  2. Fischio
Frìsc(e)ch(e), s.m. Fischio. – (anche: ‘scìsc(e)ch(e)’ arc.). 2. Fresco, frescura
Frìsc(e)cul(e), s.m. Fiscolo, involucro di fibre vegetali in cui si racchiudono le olive frante per spremere l’olio nel torchio classico (Lat.: ‘fisculus’ diminutivo di ‘fiscus’ cesto)
Frìtt(e), agg. Fritto
Frìtt(e)la, s.f. Cicciolo, residuo abbrustolito delle parti grasse del maiale, fuse per ricavarne lo strutto (La: (i)Nzògna) – Pl.: ‘Frìtt(e)l)e)’
Frizzànt(e) Frizzante
Fròc(e), s.m. Omosessuale, maschile.
Fròng(e), fr(e)ngiùt(e) Fottere, imbrogliare . Frùng(e)t(e)! = Fottiti! – E’ia vìst(e)! fàtt(e) frong(e), mò! = Hai visto! fatti fottere, adesso! 2. Picchiare, percuotere, tempestare, battere  – Aàv(e) fr(e)ngiùt(e) r'(e) mazzàt(e)! = Lo ha tempestato di mazzate! –  – (dal lat. ‘frangere’ rompere, spezzare. fig.: violare, rovinare)
Fròng(e), fr(e)ngiùt(e) Picchiare, percuotere, tempestare, battere – Aàv(e) fr(e)ngiùt(e) r'(e) mazzàt(e)! = Lo ha tempestato di mazzate! – 2. Rompere, battere – (dal lat. ‘frangere’ rompere, spezzare. fig.: violare, rovinare)
Frònna, s.f. Frasca, fronda. – Pl.: ‘Frùnn(e)’
Frònt(e), s.m. e Frònd(e), s.m. Fronte; Di fronte = R'(e) frònd(e) o Affrònd(e)
Fròsc(e), ùt(e) e Fòtt(e), ùt(e), e Fr(e)cà, àt(e) Fregare, truffare, ingannare. – Hàmm(e) sciuquàt(e) à càrt, e l’hàgg(e) fr(e)càt(e) = Abbiamo giocato a carte, e l’ho fregato. – E mò fàtt(e) fròsc(e)! = E adesso fatti fottere! 2. Interessarsi, partecipare.  2. Rubare (Arr(e)bbà). 3.Coito, Copulare
Fròsc(e), ùt(e) e Fr(e)cà, àt(e) e Fòtt(e), ùt(e) Interessarsi, partecipare – Quìgghj(i) n'(e)n s'(e) n'(e) fròsc(e) r'(e) nìent(e) = Quello non si interessa di niente, ed anche: Fregarsene, disinteressarsi  – Mà tù frècat(e)n(e)! = Ma tu fregatene! 2. Rubare (Arr(e)bbà). 3.Coito, Copulare. 4. Fregare, truffare, ingannare – Vedere anche ‘Fòtt(e)’
Frùsc'(e), s. m. Fruscìo, caratteristico rumore prodotto da vesti, specialmente di seta, che si muovono, da foglie mosse dal vento, da animali che strisciano, da acque che scorrono, da vento, e simili. 2. Pungitopo, (Ruscus aculeatus) – Dal lat.: ‘ruscus’  > all’italiano ‘frusco’ o ‘fruscolo’ ramo, ramoscello. – Scòpa r'(e) frùsc(e) = Scopa rustica, realizzata con i rami della pianta ‘Frùsc(e)’, adoperata di solito per le pulizie all’aperto
Frùsc'(e), s.m. Pungitopo, (Ruscus aculeatus) – (Dal lat.: ‘ruscus’  > all’italiano ‘frusco’ o ‘fruscolo’ ramo, ramoscello). – Scòpa r'(e) frùsc(e) = Scopa rustica, realizzata con i rami della pianta ‘Frùsc(e)’, adoperata di solito per le pulizie all’aperto. 2. Fruscjo, lieve rumore.
Frùsc'(e), s.m. Fruscio, dial. – Termine dialettale del meridione d’Italia, usato nel gioco delle carte, “passatella” (Patròn e sòtta) per indicare il valore delle quattro carte dello stesso seme “frùsc'(e)” che vengono distribuite a ciascun partecipante e decideranno, in alternativa con l’altra: la “pr(e)mèra” (primiera) per stabilire chi sarà il “patròn” padrone e chi il “sòtta patrone”, l’aiutante padrone. – E’ famoso il detto: “Scàrta frùsc(e) e pìglia pr(e)mèra”  per sottolineare l’incertezza di tale scelta; infatti quando un giocatore scarta una carta che stà raccogliendo per fare il ‘fruscio’ con la speranza di riceverne un’altra migliore per formare la ‘primera’, la sua speranza potrebbe non avverarsi e quindi la scelta sarerebbe inutile.
Frùsc(e)cul(e), s.m. arc. Animaletto selvatico (Lat. ‘ferus’ e dal supposto diminutivo:’ferusculus”). 2. Al femminile:  ‘frùsc(e)cula’: donna cattiva, volgare))
Frùsta, s.f. Frusta, scudiscio. Anche “Sc'(i)curiàl(e)”
Frùtt(e), s.m. Frutto
Fruttà, àt(e) Fruttare, dare frutto
Fruttaiùol(e), s.m. Fruttivendolo
Fruttivèndol(e), s.m. Fruttivendolo
Fucilà, àt(e) e F(e)c(e)là, àt(e) arc. Fucilare
Fuculàr(e), s.m. Focolare, camino, caminetto
Fuìna, s.f. Faina, mammifero carnivoro mustelide – (Dal lat.: Martes foina) 2. (fig.) [persona d’aspetto sgradevole e animo scaltro] ≈ furbacchione, furbastro, (non com.) malignazzo, maligno, volpe, volpone.
Fùlmin(e), s.m. e trùon(e), s.m. arc. Fulmine
Fulminà, àt(e) Fulminare. – Fulminàrs(e) fulminàrsi: Bruciarsi, di lampada elettrica e sim.: la lampadina si è fulminata
Fùlv(e), agg. Fulvo
Fùm(e), s.m. Fumo
Fùna, s.f. Fune, corda –  Dim.: ‘f(e)n(e)cègghia’ – Chiamata anche ‘Zòca’
Fùng(e) r'(e) card(e)ncègghj(i) Cardoncello, fungo ‘Ferula communis’ – Fungo così chiamato in quanto cresce nei pressi di alcuni cardoncelli  e nei pressi della pianta ‘Ferola’ (Fèrla) nel qual caso prende il nome di ‘Fùng(e) r'(e) fèrla’ .
Fùng(e) r'(e) fèrla, s.m. Ferula, ‘Ferula communis’ – Fungo così chiamato in quanto cresce nei pressi della pianta ‘Ferola’ (Fèrla) e nei pressi di alcuni cardoncelli nel qual caso prende il nome di ‘Fùng(e) r'(e) card(e)ncègghj(i)’
Fùng(e), s.m. Fungo
Fùnn(e), agg. Fondo, profondo, incavato
Fùnn(e), s.m. Fondo, profondità, estremità, parte inferiore – A’gg(e) natàt(e) fìn(e) àu  fùnn(e) = Ho nuotato fino al fondo
Fùoch(e) r'(e) Sandandùon(e), s.m. Fuoco di S. Antonio abate. Fino quasi alla fine del millenovecento c’era l’usanza che nei vari quartieri del paese il 17 gennaio si festeggiava il santo accendendo  dei grossi fuochi utilizzando una gran quantità di  pezzi di legna (Lèuna) che i ragazzi si procuravano già dai primi giorni dell’anno.
Fùoch(e) r’àrtifìcji(e), s.m. Fuoco d’artificio – Una scarica di botti dicesi: ‘Bottarìa’
Fùoch(e), s.m. Fuoco
Fùoch(e)<Sparà r'(e), sparàt(e) r.f. Fuochi d’artificio>Rappresentare.
Fùoglj(i), s.m. Foglio, carta, documento
Fùorb(e)c(e), s.f. e Fùorf(e)c(e), s.f. Forbice, forfice (ant.), cesoia
Fùorf(e)c(e), s.f. e Fùorb(e)c(e), s.f. Forfice (ant.), forbice,  cesoia – (Dal lat. ‘fòrficem’)
Fuorigiòch(e), agg. e s.m. Fuorigioco
Fùoss(e), s.m. Fossa, buco, cavità, scavo – Femm.:’fòssa’
Fuquà, àt(e) Scottare, emanare calore, bollentare
Fuquagnà, àt(e) Cucinare, adoperarsi con i fornelli
Fuquàgna, s.f. (arc.) e Fucurìl(e), s.m. Focolare domestico, camino, caminetto
Fuquàgna, s.f. (arc.) e Fucurìl(e), s.m. Caminetto, focolare domestico, camino
Fuquarègghia, s.f. (dim.) o Fòqua, s.f. Stretta alla gola
Fuquènt(e), agg. Scottante, cocente, bollente
Fuquìsta, s.m. Fuochista
Fùrb(e), agg. Furbo
Furbìzzia, s.f. Furbizia
Fùria, s.f. Furia, foga, irruenza, forza    2. Locuzione: ‘A furia’  indica: furiosa assiduità, costanza, frequenza, del fare qualcosa – A’ fùria r'(e) candà àgg(e) pèrs(e) là vòc(e) = Con  la furiosa, ostinata, frequenza  di cantare ho perso la voce
Fùrn(e), s.m. Forno. Fino alla seconda metà del XX sec. in paese c’era il forno paesano che serviva solamente per cuocere il pane od altre vivande dei privati cittadini. Era a legna, condotto in genere dalle fornarine “F(e)rnarèggh(i)”; le donne portavano le forme di pane da cuocere su di una tavola “T(i)mpàgn(o)”, portato sulla testa, dove veniva interposto un panno appositamente arrotolato detto “Sparègghia”.
Fùs(e), s.m. Fuso.  Fuso orario. Fuso, arnese di legno dalla caratteristica forma rigonfia al centro e con le estremità assottigliate (dette cocche), usato nella filatura per produrre mediante rotazione la torsione del filo e intorno al quale il filo stesso si avvolge
Fùsc(e) fùsc(e), s.m. e f(e)Scjzz(e), s.m. Fuggi fuggi
Fùsc(e), ùt(e) Fuggire, correre, scappare
Fùsc(e)_Fùsc(e), s.m. Fuga precipitosa di più persone
Fùst(e), s.m. Fusto
Fustìn(e), s.m. Fustino
G G
G(e)hànt(e), s.m. e G(e)hànd(e), s.m. Gigante
G(e)l(e)sìa, s.f. Gelosia, serramento di finestra – realizzato con stecche inclinate disposte in un telaio fisso o mobile (persiana), con stecche fitte incrociate (grata) o anche con lastre di legno o di metallo traforate – che permette di guardare dall’interno senza essere visti dall’esterno (il nome si spiega col fatto che l’origine sarebbe dovuta a motivi di gelosia, in quanto tale sistema permette alle donne di stare alle finestre togliendole però alla vista degli estranei)
G(e)làt(e), s.m. Gelato
G(e)latài(e), s.m. e Z'(e)rb(e)ttàr(e), s.m. arc. Gelataio
G(e)latàr(e), s.m. Gelataio
G(e)latàr(e), s.m. Gelataio
G(e)lòn(e), s.m. e Sc(e)lòn(e), s.m. Gelone, pernione, infiammazione dolorosa delle estremità e delle parti più esposte del corpo, causata dal freddo intenso. –  pl.: Sc(e)lùn(e)
G(e)n(e)ràl(e), s.m. e agg. Generale
G(e)ndùra, s.f. e Agg(e)ndùra, s.f. Unione, giuntura, aggiuntatura
G(e)r(e)ziùs(e), agg. Giudizioso, assennato, saggio
G(e)rà, àt(e) Giurare: Giùr, giùr, giùra, g(e)ràm(e), g(e)ràt(e), giùran(e). 2. Girare. – Anche: ‘Agg(e)rà’
G(e)rà, àt(e) Giurare. 2. Girare – Anche: ‘Agg(e)rà’
G(e)ramìend(e), s.m. Giramento
G(e)ràta, s.f. Curva, volta
G(e)rèh(e), s.m. Giudeo. – Pl.: Giudei = “G(e)rèi”
G(e)rìzzij(e), s. m. Giudizio
G(e)rnàl(e), s.m. Giornale
G(e)rnalài, s.m. Giornalaio
G(e)rnalètt(e), s.m. Giornaletto
G(e)rnàta, s. f. e Sc(e)rnàta, s.f. Giornata. T'(e) pàh(e) àa g(e)rnàta = Ti pago a giornata – Si usa in alcuni casi “Sc(e)rnàta”: Nà Sc(e)rnàta r'(e) màgg(e) = Una giornata di maggio
G(e)stìzzia, s.f. Giustizia
G(e)v(e)nòtt(e), s.m. Giovanotto
G(e)và, àt(e) e  Agg(e)và, àt(e) Giovare, aiutare, servire, agevolare
G(e)vamìent(e), s.m. e G(e)vamìend(e), s.m. Giovamento
Gàbb(e), s. m. e Gàrb(e), s.m. e Hàbb(e), s. m. Derisione, gabbo: – N'(e)n t'(e) fà piglià p'(e) gàbb(e) = Non ti far prendere a gabbo – Quando si incontra qualcuno con un grosso problema fisico o mentale e si commenta, poi si aggiunge: N'(e)n sìa p'(e) gàbb(e)! = Non sia per derisione! – Si usa anche la dizione: Hàbb(e): Ù hàbb(e) còglj(i) e la iastèma nò – Il gabbo coglie e la bestemmia no = Il deridere qualcuno si ritorce su se sessi (coglie, colpisce) mentre la bestemmia contro qualcuno è giustificata
Gàlla, s.f. e avv. Galla, termine usato solo nell’espressione di venire a galla
Galleggià, àt(e) e Halleggià, àt(e) Galleggiare
Gamìna, s.f. (solo in alcune espressioni) e Camìna, s.f. Cammino, strada, sentiero – S'(e) sò pùost(e) (i)n’gamìna/(i)n’camìna à r'(e) sèi = si sono messi in cammino alle ore sei
Gammera, s.g. e Hammàl(e), s.m. Gambiera, gambale, protezione di cuoio o di altro, che si serra con fibbie alla gamba.
Garàg(e), s.m. e Haràsc(e), s.m. e Caràc(e), s.m.s.m. Arc. Garage, autorimessa
Gàss(e), s.m. e Hàss(e), s.m. arc. Gas, gaz
Gassòsa, s.f.e Hassòsa, s.f. Gazosa, gassosa
Gèlsomìn(e)
Gelsomìn(o) Gelsomino
Generàl(e), s.m. Generale
Gènij(i), s.m. Genio, Ingegno, talento, appetito, piacere, grazia, leggiadria
Gènij(i), s.m. Genio – Quègghia còsa n’n m'(e) vài à genij(i) = quella cosa non mi va a genio
Gènt(e), s.f. Gente
Geòmetr(e), s.m. Geometra
Germanès(e), agg. e s.m. arc. e Tedèsch(e),  agg. e s.m. Germano, tedesco,
Germània, s.f. Germainia
Gèss(e), s.m. Gesso
Gesù, s.m. e Gìesù, s.m. arc. e Gìes(e) s.m. nella forma contratta Gesù. – Gesù bambino = “Bammìn(e)” ed anche “Bamm(e)nìeggh(i)” e “Bamb(e)nìegghj(i)” – Ah Gesù mio! = Accìess(e) mij(i)!
Gg(e)v(e)ntù, s.f. e Gg(e)v(e)ndù, s.f. Gioventù
Ggènij(i), s.m. Genio
Ggh(i)’ìsc(i)ch(e), s.m. Isca (località vicino Calitri) – da: “Ggh(i)’Ìsc(i)ch(e)” = “Le ‘ische'”: i terreni coltivati costeggianti il fiume (Ofanto)
Gghià avv. di luogo Li, là, colà, quella parte – Anche usato come suffisso diminutivo: Hagghj(i)négghia = Gallinella
Gghià, avv. di luogo Là, li, colà, quella parte – Anche usato come suffisso diminutivo: Hagghj(i)négghia = Gallinella
Gghj(i), suff. dim. Llo, suffisso diminutivo: Bambinè_’llo’ = Bamb(e)nìegghj(i)
Ggiàll(e), s.m. Film, romanzo poliziesco, thriller
Ggiàll(e), s.m. e agg e Scjàll(e), agg. arc. Giallo
Ghètt(e), pl.f. Ghette (plurale di ‘Hètta’, s.f. = Ghetta). Gambiere basse di stoffa o di cuoio.
Ghi(e), art. det. Pl Le, articolo usato davanti a vocali;  Ghi’ògn(e) = Le unghie
Ghià! inter. e Ià!, inter. Andiamo, dai, ti esorto, forza! – Mò n’n t’à piglià, ià! = adesso non te la prendere, dai!  – Vìen(e) cù mìch(e), ià = Vieni con me dài! – E ghià, r’ammìll(e)! = E dai, dammelo!
Ghiàcc(e), s.m. e Iàcc(e), s.m. Ghiaccio
Ghiaccià, àt(e) Ghiacciare
Ghiaccià, àt(e) e Iaccià, àt(e) Ghiacciare
Ghiacciùol(e), s.m. Ghiacciolo, inteso il gelato dissetante
Ghiacciùol(e), s.m. e Iacciùol(e), s.m. Ghiacciolo, gelato come alimento. 2. Ghiacciolo, acqua ghiacciata durante il gocciolamento (Iacciùol(e))
Ghiànna, s.f. arc. e Gliànna, s.f. arc.e Cèrza, s.f. Ghianda, Il frutto secco indeiscente delle querce, del tipo achenio, contenente solo un seme e rivestito, fino a varia altezza, da un involucro legnoso detto cupola; è uno degli alimenti preferiti dai maiali
Ghiègghiar(e), s.m. Straniero, forestiero, estraneo. Termine nato al tempo dei primi albanesi insediati in Italia, dal loro termine ‘gege’ (ghego), albavìnese del nord) – N’n  (i)z'(e) capìsce chè ddìc(e), mà cchè pàrl(e) pàrl(e) ghiègghiar(e)! = Non si capisci cosa dici, ma che parli straniero! – Vedere anche: “Strèuz(e)”
Ghièt(e), pl. f. Botte, percosse, bastonate. – A’ann ràt(e) quàtt(e) ièt(e) = Gli hanno dato quattro bastonate. 2. Al Singolare: ‘ièta’, s.f. Bietola selvatica, (Beta Vulgaris), bieta
Ghiò, avv. e Liòch(e), avv, Costì, vicino a te (Lat. ‘illoc’ qui; lat. Parlato: ‘illoco’ probabile significato in-loco – che poi si spiega anche ‘Ghiò’ per la trasformazione fonetica da ‘llò’ in ‘ghiò’, come ad es.: castello > castìegghj(i))
Ghiucquà, àt(e) e Iucquà, àt(e) Frantumare le zolle del terreno mediante la zappa, prima e poi con i mezzi meccanici come l’erpice, vedi “E’rp(e)c(e)”, ecc.
Ghj(e)’glj(i), pl. m. Pannicoli adiposi dei fianchi  – Fianco = “Ìglj(i)”.  2. Fianchi. I fianchi
Ghj(e)’glj(i), pl. m. Fianchi. I fianchi  – Fianco = “Ìglj(i)”. 2. Pannicoli adiposi dei fianchi
Gì, giùt(e) e Scj’, scjùt(e) Andare, condursi, gire. – ij(e) vàch(e), tu vài, igghj(i) vài, nùi sciàm(e), vui sciàt(e), lòr(e) vànn(e);(Dal lat. ‘ire’ andare) – Vattene = ‘Vattìnn(e)’; – Andarsene = ‘Scjrs(e)n(e)’ o ‘Gìrs(e)n(e)’ o ‘Gir(e)sìnn(e)’
Giacchètta, s.f. Giacca
Giaccòn(e), s.m. Giaccone
Giallàstr(e), agg. e Sciàl(e)n(e), agg. Giallino, pallido
Giardìn(e) Giardino
Giargianès(e), s.m. e agg. Straniero, dal linguaggio incomprensibile, imbroglione (Dagli stranieri che provenivano dal Nord per acquistare l’uva dalle Puglie; stà per ‘VigevanesÌ, provenienti da Vigevano) (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 e [Rholfs 1961])
Giàrla, s.f. Tazza cilindrica di acciaio, di latta, con un manico, che serve per bere acqua, per travasare liquidi, ecc. ( Dall’italiano Zirla, dim. di Zirò onde zirula, zirla, orcio per olio, ecc.) – Quella più antica, fatta in legno: vedere: “Halètta” – Diminutivo: ‘Giarl(e)tègghia’
Gibbèrna, s.f. Giberna
Gìes(e) Crìst(e), s.m. Gesù Cristo. In senso generico indica anche una persona qualunque, un poveruomo, un povero Cristo
Gìesù, s.m. arc. e Gesù, s.m. Gesù
Gìglj(i), s.m. Giglio
Gijassèmb(e)r(e), s.m. Santissimo Sacramento,  portato dal sacerdote officiante, durante le processioni religiose solenni, camminando sotto un leggero baldacchino (“sett(e)màzz(e)”) sostenuto da portatori, mostrando l’ostensorio ai fedeli. – (Il termine prende nome dalla strofa iniziale dell’inno che fa: “Oggi e sempre, il Santissimo Sacramento … lodato sia sempre il Santissimo S. …”, scambiando ingenuamente le parole iniziali del canto con il nome del Santissimo Sacramento)
Gingìll(e), s.m. Gingillo
Giocatòr(e), s.m. e Sciuquatòr(e), s.m.arc. Giocatore, giuocatore, arc.
Gioièll(e), s.m. Gioiello, monile, ornamento prezioso
Giòv(e)n(e), agg. Giovane
Giov(e)rì, s.m. Giovedì
Gìr(e), s.m. Giro, aggiramento
Girabacchìn(e), s.m. Girabacchino, termine usato in genere per indicare l’arnese per svitare i bulloni delle ruote delle automobili
Giùbba, s.f. Giubba
Giubbètt(e), s.m. Giubbetto
Giùgn(e), s.m. Giugno
Giuquà, àt(e) e Scjuquà, àt(e) Giuocare, giocare
Giùr(e)c(e), s.m. Giudice
Giùra, s.m. Giuda, di persona che si rivela un traditore
Giuramènt(e), s.m. e Giuramènd(e), s.m. Giuramento
Giùrr(e)c(e), s.m. Giudice
Giùst(e) agg. e avv. e Sciùst(e) agg. e avv. Giusto, equo,  esatto, vero, equanime
Giùst(e) agg. e avv. e Sciùst(e) agg. e avv. Esatto, giusto, equo, equanime, vero
Giùst(e)_giùst(e), agg. Esatto, preciso
Giustizzià, àt(e) Giustiziare
Gliùomm(e)r(e), s.m. e Gliùomma(e)r(e), s.m. Gomitolo – (Dal lat. ‘glomus – eris’ gomitolo e conduce alla radice di ‘globus’ globo)
Glj(i)mm(e)rà, àt(e) Raggomitolare – (Da ‘Gliùomm(e)r(e)’ gomitolo, col suffisso verbale ‘rà’ rare)
Gloriapàtr(e), s.m. Gloria, formula liturgica di glorificazione della Trinità, che inizia con le parole (in latino) Gloria Patri et Filio, ecc.
Gn'(e)v(e)lì, ùt(e) Svenire
Gnà! inter. e Gnàzz(e)! inter. Và via!. Incitazione per scacciare il cane
Gnàzz(e)! inter. e Gnà! inter. Via!. Incitazione per scacciare il cane
Gnorànt(e), agg. e Gnorànd(e), agg. Ignorante
Gnorànza, s.f. Ignoranza
Gnornò, loc. avv. Gnorno (o gnór nò) locuz. avv., rara. – Aferesi di signor no, con usi analoghi a gnorsì
Gnorsì, loc. avv. Gnorsi (o gnór sì) locuz. avv., rara. – Aferesi di signor sì, usata soprattutto in passato, nel linguaggio milit., come risposta dei soldati interrogati dai superiori, e successivamente modo scherz. o dial. di risposta. Similmente gnornò, o gnor no, per signor no
Gnorsì, loc. avv. Sissignóre (o sì signóre) locuz. avv. – Gnorsì (o gnór sì) locuz. avv., rara.
Gnòstr(e), s.m. Inchiostro
Gnòt(e), agg. s.m. Ignoto, sconosciuto
Gòll(e), s.m. Gòl (Nel gioco del calcio)
Gonfià, àt(e) e Hunfià, àt(e) arc. Gonfiare, abbottare (reg.) – Dicesi anche: ‘Abb(e)ttà’
Gònna, s.f. e Hònna, s.f. arc. Gonna, sottana – anche ‘Hunnègghia’
Gran(e)rìnij, pl.m. e Hran(e)rìnij, pl.m. Granoturco, frumentone, mais. Tradotto alla lettera: “grano d’india”.  (Viene così detto in quanto  la sua origine è del sud delle americhe, appenna scoperte, chiamata all’epoca: ‘le nuove indie’) – (L’articolo si usa al plurale: R'(e) gran(e)rìnij).
Grànchivèll(e), s.m. e Grànghivèll(e), s.m. Crivellone, gran crivello, organo della trebbiatirice animato da moto oscillatorio per, per separare la paglia dai chicchi.
Grèch(e), agg. e s.m. Greco
Grècia, s.f. e Hrècia, s.f. arc. Grecia
Guài(e), s.m. e Uài(e), s.m. Guaio – (Dal gotico: ‘Wai”Chè guài(e) chì hàggj(e) passàt(e)! = Che guaio che ho passato!
Guidà, àt(e) e Uirà. àt(e) arc. Guidare
Guida, s.f. e Uira, s.f. arc. Guida
Guinzàglj(i), s.m., s.m. Guinzaglio -(anche ‘capèzza’ s.f. arc.)
Gulòmmara, s.f. e agg. e Ùlòmmara, s.f. e agg. Fico primaticcio, grosso (Fico fiore). (Lat. ‘Columbulus’ piccolo colombo, come nel salentino ad Avetrana si chiama ‘culummu’ colombo, nel campano Teggiano anche ‘fiche – colombe’) – Si usa l’espressione: “Fìca à gulòmmara” o solamènte “Ùlommara”
Gùst(e), s.m. Gusto, sapore
Gùst(e), s.m. e Hùst(e), s.m. Gusto. Stù bròr(e) tèn(e) nù bbèll(e) hùst(e)! = Questo brodo ha un bel gusto! _ Chè gùst(e) tèn(e) st'(e) mìer(e)? = Che gusto ha questo vino? – Vàl(e) chiù nù hùst(e) cà cìend(e) ruquàt(e) = Vale più un gusto che cento ducati.
H H
H(e)r(e)ttòn(e), s.m. Grottone, grossa grotta –
H(u)rangègghia, s.f. Grinfa < piccola. Piccola grinfia, piccolo artiglio. Termine usato, in genere, per indicare una mano striminzita, scheletrica. – (Dim.: di ‘H(u)rangia’)
H(u)ràngègghia, s.f. Branchetta, manina
H(u)ràngia, s.f. Granfia, artiglio, grinfa, branca, termine usato, in genere, per indicare la mano che afferra – Diminut.: ‘H(u)rangègghia’
H(u)ràngia, s.f. e Vrànga, s.f. Branca, mano – Plurale: Le mani R'(e) ‘G(u)rang(e)’ – Due mani = ‘Ròi  ‘H(u)ràng(e)’
H(u)ràngiàta, s.f. e Vrangàta, s.f. Brancata, colpo d’artiglio
Hà! Inter. Arrì! Voce di incitamento alle bestie per farle partire. – ìsc(i)! Per farle fermare
Hàbb(e), s. m. e Gàbb(e), s. m. e Gàrb(e), s.m. Gabbo, derisione: –  Ù hàbb(e) còglj(i) e la iastèma nò – Il gabbo coglie e la bestemmia no = Il deridere qualcuno si ritorce su se stessi (coglie, colpisce) mentre la bestemmia contro qualcuno è giustificata  – Si usa anche la dizione ‘Gàbb(e)’ oppure ‘Gàrb(e)’: N'(e)n t'(e) fà piglià p'(e) gàbb(e) = Non ti far prendere a gabbo – Quando si incontra qualcuno con un grosso problema fisico o mentale e si commenta, poi si aggiunge: N'(e)n sìa p'(e) gàbb(e)! = Non sia per derisione!
Hàbb(e)l(e), agg. Abile, capace
Habb(e)llòta, s.m.  e cabb(e)llòta, s.m. Gabelliere, colui che era addetto alla riscossione delle gabelle
Habbà, àt(e) Gabbare, prendere in giro
Habbèlla, s.f. Imposta, tributo, tassa, dazio, ecc – Pl.: ‘gabbèll(e)’ – (Da: arabo: al_qabàlah, tassa; da: qabal, ricevere, prendere, esigere)
Hàbbia, s.f. Gabbia
Habbiètta, s.f. Gabbietta, diminutivo di ‘hàbbia’ – Anche: ‘cangiòla’
Habbìna, s.f. e Cabìna, s.f. Cabina, abitacolo, vano
Habbinètt(e), s.m. e Cabbinètt(e), s.m. arc. Gabinetto, camerino, stanzino, spogliatoio, latrina, servizio igienico.
Hàgghia, s.f. Galla, tipo di cecidio, screrescenza su foglie, fusto o radici di piante derivata dalla reazione alla puntura di insetti o di parassiti vegetali. Il termine indica la galla, più nota ed appariscente, che cresce  sulla foglia di quercia in forma sferica di circa 3 ÷ 4 cm. di diametro
Hagghiùcc(i), s.m. Galletto
Hàgghj(i), s.m. Gallo, diminutivo:  ‘Hagghiùcc(e)’
Hagghj(i)nègghia, s.f. Gallinella
Hagghjna, s.f. Gallina
Hàh(e)r(e), agg. Acre, aspro, agro, acido, acerbo
Hahà! inter. Hahà! (dial.) oh, ohi, accidenti!, cavolo, però, bene. – Hahà! Mò arrivan(e)n ì carb(e)nìer(e). – Oh, bene! Adesso arrivano i carabinieri.
Hal(e)zzà, àt(e) Sbadigliare; più arcaico “Halà” ed anche “Halià”
Hal(e)zzà, àt(e) e Alià, àt(e) Fiatare, respirare a bocca aperta, sbadigliare. (Lat.: ‘Halare’ spirare, soffiare – Da cui anche: ‘alito’)
Hal(e)zzà, àt(e) e Halià, àt(e) Sbadigliare, (Lat.: ‘Halare’)  anche Hal(e)zzà
Halandarìa, s.f. Galanteria, garbo
Halandòm(e), s.m. arc. e Halandùom(e), s.m. Galantuomo
Halànt(e), agg. e Halànd(e), agg. Galante
Halèra, s.f. Galera; In galera vedi (i)Ngalèra
Halètta, s.f. (arc.) Tazza cilindrica di legno, con un manico, che serve per bere acqua, per travasare liquidi, ecc. praticamente uguale a quella di latta “Giàrla”
Halià, àt(e) e Alà, àt(e) Sbadigliare; (Hàlièj, Hal(e)ìj, Halièia, Hal(e)iàm(e), Haliàt(e), Hàlièian(e)) – (Lat.: ‘halare’)  – Chi hàla n'(e)n vàl(e) = Chi sbadiglia non vale = Non ha valore. Più arcaico “Halà” ed anche “Hal(e)zzà” 2. Fiatare, respirare
Haliòta, agg. e s.m. Galeotto, mascalzone, gaglioffo, furfante
Halìzz(e), s.m. Sbadiglio – (Da: lat. Halare pù il suff. deverb. ‘izzo’ dal lat.: ‘iceus’)
Halleggià, àt(e) e Galleggià, àt(e) Galleggiare
Hallerìa, s.f. Galleria
Haluppà ,àt(e) Galoppare
Hamamìgghj(i), pl. m. Camomilla, (Matricharia camomilla) – Termine in genere usato al plurale: ‘Lì hamamìgghj(i)’
Hàmba, s.f. e Hàmma, s.f. e Sciànga, s.f. Gamba
Hàmma, s.f. e Hàmba, s.f. e Sciànga, s.f. Gamba
Hammàl(e), s.m.e Gammera, s.f. Gambale, gambiera, protezione di cuoio o di altro, che si serra con fibbie alla gamba.
Hàmmar(e), s.m. Gambero
Hammìer(e), s.m. Asse di legno foggiato ad arco, usato per appendere il maiale appena ammazzato, dalle sue estremità posteriori, al fine di dissanguarlo, squartarlo e liberarlo dalle interiora. – (L’origine del termine deriva da ‘hàmba’ gamba con suff. h’ièr(e) per indicare l’attrezzo che regge dalla parte delle gambe)
Hànòr(e), s.m. arc. e Onòr(e), s.m. Onore, virtù, onorabilità
Haramìegghj(i)’ o  ‘Haramègghia’, s.f. Caviglia, polso, avambraccio, la parte più sottile degli arti. Parte del corpo umano corrispondente al garretto degli animali. – Polso: anche: ‘Pùz(e)’ – Al pl.:  – ‘Garamègghj(i)’ o ‘Haramègghj(i)’ – (Dallo sp. ‘garra’ zampa, artiglio + ‘ègghia’ ella, diminutivo). Della stessa etim. Dell’it. ‘garretto’)
Harànt(e), s.m. Garante
Haràsc(e), s.m. e Garàg(e), s.m. e Caràc(e), s.m. arc. Autorimessa, garage
Hàrb(e), s.m.. Garbo, grazia, bella maniera
Harbà. àt(e) Garbare
Harbàt(e) Garbato
Haròfan(e), s.m. e Haròfal(e), s.m. Garofano
Harrafòn(e) s.m. Caraffa di ceramica, di creta, con manici, per contenere ad es. vino, olio, ecc. a volte rivestito con un intreccio di vimini, di paglia, ecc. (dall’arabo: garrafa: bottiglia dalla pancia larga)
Harrès(e), s.m. Garretto, articolazione dell’arto posteriore dei bovini ed equini
Hàrza, s.f. Garza
Harzòn(e), s.m. Garzone, commesso, apprendista
Hàss(e), s.m. arc. e Gàss(e), s.m. Gaz, gas
Hassòsa, s.f. e Gassòsa, s.f. Gassosa, gazosa
Hatt(e)lià, àt(e) Aggirarsi, testare il terreno, gironzolare – Nù tìp(e) s(e)spètt(e) hatt(e)liàva, attùorne attùorne = Un tipo sospettoandava si aggirava torno torno
Hatt(e)lià, àt(e) Gironzolare, aggirarsi, testare il terreno – Nù tìp(e) s(e)spètt(e) scjja hatt(e)liànn(e), attùorne attùorne = Un tipo sospettoandava gironzolando torno torno
Hàtta, s.f. Gatto, gatta. –  pl. Gatt(e). – Espressione per chiamarlo a se: “Mùsc(e)” = Micio – Gattino = “Hattarìegghj(i)” o “M(e)scjgghj(i)” – Gattone = “Hattòn(e)” s.m.
Hattamòrta, s.f. Gattamorta
Hattarùl(e), s.m. Gattaiola, apertura praticata nell’uscio o nel muro di una casa perché vi possa passare un gatto
Hattià, àt(e) Girovagare, corteggiare
Hattòn(e), s.m. Gattone
Hàv(e) còr(e), agg. Espansivo, gioviale, cordiale, intraprendente
Hav(e)tà, àt(e) Evitare
Havè, ùt(e) Avere, tenere.  ii(e) hàgg(e) – tù hài – ìgghj(i) hàv(e) – nùi havìm(e) – vùi havìt(e) lòr(e) hànn(e);  – Hàv(e) rìec(e) ànn(e) = Ha dieci hanni; – Chi tù hàggia tànta f(e)rtùna! = Che tu abbia tanta fortuna! 2. Dovere, obbligo
Havè, ùt(e) Dovere, obbligo. Tu devi andare a scuola = Tù hàia scj'(i) à là scòla. Ìi(e) hàggia mangià pòch(e) = Io devo mangiare poco. 2. Avere, ii(o) hàgg(i) – tù hài – ìggh(i) hàv(e) – nùi havìm(e) – vùi havìt(e) lòr(e) hànn(e);
Havèglia, s.f. Caviglia del piede ed anche gamba  – (dal provenz. ‘cavilla’, lat. volg. cavīcla, lat. class. clavīcŭla “chiavetta, viticcio”) – Al plurale: “Gàvèglj(i)” – M'(e) fànn(e) màl(e) r'(e) gavèglj(i) = Ho male alle gambe, alle caviglie
Hè, pron. pers. sing. e Ìj(e), pron. pers. sing. Io, pron. pers. sing. –  (dal: lat. volg. ‘ĕo’, lat. class. ‘ĕgo’)
Hètta, s.f Ghetta – Gambiera bassa di cuoio o di stoffa. – pl.: “Ghett(e)”
Hètta, s.f. Ghetta. Ciascuna delle due gambiere basse di stoffa, abbottonate da un lato, che si adattano sopra le scarpe; usate un tempo nell’abbigliamento maschile. – (dal fr. guêtre, prob. di origine germanica) – Pl.: ‘Ghètt(e)’
Hlòria, s.f. Gloria. Anche “Gròlia” arc.
Hòbba, s.f. Gobba, curva – Anche: “Sciùmm(e)”
Hòbbl(e)h(e), s.m. Obbligo
Hobblihà, àt(e) e Ubb(e)l(e)hà, àt(e) Obbligare, costringere
Hobblihàtament(e), avv. Obbligatamente
Hobblihatòrij(i), agg. Obbligatorio
Hòccia, s.f. Goccia. 2. Coccia, testa. Solo nell’espress.: ‘v(e)nì ù mòt(e) r’à hòccia’ = venire il malore alla coccia (testa). Spavento, panico, malore improvviso, colpo apoplettico
Hòccia, s.f. Coccia, testa. – Solo nell’espress.: ‘v(e)nì ù mòt(e) r’à hòccia’ = venire il malore alla coccia (Probabile etimo di ‘hoccia’: da ‘còccia’ testa). Malore improvviso, colpo apoplettico, spavento, panico. 2. Goccia
Hòla, s.f. e Cannarùn(e), pl.m. Gola, intesa sia come parte esterna, anteriore, che la parte interna, del collo
Hòmma masticànda, s.f. e Masticànda, s.f. Gomma da masticare, “caucciù”
Hòmma, s.f. Gomma, tubo di gomma, pneumatico dei mezzi di trasporto
Honfiètt(e), s.m. Gonfietto, gonfiatoio
Hòng(e), Ùnt(e) Amoreggiare. 2. Ungere, spalmare, ingrassare, macchiare di unto.
Hòng(e), Ùnt(e) Ungere, spalmare, ingrassare, macchiare di unto. 2. Amoreggiare
Hònna, s.f. arc. e Gònna, s.f. Sottana, gonna, veste
Hòr(e), hurùt(e) o gurùt(e) e Hurè, ùt(e) Usufruire, godere, provare piacere
Hòrgia, s.f. Gorgia, gola (Lat.: ‘Gurges’ gola)
Hòrgia, s.f. e Pappahorgia, s.f. Pappagorgia, gorgia,  doppio mento, piega di carne pendente fra il collo e il mento delle persone grasse. 2. Gorgia, gola (Lat.: ‘Gurges’ gola)
Hr(e)ff(e)là, àt(e) Gorgogliare, rumoreggiare di liquido, russare
Hràffij(e), s.m. e Ràsc(e)ch(e) s.m. Graffio, graffiatura, scalfittura, escoriazione
Hràffij(e), s.m. e Ràsc(e)ch(e), s.m. (arc.) Graffio, scalfittura, segno
Hràgghj(i), s.m. Vinacciolo, seme dell’acino d’uva (Da Lat. Preparlato ‘Arillus’ vinacciolo  – in camp.: ‘agrillo’. – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – alla voce ‘criddù pag. 161)- Od anche, a mio parere, dall’it.: ‘racchio’ dal lat. ”ràclum’ grappoletto d’uva con chicchi radi ed immaturi e striminziti, com’è un vinacciolo)
Hragnòla, s.f. Gragnòla (letter. gragnuòla), grandinata, copiosa caduta o getto di piccole cose – (Dal lat. *grandeŏla, der. di ‘grando -dĭnis’ grandine). – E’ia arr(e)vàta nà gragnòla r'(e) pallìn(e) sparàta cù lù ruibbòtt(e)! = E’ sopraggiunta una grandinata di pallini, sparata con la doppietta!
Hràlat(e), s.m. Avena selvatica, pianta delle graminacee – (Avena fatua L.)
Hramègna, s.f. Gramigna (cynodon dactylon), erba della famiglia delle ‘Poaceae’. Quella fficinale, che si coltiva: ‘tryticum repens’
Hràmm(e)la, s.f. Gramola, spianatoio per lavorare la pasta alimentare , battendola e lavorandola per ridurla alla conveniente sodezza. Formata, in genere, da una spaziosa tavola in legno.- (Per il battuto del lardo si usa una tavola più piccola, con il manico: “Arracciatùr(e)”)
Hrammòfan(e), s.m. Giradischi, riproduttore di suono Grammofono, fonografo,  apparecchio per la registrazione dei suoni mediante l’incisione di un piccolo solco
Hràn(e), s. m. Grano
Hràn(e), s.m. e Gràn(e), s.m. Grano (L’articolo si usa al plurale: R'(e) gràn(o). – A’uànn(e) hàgg(e) s'(e)mm(e)nàt(e) hràn(e) = Quest’nanno ho seminato grano. In culinaria si usava anticamente il “Grano cotto” detto “Cìcc(i)”
Hran(e)rìnij, pl.m. e Gran(e)rìnij, pl.m. Mais, granoturco,  frumentone.  (Viene così detto in quanto  la sua origine è del sud delle americhe, appenna scoperte, chiamata all’epoca: ‘le nuove indie’) –  – (L’articolo si usa al plurale: R'(e) granrìnij)
Hran(e)rìnij, s.m. e Gran(e)rìnij, s.m. Granturco, granone. (L’articolo si usa al plurale: R'(e) granrìnij). – (Il termine è formato da ‘hràn(e)’ e rìnij = d’India. L’attributo ‘d’India’ può significare tanto genericamente ‘orientale’, quanto ‘americano’ |Salvioni 1911|- Da: (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – alla voce: ‘graurìnio’)
Hran(e)rìnj(e), s.m. Granoturco
Hranàt(e), s.m. Granato, melograno, albero delle Punicacee, e frutto:  melagrana, granata. 2. Granato, pietra preziosa di colore rosso vivo
Hranàta, s.f. Granata, ordigno bellico
Hranatìer(e), s.m. Granatiere
Hrangàscia, s.f. e Rancàscia, s.f. Grancassa, tamburo
Hràngh(e), s.m. e Granchio – Pl.: ‘hrànghj(i)’
Hranìer(e), s.m. Granaio, mobile in legno per conservare il grano
Hranìta, s.f. Granita, gelato granuloso
Hrànn(e), agg. e Hrùoss(e), agg. Grande, grosso. – (Dal cat. ‘grand’, dalla stessa rad. dell’it.: ‘grande’ dal lat. ‘grand-(em)’)
Hrànn(e)la, s.f. arc. Ghiandola. 2. Tonsilla, amigdala – (Dal lat.: ‘glandula’ ghiandola, tonsilla)
Hrannanèta, s.f. Grandinata
Hrannijà, àt(e) Grandinare
Hrannùs(e), s.m. Orgoglioso, altero, sicuro, arrogante, sussiegoso
Hrannùs(e), s.m. Altero, orgoglioso,  sicuro, sussiegoso, arrogante.
Hranzìggh(i), s. m. Grandine<Chicco di. Chicco di grandine. Nù hranzìggh(i) èra quànt(e) n’ùov(e)! = Un chicco di grandine era (grande) quanto un uovo!
Hràpp(e)l(e), s.m. e Pènn(e)la, s.f. Grappolo, racemo – Grappolino: ‘P(e)nn(e)lècchia’ o ‘P(e)nn(e)lègghia’ o ‘Raciùopp(e)l(e)’
Hràsp(e)l(e), s.m. Graspolo dell’uva, raspolo, il grappolo senza gli acini
Hràss(e), s.m. Grasso
Hràssòn(e) Grassone, pancione.  Anche: “B(e)rz(e)còn(e)”
Hràsta, s.f. Vaso da fiori – (gr. ‘gastra’ vaso panciuto e poi Lat.: ‘Gastra’)
Hràta, s. f. Grata, graticcio
Hratìglia, s.f. Graticola, gratella, griglia
Hratìglia, s.f. Griglia, graticola
Hràtta e vìnc(e), s.m. Gratta e vinci, schedina, acquistata, da raschiare di una sottile patina per scoprire se si è stati fortunati di ottenere una vincita
Hrattà, àt(e) Grattare
Hrattacàsa, s.f. Grattugia. (Da:’ Hràtta’ e ‘Càs(e)’ = Gratta_Cacio)
Hrattapòn(e), s.m. Groppo, nodo, viluppo, cosa ammassata che porta intoppo, difficoltà. – (Dal verbo ‘hràtta’ gratta + il suff. deverbale: ‘pon(e)’ col significato di: ‘cosa che gratta’ procura  sfregamento)
Hràv(e), agg. Grave, molto serio, importante, angoscioso, doloroso
Hràva, agg. e Prèna, agg. Gravida, pregna
Hravà, àt(e) Gravare, pesare
Hràva, f. agg. e Prìen(e), agg. Gravida femm. e pregno, pieno. – (Dal lat.: ‘gravidus’ da ‘gravis’ che ha peso))
Hravaiùol(e), s.m. Raviolo, raviuòlo. Fatto con rettangoli o dischi ripiegati di pasta all’uovo in sfoglia, ripieni di carne o di ricotta e verdura, conditi con sugo e formaggio grattugiato od anche con burro e formaggio – (Dal basso lat. ‘rabiolae’ da una voce barbara col significato di sostanza cerosa edibile, mangiabile (ceratia comedens). – Da:  Etimolgycum Siculum di Joseph Vinci – Messanae -1759 – Ex Regia Typographia Francisci Gaipa – alla voce: Ravioli)
Hravùs(o) Gravoso, pesante
Hràzia, s.f. e Hràzzia, s.f. Grazia, bellezza, amabilità, dono, esaudimento
Hrazzià, àt(e) Graziare
Hràzzij(e)! Inter. Grazie!  – Grazie a Dio = ‘Hrazziadd’j(e)’
Hrècia, s.f. arc. e Grècia, s.f. Grecia
Hrègna, s.f. Covone. Vedere: “M(e)t(e)tòra” (Da: lat. ‘gremium’ grembo, seno > quantità che può essere contenuta in grembo con un braccio)
Hrembiùl(e), s.m. Grembiule
Hrìest(e), agg. Agro, aspro, acerbo – femm. ‘hrèsta’
Hrìgg(e), agg. e grìgg(e), agg. Grigio, bigio, color cenere
Hrìgghj(i), s.m. Grillo. Il termine comprende anche altri insetti tipo gli Ortotteri (Cavalletta), la mantide, insetto dei Mantoidei, chiamata “A’ signòra r(e) r(e) r(i)stòcc(e)” = La signora delle stoppie.
Hròi, s.m. Gru, uccello migratore, dei Gruidi. 2.  Gru, dispositivo per il sollevamento e il trasporto di carichi per mezzo di organi flessibili (funi, catene) terminanti con ganci, tenaglie, benne: “Hrù”
Hròlia, s.f. Gloria.Termine arc. – Anche: Hlòria.  La nòtt(e) r'(e) Pàsqua èia sparàta la hròlia = La notte di Pasqua c’è stato il suono festante delle campane (Annunciante la gloria della resurrezione di Cristo)
Hròppa, s.f. Groppa. L’ordine ad un animale di “aggroppare” cioè di spostarsi con la groppa: “Aggrò” (Vedi ‘Aggr(e)ppà’)
Hròppa, s.f. Groppa – In groppa ‘(i)Ngròppa’
Hròtta, s.f. e Cantìna, s.f. e Candìna Grotta 2. Cantina – Diminutivo: ‘H(e)r(e)tt(e)cègghia, s.f. = grotticella, grottino
Hrù, s.f. Gru, dispositivo per il sollevamento e il trasporto di carichi per mezzo di organi flessibili (funi, catene) terminanti con ganci, tenaglie, benne 2. Uccello:”Hròi”
Hruff(e)là, àt(e). Gorgogliare, rumoreggiare di liquido, russare, grufolare
Hrùm(e), s.m. Coaugulo, grumo,
Hrùoff(e)l(e), s.m. Sorso, piccola quantità di liquido. 2. Il quinto giorno da oggi, vedere: “Iuorn(e)”
Hrùoff(e)l(e), s.m. arc. Il quinto giorno da oggi, vedere: “Iuorn(e)” 2. Sorso, piccola quaqntità di liquido.
Hrùoss(e), agg. e hrànn(e), agg. Grosso, grande. – (Dallo sp.: ‘grueso’ stessa rad. dell’it.: ‘grosso’ dal lat. ‘gross-(us)’)
Hrùpp(e), s.m. Gruppo
Hst(e)nàrs(e), àt(e) Ostinarsi
Huàndìera, s.f. e Uantìera, s.f. Guantiera, vassoio per servire dolci e rinfreschi
Hubbùt(e), agg. Gobbo, gibboso
Hul(e)scjùs(e), agg. Goloso, desideroso, ghiotto
Hulìsc(e), s.m. e Vòglia, s.f. Desiderio propriamente di gola, desiderio capriccioso, ghiribizzo, fantasia, velleità  – 2. Voglia, angioma cutaneo di colore rossovinoso sul neonato che secondo una credenza popolare avrebbe origine da una voglia insoddisfatta della madre durante la  gravidanza.
Hùmm(e)t(e), s.m. Gomito, arc. – Anche, generalmente: “Hùv(e)t(e)”
Hummaràl(e), s.f. Vomerale, lama del vomere
Hunfià, àt(e) arc. e Gonfià, àt(e) Gonfiare – Dicesi anche: ‘Abb(e)ttà’
Hunnègghia, s.f. Gonnella, gonna, sottana. – (Dimin.: di ‘hònna’ gonna)  – Anche “Hònna” e “Gònna”
Hurà, àt(e) e S(e)hurà, àt(e) Guidare, indirizzare, pilotare, curare – Era à sòr(e) chì huràva lù fràt(e) = Era la sorella che curava il fratello.
Hurangiàta, s.f. ingriffata, brancata, aggraffignata, presa, colpo di artiglio, zampata
Hurè, ùt(e) e Hòr(e), hurùt(e) o gurùt(e) Godere, provare piacere, usufruire – ‘Mùnne hurè’ = Godere il mondo – S’èia fàtt(e) lì sòld(e), mò s'(e) pòt(e) mùnn(e) hurè = Ha fatto i soldi, adesso si può godere il mondo – Lì vècchj(i) s’anna hòr(e) la v(e)cchiàia = I vecchi devono godersi la vecchiaia
Hùrra, s. f, Gorgo, in genere, di un fiume. Al plurale: “Gùrr(e)”
Hùrra, s. f. Vimine. Salicone, pianta delle ‘Salix capraea’, vive in acque basse di fiumi o stagni. Al pluralee: ‘Gùrr(e)’ – (Dal longobardo e piemontese ‘gora’ specie di salice. . . – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005) pag. 15 alla voce: ‘agùrra’)
Hùst(e), s. m. e Ùst(e), s.m. Gusto, piacere. Vàl(e) chiù nù Ùst(e) cà cìent(e) ruquàt(e) = Vale più un gusto che cento ducati
Hùst(e), s.m. e gùst(e), s.m. Gusto. Stù bròr(e) tèn(e) nù bbèll(e) hùst(e)! = Questo brodo ha un bel gusto! _ Chè gùst(e) tèn(e) st'(e) mìer(e)? = Che gusto ha questo vino? – Vàl(e) chiù nù hùst(e) cà cìend(e) ruquàt(e) = Vale più un gusto che cento ducati.
Hustà, àt(e) e Austà, àt(e) Gustare, assaporare
Huv(e)rnà, àt(e) Rigovernare, avere cura degli animali domestici dal punto di vista alimentare ed anche igienico – E’ia huv(e)rnàt(e) lù mùl(e)? = Hai dato da mangiare al mulo?
Huv(e)rnà, àt(e) Governare
Hùv(e)t(e), s.m. Gomito. – Anche: “Humm(e)t(e)”, arc.
Huvèrn(e), s.m. Governo
Huvìern(e), s.m. Cibo, pasto per governare agli animali, quali fieno, paglia, fave, ecc. – (Da: ‘huv(e)rnà’ rigovernare, avere cura degli animali domestici dal punto di vista alimentare)