C

(i). . . (i). . .: PRONUNCIARE   SOLO LE LETTERE NON RACCHIUSE FRA PARENTESI, LEGGENDOLE NATURALMENTE COME SE   SI PRONUNCIASSERO LEGATE ALLE ALTRE. (Le lettere fra parentesi servono solo   per far leggere correttamente quelle da pronunciare, quindi a volte,  per la stessa parola, in un contesto   diverso, possono essere pronunciate diversamente)
C C
C'(e) o G'(e) Ci – N'(e)n c’è = Non c’è – oppure  – N'(e)n g’è = Non c’è
C'(e), avv. e pron. e N'(e), avv. e pron. e (i)Nc'(e), avv. e pron. e (i)Ngèia, avv. e pron. Ci. – N’n(e) (i)ngèia chiù à religiòn(e) = Non c’è piùla religione – Mò n'(e) rànn(e) ra mangià = Adesso ci danno da mangiare
C(e)c(e)nià, àt(e) Ciucciare, succhiare. 2. Bere avidamente. – (Da ‘cìc(e)n(e), tipo di orcio, con suff. verb. ‘à’ (are).)
C(e)c(e)nià, àt(e) Bere avidamente. 2. Ciucciare, succhiare
C(e)c(e)nìegghj(i), s.m. Orcio<Piccolo; Piccolo ‘Cìc(e)n(e)’
C(e)c(e)rìn(e), agg. Cenerino, bigio, grigio, color cenere
C(e)c(e)ròn(e), s.m. Strillozzo, uccello dei Fringilidi (Calandra)
C(e)cà, àt(e) Accecare, cecare, rendere cieco
C(e)cà, àt(e) Accecare, rendere cieco
C(e)càla, s.f. Cicala
C(e)càt(e), s.m. arc. e Cìech(e), s.m. Accecato, cieco, orbo
C(e)càta, agg. Cieca, oscuro. – Camm(e)nàva a’a c(e)càta = Camminava alla cieca (senza vedere)
C(e)catrìc(e), s.f. Cicatrice, anche “Cèca”
C(e)cciaròc(e), s.m. (arc.) e Cunfètt(e), s.m. Confetto.  – ‘C(e)cciaròc(e)’ da:’ cìcc(e)’ e ‘aròc(e’ = cece dolce – Pl.: ‘C(e)cciarùc(e)’
C(e)ccìgn(e), agg. Asino<similie a. Simile, uguale all’asino. – Nù mùl(e) c(e)ccìgn(e) = Un mulo somigliante all’asino (piccolo di statura)
C(e)cculàta, s.f. Cioccolata
C(e)cèrchia, s.f. Cicerchia, pianta e frutto,  delle ‘Lathyrus sativus’, con semi commestibili – dal lat.: ‘cicercula’ – (da mangiare saltuariamente in quanto venefiche). O’sc(e) n’àmma mangià pàsta e c'(e)cèrchj(i) = Oggi dobbiamo mangiare pasta con le cicerchie
C(e)chijà, c(e)chijàt(e) Scalfire, rigare, graffiare, solcare, sfregiare. – (Da: ‘cèca’ cicatrice)
C(e)chijàt(e), agg. Rigato, scalfito, graffiato. – (Da: ‘cèca’ cicatrice)
C(e)còria, s.f. Cicoria comune (Cichorium intybus L., 1753) è una pianta erbacea, perenne con vivaci fiori di colore celeste, appartenente alla famiglia Asteraceae. Esistono attualmente molte varietà orticole.
C(e)cùbbij(i), agg. e s.m. e C(e)catìegghj(i), agg. e s.m. Ciechino, un po’ cieco, guercio. – (Da termini simili dialettali ‘scicòrba’, ‘cicòrbola’ in umbia, marche, ecc. che sono tutti riconducibili al  grillotalpa, ritenuto cieco in quanto vive sottoterra)
C(e)culègghj(i), pl. f. Lusinghe, allettamenti, adulazioni, carezze, vezzeggiamenti  – Scìja facènn(e) sùl(e) c(e)culègghj(i) p(e) fàrs(e) elègg(e) conziglìer(e) comunàl(e) = Andava facendo solo allettamenti per farsi eleggere consigliere comunale
C(e)cùta, s.f. Cicuta – Cicuta maggiore (Piante erbacee delle Ombrellifere -velenosa )
C(e)ff(e)nìglia, s.f. Cianfrusaglia, paccottiglia, minutaglia
C(e)ff(e)nìglj(i), s.pl. Minutaglie, cianfrusaglie, paccottiglie
C(e)frìngul(e), s.m. Laccetto, corto cordoncino, mazzetto annodato di fili che costituiscono generalmente un fronzolo o una frangia di un tessuto – (pl.: ‘c(e)frìngul(e)’
C(e)glià, àt(e) Pungere, pungolare. (Lat.: ‘aculeus’ aculeo, pungiglione) – L’hàv(e) c(e)gliàt(e) nà làpa = Lo ha punto un’ape. 2. Germogliàre, l’aprirsi di una gemma. (Lat.: ‘acileus’ germoglio, spicchio – variante di ‘aculeus’ aculeo)
C(e)glià, àt(e) Germogliàre, l’aprirsi di una gemma. (Lat.: ‘acileus’ germoglio, spicchio’: da ‘aculeus’ aculeo  2. Pungere
C(e)gnà, àt(e) Cinghiare, cintare, cingere il sottopancia (finimento = ‘cègna’) che ferma la sella su di un animale da soma. 2. Cinghiare, colpire con una cinghia
C(e)gnà, àt(e) Cinghiare, colpire con una cinghia. 2. Cinghiare, cintare, cingere il sottopancia (finimento = ‘cègna’) che ferma la sella su di un animale da soma.
C(e)gnàta, s.f. Cinghiata
C(e)gnatùra, s.f. Cignatura, l’operazione e l’effetto del cinghiare: la c. del cavallo
C(e)l(e)bbrà, àt(e) Celebrare, lodare, glorificare
C(e)lèbbra, s.f. Cervello, testa – M'(e) fànn(e) màl(e) r'(e) c(e)lèbbr(e) = Ho male alla testa
C(e)lòn(e), s.m. Testuggine, propriamente ed anche Tartaruga – (Gr.: kelone)
C(e)m(e)ndà, àt(e) e C(e)m(e)ntà, àt(e) Cementare, collegare, rinsaldare
C(e)m(e)ntìsta, s.m. e C(e)m(e)ndìsta, s.m. Cementista, fabbricante di manufatti in graniglia, composta da cemento, frammenti di marmo ed acqua, ad imitazione del granito (vasche, lavandini, gradini, ecc.)
C(e)m(e)tèr(e), s.m., e Camp(e)sant(e), s.m. e Camb(e)sand(e), s.m. Cimitero, camposanto.- Detto anche: ‘Pign(e) p(e)zzùt(e)’
C(e)mènt(e), s.m. e C(e)mènd(e), s.m. Cemento – Cemento armato = ‘C(e)mènt(e) armàt(e)’
C(e)mm(e)nèra, s.f. arc. e Camìn(e), s.m. Camino, ciminiera, focolare. –  (Fr.: età ang. ‘ciminere’ camino)
C'(e)mm(e)nìl(e), s.m. arc. e Cacciafùm(e), s.m. Camino
C(e)mmarùl(e), s.m. Peperoni, piccoli, gli ultimi prodotti dalla pianta
C(e)n(e)rùogn(e)l(e) Cenerognolo
C(e)ndrèlla, s.f. e C(e)ntrèlla, s.f. Chiodo a testa larga, bulletta, indicante, in genere, quello per tacco e bordo della suola di scarpa – (Diminutivo di ‘c(e)ndròn(e)’ Gr. ‘kentròn’ chiodo)
C(e)ndrèlla, s.f. e C(e)ntrèlla, s.f. Bulletta, chiodo a testa larga,  indicante, in genere, quello per tacco e bordo della suola di scarpa – (Diminutivo di ‘c(e)ndròn(e)’ Gr. ‘kentròn’ chiodo)
C(e)ndròn(e), s.m. Chiodone, chiavarda. Grosso chiodo che veniva usato, in genere, nelle costruzioni edili, navali, ecc. per assemblare travi in legno. (Dal lat: dal gr.: ‘Kentron’ pungiglone al lat. ‘centrum’ chiodo, spranga, che nei dialetti del meridione è divenuto “centra” e quindi al nostro ‘C(e)ndròne’ grosso chiodo)
C(e)nìer(e), agg. Morbido, molle, tenero “(Tìenn(e)r(e)”, soffice “(Pès(e)l(e)”. – (Dal lat.: ‘cinereis’ agg. di ‘cinis’ cenere, in quanto sinonimo di tenerezza, morbidezza)
C(e)nn(e)ià, àt(e) Bighellonare, andare in giro facendo il balordo, il fesso (Da ‘Cionna’ = Fesso, balordo) – Rà’a matìna àa sèra vài(e) sùl(e) c(e)nn(e)iànn(e) = Dalla mattina alla sera và facendo il balordo
C(e)nnàgg(e)n(e), s.f. e C(e)nnàgg(e)na, s.f. Scioccagine, dabbenaggine, semplicioneria, credulità, ingenuità, minchioneria
C(e)ntanàr(e), s.m. e C(e)ndanàr(e), s.m. Centinaio – (i)Ngèran(e) nù c(e)ndanàr(e) r'(e) cr(e)stiàn(e) = C’erano un centinaio di cristiani (Persone) – S'(e) v(e)rìenn(e) pècur(e) à c(e)ndanàra = Si vedevano pecore a centinaia
C(e)ntrà, àt(e) e C(e)ndrà, àt(e) Centrare
C(e)p(e)gghìn(e), s.m. Cipollaccio col fiocco, pianta e bulbo, commestibile. Lampascione (meridione, Puglia dal Lat. Tardo: lampadione(m) )
C(e)pògghia, s.f. Cipolla
C(e)ppàra, s.f. Ceppaia. Parte del fusto che fuoriesce dal terreno dopo il taglio dell’albero
C(e)ppòn(e), s.m. Ceppo, porzione di tronco
C(e)r(e)m(e)niùs(e), agg. Cerimonioso, complimentoso, ossequioso
C(e)r(e)mènd, s.m. Cedimento
C(e)r(e)mònia, s.f. Cerimonia
C(e)r(e)vègghia, s.f. e C(e)r'(e)vìegghj(i), s.m. Cervello
C(e)ràs(e), s.m. Ciliegio
C(e)ràsa, s.f. Ciliegia, (dall’it. Arc.: cerasa, dal gr.: keròsion. – Dal “Thesaurus pauperum”, secolo XIV: Item li chirasi dulchi, maniati cum li ossa a diunu stomacu, provoca multu lu ventri.
C(e)rcà, àt(e) Cercare
C(e)rcatòr(e), agg. e s.m. Cercatore
C(e)rchènd(e), agg. e s.m. e Lemosinànd(e), agg e s.m. Cercante, elemosiniere, mendicante
C(e)rchiètt(e), s.m. Cerchietto. 2. Orecchini a cerchietto. 3. Cerchietto in legno usato come telaio per il ricamo
C(e)rchiètt(e), s.m. Cerchietto in legno usato come telaio per il ricamo. 2. Cerchietto. 3. Orecchini a cerchietto
C(e)rchiòn(e), s.m. Cerchione
C(e)rculà, àt(e) e C(e)rculià, àt(e) Circolare, muoversi in giro
C(e)rculàr(e), agg. e Circolàr(e), agg. Circolare, rotondo
C(e)rcùstànza, s.f. Circostanza
C(e)rìn(e), s.m. Cerino, piccolo fiammifero impregnato di cera
C(e)rn(e)cchià, àt(e) Setacciare grossolanamente, effettuare una cernita poco minuziosa
C(e)rnacchiàta, s.f. Cernita, setacciata
C(e)rnècchj(i), pl.m. Cervello, testa, termine usato solo al plurale. – M'(e) fànn(e) màl(e) r'(e) c(e)rnècchj(i) = Ho male alla testa. – (Dal lat. ‘cernere’ scegliere, vagliare, decidere, pensare)
C(e)rnià, àt(e) e C(e)rn(e)cchià, àt(e) Cernere, vagliare col vaglio, girandolo su se stesso con rapidi movimenti a dastra e a sisistra per separare, dalle parti più pesanti (il grano) che si deposita radialmente da quelle più leggere (il loglio) che restano al centro del crivello e si tolgono con le mani, in quanto non passano attraverso il vaglio stesso.  (Lat.: ‘cernere’ separare)
C(e)rnìcchj(i), s.m. Crivello, setaccio, piccolo vaglio, con fondo formato da maglie di fil di ferro disposte a mo’ di ragnatela. – (Dal lat. ‘ ‘incerniculum’ setaccio)
C(e)rnìera làmba, s.f. Cerniera lampo – pl: C(e)rnìer(e) làmb(e)
C(e)rnìera, s.f. Cerniera. – Cerniera lampo = C(e)rniera làmba
C(e)ròc(e)n(e), s.m. Candela, cero – gr. ‘cherògenos’
C(e)ròn(e), s.m. Cerone
C(e)rrìglj(i), s.m. Capanna rustica di ristoro, e di mescita di vino che anticamente si costruiva provvisoriamente durante le fiere paesane. 2. Crocchio, gruppetto di persone intente a conversare fra loro
C(e)rrìglj(i), s.m. Crocchio, gruppetto di persone intente a conversare fra loro. 2. Capanna rustica di ristoro, e di mescita di vino che anticamente si costruiva provvisoriamente durante le fiere paesane
C(e)rt(e)f(e)càt(e), s.m. Certificato
C(e)stàr(e), s.m. Cestaio
C(e)stìegghj(i), s.m. Cestino
C(e)stìegghj(i), s.m.  e C(e)stìn(e), s.m. Cestello, cestino
C(e)stìn(e), s.m. e C(e)stìegghj(i), s.m. Cestino, cestello
C(e)t(e)lìcchj(i), s.m. Brocchino, piccola brocca (Ceramica).  2. Tazza piccola cilindrica con un solo manico, di materiale vario
C(e)t(e)lìcchj(i), s.m. Tazza piccola cilindrica con un solo manico, di materiale vario. 2. Brocchino, piccola brocca (Ceramica).
C(e)tà, àt(e) Citare
C(e)taziòn(e), s.f. Citazione
C(e)tràngula, s.f. arc. e Aràng(e), s.m. e P(e)rtuàll(e), s.m. Arancio, alberello delle Rutacee ed anche il frutto (Dal Gr. ‘Kedros’ Cedro e Lat. ‘anguron’ cetriolo – dal. Lat.: bizantino ‘tetranguron’ specie di cetriolo)
C(e)tràngula, s.f. arc. e Purtuàll(e), s.m. Arancia, melangolo (Dal Gr. ‘kedros’ Cedro e Lat. Gr. ‘anguron’ cetriolo)
C(e)tràt(e), s.m. Citrato
C(e)trìn(e), agg. Citrino, di colere giallo. (Gr.: ‘Kitrinos’)
C(e)trùl(e), s.m. Cetriolo. 2. Citrullo, sciocco, babbeo
C(e)trùl(e), s.m. Citrullo, babbeo, sciocco. 2. Cetriolo
C(e)ttatin(e), s.m. Cittadino
C(e)và, àt(e) Civire, accivire, dare il cibo. (termine in genere usato col significato di “dare del ‘cìv(e’)’ cibo agli uccellini” da parte dei genitori). – Nù passar(e) c(e)vàva lu passarìegghj(i) = Nu passero imbeccava il passerotto. 2. Civire, provvedere, procacciare. –  (Verbo  derivato da varianti dal latino ‘Cibus’ cibo – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 ). [Rholfs 1977; LEA; VES]
C(e)và, àt(e) Civire, provvedere, procacciare – Ù nònn(e) ògn(e) tànt(e) ù cèva à ù n'(e)pòt(e), ù rài quàcche sòld(e) = Il nono ogni tanto provvede al nipote, gli dà qualche soldo. 2. Imbeccare, dare il cibo, in genere agli uccellini. –  (Verbo  derivato da varianti dal latino ‘Cibus’ cibo – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 ). [Rholfs 1977; LEA; VES]
C(e)vatùr(e), s.m. Uccellino da imbeccare 2. Gabbietta adibita a tenere gli uccellini da essere ancora imbeccati dalla madre in libertà.
C(e)vatùr(e), s.m. Gabbietta adibita a tenere gli uccellini da essere ancora imbeccati dalla madre in libertà. 2. Uccellino da imbeccare
C(e)vètta, s.f. e Cuccuvàscja, s.f. Cuccu_uàscja, s.f. Civetta, nottola, coccoveggia, pop. – Ritenuta anche: “Aucìegghj(i) r'(e) lù malahùrij(e) – Uccello del malaugurio, per il suo lugubre canto notturno. (Dal gr. ‘Koukkabidos’ – civetta)
Cà, cong. avv. Che – M'(e) sèmbra cà tù màng(e) tròpp(e)! = Mi sembra che tu mangi troppo! 2. Perchè, poichè
Cà, cong. avv. Perchè, poichè. Vàch(e) à càsa cà haggia scjj(i) à mangià = Vado a casa poichè devo andare a mangiare. 2. Che
Cabb(e)llòta, s.m e Habb(e)llòta, s.m. Gabelliere, colui che era addetto alla riscossione delle gabelle
Cabbinètt(e), s.m. arc. e Habbinètt(e), s.m. Camerino, gabinetto, stanzino, spogliatoio, latrina, servizio igienico.
Càc(e)r(e), s.m. Acacia nome di diverse piante delle Mimosacee
Cacà, àt(e) Cacare, defecare
Cacà, àt(e) volg. Cacare, defecare, andar di corpo
Cacacàzz(e), agg. volg. e Rùmp(e)sc(e)càt(e)l(e), agg. Rompiscatole, seccatore, importuno, fastidioso
Cacaglià, àt(e); (Dal gr. ‘kacòs’ = male e ‘logaò’ = parlare) e Zaaàglià, àt(e) e Tartaglià àt(e) Balbettare;  (Dal gr. ‘kacòs’ = male e ‘logaò’ = parlare),  tartagliare
Cacagliùs(e), agg. s.m. e Cacaglj(i), agg. s.m. Balbo, balbuziente
Cacàglj(i), agg.  s.m. e Cacagliùs(e), agg. s.m. Balbuziente, balbo
Cacàh(e), s.m. Cacao
Cacarègghia, s.f. Diarrea, ripetuti stimoli a defecare. 2. Paura – T’èia v'(e)nùta la cacarègghia! = Hai avuto paura!
Cacarègghia, s.f. Paura – T’èia v'(e)nùta la cacarègghia! = Hai avuto paura! 2. Diarrea, ripetuti stimoli a defecare.
Cacarègghia, s.f. e Z(e)larègghia, s.f. Paura, spavento, tremore. – (Dal fatto che a volte, da uno spavento, si rischia di avere una defecazione involontaria). 2. Cacatina, piccola deiezione fecale o di sciolta.
Cacasòtta, agg. Cacasotto, fifone, pauroso, pusillanime
Cacàta, s.f. volg. Cacata, reg.  Atto del defecare; concr., gli escrementi. 2. Cosa mal riuscita
Cacatùr(e), s.m. Cacatoio, cesso, vaso da notte, orinale, latrina, luogo ove poter defecare
Cacazza, s.f. Escremento, piccolo escremento solido, tipo quelli di una pecora, di un topo, ecc. – Diminutivo: ‘cacazzègghia’ – Nà cacazzègghia r'(e) mòsca = Un piccolo escremento di mosca
Cacàzza, s.f. Escremento, cacca di piccoli animali. – (Da ‘cacàta’ cacca con suff. dim. peggiorativo ‘àzza’)
Cacazzègghia, s.f. Cacherello, piccolo escremento
Càccav(e), s.m. Pentolo, grande pentola panciuta; gr. ‘càccabos’ (Lat.: ‘cacabus”- Piccola pentola: “Caccavègghia”, “Caccavìegghj(i)”
Càccav(e), s.m. arc. Vaso da notte, orinale, latrina
Caccavègghia, s.f. e Caccavèlla, s.f. Automobile vecchia e mal ridotta, catorcio di automobile. 2. Pentolaccia
Caccavèlla, s.f. e Caccavègghia, s.f. Pentolaccia 2. Automobile cadente, cascante in rovina, catorcio di automobile
Caccavèlla, s.f. e Caccavègghia, s.f. Caccavella (Dal nap.), dimin. di ‘càccav(e), pentolo (vedere il termine e l’etimo)
Cacchè, avv. Altrochè,  certamente, certo, d’accordo, sicuramente, sicuro, (region.) sine, è così. – (Dal nap.: ‘chèll ca è’ quello che è, è quello, è così)  – ‘Maria: Giovà, stài(e) scjènn(e) àa pr(e)gg(e)ssiòn? Giovanna: Cacchè! Sciàm(e) (i)nzèmbr(e)! = Maria: Giovanna, stai per andare alla processione? Giovanna: Già! Andiamo insieme!
Càcchj(i), s.m. e Bìca, s.f.) Membro virile, pene. – (Termine meno scurrile per indicare il pene) – (Da: ‘cavicchio’ legno rotondo, aguzzo da una parte e ordinariamente piccolo da ficcare o conficcare come un chiodo, detto anche piuolo)
Cacchj'(i)ma, s.f. (Arc.) e calòr(e), s.f. Estro degli animali in veterinaria, calore
Cacchj'(i)ma, s.f. e R(e)còtta, s.f. Smegma, materiale di secrezione e di desquamazione depositata attorno agli organi genitali.
Caccià, àt(e) Cacciare, tirar fuori, mandar via, spingere
Càccia, s.f. Caccia
Cacciacàrna, s.f. Forchettone, grossa forchetta in genere con due punte che serve soprattutto a levare la carne dalla pentola. 2. Forchetta ricavata con un fil di ferro, usata dai ragazzi per spingere e guidare il cerchio
Cacciacàrna, s.f. Forchetta formata da un grosso  fil di ferro, arcuato in punta, usata dai ragazzi per spingere e guidare il cerchio da far rotolare per terra. (termine scherz.). 2. Forchetta formata da un grosso  fil di ferro, arcuato in punta, usata dai ragazzi per spingere e guidare il cerchio da far rotolare per terra. (termine scherz.).
Cacciafùm(e), s.m. e C'(e)mm(e)nìl(e), s.m. arc. Camino
Cacciatòr(e), s.m. Cacciatore
Cacciavìt(e), s.m. Cacciavite
Caccijà, àt(e) Cacciare, dare la caccia
Cacciòn(e), s.m. Cucciolo di cane (Lat.: ‘catulus’ cucciolo – Sp.: cachorro’ cagnolino, cucciolo )
Caccjià, àt(e) Cacciare, praticare la caccia
Cachìn(e), s.m. e Cachìss(e), s.m. arc. Cachi e Caco (pop.), albero e frutto
Cachìss(e), s.m. arc. e Cachìn(e), s.m. Caco (pop.) e Cachi, albero e frutto
Cacòn(e), agg. e Cacaròn(e), agg. Cacone 2. Fifone, che se la fa sotto
Cafè, s.m. Caffè
Caff(e)ttèra, s.f. e Macchinètta rù cafè, s.f. Caffettiera
Cafòn(e), s.m. Cafone, villano, zappaterra
Cafùorchj(i), s.m.  e Cavùorchj(i), s.m. Tana, buco, budello, nascondiglio, covo, tugurio. – (Dalla base lat.: ‘cavus’ incavato > dal gr.: ‘kofilos’ cavo)
Cagghiùs(e), agg. Calloso, indurito
Càgghj(i), s.m. Callo
Cagn(e)là, àt(e) e Cagn(e)lià, àt(e) Pioviccicare. (Riferito al “Cascare” della pioggia) – Ù tìemb(e) cagn(e)lèia = Il tempo pioviccica. 2. Cascare, cadere, decadere di salute – Vedi anche: “Sc(e)dd(e)cà”
Cagn(e)là, àt(e) e Cagn(e)lià, àt(e) Cascare, cadere, venir meno di salute.  Rà (i)ndà là f(i)latòra càgn(e)làva n'(e) pòch(e) r'(e) farìna = Dalla fessura cascava un po’ di farina. 2. Pioviccicare
Cài(e), s.m. Caio
Cainàt(e), s.m. Cognato – Mio cognato/a = ‘Cainàt(e)ma’
Càl(e)c(e), s.m. Calice
Calà, àt(e) Calare, far discendere, abbassare,
Calabr(e)sèlla, s.f. Calabresella, gioco di carte, detto anche ‘terziglio’
Calamài(e), s.m. e Colamài(e), s.m. arc. Calamaio
Calànca, s.f. e Calànga, s.f. Calanco e calanca. gr. ‘calao’ –  Solco di erosione nei terreni marno argillosi, prodotto dalle acque di dilavamento, limitato da costoloni a lame di coltello, genrl. privi di vegetazione, frana, burrone – Plurale: Calànch(e) e Calàngh(e)
Calànch(e), s.m. pl. e Calàngh(e), s.m. pl. Calanghi. Terreni formati da una serie di calanchi. Vedere: ‘Calànca’ – Tèn nà tèrra à lì calàngh(e) r'(e) l’Ofat(e) = Possiede un terreno nei pressi dei calanchi dell’Ofanto.
Calancòn(e), s.m. e Calangòn(e), s.m. Calancone, grosso calanco.
Calànnara. S.f. Calandra del genere delle allodole, uccello degli Alaudidi
Calàta, s.f. Calata, scesa, discesa, abbassamento
Calavàrij(e), s.m. Calvario
Càlc(e), s.m. Calcio, elemento chimico. 2. Calcio, gioco di origine inglese (football)
Càlc(e), s.m. Calcio, gioco di origine inglese (football) 2. Calcio, elemento chimico
Càlcio d’àngol(e), s.m. Calcio d’angolo, corner
Caldàia, s.f. Caldaia nei moderni impianti di riscaldamento degli edifici
Caldarèlla, s.f. e Cardarèlla, s.f. Caldarella o Calderella, secchio da calce per muratori
Calendàrij(e), s.m. Calendario
Calìtr(e), s.m. (1) Calitri. (1) – Secondo l’Acocella, nella sua Storia di Calitri, la probabile origine del nome proviene da ALATRIOM, da identificarsi come nome di origine tirrenica (Etrusco?) del VIII-V sec. a.c. trasformatosi poi in ALETRION (Strabone) nel V-IV sec. a.c. Citato poi da Plinio il vecchio, 23-79 dopo Cr., è il nome di ALETRINI e quindi il nome di ALETRIUM. Si trasformerà in seguito in Caletreum, quindi in Caletrum (Citato nel 1140 dal De Petra nel Catalogo dei baroni), infine in Calitri. – Nel Dizionario di toponomastica di Andrea Malossini, A. Vallardi Editore, l’origine del nome deriverebbe dalla base prelatina GALATRO ‘graminacea (erba)’. – Per la voce “galetre” = pianta graminacea, come si evince nel Dizionario etimologico dei dialetti italiani, della UTET, si trovano, con significati simili, i termini: ‘càlatru (lucano, laziale); ‘(g)àlatro’, ‘gràlato’: (salernitano); ‘gàlatru, ‘gràlatu: (calabrese); ‘càletra’  (molisano a Cerro al Volturno): avena selvatica; ‘càlitri pl. (abruzzese): ariste del grano; come pure ‘alitro’ (Paternopoli). Nello stesso dialetto di Calitri, peraltro, c’è la parola “Hràlat(e)” o “Gràlat(e)” che vuol indicare la graminacea selvatica infestante, simile all’avena. – Infine il Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – alla voce “gàletre” pag. 215 cita testualmente: Gàletre, s.m. (lucano; laziale: càlatru; campano, nel salernitano: (g)àlatro; gràlato; calabrese: gàlatru, gràlatu; molisano, a Cerro Volturno: càletra s.f.), ‘avena selvatica’; (abruzzese: càlitri plur.), ‘ariste del grano’. …segue:
Calìtr(e), s.m. (2) Calitri. (2)…seguito: Tali voci si considerano riflessi di una base prelatina *galatro- designante una graminacea [DEI s.v. gràlato; Alessio -De Giovanni 1983]. – L’origine più antica della radice Caletrum potrebbe essere originata dal termine italiano CALITTRA o Caliptra che è sinonimo di cuffia, (dal Gr.: Kaliptra, coperchio (in botanica) sorta d’involucro, fatta a maniera di spegnitoio, (‘stuta_cannela’ spegnitore)  che cuopre al di sopra la fruttificazione dei muschi o borracine. (Dal Diz. di Niccolò Tommaseo’) che darebbe il nome al toponimo essendo il paese a forma di pan di zucchero, cioè a forma di scodella capovolta. infatti anche sul web nel Diz.it: troviamo ‘Caliptra’, in botanica, col significato di tessuto aldide del gametofito che protegge la capsula dello sporofito (a forma di cuffia). Il termine CALITTRA potrebbe giustificare anche l’origine di Galatro o Calatro, la graminacea precitata, in quanto la spighetta di tale graminacea forma un fodero, una cuffia di foglioline che racchiude i granelli, (semi) piccolissimi al suo confronto.
Càll(e), agg. Caldo – Caldissimo: ‘Càll(e)_càll(e)’
Callàra, s.f. Caldaia, calderone, grosso pentolone, generalmente in rame o in alluminio, in uso, fino alla fine del 1900.  Di varie dimensioni, fissati stabilmente sulle cucine in muratura: “F(e)rnacèll(a)” e comunque rimovibili.
Callarùcc(e), s.m. Paiolo, caldaio, caladaia di piccolo formato (da ‘callara’) – Di formato ancora più piccolo: ‘Callar(e)ccìegghj(i)’
Callìhrafia, s.f. Calligrafia
Càlm(e), agg. Calmo. – Vedi anche “Acc(e)vì”
Calmà, àt(e) Calmare
Calòr(e), s.m. Calore, caldo
Calòr(e), s.m. Calore. In veterrinaria: “(i)N’calòr(e)” = In calore, cioè in stato di manifestazione di estro.
Calòr(e), s.m. e Cacchj'(i)ma, s.f. (Arc.) Calore, estro degli animali in veterinaria
Calùra, s.f. Calura, afa, arsura
Calzolài(e), s.m. Calzolaio, ciabattino, scarparo
Cam(e)là, àt(e) Tarlare. Essere colpito dalla càmola, nome reg. del tarlo od anche della tignola o tarma.
Cam(e)làt(e), agg. Camolato. Verosimilmente dall’arabo “Quaml(a)” = Piccolo insetto, pidocchio e “Cummal” = Tignola, che divenne nel medioevo “Càmula” ad indicare l’eventuale presenza della tignola nelle merci importate dall’oriente, come i tessuti che se non ben conservati potevano essere “Camolati”. Tale aggettivo fu poi adoperato anche per le persone.  E’ nù brùtt(e) vècchj(i) cam(e)làt(e)! – E’ un b rutto vecchio malandato, malmesso! 2. Tarlato
Cam(e)làt(e), agg. Tarlato. 2. Camolato.
Cam(e)rrìa, s.f. e Camurrìa, s.f. Motivo di fastidio o disturbo, simile a seccatura ma a differenza di questa, che è puntuale, la camurria è reiterata nel tempo, sfianca con la sua costanza producendo effetti patemici che, passando attraverso un iniziale stato di noia, si tramutano presto in impazienza se non addirittura in ira. 2. Delinquere, commettere reati
Camàstra s.f. Catena del focolare (‘Fuquàgna’) – (Gr. ‘cremastra’ da ‘cremastros’ pendente)
Camàur(e), s.m. arc. Camauro (anche ‘Scazzètta’), berretto dei Papi, che ben si adatta a tutto il capo. – (Termine noto in paese, come si evince da un soprannome ancora esistente) – (Dal greco’kamelaùchion’ e dal lat. mediev. ‘camaurum’ che significa berretto in pelo di cammello, evidentemente riferito al primo materiale con cui era prodotto)
Camb(e)lià, àt(e) e Camp(e)lià, àt(e) Vivacchiare, campicchiare, vivere alla meglio 2. Ottenere sufficientemente, conseguire bastevolmente
Camb(e)sandàr(e), s.m. e Camp(e)santàr(e), s.m. Becchino,  custode del camposanto
Camb(e)santàr(e), s.m. e Camp(e)sandàr(e), s.m. Becchino. Custode del camposanto
Cambà, àt(e) e campà, àt(e) Sostentare, nutrire. – Ù càmba ù n(e)pòt(e) = Lo sostenta il nipote.  2. Campare, vivere
Càmba, s.f. e Càmpa, s.f. Bruco (Gr. ‘Kàmpe’ greco antico)
Cambàgna, s.f. e Campàgna, s.f. Campagna, podere, fondo – In  campagna = “Fòr(e)”
Cambagnùol(e), s,m. Campagnolo
Cambià, àt(e) e Cangià, àt(e) Cambiare, cangiare
Cambiàl(e), s.f. e Cambiàla, s.f. arc. Cambiale. Detta anche: “Strìscia” scherz.
Cambiàta, s.f. e Cangiàta, s.f. Ricambio di vestiti
Càmbij(e), s.m. Cambio, permuta, baratto. 2. Camion, autocarro
Càmbij(e), s.m. Camion, autocarro. 2.- Cambio, permuta, baratto
Cambiòn(e), s.m. Campione
Camèll(e), s.m. arc. e Cammèll(e), s.m. Cammello
Camìn(e), s.m. e C(e)mm(e)nèra, s.f. arc. Focolare, camino, ciminiera (Fr.: età ang. ‘ciminere’ camino)
Camina, s.f. e Gamìna, s.f. (solo in alcune espressioni) Cammino, strada, sentiero
Camìss(e), inter.  e Camì inter. Ascoltami, dammi retta, segui il mio consiglio (Da: cammina (con me), segui il mio consiglio?)
Càmm(e)c(e), s.m. Camice
Camm(e)cètta, s.f.  e Camicètta, s.f. Camicetta, indumento prettamente femminile
Camm(e)nà. at(e) Camminar. –  Camminare spedito vedere anche ‘Taccunià’
Camm(e)nànd(e), agg. Girovago, che vaga senza una meta
Camm(e)nàta, s.f. Camminata
Camm(e)natòr(e), s.m. Camminatore, marciatore
Camm(e)natùra, s.f. Andatura, camminata
Camm(e)s(e)lègghia, s.f. e Camm(e)sètta, s.f. Camicina, camiciola
Camm(e)sètta, s.f. Camm(e)s(e)lègghia, s.f. Camiciola, camicina
Camm(e)sòla, s.f. Panciotto, copribusto. (Sp.: ‘camisola’)
Cammarà, àt(e) e Cammarià, àt(e) Abbuffarsi, banchettare, trasgredire. 2. Mangiare di grasso, mangiare carne anche di venerdì. (Lat. Tardo: ‘cammarare’ sporcare, disonorare)
Cammara, s.f. Camera
Càmmara, s.f. Camera
Cammarià, àt(e) e Cammarà, àt(e) Mangiare di grasso, mangiare carne di venerdì. 2. Abbuffarsi, banchettare, trasgredire. (Lat. Tardo: ‘cammarare’ sporcare, disonorare)
Cammeredària, s.f. e Cammaredària, s.f. arc. Camera d’aria, tubolare di gomma per tenere compresso un gas (per bicicletta, pallone da gioco)
Cammìsa, s.f. Camicia (Dal basso latino. ‘camisia’ a sua volta dal. Ant. Ted.: ‘chamisia’) – Camicina = ‘Camm(e)s(e)lègghia’
Camòrra, s.f. Camorra, combriccola, prevaricazione. Gruppo di persone che opera per realizzare illeciti vantaggi personali. Associazione segreta criminale sorta a Napoli nei secc. XVI e XVII ma diffusasi soprattutto nell’Ottocento – (Dallo sp. ‘gamurra’ molto simile alla ‘chamarra’ degli spagnoli (da noi:’z(e)màrra’ zimarra) che sembra fosse l’abito preferito dalla maggior risma dei lazzaroni napoletani.)
Camòsc(e), s.m. Camoscio, mammifero dei ‘BovidÌ
Càmp(e) sportìv(e), s.m. Campo sportivo, campo da calcio
Càmp(e), s.m. e Càmb(e), s.m. Campo
Camp(e)lià, àt(e) e Camb(e)lià, àt(e) Conseguire sufficientemente, ottenere bastevolmente – Aùànn(e) cù r'(e) gràn(e) hàmm(e) camp(e)liàt(e) = Quest’anno con il grano abbiamo ottenuto (il raccolto) bastevolmente. 2. Vivacchiare, campicchiare, vivere alla meglio
Camp(e)sant(e), s.m. e Camb(e)sand(e), s.m. Camposanto, cimitero. – Detto anche scherzosamente: ‘Pign(e) p(e)zzùt(e)’
Camp(e)santàr(e), s.m. e Camb(e)sandàr(e), s.m. Camposanto<Custode del. Custode del camposanto, becchino
Campà, at(e) e Cambà, àt(e) Campare, vivere 2. Sostentare, nutrire
Campàgna, s.f. e cambàgna, s.f. Campagna – In  campagna = “Fòr(e)”
Campàna, s.f. e Cambàna, s.f. Campana
Campanàr(e) s.m. e Cambanàr(e) s.m. Campanaro
Campanègghia, s.f. Campanella
Campanìeggh(i), s.m. Campanello
Campanìl(e), s,m. e Cambanìl(e), s,m. Campanile
Campès(e), s.m. e Cambès(e), s.m. Campagnolo. Chi abita prevalentemente in campagna e vive con la sua piccola azienda agricola (Massarìa)
Campèstr(e), agg. e Cambèstr(e), agg. Campestre
Campiòn(e), s.m. e Cambiòn(e), s.m. Campione
Campionàt(e), s.m. e Cambionàt(e), s.m. Campionato
Camurrìa, s.f. e Cam(e)rrìa, s.f. Delinquere, commettere reati. 2. Motivo di fastidio o disturbo, simile a seccatura ma a differenza di questa, che è puntuale, la camurria è reiterata nel tempo, sfianca con la sua costanza producendo effetti patemici che, passando attraverso un iniziale stato di noia, si tramutano presto in impazienza se non addirittura in ira
Càn(e), s.m. e Quàn(e), s.m. arc. Cane. Al femminile: ‘Càna’ – Per chiamarlo a se si dice “Qua!”; per scacciarlo “Gnà!” oppure “Gnàzz(e)!” – Alla fine dell’accoppiamento i canidi restano congiunti per un bel pezzo, vedasi: “(I)Ncazz(e)gghià” e “Ann(e)cià”
Can(e)gliòla, s.f. Forfora
Can(e)scènt(e), s.m. Conoscente
Can(e)scènza, s.f. Conoscenza, relazioni, amicizie. 2. Presentazione ufficiale del fidanzato  alla propria famiglia
Can(e)stràr(e), s.m. Canestraio
Càna, s.f. Cagna. Al maschile: ‘Càn(e)’
Canadà, s.m. Canada
Canadès(e), agg. e s.m. Canadese
Canagliòn(e), s.m. Cagnone, grosso cane
Canàl(e), s.m. Canale, condotto, fosso
Canàla, s.f. Grondaia
Canc(e)llà, àt(e) Cang(e)llà, àt(e) e Cassà, àt(e) arc. e Cass(e)llà, àt(e) Cancellare, cassare, depennare
Canc(e)llìer(e), s.m. e Cang(e)llìer(e), s.m. Cancelliere, funzionario cui spetta la registrazione degli atti presso  il pretore od anche presso un ente pubblico. 2. Astuto, scaltro, malizioso, birbone, persona scaltra
Càncar(e), s.m. arc. e Càngh(e)r(e), s.m. e Càngar(e), s.m. Tumore maligno, cancro (Fr. Provenzano ‘Chancre’)
Cancègghia, s.f. Grata. Piccola grata = Canc(e)gghiùzza
Cand(e)lèna, s.f. Cantilena
Candànd(e), s.m. Cantante
Càndar(e), s.m. arc.  e  R(e)nàl(e), s.m. Orinale, vaso da notte. (Gr.: ‘Kantharos’ coppa, vaso) – Anche: “P(e)sciatùr(e)”
Càndar(e), s.m. e Càntar(e), s.m. Pentolo, càntero, grande pentola panciuta (lat. ‘cantharus’, ‘specie di vaso’, ‘vasca’, di origine greca). 2. Orinale, pitale, vaso da notte detto anche: “P(e)sciatùr(e)”
Candastòrij(e), s.m. e Cantastòrij(e), s.m. Cantastorie
Candòn(e), s.m. e Cantòn(e), s.m. Cantone,  canto, sia esterno sia interno, d’un edificio o d’un locale, angolo, spigolo, soprattutto in quanto luogo appartato. (in uso nel passato più che oggi). – (Dall’it.: canto, angolo dal lat. ‘canthus’ = gr.: ‘kanthòs’ – Stù tav(e)lìn(e) mìtt(e)l(e) (i)ndà quìgghiu candòn(e) = questo tavolino mettilo in quell’quell’angolo
Canègghia, s.f. Cagnolina
Canèrcia, agg. Cane<Da. Da cane, al modo di agire da cane, diventare famelico o essere bramoso di qualche cosa
Càng(e), s.m. e Càmbij(e), s.m. Cambio, permuta, cambiamento. Vò fa càng(e)? = Vuoi fare cambio?
Cang(e)llìer(e), s.m. e Canc(e)llìer(e), s.m. Astuto, scaltro, malizioso, birbone, persona scaltra. – P(e)ppìn(e) èia nù cang(e)llìer(e)! = Peppino è un birbone!  2. Cancelliere, funzionario cui spetta la registrazione degli atti presso  il pretore od anche presso un ente pubblico
Càngar(e), s.m. e Càngh(e)r(e), s.m. e Càncar(e), s.m. arc. Cancro, tumore maligno (Fr. Provenzano ‘Chancre’)
Cangià, àt(e), e Cambià, àt(e) Cangiare, cambiare
Cangìegghj(i), s.m. Cancello. Piccolo cancello = Canc(e)gghiùzz(e)
Cangiòla, s.f. e Gabbietta – (Dal nap.: ‘cajòla’ dal lat. ‘caveola’,ae, diminut. di ‘cavea’ gabbia)
Canìegghj(i), s.m. e canùzz(e), s.m. e Càn(e)cìegghj(i), s.m. Cagnolino, cagnuzzo
Canìerc(e), agg Avaro, spilorcio, taccagno
Canìerc(e), s.m. Avaro
Canìglia, s.f. Crusca, il tegumento del chicco delle gaminacee – Dal lat. volg. ‘canilia’ pastone che si dava ai cani. Citazione: Angelo Senisio, “Declarus”, anno 1348: acus farine, que dicitur canigla”. – (Sito web: http://www.linguasiciliana.it/lessico_termini.htm)
Canigliòla, s.f. e Can(e)gliòla, arc. e Fòrfora, s.f. Forfora. Il termine Canigliola prende il nome evidentemente da “Canìglia” = crusca, a cui somiglia – (Crusca, invece, in latino si traduce “Furfur”)
Cann(e)lìcchj(i), s.m. e Cann(e)lìn(e), s.m. Tipo di fagiolo, bianco, dalla forma cilindreggiante. 2. Cannellino, piccola canna.
Cann(e)lìer(e), s.m. Candeliere
Cann(e)lìn(e), s.m. e Cann(e)lìcchj(i), s.m. Cannellino, piccola canna. 2. Tipo di fagiolo, bianco, dalla forma cilindreggiante
Cann(e)lòra, s.m. Candelora, la festa della purificazione della Vergine (2 febb.)
Cann(e)lòtt(e), s.m. Ghiacciòlo, formazione di acqua che si è ghiacciata durante il gocciolamento dall’aspetto di una colonnina a punta arrotondata
Cann(e)nàta, s.m. Cannonata
Cann(e)r(e)scjamìend(e), s.m. Gozzovigliamento, bagordo, stravizio
Cànna, s.f. Tubo, (piccolo: ‘t(e)bbètt(e)’). 2. Canna, pianta erbacea delle Graminacee. (Piccola: Cann(e)cègghia o Cannètta). – 3. Gola, ingordigia (alludendo all’esofago)  4. Unità di misura per quantizzare la legna
Cànna, s.f. Canna, pianta erbacea delle Graminacee. (Piccola: Cann(e)cègghia o Cannètta). – 2. Gola, ingordigia (alludendo all’esofago)  3. Unità di misura per quantizzare la legna 4. Tubo
Cànna, s.f. Gola, ingordigia, esofago (allusione alla canna dell’esofago) – In gola: ‘ (i)ngànna’. 2. Unità di misura per quantizzare la legna,  3. Tubo. 4. Canna, pianta erbacea delle Graminacee. (Piccola: Cann(e)cègghia o Cannètta).
Cànna, s.f. Canna, come unità di misura. a) – per misurare, fino al primo quarto del XIX sec.,  le lunghezze. Lunga otto palmi, per una lunghezza totale di ml. 2,646. (Acocella). b) –  per misurare la cubatura della legna accatastata. Una “Cànna” di legna misura mt. 4,24 x 1,06 x 1,06, è pari a = 12 “pàss(e)”. Un “pàss(e)” passo = Quantità di legna che può essere racchiusa entro una corda di ml. 1,80, i cui pezzi da misurare vanno disposti, stipati parallelamente  fra di loro. 2. Canna, pianta erbacea delle Graminacee. (Piccola: Cann(e)cègghia). – 3. Gola, ingordigia (alludendo all’esofago)  4. Tubo
Cannàcca, s.f. arc. Cullana, s.f. e Collàna, s,f. Collana, monile. (Dall’arabo: ‘hannàka’: collana)
Cannàl(e), s.m. Cinghia, tipo di collare per bestie
Cannar(e)scjà, àt(e) Gozzovigliare, straviziare, gavazzare
Cannarìggija, s.f. Golosità, ghiottoneria, avidità
Cannaròn(e), s.m. e pl. (Cannarùn(e)) Esofago e trachea<Parte alta del/lla.  Letteralmente:Canna (grossa) della gola
Cannarùt(e), agg. Goloso, ingordo, dal lat. ‘canna gutturis’
Cànnava, s.f. Canapa, pianta della famiglia delle orticacee. (Dal. Gr.: ‘cannàbis’ cannabidos – canapa)
Cannàzza, s. f. Maccherone, grosso, lungo, bucato, da  cucinare spezzettato
Cannègghia, s.f. Cannetta, cannello, piccola canna. 2. Cannetta, ricavata da un tronchetto di una canna. Se ne faceva uso applicandola singolarmente sul dito medio, anulare e mignolo della mano sinistra per non ferirsi con la falce usata con l’altra mano, durante la mietitura. Vedere: “M(e)tènna” – Sul pollice si indossava lo ‘scarfùgghj(i)’
Cannèla, s.f. Candela
Cannètta, s.f. Tubicino, cannetta, piccola canna
Cannìgghj(i), s.m. Cannello, tubetto, fatto di canna, con la punta tagliata ad angolo. Se ne faceva uso, innestandolo sullo stretto foro della “Fiasca’ (Fiasco) in legno o di quella più piccola (Fiaschègghia), per bere.
Cannìt(e), s.m. Canneto
Cannìzz(e), s.m. Cannicciata
Cannocchiàl(e), s.m. Cannocchiale. 2. Laterizio (foratone) il cui termine è riferito, per similitudine,  ad un tipo di grossi mattoni forati.
Cannocchiàl(e), s.m. Laterizio (foratone) il cui termine è riferito, per similitudine,  ad un tipo di grossi mattoni forati. 2. Cannocchiale.
Cannottìera, s.f. Canottiera
Cannùccia Cannùccia, anche “Cann(e)cègghia” vedi: “Cànna”
Cannùol(e), s.m. Cannolo, piccola canna – (i)Ngèra nà pìla chi t(e)nìa trè cannùol(e) = C’era una pila a tre canne. 2. Cannolo, dolce siciliano a forma di tubo con ripieno a base di ricotta, zucchero e canditi
Cannùol(e), s.m. Cannolo, dolce siciliano a forma di tubo con ripieno a base di ricotta, zucchero e canditi.  2.  Cannolo, piccola canna.
Canòsc(e), can(e)sciùt(e) Conoscere, riconoscere il carattere
Cànt(e), s.m. Canto
Cant(e)nàta, s.f.  e Cand(e)nàta, s,f. Cantonata
Cant(e)nìer(e), s.m. e Cand(e)nìer(e), s.m. Cantoniere, stradino, addetto alla manutenzione dei cigli stradali, delle cunette.
Cantà, àt(e) e Candà, àt(e) Cantare
Cantànt(e), s.m. e Candànt(e), s.m. Cantante
Càntar(e), s.m., e Càndar(e), s.m. Càntero, orinale, pitale, vaso da notte detto anche: “P(e)sciatùr(e)” – (Termine usato in maniera ironica per indicare i recipienti utilizzati per raccogliere non quanto è destinato ad entrare nell’apparato digerente, ma quanto ve ne esce). 2. Pentolo, grande pentola panciuta (lat. ‘cantharus’, ‘specie di vaso’, ‘vasca’, di origine greca)
Cantastòrij(e), s.m. e Candastòrij(e), s.m. Cantastorie
Cantatòr(e), s.m. e Candatòr(e), s.m. Cantatore
Cantìna, s.f. e Candìna, s.f. e Hròtta, s.f. Cantina
Cantòn(e), s.m. e Candòn(e), s.m. Cantone
Canùzz(e), s.m. e canìegghj(i), s.m. Cagnuzzo, cagnolino
Canzòn(e), s.f. e Canzòna, s.f. arc. Canzone, componimento musicale – Pl.: ‘Canzùn(e)’ – Espress.: “T(e)né (i)ncanzòna” o “P(e)rtà (i)ncanzòna” = Temporeggiare, guadagnar tempo, procrastinare, differire
Càp(e) e Cròc(e), s.m. Testa e croce, gioco che si fa scommettendo per il diritto o il rovescio di una moneta o per il sorteggio fra due cose o persone.
Càp(e), s.f. Capo, testa, cervello, raziocinio; volg. detta anche “Còzza” – N’n tèn(e) càp(e) r’ scj'(i) fòr(e) = Non ha voglia di andare in campagna. – Giocare a testa e croce = Sciuquà à Càp(e) e Cròc(e) –  Testone = “Capacchiòn(e)”. – Decapitare: “Taglià la càp(e)” – In testa =  “(i)ngàp(e)”. 2. Comandante, capo. 3. Capo, individuo, unità di un complesso di animali o di cose. – Nù càp(e) r'(e) sauzìcchj(i) = Un capo di salame. 4.Ciascuna delle due parti terminali di un oggetto. 5. Cervello, raziocinio
Càp(e), s.f. Capo, comandante. 2. Capo, testa, cervello, raziocinio, voglia, volontà.  – In testa = “(i)N’càp(e)” = “(i)N’gàp(e)” – Testone = “Capacchiòn(e)”. 3. Capo, individuo, unità di un complesso di animali o di cose. 4.Ciascuna delle due parti terminali di un oggetto
Cap(e)còrda, s.m. Capocorda. Terminazione metallica di una fune (redancia) o di un cavo elettrico per la connessione elettrica
Cap(e)cùogghj(i), s.m. Capicollo
Càp(e)cùoll(e), s.m. e Càp(e)cùoggh(i), s.m. Capocollo, salame ottenuto con l’uso di carne ricavata dalla testa e dal collo dell’animale.
Càp(e)frìsc(e)ch(e), agg. Spensierato, persona con pochi pensieri, che ha voglia di scherzare – Dicesi anche: “Sp(e)nzaràt(e)”
Cap(e)llàr(e), s.m. Cambiacapelli, raccoglitore di capelli ambulante. (Cambiacapelli; ‘Capellare’ a Potenza), che una volta girava per le case,  addetto alla raccolta dei capelli, messi da parte dalle massaie, dando in cambio altra merce
Cap(e)màstr(e), s.m. Capomastro,
Cap(e)ràl(e), s.m. Caporale. 2. Capo di una squadra di operai
Cap(e)rànn(e), s.m. Capodanno
Cap(e)règghia, s.f. Testina
Cap(e)sciòla, s.f. Fettuccia, trina, nastro, nastrino, merletto. (Sp: ‘capichola’ (cordoncino in seta)
Cap(e)sòtta, avv. Rovescio, sottosopra (a capo sotto)
Cap(e)t(e)scià, àt(e) e Cap(e)t(e)scijà, àt(e) Sonnecchiare, dormicchiare, pisolare, piegando involontariamente il capo. – (Da ‘càp(e)’ capo ed il suff. verbale ‘t(e)scià’, muovere la testa per il sonnecchiare)
Cap(e)t(e)sciàta, s.f. Dormicchiata, pisolo, pisolino
Cap(e)tà, àt(e) Capitare, accadere
Cap(e)tàl(e), s.m. Capitale, valore di denaro o di beni di cui si dispone la rendita o il frutto
Cap(e)tàla, s.f. arc e capitàl(e), s.f. Capitale, città principale di uno Stato
Cap(e)tìegghj(i), s.m. Pezzetto, piccolo pezzo di qualcosa oblunga, in genere riferita al salame “sauzìcchj(i)” – Ràmm(e) nù cap(e)tiègghj(i) r'(e) sauzìcchj(i) = Dammi un pezzetto di salsicca
Cap(e)tòn(e), s.m. e Capitòn(e), s.m. Capitone, è la femmina dell’anguilla, di maggiore dimensione del maschio
Cap(e)tùost(e), agg. Testone, testardo, caparbio, ottuso, cocciuto
Cap(e)v(e)tà, àt(e) Capovolgere, ribaltare
Cap(e)v(e)tàt(e) Capovolto, ribaltato
Cap(e)vacànd(e), agg. Irriflessivo, superficiale, testa vuota, sbadato
Cap(e)vòta, s.f. Svolta, angolo, voltata
Càp(e)z(e)rlìa, s.f. Riottosità, litigiosità – Andònij(e) fàc(e) sèmb(e) càp(e)z(i)rlìa = Antonio fa sempre il litigioso
Càp(e)z(e)rlùs(e), s.m. Riottoso, puntiglioso, capriccioso, litigioso e insofferente di ogni norma e disciplina, ribelle alle imposizioni e ai consigli. – (Da ‘càp’ testa e ‘z(e)rlùs(e)’ riccioluto, volendo eccostare il termine allo stesso senso del detto sulla donna riccia: ogni rìccio, un capriccio!)
Cap(e)zzòn(e), s.m. Cavezzone, grossa cavezza. 2.Capo, persona di potere
Cap(e)zzòn(e), s.m. Capo, persona di potere. 2. Cavezzone, grossa cavezza
Cap_cùl(e), s.m. Inversione, giro, voltata, rovesciamento, – Hàv(e) fàtt(e) càp_cùl(e) e s'(e) né ggiùt(e) = Ha fatto una inversione ed è andato via.
Capabbàgghj(i), s.f.), s.f. Discesa, scesa, declivio
Capàc(e), agg. Possibile, probabile. E’ capàc(e) cà o’sc(e) chiòv(e) = E’ possibile che oggi piova. 2. Capace, abile, intelligente, persuaso – S’èia fàtt(e) capàc(e) = Si è persuaso
Capàc(e), agg. Capace, abile, intelligente, persuaso – S’èia fàtt(e) capàc(e) = Si è persuaso. 2. Possibile, probabile – E’ capàc(e) cà n’n(e) vèn(e) chiù! = E’ possibile che non viene più!
Capacchiòn(e), s.m. Testone
Capacchiòn(e), s.m. Testone, capoccione, zuccone, persona che ha la testa grossa
Capaddòzzij(e), s.m. Principale, capo di un gruppo di lavoro
Capammònd(e), s.f. Salita, erta, costa, rampa
Capàn(e), s.m. Gabbano o gabbana, un tipo di soprabito largo e lungo, con cappuccio. Poi anche giubba, casacca
Capàta, s.f. Capata, colpo battuto col capo, testata
Capè, ùt(e) Stare, poter entrare o stare in un luogo, capère. – (Dal lat. capĕre, con mutamento di coniugazione; v. capire – Non cape in triangol due ottusi (Dante) – [da treccani.it]). –  A’ valìggia n'(e)n n’g(e) càp(e) n’dà lù stìp(e) = La valigia non entra nello stipo
Capè, ùt(e) Capère, stare, entrare, contenere. – A’ valìggia n'(e)n n’g(e) càp(e) n’dà lù stìp(e) = La valigia non entra nello stipo
Capèzza, s.f. Cavezza, corda, guinzaglio, capèzza (forma meno comune di cavezza) –  (lat. ‘capistrum’ – Sp.: ‘cabeza’) – Incavezzare = “(i)ngap(e)zzà”
Capì, ìt(e) Capire, comprendere – L’infinito viene espresso anche: ‘Capìsc(e)’ – P'(e) quìgghj(i) n'(e)n g'(e) vòl(e) nìent(e) à capìsce r'(e) còs(e) = Per quello non ci vuole niente a capire le cose
Capìcchj(i), s.m. Capezzolo. Pl.: “I Capìcchj(i)” ed anche “R'(e) Capècchj(i)” (plurale)
Capìgghj(i), s.m. Capello. Anche: “Zìrl(e)” – Capellone: “Z(e)rlùs(e)” – Plurale: ‘Capìgghj(i)’ – La persona ambulante che una volta girava per le case per la raccolta dei capelli barattandoli con altra mercanzia veniva detta: “ù ‘Cap(e)llàr(e)”
Capitàn(e), s.m. Capitano
Capitòn(e), s.m. e Cap(e)tòn(e), s.m. Capitone, è la femmina dell’anguilla ed è di maggiore dimensione del maschio
Capòcchia, s.f. Capocchia
Capocciòn(e), s.m. Capoccione, testone; persona che ha la testa grossa, o, scherz., che capisce poco. 2.  Persona che copre un’alta carica o che ha larga influenza
Capòn(e), s.m. Cappone, giovane gallo castrato, tra i quattro e i cinque mesi, affinchè ingrassi meglio
Cappèlla, s.f. Cappella – ‘Cappèlla r'(e) lù c…’ = Glande del pene. 2. Sbaglio, errore 3. Cappella, varietà di grano duro. 4. Tempietto, altare particolare
Cappèlla, s.f. Sbaglio, errore. – Mò ài(e) fàtt(e) pròbbia nà cappèlla! = Adesso hai fatto proprio un errore!  2. Cappella – ‘Cappèlla r'(e) lù c…’ = Glande del pene 3. Cappella, varietà di grano duro. 4. Tempietto, altare particolare
Cappèlla, s.f. Grano>Varietà di. Cappella, varietà di grano duro, con le ariste nere. – (Dal nome del Senatore Cappelli, abruzzese promotore ai primi del ‘900 della riforma agraria). 2. Cappella – ‘Cappèlla r'(e) lù c…’ = Glande del pene. 3. Sbaglio, errore. 4. Tempietto, altare particolare
Cappellino, s.m. Capp(e)gghiùzz(e)
Cappìegghj(i), s.m. Cappello
Cappigghiàr(e), s.m. Cappellaio
Cappòtt(e), s.m. Cappotto. Anche “Còtt(e)” termine arcaico
Cappòtta, s.f. Cappotta, capotta, mantice che copre le automobili
Cappùcc(e), s.m. Cappuccio
Capr(e)cciùs(e), agg. Capriccioso
Caprìcc(e), s.m. Capriccio
Capùot(e)ch(e), agg. Intrattabile, bizzarro, lunatico, testardo
Càr(e) Caro soldi
Càr(e), agg. Caro
Car(e)gnàta, s.f. Carognata
Car(e)sà, àt(e) Tosare, rapare, rasare, radere. (Da: gr. ‘Keiro’ tosare, tagliare), 2. Vincere, ripulire, spennare, carpire denaro col gioco
Car(e)sà, àt(e) Rapare, tosare, rasare – (Dal gr.: ‘cheiro’ rado, raso. – lat.: ‘cariosus’ cariato, ma pure glabro, lucido, calvo)
Car(e)sàta, s.f. Tosata, rapata
Car(e)satòr(e), s.m. Tosatore
Car(e)sègghia, s.f. Erba ‘Finocchietto’ (Finocchio selvatico, spigato) le foglie cui foglie si consumano come pianta aromatica
Càr(e)sègghia, s.f. Carosella, (triticum durum). Varietà di grano duro, senza reste e con una varietà che le possiede piccole. Dà il nome anche alla relativa farina. Varietà di grano ottimo per il mulino e per panificare. Prende il nome da ‘Car(e)sà’ tosare, in quanto si presenta senza le ariste: r'(e) ‘rèst(e)’
Car(e)sìegghj(i), s.m. Salvadanaio. Prende il nome da quello classico di coccio, a forma di palla, con la feritoia per infilare le monete, senza altre aperture e quindi per recuperare le monete è necessario romperlo definitivamente. (Dal diminutivo ‘caruso’  testa rasata, per la sua somiglianza ad una testa glabra)
Car(e)stìa, s.f. Carestia
Car(e)tà, s.f. Carità
Càr(e)v(e)nèlla, s.f. Carbonella, ottenuta da legna minuta ( “Fràsch(e)”), mediante la sua carbonizzazione, ottenuta dandole fuoco e spruzzandovi su, nel contempo spruzzi di acqua per non farla bruciare completamente.
Càr(e)v(e)nìer(e) Carbonaro, carbonaio (reg.)
Càr(e)vòn(e), s.m. Carbone.  – Pl.: ‘càr(e)vùn(e)’ – Quello di legna si produce facendola carbonizzare per combustione interna, ammassandola coperta di terra, con un buco al centro ove si immette per diverse ore della brace. Vedere: “Catùozz(e)”.
Car(e)vùnghj(i), s.m. Carbonchio o antrace. Pustola carbonchiosa, foruncolo, bollicina – Lat. ‘Carbunculus’
Cara, agg. Caro, amabile  – Càra Giuànn(e) = Caro Giovanni
Carabbìna, s.f. e Carrubbìna, s.f. Carabina, arma da fuoco portatile. 2. Trabiccolo, ferrovecchio, macinino, riferito ad in genere ad un veicolo malandato, come un’automobile, una carrozza, ecc. (Termine in auge nel dopoguerra) – Oh! Mò passa quègghia carrubbìna r(e) màcchina. = Oh! Adesso passa quel ferrovecchio di automobile-
Caràc(e), s.m. arc. e Garàg(e), s.m. e Haràsc(e), s.m. Autorimessa, garage
Caràima, s.f. Erbacce infestanti le coltivazioni agricole che in genere vanno eliminate
Caràpp(e)la, s.f. Capoccetta, (reg.) col significato di bimbo, bambolo. – (Dal gr.: ‘Kara’ testa)
Caràscja, s.f. e haràscja, s.f. Scanalatura, traccia nella muratura per incassarvi le tubazioni degli impianti elettrici, idraulici, ecc. (gr. ‘Charakion’ incisione)
Carastùs(e), agg. Esoso, caro, avido di guadagno
Caràtt(e)l(e), s.m. Carattere
Caravàna, s.f. Carovana, caravana, arc.
Carb(e)nìer(e), s.m. Carabiniere
Carbònij(e), s.m. Carbonio
Carburànt(e), s.m. e Carburànd(e), s.m. Carburante
Carbùt(e), s.m. Carburo di calcio. Con l’acqua reagisce per produre l’acetilene, per lo più usato nelle “Lampade ad acetilene” fino agli anni cinquanta del secolo XX. Allora i ragazzi, per simulare un missile, facevano volare per aria un barattolo di latta, mettendovi sotto del carburo e quindi facendo entrare dell’acqua si produceva del gas acetilene, che incendiato produceva uno scoppio che scagliava per aria il ‘missile’.
Càrc(e)r(e), s.m. Carcere
Carc(e)rà, àt(e) Carcerare
Carc(e)ràt(e), s.m. Carcerato
Carc(e)rìer(e), s.m. Carceriere
Carcà, àt(e) e Carchìsc(e) ùt(e) Calcare, premere 2. Copulare, riferito all’accoppiamento degli uccelli
Carcàgn(e), s.m. Calcagno, tallone
Carcagnàta, s.f. Calcagnata, colpo dato col calcagno
Carcagnègghia, s.m. Donnina, piccola donna
Carcagnìegghj(i), s.m. Omino, ometto, piccolo uomo. 2. Calcagno piccolo
Carcàra, s.f. Fornace che una volta veniva usata per produrre la calce, cuocendo le pietre calcaree (calcinazione), generalmente formata da una torre, in pietra, in cui venivano accatastate alternativamente legna e le pietre da cuocere. Dalla calce viva ottenuta, immersa in acqua, con grande produzione di calore, veniva spenta, per essere usata (calce spenta) – (Dal lat. ‘Calculus’ pietra > latino parlato ‘Calc(u)larius’ pietrame)
Carchì, it(e) e Carchìsc(e), ìt(e) e Carcà, àt(e) Copulare, riferito all’accoppiamento degli uccelli
Carchìsc(e) ùt(e) e Carcà, àt(e) Copulare, riferito all’accoppiamento degli uccelli. Calcare, premere
Carcìja, s.f. Cispa, residuo secco  delle lacrime agli angoli dell’occhio –  (Probabile origine dal Gr: ‘chalis’ calce, pietra da calcina od anche dal gr.: ‘kar’ esser duro con il suff. ‘cia’ per significare: ‘prodotto indurito’)
Carciòff(e)la, s.f. e Scarciòff(e)la, s.f. Carciofo, pianta erbacea delle Composite – (Dall’Ar.: ‘kharshuf’ carciofo)
Carciòff(e)la, s.f. e Scarciòff(e)la, s.f. e Carciòff(e)la, s.f. e Carciofo, pianta erbacea delle Composite
Carciùs(e), agg. Cisposo, bruttato di cispa
Card(e)nàl(e), s.m. Cardinale, alto prelato, nella chiesa. 2. Puteale, muretto di protezione del pozzo, a forma tondeggiante o trapezoidale
Card(e)nàl(e), s.m. Puteale, Muretto di protezione del pozzo, a forma tondeggiante o trapezoidale.  – (Dallo stesso etimo di ‘cardine’ > dal lat.:  ‘card’ salto, sbalzo, in quanto parapetto a sbalzo sul pozzo stesso). 2. Cardinale, alto prelato, nella chiesa
Card(e)ncègghia, s.f. e Card(e)ngègghia, s.f. Cardoncello, cardarello, fungo. (Pleurotus eryngii). 2. Cardo scolimo, o semplicem. Scolimo. Dà il nome al fungo omonimo
Card(e)ngègghia, s.f. e Card(e)ncègghia, s.f. Cardo scolimo, o semplicem. scolimo, erba bienne appartenente al genere omonimo (Scolymus hispanicus), con foglie rigide, molto spinose e fiori gialli, che cresce nei campi incolti, aridi e sabbiosi, al margine delle vie, ecc., nella regione mediterranea; la radice e le giovani foglie, particolarmente le costole, si mangiano cotte. Dà il nome al fungo omonimo 2. Cardoncello, cardarello, fungo.  (Pleurotus eryngii).
Cardà, àt(e) Cardare, districare fibre tessili (Cardatùra) – 2. Dicesi anche in senso metaforico: Ripulire qualcuno vincendogli tutto al gioco. – Dal lat. ‘carminare’ – (Da ‘cardo’ pianta con foglie e brattee spinose al margine o all’apice, che anticamente si usava per tale scopo)
Cardàt(e), agg. Ripulito, vinto al gioco, riferito a qualcuno, in senso metaforico, vincendogli tutto al gioco. 2. Cardato, scardassato, pettinato, referito a  fibre tessili. (Cardatùra). – (Da ‘cardà’)
Cardìll(e), s.m. Cardellino, cardello
Cardòn(e), s.m. Cardo, pianta erbacea delle Composite. Cardo commestibile ‘Cinara cardunculus altilis’
Carè malàt(e), carùt(e) m. Ammalarsi
Carè malat(e), carùt(e) m. e Ammalàrs(e), àt(e) Ammalarsi
Carè, ùt(e) Cadere, rovinare, venir meno
Carèzza, s.f. Carezza
Carià, àt(e) e Carlà, àt(e) arc. Cariare, corrodere, erodere, guastare, rovinare. – (Lat. ‘Carius’ e ‘caries’ Carie)
Carìzz(e), s.m. Carezza, pizzicotto affettuoso dato sulla guancia
Càrl(e), s.m. Tarlo. 2. “Carlo” nome di persona
Carlà, àt(e) arc. e Carià, s.f. Corrodere, cariare, erodere, guastare, rovinare. – (Lat. ‘Carius’ e ‘caries’ Carie)
Carlà, àt(e) arc. e Tarlà, àt(e) Tarlare. (Lat. ‘Carius’ e ‘caries’ Carie) –  A’ tràv(e) èra tùtta carlàta = la trave era tutta tarlàta
Carlàt(e), agg. Tarlato
Carm(e)nà, àt(e) Carminare, scardassare, pettinare riferito alla lavorazione della lana
Carn(e)vàl(e), s.m. Carnevale
Càrna, s.f. Carne – Pl.: ‘Càrn(e)’
Carnacchiàr(e), s.m. Carne<Amante della.Amante della carne. Forte mangiatore di carne
Carnàl(e), agg. Carnale
Carnùs(e), agg. Carnoso
Caròcchia, s.f. e Caròpp(e)la, s.f. Pugnetto di striscio dato scherzosamente sulla testa dei bambini, ruotando leggeremente le nocche della mano – (Gr.: (Cheir) mano e (Cheo) scorrere per indicare un tocco roteante) – E’ il ‘Nocchino’ (reg. tosc.) [der. di nocca1]– Colpo dato con le nocche della mano chiusa: dare un n. sul capo a qualcuno; maestro che, a forza di nocchini, ci voleva inzeppare nel capo le poesie bernesche di Giuseppe Giusti (L. Viani)
Carògna, s.f. Carogna, bestia morta lat. volg. ‘caronia’
Carògna, s.m. Carogna, appellativo ingiurioso di persona spietata, perfida
Caròpp(e)la, s.f. e Caròcchia, s.f. Colpetto,  pugnetto di striscio dato scherzosamente sulla testa dei bambini, ruotando leggeremente le nocche della mano – (Gr.: (Cheir) mano e (Cheo) scorrere per indicare un tocco roteante) – (Lat. ‘Crotalum’ nacchera) – (Gr.: (Cheir) mano e (Cheo) scorrere per indicare un tocco roteante) – E’ il ‘Nocchino’ (reg. tosc.) [der. di nocca1]– Colpo dato con le nocche della mano chiusa: dare un n. sul capo a qualcuno; maestro che, a forza di nocchini, ci voleva inzeppare nel capo le poesie bernesche di Giuseppe Giusti (L. Viani)
Caròta, s.f. Carota, erba delle Ombrellifere che si coltiva per il fittone radicale commestibile di colore giallo arancione
Carp(e)làma, s. f. Bambino, giovanètto molto piccolo. Anche: “Criatùr(e)” – E’ ancòra nà carp(e)làma! = E’ ancora un bambinello!
Càrp(e)n(e), s.m. Carpine, carpino. Albero delle Betulacee
Carp(e)ndìer(e), s.m. Carpentiere.
Carpà, àt(e) Irruvidire, aggrinzire, rendere ineguale una superficie liscia
Carpàt(e), agg Butterato, aggrinzito
Càrr(e), s.m. Carro – Carrettino: ‘Carr(e)tìegghj(i)’
Carr(e)cà, àt(e) Caricare
Càrr(e)ca, s.f. Carica
Carr(e)càta, s.f. Caricamento, caricatura, il caricare
Carr(e)cchiàn(e), s.m. Avaro, va con i piedi di piombo (da:carro che corre piano, nello spendere)
Càrr(e)ch(e), s.m. e agg. Carico, roba aricata, ecc.
Carr(e)scià, àt(e) Trasportare, spostare, carreggiare
Carr(e)scià, àt(e) Carreggiare, trasportare, spostare
Carr(e)sciàta, s.f. Trasporto, trasportamento, trasferimento – Cù nà carr(e)sciàta p(e)rtài tùtt(e) = Con un carico trasportai tutto
Carr(e)sciàta, s.f. e carrijàta, s.f. Carrata, quantità di roba che può stare in un carro
Carr(e)tìegghj(i), s.f. Carrettino, generalmente usato, fino a circa la metà del XX sec., per indicare il piccolo carro giocattolo che costruivano i ragazzi, per correrci sopra.
Carr(e)ttègghia, s.f. e Carr(e)tègghia, s.f. Carrettina
Carr(e)ttòn(e), s.m. Carrettone
Carr(e)zzègghia, s.f. Carrozzella
Carr(e)zzìer(e), s.m. Carrozzaio, carrozziere, chi fabbrica o ripara carrozze. 2. Riparatore della carrozzeria, dei sedili, delle rifiniture di automobili, motocicli e sim. – (Anche: ‘Battilamìera’)
Carrà, àt(e) arc. Trasportare, carreggiare con carri i covoni di grano dal campo fino al luogo di trebbiatura, durante il periodo di mietitura. (Attività non più in uso da quando la mietitura e la trebbiaìtura avviene con l’uso della mietitrèbbiatrice. (Mietitrèbbia)
Carràr(e), s.m. Carraia, carriera, strada sterrata per carri
Carrèll(e), s.m. Carrello
Carrèra, s.f. Carriera, via per i carri. – A tòtta carrèra – a tutta carriera. (Cioè andare alla celerità che permette una via larga,  destinata per i carri, e quindi andare di corsa). – (dal provenz. ant. ‘carreira’ e ‘carriera’ via percorsa da carri)
Carrètt(e), s.m. Carretto
Carrètta, s.f. Carretta, piccolo carro a due ruote, generalmente tirato a mano 2. Veicolo vecchio e malridotto
Carrètta, s.f. Veicolo vecchio e malridotto. 2 Carretta, piccolo carro a due ruote, generalmente tirato a mano
Carriòla, s.f. Carriola
Carròzza, s.f. Carrozza
Carrubbìna, s.f. e Carabbìna, s.f. Trabiccolo, ferrovecchio, macinino, riferito ad in genere ad un veicolo malandato, come un’automobile, una carrozza, ecc. (Termine in auge nel dopoguerra) – Oh! Mò passa quègghia carrubbìna r(e) màcchina. = Oh! Adesso passa quel ferrovecchio di automobile. 2.  –  Carabina, arma da fuoco portatile
Carrubbìna, s.f. o Caccavèlla, s.f.. o Caccavègghia, s.f. Catorcio di veicolo, come un’automobile, una bicicletta, ecc. – (Da: ‘carrubbina’ carabina’ che per antonomasia funziona correttamente, per indicare invece, ironicamente, qualcosa che funziona male: la ‘caccavèlla’)
Carrùozz(e), s.m. Cumulo, mucchio, ammasso.
Cart(e)llìn(e), s.m. Cartellino
Cart(e)llìna, s.f. Cartolina
Càrta, s.f. Carta. Carta vetrata = “Càrta v(e)tràta”
Cartàr(e), s.m. Cartaio, in particolare il giocatore di carte che le mescola e  le distribuisce
Cartègg(e), s.m. Carteggio
Cartègghia, s.f. Bustina di carta usata in farmacia. Anticamente il farmacista le confezionava commestibili, fatte con ostie di farina, per contenere le medicine. 2. Cartella.  3. Ricevuta, attestante il pagamento di una quota per partecipare al sorteggio di una riffa effettuata in occasione delle feste patronali.
Cartègghia, s.f. Cartella. 2. Bustina di carta usata in farmacia. Anticamente il farmacista le confezionava commestibili, fatte con ostie di farina, per contenere le medicine. 3. Ricevuta, attestante il pagamento di una quota per partecipare al sorteggio di una riffa effettuata in occasione delle feste patronali.
Cartègghia, s.f. Ricevuta, attestante il pagamento di una quota per partecipare al sorteggio di una riffa effettuata in occasione delle feste patronali. 2. Bustina di carta usata in farmacia. Anticamente il farmacista le confezionava commestibili, fatte con ostie di farina, per contenere le medicine. 3. Cartella.
Cartìegghj(i), s.m. e Cartìell(e), s.m. Cartello, iscrizione, avviso, cartellone
Cartìell(e), s.m. e Cartìegghj(i), s.m. Iscrizione. cartello,  avviso, cartellone
Cartìna. s.f. Cartina
Cartòcc(e), s.m. Cartoccio, involto, foglio di carta ravvolto a forma di cono, in genere per generi alimentari minuti. Anche ‘Cùopp(e)’ arc. – M’àgg(e) accattàt(e) nù cartòcc(e) r'(e) n(e)cègghj(i) = Ho comprato un cartoccio di arachidi. 2. Pacchetto di carta contenente in genere prodotti dolciari.
Cartòcc(e), s.m. Pacchetto di carta contenente in genere prodotti dolciari.. – S’è pr(e)s(e)ntàt(e) cù nù  cartòcc(e) r'(e) pàst(e) = Si è presentato con un pacchetto di paste dolci. 2. Cartoccio, foglio di carta ravvolto a forma di cono, in genere per generi alimentari minuti. Anche ‘Cùopp(e)’ arc.
Cartòn(e), s.m. Cartone
Cartùcc(e), s.m. e Cartùccia, s.f. Cartuccia . ‘Mèzza cartùccia’ = Uomo da poco o di bassa statura
Carùla, s.f. Agoraio, piccolo astuccio per contenere gli aghi – (Dal lat. ‘Acus’ ago, con suffisso -‘ola’, ‘ua’- in lucano ‘acarula’ e calabrese ‘acarulu’- (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – voce ‘cajjòla’ pag. 102)) – Nel nostro dialetto, chiamata ‘carula’, ha perso la ‘a’ iniziale che è divenuta articolo: ‘à carùla’ = la ‘carula’)
Carùopp(e)l(e), s.m. Fagottello, piccolo involto 2. Bambinello, chiamato in tono scherzoso, al femmnile ‘Caràpp(e)la’
Carùopp(e)l(e), s.m. Bambinello, chiamato in tono scherzoso; al femmnile ‘Caràpp(e)la’. 2. Fagottello, piccolo involto
Carùopp(e)l(e), s.m.e Caròpp(e)la, s.f. Testina, tozzo, pezzo, escrescenza (Gr. ‘Kara’ Testa rasa) – Nà caròpp(e)la r'(e) pàn(e) – Un tozzo di pane
Carùs(e), s.m. Rapata, rapa, tosata, caruso (dial. siciliano) (Gr. ‘cheiro’ tosare)
Carùta, s.f. Caduta
Càs(e), s.m. Cacio, formaggio. (Lat. ‘caseus’) – Usato anche ‘Còsa’. 2. Caso, combinazione
Càs(e), s.m. Caso, combinazione, coincidenza. 2. Cacio, formaggio. (Lat. ‘caseus’). – Usato anche ‘Còsa’.
Cas(e)cavàgghj(i), s.m. Caciocavallo, formaggio tipico del meridione, a pasta dura, dolce o piccante, in forme tondeggianti,terminante apicalmente con una piccola escrescenza globulare, per essere appiccato, fatto con latte intero di vacca. (Comp. di cacio e cavallo (forse perché si conservano a coppie, legati a cavallo di un bastone)
Cas(e)r(e)còtta, s.f. Cacio_ricotta. Si ottiene riscaldando il latte fino a bollitura, quindi facendolo raffreddare a 37 ÷ 38 C°, aggiungendo il caglio di capretto. Dopo circa mezz’ora si rompe la cagliata fino a ridurla in minuti pezzettini, che messi in fuscelle di giunchi ‘F(e)scègghia’ vengono pressati con le dita per far fuoriuscire il siero. Le stesse fuscelle si lasciano su di un’asse per qualche giorno per farle gocciolare bene. La pasta ottenuta, tolta dalle fuscelle viene salata a secco e si mette ad asciugare in locali freschi. Dopo una ventina di giorni si consuma. Se asciugherà più a lungo si può anche grattugiare.
Càsa, s.f. Casa – (dim.: Casègghia, casarègghia) = casetta)
Casàl(e), s.m. Casale
Casalìn(e), s.m. Casalino, piccola casa, tugurio, casa in rovina. – (Il termine ha dato luogo al toponimo: ‘lì casalìn(i)’ i casalini)
Casàr(e), s.m. e Casìer(e), s.m. Casaro, produttore di formaggio (Càs(e) = Cacio) – (Lat, tardi ‘casearius’) – Femm. ‘Casèra’
Casàzz(e), s.m. Bica, meta, grande mucchio cilindrico di covoni, terminante a tronco di cono, approntato nell’aia per la trebbiatura. – (Da ‘casa’ > ammassso di covoni, a mo’ di casa) –  Vedere: “M(e)tènna”  – Formare il “Casàzz(e)” = Accasazzà”.
Casc(e)cavèlla, s.f. Susina, albero e frutto delle Rosacee (Prunus domestica) – Varietà con frutto in genere di colore giallo, di piccola dimensione come una ciliegia.
Càsc(e)p(e)ta, inter. e Àsc(e)p(e)ta, inter. Caspita
Casc(e)tèggia, s.f. Cassetta<Piccola. Vedi: “Cascètta”
Cascètta, s.f. Cassetta. Molto piccola: “Casc(e)tèggia” o “Casc(e)ttèggia”
Càscia, s.f. Cassa – Dim.: ‘cascètta’ cassetta, ‘casc(e)tègghia’ cassettina
Casciabàngh(e), s.m. e Casciabbànga, s.f. Cassone, grossa cassa sgangherata
Casciafòrt(e), s.f. Cassaforte
Casciàra, s.f. Gazzarra, chiasso, baccano, confusione, caciàra (laziale: Roma) –  Cagnara, gran chiasso di persone che ridono e si divertono o che litigano
Casciòn(e), s.m. Cassone. In particolare il cassone tenuto nelle casa contadina, come una credenza, per contenere le derrate alimentari, generalmente il grano.
Casìegghj(i), s.m. Casino, casetta  per animali domestici, usata ad uso familiare, quali galline, il maiale, ecc.
Casìer(e), s.m. e casàr(e), s.m. Casaro, produttore di formaggio (Càs(e) = Cacio) (Lat, tardi ‘casearius’)  – Femm. ‘Casèra’
Casìn(e), s.m. Casino, casetta signorile di campagna. 2. Casa di prostituzione. 3. Baccano, frastuono,  chiasso, confusione, disordine
Casìn(e), s.m. Frastuono,  baccano, chiasso, confusione, disordine. 2. Casino, casetta signorile di campagna. 3. Casa di prostituzione
Casinìsta, s.m. Confusionario, pasticcione
Cass(e)llà, àt(e) e Scass(e)llà, àt(e) Depennare, abradere, cancellare, cassare – (Dal tardo lat.: ‘cassare’)
Cass(e)llà, àt(e), Canc(e)llà, àt(e) Cang(e)llà, àt(e) e Cassà, àt(e) arc Abradere,  depennare, cassare, cancellare
Cassà, àt(e) arc. e Canc(e)llà, àt(e) Cang(e)llà, àt(e) Cancellare, cassare, depennare, abradere- (Dal tardo lat.: ‘cassare’)
Cassìer(e), s.m. Cassiere
Cassìn(e), s.m. Cancellino
Cassonètt(e), s.m. Cassonetto
Cast(e)gliòn(e), s.m. Castiglione, piccolo castello o fortezza; paese cinto di mura, borgo. E’ pure un toponimo di una località del nostro territorio col nome di ‘Cast(e)gliòn(e)’ presso il quale esisteva un piccolo borgo di campagna.
Cast(e)hà, àt(e) Castigare, punire
Castàgn(e), s.m. Castagno, pianta (Castanea sativa)
Castàgna, s.f. Castagna, frutto commestibile del castagno (‘Castàgn(e)’)
Castagnìt(e), s.m. Castagneto, bosco di castagne. – Termine che ha dato nome ad una località del nostro territorio agricolo come: ‘à castagnèta’
Castagnòl(e), pl.f. Castagnole, castagnette, nacchere
Castìegghj(i), s.m. Castello
Castìh(e), s.m. Castigo
Castrà, àt(e) Castrare
Castràt(e), s.m. Castrato, agnellone castrato, pezzo di carne di castrato
Càt(e), s.m. Secchio, bacinella – lat.: ‘cadus’ vaso per il vino
Cat(e)nàzz(e), s.m. Catenaccio
Càt(e)nègghia, s.f. Catinella, piccola catena.
Cat(e)nìegghj(i), s.m. Gancio grosso, in ferro, ad anello, infisso nel muro per legare gli animali od anche ai soffitti delle abitazioni ove, una volta, venivano assicurate le pertiche in legno (‘pèrt(e)ca’) alle quali appendere ad essiccare i salami, gli ortaggi, e quant’altro per la loro conservazione – (Da catena, volendo intendere ‘uno dei componenti della stessa’ come singolo ‘cat(e)nìegghj(i)’ e cioè un anello della catena stessa)
Catafùorchj(i), s.m. Buco, tana, grotta che si inoltra al di sotto del piano di campagna, bugigattolo, topaia. –  (Da: gr.: κάτω [kato] = sotto e dal tardo lat.: ‘Furica’ = acquedotto, per significare: ‘fogna’) – Vedere anche: ‘Catùosc(e)’
Catalètt(e), s.m. Bara, feretro  2. Portantina
Catalètt(e), s.m. Portantina. 2.  Bara, feretro
Catap(e)stà, àt(e) Calpestare, calcare, pestare schiacciare coi piedi (Da: suff. Cata = in giù + pestare)
Cataplàsma, s.m. e (i)Nbiàstr(e), s.m. Cataplasma, impiastro, medicamento – Anche: ‘St(e)ppàta’ – Fig.: dicesi a persona molesta, indiscreta, importuna. – Cataplasma stà anche per persona impacciata, passiva, inespressiva, inetta: ‘Stài(e) cùm(e) nù cataplàsma! = Stà come un impiastro, una persona inespressiva!’
Cataràtt(e), s.m. Botola, cateratta – (Dal gr. ‘catarràktes’ comp. Da ‘katà’ giu e ‘ràsso’ precipito, erompo)
Cataràtta, s.f. Cateratta, malattia del cristallino dell’occhio che si addensa morbosamente impedendo, a modo di cateratta, ai raggi di luminosi di attraversarla. – (Dal gr. ‘catarràktes’ comp. Da ‘katà’ giu e ‘ràsso’ precipito, erompo)
Catarìna, s.f. Scodella fonda con un’asta graduata per misurare il volume del latte. Il nome Caterina, assegnato spesso a piante, animali e cose varie, ha anche il significato di ‘vulva’ che qui vuol rappresentare , come anche in tanti altri casi, l’arnese  incavato che riceve la vite.
Catàrr(e), s.m. Catarro
Catarrùs(e), agg. Catarroso, persona con accentuata secrezione catarrale delle vie respiratorie
Catechìsm(e), s.m. Catechismo
Catèna r'(e) lù cùoggh(i), s.f. Vertebre cervicali
Catèna, s. f. Catena – Piccola: ‘cat(e)nègghia’ – Molto piccola: ‘cat(e)n(e)gghiùzza’
Catètar(e), s.m. Catetere
Catòrc(e), s.m. Catorcio, oggetto di nessun valore, vecchio e mal ridotto
Catràmma, s.f. Catrame
Cattìglia, s.f. Ascella (Dal Gr.: ‘catùaju’ locale sotto, scantinato. Dal gr.: ‘katà’ ‘oikià: sotto casa. Termine usato per indicare l’incavo sotto il braccio, l’ascella )-  Pìglia quìgghiu nnàrt(e) mitt(e)tìll sòtta cattìglia e pòrtal(e) (i)ngìmma ghià = piglia quell’oggetto mettitelo sotto il braccio e portalo lassù. – 2. Le ascelle sono nominate con l’italiano arc.: “gavigne” da cui: “aggavignare” prendre qualcosa sotto le ascelle.
Cattòlich(e), agg. Cattolico
Catturà, àt(e) Catturare
Cattura, s.f. Cattura
Catùosc(e), s.m. Ricettacolo, tana, buca, sgabuzzino. (Dal gr.:  ‘katògaios’ locale interrato)
Catùozz(e) r'(e) car(e)vùn(e), s. m. Carbonaia, il mucchio di legna coperto di terra battuta,  innalzato in strati successivi per produrre il carbone. Il suo interno, attraverso un buco centrale, viene alimentato con della brace per molte ore consecutive affinchè la legna, non a contatto con l’aria, si carbonizzi, per ottenere il carbone. (Gr. ‘Katogeion’ sotterraneo)
Catùozz(e), s. m. Cumulo, mucchio, ammasso.
Càuc(e), s.f. Calce, sia calce viva che spenta, che con aggiunta di acqua e sabbia forma il Grassello. 2. Malta. 3. Calcio, percossa inferta col piede
Càuc(e), s.f. Calcio, pedata, percossa inferta col piede. 2. Gioco del calcio. 3. Calce, sia calce viva che spenta. 4. Malta in generale di tutti i tipi.
Càuc(e), s.f. Calcina, malta in generale, di tutti i tipi. – 2. Calce viva ed anche calce spenta.  3. Calcio, percossa inferta col piede
Cauc(e)jà, àt(e) e Caucijà, àt(e) Calciare, scalciare, prendere a calci, malmenare ripetutamente a pedate, schiaffi e quant’altro, nello medesimo tempo. – (Da: ‘càuc(e)’ calcio, pedata)
Cauc(e)jà, àt(e) e Caucijà, àt(e) Scalciare, calciare, prendere a calci, malmenare ripetutamente a pedate, schiaffi e quant’altro, nello medesimo tempo. – (Da: ‘càuc(e)’ calcio, pedata)
Cauc(e)jàta, s.f. Scalciata multipla, serie di calci per malmenare qualcuno
Cauc(e)rògna, s. f. Calcinaccio, pezzetto di calcina, staccatasi posteriormente alla sua messa in opera. – (Da ‘càuc(e) con il suffisso diminutivo ‘rògna’ ognolo)
Cauc(e)strùzz(e), s.m. Calcestruzzo
Càul(e), s.m. Cavolo. C’e quello comune con foglie larghe ‘Brassica oleacera’; a foglie lunghe, nerastro:  ‘Brassica Nigra’ – Cima dolce ‘Brassica rapa’ – Vrùocchel(e) maturi ‘Brassica-Silvestris’ – Vrùocchel(e), infiorescenze di cavolo o di rapa raccolti prima dello sbocciare dei fiori.
Caut(e)là, àt(e) Cautelare
Caut(e)lià, àt(e) Cautelare
Càuz(e)lèggh(i), s.f. Calzettine.
Cauz(e)ngìegghj(i), s.m. Calzoncino
Cauz(e)ttàr(e), s.f. Calzaiòlo, fabbricante o venditore di calze
Cauz(e)ttìn(e), s.m. e Cauzarìell(e), s.m. e Cauz(e)ttìegghj(i), s.m. Calzino
Cauz(e)ttòn(e), s.m. Calzettone
Cauzà, àt(e) Calzare
Càuza, s.f. (arc.) Calza
Cauzètta, s.f. Calza, calzetta. – (Fr,; ‘chausètte)
Cauzòn(e), s.m. Calzone.  Pantaloni: ‘Cauzùn(e)’
Cauzùn(e), s.m. Pantaloni, calzone: ‘Cauzòn(e)’ – Cauzùn(e) à zòmba fuoss(e) = Pantaloni indossati troppo corti; – Cauzùn(e) à m(e)tìgghj(i) = Pantaloni affusolati verso il collo del piede
Càv(e), s.m. Cavo
Càv(e), s.m. e Fìl(e) r'(e) là currèndà, s.m.. Cavo elettrico, filo elettrico
Cav(e)tà, àt(e) e Cavà, àt(e) Cavare, praticare un incavo. 2. Scavare.
Càv(e)tàt(e), agg. Incavato, affossato, bucato
Càv(e)tàt(e), agg. Bucato, incavato, affossato,
Cavà, àt(e) e Cav(e)tà, àt(e) Cavare, togliere.  2. Incavare, praticare un incavo ‘cavùt(e)’.  – (Dal lat. parlato: ‘cavitare’)
Cavà, àt(e) e Cav(e)tà, àt(e) Scavare. 2. Cavare, praticare un incavo. 3. Cavare, togliere
Cavàggh(i)<Scj(j) à. Sciùt(e) à c. Cavalcare. – “Scj(i) à cavàggh(i)” = andare a cavallo
Cavàgghj(i), s. m. Cavallo. – Per incitarlo a camminare si dice: “Aa!” – Per farlo arrestare si dice “Ijh!” Od anche: “Ijsc(i)!” – f.: ‘Sc(e)mmènda’ – Dim.: ‘Cavagghiùzz(e)’ cavallino – Puledro = ‘P(e)gghìtr(e)’
Cavalìer(e), s.m. Cavaliere
Cavallètt(e), s.m. Cavalletto
Cavallètta, s.f. Cavalletta
Cavallòtt(e), agg. s.m. Tondeggiante, a tutto tondo, indicante in genere i pennini ‘P(e)nnìn(e)’. – Ìi(e) àùs(e) ì p(e)nnìn(e) à cavallòtt(e) = Io uso pennini a forma tondeggiante. 2. Ghiera a mezzaluna, archetto, graffa a semicerchio
Cavallòtt(e), s.m. agg. Ghiera a mezzaluna, archetto, graffa a semicerchio. P'(e) lù f(e)rmà mìtt(e) nù cavallòtt(e) r'(e) fìerr(e) = Per fermaro mettici una graffa di ferro. 2. Tondeggiante, a tutto tondo, indicante in genere i pennini ‘P(e)nnìn(e)’
Cavatàpp(e), s.m. e Ssòpp(e)la b(e)ttìglia, s.f. arc. Cavatappi
Cavatùr(e), Cavatrice, attrezzo per cavare un incavo , per praticare un buco
Cavètta, s.f. arc. e Havètta, s.f. Gavetta, recipiente di latta o alluminio nei quali i soldati ricevono e consumano il rancio (Lat.: ‘ gabatae’ piatto fondo, catino – vedere anche il nostro calitrano Àut(e))
Cavùorchj(i), s.m.  e Cafùorchj(i), s.m. Tana, buco, budello, nascondiglio, covo, tugurio. – (Dalla base lat.: ‘cavus’ incavato > dal gr.: ‘kofilos’ cavo)
Cavùot(e), s.m. e Cavùt(e), s.m. Cavità, incavo, buco. – (Dal lat. Parlato: ‘cavutus’ = (in)cavato, cavità)
Cavùt(e), s.m. e Cavùot(e), s.m. Incavo, buco, cavità. – (Dal lat. Parlato: ‘cavutus’ = (in)cavato, cavità)
Càzz(e) mìj(i), agg.e s.m. Scaltro, furbo, egoista (in quanto pensa al suo solo godimento). – A’h, Robèrt(e), èia nù càzz(e) mij(i)! = Ah Roberto è un furbo!
Càzz(e)! escl. Càspita!, capperi!
Càzz(e), s.m. e Quàzz(e), s.m. arc. e Càcchj(i), s.m. Cazzo, pene. Modo di dire: Tèn(e) lì càzz(e) (i)ncàp(e) = Ha tanti pensieri – Del cane che alla fine della copula resta congiunto con la cagna vedasi “(i)Ngazz(e)gghiàt(e)”
Càzz(e), s.m. e Quàzz(e), s.m. arc. e Càcchj(i), s.m. Cazzo, pene. – Del cane che alla fine della copula resta congiunto con la cagna vedasi “(i)Ngazz(e)gghiàt(e)”
Cazzàta, s.f. Stupidaggine, idiozia, errore marchiano, scemenza, fesseria (Da albero della nave, in gr. ‘akation’: quasi che l’azione sciocca fosse compiuta da un cazzo e non da una persona pensante)
Cazzià, àt(e) Rimproverare, sgridare
Cazzià, àt(e) Sgridare, rimproverare
Cazziàta, s.f. Sgridata, rimprovero. Grosso rimprovero: ‘cazziatòn(e)’
Cazzòn(e), agg. Stupido, sciocco
Cèc(e), s.m. e Cìc(e)r(e), s.m. Cece, pianta e frutto
Cèca, s.f. Cicatrice, segno, sfregio. – (Sinonimo di ‘chièca’ piega. Dall’ital. e dal  lat.: ‘Plica’ piega, plica biologia In embriologia e anatomia, sinonimo di piega usato per indicare un sollevamento o un ispessimento di un tessuto) – Anche “C(e)catrìc(e)” – T(e)nìa nà cèca (i)nfrònt(e) = Aveva una cicatrice in fronte
Cèglia, s.f. Ciglio, peli sul bordo oculare. – pl.: ‘cèglj(i)’
Cègna, s.f. Cinghia, cigna. Sottopancia, che viene usata per legare il basto sugli animali da soma 2. Corda per fissare i carichi sulla sella dell’animale da soma. – (Dal lat.: ‘cingere’)
Cègna, s.f. Corda per fissare i carichi sulla sella dell’animale da soma. 2. Cigna, cinghia, sottopancia, che viene usata per legare il basto sugli animali da soma. – (Dal lat.: ‘cingere’)
Celèst(e), agg. Celeste
Cèmm(e)c(e), s.m. Cimice. pl.: i  “Cìemm(e)c(e)” oppure: r'(e) “Cìmm(e)c(e)” – (Lat.: Cimex, icis)
Cendèsim(e), agg. num. Centesimo
Cèndra, s.f. e Cèntra, s.f. Chiodo – Grosso chiodo = ‘C(e)ndròn(e)’. 2. Cresta dei gallinacei. (Dal lat: dal gr.: ‘Kentron’ pungiglone al lat. ‘centrum’ chiodo, ed anche centro, termine che nei dialetti del meridione è divenuto “centra” e quindi al nostro ‘Centra’  col significato di punte al centro (riferita alla cresta a punte della testa dei gallinacei).)
Cenerìera, s.f. Portacenere, posacenere
Cèngul(e), s.m. Bastoncello di materia malleabile a forma bislunga. P'(e) fa lì cìngul(e), prima cu la pasta fai nu cèngule s(e)ttìl(e) po’ lù taglj(i) a p(e)zz(e)tìeggj(i) e ognun  lù strìsc(e), scazzànn(e)l(e) appèna  (i)ngìmma a là hràmm(e)la, cù nù rìsc(e)t(e) = per fare gli gnocchi, prima  costituisci con la pasta un sottile bastoncello poi lo tagli a pezzetti e ciascuno di essi lo trascini, schiacciandolo appena, sullo spianatoio
Cènn(e)ra, s.f. e Cènn(e)r(e), s.f. Cenere
Centìmetr(e), s.m. e Cendìmetr(e), s.m. Centimetro
Cèntr(e), s.m. e Cèndr(e), s.m. Centro
Cèntra, s.f. e cèndra, s.f. Cresta dei gallinacei 2. Chiodo
Centravànt(e), s.m. e Cendravànt(e), s.m. Centravanti, centro – avanti (Nel gioco del calcio)
Centrocàmb(e), s.m. Centro – campo (Nel gioco del calcio)
Centrocàmb(e), s.m. Centrocampo
Centrocambista, s.m. Centrocampista (Ruolo dei giocatori nel gioco del calcio)
Centrocambìsta, s.m. Centrocampista
Centromediàn(e), s.m. e cendromediàn(e), s,m. Centromediano
Cèr(e), ùt(e) Cedere
Cèra, s.f. Cera (Esteri di alcoli come la cera d’api). 2. Cera, Aspetto, Sembianza, Volto;  – Tìen(e) nà bbèlla cèra! = Hai una bella cera
Cèra, s.f. Cera, Aspetto, Sembianza, Volto. (Gr. ‘Cara’ Testa da cui Faccia)  – Tìen(e) nà bbèlla cèra! = Hai una bella cera. 2. Cera (Esteri di alcoli come la cera d’api)
Cèra<A sòl(e).  agg. Faccia esposta, rivolta, verso il sole. (Gr. ‘Cara’ Testa da cui Faccia) – Tèn(e) Ù soggiòrn(e)  à cèra à sòl(e) = Ha il soggiorno rivolto al sole (esposto a sud)
Cèrca, s.f. Cerca, questua, accattonaggio. 2 Andare intorno per raccogliere elemosina
Cèrchj(i), s.m. Cerchio, geometrico, tondo
Cèrchj(i), s.m. e Cìrchij(i), s.m. Cerchio di metallo, di legno, ecc. per gli usi più vari, circolo, cerchio.- Cerchione = “C'(e)rchiòn(e)” – Cerchietto = “C(e)rchiètt(e)”
Cèrchj(i), s.m. e Cìrchj(i), s.m. Cerchio
Cèrm(e)t(e), s.m. e Cìerm(e)t(e), s.m. Colmareccio, colmo, capo, testa – Ù cèrm(e)t(e) r'(e) là càsa – La trave di colmo, quella più alta della casa. (Dal: lat. Partato ‘celmen – inis’ per il calssico “culmen – inis” – Gr.:  ‘ keramidion’ = tegola)
Cèrn(e), ùt(e) Cernere, setacciare, vagliare (Lat.: ‘cernere’ separare)
Ceròtt(e), s.m. Cerotto. Vedere anche “Sparatràppa”
Cèrt(e), agg. E avv. Certo
Certamènt(e), avv. e Certamènd(e), avv. Certamente
Cèrza, s.f. Quercia, pianta e frutto – (Ghianda – detta anche ‘ghiànna’ arc. e ‘gliànna’ arc.) – (Dal lat. Parlato: ‘cercea’ quercia)
Cèrza, s.f. e Ghiànna, s.f. arc. e Gliànna, s.f. arc. Ghianda, Il frutto secco indeiscente delle querce, del tipo achenio, contenente solo un seme e rivestito, fino a varia altezza, da un involucro legnoso detto cupola; è uno degli alimenti preferiti dai maiali
Cèss(e), s.m. Cesso, latrina, bagno
Cèsta, s.f. Cesta, grosso recipiente intessuto in vimini (‘Vìnchj(e), di forma tonda, con bordo basso inclinato. – Con bordo verticale, vedasi “Cìst(e)”
Cèuza, s.f. Gelso, pianta e frutto delle moracee.  Varietà della mora bianca: Morus alba. (quella nera: ‘Cìeuz(e)’) – (lat. (morus) cĕlsa «(moro) alto»)
Cèva, s.f. Imbeccata, quantità di cibo introdotta nel becco – (Dal latino cibus; civo campano; ricorda anche il “Civo” così denominata l’innescatura delle armi da fuoco ad avancarica)
Ch(e)còzza (zucca) Zucca. (Dal lat. ‘cucutia’). 2. Coccia, (dialettale) per Testa.  (Da gr. ‘Kottida’ testa)
Ch(e)còzza, s.f. Zucca, pianta delle ‘cucurbitacee’. ( Lat. Tardo ‘cucutia’) – Zucchino = “Cucuzzìegghj(i)” che non è altro che la zucca immatura  – Fiori di z. = “Tàgghj(i)” – (dal gr. ‘Tallos’ germoglio)
Ch(e)còzza, s.f. e Cucòzza, s.f. Zucca.  (Dal lat. ‘cucutia’); anche “Coccia” riferito alla testa  (Da gr. ‘Kottida’ testa)
Ch(e)rrènza, s.f. Credito, fiducia, fido – M'(e) r’àgg(e) accattàt(e) à ch(e)rrènza = Li ho comprati a credito
Ch(e)rrèr(e) ch'(e)rrùt(e) arc. e Crèr(e), ch'(e)rrùt(e) Credere, aver fiducia
Chè, e Chì, (pron. e agg.) Che – Ma chè òmm(e)n(e) èia? = Ma che uomo è? – E’ n’òmm(e)n(e) chì n'(e)n vàl(e) nìend(e) = E’ un uomo che non vale niente
Chènn’è? agg. Come và? Cosa mi racconti di te? – Alla lettera: Cosa ne è di te?
Cherubìn(e), s.m. Cherubino
Chèssàcc(e), locuz. avv. e Chessò, locuz. avv. Chissà, al singolare: che cosa so (‘sàcc(e)’) (da ‘sapè’ sapere): non so – È la frase interrogativa che so?, non conosco, cristallizzatasi con valore avverbiale, per esprimere dubbio, incertezza e talora una vaga speranza.
Chèssò, locuz. avv. e Chessàcc(e), locuz. avv. Chissà, al singolare: che cosa so: non so– È la frase interrogativa che so?, non conosco, cristallizzatasi con valore avverbiale, per esprimere dubbio, incertezza e talora una vaga speranza.
Chì èia èia, locuz. pron. Indef. e Chì sìa sìa, locuz. pron. Chicchessia, chiunque, qualunque persona
Chì sìa sìa, locuz. pron. e Chì èia èia, locuz. pron. Indef. Chiunque, chicchessia, qualunque persona
Chì, pron. Chi –  2.Che – E’ra ùn(e) chi chiangìa sèmb(e) = Era uno che piangeva sempre
Chì_èia_èia, locuz. Chicchessia
Chi_ùngue, pron. relativo indef. e Chi_ùngh(e), pron. relativo indef. Chiunque
Chiàcch(e), s.m. Cappio, capestro, laccio (trappola) – (Lat.: ‘clappum’ > da ‘capulum’ cappio).
Chiàcchiara, s.f. Chiacchiera, parlantina, dialettica
Chiacchiarià, àt(e) Chiacchierare, ciarlare
Chiacchiariàta, s.f. Chiacchierata
Chiacchiarìss(e), agg. Chiacchierino, persona incline facilmente al parlare
Chiacchiaròn(e), agg, Chiacchierone
Chiachìell(e), agg. Persona di poco animo, che fa solo chiacchiere, di poco valore, che si lascia infinocchiare. – (Forse dallo spagnolo “cualquier”: qualunque, nel senso di mediocre. Secondo altri studiosi, chiachiello è invece una parola onomatopeica: da “chià-chià”: chiacchiere, solo chiacchiere)
Chiàha, s.f. Piaga, ferita
Chiàn(e), agg. e Chiàn(e)_Chiàn(e), agg. Piano, adagio, a rilento
Chiàn(e), s.m. Piano, pianoro, superficie piana, ripiano
Chiàna, s.f. Piana, , pianura, terreno piano circoscritto
Chiànca, s.f. e Chiànga, s.f. Macelleria.  (Lat. ‘Planca’ tavola, asse, ed anche ceppo sul quale viene tagliata la carne. Dal gr.: ‘Kiankeo’ macellare). 2. Sgabello in legno a tre piedi usato, una volta, nelle case coloniche: “Massaria”
Chiànd(e), s.m. Pianto
Chiand(e)cègghia, s.f. Piantina
Chiànda, s.f. e Chiànta, s.f. Pianta; Nà chiànda r(e) castàgn(e) = Una pianta di castagno – A’ chiànda r'(e) lù pèr(e) = La pianta del piede 2. Palmo misura del palmo della mano 3. Pianta, organismo vegetale
Chiandatùr(e) s.m. e Chiantatùr(e) s.m. Piantatoio
Chiandèlla, s.f. e Chiantèlla, s.f. Copula, atto sessuale. – (Probabile origine del termine dal nap.: farsi una: ‘ciantella’, donna becera,  ciana (forse sinonimo dell’it.:  ‘cionna’, voce bassa che vale per donna vile e plebea). 2. Soletta, suola della scarpa
Chiandìgghj(i), s.m. Piagnucolio, lagno, lamento
Chiandìna, s.f. Piantina
Chianèlla, s. f. e Ciabbàtta, s.f. Pianella, ciabatta
Chianètt(e), s.m. Terrazza, pianerottolo, marciapiede, piazzaletto – Arr(e)vàt(e) (i)ngìmma à quìgghiu lèmm(e)t(e) tr(e)vàmm(e) nù chianètt(e) e montàmm(e) a tènda = Giunti su quell’altura trovammo una terrazza e montammo la tenda.
Chiànètt(e), s.m. Marciapiede, chianetta, piazzaletto, slargo (Da pianétto s. m. [dim. di piano]. In architettura, modanatura a profilo piano, per lo più verticale)  – Anche: ‘Marciappìed(e)’
Chianètta, s.f. Manata, schiaffo a mano aperta, dato sulla testa – (Dalla base lat,; ‘planus’ piano con il suff. Diminutivo ‘etta’)
Chiàng(e), chiànt(e) o chiangiùt(e) Piangere
Chiànga, s.f. e Chiànca, s.f. Sgabello in legno a tre piedi usato, una volta, per lo pù nelle case coloniche: “Massaria”. (Lat. ‘Planca’ tavola, asse, ed anche sgabello). 2. Macelleria
Chianghègghia, s.f. Sagabellino in legno a tre piedi (Piccola ‘Chiànga’)
Chianghìer(e), s.m. Macellaio
Chiangòn(e), s.m. Macigno, grossa pietra.
Chiangòn(e), s.m. Pietra<grossa. Grossa pietra. Macigno
Chiangulènt(e) Piagnucoloso
Chiangulènt(e) agg. e Chiangulènd(e) agg. Piagnucoloso
Chiangulià, àt(e) Piagnucolare, frignare, vagire
Chiangulià, àt(e) Vagire, piagnucolare, frignare
Chiangunàta, s.f. e P(e)sc(e)cunàta, s.f. Pietrata, sassata. (Da: ‘Chiangòn(e)’ grosso sasso)
Chiangunià, àt(e) Lapidare, colpire a sassate
Chianòzza, s.f. Pialla (Lat. ‘Plana’ pialla)
Chiant(e), s.m. e Chiànd(e), s.m. Pianto
Chiant(e)cègghia, s.f. e Chiand(e)cègghia, s.f. Pianticella
Chiantà, àt(e) e chiandà, àt(e) Piantare, seminare, conficcare
Chiànta, s.f. e Chiànda, s.f. Pianta, suolo su cui costruire una casa. S’hav(e) accattàt(e) nà chiànda r'(e) càsa = Ha comprato un suolo per costruire casa 2. Palmo, misura del palmo della mano. 2. Pianta – Nà chiànda r(e) castàgn(e) = Una pianta di castagno – A’ chiànda r'(e) lù pèr(e) = La pianta del piede 2. Palmo di mano
Chiànta, s.f. e Chiànda, s.f. Palmo della mano, del piede – M'(e) fàc(e) màl(e) à chiànda r'(e) lù pèr(e) = Ho male alla pianta del piede. 2. Pianta, suolo su cui costruire una casa  3.  palmo di mano
Chiànta, s.f. e Chiànda, s.f. Pianta
Chiantatùr(e) s.m. e Chiandatùr(e) s.m. Piantatoio
Chiantèlla, s.f. e Chiandèlla, s.f. Soletta, suola della scarpa 2. Copula, atto sessuale. – (Vedere: ‘chiandèlla)
Chiantìma, s.f. e Chiandìma, s.f. Piantine, pianticella nata da seme e che si trapianta
Chianùozz(e), s.m Pialletta
Chiàppa, s.f. Gluteo, natica – (Forse dal lat.: ‘copula’ coppa, per la sua forma tondeggiante;  oppure dall’it. chiappa (forgiato su di una radice indoeuropea “klapp”) nel significato però non di sasso sporgente, ma di natica, elemento sporgente del corpo umano)
Chiàppara, s.f. Grumo, zacchera, patacca, coaugulo. M(e)chèl(e) tèn(e) nà chiappara, r'(e) g(e)làt(e) (i)nbìett(e) = Michele ha una patacca di gelato sul petto. 2. Parte di qualcosa tondeggiante (a forma di “chiàppa” gluteo), buzzo, pancia, grumo, zacchera
Chiàppara, s.f. Massa tondeggiante (a forma di “chiàppa” gluteo), buzzo, pancia. Vìr(e) quìgghj(i), tèn(e) nà chiàppara r'(e) nàs(e)! = Vedi quella persona, ha un grosso naso panciuto. 2. Macchia, patacca, pillacchera
Chiappòn(e), s.m. Scarpone vecchio, malridott. (Dall’arabo: ‘sabat’, nome verbale da ‘sabata’ calzare; anche il Basco: ‘zapata’ calzare’ derivano i nostri: ciabbatta, chioppa, chiappone)
Chiàr(e), agg. Chiaro
Chiàra r'(e) l’ùov(e, s.f. e iàngh(e) r'(e) l’ùov(e), s.f. Chiara d’uovo, albume – Anche: (‘Albùm(e)’)
Chiaràta, s.f. impiastro, medicamento fatto di chiara d’uovo sbattuta, usata in preparazioni culinarie; anche come rimedio empirico su ustioni, contusioni e per le slogature articolari.
Chiàrf(e), s.m. Moccio, moccolo, muco nasale. – (Dallo sp.: “charco”, (pronuncia: ‘ciarco’) guazzo, pozzanghera > al nap.: “chiarchio”, moccio, moccolo > al nostro: ‘chiarfo’)
Chiàrf(e), s.m. Muco nasale, moccolo, moccio. – (Dallo sp.: “charco”, (pronuncia: ‘ciarco’) guazzo, pozzanghera > al nap.: “chiarchio”, moccio, moccolo > al nostro: ‘chiarfo’)
Chiarf(e)sìegghj(i), agg. Mocciosetto, piccolo moccoloso. – (Da: ‘chiàrf(e)’)
Chiarfùs(e), s.m. Moccoloso, moccioso, moccicoso. – (Da: ‘chiàrf(e)’) – Anche: ‘M(e)ccùs(e)’
Chiarì, ùt(e) Chiarire
Chiarì, ùt(e) e Acchiarì, ùt(e) Chiarire, Illimpidire, divenire limpido, rendere chiaro
Chiaròr(e), s.m. Chiarore
Chiàtr(e), s.f. Ghiaccio, gelo. – (Dal lat. “Clatri” inferriata, ma anche gelo, ghiaccio, in senso traslato di ‘fenomeno (meteorologico) che inserra e indurisce’)
Chiatrà, àt(e) Ghiacciàre, congelare, gelare. – (Etimo: vedere: ‘Chiatra’)
Chiàtra, s.f. Ristagno del fiume. Grossa quantità d’acqua  pressochè stagnante nell’alveo di un fiume o di un torrente. – (Dal lat. “Clatri” inferriata, ma anche gelo, ghiaccio,  ed in senso traslato ‘fenomeno (meteorologico) che inserra e indurisce’, nonchè da ”clatra’ (forma di neutro pl. di ‘clatri’, inferriata, acqua stagnante (come se fosse congelata).)
Chiatròr(e), s.m. Gelo
Chiàtt(e), agg. Piatto, spianato, chiatto, piano – Nù piàtt(e) chiàtt(e) = Un piatto piano
Chiattaròla, s.f. Pietra di forma piatta
Chiàv(e), s.f. Chiave
Chiàv(e)ca, agg. s.f. Chiavica, fogna, luogo molto sudicio. 2. (agg.) Infido, furbo, schifoso
Chiàv(e)ch(e), agg. e Chiàv(e)ca, s.f. agg. e (i)nghiav(e)càt(e) agg. Infido, furbo, schifoso, lurido. (Da: ‘chiàv(e)ca’)
Chiavà, àt(e) Percuotere, colpire, dare,  mettere, porre. –  A’àv(e) chiavàt(e) nù pùnij(e) = Gli ha dato un pugno – E’ia chiavàt(e) r(e) vrànz(e) (i)ndèrra = E’ sbattuto con le mani per terra;  – Sèia chiavàt(e) (i)ngàp(e) r'(e) cà vòl(e) emihrà! = Si è messo in testa di emigrare. [Lat. parlato ‘clavare’ colpire (da ‘clava’ mazza)]. 2.Copulare, fregare (Rubare). – A’ànn(e) chiavàt(e) à màcchina = Gli hanno fregato l’auto
Chiavìn(e), s.m. Chiavina, piccola chiave
Chiazzà, àt(e) arc. e Piazzà, àt(e) Piazzare, sistemare, collocare. 2. Spargere di chiazze, macchiare
Chiàzza, s.f. Piazza.  – 2. Macchia
Chiàzza, s.f. Chiazza, macchia, segno. 2. Piazza
Chìcc(e), s.m. Maiale, porco. Femm.: ‘Chèccia’
Chìcc(e)_Chìcc(e), s.m. e Chìr(e)_Chìr(e), s.m. Maiale, nome del maiale nel gergo dei bambini. 2. Maiale<Espressione. Espressione  per chiamarlo a se. . . – (Dal gr.:  ‘chòiros’ maiale)
Chìdd(e), pron. Chi –  Si usa solo nelle domande: R'(e) chìdd(e) è? – R(e) chìdd(e) so? = Di chi è? – Di chi sono?
Chièca, s.f. Piega, grinza, ruga. – Anche: “R(e)chièpp(e)la” arc. – Piegone = ‘Chjìcòn(e)’, s.m.
Chiècafièrr(e), s.f. Piegaferro. Apparecchio di cantiere (detto anche mordiglione, e macchina p. se azionato da motore elettrico), che serve per piegare con rapidità le barre di acciaio per cemento armato
Chièma, s.f. e (i)Nghjimatùra, s.f. Imbastitura, cucitura provvisoria, filza di punti di cucitura. – (Dal gr.: ‘ ckyèma’ cima, estremità, unire le estremità mediante punti larghi di cucitura)
Chièna, s.f. Piena, fiumana, ingrossamento d’acque, straripamento
Chìer(e)ca, s.f. e Chìr(e)ca, s.f. Chierica, rasatura tonda che di fa sulla nuca degli ecclesiastici ed i giovani iniziati
Chièsia, s.f. Chiesa
Chilòmetr(e), s.m. Chilometro
Chìm(e)ch'(e), s.m. Chimico
Chinòtt(e), s.m. Chinotto, bibita aromatizzata con estratto di chinotto (Dal frutto del Chinotto, agrume con frutti grossi come un mandarino)
Chiòcca, s.f. Capo, calotta cranica (Da: clocca, di origine gallica, chiocca, campana) – Mà chè tìen(e) (i)ndà ssà chiòcca! = Ma cosa hai in quella testa!
Chiòchiar(e), s.m. Imbecille, idiota, stupido, rimbambito (Sp.: ‘chocho’ rimbambito)
Chiòpp(e)ta, s.f. e Chj(e)vùta, s.f. e Rovescio (di pioggia), pioggia,
Chiòppa, s.f. Ceppo, bastoncello in legno, sorta di pastoia da applicare ad una zampa anteriore di un animale al pascolo, in genere di bovini od equini, al fine di non farlo correre e poterlo tenere maggiormente a bada. Consiste in un bastoncello di legno opportunamente legato ad una zampa anteriore dell’animale, in modo tale che durante l’eventuale corsa possa sbattere contro l’altra zampa, provocandogli del dolore e quindi facendolo desistere.- (Da: ‘ceppi’: al plurale si intendevano gli arnesi in legno che serravano i piedi ai carcerati).  2. Scarpaccia, vecchia scarpa – Grosso, vecchio scarpone: ‘Chiappòn(e)’
Chiòppa, s.f. Scarpaccia, vecchia scarp.  (Dalla similitudine con i ‘ceppi’ intesi i due di legno che costringevano i piedi ai carcerati, in quanto anche le scarpacce limitano il camminare). – Grosso vecchio scarpone: ‘Chiappòn(e).  2. Pastoia da applicare ad una zampa anteriore di un animale al pascolo, in genere di bovini od equini, al fine di non farlo correre e poterlo tenere maggiormente a bada. Consiste in un bastoncello di legno opportunamente legato ad una zampa anteriore, in modo tale che durante l’eventuale corsa possa sbattere contro l’altra zampa, provocando del dolore alla bestia
Chiòv(e), chiùopp(e)t(e) Piovere
Chìr(e)_Chìr(e)… e Chìcc(e)_Chìcc(e)… Maiale<Espressione per chiamarlo a se. . . 2. Maiale, nome del maiale nel gergo dei bambini (Gr.: ‘Koiros’ maiale)
Chisà, inter. Chissà, bah, forse. Esclamazione di meraviglia, di spregio, di rassegnazione
Chìt(e)_Chìt(e), s.m. Solletico – Solleticare = ‘Fà Chìt(e)_Chìt(e)’ – (Fr.: ‘chatouiller’)
Chiù, agg. e avv. Più, segno matematico dell’addizione
Chiù, avv. e agg. Più. – Ìj(e) n'(e) vògl(i) r'(e) chiù = Io ne voglio di più – Ràmm(e) chiù tìemp(e) = Dammi più tempo.
Chiù, avv. e agg. Più
Chiùmm(e), s.m. arc. e Piòmb(e), s.m. Piombo
Chiùoc(e), agg. Rimbambito, rimbecillito, sciocco.  (Sp.: ‘chocho’ rimbambito) – Femm.: ‘Ciòcia’
Chiùov(e), s.m. Chiodo. (Da ‘clavum’ acc. di ‘clavus’) – Chiodo piccolo: “Chj(i)vètt(e)”
Chiùpp(e), s.m. Pioppo
Chiùr(e), ùs(e) Chiudere, serrare
Chiuttòst(e), avv. Piuttosto
Chj(e)cà, àt(e) Piegare 2. Inghiottire, ingurgitare, mandare giù
Chj(e)cà, àt(e) Ingurgitare, inghiottire, mandare giù. – S’àv(e) chi(e)càt(e) nù lìtr(e) r'(e) mìer(e)! = Ha ingurgitato un litro di vino!  2. Piegare
Chj(e)càt(e), agg. Piegato, chino
Chj(e)càt(e), agg. Chino, piegato
Chj(e)vàr(e), s.m. Chiodaio, chiodaiuolo, chi fa o vende chiodi
Chj(e)vètt(e), s.m. Ribattino, piccolo chiodo. 2. Anello in ferro per fermare il collare (‘Vòscia’) di legno al giogo (‘Sciùv(e)’)
Chj(e)vètt(e), s.m. Anello in ferro per fermare il collare (‘Vòscia’) di legno al giogo (‘Sciùv(e)’). 2. Ribattino, piccolo chiodo
Chj'(e)vùs, agg. Piovoso
Chj(e)vùta, s.f. e Chiòpp(e)ta, s.f. Pioggia, rovescio (di pioggia)
Chj(i)vètt(e), s.m. Ribattino
Chjìn(e), agg. Pieno, ripieno. – (p.p. di ‘E’nghj(i)’ riempire). – Femm.: ‘Chièna’ – Nù panàr(e) “Chjìn(e)_Chjìn(e)” = Un paniere pieno zeppo
Chjìn(e), agg. Pieno, part. pass. di ‘Ènghj(i)’ riempire. – U’ varrìl(e) s’èia chjìn(e) = Il barile si è riempito
Ci(e)uciaràul(e), s.m. Scarabocchio, sgorbio, parola scritta male
Cì(i)uciaràul(e), s.m. Scarabocchio
Ciabattìn(e), s.m. Ciabattino, scarparo, calzolaio
Ciàccia, s.f. Carne (termine vezzeggiativo usato con i bambini), ciccia – Màngiat(e) à ciàccia, à màmma! _ Mangia la carne, a mamma (ascolta la mamma)!
Ciacciamarùqua, s.f. e Marùqua, s.f. Limaccia, chiocciola. Mollusco dei Gasteropodi polmonati, commestibile. (Lat. Parlato: ‘Marucca’)
Ciacciòn(e), s.m. e Ciaccialòn(e), s.m. Ciccione, grassone
Ciafàgn(e), s.m. Ceffone, schiaffone. – (Dall’it.: ‘ceffo’ a forma secondaria nel friulano: ‘ciaffa’ zampa, che con il suff. ‘àgnj(e)’ assume il significato di ‘zampata’ ceffone – (In veneziano: ‘sciafa’ = schiaffo).)
Ciafàgna, s.f. Sonnolenza, torpore, ento, stordimabbiocco dopo un pasto abbondante. – (Da: ‘Ciafàgn(e)’ ceffone, che al femminile vuol esprimere lo stordimento, il torpore di chi ha avuto un grosso ceffone)
Ciafàrch(e), agg. Campagnolo, persona rozza, sporca, cafone (nap.). – (Probabile etimo: dall’osco “kafar” zappare con il suffisso ‘ch(e)’, per indicare: colui che zappa)
Ciafèca, s.f. Liquido sporco, contenente morchie, di aspetto torbido, disgustoso, senza sapore. Per similitudine: un vino scadente, una bevanda mal preparata, un caffè annacquato, ecc. – (Dal lat. ‘faecula’ feccia con il pref. rafforzativo, dispregiativo ”cia’ –  Od anche dall’Ar. ‘šafaq’ (ciafàc), il cattivo delle cose vili e di scarto)
Ciafràt(e), agg. Screziato, maculato, macchiato. 2. Abortita (solo al femminile: ‘ciafràta’)
Cialànga, s.f. Gola, golosità ghiottoneria, ingordigia, fame insaziabile. (dall’ It.:  ‘calanco’, [prob. voce preromana] e da ”calanca’ ‘[dal fr. calanque, provenz. mod. calanco, che ha la stessa origine di ‘cala’], [rientranza della costa marina, ai quali significati si paragona la gola degli ingordi) – Quìgghj(i) tèn(e) nà cialànga! = quello ha una ingordigia! – Vedere anche: ‘allampà’: divorare.
Cialangòn(e), s.m. Golosone, ingordo, avido, vorace, famelico. – (Da: ‘cialànga’) – Quìgghj(i) mangia à cialangòn(e)! = quello mangia da ingordo!
Cialùna, s.f. Turbamento, smarrimento, disperazione per scoraggiamento, in genere per povertà, miseria.  – S'(e)né ggiùt(e) r'(e) cialùna = Se n’è andato disaperato, in miseria. – (Da: ‘Cialùot(e)ch(e)’ cervellotico. Deverbale, per indicare lo stato in cui  si viene a trovare, per motoivi obiettivi, chi è turbato dagli eventi della vita)
Cialùot(e)ch(e), agg. a avv. Cervellotico, lunatico, balzano, bislacco, bizzarro
Ciamb(e)cà, àt(e) e Ciamp(e)cà, àt(e) e (i)Ngiamp(e)cà, àt(e) Inciampare, inciampicare, ciampicare, incespicare. – (Da ‘ciampa’, zampa: da cui anche: ciampicare)
Ciamb(e)còn(e), s. m. Inciampicone, persona che inciampa frequentemente; maldestro
Ciamb(e)nètt(e), s.m. Inganno, fregatura, imbroglio, raggiro, calpestamento, sopraffazione, inganno – (Dal diminutivo di ‘ciampa’, zampa: quindi gambetto: sgambetto. Dall’antico ‘ciampare, ingannare, ancora vivo nel Lucchese. Vedasi anche: ciampicare, inciampare ed il nostro stesso  ‘ciamb(e)cà’)
Ciamb(e)ttà, àt(e) e Ciamb(e)ttià, àt(e) e Ciàmb(e)tt(e)scià, àt(e) Rimestare, mischiare, rimestolare, pestare, pigiare, spiaccicare,  schiacciare con i piedi, ridurre a poltiglia (Ciambòtta) – (Da ciambià’ Pestare)
Ciamb(e)ttià, àt(e) e Ciamb(e)ttà, àt(e) e Ciamb(e)tt(e)scià, àt(e) Pigiare, pestare,  spiaccicare,  schiacciare con i piedi,  – (Da ciambià’ Pestare) – La mamma al bambino: ‘N’n ciamb(e)tt(e)scià ndà ssù p(e)zzàcchj(i) = Non non pestare in codesta pozzanghera!
Ciàmba, s.f. e Ciàmpa, s.f. Zampa. (dalll’it. ‘ciampa’ forma varia di zampa, usata ad es. nei derivati: ciampanelle, ciampicare, inciampare)
Ciàmba, s.f. e Zàmba, s.f. Zampa, piede. 2. Impronta, orma
Ciambàta, s.f. e Zambiàta, s.f. Pedata, colpo inferto con la pianta del piede. 2 Impronta, orma, zampata
Ciambià, àt(e) e Zambià, àt(e) Calpestare (con la zampa: ‘ciàmba’)
Ciambòtta, s.f. Poltiglia, brodaglia, pastone, cibo abborraciato alla men peggio – (Probabile origine  da quanto citato nel: (SITO WEB: Bulgari: www.jelsi.com/news/020317/kn3.htm ) e precisamente riferito alla parola: (di origine proto-bulgara) ciuotte o ciote, pieno tondo -post.: n. 60:  “Essa presenta qialche contatto col verbo pannonico sepel-ni (pron. cepel-ni) rimestare trebbiare).  2. Ciambotta (reg.) una preparazione tipica delle regioni del Sud d’Italia, principalmente a base di verdura, di solito melanzane, patate, peperoni, cipolle, ecc.
Ciambròn((e), s.m. Cialtrone, sciattone nel vestire e nel parlare – (Forse dal fr.: ‘chamberlaine’ cameriera, nonché dall’antico italiano ‘ciambra’ camera – Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005- alla voce “ciambrana” sciattona…)
Ciamòrsa, s.f. Stretta, morsa, presa, amplesso. – (Da morsa, con il pref. accrescitivo: ‘cia’ per indicare una ‘grossa’ stretta)
Ciamp(e)cà, àt(e) e Ciamb(e)cà, àt(e) Incespicare, inciampare, inciampicare, ciampicare. – (Da ‘ciampa’, zampa: da cui anche: ciampicare)
Ciamùorrij(e), s.m. Cimurro, raffreddore. Forma catarrale degli animali, in particolare dei cani. – (Dal gr. Chýmos, umore e ‘Rèo’, scorrere) – Termine usato, per similitudine, anche per gli umani per un forde raffreddore di testa. – M’màn(e) tèngh(e) nù ciamùorrij(e)! = Questa mattina ho un raffreddore!
Cianfrusàglia, s.f. Cianfrusaglia
Ciang(e)jà, àt(e) Vezzeggiare, blandire,  lusingare, far moine
Ciangianèlla, s.f. e ciancianèlla, s.f. Sonaglio; In genere legato al collo degli animali per individuarli quando al pascolo sono al di fuori della vista (Diminutivo di cianciana, ‘sonaglio’ di origine onomatopeica (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – pag. 141)
Ciangiùs(e), agg. Vezzoso, grazioso 2. Frangioso, guarnito, ornato di fronzoli
Ciangiùs(e), agg. Frangioso, guarnito, ornato di fronzoli. – Nà bbèlla t(e)vàglia cianciòsa = Una bella tovaglia ornata. 2. Vezzoso, grazioso
Ciapanià, àt(e) Armeggiare, operare, professare, darsi da fare, tramestare, adoprarsi, brigare, manipolare. – (Da: ‘Ciàmpià’  pestare, con il significato più ampio di lavorare con le mani , manipolare, preparare, impastare, smuovere oggetti, fare qualcosa in genere).
Ciapp(e)lìcchj(i), s.m. Bimbetto, piccolo bimbo – (Sinonimo di: ‘Zapp(e)lìcchj(i)’)
Ciapp(e)lòn(e), s.m. Bimbaccione, bimbo grossetto –  – (Sinonimo di: ‘Zapp(e)lòn(e)’)
Ciaramèlla, s.f. Zampogna
Ciaràul(e), s.m. Ceràulo (o ciràulo) s. m. dialetto merid. – Incantatore di serpi; ciarlatano, persona che parla continuamente senza dare alcun significato. – (prob. dal gr. κεραύλης «suonatore di corno o di flauto») – Sì cùm(e) nù ciaràul(e)! N’n zài cquègghj(i) chì rìc(e) – Sei un ciarlatano! Non sai quello che dici. – Vedere anche: “Cìr(e)_ ciaràul(e)” s.m. Scarabocchio, sgorbio, (estensibile a segno grafico illeggibile, senza significato, come fa il ciarlatano)
Ciarlià, àt(e) e Ciarlà, àt(e) Vociare, ciarlare, chiacchierare
Ciarlià, àt(e) e Ciaulià, àt(e) Ciarlare, chiacchierare, vociare (Dal verso del gracchiare della ‘ciòla’, ‘ciaula’ = cornacchia) -. (Gr.: (Cheraules) suonatore di corno)
Ciarlìer(e), s.m. Ciarliere, chi si attarda sempre a chiacchierare
Ciassà, àt(e) Retrocedere, fare retromarcia, arretrare. 2. Indietreggiare, rinculare, acculare di animali da lavoro. (Incitazione rivolta agli animali da soma o da tiro, per indurli a indietreggiare) – (Dal lat.: ‘cedere’, affine al verbo ‘cadere’ cadere, venir meno, col significato di ritirarsi, indietreggiare)
Ciassà, àt(e) Indietreggiare, rinculare, arretrare, acculare di animali da lavoro. (Incitazione rivolta agli animali da soma o da tiro, per indurli a indietreggiare), arretrare, retrocedere) 2. Retrocedere, fare retromarcia.  – (Dal lat.: ‘cedere’, affine al verbo ‘cadere’ cadere, venir meno, col significato di ritirarsi, indietreggiare)
Ciaulà, àt(e) e Ciaulià, àt(e) Vociare, spettegolare, chiachierare, cianciare
Ciaulà, àt(e) e Ciaulià, àt(e) Vociare, chiachierare, cianciare, spettegolare
Ciàula, s.f. Chiacchiera, ciancia, parlantina (dal gracchiare della cornacchia (‘Ciòla’)). – Quègghia tèn(e) nà ciàula! = Quella (donna) hà una parlantina! 2. Cornacchia (Arc.)
Ciàula, s.f. Ciàula (o ciàvula o ciàvola) s. f.  Nome region. (Italia centr. e merid.) di varî uccelli della famiglia corvidi: corvo, taccola, cornacchia nera, cornacchia bigia, gracchio. – (Dall’ant. fr. “Choue”).  2. Chiacchiera, ciancia, parlantina, forse dal gracchiare della cornacchia
Ciaulià, àt(e) e Ciarlià, àt(e) Ciarlare, chiacchierare, cianciare – (Da ‘ciaula’ cornacchia con il suff. verb. ‘are’ per: gracchiare)
Ciavàrr(e), s.m. Ovino nato adi ottobre, di uno o due anni. 2. Uomo zotico e goffo. –  (Dall’antico francese ‘chevrel’ vitello di due anni)
Ciavattòn(e), s.m. Ciabattone, cialtrone, persona sciatta, spec. nel vestire
Cìc(e), s.m. e Cìc(e)r(e), s.m. Cece, pianta e frutto 2. Pene
Cìc(e)n(e), s.m. Giara, tipo di orcio.  Recipiente di terracotta con due manici e collo stretto, provvisto, da un lato della parte panciuta, di un beccuccio a mo’ di  capezzolo, usato per bere. Si porta sui luoghi di lavoro, nei campi, dove spesso si avvolge con uno straccio bagnato, per conservare la freschezza dell’acqua. (Lat. ‘cicinus’ – Gr. ‘kuknos’)
Cìc(e)r(e) s.m. e Cìc(e), s.m. Cece, pianta e frutto
Cìcc(e), pl.m. Grano cotto termine usato in culinaria. 2.Ceci, acini, semi, termine riferito per estensione a tutti i frutti o semi a forma tondeggiante. 3. Dentini da latte (termine usato nel rivolgerisi ai bambini)
Cìcc(e), pl.m. Ceci, acini, semi, termine riferito per estensione a tutti i frutti o semi a forma tondeggiante. 2. “Grano cotto” in culinaria. 3. Dentini da latte (termine usato nel rivolgerisi ai bambini)
Ciclamìn(e), s.m. Ciclamino
Cìech(e), s.m. e C(e)càt(e), s.m. arc. Cieco, orbo, accecato
Cìel(e) r'(e) la vòcqua – s.m. Palato. Letteralmente: ‘cielo della bocca’ palato. M'(e) so cùott(e) lù cìel(e) r'(e) la vòcqua = Mi sono scottato il palato
Cìel(e), s.m. Cielo
Cìel(e), s.m. Cielo
Cìent(e), s.m. Cento
Cient(e)pìer(e), s.m. Millepiedi
Cìenz(e), s.m. Tributo sul ‘Censo’ il complesso dei beni posseduti. (accertati ai fini fiscali)
Cìerm(e)t(e), s.m. Colmo, capo, testa – Ù cìerm(e)t(e) r'(e) là càsa – La trave di colmo, più alta, della casa – Detta anche: Cèrm(e)t(e)
Cìerm(e)t(e), s.m. e Cèrm(e)t(e), s.m. Colmo, colmareccio, capo, testa – Ù cèrm(i)t(e) r'(e) là càsa – La trave di colmo, più alta, della casa)
Cìerr(e), s.m. Cerro, albero delle Fugacee.
Cìeuz(e), s.m. Gelso nero, pianta e frutto delle moracee.  Varietà dei colori delle more del vermiglio al nero. – (lat. (morus) cĕlsa «(moro) alto») – (quella bianca: ‘Cèuza’)
Ciglià, àt(e) Germogliare. 2. Pungere, figgere, dare dolore. – M’àv(e) cigliàt(e) là làpa = Mi ha punto un’ape. 3. Dolorare, avere una fitta 4. Offendere, colpire qualcuno, dare dolore.
Cìglj(i), s.m. Germoglio. 2. Fitta, dolore acuto e istantaneo, trafitta. 3. Ciglio, orlo, bordo. – (Lat.: ‘acileus’ germoglio, spicchio – variante di ‘aculeus’ aculeo)
Cìglj(i), s.m. Fitta, dolore acuto e istantaneo, trafitta. 2. Ciglio, orlo, bordo 3. Germoglio. (Lat.: ‘acileus’ germoglio, spicchio – variante di ‘aculeus’ aculeo)
Cìglj(i), s.m. Ciglio, orlo, bordo. 2. Fitta, dolore acuto e istantaneo, trafitta. 3. Germoglio. (Lat.: ‘acileus’ germoglio, spicchio – variante di ‘aculeus’ aculeo)
Cignà, àt(e) Cinghiare, cingere o stringere con cinghia: c. la sella, il cavallo. 2. Percuotere violentemente con una cinghia
Cignàta, s.f. Cinghiata, percossa, colpo dato con la cinghia
Cìma, s.f. Cima. – In cima = “(i)N’gìmma”
Cìnam(e), s.m. Cinematografo
Cìngh(e), agg. num. Cinque
Cingh(e)cìend(e), s.f. Cinquecento, automobile
Cingh(e)cìend(e), s.m. Cinquecento
Cìnghia, s.f. Cinghia, cintura, cintola. anche “Currèscia” e “Cìnda”
Cìngul(e), s.m. Gnocco di pasta. Ottenuto lavorando la pasta di farina dapprima in lunghi bastoncelli a forma di grissino (‘Cèngul(e)’), tagliando poi gli stessi a tocchetti, quindi, questi vengono schiacciati ed allo stesso tempo trascinati un po’, sulla spiantatoia ‘Hràmm(e)la’) con le dita, facendo assumere allo gnocco stesso una forma incavata.
Cìnta, s.f. e Cìnda, s.f. Cintura, cintola; anche: “Currèscia”; e “Cìnghia”
Cioccolat(e), s.m. Cioccolato
Ciòffa, s.m. Nodo, stretto a forma di fiocco (Nòcca). Fiocco annodato. Termine usato per indicare un tipo di nodo. A’ r'(e) scàrp(e) hà fatt(e) nà bbèlla ciòffa = Alle scarpe ha fatto un bel nodo a fiocco
Ciòla, s.f. Gazza, pica. (fam. corvidi) (Lat.: ‘pica’). 2. Cornacchia. (Arc.) ant, fr. “Choue” – Anche: “Curnàcchia”
Ciònna, agg. Sciocco, ingenuo, credulone, sempliciotto, stupido. Rimbecillito.  –  (Dall’italiano ‘cionno’ > dal Gr.: ‘kion’ colonna: per tondo e duro al pari di una colonna, come in lat. ‘caudex’ ceppo si dise anche per stolido, stolto)
Ciònna, s.f. Vulva, conno. (Lat. ‘Cunnus’  = cosa cava, fessura, natura, conno ; Gr. “Cùsnus” > ‘Kusòs’ > Kus-Tos = Cosa cava, fessura, buco – vedasi l’it.: cunicolo – )
Ciòt(e)la, s.f. Brocca, vaso per versare acqua –  (Dal gr.: ‘ kotyle’ ciotola – Altra probabile origine  dal (SITO WEB: Bulgari: www.jelsi.com/news/020317/kn3.htm ) e precisamente riferito alla parola: ciuotte o ciote, pieno tondo (Di origine proto-bulgara) – Tutto cio sarebbe avvalorato con quanto riportato sul web: www.etimo.it…)alla voce ‘ciotola’ all’ipotesi del Diez dove ricorda che nello sp.: chotar succiare e nel ted. zutschen, vogliono dire ‘succhiare’; anche lo sviz. zotteli (ted. zaute) puer significa ciotola: tutti provengono dalla radice di cioccia: mammella (vedere: ciocciare), che appunto è piena, tonda)
Cìpria, s.f. Cipria, polvere profumata per la cosmesi – (Da: Cipro)
Cìrch(e), s.m. Circo
Cìrchj(i), s.m. e Cèrchj(i), s.m. Cerchio, circolo, cerchio di metallo, di legno, ecc. per gli usi più vari.- Cerchione = “C'(e)rchiòn(e)” – Cerchietto = “C(e)rchiètt(e)”
Circolàr(e), agg. e c(e)rculàr(e), agg. Circolare, rotondo
Cìst(e), s.m. Cesto in forma cilindrica e bordi alti, con due manici. – Dim.: ‘c(e)stìegghj(i)’ e ‘c(e)stìn(e)
Cistofèla, s.f. e fèl(e), s.m. Cistifellea, colecisti
Cìtt(e), agg. Zitto, muto, silenzioso. – Zittire = ‘Stà cìtt(e)’
Cìtt<Stà; stàt(e) cìtt(e) Zittire
Cì’u(e)_ ciaràul(e), s.m. Scarabocchio, sgorbio, (estensibile a segno grafico illeggibile, senza significato, come fa il ciarlatano). – E’ia sciùt(e) àa lavàgna e à fàtt(e) nù cì’u(e)_ ciaràul(e = E’ andato alla lavagna e ha fatto uno scarabocchio!  – Vedere anche : “Ceràulo (o ciràulo)” s. m. dialetto merid. – Incantatore di serpi; ciarlatano, persona che parla continuamente senza dare alcun significato. – (prob. dal gr. κεραύλης «suonatore di corno o di flauto»)
Ciù_ciù, e Ciù_ciùll(e), e Ciùll(e)_ciùll(e), e zùll(e)_zùll(e), e zù zùll(e) s.m. Cane, cagnolino. Termine scherzoso usato parlando ai bambini. – Giuannì, ù vì ù Ciù_ciùll(e)! = Giovannino, vedi il cane! 2. Cane, cagnolino. Espressione per chiamarlo a se.
Ciùcc(e) m(e)lìgn(e), s.m. Mulo ottenuto dall’incrocio tra una cavalla ed un asino, molto più simile al cavallo di quanto non sia l’asino.
Ciùcc(e), s. m. – Ciùccia, s. f. Asino (lat.: ‘asinus’), ciuco – (forse dal gr. ‘Killos’ ciuco > lat.: ‘cillus’ ) – Il comando per far avviare l’asino: “Aa!” – Per farlo arrestare: “Ijh!” Od anche: “Ijscj(i)!”  2. Ciùccio (der. di ciucciare], fam. – Tettarella di gomma. – Dim. ‘ciuccètt(e)’ ciuccétto.
Ciùcc(e), s. m. – Ciùccia, s. f. Ciùccio (der. di ciucciare], fam. – Tettarella di gomma. – Dim. ‘ciuccètt(e)’ ciuccétto. 2. Ciuco, (forse dal gr. Killos > lat.: ‘cillus’ ), asino –  – Il comando per far avviare l’asino: “Aa!” – Per farlo arrestare: “Ijh!” Od anche: “Ijscj(i)!”
Ciucculàta, s. f. Cioccolato o cioccolata
Ciucculatìn(e), s. m. Cioccolatino
Ciuculatèra, s. f. Caffettiera, bricco, cuccuma (Alla lettera:’Cioccolatiera’ per il suo impiego originario)
Ciùff(e), s.m. Ciuffo
Ciùmb(e), s. m. Paralitico, storpio, sciancato, immobilizzato, cionco (monco). – (Da ‘cionco’ mozzo, tronco; riferito a persona, come sostantivo: sciancato,storpio) – Diventare paralizzato = “Acc(e)mbà” – Vedi anche “Acc(e)pp(e)nì”
Ciùoc(e), agg. Rimbambito, rimbecillito, sciocco.  (Sp.: ‘chocho’ rimbambito) – Femm.: ‘Ciòcia’
Ciùott(e), agg. Grasso, grassoccio. – (Probabile origine  da quanto citato nel: (SITO WEB: Bulgari: www.jelsi.com/news/020317/kn3.htm ), da termini  di origine proto-bulgara e precisamente riferito alla parola: ciuotte o ciote, pieno tondo)
Cìv(e), s.m. Becchime, imbeccata per gli uccelli (Termine  derivato dalle varianti del latino ‘Cibus’ cibo – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 ) – Civo, è anche come innescatura, esca delle armi da fuoco di origine meridionale. [Rholfs 1977; LEA; VES]
Clarinètt(e), s.m. Clarinetto
Cliènt(e), s. m. Cliente, anche in senso di sfottò: vì chè cliènt(e)! = vedi che cliente > strano, (furbo, esoso, ecc.)!
Clistèr(e), s.m. Clistere, clisma (gr. ‘Clyster’ lavatore)
Clòr(e), s.m. Cloro
Còc(e), cùott(e) Cuocere, cucinare, scottare – O’sc(e) hàggia còc(e) lì fasùl(e) = Oggi devo cucinare i fagioli. 2. Scottare, essere troppo caldo
Còc(e), cùott(e) Scottare, essere troppo caldo – M'(e) sò cùott(e) lù rìsc(e)t(e) = Mi sono scottato il dito. 2. Cucinare, cucinare, cuocere
Còc(e)s(e) r’ sòl(e), cùott(e)s(e) r’ sòl(e) Abbronzarsi, prendere la tintarella
Còcc(e)la, s.f. Chiocciola, conchiglia, lumaca. 2. Pasta alimentare di forma simile al guscio di chiocciola
Còcch(e), s.m. Cocco, vezzeggiativo di bambini; prediletto, beniamino – Còcco di màmma – 2. Ironico: Pòv(e)r(e) còcch(e)!
Còcch(e)la, s.f. Varicella malattia infettiva virale. Caratteristica dalla comparsa di vescicole pustolose in testa e sulla faccia. (Dal Lat. ‘Coccula’ palla, cosa rotonda) ed anche dal Lat. ‘Cochlea’ chiocciola > guscio della chiocciola)
Còcchia, s.f. Coppia
Còcchia, s.f. e Còppia, s.f. Coppia.  In coppia = ‘Accucchiàt(e)’
Còcchia_ Còcchia, agg. Coppia<A. In coppia, apparigliati, uniti.
Còcchia_còcchia, agg. Coppia<In. In coppia, appaiati, uniti
Còccia, s.f. Testa, capo – Detta anche ‘Còzza’ (Da gr. ‘Kottida’ testa)
Coccò, s. m. Cocco, uovo. – Màngia ù coccò, à màmma! = Mancia il cocco a (al piacere della) mamma!
Coccomanìn(e), s.m. Decalcomania
Còfan(e), s.m. Cofano, grosso cesto, tronco conico, a base stretta, fatto di sottili scheggie di castagno intessute, con pelle o tela per renderlo più impermeabile ed essere usato a contenere ad esempio delle granaglie, farina, ecc. – (Gr. ‘kophìnos’ cesta, paniere). 2. Cofano motore dell’automobile.
Còff(e)la, s. f. Buccia di ortaggi, di granaglie. Generalmente, però, il termine si riferisce al residuo della buccia del pomodoro, che resta dalla spremitura che si pratica per ottenere il passato di pomodoro oppure alla buccia interna delle granagIie quale residuo della  trebbiatura. – (Termine che deriva dalla similitudine della buccia ad una cuffia che, a sua volta, dalle ipotesi del Diez e del Duden, proviene dall arabo: ‘kufiia’ sorta di berretto o di turbante). 2. Glumetta, glumella, piccola buccia che in genere in numero di due coprono  il chicco delle graminacee, il loro apice è fornito di un prolungamento filiforme, detto arìsta.
Còff(e)la, s. f. Glumetta, glumella, piccola buccia che in genere in numero di due coprono  il chicco delle graminacee, il loro apice è fornito di un prolungamento filiforme, detto arìsta. 2. Buccia di ortaggi, di granaglie. Generalmente, però, il termine si riferisce al residuo della buccia del pomodoro, che resta dalla spremitura che si pratica per ottenere il passato di pomodoro oppure alla buccia interna delle granagIie quale residuo della  trebbiatura.   – (Termine che deriva dalla similitudine della buccia ad una cuffia che, a sua volta, dalle ipotesi del Diez e del Duden, proviene dall arabo: ‘kufiia’ sorta di berretto o di turbante)
Cògli, cugliùt(e) Cogliere, raccogliere, accogliere –  P'(e) là vìa hav(e) cùov(e)t(e) rùi(e) fùng(e)  = Per la strada ha colto qualche fungo. 2. Colpire, cogliere;
Còglia, s. f. Coglia, scroto, tutto il sacco compreso i coglioni. (Dal lat.:  ‘coleus’ = sacco di cuoio) – Coglione = “Cugliòn(e)”
Còglia, s. f. Testicoli, scroto, coglia, tutto il sacco compreso i coglioni. (Da lat.: ‘culeus’ = sacco di cuoio) – Coglione = “Cugliòn(e)”
Còglj(i), cùov(e)t(e) o cugliùt(e) arc. Cogliere, raccogliere, accogliere –  P'(e) là vìa hav(e) cùov(e)t(e) rùi(e) fùng(e)  = Per la strada ha colto qualche fungo. 2. Colpire, cogliere;
Còglj(i), cùov(e)t(e) o cugliùt(e) arc. Colpire, cogliere  – P(e) la vìa l’hav(e) cùov(e)t(e) nù (i)nf(e)rrìzz(e) – Per la strada l’ha colto un acquazzone. 2. Raccogliere, cogliere, accogliere
Cognàcch(e), s.m. Cognàc
Còlaca, s.f. Colica, spasmo doloroso a carattere parossistico insorgente in sede addominale e in altri distretti. È in rapporto alla contrazione spastica della parete muscolare di un organo cavo (intestino, uretere, cistifellea, coledoco ecc.)
Colamài(e), s.m. arc. e Calamài(e), s.m. Calamaio
Còlana, s.f. Origano, (detta anche ‘Regano’ reg.) erba aromatica della quale vengono usate le minutissime fglioline e spighette (ottenute fregando fra loro le piantine: “Sfruculà”) – (Termine giunto, per metatesi, dal lat.: ‘cunila’, tipo di origano citato da Plinio il Vecchio in Naturalis historia – Liber I – 20: (62) “cunila gallinacea sive origano V -)
Collehatòr(e), s.m. e Cullehatòr, s.m. Collocatore, funzionario del Ministero del Lavoro
Collezziòn(e), s.f. Collezione
Colonnèll(e), s.m. – Cul(e)nnèll(o), s.m.  e Culu(e)nnèll(o), s.m.arc. Colonnello
Còlp(e) scùr(e) Sparo<Ultimo. L’ultimo colpo, l’ultimo botto più fragoroso che viene eseguito alla fine del fuoco d’artificio
Còlp(e), s.m. Colpo
Còlpa, s.f. Colpa
Combenzàt(e), s.m. e Compenzàt(e), s.m. Compensato, materiale ottenuto incollando fra loro tre o più fogli sottili di legno con le fibre incrociate a 90°; è impiegato nella fabbricazione di mobili, pannelli ecc.
Combiùter, s.m. Computer
Còmblic(e), s.m. Complice
Còmm(e)_bòi, s.m. Cow-boy, mandriano dell’ovest degli Stati Uniti
Còmm(e)t(e), agg. e s. m. Comodo, confortevole, utile, agevole, facile. – S.m.:Comodità, convenienza, agio
Commendatòr(e), s.m. Commendatore
Complicà, àt(e) e Comblicà, àt(e) Complicare
Comprès(e), avv. e agg. Compreso, incluso, inteso, capito
Compressòr(e), s.m. Compressore. 2. Rullo compressore
Compressòr(e), s.m. Rullo compressore. 2. Compressore
Còn(e), s.m. Cono
Cònca, s.f. e Cònga, s.f. Conca, recipiente a tronco di cono rovesciato
Condrattèmb(e), s.m. e Contrattèmb(e), s.m. Contrattempo, imprevisto
Congat(e)nà, àt(e) Concatenare
Congat(e)nà, àt(e) Concatenare
Cònghj(i), ùt(e) Maturare, gonfiarsi, dilatare, intumidire. (Dal lat.: ‘complare’ colmare)
Cònghj(i), ùt(e) Intumidire, dilatare, gonfiarsi,  maturare. (Dal lat.: ‘complare’ colmare)
Conglusiòn(e), s.f. Conclusione
Congrèha, s. f. Congrega, confraternita
Cònn(e)la, s.f. Culla, leggera, di vimini od altro, sospesa al soffitto che si solleva o si abbassa con una corda (usata per isolare il bambino quando in casa circolavano anche animali domestici o da cortile ed inoltre si poteva cullare anche da sdraiati nel proprio letto.
Continuamènt(e), avv. e Continuamènd(e) e ‘Ùna_contìnua e ‘Ùna_contìnua Continuamente
Contrabbandìer(e), s.m. Contrabbandiere
Contrabbànt(e), s.m. e Condrabbànd(e), s.m. Contrabbando, frodo, azione illecita, bracconiere (Da: atto contrario al ‘bando’, ossia: a un editto, a una legge)
Contròra, s.f. e condròra, s.f. e Cundròra, s.m. arc. Ore pomeridiane > prime. Prime ore pomeridiane,  generalmente di quelle estive, circa  dalle ore 14 alle 16  quando per le strade assolate delle città meridionali sono deserte, per la troppa calura estiva. – O’gn(e) ghiùorn(e) àa condròra, ìj(e) m’appòsc(e) = Ogni giorno al primo pomeriggio schiaccio un pisolino
Cònza, s.f. Concia, salamoia
Cònzol(e), s.m. Console
Conzolàt(e), s.m. Consolato
Còpp(e)la, , s. f. Coppola (reg), berretto floscio, basso, con visiera. Berretta o berretto, berrettino o berrettina. – (Diminutivo di coppa, nuca, parte posteriore del capo – derivaz. merid.) – Piccola: ‘Cupp(e)lècchia’ s.f. – Grande: ‘Cupp(e)lòn(e) s.m.
Còppia, s.f. e Còcchia, s.f. Coppia.  In coppia = ‘Accuppiàt(e)’
Coppìglia, s.f. e Cuppìglia, s.f. Copiglia
Còr(e), s.m. e Cùor(e), s.m. Audacia, coraggio, ardire. – C(e)nzìna n'(e)n tèn(e) còr(e) = Vincezina non ha coraggio, è timida. 2. Cuore
Còr(e)va, s.f. Bardatura in legno facente parte della costituzione della barda degli animali da soma. – (Dall’it.:  ‘curva’ in quanto consistono in due assi lignee ricurve, portanti, principali, che costituisconono la ‘vàrda’, barda. – (Vedere ‘Vàrda’)
Còra, s. f. Coda. – Codina = ‘Cur(e)cègghia’
Coràll(e), s.m. Corallo
Còrchia, s.f. arc. Topo di campagna, conosciuto come un divoratore instancabile. 2. Mangione, persona avida di cibo
Còrchia, s.f. arc. Mangione, persona avida di cibo. 2. Topo di campagna, conosciuto come un divoratore instancabile
Corda spìna, s.f. Filo di ferro spinato
Còrda, s.f. Corda, fune. 2. Finimento per legare la soma sugli animali: “Tòrsa”
Còrn(e), s.f. Corna>Fare le: Fare le corna. Mostrare le corna, con l’indice ed il mignolo la mano, in segno di scongiuro. – Plurale: ‘Còrn(e)’
Còrna, s.f. Corno, formazione tegumentale/ossea di alcuni animali Ungulati come le mucche, capre, ecc.. (pl. ‘Còrn(e)’) – Detto ache: ‘Cùorn’
Cornètt(e), s.m. Cornétto s. m. (dim. di corno). Piccolo corno, spec. quelli, di corallo o d’altro, che si portano come amuleti. 2. Piccola forma di pane, pan dolce o brioche (‘briòscia’, a forma di mezzaluna. Anche, tipo di gelato prodotto industrialmente, costituito da un cono biscottato ripieno.
Còrr(e), cùrs(e) Correre. Anche: ‘Scappà’
Còrr(e), cùrs(e) Correre
Còrr(e), cùrs(e) e currùt(e) Correre.
Corrèd(e), s.m. e Pànn(e), pl. m. Dotazione, corredo
Còrs(e), s.m. Corso – A’ pratica hàdda fa ù còrs(e) sùj(i) = La pratica deve fare il suo corso. 2. Corso, inteso come strada – N'(e) v(e)rìm(e) p’ù còrs(e) = Ci vediamo per il corso (La via principale del paese dove si passeggia (Si fa lo ‘Strùsc(e)’). 3.  Corso, nome del cane ‘Corso’ – E’ discendente diretto del “canis pugnax” (molosso) romano del quale rappresenta la versione leggera impiegata per la caccia alla grossa selvaggina e quale ausiliare bellico. Deve il suo nome al latino “Cohors” che significa guardia, protettore
Còrs(e), s.m.  Corso, nome del cane ‘Corso’ – E’ discendente diretto del “canis pugnax” (molosso) romano del quale rappresenta la versione leggera impiegata per la caccia alla grossa selvaggina e quale ausiliare bellico. Per secoli è stato prezioso compagno delle genti italiche che lo hanno utilizzato per la guardia della proprietà e del bestiame, per la caccia e per la difesa personale. Diffuso un tempo in tutta la Penisola, come una vasta iconografia e storiografia testimoniano, ha trovato un’ottima isola di conservazione in Puglia, Lucania e Sannio  –  Deve il suo nome al latino “Cohors” che significa guardia, protettore. – 2. Corso – A’ pratica hàdda fa ù còrs(e) sùj(i) = La pratica deve fare il suo corso. 3. Corso, inteso come strada (La via principale del paese dove si passeggia (Si fa lo ‘Strùsc(e)’)
Còrs(e), s.m. Corso, inteso come strada – N'(e) v(e)rìm(e) p’ù còrs(e) = Ci vediamo per il corso (La via principale del paese dove si passeggia (Si fa lo ‘Strùsc(e)’) 2. Corso – A’ pratica hàdda fa ù còrs(e) sùj(i) = La pratica deve fare il suo corso. 3.  Corso, nome del cane ‘Corso’ – E’ discendente diretto del “canis pugnax” (molosso) romano del quale rappresenta la versione leggera impiegata per la caccia alla grossa selvaggina e quale ausiliare bellico. Deve il suo nome al latino “Cohors” che significa guardia, protettore
Còrsa, s.f. Corsa, gara (di velocità), viaggio (di treno), tragitto (di carrozzella, di tassí). 2. Scorreria, scorribanda
Còrt(e), s.f. Corte, cortile
Còrta, s.f. Corte, titolo di alcuni organi giurisdizionali
Còs(e), ùt(e) Cucire, (pres.: còs(e), cùs(e), còs(e), cusìm(e) cusìt(e), còs(e)n(e). – (Sp.: ‘coser’) – Anche plurale di ‘Còsa’)
Còsa, s.f. Cosa, oggetto. – Plurale di ‘Còs(e)’ – (Dim: ‘Cusarègghia’ cosina).
Còsa, s.f. arc. Formaggio, cacio (termine usato per lo più con i bambini) – Usato anche: ‘Càs(e)’ – M’hagg(e) mangiàt(e) pàn(e) e còsa = Ho mangiato pane e formaggio
Còssa, s.f. Coscia. gamba – lat. ‘cossia’ gamba –  (Fr. ‘Cuisse’ coscia) – Coscione = ‘Cusciòn(e)’  –  Coscetta = ‘Cuss(e)lègghia’  – A gambe larghe = “A’ lì scarrùn(e)”
Còst(e), pl. f. e Ièt(e), pl. f. Bietola da coste: (Beta vulgari) -(Dal prelatino “costo” arbusto)
Còst(e), s.m. Costo
Còsta, s.f. Costa, salita, erta, rampa. – (dim.: Custarègghia = piccola salita). 2. Costa, nervatura mediana di una foglia
Còsta, s.f. Costa, nervatura mediana di una foglia. 2. Costa, salita, erta, rampa
Còstola, s.f. e Spangègghia, s.f. arc. Costola
Còt(e)ca, s.f. Luridume, morchia, sudiciume di sostanze grasse, unto rappreso. 2. Cotica. Cotenna del maiale od anche la parte superficiale del terreno, comprendente le radici erbose.
Còt(e)ca, s.f. Cotica. Cotenna del maiale od anche la parte superficiale del terreno, comprendente le radici erbose. 2. Luridume, morchia, sudiciume di sostanze grasse, unto rappreso.
Còta, s. f. Letame derivato dallo stallatico (“Stìer(e)”) in quanto indica uno “Stìer(e)” più vecchio e compatto, usato come concime – Concimare = “Cutà”
Còtt(e), s. m. Cappotto, termine arcaico. (Americanismo: da ‘Coat’ giacca, cappotto) – Anche “Cappòtt(e)”
Còtt(e), s. m. Mantello, soprabito, cappotto. ( Dall”Americano ‘ Coat’ giacca, cappotto, mantello)
Còv(e)ta, s.f. Coglitura
Còv(e)ta, s.f. Raccolta, raccolto, adunata
Còzz(e)ca, s.f. Crosta, crosta si sangue  (Dal dialettale napoletano ‘cozza’ frutto di mare per similitudine la crosta che si forma sulla pelle rotta o magagnata, crosta o schianza) – (Voc. Napoletano-Italiano- Raffaele Andreoli – Salvatore Di Fraia Editore)
Còzza r’ mùort; s.f. Cranio, testa di morto
Còzza, s.f. Coccia (per: capo calvo), testa (Da gr. ‘Kottida’ testa). 2. Mitilo, mollusco di mare e di acqua dolce
Còzza, s.f. Mitilo, mollusco di mare e di acqua dolce. 2. Coccia, testa (Da gr. ‘Kottida’ testa)
Cr(e)hà, àt(e) Creare, criare, arc.
Cr(e)iùs(e), agg. e Crijùs(e), agg. Bizzarro, strano,  indiscreto, ficcanaso, curioso
Cr(e)nzà, àt(e) arc. e Crèr(e) ch(e)rrùt(e) Credere. (Da credere incrociato con pensare ((Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 pag. 160))
Cr(e)pà, àt(e) Crepare, lesionare, spaccarsi, schiattare,
Cr(e)pùs(e), agg Caparbio, testardo,
Cr(e)rènza, s.f. Credenza, superstizione, religione
Cr(e)s(e)mà, àt(e) Cresimare
Cr(e)sc(e)cùs(e), agg. Capriccioso, inquieto, coccolone, bisognoso di vezzi, di carezze
Cr(e)scènt(e), s. m. e Cr(e)scènd(e), s. m. e Lìevit(e), s.m. Lievito. Quanto fino alla seconda metà del XX sec. si impastava il pane in casa, il lievito si passava da una famiglia all’altra, conservandone un piccolissimo pezzo entro un po’ di pasta di pane (pizza), fresca,  in un recipiente, coperto da un filo d’olio, tenuto al caldo, coperto da un panno, che poi si trasforma in nuovo lievito. – (Dal part. pres. di ‘crèsc(e)’: crescente, che cresce)
Cr(e)scènza, s.f. Crescenza, crescita, 2. A crescenza (detto di indumenti per bambini) = “(i)Ncr(e)scènza”
Cr(e)sciùl(e), s.m. Laccio di cuoio per scarpe, correggiuolo. (Dim. di ‘currescia’ correggia, cintura, dal lat.: “Corrigia”)  Realizzati, una volta, nelle nostre capagne, con la pelle di cane. 2. Accoppiamento sessuale, copula
Cr'(e)st(e)iàn(e), s.m. Persona umana, uomo
Cr(e)stiàn(e), agg. Cristiano, conforme al cristianesimo. 2. Cristiano, come individuo, persona.
Cr(e)stiàn(e), s.m. Cristiano, come individuo, persona. 2. Cristiano, conforme al cristianesimo
Cr(e)t(e)cà, àt(e) Criticare
Cr(ie)sciùl(e), s, m. Stringa di cuoio. 2. Coito, atto sessuale
Crài, avv. e Dumàn(e), avv. Domani. – Anche. “Dumàn(e)’ – (Dal lat.: ‘cras’ – Per gli altri giorni vedere “Iùorn(e)”
Crammatìn(e), avv. Domattina, domani mattina (Crài à matìna)
Cràpa, s. f. Capra – Capretto: ‘Crapètt(e)”
Crapàr(e), s.m. Capraio, capraro (arc.). Pastore di capre, persona trasandata, villana
Crapìcc(e), s.m. Capriccio, bizza (fare le bizze)
Crapòn(e), s.m. Caprone, capro (detto anche ‘Zèmmar(e)’ – figurato: Persona barbuta e incolta nell’aspetto ma anche di persona caparbia, testarda
Crapriùol(e), s.m. Viticcio, organo di attacco della vite o di altre piante simili (Angiosperme). – (Da ‘caprèolo’ s. m. (dal lat. ‘capreŏlus’ «capriolo», perché la forma ne ricorda le corna. – Latinismo per cirro o viticcio).
Cravàtta, s.f. Cravatta. 2. Cravatta metallica provvisora formata dai quattro ferri che, messe ad opportuni intervalli l’una con l’altra, assicurano le assi costituenti l’armatura per il getto di di un manufatto in calcestruzzo.
Cravattìn(e), s.m. Cravattino, piccola cravatta con nodo a farfalla
Crèdd(e)t(e), s.m. Credito, fiducia
Crepacòr(e), s.m. Crepacuore.
Crèr(e), ch(e)rrùt o cr(e)rrùt e Cr(e)nzà, àt(e) arc. Credere
Crèr(e), ch'(e)rrùt(e) e Ch(e)rrèr(e) ch'(e)rrùt(e) arc. Credere, aver fiducia
Crèr(e), s.m. Credo, preghiera
Crès(e)ma, s.f. Cresima
Crèsc(e), ùt(e) Crescere. Crìsc(e) fìglj(i) mìj!= Cresci figlio mio!
Crèspa, s.f. Crespa. Là hònna t'(e)nìa tòtt(e) crèsp(e) = La gonna aveva tute crespe
Crèta, s.f. Creta, argilla
Crià, àt(e) Criare, (arc);  creare
Criàm(e), s.m. e Criàma, s.f. Bambino, creatura
Criàma, s.f. e Criàm(e), s.m. Creatura, bambino
Criànza, s.f. Dono, omaggio fatto per creanza, per buona maniera. – M(e)sèra vèn(e) ù cumbàr(e), quann(e) s'(e) n'(e) vài ù facìm(e) nà criànza, ù rialàm(e) nù sauzìcchj(i) = Stasera viene il compare, quando và via gli diamo un salamino. 2. Creanza, educazione, buone maniere
Criànza, s.f. Creanza, educazione, buone maniere. 2. Dono, omaggio fatto per creanza, per buona maniera
Criatòr(e), s.m. Creatore
Criatùr(e), s.m. Bambino, giovanetto, creatura
Criatùra r'(e) là cùpa; s.f. Creatura, bambina che, in un racconto, appariva all’imbrunire ai viandanti che transitavano per la via di campagna, detta ‘Cupa’. . . (Vedere ‘Cùpa’)
Criatùra, s.f. Creatura, ogni essere animato. 2. Creatura, bambino, giovanetto
Crìcch(e), agg. Eretto, rizzato, teso.  2. Arzillo, vispo, vivace
Crìcch(e), agg. Arzillo, vispo, vivace 2. Vì quìgghiu vècchj(i) cùm(e) èia crìcch(e) = Vedi quel vegghio come è arzillo. 2. Eretto, rizzato, teso
Crìcch(e), s.m. Cric, apparecchio per sollevare gli assi di un veicolo per le piccole riparazioni
Crijùs(e), agg. e Cr(e)iùs(e), agg. Curioso,indiscreto, ficcanaso, strano, bizzarro
Crisantèm(e), s.m. Crisantemo (Crysantemum segetum, chinense, indicum, ecc,)
Crìsc(e), sànt(e)! loc. Cresci sànto! Augurio rivolto ai bambini.
Crisc(e)mmàn(e), s.m. Crisc(e)mmàn(e), (alla lett.: cresce in mano: cioè le carte in mano possono crescere di numero). – Gioco delle carte da giocare in due o in più persone. – REGOLE del gioco, a due: Distribuire metà carte a testa, spttosopra sul tavolo. Il primo giocatore prende la prima, del proprio mucchietto, e la gioca; se non è un 1 (asso), un 2 o un 3, l’altro giocatore gioca la sua carta , e così fanno di seguito finchè non esce un asso, un 2 o un 3, facendo ammucchiare, in tal modo, le carte giocate sul tavolo. – Se mentre giocano, invece, esce ad es. un 1 (asso), e all’avversario una ‘scartìma’ generica (carta diversa dall’1, dal 2 o dal 3), il primo prende tutte le carte giocate fino ad allora, e se le mette sotto il proprio mucchietto ancora da giocare, per essere ancora utilizzate. – Se invece, dopo che il primo ha giocato l’asso, il secondo gioca ad es. un 2, il primo è tenuto a rispondere con altre due carte, o rispondere con 3 carte se esce un 3, dopodiché si continua finchè il primo dei due che ha una ‘scartima’ perde le carte dell’ ultima mano, e così facendo fino all’ultima carta senza avere più l’1, 2, o 3 arriva che esce fuori dal gioco. – Se giocano in più si due persone, vengono eliminate uno alla volta finchè vince, alla fine, colui che resta avendo tolto le carte a tutti.
Crìscj(i)! escl. Crèsci! Esclamazione che si usa rivolgendosi a qualcuno quando starnuta, o ad un bambino quando fa un ruttino, augurandogli salute con: Crìscj(e) Sànt(e)! = Cresci Santo!
Crìst(e), s.m. Cristo
Cristallìera, s.f. e V(e)trìna, s.f. Credenza, intesa quella napoletana, con la parte inferiore avente sportelli in legno e quella superiore con sportelli a vetro
Cròc(e), s.f. Croce. Giocare a testa e croce = Sciuquà à Càp(e) e Cròc(e) – Messo in croce = Pùost(e) (i)Ncròc(e)
Cròcch(e), s.m. Membro virile. 2. Crocco, gancio, asta
Cròcch(e), s.m. Crocco, gancio, asta. (dal francone  ‘Krok’ ). 2. Membro virile
Cròcchia, s.f. e Crùocchj(i), s.m. Punta, rebbio, dente di un arnese forcuto
Cròm(e), s.m. Cromo
Cromà, àt(e) Cromare
Crommatìna, s.f. Cromatina, lucido per calzature. (nel linguaggio com.) – (Dal gr.: ‘chroma’ colore)
Cròna, s.f. e Curòna, s.f. Corona, diadema, rosario, corona funebre
Cròsc(e)ca, s.f. Flatulenza, peto, scoreggia. Anche “Pìrd(e)” e “Pèrda” e “Scurrèggia” – (Dall’it.: ‘crosciare’ e ‘scrosciare’ dall’ingl. ‘crash’ strepitare, rumoreggiare)
Cruc(e)vìa, s.f. Crocevia, incrocio
Crucculà, àt(e) e Cruccul(e)ià, àt(e) Croccolare (reg. senese) , chiocciare, mandar fuori una certa voce rauca e in gola, e dicesi di gallina quando cova le    uova, o vuol covare, o guida i pulcini
Crùocchj(i), s.m.e Cròcchia, s.f. Rebbio, punta, dente di un arnese forcuto
Crùosc(e)ch(e), s.pl. Capricci, bizze, inquietudini (Dal lat. parlato ‘cossicus’  da ‘cossus’ larva, in quanto il dire: ‘tèn(e) lì ‘crùosc(e)ch(e)’ vuol significare essere infastidito e quindi inquieto.) –  2. Coccola, vezzo, carezza, moina (significato di lenire le inquietudini, le bizze) – (Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – pag. 158 voce: ‘còscos’)
Crùr(e), agg. Crudo
Crurèl(e), agg. Crudele
Crùsc(e)ch(e), s.m. Pane tostato, fetta di pane abbrustolita
Crusc(e)chijà, àt(e) Vezzeggiare, accarezzare, coccolare, fare moine – (Da: ‘Crùosc(e)ch(e)’)
Crùsc(i)ch(e), s.m. Pane abbrustolito<Fetta di. Fetta di pane tostato.
Cù, prefisso Con
Cuc(e)nà, àt(e) e Cuc(e)nià, àt(e) Cucinare, cuocere
Cuc(e)nìer(e), s.m. Cuciniere, cuoco
Cùcc(e), agg. Accucciolato,  fig.: raumiliato, mogio , avvilito
Cùcc(e)_Cùcc(e), s.m. Coniglio, coniglietto, termine usato in genere con i bambini – (da. Cuccio, arc. = Cucciolo del cane)
Cucchiàr(e), s.m. Cucchiaio – Dim,; “cucchiarìn(e)’
Cucchiàra, s.f. Cazzuola, per muratori. (Sp.: ‘Cucara’ cucchiaio. 2. Schiumarola<grossa, per tirare su corpi solidi immersi in liquidi, da grosse pentole.
Cucchiàra, s.f. Schiumarola<grossa. Grossa schiumarola, per tirare su corpi solidi immersi in liquidi, da grosse pentole 2. Cazzuola
Cucchiàra<Mèzza Muratore<Apprendista. Apprendista muratore
Cucchiaràta, s.f. Cucchiaiata
Cucchiarègghia, s.f. Schiumarola
Cùccia, s.f. e agg. Cuccia, giaciglio del cane.
Cùccio agg. e Accucciat(e), agg. Basso, accovacciato. Orecchia bassa – Come quando un cane è stato sgridato: Tèn(e) r’aurècch(i) cùcc(e) = Ha le orecchie basse
Cucciùt(e), agg. Cocciuto, caparbio, testardo
Cucciùt(e), agg. Cocciuto, testone, testardo, caparbio, ottuso
Cuccu_uàscja, s.f. e Cuccuvàscja, s.f.  e Civetta, s.f. Civetta, nottola, coccoveggia, pop. – Ritenuta anche: “Aucìegghj(i) r'(e) lù malahùrij(e) – Uccello del malaugurio, per il suo lugubre canto notturno. (Dal gr. ‘Koukkabidos’ – civetta)
Cuccuvàscja, s.f. Cuccu_uàscja, s.f. e Civetta, s.f. Nottola, civetta, (fam.: ‘StrigidÌ) coccoveggia, pop. – Ritenuta anche: “Aucìegghj(i) r'(e) lù malahùrij(e) – Uccello del malaugurio, per il suo lugubre canto notturno. (Dal gr. ‘Koukkabidos’ – civetta)
Cucènt(e), agg. e Cucènd(e), agg. Cocente, scottante
Cucèv(e)l(e), agg. e Cucìv(e)l(e), agg. Influenzabile, suggestionabile. – N’nn(e) avè paùra r’ù cunvìng(e), èia ùn(e) cucìv(e)l(e) = Non aver paura di convincerlo, è una persona influenzabile.  2. Cottoio, di facile cottura.
Cucìv(e)l(e), agg. e cucèv(e)l(e), agg. Cottoio, di facile cottura. 2. Influenzabile, suggestionabile.
Cucùl(e), s.m. Cuculo
Cùcuma, s.f. Cuccuma, bricco, pentola. –  Piccola: “Cucumègghia” o “Cucumìegghj(i)” – (Gr.: ‘Cuccuma’ vaso di argilla)
Cucumìegghj(i), s.m. e Cucumègghia, s.f. Bricco, pentolino- (Da: Cuccuma, bricco – a sua volta dal lat: ‘cucumius’ cocomero )
Cùcurucù, s.m. Piccione, termine (onomatopeico) rivolto in genere ai bambini 2. Verso del piccione
Cùcurucù, s.m. Verso del piccione. 2. Piccione, termine rivolto in genere ai bambini
Cucuzzìegghj(i) saluàgg(e), s.m. Cocomero asinino della famiglia delle cucurbitacee, tipo Ecballium elaterium. E’ una pianta perenne con un frutto simile ad un piccolo cetriolo che alla maturità si stacca dal peduncolo lanciando con violenza un succo amaro e i numerosissimi semi.
Cucuzzìegghj(i), s.m. Zucchino, pianta delle Cucurbitacee. I fiori di zucca vengono detti “Tàggh(i)” (da tallo, talea) – O’sc(e) n'(e) mangiàm(e) Tàgghj(i) e Cucuzzìegghj(i) = Oggi mangiamo (Zuppa di zucchine e dei loro fiori con vari condimenti, versata su fette di pane raffermo)
Cugl(e)nàta, s.f. Castroneria
Cugliòn(e), s.m. Coglione; pl. Cugliùn(e) – (Lat.: ‘Coleus’ = testicolo) – Tutto il sacco, lo Scroto: “Còglia”
Cuglj(i)nà, àt(e) volg. Coglionare, canzonare, beffare
Cùgn(e), s.m. e Zèppa, s.f. Cuneo, di legno o di ferro. 2. Zeppola – (Dall’it.: ‘cugna’ Incisione che si pratica in una roccia per inserirvi un cuneo che permetta il distacco di un blocco. – (Diz. Hoepli.it)
Cugnù(e)r(e), ùs(e) arc. e Cunghiùr(e), ùs(e) Conchiudere, concludere, finire, terminare. E mò chè bò cunghiùr(e)? = Adesso cosa vuoi concludere?
Cugnùol(e), s.m. Cugno>piccolo (dim.), piccolo cuneo, zeppolina
Cuièt(e), agg. e Quièt(e), agg. Quieto, immobile, tranquillo, calmo, fermo, zitto, buono. – Stàtt(e) cuièt(e)! = Stai calmo!
Cuièta, s.f. Quiete, pace – Quègghia matìna (i)ngèra nà cuièta! = Quella mattina c’era una quiete!
Cuità, àt(e) e Accuità, àt(e) Acquietare, calmare, appacificare,  soddisfare – Ù criatùr(e) finalmènd(e) s’èia accuitàt(e) = Il bambino finalmente si è acquietato – (Dal lat. tardo quietare o quietari, der. di quietus «quieto» Porre in quiete, calmare)
Cuitànza, s.f. Quietanza, ricevuta, pagamento
Cùl(e), s.m. Culo, ano, deretano, sedere; – A bòtta cùl(e) = A darsi botte col sedere (‘Culacchiàt(e)’ durante il ballo) – Detto anche: “Tafanàr(e)” e “Tavanàr(e)” – Culetto = “Cul(e)rùzz(e)”, “Cularìn(e)”
Cùl(e), s.m. Sedere, deretano, culo, ano
Cul(e)_rùtt(e), e Fr(e)càt(e)_(i)ncùl(e), – s.m. e agg. Volpone, furbacchione, dritto (Espr. volgare per definire una persona furba ma allo stesso tempo fortunata)
Cul(e)nnèll(e), s.m. e Colonnèll(e), s.m. e Culu(e)nnèll(o), s.m.arc. Colonnello
Cul(e)nnètta, s.f. e Culunnètta, s.f. Comodino (Lat: ‘Columna’ colonna: per il suo formato)
Cul(e)rùzz(e), s.m. Sedere, natiche, deretano. 2. Osso sacro
Cul(e)rùzz(e), s.m. Osso sacro. 2. Sedere, natiche, deretano
Culà, àt(e) Filtrare, colare
Culà, àt(e) Colare, filtrare
Culacchiàta, s.f. Culata, colpo dato o battuto col deretano.
Culacchiùt(e), agg. Sedere>dotato di grosso. Dotato di un grosso sedere, di larghe natiche
Cularìn(e), s.m. e Cul(e)rìn(e), s.m. Intestino retto, sfintere dell’ano.
Culàta, s.f. Colata
Culatùr(e), s.m. arc. Colino, passino.
Culaziòn(e), s.m. Colazione
Culàzza, s.f. Veicolo<Retro di un. Parte retrostante di un veicolo. Parchèggia cù la culàzza vìers(e) lù mùr(e) = Parchegga con la parte retrostante (del mezzo) verso il muro. – Vedi anche il verbo “Acculazzà” – Ssì nnàrt(e) mìtt(e)r(e) à culàzza! = Codesti oggetti, mettili sul retro del veicolo!
Culèr(e), s.m. Colera
Culìn(e), s.m. Colino, passino. 2. Colabrodo, (riferito ad un colino più grande)
Cull(e)hà, àt(e) Collegare
Cullana, s.f. e Collàna, s,f. e Cannàcca, s.f. arc. Monile, collana. (Dall’arabo: ‘ngannacche’: collana)
Cullàna, s.f. e collàna, s.f. Collana. Anche: ‘Cannàcca’ arc.
Cullàr(e), s.m. Collare
Cullègg(e), s.m. Collegio
Cullèha, s.m. Collega, compagno
Cullèha, s.m. Collega
Cullehamènt(e), s.m. e Cullehamènd(e), s.m. Collegamento
Cullehatòr, s.m. e Collehatòr, s.m. Collocatore, funzionario del Ministero del Lavoro
cullèr(e)ch(e), agg. E (i)Ngazzus(e), agg. Collerico, iroso, incazzoso
Cullètt(e), s.m. Colletto
Cullètt(e), s.m. e Cùoll(e), s.m. Colletto, collo
Cullètta, s.f. e Sottatàssa, s.f. Colletta, questua, raccolta di danaro
Culònna, s.f. Colonna
Culòr(e), s.m. Colore
Culpèv(e)l(e), agg. Colpevole
Culpì, ìt(e) e Culpìsc(e), ùt(e) Colpire – Rànn(e) culpìt(e) giùst(e) (i)ndà lù cuzzètt(e)
Culpìsc(e), ùt(e) e Culpì, ìt(e) Colpire
Culunnèll(e), s.m. arc. e Colonnèll(e), s.m. e Cul(e)nnèll(e), s.m. Colonnello
Culunnètta, s.f. e Cul(e)nnètta, s.f. Comodino
Culurà, àt(e) Colorare
Culurùtt(e), agg. e f(e)ttut(e)ncùl(e), agg. Marpione, furbo, scaltro, spregiudicato
Culurùzz(e), s.m. Deretano, parte posteriore inferiore del tronco   – E’ia s(e)bbattùt(e) cù lù culurùzz(e) (i)ndèrra = E’ sbattuto col deretano per terra
Cùm(e) n’àglj(i) màscul(e), agg. (modo di dire) Tarchiato, tozzo, massiccio – Tr. Lett. (Come un aglio maschio) – Stài(e) cùm(e) n’àglj(i) màscul(e) – E’ massiccio come un grosso aglio
Cùm(e), avv. cong. e prep. Come
Cùm(e), avv. cong. e prep. Come
Cum(e)cchè, cong. e cumacchè, cong. Intensamente, fortemente, vivamente. – (Dal nap.: ‘còmm à chè’: (dovresti vederlo) da come è, come a sottolineare l’intenstà del fenomeno in causa). – So stàta à l’asìl(e,) ù criatùr(e) chiangìja cùm(e)cchè = Sono stata all’asilo, il bambino piangeva fortemente (da sentire veramente com’era (forte) il pianto)
Cumb(e)nà, àt(e) Combinare, accordare, unire
Cumb'(e)naziòn(e), s.f. Combinazione
Cumb(e)naziòn(e), s.f. e Cumm(e)naziòn(e), s.f. Circostanza, combinazione
Cumb(e)rtà, àt(e) e Cump(e)rtà, àt(e) Implicare, comportare, permettere
Cumbacià, àt(e) Combaciare, collimare, corrispondere
Cumbagnìa, s.f. e Cumpagnìa, s.f. Compagnia
Cumbagnòn(e), s.m. e Cumpagnòn(e), s.m. Compagnone
Cumbàr(e), s.m. e Cumpàr(e) s.m. Padrino, compare. 2. Amante (termine espresso in tono allusivo)
Cumbarìsc(e), àrs(e) e Cumbarì, ùt(e) Figurare, far bella figura – Per indicare il contrario: una brutta figura dicesi “Scùmparì o Scùmbarì “. 2. Comparire, rendersi improvvisamente visibile
Cumbassà, àt(e) e Cumpassà, àt(e) Compassare, misurare – (Lat. ‘Cum’ e ”Passus’ con passo). Sìm(e) sciùt(e) cù lù p(e)rìt(e) à cumbassà là tèrra = Siamo andati col perito a misurare il terreno
Cumbàtt(e), ùt(e) e Cummàtt(e), ùt(e) Combattere
Cumbattènt(e), s.m. e Cumbattènd(e), s.m. Combattente
Cumbiacèrs(e), ùt(e) Compiacersi, rallegrarsi. Cedi anche ” Pr(e)scj(i)à”
Cumbl(e)cà, àt(e) Complicare
Cumbl(e)càt(e), agg. Complicato
Cumbl(e)mènd(e), s.m. e Cumpl(e)mènt(e), s.m. Rinfresco, spuntino, leggara defezione di vivande, dolci,e quant’altro che si offre agli invitati ad un piccolo rinfresco che a volte si prepara in caso di matrimoni, battesimi, ecc. – A’ lù battèzz(e)  hànn(e) fàtt(e) pùr(e) lù cumbl(e)mènd(e) = Al battesimo hanno fatto pure un rinfresco. 2. Complimento, congratulazione, omaggio, regalo
Cumbòrma, agg. e Cumfòrma, agg. Simile, conforme, somigliante
Cumbr(e)ndà, àt(e) e Cumfr(e)ndà, àt(e) Incontrare, confrontare, paragonare
Cumbrìccula, s.f. Combriccola, insieme allegro di persone
Cumbrònd(e), s.m. e Cumfrònd(e), s.m. Confronto, paragone, riscontro
Cumèddia, s.f. Baraonda, confusione, scompiglio
Cumèddia, s.f. Confusione, baraonda, scompiglio
Cumènt(e), s.m. e Cumènd(e), s.m. Convento
Cumfòrma, agg. e Cumbòrma, agg. Conforme, simile, somigliante
Cumm(e)glià, àt(e) Coprire,  ammantare, avvolgere, rimboccare le coltri. (Dal lat. tardo lat. ‘cumuliare’, da ‘cumulus’ cumulo, quindi il significato di coprire)
Cumm(e)n(e)cà, àt(e) Comunicare
Cumm(e)n(e)tà, s.f. Comodità
Cumm(e)naziòn(e), s.f. Convenienza, circostanza, opportunità, occasione. A’gg(e) avùt(e) nà cumm(e)nazion(e) e m'(e) l’àgg(e) accattàt(e) – Ho avuto un’occasione e me lo sono comprato. 2. Combinazione, caso fortuito, coincidenza. – Anche: ‘Cumb(e)naziòn(e)’
Cumm(e)nèlla, s.f. Comunella
Cumm(e)nènza, s.f. Convenienza, opportunità, occasione – E’ia stàta pròbbia nà cumm(e)nènza! = E’ stata proprio una convenienza!
Cumm(e)nì, ùt(e) Convenire, avere convenienza, essere utile
Cumm(e)nìglia, s.f. Compagnia, convito, lo stare in comune, comunione – (Lat.: ‘communis’ comune)
Cumm(e)niòn(e), s.f. Comunione
Cumm(e)nìsta, agg. e s.m. e f. Comunista
Cumm(e)rcià, àt(e) Commerciare, trafficare, trattare affari
Cummannà, àt(e) Comandare
Cummàra, s.f. Comare, madrina, anche semplicemente vicina di casa  – A’ cummàra èia G(e)s(e)ppìna = La madrina è giuseppina; – Cummàr(e) M(e)ch(e)lìna m’hav(e) ràt(e) nù riàl(e) = Comare Michelina mi ha dato un regalo. 2. Amante (Appellativo espresso in tono allusivo)
Cummarègghia, s.f. Comare>piccola. Denominazione indicante  la fanciulla battezzata o cresimata, reciprocamente al rapporto caratterizzato con la madrina
Cummàtt(e), ùt(e) e Cumbàtt(e), ùt(e) Combattere
Cummèrc(e), s.m. Commercio
Cummèria, s.f. Commedia
Cummiglià, àt(e), s.f. Coprire, porre il coperchio, avvolgere, ammantare, celare.  –  Dal sic.: ‘cummigghiari’ coprire – Per estensione di  signif. del vb. “convogliare” = convolgere, con trasf. di ‘nv’ in ‘mm’, come nelle voci  “mmidia” = invidia)
Cummìt(e) anche in senso metaforico.
Cummùoglj(i), s.m. Copertura, coperta, rivestimento
Cumò, s.m. Comò, cassettone a due o più cassetti sovrapposti
Cump(e)rtà, àt(e) e Cumb(e)rtà, àt(e) Comportare, permettere, implicare
Cumpàgn(e), s.m. Compagno
Cumpàgn(e), s.m. e Cumbàgn(e), s.m. Compagno
Cumpagnìa, s.f. e Cumbagnìa, s.f. Compagnia
Cumpanàgg(i), s.m. e Cumbanàgg(i), s.m. Companatico
Cumpàr(e), s.m. e Cumbàr(e); s.m. Compare, padrino. 2. Amante (termine espresso in tono allusivo)
Cumparì, àrs(e) e Cumparìsc(e), àrs(e) Comparire, rendersi improvvisamente visibile. –  Per indicare il contrario: una brutta figura dicesi “Scùmparì o Scùmbarì” 2. Figurare, far bella figura, vestire con eleganza per far mostra di se
Cumparìegghj(i), s.m. e Cumbarìegghj(i), s.m. Compare>piccolo. Denominazione indicante  il fanciullo battezzato o cresimato, reciprocamente al rapporto caratterizzato con il compare
Cumpàss(e), s.m. Compasso
Cumpàss(e), s.m. e Cumbàss(e), s.m. Compasso
Cumpassà, àt(e) e Cumbassà, àt(e) Compassare, misurare – Sìm(e) sciùt(e) cù lù p(e)rìt(e) à cumpassà là tèrra = Siamo andati col perito a misurare il terreno
Cumpassiòn(e), s.f. e Cumbassiòn(e), s.f. Compassione
Cumpèt(e), cump(e)tùt(e) Competere
Cumpiatì, ùt(e) e Cumbiatì, ùt(e) Compiangere, aver compassione, commiserare
Cumpl(e)mènt(e), s.m. e Cumbl(e)mènd(e), s.m. Complimento, congratulazione, omaggio. 2. Rinfresco, spuntino, leggara defezione di vivande, dolci,e quant’altro che si offre agli invitati ad un piccolo rinfresco che a volte si prepara in caso di matrimoni, battesimi, ecc.
Cumpòsta, s.f. e Cumbòsta, s.f. Composta, conserva in genere di frutti o di ortaggi, per essere conservati e poi usati anche per gli altri periodi dell’anno
Cumùn(e), s.m. Comune. 2.  Comune circoscrizione amministrativa di municipio (‘M(e)n(e)cìbbij(e)’)
Cunb(e)ssiòn(e), s.m.e Cunf(e)ssiòn(e), s.m. Confessione
Cunc(e)lià, àt(e) Conciliare
Cunc(e)mà, àt(e) e Cung(e)mà, àt(e) Concimare. Concimare con il letame = “Cutà”
Cuncià, àt(e) e Accuncià, àt(e) Conciare (per le feste), picchiare
Cuncurdà, àt(e) Concordare
Cuncurdà, àt(e) e Cungurdà, àt(e) Concordare, mettere d’accordo
Cùnd(e), pl.m. e cùnt(e), pl. m. Oggetti, cose  –  pìgliat(e) li cùnd(e) tùi = pigliati le cose tue
Cùnd(e), s.m. e Cùnt(e), s.m. Conto, conteggio, parcella. 2. Racconto. Mò t'(e) rìch(e)  nù cùnd(e) = Adesso ti dico un racconto. 3. Oggetti, cose (pl.)
Cund(e)nuà, àt(e) e Cunt(e)nuà, àt(e) Continuare, proseguire
Cundàna, s.f. Cloaca, fogna
Cundannà, àt(e) Condannare
Cundènt(e), agg. e Cuntènt(e), agg. Contento
Cundìnua, s.f. Continua
Cundìnuh(e), agg. e Cuntìnuh(e) Continuo, ininterrotto, nello spazio e nel tempo  – Nù lamènd(e) cundìnuh(e) = un lamento continuo
Cundrabbàss(e), s.m. Contrabbasso
Cundràda, s.f. Condrata
Cundròra, s.m. arc. e Contròra, s.f. e condròra, s.f. Pomeriggio > primo. Primo pomeriggio,  generalmente di quello estivo, circa  dalle ore 14 alle 16  quando per le strade assolate delle città meridionali sono deserte, per la troppa calura estiva. – O’gn(e) ghiùorn(e) àa condròra, ìj(e) m’appòsc(e) = Ogni giorno al primo pomeriggio schiaccio un pisolino
Cunèssa, s.f. Botta, percossa concentrata, inferta con il taglio della mano alla nuca – (Forse dal lat.: ‘cuneus’ cuneo). 2. Puntina da disegno
Cunèssa, s.f. Puntina da disegno. 2. Botta, percossa, colto
Cunètta, s.f. Cunetta, piccolo canale affiancato alla carreggiata stradale per raccogliere le acque che piovono sulla pavimentazione 2. fossato, scavatura del terreno, fatta lungo o attraverso i campi per lo scolo delle acque
Cunf(e)nà, àt(e) Confinare
Cunf(e)nànt(e) s.m. e agg.  e Cunf(e)nànd(e) s.m. e agg. Confinante
Cunf(e)rènza, s.f. Confidenza – (i)N’cunf(e)rènza, t'(e) vòglj(i) rìc(e) nà còsa = In confidenza ti voglio dire una cosa
Cunf(e)rmà, àt(e) Confermare
Cunf(e)ssà, àt(e) Confessare
Cunf(e)ssà, àt(e) e Cunb(e)ssà, àt(e) Confessare
Cunf(e)ssij(e)nìl(e), s.m. Confessionale
Cunf(e)ssòr(e), s.m. Confessore
Cunfacènt(e) Confacente
Cunfàrs(e), v. Confàrsi
Cunfètt(e), s.m. e C(e)cciaròc(e), s.m. (arc.) Confetto. Pl.: ‘cunfìett(e)’ o ‘cumbìett(e)’  – ‘C(e)cciaròc(e)’ da: cìcc(e) aròc(e) = cece dolce
Cunfìn(e), s.m. Confine
Cunfònn(e), cunfùs(e) Confondere
Cunfòrm(e) e Cunfòrma, agg e avv. Conforme
Cunfòrm(e), agg. Conforme, concorde, corrispondente, consono
Cunformà, àt(e) Conformare, dare forma
Cunfòrt(e), s.m. Conforto, gioia, consolazione
Cunfr(e)ntà, àt(e) e Cunfr(e)ndà, àt(e) Confrontare, paragonare. 2. Imbattersi, ìncontrare,  scontrarsi
Cunfratèrnita, s.f. e Confratèrnita, s.f. Confraternia, congraga religiosa
Cunfusiòn(e), s.f. Confusione
Cùng(e), pl.m. Maccheroni. Termine affettuoso rivolto ai bambini, in genere al plurale. – (Prendono nome dal condimento (cùnz) dei maccheroni stessi, come se fossero detti: i (conditi ). –  Màngia ì cùng(e)! = Mangia i maccheroni (conditi)!
Cung(e)gnà, àt(e) Congegnare, costruire, architettare, escogitare, organizzare. ideare, inventare, progettare
Cung(e)ndùra, s.f. Congiuntura, circostanza, incastro, punto di incontro
Cung(e)rà, àt(e) Congedare
Cung(e)rènza, s.f. Coincidenza, caso, combinazione
Cung(e)rtà, àt(e) Concertare, stabilire in accordo con altri. Verbo inteso anche come: congegnare, disporre, sistemare, apparecchiare – Vìr(e) quègghia tàv(e)la cùm(e) t'(e) l’ànn(e) cung(e)rtàta! = Vedi quella tavola come l’hanno apparecchiata!
Cung(e)ttùra, s.f. Congettura, supposizione
Cungègn(e), s.m. Congegno
Cungèr(e) cungìess(e) Concedere
Cungèr(e), s.m. Congedo
Cunghiùr(e), ùs(e) e Cugnù(e)r(e), ùs(e) arc. Concludere, conchiudere, finire, terminare. – E mò chè bò cunghiùr(e)? = Adesso cosa vuoi concludere?
Cungignà, àt(e) Architettare, congegnare, costruire,  escogitare, organizzare. ideare, inventare, progettare
Cungìm(e), s.m.  e Cuncìm(e), s.m. Concime
Cungiòng(e), cungiùnt(e) o cungiùntde) Congiungere
Cungòrd(e), agg. e Cuncòrd(e), agg. Conforme, concorde, corrispondente, consono
Cunguistà, àt(e) Conquistare
Cunguìsta, s.f. Conquista
Cunìglj(i), s.m. Coniglio. – f. ‘Cunèglia’
Cunn(e)tàt(e), pl. Connotati, segni esteriori della persona, fisionomia, fattezze
Cunnètt(e) cunn(e)ttùt(e) e Accucchià, àt(e) Connettere,  intrecciare, legare, accoppiare, mettere insieme. – G(e)sèpp(e) s’èia connèss(e) à ìternett = Giuseppesi è connesso a internet. 2. Detto di parole: connettere due fatti, le idee, una circostanza con un’altra  – Dal lat.: ‘connectere’, comp. di cum ‘con’ e nectere ‘intrecciare, legare) – Quà l’ùnich(e) chì cunnètt(e) èia Frangìsch(e)) = Qui ‘unico che connette è Francesco
Cunnùc(e), cunn(e)ciùt(e) Inghiottire, ingoiare, deglutire
Cunnùtt(e), s.m. Condotto, canale chiuso, cunicolo ( Gr. “Cùsnus” > ‘Kusòs’ > Kus-Thos = Cosa cava – It.: ‘conno’)
Cunòcchia, s.f. Gruccia, stampella – (da ‘cannocchia’ (da canna) perche le antiche rocche erano per lo più di canna e quindi il rimando al bastone).  2. Conocchia, rocca (ròcca) per filare
Cùnt(e), s.m. Conto, calcolo aritmetico, lista, nota, considerazione. 2. Cosa, roba, oggetti d’ogni specie. 3. Racconto, narrazione
Cùnt(e), s.m. Cosa, roba, oggetti d’ogni specie. 2. Racconto, narrazione. 3. Conto, calcolo aritmetico, lista, nota, considerazione
Cùnt(e), s.m. Racconto, narrazione. 2. Conto, calcolo aritmetico, lista, nota, considerazione. 3. Cosa, roba, oggetti d’ogni specie
Cùnt(e), s.m. e Cùnd(e), s.m. Racconto. Mò t'(e) rìch(e)  nù cùnd(e) = Adesso ti dico un racconto. 2. Oggetti, cose (pl.). 3. Conto, conteggio, parcella
Cùnt(e)né, ùt(e) Contenere.
Cunt(e)nuà, àt(e) e Cund(e)nuà, àt(e) Continuare, proseguire
Cuntà, àt(e)e Cundà, àt(e) Raccontare. – Anche: ‘Rìc(e) lì cùnt(e)’. 2. Contare, calcolare, valutare, considerare, stimare
Cuntà, àt(e)e Cundà, àt(e) Contare, calcolare, valutare, considerare, stimare. 2. Raccontare .- Anche: ‘Rìc(e) lì cùnt(e)’
Cuntandà, àt(e) e Accuntandà, àt(e) Contentare, soddisfare, accontendare
Cuntatòr(e), s.m. e Cundatòr(e), s.m. Contatore
Cuntègn(e), s.m. e Cundègn(e), s.m. Contegno, atteggiamento dignitoso,
Cuntènd(e), agg. E cundènd(e), agg. Contento
Cuntignùs(e=, agg. E Cundignùs(e), agg. Contegnoso, altero, compassato
Cuntradd(e)ttòrij(i) Contraddittorio
Cuntraffòrt(e), s.m. Contrafforte (di fortificazione) sperone,
diramazione, propaggine (di montagna)
Cuntrarià, àt(e) Contrariare, contrastare
Cuntrarià, àt(e) e Cundrarià, àt(e) Contrariare, contrastare, contraddire
Cuntràrij(e), agg. e Cundràrij(e), agg. Contrario
Cuntràtt(e), agg. e Cundràtt(e), agg. Contratto, tirato, teso
Cuntràtt(e), s.m. e Cundràtt(e), s.m. Contratto
Cuntrattà, àt(e) e Cundrattà, àt(e) Contrattare
Cuntròra, agg. Controra, ora bruciata, calura pomeridiana
Cuntùort(e), agg. e Cundùort(e), agg. Contorto
Cunv(e)nziòn(e), s.f. Convinzione
Cunvèng(e), cunvìnt(e) Convincere
Cùnz(e), s.m. e Cùonz(e), s.m. Condimento, salsa. – (Deverb. del verbo ‘Cunzà’ condire)
Cunz(e)glìer(e), s.m. Consigliere
Cunz(e)gnà, àt(e) Consegnare, dare
Cunz(e)là, àt(e) Consolare
Cunz(e)laziòn(e), s.f. e Cunzùol(e), s.m. arc. Consolazione, conforto, gioia
Cunz(e)mà, àt(e) Consumare
Cunz(e)rvà, àt(e) Conservare
Cunzà, àt(e) Condire, aggiungere il condimento (Cùnz(e) o cùonz(e). – (Dal lat. ‘concinno, às’  acconciare, aggiustare. Giunto fino a noi, dapprima, come ‘accunzà’ e quindi ‘cunzà nel senso di aggiustare il sapore)
Cunzènt(e), ùt(e) e Cunz(e)ndì, ùt(e) Consentire
Cunzènz(e), s.m. Consenso
Cunzèrva, s.f. Concentrato di pomodoro, conserva di pomodoro,  ottenuto dalla passata dI pomodoro, salata e ulteriormente concentrata mediante essiccazione al sole artigianalmente entro larghi vassoi di terracotta ‘Spàsa’ od ottenuta attualmente con metodi industriali moderni (Anticamente prese il nome perchè si poteva ‘conservare’ a lungo). 2. Passata di pomodoro.
Cunziglià, àt(e) Consigliare
Cunzìglj(i), s.m. Consiglio
Cunzùm(e), s.m. Consumo
Cunzùol(e), s.m. arc. e Cunz(e)laziòn(e), s.f. Gioia, consolazione, conforto
Cùocc(e), s.m. Coccio, scheggia di roccia. 2. Paiolo in legno, caldaio, scodella, realizzati artigianalmente, usato presso le masserie (Massarìa) durante la cagliatura del latte.
Cùocc(e), s.m. Caldaio, paiolo in legno, scodella, realizzati artigianalmente, usato presso le masserie (Massarìa) durante la cagliatura del latte. 2. Coccio, scheggia di roccia
Cùocchj(i)_Cùocchj(i), agg, agg. Coppia<In. In coppia, insieme. 2. Afflitto, mesto, con la coda fra le gambe
Cùocchj(i)_Cùocchj(i), agg. Afflitto, mesto, mogio. lett. “Tutto raccolto”, ‘chiotto_chiotto’, con la coda fra le gambe S'(e) n’èia scjùt(e) cùocchj(i)_cùocchj(i) = E’ andato via mogio mogio 2. Coppia<In. In coppia, insieme.
Cùoch(e), s.m. Cuoco
Cùogghj(i), s.m. Collo
Cùoll(e), s.m. e Cullètt(e), s.m. Collo, colletto
Cùong(e)_Cùong(e), agg e Cùonz(e)_cùonz(e) agg. Adagio, a passo lento. 2. Mogio, dimesso, avvilito, conciato per le feste. Termine usato per descrivere lo stato di chi ha avuto una sonora lezione – Da ‘concio’ da: ‘ Conciare’ che fig. ed ironicamente vuol dire guastare, trattar male, con il doppio termine rafforzativo) – S’èia r(e)t(e)ràt(e) à la càsa cùong(e)_cùong(e) = E’ rincasato, avvilito, conciato, ridotto in cattive condizioni
Cùonz(e), agg.. Afflitto, mesto, mogio. – Anche: ‘Cùong(e)’
Cùonz(e), s.m. e Cùnz(e), s.m. Salsa. condimento
Cùonz(e)_Cùonz(e), agg e Cùong(e)_cùong(e) agg. Mogio, dimesso, avvilito, conciato per le feste. Termine usato per descrivere lo stato di chi ha avuto una sonora lezione – Da ‘cunzarÌ deverbale del latino ‘ Comptiare’ aggiustare, sistemare, ‘conciare’ – S’èia r(e)t(e)ràt(e) à la càsa cùonz(e)_cùonz(e) = E’ rincasato, avvilito, conciato, ridotto in cattive condizioni. 2. Adagio, a passo lento
Cùopp(e), agg. Cavo, cupo (arc.). agg. –  (Per l’origine del termine vedere: ‘Cùpa’ s.f.) –  Nù piàtt(e) cùopp(e) = Un piatto cupo, concavo. Mìtt(e) àa màn(e) à cùopp(e) cà t'(e) ràch(e) ròi(e) n'(e)cèggh(i)! = Metti la mano a coppa che ti passo un po’ di nocelle. – 2. Cartoccio, involto, arc.
Cùopp(e), s.m. Mestolo, ramaiolo. 2. Cartoccio, foglio di carta ravvolto a forma di cono, in genere per generi alimentari minuti. (Termine arc.) – Ràmm nù cùopp(e) r'(e) fasùl(e) = Dammi un cartoccio di fagioli – Dim.: ‘Cupp(e)tìegghj(i)’ o ‘Cupp(e)cìegghj(i)’ o ‘Cuppìn(e)’. – 2. Cartoccio, involto, arc.
Cùor(e) e Còr(e), s.m. Cuore. 2. Coraggio, ardire, audacia – (Dall’ant. Termine: ‘coraggio’ =  cuore) – N’n tèn(e) còr(e) = Non ha coraggio
Cùor(e)v(e), s.m. Corvo, uccello della famiglia dei Corvidi è simile alla cornacchia, da cui si distingue per la forma del becco
Cùorij(e), s.m. Cuoio, pelle (grossa)
Cùorn(e), s.m. Corno, strumento musicale. 2. Corno. pl.: ‘Cùorn(e) o “Còrn(e)” – Detto anche: ‘còrna’ s.f.
Cùorn(e), s.m. Corno. pl.: “Cùorn(e)”  e femm.;”Còrn(e)” – Detto anche: ‘còrna’ s.f – 2. Corno, strumento musicale
Cùorp(e), s.m. Corpo. In corpo = “(i)Ngùorp(e)”
Cùosc(e)_cùosc(e), agg. e Cùoss(e)_cùoss(e), agg. Mogio_mogio, molto avvilito (Da Cùcc(e)_cùcc(e) > mogio_mogio, avvilito) – Ròpp(e) avè abb(e)sc(e)càt(e) s'(e) r(e)t(e)rà, cùosc(e)_cùosc(e) à là càsa = Dopo averle buscate rincasò mogio mogio a casa sua
Cùoss(e)_cùoss(e), agg. e Cùosc(e)_cùosc(e), agg. Avvilito molto,  mogio_mogio – (Da Cùcc(e)_cùcc(e) > mogio_mogio, avvilito) – Ròpp(e) avè abb(e)sc(e)càt(e) s'(e) r(e)t(e)rà, cùoss(e)_cùoss(e) à là càsa = Dopo averle buscate rincasò mogio mogio a casa sua
Cùott(e) r'(e) sòl(e) Abbronzato
Cùott(e), agg. Cotto
Cùott(e), s.m. Scottatura
Cùov(e)t(e), agg. Colto, raccolto, raggomitolato, rannicchiato. 2. Afflitto, mesto, mogio
Cùov(e)t(e)_Cùov(e)t(e), agg. Afflitto, mesto, mogio. (Da.:”Tutto raccolto in se stesso”, ‘chiotto_chiotto’, con la coda fra le gambe. –  S'(e) n’èia scjùt(e) cùov(e)t(e)_cùov(e)t(e) = E’ andato via mogio mogio.  2. Raccolto in se stesso, accosciato, rannicchiato
Cùozz(e), s.m. Dorso, costola, in genere di oggetto tagliente come un’accetta, un   coltello – P'(e) (i)nghj(i)và là p(e)ndìma ùsa lù cùozz(e) r'(e) l’accètta!  = Per piantare il chiodo usa il dorso dell’accetta!
Cùp(e), agg. Cupo (arc.), cavo, incavato, profondo – Nù piàtt(e) cùp(e) = Un piatto fondo – Molto incavato: ‘Cùp(e)_cùp(e)’ – Per l’origine del termine vedere: ‘Cùpa’ s.f.)
Cup(e)rchiètt(e), s.m. Coperchietto che chiude la valvola di uno pneumatico
Cup(e)rtìn(e), s.m. Cpriletto leggero, estivo
Cup(e)rtòn(e), s.m. Copertone, involucro di protezione della camera d’aria
Cup(e)rtùra, s.f. Copertura, tetto
Cup(e)tàr(e), s.m. Venditore di torrone (Cupèta)
Cùpa, s.f. Strada fra le siepi, callaia. – (Il termine viende dal lat. ‘cupa’ botte, tazza, dal gr.: ‘Kype’ cavità –  (Testimonianza del termine ‘cùpa’ la si trova nel Diz. Etim. Manlio Cortelazzo – UTET-2005 – alla voce: ‘Vicùva’, pag. 465 ove viene nominato, appunto, anche Calitri)
Cupèrta, s.f. Coperta
Cupèrtìn(e), s.f. Copriletto
Cupèta, s.f. Torrone. (Ar.: ‘Qubaita’,’ Kubaba’)  – Il venditore di torrone ‘Cup(e)tàr(e)”
Cupìerchj(i), s.m. Coperchio
Cupp(e)lìn(e), s.m. Coppolini, basco, in genere di panno colore blu scuro, tondo senza visiera con in cima un pippolino della stessa stoffa. 2. Pasta dolce, di piccole dimensioni, a forma emisferica, ricopero di glassa, spolverata infine di “Riav(e)lìegghj(i)”
Cupp(e)lìn(e), s.m. Pasta dolce, di piccole dimensioni, a forma emisferica, ricopero di glassa, a sua volta spolverata di “Riav(e)lìegghj(i)”. 2.Coppolini, basco, in genere di panno colore blu scuro, tondo senza visiera con in cima un pippolino della stessa stoffa
Cupp(e)lòn(e), s.m. Coppolone (reg.), grossa ‘Còpp(e)la’ coppola. Termine usato per lo più per indicare il cappello alla pulcinella, fatto di carta, cartone od altro, che, una volta, serviva come punizione agli scolari
Cuppà, àt(e) Cozzare, percuotere con le corna, incornare – Anche: ‘(i)Ncurnà’
Cuppètta, s.f. Coppètta, piccola coppa. 2. Vasetto di vetro, applicato sulla pelle, ed opportunamente creando un vuoto d’aria mediante la combustione ad es. di alcool, agisce come una ventosa richiamando il sangue in superficie.
Cuppìglia, s.f. e Coppìglia, s.f. Copiglia
Cuppìn(e), s.m. Mestolino
Cuprì, cupìert(e) Coprire, avvolgere, ammantare, celare
Curà, àt(e) Curare – ‘Mètt(e) à cùra’ = Osservare bene. 2. Marinare, provvedere alla conservazione, alla stagionatura od alla trasformazione di un prodotto commestibile, ecc.
Curà, àt(e) Marinare, provvedere alla conservazione, alla stagionatura od alla trasformazione di un prodotto commestibile, ecc.
Cura, s.f. Cura, interessamento, attenzione, premura
Curàgg(e), s.m. Coraggio, ardire – Anche: ‘Còr(e)’
Curàt(e)l(e), s.m. Curatolo, persona che nelle attività delle nostre campagne, per conto di un datore di lavoro aveva una volta mansioni di sorveglianza e si prendeva cura degli animali.
Curd(e)cègghia, s.f. Cordicella, funicella
Curdègghia, s.f. e Zuculègghia, s.f. Cordella
Curdìn(e), s.m. Cordino
Curdòn(e), s.m. Cordone
Curiùs(e), agg. Curioso, indiscreto, ficcanaso
Cùrl(e), s.m. Trottola, piccola, a forma di cono rovescio, con scanalature radiali, incise su tutta la superficie laterale, e il vertice costituito da una punta metallica infissa nello stesso. Il gioco consiste nel far girare la trottola il più possibile, per terra, sulla sua punta di ferro. Per lanciarlo, si arrotola la cordicella sul ‘curlo’, iniziando dalla base vicino alla punta fino alla parte superiore più larga. Tenedo il ‘curlo’ con la mano ed avendo il capo della cordicella tra le dita della mano stessa lo si lancia  velocemente verso terra in modo che, allontanandosi, giri su se stesso per l’effetto angolare della cordicella che lo trattiene, toccando terra con l’angolatura giusta, girando vorticosamente. Il gioco prevede anche un lato di sadismo, concesso al giocatore vincitore, il quale ha la facoltà di rilanciare  il proprio ‘Cùrl(e)’ in modo violento addosso quello del perdente mentre questi lo fa girare, procurandogli dei danni (‘Scugnà’), con la sua punta di ferro.  – (Dall’it.: ‘ciurlo’ -> dal ted. ‘Quirl’ ernese che gira. –  Detto anche: “Strùmm(e)l(e)”.  2. Cantuccio, pezzetto di pane
Cùrl(e), s.m. Cantuccio, tozzetto di pane  – Anche: ‘Tùozz(e)’ tozzo – Ràmm(e) nù cùrl(e) r'(e) pàn(e) = Dammi un tozzo di pane 2. Piccola trottola, in legno, che si fa girare tramite una cordicella (Vedere l’altra voce: ‘Cùrl(e)’)
Curlià, àt(e) Vacillare, traballare, oscillare. – (Da ‘cùrl(e)’ trottola, dall’it.: ‘ciurlare’ tentennare)
Cùrm(e), s.m. Stoppia, fusto (Culmo) reciso delle granacee in genere (Dal gr. ‘kormos’: tronco, ceppo)
Cùrm, agg Colmo, pieno al massimo. Anche: “Accupp(e)liàt(e)”
Curn(e)cìegghj(i), s.m. Cornetto, piccolo amuleto a forma di corno
Curnàcchia, s.f. Cornacchia. (Corvide) (Arc.) ant, fr. “Choue”
Curnàcchia, s.f. Cornacchia. Anche: “Ciòla” (Arc.)
Curnàl(e), s.m. Corniolo, pianta delle Cornacee dal legno molto duro con frutto a drupa rossa, di sapore acidulo
Curnàta, s.f. Cornata
Curnìc(e), s.f. Cornice
Curnùt(e), s.m. e agg. Becco, marito ingannato dalla moglie. Curnùt(e) e mazziàt(e) = Becco e bastonato. 2. Cornuto, fornito di corna.
Curnùt(e), s.m. e agg. Cornuto, fornito di corna. 2. Becco, marito ingannato dalla moglie. Curnùt(e) e mazziàt(e) = Becco e bastonato
Curòna, s.f. e Cròna, s.f. Diadema, corona, rosario, corona funebre
Curquà, àt(e) Coricare, adagiare, disporre orizzontalmente
Curquàt(e), avv. Coricato, sdraiato
Curr(e)fùs(e), agg. Stizzoso, sdegnoso, (Da  ‘Corrivo’, col significato dialettale di stizzoso, collerico – Dal Fr.: Cordux: )
Curr(e)sciàta, s.f. Cinghiata, correggiata
Currèd(e), s.m. arc. e Corrèd(e), s.m. Corredo
Currègg(e), currìett(e) o curr(e)ggiùt(e) arc. Correggere, ristabilire
Currènd(e), agg. Corrente, fluente, sciolto
Currènda, s.f. Corrente
Currèscia, s.f. e Cindùra, s.f. Correggia, cintura, striscia di cuoio, cintura, cintola.  Cinghia,  dal latino “Corrigia”= laccio scarpe – Anche “Cìnghia” e  “Cègna” arc.- In campo agricolo indica anche la cinghia che lega  il timone del carro al giogo. Vedere: “Sciùv(e)”;
Currèscia, s.f. e Cindùra, s.f. Cintura, correggia, striscia di cuolio, cintura, cintola.  Cinghia,  dal latino “corrigia”= laccio scarpe – Anche “Cìnghia” e  “Cègna” – In campo agricolo indica anche la cinghia che lega  il timone del carro al giogo. Vedere: “Sciùv(e)”;
Currìf(e), s.m. Risentimento, rabbia, sdegno, rancore, malanimo. (Da  Corrivo, col significato dialettale di corruccio, stizza, collera – Fr.: Cordux: )
Cùrt(e), agg. Corto. Un po’ corto: Curt(e)lìegghj(i) – Cortissimo: “Cùrt(e)_Cùrt(e)”
Curt(e)gghiùzz(e), s.m. e Curtigghiùzz(e), s.m. Temperino, coltellino
Curtìegghj(i), s. e pl. m. Coltello. – Grosso coltello, usato a volte anche per scannare il maiale: “Scannatùr(e)” s.m. – Coltellino: ‘Curtigghiùzz(e)’ – Sferra, coltello male in arnese: ‘Sf(e)rròn(e)’
Curtigghiàta, s.f. e Curt(e)gghiàta, s.f. Coltellata, pugnalata
Curtìn(e), s.m. Cortino, torrente a nord est di Calitri
Cus(e)tòr(e), s.m. Sarto, in genere per maschi – Anche: ‘Sàrt(e)’
Cus(e)tùra, s.f. Cucitura, rattoppo, imbastitura
Cusc(e)nètt(e), s.m. Cuscinetto
Cusc(e)nziùs(e), agg. Coscenzioso
Cusc(e)tà, àt(e) Incitare, incalzare, costringere a  fare qualcosa in fretta. Dal fr. ‘Coitier’ (Coite = Fretta) – Tù, sì n'(e)n ù cusc(e)tìj(e), quìgghi sòld(e) n'(e)n r’avrài mài! = Tu, se non lo incalzi, quei soldi non li otterrai mai!
Cusciàma, s.f. Gambe, cosce. Termine per in dicare una coppia od in genere una pluralità di gambe belle e procaci, belle. – Nicò, sìm(e) sciùt(e) àa spiàggia, nà cusciàma! = Nicola, siamo andati in spiaggia, quante belle gambe|
Cuscìend(e), agg. e Cùscìent(e), agg. Cosciente
Cuscijènza, s.f. e Cuscijènzia, s.f. Coscienza – N'(e)n tèn(e) pròbbia à cuscijènza = Non ha proprio la coscienza
Cuscìn(e), s.m. Cuscino – Plurale: ‘Cuscìn(e’) o ‘Cuscèn(e)’ – Qiìgghj(i) ròrm(e) à quàtt(e)= cuscèn(e)! = Quello dorme comodo e sicuro! (con quattro cuscini)
Cuscj(e)nziùs(e), agg. Coscienzioso
Cuscjàrs(e), àt(e) e Accusciàrs(e), àt(e) Accoccolarsi, accosciarsi, accovacciarsi, accucciarsi, rannicchiarsi. – Anche “(i)Ngulàrs(e)”
Cuscjàrs, àt(e) Accucciarsi. Per estensione: di persone: rannicchiarsi su se stessi eludendo la compagnia di qlc. Per timore, paura o riservatezza. 2. Sottomettersi alla volontà altrui
Cust(e)mà, àt(e) arc. Costumare, usare, essere di moda
Custà, àt(e) e Stà, stàt(e) Costare, valere, avere un prezzo; pres.: ij(e) cost(e), tu cùost(e), igghj(i) còsta, nùi custàm(e), vùi custàt(e), lor(e) còstan(e). – Quànd(e) stài stà vèsta? = Quanto costa questa veste?
Custàrc(e), àt(e) Ragionarci, considerare, badarci, esserci con la mente. – (Dall’it. e lat.: ‘constare’ essere certo, manifesto, esserci con la mente). – Prìma n'(e)n  gÌàbbaràva ma mò avìssa v(e)rè cùm(e) (i)ng'(e) cùsta! = Prima non ci badava ma adesso dovresti  vedere come considera!  pres.: ij(e) (i)ng'(e) cùst(e), tu (i)ng'(e) cùst(e), igghj(i) (i)ng'(e) cùsta, nùi (i)ng'(e) custàm(e), vùi (i)ng'(e) custàt(e), lor(e) (i)ng'(e) cùstan(e)
Custàt(e), s.m. Costato, torace
Custatà, àt(e) Constatare, accertare, stabilire, riconoscere
Custàta, s.f. Costata, bistecca
Custòr(e), s.m. Custode
Custùs(e), agg. Costoso, caro, dispendioso
Cusùt(e), agg. Cucito, rappezzato, imbastito
Cut(e)là, at(e) e Cut(e)lià, àt(e) Cullare, muovere, scuotere, vacillare, dimenare. (Lat.: ‘excutere’ etimologia: ‘ex_quatere’ scuotere, far vibrare – Dal gr.: ‘cotiule’ coppa > nel senso di “mettere in coppa”, quindi come se dicessimo ‘in_coppare’, per dire ‘scuotere’ (i rami e raccogliere ad es.: olive, ghiande, ecc.)
Cutà, at(e) Concimare con il letame ‘Còta’
Cùta, s.f. arc. e Cùta_cùta, s.f. Gallina, in gergo scherzoso. – O’sc(e) cùta! = Oggi pòllo! (Oggi mangiamo pollo! Era l’espressione di gioia quando la carne si mangiava poche volte l’anno!)
Cùta. . . Cùta. . . s.  e Cùt(e)_cùt(e). . . pl. Gallina… galline… – Espressione per allettare, chiamare a se le galline.
Cutàrra, s.f. Chitarra
Cutògna, s.f. e Cutùgn(e), s.m.  Cotogna, frutto del melo cotogno
Cutòn(e), s.m. e Cuttòn(e), s.m. arc. Cotone – Anche: ‘Vammàcia’ arc.
Cutròmm(e)la, s.f. Frutto, grosso, tondo, quale può esere un’albicocca, una mela o scherzosamente anche un oggetto come una pietra, una bomba, un pugno (Gr.: ‘chrysòmelon’ letteralmente: ‘mela d’oro)
Cutrùgn(e), s.m. Cotogno. Espressioni: fig., fam., cotogno, riferito a persona massiccia, con varie protuberanze muscolose. – O’ vìr(e) quìgghiu criatùr(e, stài(e) cùm(e) nù cutrùgn(e)! = Ehi vedi quella creatura, stà (robusto) come una mela cotogna!
Cuttòn(e), s.m. arc. e Cutòn(e), s.m. Cotone, bambagia, ovatta – Anche: ‘Vammàcia’ arc.
Cutùgn(e), s.m. Cotogno, melo cotogno, pianta ed anche il frutto: cotogna o mela cotogna: ‘Cutògna’ – 2. Scherz.: per pugno, cazzotto. – 3. Espressioni: fig., fam., cotogno, detto anche ‘Cutrùgn(e)’, riferito a persona massiccia, con varie protuberanze muscolose.
Cutùrr(e), s.m. Coturno, scarpone usato una volta per la campagna
Cuvà, àt(e) Covare. – (Dal lat.: ‘cub – àre’ giacere, covare
Cuvàta, s.f. Covata
Cuvatùr(e), s.m. Covatoio, luogo, discreto, appartato, dove una gallina od altri volatili scelgono per per effettuare la cova delle uova. – (der. di ‘cuvà’ covare).
Cuzzà, àt(e) Cozzare, percuotere con le corna
Cuzzà, àt(e) e T(e)zzà, àt(e) Cozzare, urtare, scontrare, sbattere, collidere
Cuzzètt(e), s.m. Occipite, nuca, parte posteriore bassa del teschio (diminutivo di Còzza: in quanto parte di essa ) (Da gr. ‘Kottida’ testa)